Fondazione Dieta & Salute

La miglior prospettiva per la tua salute

La miglior prospettiva per la tua salute

La miglior prospettiva per la tua salute

La miglior prospettiva per la tua salute

Questa pagina è stata tradotta tramite Google Translator

Acido pantotenico (vitamina B5)

L'acido pantotenico è una vitamina B idrosolubile che può essere trovata praticamente in qualsiasi alimento. Partecipa a numerose reazioni metaboliche.
Commenti Stampa

L'acido pantotenico , noto anche come vitamina B 5 , è solubile in acqua e appartiene al gruppo delle vitamine B. Poiché questi sono componenti del coenzima A (CoA) e dell'acile contenente proteine (ACP ), l'acido pantotenico è principalmente coinvolto nel metabolismo dei carboidrati e degli acidi grassi .

origine:
L'acido pantotenico si trova in tutti gli alimenti che mangiamo, in modo che anche la più piccola percentuale si aggiunge a una quantità significativa. Lo possiamo trovare in verdure come avocado (1,5 mg / 100 g), cicoria (1,2) o patate dolci (0,8) e in vari cereali come riso integrale (1,5), farina di segale (1,5) o amaranto (1,5). Altre fonti degne di nota sono: boletus edulis disidratato (15), lenticchie (2,1), pomodori disidratati (2,0), fagioli (1,9), ceci (1,6), broccoli ( 0.6) e rucola (0,5). 1

Conservazione e perdite durante la cottura:
L'acido pantotenico è solubile in acqua e molto sensibile al calore, quindi è normale che si verifichino perdite durante la preparazione del cibo, poiché il calore disattiva e distrugge la vitamina, che diventa parte dell'acqua di cottura e finisce per perdersi. Come la maggior parte delle vitamine del gruppo B, l'acido pantotenico è presente principalmente nella parte esterna dei cereali (glume), quindi la rimozione della buccia prima della macinazione dei cereali riduce la quantità di modo significativo.

Assorbimento e metabolismo:
Nella maggior parte degli alimenti, l'acido pantotenico appare sotto forma di coenzima A e acido grasso sintasi . L'assorbimento di questi composti non è possibile. Tuttavia, nello stomaco e nell'intestino la conversione della pantoteina in acido pantotenico avviene a uno stadio intermedio. L'assorbimento di entrambe le sostanze avviene per diffusione passiva in tutte le sezioni dell'intestino. Un cotrasporto dipendente dal sodio può anche assorbire attivamente l'acido pantotenico. Il passaggio finale per la conversione in acido pantotenico si verifica nella mucosa intestinale . 2
Per prevenire l'escrezione attraverso i reni, l'acido pantotenico subisce una conversione intracellulare molto rapida e diventa le sue forme attive, 4-fosfopanteteina (link in inglese) e il coenzima A.

Stoccaggio, consumo e perdite:
L'acido pantotenico nel sangue è legato alle proteine, che gli consente di raggiungere le cellule bersaglio. Tuttavia, non esiste un organo dedicato alla sua conservazione, sebbene possiamo trovare concentrazioni più elevate nel muscolo cardiaco, nei reni, nelle ghiandole surrenali e nel fegato. L'escrezione avviene rapidamente nelle urine e senza che l'acido venga modificato. 2

Esigenza quotidiana a lungo termine:
La necessità quotidiana di acido pantotenico non è nota con certezza, poiché i sintomi di carenze sono stati osservati solo in circostanze eccezionali. I livelli ematici sono esposti a variazioni individuali, nonché a perdite giornaliere, ma possono fungere da guida. Le raccomandazioni sono di circa sei milligrammi al giorno, anche se tutto dipende dalle circostanze. 2

Sintomi da carenza e cause:
I sintomi da carenza si verificano non appena la quantità è intorno al milligrammo al giorno. Tuttavia, si potrebbe dire che non ci sono casi di carenza di acido pantotenico stesso. Quando ci sono casi di malnutrizione grave, ci sono pochi sintomi specifici come mal di testa, affaticamento o difetti del campo visivo. Ad esempio, in alcuni prigionieri di guerra in Giappone e nelle Filippine durante la seconda guerra mondiale, è stata osservata la cosiddetta " sindrome del piede caldo " (link in inglese), che è direttamente correlata a carenze di acido pantotenico.

Consumo eccessivo:
Non c'è nulla di cui preoccuparsi, poiché non sono stati documentati effetti avversi anche in quantità di cinque grammi al giorno.

funzioni:
Il CoA funge da cofattore per varie reazioni catalizzate da enzimi, che includono il trasferimento di gruppi acetilici (due carboni); frammenti di precursori di varie lunghezze sono collegati al gruppo solfidrilico di CoA. Queste reazioni sono importanti nel metabolismo ossidativo dei carboidrati, nella gluconeogenesi, nella disintegrazione degli acidi grassi e nella sintesi di steroli, ormoni steroidei e porfirine. Il CoA è anche coinvolto nella modifica post-traslazionale delle proteine, tra cui acetilazione N-terminale e aminoacidi interni e acilazione degli acidi grassi. Queste modifiche possono influenzare la posizione, la stabilità e l'attività intracellulare delle proteine. 3

struttura:
L'acido pantotenico è un dipeptide (link in inglese) composto da aminoacidi alifatici , beta alanina e acido pantoico, un derivato dell'acido butirrico . La beta alanina e l'acido pantoico sono collegati in un legame peptidico . Insieme all'acido, anche il r-pantotenolo ( d-pantenolo ) è biologicamente attivo. Si ossida rapidamente in acido pantotenico e ha circa l'80% dell'attività biologica dell'acido pantotenico. 2

bibliografia:

  1. Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti.
  2. Biesalski HK & Grimm P. Taschenatlas der Ernährung (editoriale di Georg Thieme, Stoccarda e New York, 6a edizione, 2015).
  3. Biopsicología.net ( funzioni )


Commenta (come ospite) oppure accedi
Commenti Stampa