Fondazione Dieta & Salute

La miglior prospettiva per la tua salute

La miglior prospettiva per la tua salute

La miglior prospettiva per la tua salute

La miglior prospettiva per la tua salute

Questa pagina è stata tradotta tramite Google Translator

Biotina (vitamina B7, B8, H)

La biotina è un complesso solubile in acqua di vitamina B molto presente in natura. Il corpo può assorbire solo parzialmente la biotina che produce.
Commenti Stampa

La biotina , nota anche come vitamina B 7 o vitamina H, è una vitamina idrosolubile del complesso B.
Svolge un ruolo molto importante in diverse reazioni metaboliche enzimatiche , nonché nei nuclei cellulari per la regolazione della funzione genetica.

origine:
La maggior parte dei batteri e molte specie di funghi e verdure possono sintetizzare la biotina. Di conseguenza, la vitamina è molto presente in natura. La biotina si trova in molti alimenti, ma a concentrazioni molto basse.
Le fonti principali sono cereali integrali, legumi e alcune verdure e frutta come semi di soia (60 ug / 100 g), fiocchi d'avena (20) piselli (19), spinaci (9.5), farina integrale (8.3), banane (5.5) e indivia (4.8). 1

Conservazione e perdite durante la cottura:
Mentre la biotina mostra un'alta stabilità contro l'ossigeno e il calore, è sensibile alla luce ultravioletta.

Assorbimento e metabolismo:
Non si sa molto sul metabolismo. La biotina del cibo appare in forma libera o legata alle proteine che formano la biocitina . Dopo la divisione dell'enzima biotinidasi (link in inglese), il corpo assorbe la biotina libera nell'intestino tenue superiore. Nell'organismo umano, i batteri nel colon sono in grado di sintetizzare la biotina. Né l'entità della sintesi enterica endogena né la sua importanza nel metabolismo della biotina sono note. Poiché la parte superiore dell'intestino tenue assorbe la maggior parte della vitamina, il corpo non è in grado di assimilare la biotina prodotta a livello microbico e si perde molto nelle feci. 2, 3, 4
A causa del legame con una matrice proteica, la biodisponibilità della biotina da fonti diverse è molto diversa. È noto, ad esempio, che solo il 5% della biotina totale presente nel grano è disponibile per il corpo e, nel caso dei semi di barbabietola, il 62%. 4 La percentuale media di assorbimento dal cibo è di circa il 50%.

Stoccaggio, consumo e perdite:
Un sistema di riciclaggio endogeno può rigenerare la biotina dagli enzimi. Viene escreto nelle urine in forma libera o come metabolita finora sconosciuto. Sia la biotina che la biocitina finiscono nelle urine. Inoltre, la catena laterale della biotina può subire beta-ossidazione . I prodotti di decomposizione così formati non sono biologicamente attivi e vengono eliminati dai reni nelle urine.
A causa della biosintesi microbica della biotina nell'intestino crasso, la quantità di biotina eliminata attraverso l'urina e le feci è maggiore della quantità fornita dal cibo. 2, 3, 4

Importo giornaliero necessario a lungo termine:
La German Nutrition Society raccomanda un consumo stimato tra 30 e 60 μg al giorno negli adulti sani. La stessa quantità è raccomandata durante la gravidanza e l'allattamento e nei bambini tra 5 e 10 μg al giorno. Le esigenze quotidiane specifiche sono sconosciute, poiché non ci sono abbastanza studi significativi. La quantità stimata per i bambini si basa sul contenuto medio di biotina nel latte materno e sull'assunzione giornaliera di liquidi.

Sintomi da carenza e cause:
È dimostrato che la mancanza di biotina può causare dermatite sotto forma di eruzioni cutanee o perdita di capelli. I bambini con carenza congenita di biotinidasi non possono assimilare la biotina che il cibo fornisce sotto forma di biotina composita.

Consumo eccessivo:
Non è noto un consumo eccessivo.

funzioni:
L'azione biochimica della biotina è dovuta alla sua funzione di coenzima delle carbossilasi (collegamento tedesco) . Per questo, la biotina si lega con un residuo di lisina dell'enzima. 2, 3, 4
Nell'uomo ci sono quattro importanti carbossilasi che svolgono funzioni nel metabolismo di proteine, grassi e carboidrati:

La biotina svolge anche funzioni nel nucleo cellulare, dove può modificare l' istone .

strutture:
È composto da un anello ureido (imidazolinico) fuso con un anello di tetraidrotiofene. Un acido valerico sostitutivo si lega a uno degli atomi di carbonio dell'anello tetraidrotiofene. Esistono tre forme di biotina: biotina libera, biocitina (e-biotina-L-lisina) e due solfossidi L e D di biotina. 7

Tuttavia, la D-biotina naturale è l'unica che ha una completa attività biologica.

documentazione:

  1. Database di nutrienti dell'Università di Hohenheim.
  2. Elmadfa I. e Meyer A. Ernährungslehre (editoriale Eugen Ulmer, Stoccarda, 3a edizione, 2015).
  3. Elmadfa I. e Leitzmann C. Ernährung des Menschen (editoriale Eugen Ulmer, Stoccarda, 5a edizione, 2015).
  4. Biesalski HK e Grimm P. Taschenatlas der Ernährung (editoriale di Georg Thieme, Stoccarda e New York, 6a edizione, 2015).
  5. Kasper H. e Burghardt W. Ernährungsmedizin und Diätetik (editoriale Urban & Fischer, Monaco di Baviera, 11a edizione, 2009).
  6. Zimmermann M., Schurgast H. e Burgerstein UP Burgersteins Handbuch Nährstoffe (editoriale di Karl F. Haug, Heidelberg, nona edizione, 2000).
  7. Wikipedia: biotina ( strutture )


Commenta (come ospite) oppure accedi
Commenti Stampa