Fondazione Dieta & Salute

La miglior prospettiva per la tua salute

La miglior prospettiva per la tua salute

La miglior prospettiva per la tua salute

La miglior prospettiva per la tua salute

Questa pagina è stata tradotta tramite Google Translator

Riboflavina (vitamina B2)

La riboflavina è una vitamina B. solubile in acqua, resistente al calore e sensibile alla luce. Partecipa a numerosi processi metabolici in diversi enzimi.
Commenti Stampa

La riboflavina , nota anche come vitamina B 2 , appartiene al gruppo delle vitamine B. La riboflavina è solubile, sebbene non così tanto, in acqua. D'altra parte, questa vitamina è un precursore del flavinmononucleotide (FMN) e del flavindeninucleotide (FAD), due coenzimi che svolgono un ruolo fondamentale in vari processi metabolici. Inoltre, la vitamina B 2 è anche vitale per lo sviluppo embrionale, il corretto funzionamento del sistema immunitario e la protezione delle cellule nervose.

origine:
La riboflavina può essere ottenuta dalla dieta separatamente o legata alle proteine. Alcune fonti vegetali di vitamina B 2 sono lievito, noci, funghi, semi oleosi, legumi e cereali integrali. 1 Tra gli alimenti più ricchi di vitamina B 2 troviamo lievito alimentare (4,00 mg / 100 g), prezzemolo essiccato (2,38), boletus edulis essiccato (1,81), mandorle (1,14), grano germogliato (0,49), quinoa (0,38), miglio (0,29), fagioli (0,24), lenticchie (0,21), spinaci (0,19), Semi di Chia (0,17), semi di lino (0,16) e avocado (0,13). 2

Conservazione e perdite durante la cottura:
Quando lo strato esterno di cereali viene rimosso per macinarli e ottenere farina bianca, la riboflavina viene persa, poiché è in questo guscio. Tuttavia, durante la germinazione dei cereali, aumenta la quantità di riboflavina, quindi utilizzare cereali germogliati come fonte di questa vitamina è un'opzione interessante. 4 La riboflavina è sensibile alla luce e all'ossigeno, ma abbastanza resistente al calore. Per evitare perdite di riboflavina, si consiglia di conservare gli alimenti in un contenitore ermetico e in un luogo buio.

Assorbimento e metabolismo:
L'assorbimento della riboflavina avviene nella parte superiore dell'intestino tenue grazie a un meccanismo di trasporto attivo. 5 Questo assorbimento è soggetto a cinetica di saturazione, sebbene la diffusione passiva possa verificarsi anche ad alte concentrazioni. Il trasporto attraverso il sangue viene effettuato insieme alle proteine. Quindi, nelle cellule del corpo, si verifica un legame con le flavoproteine (flavoenzimi). 6

Stoccaggio, consumo e perdite:
La capacità di conservazione della riboflavina dipende interamente dalle proteine che sono già in riserva. La capacità di riserva di questa vitamina varia tra le due e le sei settimane, ma è inferiore in caso di carenze. 5 All'interno del corpo umano, i muscoli del fegato, dei reni e del cuore contengono i livelli più alti di riboflavina 1 , sebbene si possano trovare quantità significative nei muscoli e nelle lenti del cristallino.
Nel sangue, riboflavina libera, FMN e FAD sono legati all'albumina e alle proteine. L'escrezione di vitamina B2 si verifica principalmente attraverso le urine. 4

Importo giornaliero necessario a lungo termine:
La quantità di riboflavina necessaria dipende dall'energia consumata. Pertanto, si consiglia di ingerire 1,4 milligrammi al giorno per gli uomini e 1,2 milligrammi al giorno per le donne. Tuttavia, la quantità di vitamina di cui il corpo ha bisogno aumenta con lo stress, il lavoro fisico e l'esercizio fisico. Da parte loro, le donne in gravidanza dovrebbero consumare 1,5 milligrammi al giorno e quelle che allattano al seno, 1.6.

Sintomi da carenza e cause:
Le carenze di riboflavina sono spesso accompagnate da altre carenze di vitamina B. 7 All'inizio, piccole crepe iniziano ad apparire agli angoli della bocca ( cheilite angolare ) e una sorta di squame unte e dolorose che causano prurito a coloro che ne soffrono ( dermatite seborroica ). Il prossimo è l' anemia e l'opacità del cristallino. 4, 6, 7
Tra le cause di queste carenze possiamo trovare un'alimentazione inadeguata, problemi di assorbimento, alcolismo, malattie croniche e consumo di farmaci (contraccettivi, antidepressivi). 4, 7

Consumo eccessivo:
Non sono noti effetti tossici per il consumo eccessivo di riboflavina, poiché il corpo limita la quantità che viene assorbita nell'intestino tenue. Inoltre, il corpo umano ha una serie di meccanismi protettivi che impediscono l'accumulo di grandi quantità nei tessuti. 4

struttura:
La riboflavina è composta da un sistema di anelli azotati triciclici con una catena laterale C5 in cui l'ultimo gruppo ossidrilico può essere esterificato con acido fosforico.

Contiene un cromoforo giallo (flavina) e tracce di ribitolo (adonitolo). Nella FMN, la riboflavina può essere esterificata con una molecola di acido fosforico . Nella FAD, la riboflavina è legata a due molecole di acido fosforico, una di ribosio e una di adenina .

bibliografia

  1. Leitzmann C. & Keller M. Vegetarische Ernährung (editoriale Eugen Ulmer, Stoccarda, 3a edizione, 2013).
  2. Dipartimento di Agricoltura degli Stati Uniti.
  3. De Groot H. & Farhadi J. Ernährungswissenschaft (editoriale Europa-Lehrmittel, Haan-Gruiten, 6a edizione 2015).
  4. Elmadfa I. & Leitzmann C. Ernährung des Menschen (casa editrice Eugen Ulmer, Stuttgart, 5a edizione, 2015).
  5. Biesalski HK & Grimm P. Taschenatlas der Ernährung (editoriale di Georg Thieme, Stoccarda e New York, 6a edizione, 2015).
  6. Elmadfa I. & Meyer A. Ernährungslehre (editoriale Eugen Ulmer, Stoccarda, 3a edizione, 2015).
  7. Zimmermann M., Schurgast H. & Burgerstein UP Burgersteins Handbuch Nährstoffe (editoriale di Karl F. Haug, Heidelberg, nona edizione, 2000).
  8. Wikipedia ( funzioni )


Commenta (come ospite) oppure accedi
Commenti Stampa