Fondazione Dieta & Salute
Fondazione
Dieta & Salute
Svizzera
QR Code
La miglior prospettiva per la tua salute
Questa pagina è stata tradotta tramite Google Translator

Semi di lino

I semi di lino includono la più alta concentrazione di acidi grassi Omega-3 a causa del loro contenuto di acido alfa-linolenico, un acido grasso polinsaturo ome
Abbiamo completato le composizioni degli ingredienti del database del Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti. UU.
7,0%
Acqua
32
Macronutrient carbohydrates 32.33%
/20
Macronutrient proteins 20.47%
/47
Macronutrient fats 47.2%
Ω-6 (LA, 5.9g)
Acidi grassi Omega-6 come l'acido linolenico (LA)
 : Ω-3 (ALA, 22.8g)
Acidi grassi Omega-3 come l'acido alfa-linolenico (ALA)
 = 1:4

Il rapporto tra acidi grassi omega-6 e omega-3 non deve superare 5: 1. Link al testo esplicativo.

Here, essential linolenic acid (LA) 5.9 g to essential alpha-linolenic acid (ALA) 22.81 g = 0.26:1.
Ratio Total omega-6 = 5.91 g to omega-3 fatty acids Total = 22.81 g = 0.26:1.
On average, we need about 2 g of LA and ALA per day from which a healthy body also produces EPA and DHA, etc.

Pittogramma tabelle dei nutrienti

Il seme di lino è il seme della pianta Linum usitatissimum (lino). È usato per il consumo umano, ad esempio nelle infusioni o per preparare il gofio. L'olio di semi di lino viene estratto dal seme, che è ricco di acidi grassi serie Omega 3, Omega 6 e Omega 9. Questo olio viene utilizzato anche nell'industria cosmetica, nella produzione di linoleum e nella diluizione per pittura su tessuto. I semi di lino hanno interessanti proprietà nutritive e effetti potenzialmente benefici sulla salute. Queste proprietà sono dovute alla sua composizione chimica, come la grande quantità di fibre alimentari, acidi grassi polinsaturi e sostanze fitochimiche come i lignani.

Ingredienti importanti:

I semi di lino contengono, oltre agli acidi grassi sani, “altre importanti sostanze come mucillagine, linamarina, proteine, lecitina, steroli, plastocromanolo, vitamine del gruppo B1, B2, B6 ed E, nonché niacina, acido folico e acido pantotenico * ».

Utilizzare in medicina:

«L'olio di semi di lino è usato in medicina come lassativo leggero, grazie al suo contenuto di acido linoleico. A tale scopo, i semi schiacciati vengono macinati e trasformati in farina. Prima del consumo, la farina deve essere immersa in acqua. A contatto con l'acqua, il guscio di semi di lino sviluppa una bava che, se ingerita, stimola i recettori situati nelle pareti intestinali che si espandono e generano l'escrezione come riflesso.

La melma di semi di lino può essere presa per proteggere la mucosa gastrica in caso di gastrite. Ci sono studi che dimostrano che la bava di semi di lino può aiutare a prevenire l'insorgenza del cancro alla prostata.

I semi di lino contengono glicosidi cianogeni (linustatina e neolinustatina). Quando metabolizzati rilasciano circa 50 mg di acido cianidrico per 100 g di semi. Tuttavia, il suo basso contenuto di acqua, il pH acido dello stomaco e la rottura della rodasi impediscono l'avvelenamento in una normale assunzione. Inoltre, i processi di cottura, bollitura o frittura distruggono i glicosidi.

I semi di lino non trattati di solito attraversano il nostro sistema digestivo senza alcuna alterazione. Per questo motivo, l'assorbimento di alcuni ingredienti come linustatina, cadmio, acido linoleico e acido linolenico viene perso.

La polvere di semi di lino viene utilizzata sotto forma di impiastro come rimedio emolliente e analgesico per il trattamento della colica biliare e di altre malattie. Il lignan solubile in acqua che contiene pane ai semi di lino ha effetti antiossidanti e viene utilizzato per il trattamento del carcinoma mammario * ».

utilizzare:

«Il seme di lino viene utilizzato come ingrediente per la produzione di prodotti da forno e cereali. Grandi quantità vengono trasformate in olio di semi di lino, che viene utilizzato come olio da cucina di alta qualità, come agente terapeutico e soprattutto in applicazioni tecniche. L'alimentazione dei semi di lino viene utilizzata come mangime per bestiame o come fertilizzante * ».

origine:

«I più antichi reperti archeologici di semi di lino provengono dal sito di Ali Kosh in Iran (7.500 - 6.700 a.C.) e da Çayönü, nella Turchia sud-orientale (7000 a.C.). Nella zona di Tell Ramad in Siria, sono stati trovati strati di semi di lino seminati che vanno da 6.200 a 6.100 a. C. con una dimensione più vicina a quella del lino comune. Altri siti si trovano vicino alla sorgente del fiume Tigri, ai piedi dei Monti Zagros. Nell'antico villaggio greco di Sesklo, situato nel Peloponneso, sono stati trovati reperti del 5.500 a.C. C., e in Bulgaria dal 4 800 a. C. e 4 600 a. C. Studi genetici hanno dimostrato che il lino comune è il risultato dell'adattamento del lino selvatico alla vita domestica * ».

Nota: * = traduzione dell'articolo di Wikipedia in tedesco.

Commenti