Fondazione Dieta & Salute
Fondazione
Dieta & Salute
Svizzera
QR Code
La miglior prospettiva per la tua salute
Questa pagina è stata tradotta tramite Google Translator

Meliloto blu

Il meliloto blu emana il suo aroma particolare quando le foglie si asciugano (disidratano). È usato come spezia.
A causa della mancanza di informazioni sulla composizione, non abbiamo incluso l'ingrediente nel calcolo della tabella di informazioni nutrizionali.
8,5%
Acqua
40
Macronutrient carbohydrates 39.81%
/53
Macronutrient proteins 53.47%
/07
Macronutrient fats 6.71%
Ω-6 (LA, <0.1g)
Acidi grassi Omega-6 come l'acido linolenico (LA)
 : Ω-3 (ALA, <0.1g)
Acidi grassi Omega-3 come l'acido alfa-linolenico (ALA)
 = 0:0

Il rapporto tra acidi grassi omega-6 e omega-3 non deve superare 5: 1. Link al testo esplicativo.

Values are too small to be relevant.

Pittogramma tabelle dei nutrienti

meliloto Blu (Trigonella caerulea) è anche conosciuto come il blu o blu fieno greco fieno greco.

Usi culinari:

è raro che il meliloto blu sia usato fresco. Questa pianta emana il suo aroma particolare quando le foglie si asciugano. Come spezia, viene usato principalmente disidratato o in polvere. Ha un sapore simile alle foglie essiccate di fieno greco , sebbene il fieno greco blu sia più morbido. Ad ogni modo, è qualcosa di speziato, amaro e che ricorda il fieno fresco. Alcune persone dicono che l'aroma sembra simile a quello del Monte Sedano . Nel cantone svizzero di Glaris esiste un tipo di formaggio, noto come s chabziger , che viene prodotto con foglie di marshmallow blu essiccate e in polvere. In Alto Adige c'è molta tradizione nella produzione di pane speziato con finocchio, cumino, coriandolo e anice, oltre al meliloto blu. Due esempi di questo sono i tipi di pane della Val Venosta e Schüttelbrot. Inoltre, questa spezia viene utilizzata per aromatizzare molte ricette indiane. Pertanto, il fieno greco blu può essere utilizzato per preparare zuppe di cipolle, patate o funghi. 1

Il fieno greco è una spezia speziata perfetta per condire pane, waffle, insalate, salse e spalmabili. Questa combinazione di piccante e amaro è popolare nelle ricette di formaggi, uova e patate. 2 Anche se la spezia non perde sapore dopo la cottura, in questi casi è meglio aggiungerla solo all'ultimo momento, prima di servire il piatto.

Nella cucina georgiana, il melilot blu è noto come Utskho-suneli . Questa "spezia straniera" viene utilizzata separatamente o come parte di una miscela di spezie per condire verdure gratinate, zuppe, puree, salse e diverse varietà regionali di ragù. In Georgia è più comune usare i semi che le foglie. Va anche notato che i georgiani preferiscono più al fieno greco che al fieno greco blu. 3

Fatti in casa: le

foglie di meliloto blu sono molto semplici da disidratare e frantumare a casa. Le foglie fresche vengono raccolte al momento della fioritura e lasciate asciugare in un luogo buio, fresco e arioso. Il grado ottimale di asciugatura si ottiene premendo le foglie tra le dita, che si sgretolano e si sfaldano. Il grande stelo viene rimosso e il resto viene inserito in un macinacaffè o in un vecchio macinacaffè e schiacciato al grado desiderato di macinatura. La spezia secca ha un sapore molto intenso. Per preparare il pane con loro, avrai bisogno di 4-6 grammi di spezie per ogni chilo di farina.

Acquisizione. Dove acquistarlo?

Melilot blu o fieno greco blu è commercializzato come una spezia densa, polvere o semi. Lo troverai negli erboristi, nei negozi di prodotti biologici e naturali o online. Cerca sempre di acquistare alimenti biologici. In generale, le catene di supermercati come Simply , Mercadona , Alcampo o Carrefour in Spagna non ce l'hanno sugli scaffali. Lo stesso vale per Walmart , Aurrerá , Superama o Chedraui in America Latina.

La pianta selvatica: la

sua origine si trova nella pianta coltivata Trigonella procumbens an, che a sua volta è originaria del Mediterraneo orientale e dell'area del Caucaso. Lì può ancora essere trovato in alcuni prati e bordi della strada.

Conservazione: il fieno greco essiccato e macinato deve essere collocato in un contenitore ermetico, che a sua volta viene conservato in un luogo buio e fresco. Nelle giuste condizioni, può essere conservato per anni. D'altra parte, le foglie fresche dovrebbero essere consumate rapidamente, poiché perdono immediatamente l'aroma. Un'altra opzione è quella di congelare il meliloto blu. Quindi, puoi consumarlo per mesi.

Composizione. Valore nutrizionale Calorie: le

piante del genere Trigonella sono molto ricche di proteine, pochi dati rilevanti se usati come spezia. Il meliloto blu contiene olii essenziali, tannini e sostanze amare. Il sapore piccante e amaro del fieno greco è dovuto agli acidi alfa-cheto, come l'acido piruvico.

Aspetti legati alla salute. Effetti:

le sostanze amare in esso contenute rendono il meliloto blu favorevole all'appetito e facilitano la digestione. A volte, può anche avere effetti lassativi. 2,4 Si dice anche che riduca i livelli di zucchero nel sangue e favorisca la produzione di globuli rossi.

Pericoli. Intolleranze. Effetti collaterali:

In caso di allergia o intolleranza alle Faboideae si raccomanda di evitare il consumo di blu di fieno greco. Questi tipi di allergie di solito si manifestano immediatamente dopo il consumo sotto forma di intenso prurito in bocca e al collo. Le intolleranze sono osservate più tardi, quando i processi digestivi sono alterati (ad esempio gonfiore, crampi, ecc.).

Medicina popolare. Terapie naturali: il

melilloto viene solitamente utilizzato in Medio Oriente e nella penisola arabica come pianta medicinale. La parte più efficace è semi disidratati e boccioli di fiori. Nella medicina tradizionale cinese (MTC), questa pianta è considerata un elemento tonico e rigenerante. Inoltre, si dice anche che abbia effetti afrodisiaci. 4

Origine: il

fieno greco blu è originario dell'area del Mediterraneo orientale e dell'Asia minore. Questa pianta del genere Trigonella era già conosciuta nell'antico Egitto. Ad esempio, sono stati trovati resti nella tomba dell'antico faraone egiziano Tuntakhamun. È probabile che sia arrivato in Europa nel IX secolo, dove, inizialmente, poteva essere trovato solo nei giardini dei monasteri. Oggi è ancora molto popolare, soprattutto nelle Alpi e nel Caucaso.

Cultura. Collection. Stagione:

quando è per uso privato, i semi di meliloto blu vengono seminati in giardino durante la primavera. Se coltivato per la commercializzazione, la semina avviene di solito in agosto. Il fieno greco blu si sviluppa meglio in luoghi soleggiati e suoli porosi. Oggi la sua coltivazione non è molto comune. Quando è fatto, di solito si presenta sotto forma di agricoltura biologica, come accade, ad esempio, in Alto Adige e Svizzera. Se le condizioni per il suo sviluppo sono buone, il fieno greco blu è in grado di avanzare anche ad altitudini di 1200 metri sul livello del mare. Il primo raccolto avviene in autunno. Se lasciato riposare durante l'inverno, la vegetazione protegge e si prende cura del suolo. Il secondo raccolto, molto più fruttuoso, ha luogo in aprile , quando la pianta emana un aroma migliore. Quindi, non possiamo davvero dire che ha una stagione specifica. In condizioni ideali può essere raccolto fino a quattro volte.

Una volta raccolti, è essenziale asciugare immediatamente le parti verdi e rimuovere, frantumare e imballare le parti più coriacee. Da giugno a luglio, la pianta fiorisce e dà i suoi fiori viola o azzurro. Quando i semi maturano, il fieno greco blu viene rimosso e trebbiato per il suo uso come seme, anche se gli stessi semi possono anche essere usati come condimento. I semi sono attaccati al calice, quindi non crescono all'interno di un baccello, come nel caso del comune fieno greco. Nelle colture biologiche, il controllo delle erbe infestanti viene solitamente eseguito manualmente, quindi è un compito molto arduo. 3

Le radici del meliloto blu vivono in simbiosi con alcuni batteri in grado di convertire l'azoto atmosferico in azoto disponibile per la pianta. Questi proteobatteri sono anche riconosciuti in più legumi. L'azoto raccolto non è disponibile solo per il melilot stesso, ma anche per qualsiasi altra coltura che può seguire. 2

Coltivazione in vaso: il

fieno greco blu può essere coltivato su balconi o terrazze, ma non è adatto come pianta da interno. Hai bisogno di un terreno ricco di humus e una posizione soleggiata o, nella migliore delle ipotesi, parzialmente ombreggiata. Tollera il ristagno meglio dei lunghi periodi di siccità. Quando viene coltivato in una pentola è necessario ridimensionarlo due o tre volte l'anno. In questo modo avremo sempre a disposizione foglie fresche. Se le foglie di questa pianta annuale hanno un colore marrone durante l'autunno, non possono più essere utilizzate come condimento.

Pericolo di confusione: il

melilot blu (chiamato anche fieno greco blu) è strettamente correlato al fieno greco comune. Pertanto, è abbastanza semplice confondere le foglie fresche o secche dell'una e dell'altra. Tuttavia, sia il colore che la forma del fiore sono radicalmente diversi. Di solito ricevono un uso simile a causa del loro sapore speziato. Entrambi possono sostituire l'altro, anche se nel caso del fieno greco, dovrebbe essere utilizzata una quantità minore a causa dell'intensità del sapore.

Protezione di animali e specie. Benessere degli animali:

il melilot blu è una pianta molto popolare tra le api, poiché i suoi numerosi fiori emanano un aroma molto intenso. 2

Informazioni generali:

Il melilot blu, noto anche come fieno greco blu o fieno greco blu ( Trigonella caerulea), appartiene al genere Trigonella , che a sua volta fa parte della famiglia delle Fabaceae. Secondo Wikipedia, troviamo altri sinonimi botanici: Melilotus coerulea (L.) Desr., Melilotus coeruleus (L.) Desr., Trifolium caerulea L., Trigonella coerulea (Desr.) Ser., Trigonella melilotus-coerulea (L.) Asch. & Graebn., Trigonella melilotus-coeruleus (L.) Asch. & Graebn. 2 La forma triangolare ("trigone") sarebbe responsabile del nome botanico Trigonella .

È spagnolo, la pianta è conosciuta principalmente come meliloto blu, fieno greco blu o fieno greco blu. 5,6 Quest'ultima denominazione è molto simile a quella che riceve in inglese, dove è conosciuta come fieno greco blu .

In tedesco, uno dei nomi che riceve è schabzigerklee , che deriva dal suo uso per produrre un formaggio particolare, schabziger . Quindi, se traduciamo letteralmente il nome, sarebbe "il trifoglio del formaggio schabziger ". La parola ziger viene utilizzata per designare ricotta o ricotta. È una denominazione svizzera che non è condivisa dall'Austria ("topfen") o dalla Germania ("quark"). Dal 1917 in Svizzera esiste un'associazione di produttori (Lachen / SZ) che ha il diritto esclusivo di acquistare la polvere di meliloto blu necessaria per produrre il formaggio schabziger .

fonti:

  1. Brotklee.it Südtiroler Brotklee.
  2. Wikipedia in tedesco: Schabzigerklee.
  3. Geska.ch Über Ziegerklee.
  4. Vituro.ch Kräuterwissen Schabziger-Klee.
  5. FlorFlores: The Blue Melilot
  6. Wikipedia in spagnolo: Trigonella caerulea

Commenti