Fondazione Dieta & Salute
La miglior prospettiva per la tua salute
La miglior prospettiva per la tua salute
La miglior prospettiva per la tua salute
La miglior prospettiva per la tua salute
Questa pagina è stata tradotta tramite Google Translator

Mora, a secco

Le more secche sono crude. Questo tipo di bacche perde colore durante l'essiccazione e ha un sapore simile all'uvetta, anche se più morbido.

Le more secche hanno meno colore delle more fresche, ma vengono trasportate molto meglio, poiché le more fresche sono troppo morbide e succose e sopportano male il trasporto a lunga distanza. Prima di asciugarli, li troviamo principalmente in tre colori: bianco, rosso o nero. Si dice che sia il mora nativo dell'Africa sud-orientale che il gelso rosso dell'Africa nord-orientale abbiano un sapore molto più intenso del gelso bianco.

Informazioni generali:
Dall'articolo di Wikipedia : «Morus è un genere tra 10 e 16 specie di latifoglie originarie delle regioni calde e temperate di Asia, Africa e Nord America, la maggior parte originaria dell'Asia.

Esiste un genere strettamente collegato: la Broussonetia, comunemente nota come gelso di carta (in particolare la Broussonetia papyrifera) ».

composizione:
La composizione è praticamente identica a quella delle more fresche se il processo di essiccazione è stato eseguito con cura, quindi i valori per 100 grammi nel caso delle more fresche dovrebbero essere cinque o sei volte superiori. La perdita di colore è dovuta alle antocianine, pigmenti idrosolubili che, secondo alcuni studi, potrebbero proteggere da alcune malattie.

A causa della crescente domanda di coloranti alimentari naturali, gli antociani svolgono un ruolo molto importante nell'industria alimentare.

Usi culinari:
«La popolarità delle more secche sta crescendo a poco a poco. Il suo sapore è simile a quello dell'uvetta, anche se questi non lasciano quasi il retrogusto. Con l'essiccazione, le more perdono colore e possono essere sabbiose o persino trasparenti, oltre ad avere una pelle esterna ruvida.

Il succo di mora può essere trovato senza problemi nei negozi di alimentari ben forniti; Ha una consistenza cremosa e sia il colore che il gusto sono simili a quelli del succo di mora, sebbene meno acidi e con un leggero profumo di rosa * ».

«Con le more, lo sciroppo viene preparato e quindi utilizzato per preparare bevande analcoliche *».

Le more fresche sono perfette per il consumo crudo, ma anche per preparare marmellate, gelatine o come ingrediente di cottura.

Usi medicinali:
«Questi frutti sono usati nella medicina tradizionale cinese. Si dice che aiutino a ridurre il livello di zucchero nel sangue e colesterolo, oltre ad avere effetti mucolitici * ».

Raccolta e sapore di mora fresca:
«Le more sono molto dolci e succose; Tra questi, il bianco è più insapore, mentre il rosso e il nero sono più aromatici e hanno un sapore più intenso. Le more maturano sull'albero per diverse settimane, quindi non possono essere raccolte tutte contemporaneamente. In alcuni paesi una coperta o una plastica viene posizionata sotto l'albero e le more mature vengono raccolte mentre cadono, in modo che quelle che non sono pronte rimangano ancora un po 'più a lungo nell'albero. Le more fresche sono a malapena rilevanti sul mercato, in quanto sono molto morbide e succose per il trasporto e si guastano molto rapidamente * ».

espansione:
“Con dodici specie, il genere originariamente si diffuse attraverso le regioni temperate e subtropicali dell'emisfero settentrionale, ad eccezione dell'Europa. Tuttavia, al tempo dei romani, le more si erano già diffuse nelle regioni calde d'Europa, che sono anche adatte al clima per la viticoltura.

In Europa, le tre varietà più conosciute sono bianche, nere - entrambe dell'Asia - e rosse, quest'ultima originaria del Nord America. Per la loro coltivazione i luoghi più appropriati sono quelli che hanno un clima temperato e sono protetti dal vento. I più favorevoli sono suoli spugnosi, freschi, profondi, calcarei e ricchi di nutrienti * ».

Dati di interesse:
«In medicina, la forma di mora viene presa come riferimento. Ad esempio, l'aspetto dei calcoli biliari è paragonato a quello della mora, ma anche a quello dell'ovulo fecondato allo stadio delle 32 cellule, cioè subito dopo la fecondazione con lo sperma e prima dell'impianto nell'endometrio . A quel tempo, l'uovo si chiama "morula" * ».

Nota: * = traduzione dell'articolo di Wikipedia in tedesco.