Fondazione Dieta & Salute
La miglior prospettiva per la tua salute
La miglior prospettiva per la tua salute
La miglior prospettiva per la tua salute
La miglior prospettiva per la tua salute
Questa pagina è stata tradotta tramite Google Translator

Cowpea, semi verdi, preparati, cotti, drenati

I piselli, quando sono verdi, cotti e drenati, sono commercializzati come un prodotto.

Pittogramma tabelle dei nutrienti

Le pelli di bovino o le impiallacciature prendono il nome dalle macchie caratteristiche e dall'altro colore (spesso nero) che risalta sull'ombelico bianco e che ricorda un occhio. Ricevono anche il nome di mascara o fagiolo . I semi di questa pianta possono essere consumati verdi o a maturità e anche crudi o cotti.

Usi culinari:

poiché i bovini oltre ad essere ricchi di proteine e calorie contengono meno grassi dei semi di soia, sono considerati una preziosa fonte di proteine (vedere la tabella nutrizionale alla fine del testo). 3 Negli Stati Uniti mangiano principalmente essiccati e cotti. In Africa, India e Sud America, la gente preferisce gustarli crudi come verdura.

Oltre alla variante cruda, un'altra alternativa è quella di cucinare i semi verdi e servirli come verdura calda o insalata. Se vuoi prepararti come piatto principale, i cowpeas verdi si combinano molto bene con zucca e mais. La cuoca vegetariana Deborah Madison cita nel suo libro una persona del sud che le cucina nel latte di cocco. 2 Il tempo di cottura approssimativo dei bovini è di 35 minuti. Dopo quel tempo sono teneri, ma mantengono la loro coerenza. 4

Acquisizione: i

bovini freschi sono molto più difficili da ottenere rispetto a quelli secchi. Lo stesso vale per i fagioli verdi cotti. Un'opzione è acquistare semi o piantine e farli crescere a casa.

Conservazione: i

semi freschi di mucca possono essere conservati in frigorifero per una o due settimane. Inoltre, un'altra opzione è quella di scottarli e congelarli. I semi secchi possono essere conservati per un massimo di un anno e, se le condizioni sono ideali, anche più a lungo.

Composizione:

per quanto riguarda i suoi nutrienti, la più rilevante è la percentuale di proteine: quando maturano, aumenta da ca. 4% (grezzo) al 19 o 27% (maturo). La percentuale di grasso che contengono è, al contrario, molto bassa. 5 Per quanto riguarda le vitamine, le principali sono tiamina, riboflavina e niacina . La proteina è relativamente ricca di amminoacidi lisina e triptofano e povera di metionina e cisteina. Inoltre, i semi contengono molto acido folico , il che riduce le possibilità che i bambini nascano con difetti del tubo neurale. 6

Aspetti legati alla salute:

il consumo di cowpeas verdi cotti può essere benefico per la salute, poiché ai fagioli e ai fagioli (come tutte le Faboideae ) vengono attribuite proprietà antidiabetiche, purificanti del sangue, emollienti, diuretiche, stimolanti e macchine tonificanti. 7 Inoltre, si dice che i piselli migliorano la digestione, rafforzano il cuore, aiutano in caso di intossicazione, regolano il diabete e promuovono la circolazione.

D'altra parte, i piselli (come altri legumi) contengono acido fitico e inibitori della proteasi, in modo che il corpo trovi più complicato metabolizzare minerali e proteine e assorbirli. 6 Si ritiene che i bovini verdi contengano meno di queste sostanze antinutritive rispetto a quelle mature. 8

A differenza di quelli originari dell'America, gli africani non sono tossici se consumati crudi!
I fagioli crudi della tribù Phaseoleae, che comunemente chiameremmo fagiolini, sono molto tossici. Il principale ingrediente attivo è la tooalbumina fasica, una lectina. Fasina lega i globuli rossi e stimola la mitosi dei linfociti.

Medicina popolare:

diverse tribù dell'Africa occidentale (Hausa e Yoruba) usano la pianta per scopi curativi e spirituali. 4

Origine:

i cowpeas sono originari dell'Africa. Ovviamente, si sono adattati bene al clima locale, con le loro siccità periodiche e senza gelo. 9 Per lungo tempo, sono coltivati in India, nel sud-est asiatico, in Egitto e nell'area del Mediterraneo. Si ritiene che fu da lì e dopo la scoperta dell'America che le navi spagnole caricate di schiavi le portarono in America e nell'area caraibica. 9 Oggi questi fagioli vengono coltivati nell'area del Mediterraneo e persino in Ungheria, a sud del Sahara, in Sudafrica, in India, in Australia, in Sud America (specialmente in Brasile) e negli Stati Uniti meridionali. In tempi recenti, il cowpea è stato coltivato anche in Europa, ad esempio in Albania e Ungheria. 5

Coltivazione e raccolta:

il cowpea è una pianta annuale. È usato per riscaldare e siccità. Tuttavia, l'umidità nel suolo aumenta la sua produzione e gli agricoltori raccomandano di piantarla prima a casa, a una temperatura di germinazione di 22 gradi. Il periodo di germinazione dura tra sette e dieci giorni. Non è consigliabile piantarli nel gelo ed è importante proteggere le giovani piante dall'appetito delle lumache. 10 Possono raggiungere un'altezza compresa tra 30 e 80 centimetri.

Le piante hanno bisogno di 60 a 90 giorni senza gelo prima di poter essere raccolte. In generale, funzionano bene con altri tipi di fagioli, con carote, cereali, cetrioli, ravanelli e rape, ma è preferibile non piantarli con aglio, cipolle o patate. Se si desidera preparare cotti, si consiglia di prenderli quando i baccelli sono solidi, ma ancora teneri. Questo di solito accade tra 60-70 giorni. 11

Informazioni generali:

I cowpeas sono legumi (Fabaceae). La pianta appartiene alla famiglia delle Faboideae e si trova nel genere Vigna. Il suo nome scientifico è Vigna unguiculata subsp. unguiculata o Vigna sinensis . È correlato ad altre tre sottospecie o gruppi di varietà: Vigna unguiculata subsp. dekindtiana (la forma selvaggia di coltivata), Vigna unguiculata subsp. Cylindrica (catjang) e Vigna unguiculata subsp. sesquipedalis (fagiolo della metropolitana). 12

I bovini si sviluppano anche in condizioni molto secche e in terreni altamente sabbiosi. 6 Tutti i tipi di questa sottospecie hanno un'importante radice principale in grado di ottenere acqua dagli strati più profondi del suolo. 5 Questo li rende un raccolto importante nelle regioni aride o semi-desertiche dove solo una manciata di piante sono in grado di sopravvivere.

I piselli vengono anche usati per nutrire il bestiame. 13 Sicuramente questo uso è l'origine delle denominazioni inglese e tedesca ("cowpea" e "kaubohne", rispettivamente, poiché sia "cow" che "kau" significano cow). Il cowpea ha un'alta capacità di riparare l'azoto. Questo lo rende produttivo non solo nella monocoltura, ma anche nelle colture miste (miglio, mais, manioca, cotone). 14

L'uso della pianta varia a seconda della regione e delle tradizioni. In Africa, India e Sud America, anche le giovani foglie, i baccelli verdi e i fagioli vengono consumati come verdura. Possono essere cotti, saltati, fritti in olio o usati per fare la farina. Nel sud degli Stati Uniti, è stata creata una speciale industria vegetale che offre cibi in scatola quando sono maturi. La sua produzione annuale è di circa 20.000 tonnellate. 5

È stato coltivato in luoghi diversi per lungo tempo. In questo caso dovremmo menzionare l'India, il Sud America, l'Australia e, soprattutto, gli Stati Uniti. UU. L'obiettivo di questi programmi di coltivazione è, tra l'altro, migliorare le fonti proteiche nella popolazione rurale dell'Africa che soffre di carenze nutrizionali.

Altri nomi comuni noti sono: faccia, fagiolo, fagiolo o pisello. Universalmente, il nome più usato è l'inglese "cowpea" (dal quale, leggi foneticamente, otteniamo il nome spagnolo "cowpea"). 5,15

fonti:

  1. heimbiotop.de vigna
  2. Madison D. Alfabetizzazione vegetale: cucina e giardinaggio con dodici famiglie del regno delle piante commestibili, con oltre 300 ricette deliziosamente semplici. Berkeley: Ten Speed Press; 2013: 343
  3. hort.purdue.edu/newcrop/afcm/cowpea
  4. www.charlotteobserver.com/living/food-drink/article87717307
  5. bibd.uni-giessen.de kuhbohne
  6. Inglese Wikipedia Cowpea
  7. Delaveau P. et al. Geheimnisse und Heilkräfte der Pflanzen. Stoccarda: Das Beste GmbH; 1978: 311.
  8. spektrum.de/lexikon/ernaehrung antinutritive Substanzen
  9. Brücher H. Tropische Nutzpflanzen. Berlino-Heidelberg-NewYork: Springer; 1977: 208.
  10. chilifee.de Schwarzaugenbohne
  11. harvesttotable.com how_to_grow_southern_peas
  12. Richard L. Fery. Nuove opportunità a Vigna. In: Janick J., Whipkey A. Tendenze in nuove colture e nuovi usi. Alexandria, VA: ASHS Press; 2002: 424-428.
  13. Introduzione a Quin FM. In Singh BB et al. Progressi nella ricerca Cowpea. Ibadan, Nigeria: International Institute of Tropical Agriculture e Japan International Research Center for Agricultural Sciences; 1997
  14. Blade SF, Shetty SVR, Terao T., Singh, BB Recenti sviluppi nella ricerca sui sistemi di raccolta dei bovini. In Singh, BB et al. Progressi nella ricerca Cowpea. Ibadan, Nigeria: International Institute of Tropical Agriculture e Japan International Research Center for Agricultural Sciences; 1997
  15. Wikipedia in tedesco: A ugenbohne