Fondazione Dieta & Salute
La miglior prospettiva per la tua salute
La miglior prospettiva per la tua salute
La miglior prospettiva per la tua salute
La miglior prospettiva per la tua salute
Questa pagina è stata tradotta tramite Google Translator

Insalata di cavolo crudo e vegano

Questa insalata cruda e dolce di cavolo, barbabietola e melograno è accompagnata da una salsa all'arancia e alla curcuma.

vegan crudo

25min facile  
  Acqua 72,6%  65/14/21  LA (12.2g) 17:1 (0.7g) ALA


Ingredienti (for servings, )

Para la ensalada
4 fogliameCavolo riccio, crudo (104 g)
250 gBarbabietola, cruda
1 Melograno, crudo (282 g)
100 gSemi di girasole essiccati
Para el aliño
1 Arancia grezza, senza peluria (131 g)
200 mlAcqua potabile (200 g)
3 È cucchiai.Semi di senape, gialli (30 g)
1 Cucchiai.Aceto di mele (15 g)
2 tsps.Curcuma in polvere (6 g)
1 pizzicareSale da tavola (0,4 g)
4 Date, varietà Medjool, senza osso (96 g)

Utensili da cucina

  • frullatore di vetro or miscelatore manuale
  • spremiagrumi
  • pelapatate

Type of preparation

  • tritare o macinare
  • piatto freddo
  • mescolare
  • stampa
  • buccia

Preparation

  1. Per l'insalata
    Lavare il cavolo, rimuovere lo stelo e dividerlo in piccoli pezzi. Sbucciare la barbabietola e tagliarla a dadini. Estrarre i semi di melograno.

    Il più semplice è farlo in una ciotola piena d'acqua. Vedi la sezione "Suggerimenti"

  2. Metti il cavolo, il melograno e la barbabietola insieme ai semi di girasole in una ciotola capiente e mescola bene tutti gli ingredienti.

  3. Per il condimento
    Spremi le arance. Aggiungi il succo al resto degli ingredienti di condimento e schiacciali fino a quando il composto è omogeneo.

  4. Decorare e servire
    Versare la salsa sopra l'insalata e decorare a piacere con noci o semi.

Note relative alla ricetta

Questa insalata cruda e dolce di cavolo, barbabietola e melograno è accompagnata da una salsa all'arancia e alla curcuma. A seconda delle dimensioni delle porzioni, può essere antipasto o contorno .

Profilo nutrizionale: questa ricetta si distingue soprattutto per la percentuale di vitamina K che contiene. La vitamina K svolge un ruolo fondamentale nella coagulazione del sangue e nel metabolismo osseo. Se prendiamo come riferimento le quantità di indicazioni giornaliere, una razione di questa ricetta raddoppia le esigenze di rame e acido folico e supera quelle di vitamina E, vitamina C, triptofano e manganese. Il rapporto tra acidi grassi omega-6 e omega-3 è 17: 1 a causa dei semi di girasole, quindi supera il massimo raccomandato di 5: 1.

Salute: per motivi di salute, abbiamo preparato una ricetta gemella con alcune variazioni negli ingredienti. Nel seguente link troverai le ragioni dei cambiamenti: la dieta vegana potrebbe non essere sana. Errori nutrizionali

Cavolo: questa gustosa pianta invernale è uno dei cavoli più ricchi di vitamina C. Contiene molti nutrienti, tra cui vitamine, fibre alimentari e metaboliti vegetali.

Barbabietola: deve il suo caratteristico colore rosso, soprattutto per l'alta concentrazione di glicoside betanina. La barbabietola è una verdura molto sana, tra le altre cose, perché è ricca di acido folico. Può essere consumato crudo o cotto.

Semi di girasole: i semi di girasole sono ricchi di vitamina E e sono composti da oltre il 90% di acidi grassi insaturi. Sfortunatamente, questi non sono bilanciati e sono principalmente acidi grassi omega-6.

Arance: è un ingrediente molto popolare in molte ricette e non solo per la vitamina C che forniscono. Possono essere consumati crudi, cotti o aggiungono il loro succo a diverse preparazioni.

Curcuma: la curcuma proviene originariamente dall'Asia meridionale e appartiene alla famiglia degli Zingiberáceas. Il gusto della curcuma ricorda il pepe. La curcuma secca è più morbida e leggermente amara.

Suggerimenti

Barbabietola: le persone che tendono a formare calcoli renali, ad esempio i pazienti con malattia di Crohn, dovrebbero godere della barbabietola con moderazione a causa dell'acido ossalico che contiene.

Mantieni la curcuma: è meglio conservarla in un luogo buio, poiché altrimenti perde colore e sapore.

Estrai i semi di melograno senza sforzo: i semi di melograno (grani) sono molto nutrienti. Tra le altre cose, sono ricchi di vitamine K e C, fenoli, acido folico e potassio. Apri il melograno, estrai i semi a mano e mettili in una ciotola piena d'acqua. In questo modo, le parti bianche del seme si separeranno e galleggeranno in superficie, mentre i grani rimarranno sul fondo. Questo ci permetterà di separare facilmente la pelle amara dai grani succosi. Su YouTube troverai suggerimenti su come manipolare le granate. Ci sono anche video in cui viene insegnato il processo che abbiamo descritto sopra.