Fondazione Dieta & Salute
Fondazione
Dieta & Salute
Svizzera
La miglior prospettiva per la tua salute
Questa pagina è stata tradotta tramite Google Translator

Vitamina C (acido ascorbico)

La vitamina C è solubile in acqua e un importante antiossidante. Si trova in frutta e verdura e svolge molteplici funzioni nel sistema immunitario.
CLICK FOR: Ingredients with the highest values

La vitamina C , nota anche come acido ascorbico, è solubile in acqua. L'acido ascorbico si ossida facilmente e agisce quindi come agente riducente e antiossidante (scavenger di radicali).

origine:
L'acido ascorbico è diffuso in natura e frutta e verdura sono le fonti più importanti di questa vitamina. Ad esempio, possiamo trovare concentrazioni particolarmente elevate di rosa canina (1250 mg / 100 g), bacche di biancospino (450), ribes nero (177), prezzemolo (159), pepe (120), germogli Bruxelles (112), broccoli (115), cavolo (105), finocchio (93), cavolfiore (69), fragole (62), limoni (53) e kiwi (46). 6

Conservazione e perdite durante la cottura:
La vitamina C è stabile negli alimenti acidi come alcuni frutti, ma è anche molto sensibile al calore e all'ossidazione. Se il cibo in questione viene riscaldato troppo a lungo, la vitamina diventa parte dell'acqua di cottura. Molte varietà di verdure contengono acido ascorbico ossidasi , un enzima che viene a contatto con la vitamina quando la verdura viene tagliata e ossidata. Questo enzima è responsabile per i cibi crudi che devono essere consumati immediatamente dopo averli tagliati, prima che venga persa la vitamina C. Un modo per evitarlo è scottare la verdura subito dopo e completamente, in modo che gli enzimi vengano disattivati. strato esterno e quindi prevenire una grande perdita di vitamina. Più il cibo è disattivato, compatto e acido, e l'ambiente è freddo e umido, meno vitamina C perderemo. 3

Assorbimento e metabolismo:
L'assorbimento della vitamina C inizia nella mucosa della bocca e si verifica principalmente nella parte superiore dell'intestino tenue. 3 Maggiore è la quantità, minore è la percentuale di assorbimento. Ad esempio, se ingeriamo 180 milligrammi al giorno, il corpo assorbirà tra l'80 e il 90%. Tuttavia, se l'assunzione è di 3000 milligrammi, la percentuale scenderà al 40%.
Va notato che, mentre la maggior parte dei primati sono in grado di sintetizzare la vitamina C da soli, gli umani, le scimmie e le cavie hanno perso questa capacità a causa di una mutazione genetica, quindi dipendono sempre da un fonte di approvvigionamento esterna.

Stoccaggio, consumo e perdite:
In generale, l'acido ascorbico è libero nel plasma, ma un quarto è legato alle proteine. Inoltre, il corpo non può immagazzinare grandi quantità contemporaneamente e rimuove l'eccesso di acido ascorbico attraverso i reni.

Importo giornaliero necessario a lungo termine:
Gli adulti hanno bisogno di una quantità giornaliera di 100 milligrammi, donne in gravidanza di 110 milligrammi e neonati e fumatori di 150 milligrammi. Altri fattori che possono aumentare la quantità necessaria sono lo stress (fisico e psichico), il sovrappeso, l'alcol e le medicine (antibiotici), il diabete e le infezioni.

Sintomi da carenza e cause:
I sintomi di una carenza di vitamina C sono debolezza generalizzata, affaticamento, letargia, problemi di guarigione, sanguinamento delle gengive, piccole macchie rosse sotto la superficie della pelle e una maggiore propensione a soffrire di un'infezione. 4 Quando l'assenza di vitamina C è totale, è noto come scorbuto. Nei secoli passati lo scorbuto era un problema comune nelle lunghe gite in mare. I primi sintomi sono sanguinamento della mucosa e dolore muscolare. Queste carenze sono piuttosto rare nei paesi sviluppati, sebbene possano verificarsi negli anziani a causa di una dieta o di un trattamento squilibrati.

Consumo eccessivo:
Se tale consumo si verifica attraverso il cibo, non è necessario preoccuparsi perché quando la quantità supera il grammo al giorno, le percentuali di ossalato e acido urico nelle urine aumentano. Tuttavia, poiché una parte dell'acido ascorbico viene convertita in calcoli di ossalato, queste persone avranno un rischio maggiore di calcoli renali.

funzioni:
L'acido ascorbico o la vitamina C ha due compiti principali:
-Captar radicali liberi
-È responsabile insieme all'acido deidroascorbico (DHA) per la reazione di riduzione-ossidazione.

  • L'acido ascorbico protegge le particelle di acido folico, vitamina E e LDL nel sangue dall'ossidazione e trasforma il rame in modo che gli enzimi possano usarlo (ad esempio, nella superossido dismutasi, un antiossidante).
  • La vitamina C favorisce l'assorbimento del ferro dalle verdure, poiché trasforma il ferro trivalente in ferro bivalente nello stomaco. 2, 5
  • Inoltre, inibisce la formazione di nitrosammine, composti cancerogeni che si formano nello stomaco da nitriti e ammine.
  • Evita anche la glicosilazione proteica, qualcosa di molto rilevante nella diagnosi del diabete melitus a lungo termine.
  • D'altra parte, la vitamina C è coinvolta nella biosintesi del collagene e nella sintesi di carnitina (riduzione del grasso corporeo), acidi biliari (degradazione del colesterolo) e citocromo P450 (disintossicazione del fegato). 3
  • Ha anche un ruolo molto importante nella produzione e nella regolazione degli ormoni dello stress (adrenalina, noradrenalina, cortisolo). 2

struttura:
La vitamina C si presenta sotto forma di acido ascorbico, ma anche nella sua forma ossidata, acido deidroascorbico. Il corpo può riconvertire la forma ossidata in acido ascorbico con l'aiuto del glutatione. L'acido ascorbico è un acido organico e il suo sale è noto come ascorbato di sodio.

bibliografia:

  1. Elmadfa Ibrahim e Leitzmann Claus: Ernährung des Menschen; 5a edizione (2015); Redazione Eugen Ulmer, Stoccarda.
  2. Da Groot Hilka e Farhadi Jutta: Ernährungswissenschaft; 6a edizione (2015); Editoriale Europa-Lehrmittel, Haan-Gruiten.
  3. Biesalksi Hans Konrad e Peter Grimm: Tashenatlas der Ernährung; 6a edizione (2015); Casa editrice Georg Thieme, Stoccarda e New York.
  4. Kapsper Heinrich e Burghardt Walter: Ernährungsmedizin und Diätetik; 11a edizione (2009); editoriale Elsevier GmbH, Urban & Fischer, München.
  5. Zimmermann Michael, Schurgast Hugo, Burgerstein Uli P.: Burgersteins Hnadbuch Nährstoffe, nona edizione (2000); Editoriale di Karl F. Haug, Heidelberg.
  6. Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti. Informazioni nutrizionali sugli alimenti.

Commenti