Fondazione Dieta & Salute
Fondazione
Dieta & Salute
Svizzera
La miglior prospettiva per la tua salute
Questa pagina è stata tradotta tramite Google Translator

Scorza di limone candita

La scorza di limone candita è un prodotto ricco di zucchero che viene utilizzato in cottura o come accompagnamento ad alcuni piatti.

Pittogramma tabelle dei nutrienti

La scorza di limone candita ( scorza di limone glassata o cristallizzata ) è ottenuta dalla buccia del cedro, chiamata anche limone di riconciliazione o limone francese ( Citrus medica ). A seconda del grado di maturazione del frutto, il colore esterno può essere verde o giallo. La scorza di limone glassata è agrodolce e ha un sapore un po 'amaro, quindi è perfetta per aromatizzare i dolci (pane alla frutta) o come ingrediente in muesli o yogurt. Nonostante sia un po 'acido, non va dimenticato che di solito contiene più del 65% di zucchero. La scorza di limone candita può essere preparata a casa o sostituita con frutta disidratata al forno come le date.

Usi culinari: la

buccia di limone o cedro viene utilizzata, tra le altre cose, per aromatizzare nei dolci: pane alla frutta, biscotti, ecc. Inoltre, è anche un ingrediente di muesli e yogurt, anche se in tal caso è meglio usare frutta fresca, poiché ha un valore nutrizionale più elevato. La buccia di limone o la scorza di agrumi candita viene anche utilizzata per fare ripieni di praline o cioccolato.

Tritalo senza attaccarlo: congelalo in un sacchetto e poi tritalo. Quando lo tritiamo con un coltello, posizioniamo la farina o qualsiasi altro ingrediente assorbente sul tavolo, purché faccia anche parte della ricetta. Questo impedisce alla buccia di limone candita di attaccarsi.

Un'altra opzione: se non si desidera ricorrere al prodotto commerciale o non lo si ha a portata di mano, è possibile utilizzare qualsiasi altra frutta che può essere essiccata in forno o utilizzare fichi secchi, che sono anche molto ricchi di fruttosio e forniscono la dolcezza aromatica desiderata. Se vuoi solo aggiungere un tocco al piatto, aggiungi un po 'di scorza di limone biologica grattugiata.

Acquisizione:

la scorza di limone o la scorza di agrumi candita è disponibile in diverse qualità ed è commercializzata con nomi diversi. Dal momento che non è altro che scorza di agrumi candita, consigliamo di acquistare agrumi da colture biologiche per ottenere la migliore materia prima. Questi possono essere trovati in supermercati ben forniti o su Internet. Puoi anche usare la scorza d'arancia candita (arancini). A differenza della scorza di limone, ha un aroma di arancia, ma praticamente la stessa composizione e gli stessi usi.

Fatti in casa:

elementi necessari: la buccia di un limone non trattato, zucchero o miele a scelta e un contenitore ermetico. Preparazione tradizionale con zucchero: pulire la buccia, rimuovere le imperfezioni e tagliarla nella misura desiderata (pezzetti). Coprire con acqua, portare a ebollizione e scolare. Ripetere questa procedura una o due volte in più per rimuovere parte delle sostanze amare.
Quindi, pesa la buccia e, con la stessa quantità di zucchero, cuocila con un po 'd'acqua a fuoco molto basso per un'ora, fino a quando la buccia diventa traslucida. Quindi rimuovere dal fuoco e lasciare asciugare la buccia su una griglia coperta con carta da forno. Questo processo, che di solito richiede diversi giorni, può essere accelerato se il limone viene disidratato nel forno a una temperatura molto bassa. Dopo l'essiccazione, conservare la scorza di limone candita in una ciotola di vetro filettato e refrigerare se necessario. 1.2

Con miele: per questa variante hai bisogno di miele o di un dolcificante vegetale come lo sciroppo d'agave o lo sciroppo di mele al posto dello zucchero. Inoltre, non è necessario cucinare. Dopo aver pulito la scorza di limone, tagliala a cubetti e mettila in un contenitore adatto insieme al dolcificante. Lascia riposare la frutta coperta nel liquido dolce per giorni o settimane in un luogo fresco (frigorifero, cantina). 2

Osservazioni: non hai bisogno di limoni o sidro extra. Inoltre, puoi fare lo stesso con l'arancia e preparare la buccia d'arancia candita.

Accumula buccia di limone / arancia: se vuoi usare la buccia di limoni o arance che hai usato in altre ricette, raccoglili mentre li usi e conservali in un contenitore ermetico nel frigorifero fino a quando non ne hai abbastanza.

Conservazione: a

causa della sua solubilità in acqua, la buccia di limone candita deve essere conservata in un contenitore chiuso e scuro. Quando è aperto, la frutta candita si indurisce rapidamente. Tuttavia, in generale è conservato in perfette condizioni, a causa dell'alta percentuale di zucchero che contiene e della sua scarsa attività acquatica . La buccia di cedro candita e disidratata viene conservata in perfette condizioni tra quattro mesi e due anni, a seconda del produttore.

Composizione:

la buccia di limone o il cedro disidratato contengono una percentuale minima di zucchero del 65% a causa del processo di fabbricazione. Inoltre, i prodotti industriali contengono spesso tracce di sale o anidride solforosa (conservante). Allo stesso modo, alcuni processi usano anche acido citrico (E 330). 3

Pericoli / Intolleranze:

A causa dell'elevato contenuto di zucchero, per lo più (> 60%) di saccarosio, non è consigliabile consumarlo in quantità.

Un consumo eccessivo di zucchero è associato a numerose malattie e può causare complicazioni gravi e persino fatali. Tra questi troviamo l'obesità, la sindrome metabolica o il diabete di tipo 2. 4

Informazioni generali:

Dall'articolo di Wikipedia : Citrus medica, comunemente chiamato cedro o cedro, è un arbusto della famiglia delle rutinaceae coltivate per il suo frutto, chiamato cedro, poncil limone, limone francese o pompelmo (anche se quest'ultimo termine si presta a confusione con il pompelmo), che viene raramente consumato fresco, ma la cui buccia viene utilizzata nelle preparazioni di pasticceria e come agente aromatizzante a causa del suo forte contenuto di oli essenziali. Fu probabilmente il primo agrume conosciuto in Europa, documentato fin dai tempi dell'Impero Romano e precisamente dall'etica latina l'agrume deriva il suo nome. 5

Produzione industriale:

dopo un'attenta selezione, i frutti vengono lavati, i semi vengono rimossi e sbucciati o scottati. Il confit è fatto in autoclavi preparate per esso, anche se nel caso delle ciliegie c'è anche un processo in cui vengono utilizzati contenitori mobili. Solo la frutta fresca molto sensibile, come le fragole, è confit secondo il metodo tradizionale.

I frutti vengono posti in contenitori con diversa concentrazione di zucchero, aumentando. La necessità di trovare un equilibrio tra la concentrazione di zucchero e il fluido cellulare (osmosi) fa sì che i frutti assorbano sempre più zucchero, mantenendo la sua forma esterna. In confit per i diabetici, questo stesso processo può essere eseguito con fruttosio. Infine, i frutti canditi vengono introdotti in una macchina per la smaltatura, dove ricevono un sottile strato esterno di smalto che impedisce ai frutti di aderire. 6

fonti:

  1. Chefkoch. Udebues Orangeat und Zitronat [Internet]. Citato il 03.20.2018. Disponibile su: chefkoch.de/rezepte/ 1984621321801456 / Udebues-Orangeat-und-Zitronat
  2. Smarticular. Zitrusschalen zu Zitronat und Orangeat verarbeiten statt wegwerfen [Internet]. Citato il 03.20.2018. Disponibile su: smarticular.net/zitronat-orangeat-selbermachen-rezepte/
  3. Wikipedia. Zitronat [Internet]. Versione del 18.11.2017 [citato il 03.20.2018]. Disponibile su: de.wikipedia.org/wiki/Zitronat
  4. Pharmawiki. Saccarosio [Internet]. Versione del 10.08.2015 [citato il 03.20.2018]. Disponibile su: pharmawiki.ch/wiki/index.php?wiki=Saccarosio
  5. Wikipedia. Cidra [Internet]. Versione del 14/04/2018 [Citata il 13/06/2018]. Disponibile su: en.wikipedia.org/wiki/Citrus_medica
  6. BDSI. Kandierte Früchte [Internet]. Citato il 03.20.2018. Disponibile su: bdsi.de/warenkunde/bonbons-und-zuckerwaren/kandierte-fruechte/