Fondazione Dieta & Salute

La miglior prospettiva per la tua salute

La miglior prospettiva per la tua salute

La miglior prospettiva per la tua salute

La miglior prospettiva per la tua salute

Questa pagina è stata tradotta tramite Google Translator

Vitamina A, come il retinolo (ER)

La vitamina A è liposolubile e il suo nome comprende diverse sostanze come il retinolo o il beta carotene. È essenziale per il corretto funzionamento della vist
Commenti Stampa

Il corpo riceve vitamina A o come provitamina A sotto forma di carotenoidi dalle piante o come esteri di acidi grassi - di solito palmitato di retinile (esteri di retinile) - nei prodotti di origine animale. La quantità di vitamina A è solitamente espressa in equivalenti di retinolo (ER).
La vitamina A è importante per la crescita, la differenziazione cellulare, la rigenerazione e il corretto funzionamento della pelle e delle mucose, il metabolismo e la visione .

fonte
All'interno dei carotenoidi, il beta carotene è quello con la più alta attività di vitamina A.

I carotenoidi si trovano principalmente negli alimenti a base vegetale, come verdure gialle, arancioni o verdi: carote (835), patate dolci (709), cavolo (500), spinaci (469), zucca (426), pepe rosso (157) e broccoli (31). 1 Nelle verdure a foglia verde, la clorofilla nasconde il colore giallo e arancione dei carotenoidi. 2

I carotenoidi si trovano anche in frutti gialli o arancioni come albicocche (96 µg / 100), mango (54), papaia (47) o pesca (16).

Conservazione e perdite durante la cottura:
La cottura prolungata, l'ossigeno e la luce distruggono la vitamina A. Pertanto, gli alimenti contenenti provitamina A devono sempre essere tenuti pelati, confezionati e in luoghi bui (meglio se si trovano anche in frigorifero). Le perdite di cottura variano tra il 10 e il 30%. 3 Tuttavia, tagliare gli alimenti (o meglio, frantumarli) e poi masticarli bene aumenta l'assorbimento dei carotenoidi. Allo stesso modo, un leggero riscaldamento e l'aggiunta di grasso possono causare lo stesso effetto. 6

Assorbimento e metabolismo:
Assorbimento di esteri retinilici:
Nell'intestino tenue, la lipasi pancreatica idrolizza gli esteri retinilici nel retinolo nel corso della digestione dei grassi . Nel citosol, le proteine legate al retinolo (legame tedesco) assorbono il retinolo risultante. Dopo la reesterificazione , gli esteri retinilici sono diretti al fegato usando i chilomicroni . Dal fegato, le proteine legate al retinolo (RBP), che colpiscono le cellule bersaglio usando il plasma, si dividono. In essi, il recettore delle proteine legate al retinolo facilita l'arrivo. 5
Provitamin A Assorbimento:
Dopo l'abosorbimento nell'intestino tenue, una parte della conversione enzimatica del beta carotene avviene in due molecole retiniche (link in inglese). Il tasso di conversione dipende dalla necessità di vitamina A; Migliore è l'offerta, minore è l'attività dell'enzima. In questo modo, l'organismo trova il suo equilibrio. Un altro passaggio intermedio riduce la retina nel retinolo, che è biologicamente attivo. Il trasporto avviene anche nel fegato, come nel caso del retinolo.
Il tasso di assorbimento della vitamina A è superiore all'80%, mentre nei carotenoidi si parla tra il 2 e il 50%. 2, 3

Stoccaggio, consumo e perdite:
La vitamina A è immagazzinata nel fegato, specialmente sotto forma di palmitato di retinile (50-80%). Altri organi che dipendono dal suo funzionamento e che immagazzinano la vitamina A sono la retina, i testicoli e i polmoni. 5 Le prenotazioni per adulti sani sono sufficienti per un anno. 4
La conservazione del beta carotene avviene principalmente nel tessuto adiposo e, in misura minore, nel fegato.

Importo giornaliero necessario a lungo termine:
La quantità giornaliera necessaria di equivalenti di retinolo per i bambini è compresa tra 0,6 e 0,8 milligrammi e un milligrammo nel caso degli adulti. 5 Tuttavia, le donne che allattano hanno bisogno di più (1,5 milligrammi), così come le donne in gravidanza (1,1 milligrammi) e i giovani in età crescente (tra 1 e 1,1 milligrammi). 2, 5
Alcune fonti indicano che un milligrammo di retinolo equivale a sei milligrammi di beta carotene o 12 di altre provitamine A. D'altra parte, negli Stati Uniti e in Canada, il rapporto 12: 1 del beta carotene nel rapporto 24: 1 è preso come riferimento in qualsiasi altra vitamina. 3

Sintomi da carenza e cause:
La carenza può essere causata da malnutrizione a lungo termine, scarso assorbimento nell'intestino, tossine ambientali o fallimento dell'assorbimento dei grassi. Le persone diabetiche e quelle che soffrono di ipertiroidismo trasformano i carotenoidi vegetali in peggio della vitamina A.
Alcuni sintomi tipici della mancanza di vitamina A sono problemi alla vista ( cecità notturna ), secchezza degli occhi, riduzione dell'acuità visiva o aumento della sensibilità alla luce. Inoltre, una carenza di vitamina A moltiplica il rischio di cancro e aumenta la suscettibilità alle infezioni e ai disturbi della crescita ossea nei bambini. La carenza di vitamina A è un problema diffuso nei paesi in via di sviluppo.

Consumo eccessivo:
È difficile per il corpo eliminare l'eccesso di vitamina A, quindi è facile accumularsi nel corpo e, soprattutto, nel fegato. Sono stati descritti solo pochi casi isolati di ipervitaminosi acuta o cronica e questi sono stati principalmente dovuti al consumo di medicinali contenenti acido retinoico . 5 A differenza di quanto accade con la vitamina A, con la provitamina A non vi è alcun rischio di ipervitaminosi, poiché il corpo ha una grande capacità di conservazione e il suo assorbimento dipende dalla concentrazione. 2

funzioni:
Le funzioni della vitamina A sono mediate da diverse forme della molecola. Nella visione, la vitamina funzionale è la retina. L'acido retinoico sembra essere la forma attiva nelle funzioni legate alla crescita, differenziazione e trasformazione. 7

bibliografia:

  1. USDA: Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti.
  2. Kasper Heinrich und Burghardt Walter: Ernährungsmedizin und Diätetik; 11a edizione (2009); Elsevier GmbH, casa editrice Urban & Fischer, München.
  3. Elmadfa Ibrahim und Leitzmann Claus: Ernährung des Menschen; 5a edizione (2015); casa editrice Eugen Ulmer, Stoccarda.
  4. Da Groot Hilka e Farhadi Jutta: Ernährungswissenschaft; 6a edizione (2015); Casa editrice Europa-Lehrmittel, Haan-Gruiten.
  5. Biesalksi Hans Konrad e Peter Grimm: Tashenatlas der Ernährung; 6a edizione (2015); Casa editrice Georg Thieme, Stoccarda e New York.
  6. Livny O. et al: "Biodisponibilità del beta-carotene da pasti di carote elaborati diversamente in volontari di ileostomia umana" (Eur J Nutr. 2003 Dec; 42 (6): 338-45).
  7. Biopsicologia: vitamina A (funzioni).


Commenta (come ospite) oppure accedi
Commenti Stampa