Fondazione Dieta & Salute

La miglior prospettiva per la tua salute

La miglior prospettiva per la tua salute

La miglior prospettiva per la tua salute

La miglior prospettiva per la tua salute

Questa pagina è stata tradotta tramite Google Translator

Patata dolce, cruda

Le patate dolci, a differenza delle normali patate, non appartengono alla famiglia delle solanacee. Il suo sapore dolce è perché sono ricchi di zuccheri.
Acqua 77,3%  93/07/00  LA : ALA
Commenti Stampa
Click for nutrient tables

Le patate dolci o le patate dolci non sono un tipo di patata poiché, sebbene siano anche tuberi, non appartengono alle Solanacee. Le foglie di patata dolce sono anche commestibili e vengono consumate nei paesi tropicali dove viene coltivata la patata dolce. Questi tuberi contengono molta acqua, quindi sono conservati peggio delle patate tradizionali. La sua durata aumenta considerevolmente se stai attento ed eviti di essere molto stretto, per esempio. Alcune varietà contengono una percentuale considerevole di cianuro, qualcosa che deve essere preso in considerazione al momento della raccolta.

Informazioni generali:

Dall'articolo di Wikipedia in spagnolo: «Ipomoea batatas, comunemente chiamata patata dolce (dal taino), patata dolce , patata dolce , patata dolce (dal Nahuatl camohtli) o patata dolce , è una pianta della famiglia Convolvulaceae, coltivata in gran parte del mondo per la sua radice tuberosa commestibile ».

«Sono piante rampicanti perenni; con gambi prostrati o volatili, un po 'succulenti ma anche sottili ed erbacei, di solito con radici nei nodi, glabri o pubescenti. Foglie variabili, intere o dentellate fino a 5-7 lobi, cordate a ovate, lunghe 5-10 cm e larghe, glabre o pubescenti. Infiorescenze cimoso-cymoso-umbelated con pochi fiori o fiori assenti in alcune varietà ».

Usi culinari e ornamentali:

«Le varietà di polpa rossastra sono le migliori sia per la cottura che per l'aroma. Le patate dolci sono preparate in modo simile alle patate: vengono prima sbucciate e poi smembrate. Quindi puoi cucinare, arrostire, gratinare, ecc. Le patate dolci arrosto sono spesso utilizzate per accompagnare il tacchino del Ringraziamento negli Stati Uniti. Sono anche frequentemente utilizzati nelle cucine asiatiche e, soprattutto, in coreano, per preparare piatti di pasta, tra cui possiamo evidenziare il "japchae". In Giappone, le patate dolci sono utilizzate in dessert come lo "yōkan". Puoi anche mangiare crudo (purché tu sappia per certo che il campione non contiene troppo cianuro ). Le bevande alcoliche possono anche essere prodotte con patate dolci come il giapponese "imojōchū", noto anche come "soju" in Corea. In Africa, le foglie di patate dolci sono preparate in modo simile agli spinaci e di solito sono servite come accompagnamento alla propria patate dolci

Le patate dolci sono generalmente ricche di acido ossalico, quindi si consiglia di consumarle con prodotti lattiero-caseari * ».

"Sono usati per preparare dolci e dessert in combinazione con frutta come la guava, dato il suo sapore leggermente dolce."

composizione:

“La radice contiene grandi quantità di amido, vitamine, fibre (cellulosa e pectine) e minerali, e il contenuto di potassio spicca tra loro. In valore energetico supera la patata e in vitamine si distingue per provitamina A (beta-carotene) e B1, C (acido ascorbico) ed E (tocoferolo). Il suo sapore dolce è dovuto a saccarosio, glucosio e fruttosio ».

"Alcune varietà contengono una notevole quantità di cianuro, ma se sono preparate correttamente (ad esempio, ammorbidendole con molta acqua, che sarà dove si trova il cianuro) il loro consumo non deve essere un problema per gli adulti *".

Sulla pagina di Wikipedia puoi trovare dati specifici sulla sua composizione.

Dati di interesse:

«Questa radice tuberosa fa parte della cucina tipica di tutti i paesi che la coltivano fin dai tempi pre-ispanici. Già i Mochicas verso l'anno 200 d. C. rappresentava la patata dolce in ceramica ».

Nota: * = traduzione dell'articolo di Wikipedia in tedesco.

Ingredient with nutrient tables


Commenta (come ospite) oppure accedi
Commenti Stampa