Fondazione Dieta & Salute
Fondazione
Dieta & Salute
Svizzera
La miglior prospettiva per la tua salute
Questa pagina è stata tradotta tramite Google Translator

Menta fresca

Le foglie di menta fresca o come condimento sono molto meglio di quelle essiccate. Oli essenziali come il mentolo hanno un effetto positivo non molto intenso.

Pittogramma tabelle dei nutrienti

Studi clinici hanno dimostrato che le foglie di menta stimolano la produzione di bile, riducono i gas intestinali e hanno un effetto antispasmodico sui muscoli dell'apparato digerente. L'olio di menta piperita ha anche effetti antibatterici. Il mentolo può agire come calmante e refrigerante. Tuttavia, l'efficacia è debole e il tè, ad esempio, ha una maggiore quantità di oli essenziali. I principi attivi più importanti sono oli essenziali, tannini e flavonoidi.

Gastronomia:

«Le foglie contengono olio essenziale di menta piperita e vengono consumate come infuso o come spezia. Il composto principale è il mentolo, che si trova in quantità maggiori nelle foglie più vecchie. Il primo raccolto dell'anno ha luogo poco dopo la fioritura (tra giugno e agosto) ed è il luogo in cui si ottengono le foglie della più alta qualità. Il secondo raccolto è più piccolo e si svolge in autunno. Nei fruttivendoli le foglie possono essere fresche, anche se nei supermercati si trovano di solito secche sotto forma di menta candita. Inoltre, per estrarre l'olio essenziale di menta piperita sono necessarie grandi quantità di menta piperita. Questo è usato come aroma e esaltatore di sapidità * ».

Medicina:

- Principi attivi

Dall'articolo di Wikipedia in spagnolo: «Olio essenziale: mentolo, neomentolo, isomentolo, neoisomentolo, piperitoli, piperitenolo, isopiperitenolo.
Monoterpenoni: mento (20 30%), isomentone, neomentone, neoisomentone, piperitone, piperitonone, isopiperitonone, pulegon.
Alcoli non terpenici
Flavonoidi con agliconi lipofili o metilati: diosmoside, diosmetoside, eriocitoside, luteololo 7 rutósido, Hesperidósido. Resina.
Acidi fenil carbossilici: rosmarinici, clorogenici e caffè.
Triterpeni: acidi ursolici e oleanolici.

L'olio essenziale e i flavonoidi esercitano effetti analgesici antiflatulanti, antiemetici, spasmolitici, antipruritici, coleretici, collagogo e mucosali. Nell'applicazione topica, l'olio essenziale blocca i canali del calcio, rilassando i muscoli, quindi allevia il mal di testa se applicato alle tempie. I tannini sono forti astringenti. Nella medicina tradizionale, viene utilizzato come infusione per disturbi digestivi o epatici, poiché aiuta la digestione, come antiemetico e stimolante e come antispasmodico nel caso di dolori muscolari o crampi sistemici. L'olio ha vari usi: viene applicato localmente nelle narici per alleviare la sinusite, nelle tempie per il mal di testa, nel torace o nelle inalazioni per tosse o forti raffreddori, topicamente per alleviare il dolore causato dalle cavità , in compresse per punture di insetti o altre irritazioni cutanee.

- Controindicazioni

La sensibilità al mentolo non è rara e se viene infusa e l'olio di menta piperita può causare insonnia, irritabilità e broncospasmo.
L'olio essenziale non deve essere somministrato a bambini di età inferiore a 2 anni o durante l'allattamento o la gravidanza.

Nota: * = traduzione dell'articolo di Wikipedia in tedesco.

Commenti