Fondazione Dieta & Salute
Fondazione
Dieta & Salute
Svizzera
La miglior prospettiva per la tua salute
Questa pagina è stata tradotta tramite Google Translator

porro

L'odore tipico del porro è dovuto al solfossido tiofropanale, un gas che conferisce un sapore aromatico a zuppe e stufati.

Pittogramma tabelle dei nutrienti

porri È cresciuto principalmente nell'area del Mediterraneo. Il suo sapore è leggermente simile a quello di cipolla e aglio, anche se è molto più mite. Il porro conferisce un tocco aromatico ai piatti. Si abbina molto bene con zuppe, verdure, torte salate o cotte. Puoi anche mangiare crudo in insalata o come condimento.

Informazioni generali:

Dall'articolo di Wikipedia in spagnolo: «Allium ampeloprasum var. il porrum, il porro, il porro, l'aglio porro, il ajoporro, il poro o la cipolla lunga, sono una delle varietà coltivate della specie Allium ampeloprasum. Come la cipolla e l'aglio, questa pianta appartiene alla famiglia delle liliaceae. È una pianta biennale originaria dell'Europa e dell'Asia occidentale che viene coltivata per le foglie, il bulbo e i fiori commestibili. L'altra varietà della specie è A. ampeloprasum var. ampeloprasum, che è noto con molti nomi, tra cui "aglio morbido" e "aglio elefante" ed è caratterizzato dalla produzione di bulbi che sembrano aglio, ma di dimensioni molto maggiori ».

composizione:

«La pianta del porro ha 3 parti che sono: foglie lunghe e lanceolate (con toni blu-verdi) un po 'piatte, lo stelo e un piccolo bulbo bianco e allungato da cui fuoriescono una certa quantità di piccole radici. Un porro è di solito alto circa mezzo metro e può crescere con uno spessore compreso tra 3 e 5 cm. Ha un sapore caratteristico, simile a quello delle cipolle ma più morbido. Il suo uso nel cibo umano non ha fornito rapporti di ricerca che ne limitano il consumo. Va notato che è una fonte di un carboidrato chiamato inulina ».

usa:

Uso culinario: «È un ortaggio spesso usato nelle zuppe e cotto e crudo nelle insalate. La parte commestibile della pianta sono le foglie e il bulbo, anche se a volte i fiori vengono consumati in insalata. Nella cucina spagnola ci sono vari piatti che includono il porro; uno dei più famosi è la porrusalda, una specie di zuppa che li include come ingrediente principale (la purrusalda è letteralmente zuppa di porri in basco). In altre gastronomie europee appare come ingrediente, come nell'etichetta in waterzooi o in vari piatti francesi, come il vichyssoise o il mirepoix. Nel mondo anglosassone hai la famosissima zuppa di porri nella cucina gallese ».

Uso medicinale: «La pianta ha le stesse proprietà medicinali dell'aglio, ma in una forma molto più mite e con i principi attivi più lievi. Si dice che il succo emesso dalla pianta abbia proprietà insetticide. Sono state condotte numerose indagini e sono stati dimostrati gli effetti ipotensivi nei ratti.

Descrizione e origine:

“Il porro è una pianta biennale resistente ai climi freddi e di norma predilige i terreni profondi. Di solito viene seminato negli ultimi mesi invernali e le prime piante possono essere raccolte in primavera (di solito tra le 16 e le 20 settimane dopo la semina). [...] È una pianta conosciuta in Europa da molto tempo, già consumata nell'antico Egitto nel 4000 a. C., e in Estremo Oriente. I romani lo usavano in cucina e si dice che l'imperatore Nerone fosse un appassionato di porri e lo consumasse in zuppe.

Dati di interesse:

Il porro può essere ottenuto nei supermercati durante tutto l'anno. La stagione dei porri estivi inizia a giugno e quando termina inizia la stagione dei porri invernali, che rimane in vendita fino alla primavera. Il porro invernale è più piccante del porro estivo, molto più morbido.