Fondazione Dieta & Salute
La miglior prospettiva per la tua salute
La miglior prospettiva per la tua salute
La miglior prospettiva per la tua salute
La miglior prospettiva per la tua salute
Questa pagina è stata tradotta tramite Google Translator

Prelibatezze di mandorle con cannella, farina d'avena e albi

Queste prelibatezze alle mandorle con cannella, farina d'avena e albicocche secche forniscono molta energia. Sono perfetti da bere con un tè o uno spuntino tra
Commenti

vegan crudo

15min    6h    facile  
  Acqua 39,3%  65/13/22  LA (3.4g) !:0 (0g) ALA


Ingredienti (for servings, )

Utensili da cucina

  • grattugia or macinacaffè elettrico
  • frullatore di vetro
  • disidratatore alimentare

Type of preparation

  • disidratare
  • tritare o macinare
  • ammollo
  • mescolare
  • ridurre in purea
  • grata

Preparation

  1. preparazione
    Lasciare le mandorle in ammollo a temperatura ambiente per due ore.

  2. Per la massa di prelibatezze
    Dopo l'immersione, schiacciare le mandorle insieme alle pere e alle albicocche secche fino ad ottenere una crema fine. Aggiungi l'idromele (sciroppo d'agave) e i fiocchi d'avena e mescola bene.

    Nella ricetta originale, l'autore usa il miele, ma abbiamo deciso di sostituirlo con l'idromele, poiché non è adatto ai vegani.

  3. Taglia i bastoncini di cannella a pezzetti molto piccoli. Per questo puoi usare una grattugia o un macinacaffè elettrico. Aggiungi la cannella in polvere al composto di scaglie di mandorle, pere e avena. Mescola di nuovo tutto bene.

    Se vuoi tagliare i bastoncini di cannella in un macinacaffè, ti consigliamo di tostarli prima in una padella senza olio per ridurre l'umidità e renderli più fragili.

  4. Delizie disidratate
    Inizia a modellare le delizie e posizionale su un vassoio di teflon o sul disidratatore stesso. Disidrata le delizie per 4-5 ore. Il tempo di disidratazione dipenderà dal fatto che le prelibatezze siano più morbide o più dure.

Commenti
Note relative alla ricetta

Queste prelibatezze alle mandorle con cannella, farina d'avena e albicocche secche forniscono molta energia. Sono perfetti da bere con un tè o uno spuntino tra i pasti.

Ammollo delle mandorle: l' ammollo non solo varia la consistenza, ma riduce anche la percentuale di acido fitico che le mandorle contengono. L'acido fitico si lega a determinati nutrienti, come i minerali, e crea complessi che riducono la capacità di assorbimento del corpo. Ulteriori informazioni al riguardo sono disponibili nel nostro articolo:
Acido fitico o fitati: immergere o germinare .

La frutta secca o secca di solito contiene anidride solforosa: l'uso di questo componente presenta due vantaggi per i produttori su scala industriale. Da un lato, l'anidride solforosa previene la putrefazione e inibisce il metabolismo di molti microrganismi, migliorando la durata di conservazione del prodotto. D'altra parte, aiuta a mantenere il colore del frutto. Quest'ultimo è perché lo zolfo ha la proprietà di inibire gli enzimi che producono ossidazione. In questo modo, è possibile rendere la frutta più attraente per gli occhi di molti clienti, ma di solito raccomandiamo di consumare frutta disidratata che non è stata trattata con anidride solforosa. Lo facciamo per diversi motivi: durante la lavorazione alcune vitamine vengono distrutte, come l'acido folico. Inoltre, l'anidride solforosa può avere conseguenze sulla salute delle persone asmatiche e allergiche.

Cannella: la cannella è una spezia ottenuta dalla crosta secca di cannella. Il suo aroma è dovuto principalmente all'olio essenziale di cannella, che è composto per il 75% di cinnamaldeide. In Europa, la cannella viene utilizzata principalmente per aromatizzare piatti e bevande dolci, mentre nella cucina indiana e in quella orientale in generale viene anche utilizzata nei piatti salati. La cumarina che contiene cannella è tossica ad alte dosi, specialmente nel caso di varianti più economiche, come cassia o cannella cinese. Poiché la quantità di cumarina nella cannella di Ceylon è al centesimo rispetto alla cassia, si consiglia di utilizzare il primo.

Idromele (sciroppo d'agave): l' idromele è un dolcificante che si dissolve molto bene sia nelle sostanze fredde che calde. Inoltre, è un'ottima alternativa al miele per le persone vegane. Un'altra opzione è quella di utilizzare le date per aggiungere tale dolcezza. D'altra parte, i crudiveganos più rigorosi devono tenere presente che, a seconda della temperatura massima stabilita da ciascuno, l'idromele non può essere considerato un alimento crudo. In tal senso, puoi anche trovare lo sciroppo di agave “crudo”, che secondo il produttore si addensa a 45 ° C.

Fiocchi di farina d' avena : i fiocchi di avena sono ricchi di proteine e, quindi, anche degli aminoacidi essenziali che contengono. Si distinguono per la loro percentuale di vitamine e minerali. I fiocchi di farina d'avena sono generalmente trattati con calore o vapore, quindi da un punto di vista rigoroso non possono essere considerati adatti per vegani crudi. Per questo motivo, puoi anche usare fiocchi d'avena germogliati. Il processo di germinazione che utilizziamo qui consente di digerire meglio i fiocchi d'avena e, allo stesso tempo, migliora la biodisponibilità dei suoi preziosi nutrienti.

Preparazione alternativa

Miele anziché idromele: nella ricetta originale, l'autore usa il miele, che in teoria non può essere considerato un alimento adatto ai vegani. Se non ti interessa, puoi usare invece l'idromele (sciroppo d'agave) o qualsiasi altro dolcificante vegetale nella stessa quantità del miele.

Variante vegana cruda più naturale: se vuoi assicurarti che la ricetta sia vegana cruda, ti consigliamo di usare la farina d'avena germogliata invece dei tradizionali fiocchi di farina d'avena. Puoi anche acquistare fiocchi d'avena adatti ai crudiveganos (che non hanno superato i 42 ° C), ma l'avena germogliata fornisce più nutrienti al corpo. Allo stesso modo, puoi sostituire l'idromele con altri dolcificanti, poiché non è solo dubbio che si tratti di un alimento crudo, ma anche il rispetto delle norme di raccolta e trasformazione raccomandate nei rispettivi paesi di coltivazione.