Fondazione Dieta & Salute

La miglior prospettiva per la tua salute

La miglior prospettiva per la tua salute

La miglior prospettiva per la tua salute

La miglior prospettiva per la tua salute

Questa pagina è stata tradotta tramite Google Translator

La dieta vegana potrebbe non essere sana. Errori nutrizional

List Commenti Stampa

La mancanza di conoscenza ha portato i vegetariani, i vegani e i vegani a mangiare in modo malsano. Queste informazioni di base possono porre rimedio a questo.

La madre con due bambini piccoli prepara un'insalata di verdure con loro

conclusione

Vari studi scientifici dimostrano l'enorme influenza del cibo sulla nostra salute. 1 Cattive abitudini alimentari, tabacco, consumo di alcol 2 e mancanza di esercizio fisico causano in molte persone - specialmente dopo gli anni sessanta - le cosiddette malattie della civiltà 3 , che sono evitabili. I cibi precotti a basso costo che sono così attraenti per noi sono dannosi e inutili. A ciò si unisce l'abbondanza che ci circonda.

Nella nostra recensione del libro "Sale, zucchero e grassi" scoprirai perché i politici ne stanno fuori.

Le persone che aderiscono alla "normale" dieta occidentale sono chiamate onnivori. Solo una piccola parte della popolazione segue diete alternative , con comportamenti sani o meno.

Per le persone vegetariane , vegane e vegani prime , i problemi sono dovuti principalmente ai limiti e l'ignoranza di alcuni dati. Spesso seguono ciecamente alcune linee guida nutrizionali. La vitamina B 12 , la vitamina D, lo iodio, il rapporto tra acidi grassi omega-3 e omega-6 e calcio sono un problema.

Se ci sono notevoli variazioni in ciò che comporta una dieta equilibrata onnivora, dovrebbero essere eseguiti controlli medici per scoprire ogni possibile malnutrizione . Tuttavia, i medici raramente hanno conoscenze di base sulla nutrizione, quindi possono prendersi cura della guarigione, ma non della prevenzione.

Tuttavia, le diete vegane possono essere bilanciate. Le donne in gravidanza e in allattamento dovrebbero prestare attenzione ad alcuni aspetti affinché i bambini si sviluppino in modo sano. Di solito non ci sono problemi. 4 Il medico non deve essere un seguace cieco delle diete vegane, ma anche non un critico assoluto: è sufficiente che abbia una conoscenza sufficiente della nutrizione.

introduzione

CLICK FOR: Informazioni sull'autore

Nella primavera del 1978, quando aveva 41 anni, l'autore di questo articolo ha avuto un'aspettativa di vita di 2,6 anni. 5 Questo gli ha fatto affrontare una serie di domande fondamentali che gli hanno mostrato la strada giusta . Se non lo avesse fatto, non avrebbe potuto percorrere la distanza tra le stazioni di Lucerna e Zurigo per il suo ottantesimo compleanno. Parole chiave del percorso: da Reuss a Eisenbahnbrücke, Cham, Alte Lorze, Neue Lorze, a destra Sihltal.

Molti vegetariani e vegani commettono errori nella loro dieta le cui conseguenze non iniziano a mostrare i primi segni fino a dopo un po '. Seguono una moda, un guru o un libro che nomina almeno una di queste tre ragioni: benessere degli animali, protezione della natura o alimentazione sana.

Dall'inizio del millennio, le statistiche mostrano che i vegani, i vegani crudi e i vegetariani non mangiano in media meglio degli onnivori che consumano carne. Trovano difficile ottenere aiuto. Qui spieghiamo i motivi.

Normalmente, il ritorno di una dieta vegana o crudista a quella onnivora avviene perché queste persone hanno visto il loro livello di soddisfazione per il cibo ridotto e non a causa del suo valore nutrizionale. Lo si nota anche nei libri di cucina vegani ( ricettari ), di cui la Foundation for Health and Food (diet-health.info) ne ha analizzati più di 30 nel 2015. Sicuramente sanno che si può fumare o Bere regolarmente per lungo tempo senza notare grandi effetti sul corpo. Il tempo passa, fino a quando il corpo non è in grado di continuare ad assimilare quei problemi.

Lo stesso succede quando non mangi una dieta corretta. Molte persone seguono un modo cieco e non riflettono sul fatto che sia utile o che li stia danneggiando. Si sentono così commossi da alcune letture che credono di poter toccare il cielo se seguono tali linee guida.

CLICK FOR: Storia delle diete alternative

Il romanzo di Jean-Jacques Rousseau Emilio indusse Gustav Karl Johann Cristian von Struve (1805-1870) a diventare vegetariano nel 1832. A quel tempo non faceva distinzione tra vegano e vegetariano. Un buon numero di seguaci del giainismo vive da 2500 anni seguendo una dieta vegana e senza uccidere le piante.

La storia del crudismo è antica quanto l'essere umano stesso, ma è stata riscoperta da Richard Nagel e dalla sua " La strada della salute, felicità e paradiso completi ", 1929, di Gustav Schickeysen nel 1877 ( inglese ), tra gli altri.

La denominazione frutariana compare nel Dizionario americano della lingua inglese dal 1893 e da allora non ha subito alcuna modifica.

Quali pratiche comportano rischi?

Un possibile rischio inizia, ad esempio, con la dieta 80/10/10 del Dr. Douglas N. Graham , un chiropratico. Si dice che grazie al suo metodo siano morte diverse persone, 6,7 ma con la conoscenza e la giusta combinazione di grassi e proteine puoi vivere in modo sano. Un modello per questo (con circa l'81 / 10/09) è, ad esempio, Erb-Muesli , che copre le esigenze quotidiane di acido alfa-linolenico (ALA).

Esistono varianti peggiori, note come 90/5/5 o crudiveganos a basso contenuto di grassi. In alcune lingue, Wikipedia raccoglie questa variante nel veganismo crudo , che non è del tutto corretto.

Anche i frutariani , noti come frugivoristi, sono a rischio. I giovani possono seguire le diete fruttate o frugivoriane con grande entusiasmo e avere grandi prestazioni fisiche per un bel po 'di tempo. Sfortunatamente, questo comportamento può essere dannoso. Ulteriori informazioni al riguardo sono disponibili in inglese .

Il passaggio a una dieta cruda comporta molti pericoli, ma anche maggiori benefici rispetto a qualsiasi altro tipo di dieta. In generale, l'uso di cibi crudi è combattuto con entusiasmo, poiché questa dieta produce anche abitudini alimentari errate. Il problema più grande è di solito la mancanza di varietà di nutrienti. 8

Un altro errore sono gli oli da cucina e il consumo di alcune noci che hanno una cattiva proporzione di acidi grassi omega-6 e omega-3. Tuttavia, questa discussione è andata oltre negli Stati Uniti.

Riesgo de muerte súbita en función de la concentración de ácidos grasos omega-3 en sangre

Che cos'è una dieta sana?

Una dieta sana si basa principalmente su verdure, frutta, semi, noci e alghe, tenendo sempre conto di alcuni dati che la nostra pagina diet-health.info include sempre in ogni alimento ( ingrediente della ricetta ). Il modo più semplice per raggiungere l'equilibrio nutrizionale è aggiungere alcuni insetti o pesci alla dieta, specialmente quando si tratta delle proporzioni di ALA , EPA e DHA quando non sono adeguati. 9 Come con altri tipi di nutrizione, è molto importante prestare attenzione ad alcuni aspetti che spiegheremo di seguito.

CLICK FOR: Anche gli amanti dei prodotti animali vengono danneggiati. In caso contrario.

Il quotidiano tedesco Süddeutsche Zeitung Ha pubblicato un articolo molto interessante sulla nutrizione, oltre a una serie di fotografie che mostrano diete primitive e modi curiosi di alimentazione: Das grosse Messen nach dem Fressen.

Gli Inuit e la loro breve aspettativa di vita : anche senza tenere conto della fascia di età compresa tra zero e quattro anni (alto tasso di mortalità infantile), potevano cacciare solo fino a 30 anni, perché in seguito erano considerati troppo vecchi . Genetica speciale ? Adesso anche peggio ? Cosa ne pensi del Dr. Thomas M. Campbell , figlio di Colin T. , autore di The Study of China ?

Fu lui a smascherare lo studio condotto nel 1964 da George Mann sul Masái , in cui affermava che il 60% della popolazione aveva meno di 44 anni e solo l'1% superava i 55. Inoltre, lo aveva dato per scontato e non indagato che questa città ha consumato molte proteine animali (sangue e latte). Risultato: con 35 anni erano già classificati come anziani.

Nonostante gli studi che mostrano il contrario, ci sono ancora molte persone che credono che gli Inuit abbiano meno problemi cardiovascolari di noi. Queste affermazioni fatte negli anni '60 sono state confutate più volte con studi scientifici. Vedi quello del 2003 e quello del 2010. 10,11 Inoltre, è stato scoperto anche il problema delle ossa, che era già noto nel 1974. 12

Tuttavia, la dieta Paleo o Paleolitica , introdotta da Walter L. Voegtlin nel 1975, ha ancora molti seguaci. È abbastanza simile alla dieta a basso contenuto di carboidrati o alla dieta Atkins del 1972. Entrambe le diete hanno ricevuto critiche che non sono sempre giustificate e le diverse fasi della dieta Atkins non sono riconosciute, ma in generale è chiaro che a lungo termine sono dannose. Il quotidiano tedesco Der Spiegel ha pubblicato che le diete povere di carboidrati aumentano il rischio di malattie cardiovascolari. Cinque grammi di proteine aumentano del 5% il rischio di malattie cardiovascolari . 13 In Svezia, è stato condotto uno studio con 96.000 donne. 49.000 persistono nei primi follow-up (1991/1992) e 43.396 nel 2007. Questo studio dipinge un quadro chiaro: si concentra sui possibili effetti avversi che questi tipi di diete possono avere sulla salute cardiovascolare se seguiti. su base regolare. 14

Errori nutrizionali dei vegani

Il percorso che esce dalla norma ( norma sociale ) è sempre complicato. La maggior parte viene gettata nel vuoto senza corda. Le mode trascinano spesso i giovani che non hanno un pensiero critico. Questo li porta a seguire diete piene di carenze che non devono essere "ovvie". Vi è anche un eccesso di alcune sostanze fondamentali. Quali sono i nutrienti cruciali? Come si può rilevare una carenza o un consumo eccessivo? È possibile che un vegano mangi meglio di un onnivoro? Nel paragrafo seguente troverai informazioni fondamentali su quali nutrienti sono cruciali.

Quali aspetti della nutrizione dovremmo considerare tutti?

I nutrienti che non solo i vegani o i vegani crudi devono prendere in considerazione:
  1. Il classico: vitamina B 12
  2. Il problema per "tutti": la vitamina D
  3. Fonti di iodio e vegani
  4. Proporzione di acidi grassi omega-6 e omega-3
  5. calcio

Ci sono molte ragioni che possono spingerci ad evitare determinati prodotti, ma non dovremmo essere troppo rigidi nelle nostre posizioni.

È più utile per un numero maggiore di persone astenersi dal consumare frequentemente prodotti di origine animale rispetto a meno persone seguono diete estreme. Questa posizione andrebbe a beneficio di persone, animali e ambiente.

Fondamentalmente, dobbiamo prestare attenzione a una serie di alimenti naturali che sono molto nutrienti ( norma sociale ). Tutti crediamo che mangiando frutta, legumi, verdure, cereali, noci, semi e acqua mangiamo sano. Questo è così se si mantiene l'equilibrio. Non importa se consumi carne o meno: devi chiedere consiglio per non soffrire di un deficit che passa inosservato per un po '.

La virtù è nella via di mezzo!

Se la carne viene consumata o meno, è consigliabile monitorare di volta in volta determinati parametri nel sangue e nelle urine. È inoltre possibile eseguire alcune analisi prima di iniziare la modifica e un anno dopo per confrontare i risultati.

Tuttavia, la maggior parte delle persone pensa solo a godersi il cibo e non la propria salute. Ad esempio, per usare meno sale e gustare i piatti in un altro modo, ci vogliono almeno tre mesi per adattarsi.

1. Il classico: vitamina B 12

Non tutti sono consapevoli del fatto che le persone che consumano carne possono anche soffrire di carenze di vitamina B 12 , chiamate anche cobalamina . Questo riguarda soprattutto gli anziani. Il corpo ha un meccanismo di riutilizzo altamente sviluppato. È sufficiente consumare piccole quantità per pasto, perché il corpo è in grado di assorbire, al massimo, due µg per pasto in situazioni normali. Abbiamo bisogno solo di 2-3 µg al giorno, quindi creiamo una riserva per circa tre o cinque anni.

Tuttavia, è comune soffrire di carenze di vitamina B 12 o cobalamina e che passino inosservati. I vegani consumano molta vitamina B 6 , che nasconde la mancanza di vitamina B 12 . La vitamina B 12 è in realtà un coenzima ( cofattore ), non una vitamina. Uno studio del 2010 ha stabilito che il 52% dei vegani, con 118 picomoli meno per litro, sono carenti di vitamina B12. 15

L'organismo soffre queste piccole carenze in silenzio. Questo deficit può indebolire o addirittura accorciare la nostra vita senza che ne siamo consapevoli, perché fino a quando compaiono i primi problemi possono passare anni. Se i livelli non sono corretti, si verificano i maggiori antipatie durante la gravidanza e l'allattamento. La cobalamina svolge un ruolo fondamentale nella divisione cellulare, nella produzione di sangue e nel funzionamento del sistema nervoso. A lungo termine, questa carenza può causare demenza e varie neuropatie.

Dato che siamo in grado di assorbire solo una quantità minima per pasto e che l'assorbimento diminuisce con l'età, il problema riguarda tutti noi.

Alcuni batteri sono in grado di sintetizzare la vitamina B 12 con il cobalto come atomo centrale. Lo stesso accade nei nostri due punti. Tuttavia, non siamo in grado di assorbire la vitamina B 12 lì, sebbene consumiamo carne su base regolare: abbiamo bisogno della produzione di fattore intrinseco, una glicoproteina necessaria per il trasporto, per essere intatta e per il buon funzionamento dell'intestino tenue. C'è l'ileo, che è in grado di assorbire i nutrienti.

I mammiferi in ebollizione risolvono il problema in un modo completamente diverso. Ad esempio, nel caso di conigli, batteri prodotti cieco vitamina B12 necessaria. I conigli consumano le palle di questi ciechi non appena vengono espulsi attraverso l'ano, vedere la cecotrofia . 16 È noto come coprofagia di comportamenti simili che si possono trovare nei roditori e nei cani. Anche gorilla e bonobo consumano le loro feci o il suolo. 17 Le mucche portano i batteri attraverso l'erba, che a loro volta erano fertilizzanti naturali.

Prima non avevamo tanta igiene nell'acqua potabile o nelle verdure, ma era abbastanza per noi. Un buon numero di seguaci del giainismo vive da 2500 anni seguendo una dieta vegana che passa di generazione in generazione e senza uccidere le piante. Sono tra le persone economicamente più potenti in India. Non potrebbero mai essere agricoltori e devono dedicarsi ad altre professioni. 18

Per i vegani, i vegetariani e, soprattutto, le persone anziane vengono applicate misure speciali per garantire che consumino abbastanza vitamina B 12 . La vitamina B 12 può essere trovata in diverse forme di cobalamina. Si credeva da tempo che alcune piante o batteri della spirulina fossero ricchi di vitamina B 12 , fino a quando non si è scoperto che era analogo. La spirulina (Spirulina maxima) contiene una pseudovitamina B 12 . Ha gli stessi recettori, ma non ha gli effetti della vitamina B 12 . Piuttosto fa male alla salute!

Ortaggi conservati per fermentazione lattica, alcune varietà di alghe e legumi, nonché piselli, fagioli, lupini e Zingiberales come zenzero contengono anche una piccola percentuale di vitamina B 12. 19

Nessuna dieta vegetale fornisce abbastanza vitamina B12 nei modi in cui il corpo è in grado di trarre vantaggio.

Circa dall'1 al 3% della cobalamina che consumiamo raggiunge il flusso sanguigno attraverso un meccanismo non specifico e il tratto gastrointestinale senza un precedente legame con un fattore di iniziazione. Con l'assunzione orale, l'assorbimento passivo di cobalamina diventa più importante. 20

La carenza di cobalamina può essere prevenuta con l'apposito supplemento o spray. Si consiglia un milligrammo al giorno. Un'altra alternativa sono le iniezioni di un millilitro di cobalamina ogni 4-6 mesi e, se possibile, nella forma biologicamente attiva, l'adenosilcobalamina (AdoCbl o fattore estrinseco) o la metilcobalamina, anziché la cianocobalamina. Quest'ultimo ha un'emivita inferiore nel corpo e il corpo deve ricostruirlo espellendo piccole quantità di acido cianidrico. Invece di ingerirlo quotidianamente, ho deciso di iniettare cobalamina nel grasso dello stomaco, ma uso un ago dentale da 0,4 mm di diametro anziché 0,8, 0,9 o persino 1,2 mm, Uso solo per la preparazione.

Le misurazioni vengono effettuate grazie al livello di omocisteina nel sangue. Tuttavia, valori elevati possono significare sia una mancanza di vitamina B 12 che acido folico. Il test della vitamina B 12 nel sangue è molto economico, ma non affidabile. Se si sospetta una carenza sospetta, l'acido metilmalonico (MMA) deve essere controllato nelle urine. Il livello di creatinina nelle urine equilibra gli effetti della soluzione. Inoltre, viene misurata l'olotranscobalamina nel siero. Se il motivo non è la dieta, viene eseguito il test di Schilling o il test di soppressione della deossiuridina.

2. Il problema per tutti: la vitamina D

Nelle zone temperate tutti dovrebbero essere consapevoli del problema. Attraverso il cibo possiamo solo assorbire una frazione della vitamina D necessaria e l'esposizione al sole è essenziale. Tuttavia, dopo circa 20 minuti esposti a radiazioni UVB adeguate senza protezione solare, abbiamo smesso di produrre vitamina D.

In inverno possiamo anche ottenere la quantità necessaria di vitamina D se siamo esposti al sole a un'altezza di almeno 1500 metri. Al di sotto di tale altitudine, l'angolo di incidenza in inverno è tale che c'è troppa massa d'aria tra il sole e noi e l'effetto non si verifica. La durata delle nostre riserve di vitamina D è di tre settimane.

Secondo un recente studio condotto da alcuni dermatologi, una persona affetta da cancro della pelle trarrebbe beneficio dall'esposizione al sole (ma non troppo).

Il dermatologo Richard Weller spiega nel suo discorso TED (in inglese, con i sottotitoli spagnoli disponibili) perché è vitale per noi ricevere una certa quantità di luce solare. I raggi UVA riducono la pressione sanguigna e, quindi, aiutano a combattere le malattie cardiovascolari, mentre i raggi UBV ci forniscono la vitamina D. necessaria Lo studio rivela: ci sono centinaia di volte più morti per malattie cardiovascolari che per cancro della pelle.

È importante che ci sia un buon equilibrio di raggi UV per sapere se l'integrazione o l'alimentazione sono in grado di risolvere tale carenza di vitamina D. Puoi anche vedere il vero studio pubblicato sull'Oxford Academic European Heart Journal . 21

In questo link troverai ingredienti e ricette vegani legati all'assunzione di vitamina D. Funghi e avocado (DEBInet 3,43 µg / 100g) forniscono quantità significative. Attraverso il cibo otteniamo tra il 10 e il 20% dell'importo di cui abbiamo bisogno in totale. L'OMS (2004) ha raccomandato che l'assunzione attraverso l'alimentazione sia di 5 µg / die nei bambini e negli adulti fino a cinquant'anni, da 10 µg / die a 65 e 15 µg / die da quel momento.

CLICK FOR: Dettagli sulla vitamina D

La vitamina D può essere misurata in diversi modi. Un'unità di vitamina D, chiamata anche UI, corrisponderebbe a 0,025 µg, ovvero 1 µg è 40 UI. Inoltre, diverse agenzie ufficiali o molto competenti consigliano importi completamente diversi, a partire da 800 a 2000 UI del DGE, ovvero tra 20 e 50 µg, non si può subire un sovradosaggio a causa dell'esposizione al sole o del cibo, continua integrazione di 100 µg al giorno o più, ovvero da 4000 UI al giorno. Una buona terapia è l'uso temporaneo di 4000 UI di colecalciferolo in soluzione oleosa.

È comune misurare la 25-OH-vitamina D 3 , nota anche come calcidiolo, che può essere trovata nel sangue una volta che il colecalciferolo ingerito (vitamina D 3 ) è stato metabolizzato. Se necessario, il corpo (reni, cellule) lo trasforma nel vero ormone (25-diidrossicolecalciferolo-vitamina D 3 ). La regolazione della vitamina D nel corpo può essere modificata, ad esempio, da un disturbo alla tiroide o da una significativa carenza di magnesio. In quel caso, ci sono livelli molto bassi di 25-OH-D 3 e livelli molto alti di "calcitri ..".

L' articolo di Wikipedia sulla vitamina D approfondisce questo problema e collega a testi specializzati. Negli ultimi anni sono state condotte ulteriori ricerche su questo argomento, ma tali informazioni non hanno raggiunto la popolazione.

1,25 (OH) 2D3 si trova in una concentrazione inferiore rispetto a 25 (OH) D3 e anche, principalmente, nel sangue con una proteina del linker della vitamina D (legame inglese). La concentrazione, in particolare 1,25 (OH) 2D3 ("calcitri .."), è strettamente regolata e correlata alla sua attività. È anche ampiamente indipendente dalla concentrazione del suo precursore, l'idrossicolecalciferolo (calcidiolo) o la proteina del linker della vitamina D. L'assunzione attraverso il cibo copre, al massimo, tra il 5 e il 20% della quantità giornaliera necessaria di vitamina D. Pertanto, l'esposizione diretta al sole per produrre vitamina D3 è essenziale.

Il seguente studio mostra che i livelli medi di vitamina D in Germania sono solo 16 ng / ml: Kipshoven , Christoph . Querschnittsstudie zur Abschätzung des Vitamin-D-Status in der Bevölkerung in Deutschland (DEVID-Studie) - Studio trasversale per studiare lo stato della vitamina D nella popolazione tedesca (studio DEVID). Diss. Köln, Univ., Diss., 2010, 2010. Tuttavia, il problema è molto controverso, poiché i supplementi sono un grosso problema.

Per determinare i livelli di vitamina D 3 , viene eseguito un test di 25-idrossi-vitamina D ed è sufficiente una goccia di sangue dalla punta delle dita o sangue venoso prelevato dal medico. Esistono anche test che possono essere eseguiti a casa con alcune gocce di sangue dalla punta delle dita e quindi inviati al laboratorio. Dopo alcuni giorni, i risultati possono essere consultati online. I produttori di test spiegano che i valori raccomandati sono compresi tra 35 e 60 ng / ml. Ciò significa tra 87 e 150 nmol / l. La carenza si verifica a valori inferiori a 20 ng / ml (50 nmol / l).

3. Iodio e fonti vegane

Lo iodio è importante per la produzione di tiroxina (T4) e triiodotironina (T3). La maggior parte degli stati ha adottato misure diverse affinché la popolazione riceva abbastanza iodio nella propria dieta. Lo iodio viene introdotto nel sale da tavola e l'industria alimentare lo include anche in numerosi alimenti. Fabbisogno giornaliero di iodio: 150 (200 µg per donne in gravidanza) secondo la FDA degli Stati Uniti. La quantità massima raccomandata al giorno è di 500 µg, ma a lungo termine occorrerebbe il doppio per subire effetti negativi.

Le persone che seguono diete a base di alimenti naturali dovrebbero prestare attenzione ai livelli di iodio.

Se non lo sapevi e ti piacciono le alghe, con loro ottieni una buona quantità di iodio (anche troppo).

Vedi il testo sull'alga bruna : un grammo di alghe contiene 3000 µg, cioè 3 milligrammi, che è già dieci volte la quantità giornaliera raccomandata. La percentuale di iodio può essere ridotta fino al 95% se vengono immersi per diverse ore o cotti. L'alga Wakame è una fonte abbastanza adatta, con tra 4200 e 10 000 µg / 100g, purché si presti attenzione alla frequenza e alla quantità. In confronto, le alghe rosse, come la Nori , contengono solo 300 µg / 100 g.

Poiché il corpo immagazzina tra 10.000 e 20.000 µg, ovvero il fabbisogno annuale, è facile coprire i bisogni di base con un po 'di wakame ogni mese. Tuttavia, le alghe wakame sembrano grezze, ma non lo sono. Se si comprende questo problema, lo iodio non pone alcuna difficoltà, poiché la riserva dura a lungo e i limiti di tolleranza non sono particolarmente rigidi.

Nel menu a discesa troverai informazioni sulla percentuale di iodio contenuta in alcuni alimenti, come alghe brune, spirulina o alghe rosse. Quindi puoi facilmente configurare un piano a tuo piacimento che ti fornirà abbastanza iodio di volta in volta. Inoltre, altri alimenti contengono almeno tracce di iodio. Sfortunatamente, le aziende non hanno l'obbligo di incorporarle nell'etichetta nutrizionale, quindi di solito mancano informazioni.

D'altra parte, la somma delle quantità di iodio ingerite non deve superare i 20.000 µg (20 mg) al mese. Questo può accadere se vengono consumate alghe industriali essiccate da marchi come Assi o Eaglobe, secondo l'organizzazione dei consumatori e degli utenti di Warentest . 22 L'organizzazione sconsiglia il consumo di questo tipo di alghe. Ciò non influisce sui giapponesi, che hanno una maggiore tolleranza per ragioni genetiche.

Con un'assunzione sufficiente, l'escrezione di iodio attraverso l'urina dovrebbe superare 75 µg per grammo di creatinina. 23,24

CLICK FOR: Uno sguardo allo iodio contenente diverse alghe

Nome famiglia µg / 100g
Kelp (Laminaria) Alghe marroni 300-000
Fucus vesiculosus Alghe marroni 300'000
kombu Alghe marroni 200'000
Arame Alghe marroni 70'000
Wakame Alghe marroni 4200
spirulina Alghe Blu * 456
Nori ** Alghe rosse 317
Irish Moss Alghe rosse 50
Seetang Alghe rosse 50
Fungo fungo confronto 27

* La spirulina è stata considerata un'alga blu fino a quando non si è scoperto che sono cianobatteri.

** Le foglie di alga Nori di solito pesano al massimo 2,5 o 3 grammi ed è normale arrostire leggermente, ed è così che acquisiscono quel colore verdastro anziché marrone. Nel caso dell'alga nori, su alcuni siti Web è possibile trovare informazioni nutrizionali che parlano fino a 8000 µg per 100 grammi.

L'Istituto Federale Tedesco per la Valutazione del Rischio ( BfR ) raccomanda di non consumare alghe secche contenenti 2000 µg per 100 grammi o più, poiché potrebbero essere dannose per la salute (2004).

Le autorità svizzere hanno distribuito compresse di ioduro di potassio tra la popolazione che vive entro un raggio massimo di 50 chilometri da una centrale nucleare. Dopo un ipotetico avvertimento, dovrebbero consumare due pillole al giorno, il che significherebbe circa 100.000 µg di iodio al giorno. In caso di incidente atomico che perde isotopi radioattivi di iodio, iodio-131, le compresse proteggono dal cancro alla tiroide. In Germania, queste compresse sono distribuite da 25 chilometri a 100 nel raggio dell'incidente. Lo iodio-131 ha un'emivita di circa otto giorni. Questo eccesso di iodio può causare tiroide iperattiva (ipertiroidismo), malattia di Graves-Basedown o tiroide di Hashimoto e causare un'ostruzione nell'assorbimento di iodio (effetto Wolff-Chaikoff). Questi dovrebbero essere considerati mali minori.

4. Proporzione di acidi grassi omega-6 e omega-3

Fu solo all'inizio del millennio che si cominciò a dire che vegetariani, vegani e crudisti avevano una proporzione peggiore di acidi grassi essenziali rispetto agli onnivori. L'acido linoleico (LA) , noto come acido grasso omega-6 e acido alfa-linolenico (ALA) , chiamato anche acido grasso omega-3, dovrebbe essere consumato nella stessa proporzione (1: 1) In poche parole, LA favorisce l'infiammazione, mentre ALA la previene. In Giappone, è stato osservato un rapporto 2: 1 a metà del XX secolo. Nei paesi industrializzati, le proporzioni di 4: 1 o 5: 1 sono state considerate buoni risultati anziché 10: 1 o più. 25,26

L'olio d'oliva, che viene utilizzato in eccesso e riutilizzato nell'industria, ha conseguenze fatali

Questo è chiaramente percepito negli Stati Uniti, perché lì soffrono questo problema anche più che in Europa. Alcuni importanti medici, come Michael Klaper , spiegano la situazione nel seguente video di YouTube , che purtroppo è disponibile solo in inglese. Commenta anche affermazioni completamente false che circolano sulla dieta mediterranea.

Michael Greger arriva al punto e descrive la situazione molto chiaramente. Sfortunatamente, per difendere il cibo senza olio devi alzare la voce e armarti di pazienza. La sua conferenza è del 2003 e non è che le cose siano cambiate molto da allora.

Se necessario, il nostro corpo trasforma ALA, l'unico acido grasso omega-3 essenziale, in acido eicosapentaenoico (EPA) e, se necessario, in acido docosaesaenoico (DHA) . Entrambi gli acidi grassi omega-3 non essenziali a catena lunga sono ottenuti da pesci ricchi di grassi.

Vegetariani, vegani e alcuni crudisti possono porre la pietra angolare di quel rapporto 1: 1 con Erb-Muesli , che copre le esigenze quotidiane degli acidi grassi omega-3 (ALA). Inoltre, questa ricetta ha altri effetti positivi che possono essere visti nelle tre tabelle incluse nelle ricette.

CLICK FOR: Il modo per ottenere abbastanza acidi grassi omega-3

Redaction comment

Dato che prendiamo sempre la miscela di semi e il macinacaffè elettrico in tutti i nostri viaggi e vacanze, sono passati anni dalla colazione questo muesli ogni giorno. Nonostante la mia buona salute fisica a 81 anni, volevo sapere se l'effetto del muesli può anche essere visto nel sangue e il 14 luglio 2017 ho eseguito alcuni test per determinare in quale stato sono i miei acidi grassi nel sangue.

Come previsto, il rapporto afferma: una composizione piuttosto insolita di acidi grassi polinsaturi omega-3. Innanzitutto, si apprezza una concentrazione notevolmente elevata di acido alfa-linolenico. Questo acido alfa-linolenico omega-3 appare in valori di 41 milligrammi per litro, quindi supera significativamente i valori medi tra 15 e 33 milligrammi per litro. Questo perché l'acido linoleico "cattivo" (LA) è inferiore all'intervallo normale.

Sono state anche osservate altre anomalie, come una bassa concentrazione di colesterolo. Anche i livelli di acidi grassi saturi come acido miristico, acido palmitico o acido stearico sono inferiori ai valori usuali. Ancora una volta, una deviazione positiva dal normale cibo occidentale. Lo stesso vale per l'acido palmitico monoinsaturo e l'acido oleico, nonché l'acido arachidonico (AA), che favorisce le infiammazioni nel corpo che si verificano da Los Angeles e in cui ho ottenuto 120 milligrammi per litro anziché tra 185 e 340 milligrammi al solito. Molto probabilmente, questo è dovuto al fatto di aver rinunciato a qualsiasi tipo di olio per anni.

Tuttavia, il mio sangue ha mostrato bassi valori di EPA e DHA e si è concluso che i livelli di desaturasi potrebbero essere insufficienti. Più avanti spiegherò se ciò è dovuto al sangue che ho perso per un po 'di tempo a causa del papilloma vescicale o se il corpo produce solo ciò di cui ha bisogno. Il 17 luglio 2017, dopo più di 12 anni, il mio papilloma è stato rimosso con la tecnica TURB.

I seguenti libri di medici americani raccomandano di astenersi completamente dagli oli:

John A. McDougall: la soluzione di amido.
Michael Klaper : gravidanza, bambini e dieta vegana.
Caldwell B. Esselstyn : gravidanza, bambini e dieta vegana.
Michael Greger : Come non morire - scopri gli alimenti scientificamente provati per prevenire e invertire le malattie.
Fuhrman : la fine della dieta.

Sicuramente ci sono più medici che raccomandano di evitare tutti i tipi di oli, ma non ne ho studiato di più. Sulla stessa linea c'è il Dr. Neal D. Barnard con: Power Foods per il cervello - un efficace piano in 3 fasi per proteggere la tua mente e rafforzare la tua memoria.

CLICK FOR: Maggiori informazioni per le persone interessate alle diete vegane e all'uso dell'olio.

Dall'articolo di Wikipedia Nutrizione vegana :

1. Concetti di base

In base alle esigenze: con una conoscenza adeguatamente applicata puoi vivere in modo sano essendo vegano, ma una dieta vegana seguita dall'ignoranza può causare problemi di salute. Oltre ai problemi qui presentati con alcuni nutrienti, non dobbiamo dimenticare né ferro , zinco o riboflavina (vitamina B 2 ).

Tuttavia, abbiamo analizzato tre ricette da oltre 30 libri di ricette vegane e non crediamo che questa possa essere una difficoltà più che per le persone che seguono diete estreme, frutariani, ecc.

Non è molto chiaro cosa accada con EPA e DHA, due sostanze non essenziali che il nostro corpo può produrre dall'ALA (acido alfa-linolenico) e, sicuramente, nelle quantità di cui ha bisogno.

Sebbene una dieta vegana ben programmata ed equilibrata possa soddisfare le esigenze nutrizionali in tutte le fasi della vita, le diete mal pianificate possono produrre carenze di vitamina B 12 , vitamina D , calcio , iodio , ferro , zinco , riboflavina (vitamina B 2 ) Acidi grassi a catena lunga EPA e DHA e acidi grassi omega-3 .

fonti:

  • American Dietetic, Association ; Dietitians Of, Canada (2003). " Posizione dell'American Dietetic Association e Dietitians of Canada: Vegetarian Diets ". Giornale canadese di pratica e ricerca dietetica. 64 (2): 62–81. PMID 12826028. doi: 10.3148 / 64.2.2003.62.
  • Key, Timothy J.; Appleby, Paul N.; Rosell, Magdalena S. (2007). " Effetti sulla salute delle diete vegetariane e vegane ". Atti della Nutrition Society. 65 (1): 35–41. PMID 16441942. doi: 10.1079 / PNS2005481.
    • Per vitamina D e calcio: Appleby, P; Roddam, A; Allen, N; Key , T (2007). " Rischio di frattura comparativo in vegetariani e non vegetariani in EPIC-Oxford ". Giornale europeo di nutrizione clinica. 61 (12): 1400-6. PMID 17299475. doi: 10.1038 / sj.ejcn.1602659.
    • Per il ferro: " Carenza di ferro - adulti" . Better Health Channel Governo di Victoria, Australia. Recuperato il 4 febbraio 2011. Gruppi ad alto rischio come vegetariani, adolescenti e donne, gli atleti devono mangiare ogni giorno cibi ricchi di ferro (combinati con cibi ricchi di vitamina C). … I vegetariani che escludono tutti i prodotti di origine animale dalla loro dieta potrebbero aver bisogno di quasi il doppio di ferro nella dieta ogni giorno rispetto ai non vegetariani. Le fonti includono verdure a foglia verde scuro - come spinaci - e uvetta, noci, semi, fagioli, piselli e cereali, pane e pasta fortificati con ferro. [ fonte medica inaffidabile? ]

2, cosa ne dicono alcuni medici di prestigio a riguardo?

Gli otto dottori di cui parleremo in seguito sono i sostenitori più noti di un'alimentazione sana negli Stati Uniti. Gli otto raccomandano di non consumare oli. Joel Fuhrman e Michael Greger si contraddicono solo per quanto riguarda il ruolo dei pazzi.

Sottolineiamo che dovresti optare per quelle noci che hanno una buona proporzione di LA: ALA e assicurarti che appaiano sempre nella tabella dei nutrienti essenziali dei nostri ingredienti e ricette.

I dottori Dean Ornish , T. Colin Campbell , John A. McDougall , Michael Klaper , Caldwell Esselstyn , Michael Greger , Joel Fuhrman e Neal D. Barnard affermano che i grassi animali e le diete ricche di proteine, come la dieta americana standard , sono dannoso per la salute. [qui 1,2,3 ] Sostengono anche che un cambiamento di vita che includa una dieta vegana di alimenti non trasformati potrebbe non solo prevenire diverse malattie degenerative , come la malattia coronarica , ma anche invertirle. [qui 4,5,6,7,8 ] Alcuni documentari, come Fat, Sick e Almost Dead , Planeat o Forks sui coltelli, si concentrano sui presunti benefici per la salute delle diete a base vegetale . Sebbene vi sia un consenso generale tra i medici che sostengono le diete vegetali, Joel Fuhrman e Michael Greger non condividono la loro visione con Campbell ed Esselstyn sull'uso di noci e semi. [qui 9]

fonti:

  1. Segelken, Roger (2001-06-28). " Studio cinese II: passare alla dieta occidentale può portare malattie di tipo occidentale ". Cornell Chronicle Estratto il 15-09-2006.
  2. " Progetto Cina-Cornell-Oxford su nutrizione, ambiente e salute alla Cornell University ". Divisione di scienze nutrizionali. Università Cornell Estratto il 15-09-2006.
  3. Barnard, Neal D. (2007). Programma del Dr. Neal Barnard per l'inversione del diabete. New York: Rodale. pp. 40-50. " Metti da parte i prodotti animali"
  4. Ornish, D.; Brown, SE; Billings, JH; Scherwitz, LW; Armstrong, WT; Porti, TA; McLanahan, SM; Kirkeeide, RL; Gould, KL .; et al. (1990). "I cambiamenti nello stile di vita possono invertire la malattia coronarica? ". The Lancet 336 (8708): 129–33. PMID 1973470. doi: 10.1016 / 0140-6736 (90) 91656-U.
  5. G oldhamer, Alan C.; Lisle, Douglas J.; Sultana, Peter; Anderson, Scott V.; Parpia, Banoo; Hughes, Barry; Campbell, T. Colin (2002). " Il digiuno medico solo supervisionato dall'acqua nel trattamento dell'ipertensione borderline ". Il diario di medicina alternativa e complementare. 8 (5): 643–50. PMID 12470446. doi: 10.1089 / 107555302320825165.
  6. McDougall, John; Bruce, Bonnie; Spiller, Gene; Westerdahl, John; McDougall, Mary (2002). " Effetti di una dieta vegana a bassissimo contenuto di grassi nei soggetti con artrite reumatoide ." Il diario di medicina alternativa e complementare. 8 (1): 71–5. PMID 11890437. doi: 10.1089 / 107555302753507195.
  7. Esselstyn, Caldwell B (1999). " Aggiornamento di un'esperienza di 12 anni con la terapia di arresto e inversione per malattia coronarica (un requisito in ritardo per la cardiologia palliativa) ". L'American Journal of Cardiology. 84 (3): 339–41, A8. PMID 10496449. doi: 10.1016 / S0002-9149 (99) 00290-8.
  8. Barnard, ND; Cohen, J; Jenkins, DJ; Turner-Mcgrievy, G; Gloede, L; Jaster, B; Seidl, K; Verde, AA; Talpers, S (2006). " Una dieta vegana a basso contenuto di grassi migliora il controllo glicemico e i fattori di rischio cardiovascolare in una sperimentazione clinica randomizzata in soggetti con diabete di tipo 2 ". Cura del diabete 29 (8): 1777–83. PMID 16873779. doi: 10.2337 / dc06-0606.
  9. " The Diet Wars: The Time for Unification Is Now " (PDF). La newsletter di McDougall (volume 11, numero 8). Agosto 2012

    Anche i crudisti sono sedotti dal culto del petrolio, senza sapere che accorcia le loro vite, favorisce le infiammazioni e provoca malattie coronariche . In questo senso, ci sono molti critici, vegani e vegetariani che mangiano peggio degli onnivori e hanno valori medi terribili in termini di rapporto tra acidi grassi omega-6 e omega-3, con tra 17: 1 e 24: 1, per esempio.

    Gli effetti a lungo termine includono infiammazione e dolore, sangue più "denso", pressione sanguigna più alta, minore stabilità dei livelli di zucchero nel sangue, più trigliceridi e colesterolo LDL, allergie, artrite reumatoide, demenza (Alzheimer), problemi digestivi, depressioni, ecc. 27

    Niente è solo bianco o nero. Pertanto, si comprende che l'industria presenta ancora e ancora studi unilaterali, ma ovviamente solo quelli che lasciano il petrolio al posto giusto.

    Pochissimi oli hanno una buona proporzione, come olio di semi di lino (1: 3,7!), O olio di canola (2: 1, circa). L'olio di noce (5: 1) approva i capelli, ma l'olio d'oliva ci dà un terribile 11,5: 1 e lo consumiamo in grandi quantità. Secondo alcuni studi (vedere il link), il modo migliore per ottenere una riduzione del rischio assoluto ( RA ) è con un consumo di grassi del 20% o inferiore, compreso l'apporto calorico totale.

    In generale, si osserva che gli alimenti trasformati, soprattutto per quanto riguarda i grassi e gli oli per motivi tecnici, creano una proporzione dannosa per la salute. Questo ha un motivo molto chiaro e le parole chiave sono "grassi saturi". 28

    CLICK FOR: Proporzione di acidi grassi omega-6 e omega-3 in oli, noci e semi

    La tabella mostra diversi gruppi alimentari e la loro proporzione dal migliore al peggiore.

    Cibo crudo LA g / 100g WING g / 100g LA: ALA semplice saturato Grassi g / 100g
    oli Ø 99,5 g
    Olio di semi di lino (spremuto a freddo) 14.28 53.09 1: 3.7 18.44 8.98 100
    Olio di canola (spremuto a freddo) 18.97 9.42 2: 1 63.28 7.36 100
    Olio di noci 52.65 11.30 4.6: 1 22.8 9.1 100
    Olio d'oliva (extra vergine) 8.24 0,78 10: 1 72.96 13.81 98.11
    Olio di palma 9.10 0.20 45: 1 37.0 49.3 97.60
    Olio di semi di zucca 47.74 0.49 97: 1 28.01 17.65 99.30
    Olio di sesamo (spremuto a freddo) 42.05 0.35 120: 1 39.7 14.2 100
    Olio di cocco vergine * 1.34 0.01 127: 1 6.33 82.48 99.60
    Olio di semi di girasole (spremuto a freddo) * 64.70 0,11 616: 1 19.5 10.3 100
    Olio di arachidi 26.80 0.01 4872: 1 46,2 16.9 100
    Frutta secca
    Noci di macadamia * 1,50 0.61 2.4: 1 58.88 12.06 72.72
    noccioline 39.85 9.59 4.1: 1 22.8 9.1 66.42
    pecan 17.92 0.88 20: 1 46.44 5.57 70.30
    pistacchi 13.20 0.25 52: 1 23.26 5.91 36.77
    Noccioline * 14.28 0.25 57: 1 24.43 6.28 47.18
    Pinoli 22.87 0,36 64: 1 18.76 4.9 49.39
    nocciole 6,69 0.10 70: 1 45.65 4.46 60.29
    Anacardi 8.28 0,08 103: 1 23.8 7.78 43.27
    mandorle 10.97 0.02 548: 1 31.55 3.8 61.75
    semi
    Semi di lino 5.65 21.41 1: 3.7 7.53 3.66 38.20
    chia 5.72 19.37 1: 3.3 2.31 3.33 30.75
    Semi di canapa 28.88 8.69 3.3: 1 51.95
    lupini 2.00 0.45 4.4: 1 7.46
    quinoa 2.69 0.23 11: 1 5.76
    grano saraceno 0.96 0,08 12: 1 3.40
    Fabuco 18.75 1.25 14: 1 50.00
    miglio 1.81 0,11 16: 1 3.75
    sesamo 20.04 0.54 37: 1 48:78
    amaranto 2.77 0,07 39: 1 6.76
    Semi di papavero 28.30 0,27 104: 1 44.93
    Tubi di zucca * 20.00 0,07 307: 1 47.68
    Piselli Di Girasole 19.84 0.03 661: 1 36.21
    altro
    Ceci Verdi 0,80 0.60 1.3: 1 3.40
    Bacche Di Biancospino 2.60 1.80 1.4: 1 7.10
    Olive verdi 1.10 0.10 11: 1 12.40
    Ceci (maturi) 2.05 0.10 20: 1 4.05
    avena 2.56 0,11 24: 1 7.10

    I valori provengono da USDA ( US Department of Agriculture ), Önwt (Austrian Nutrition Chart) e Debinet . Da loro abbiamo calcolato una media.

    * Ingredienti in cui i dati di origine differiscono notevolmente.

    5. calcio

    L'industria lattiero-casearia assicura che si possano trovare i dati relativi alle esigenze quotidiane del calcio senza problemi come, ad esempio, il valore di riferimento DA-CH compreso tra 1000 mg e 1,2 g al giorno o quello del servizio nazionale di Salute del Regno Unito ( NHS) , che lo colloca a 700 mg. Tali cifre sono ben argomentate. 29

    È interessante notare che le raccomandazioni dell'OMS sull'assunzione di calcio nei paesi che non producono latte sono solo 400-500 mg al giorno, mentre nei paesi produttori è di 900-1500 mg al giorno. Tutte le raccomandazioni tengono conto del fatto che siamo in grado di assorbire solo tra il 20 e il 40% del calcio che consumiamo. Se il corpo ha abbastanza vitamina D, la percentuale di assorbimento è più alta.

    L'eccessiva assunzione di proteine (fosfati) è la causa principale della perdita di calcio. Pertanto, sono principalmente i latticini, la carne e il latte a causare la perdita di calcio a causa dell'alta percentuale di aminoacidi solforati che contengono ( sintesi di aminoacidi ) e sodio . Nel 2001, la Corte suprema federale svizzera ha stabilito che l'industria lattiero-casearia non poteva usare lo slogan secondo cui il latte rafforza le ossa "o" Il latte fa bene alle ossa e il messaggio che il calcio nel latte può essere usato per Combatti l'osteoporosi L'industria non può più utilizzare questo tipo di richieste in Svizzera. 30

    Sfortunatamente, il mercato degli additivi alimentari è molto redditizio, quindi queste società finanziano studi scientifici e usano enormi quantità di denaro per sponsorizzarle. I pericoli sono ben nascosti, come evidenziato da questo studio neutrale di maggio 2017. 31

    I paesi che consumano meno latte e latticini sono anche quelli con la minore incidenza di osteoporosi. E viceversa!

    Praticamente tutte le spezie naturali sono ricche di calcio. Nella maggior parte dei casi, suppone anche più dell'1% del suo peso ( basilico essiccato , ad esempio 2,2 g / 100 g), ma viene consumato solo in piccole quantità. I semi di papavero contengono 1438 mg, sesamo tra 780 mg e 1 g, semi di chia 630 mg, senape e ortica 500 mg, mandorle e semi di lino, 250 mg. Sono seguiti da semi di soia con 200 mg, varie erbe, noce moscata o aglio. Fagioli, amaranto (fino a 500 mg), cavoli, alghe wakame, curcuma o rucola contengono 150 mg. Qualcosa di meno ricco di calcio sono cacao, wasabi, crescione, spirulina, nocciole e, infine, latte.

    Arachidi, pistacchi, broccoli, cavoli cinesi, cicoria, finocchi, noci, borragine, erba cipollina o noci di macadamia contengono 100 mg per 100 g. Numerose verdure, semi e noci contribuiscono alla metà. A causa dell'acido ossalico che contengono, non dovremmo abusare di rabarbaro, bietole o spinaci, nonostante siano ricchi di calcio.

    Tutti questi valori riflettono che un vegano che si nutre in modo naturale e consuma verdure, spezie, erbe, semi e noci può soddisfare perfettamente le tue esigenze quotidiane. Inoltre, si tratta principalmente di alimenti alcalini, quindi il corpo non espelle il calcio, contrariamente a quanto accade con i prodotti lattiero-caseari.

    Anche il consumo di diversi tipi di acqua minerale ricca di calcio può aiutare. Si consiglia di non superare i 100 millilitri. In teoria, due litri di una determinata acqua minerale sarebbero sufficienti a coprire le esigenze quotidiane. Tuttavia, è importante prestare attenzione alla percentuale, poiché varia da 1 mg per 100 ml a più di 60 mg per 100 ml.

    Scheda per acqua potabile (acqua dolce naturale senza additivi) come esempio: la fonte di montagna Meggen ha 41,3 mg / l (ovvero 4,1 mg / 100 ml) di calcio a pH 7,93. Questo è 12 volte meno di un'acqua minerale selezionata. Almeno in Svizzera, l'acqua potabile varia notevolmente, da circa 0,2 mg / 100 ml a 15 mg / 100 ml a seconda della città. Con alcune eccezioni come Schaan di 41 mg / 100 ml. Prestare attenzione anche al contenuto di magnesio.

    CLICK FOR: Calcio in acqua minerale

    D: Nome (Sparmedo) mg / 100 ml A: Nome (mokant) mg / 100 ml CH: Nome (profarma) mg / 100 ml
    Bella Fontains 60 Rogaska 38 Adelbodner 58
    St. Anna Heilwasser 60 Lunga vita 27 I adello 53
    Teusser Medium 58 Juvina 25 Eptinger 51
    Aqua Römer 56 Alpquell 25 Contrex 47
    Residenz Quelle 56 Radenska 21 valser 42
    Förstina Sprudel 50 Johannisbrunnen 20 Aproz 36

    CLICK FOR: Il problema dei prodotti lattiero-caseari

    Dal libro " ¡Leche better no! ": Sappiamo che il calcio nel latte non raggiunge le ossa, tra le altre ragioni, a causa del suo pH acido, ma piuttosto satura il sangue, il che impedisce la sintesi della vitamina D. Senza Tuttavia, la vitamina D differenzia le cellule prostatiche sane e regola la proliferazione cellulare. Non aiuta affatto il fatto che il calcio nel latte sia assorbito più facilmente delle verdure. Il libro Better milk no! È, tra quelli che affrontano il tema quasi tabù del latte e dei prodotti lattiero-caseari da un punto di vista critico, il migliore.

    Il corpo sfrutta tra il 30 e il 40% del calcio che ottiene dalla dieta. A seconda della quantità di fosfati e aminoacidi solforati contenuti nel sangue, la perdita di calcio attraverso le urine è maggiore. L'eccessiva assunzione di proteine (fosfati) è la causa principale della perdita di calcio. I fosfati si legano al calcio e formano il fosfato di calcio (idrossiapatite). I livelli di fosfato sono strettamente correlati ai livelli di calcio.

    Pertanto, sono principalmente i latticini, la carne e il latte a causare la perdita di calcio a causa dell'alta percentuale di aminoacidi solforati che contengono ( sintesi di aminoacidi ) e sodio . Il latte è povero di magnesio, sebbene ciò sia essenziale per il trasporto e l'assorbimento del calcio. Il magnesio è ottenuto principalmente dalle verdure e per noi è essenziale che la percentuale di magnesio e calcio sia adeguata. Gli antagonisti del calcio o i bloccanti dei canali del calcio sono fosfati, ossalato, acido fitico, fibre, alcool e caffè. I fosfati di altri alimenti di origine animale e i livelli di calcio squilibrano i livelli di calcio e fosfato, causando l'eliminazione di più calcio nelle urine. 32

    Se il latte e i prodotti lattiero-caseari non vengono consumati, si potrebbe presumere che i livelli relativi alla quantità giornaliera raccomandata nei vegani dovrebbero essere molto più bassi rispetto a quelli degli onnivori. Tuttavia, la fragilità ossea aumenta quando l'assunzione di calcio è inferiore a 600 mg al giorno per un periodo di tempo prolungato. 33

    Nel caso dei bambini piccoli, è importante garantire un buon apporto naturale di calcio.

    Un test delle urine delle 24 ore indica la condizione. Normalmente, nelle urine sono comprese tra 100 e 300 mg al giorno. Ma a questo scopo può essere utilizzato anche un campione di sangue: un livello normale di calcio varia tra 8,5 e 10,2 mg per decilitro.

    L'acqua minerale è ricca di minerali. 1,5 litri possono soddisfare le esigenze del calcio.

    Un avvertimento

    I vegani ricevono abbastanza zinco se hanno una dieta completa e varia. Lo stesso vale per riboflavina (vitamina B 2 ), niacina (ex vitamina B 3 ) e acido pantotenico (vitamina B 5 ). Sorprendenti sono i testi che determinano che l'acido folico , cioè l'acido folico (ex vitamina B 9 , B 11 ) può essere problematico, perché i vegani tendono più all'eccesso se mangiano correttamente.

    Coprono anche anche il fabbisogno di aminoacidi essenziali, ad eccezione della metionina , che è appena raggiunta. Tuttavia, ottengono abbastanza L-cisteina per compensare. Semi di girasole, noci o legumi sono buone fonti.

    È anche interessante vedere che anche le esigenze di ferro sono coperte, cosa che può essere facilmente verificata se i dati che accompagnano le ricette sono consultati su diet-health.info . In ognuno di essi e negli ingredienti troverai tabelle con informazioni nutrizionali.

    Aspettativa di vita e futuro

    Grazie agli enormi progressi della medicina dalla seconda guerra mondiale, la nostra aspettativa di vita non ha smesso di aumentare. Ciò è stato raggiunto nonostante il fatto che le abitudini alimentari e lo stile di vita attuale siano mal concepiti. 34 Il risultato è un numero crescente di persone che, invece di raggiungere la vecchiaia in buona salute, arrivano con malattie gravi.

    L'eccesso di proteine animali, così come i cereali, ha portato all'aumento delle cosiddette "malattie della civiltà" e dell'obesità. Invece di trattare questi dati, non smettiamo di ascoltare previsioni seduttive sull'aumento dell'aspettativa di vita e non affrontiamo le ragioni che stanno causando la degenerazione della nostra società.

    Non sarebbe molto meglio chiedersi come possiamo mangiare meglio, anche come vegani? O soprattutto come vegani? Tuttavia, non vi è alcun problema più controverso delle abitudini alimentari e per buoni motivi. In breve: i produttori ci rendono felici (punto di felicità) con sale, zucchero e grassi. Il nostro cervello immagazzina emozioni e desiderio nell'amigdala, quella parte del nostro cervello responsabile di collegare i nostri successi con le emozioni. Quando sono soddisfatti, il nostro cervello rilascia endorfine e peptidi oppioidi che agiscono come oppiacei.

    L'agricoltura e l'industria alimentare hanno i soldi e il potere per attirarci ogni giorno con prodotti che ci stimolano in quel modo. E hanno anche una grande influenza sulla politica. Per i media, le entrate pubblicitarie sono molto importanti. E i medici sono a malapena addestrati nella nutrizione. Manca uno studio. Anche la famiglia e la società "determinano" chi siamo. 35

    CLICK FOR: Atleti straordinari che seguono diete vegane

    L'ultimissimo maratoneta Scott Jurek è vegano da alcuni anni e ha stabilito diversi record

    Dubito che ciò che fanno gli atleti d'élite sia veramente salutare, ma questo dimostra ciò che può essere ottenuto con uno stile di vita vegano.

    Brendan Brazier , Scott Jurek e Patrik Baboumian sono solo alcuni dei tanti atleti che, per molti anni, seguono una dieta vegana e sostituiscono naturalmente la vitamina B 12 .

    Le diete vegane contengono generalmente più fibre, magnesio, acido folico, vitamina C, vitamina E, ferro, sostanze vegetali secondarie, ecc. Rispetto a quelle onnivore. E tutto con meno calorie. D'altra parte, sono poveri di grassi saturi, colesterolo, acidi grassi omega-3 a catena lunga, vitamina D, calcio, zinco e vitamina B 12 , come spiega Wikipedia:

    Brendan Brazier (nato nel 1975) ha vinto, ad esempio, l' ultra - maratona di 50 chilometri Harrier Elk / Beaver del 2003, nonché l'ultramaratona di 50 chilometri di Toronto nel 2006. Nel suo libro, Brazier promuove le diete vegane con un buon percentuale di cibi crudi e consiglia di evitare sempre alimenti trasformati industrialmente, zucchero tradizionale e prodotti a base di cereali che contengono glutine .

    Scott Jurek , uno sportivo estremo (nato nel 1973), non consuma carne dal 1997 ed è vegano dal 1999. La sua più grande impresa è stata probabilmente quella di percorrere le 2168 miglia (ovvero 3489 chilometri) della pista degli Appalachi in modalità thru. Faccio un'escursione nel 2005, in cui ha battuto il record per tre ore eseguendolo in 46 giorni, 11 ore e venti minuti. Scott Jurek ha infranto così tanti dischi che devo, se vuoi saperne di più su di lui, devo rimandarti a Wikipedia .

    Il sollevatore di pesi Patrik Baboumian (nato nel 1979) non consuma carne dal 2005 ed è vegano dal 2011. Inoltre, dal 2011 è anche l'uomo più forte della Germania e nel 2012 ha stabilito il record mondiale per il sollevamento di una botte di birra con 150, 2 chili e sollevamento anteriore con 20 chili per 1:16:14 minuti. Nel 2013 ha anche battuto il record mondiale nel trasporto di giogo, con 550,2 chilogrammi e 10 metri a Toronto.

    Alcuni atleti, come Brendan Brazier , seguono diete vegane, incluso il veganismo crudo . [qui 2] Altri esempi di resistenza e forza includono l'ultra maratona Scott Jurek , che ha stabilito diversi record e ha vinto due ultra maratone seguendo una dieta vegana, così come il sollevatore di pesi Patrik Baboumian , che ha battuto quattro record mondiali seguendo una dieta vegana.

    Le diete vegane tendono ad essere più ricche di fibre alimentari, magnesio, acido folico, vitamina C, vitamina E, ferro e sostanze fitochimiche e minori di calorie, grassi saturi, colesterolo, acidi grassi omega-3 a catena lunga, vitamina D, calcio , zinco e vitamina B12. [qui 3] Poiché i cibi vegetali non contaminati non forniscono vitamina B12, (che è prodotta da microrganismi come i batteri ), i ricercatori concordano sul fatto che i vegani dovrebbero consumare cibi rinforzati con B12 o un supplemento giornaliero. [qui 4]

    fonti:

    1. Wikipedia über den Namen
    2. Berry 2007, pagg. 604–605 :
      1. Nonostante le difficoltà apparenti che una dieta vegana impone ai suoi praticanti, il veganismo è un movimento fiorente, specialmente tra i giovani americani. Negli sport di resistenza, come il triathlon Ironman e l'Utramarathon, i migliori concorrenti sono vegani che consumano gran parte del loro cibo vegano nel suo stato crudo. Anche i giovani culturisti e culturisti stanno gravitando su una dieta vegana, dando la menzogna all'idea che mangiare carne di animali sia essenziale per la forza e la resistenza. Brendan Brazier, un giovane atleta che si piazza regolarmente tra i primi tre in eventi internazionali di triathlon e che ha formulato Vega, una linea di prodotti di performance a base vegetale, ha detto dei suoi compagni atleti vegani: 'Stiamo iniziando a costruire una forte presenza in ogni sport.
      2. Vedi anche Nijjar, Raman . "Da atleti professionisti a CEO e ciambelloni, l'ascesa della dieta vegana ", CBC News, 4 giugno 2011.
      3. Per altri esempi di atleti di triathlon Ironman che sono vegani, vedi Scott, David e Heidrich, Ruth . " Vegetarian / Vegan Ironman and Ironlady ", European Vegetarian Union News, numero 4, 1997.
    3. Craig, Winston J. " Effetti sulla salute delle diete vegane ", The American Journal of Clinical Nutrition, 89 (5), maggio 2009, pagg. 1627S-1633S (articolo di revisione).
    4. Mangels, Reed; Messina, Virginia; e Messina, Marco . " Vitamina B12 (Cobalamina), " La guida del dietista alle diete vegetariane. Jones & Bartlett Learning, 2011, pagg. 181-192.
      1. Mangels, Reed . " Vitamina B12 nella dieta vegana ", gruppo di risorse vegetariane, consultato il 17 dicembre 2012: la vitamina B12 è necessaria per la divisione cellulare e la formazione del sangue. Né piante né animali producono vitamina B12. I batteri sono responsabili della produzione di vitamina B12. Gli animali ottengono la loro vitamina B12 mangiando cibi contaminati con vitamina B12 e quindi l'animale diventa una fonte di vitamina B12. Gli alimenti vegetali non contengono vitamina B12, tranne quando sono contaminati da microrganismi o con aggiunta di vitamina B12. Pertanto, i vegani devono cercare cibi arricchiti o integratori per assumere vitamina B12 nella loro dieta.
      2. Herbert, Victor . " Vitamina B12: fonti vegetali, requisiti e dosaggio ", American Journal of Clinical Nutrition, 48 (3), settembre 1988, pagg. 852-858.
      3. " Vitamina B12" , Ufficio degli integratori alimentari, National Institutes of Health , consultato il 17 dicembre 2012.
      4. Norris, Jack . " Vitamina B12: la stai ricevendo? ", Vegan Outreach, 26 luglio 2006: Contrariamente alle molte voci, non ci sono fonti vegetali affidabili e non fortificate di vitamina B12 ... [Esiste] un consenso travolgente nella nutrizione tradizionale comunità, così come tra i professionisti della salute vegani, che gli alimenti o gli integratori fortificati con vitamina B12 sono necessari per la salute ottimale dei vegani e anche dei vegetariani in molti casi. Fortunatamente, la vitamina B12 è prodotta da batteri in modo tale da non dover essere ottenuta da prodotti animali. "

    Gli onnivori tendono ad avere più problemi con questi cinque nutrienti

    Come spiegato sopra, i vegani che mangiano in modo naturale e vario non hanno problemi a ottenere zinco, riboflavina (vitamina B 2 ), niacina (ex vitamina B 3 ) e acido pantotenico (vitamina B 5 ). Non avere problemi non significa che se smettono di mangiare bene, non possono averli. Ma questo succede anche alle persone onnivore. Se diamo uno sguardo agli alimenti ricchi di questi nutrienti, ci rendiamo conto perché gli onnivori hanno maggiori probabilità di soffrire di queste carenze.

    • Lo zinco si trova principalmente nelle noci (noci, noci pecan), legumi (lenticchie), funghi e lieviti.
    • La riboflafina (vitamina B 2 ) si ottiene principalmente da verdure, legumi, broccoli, asparagi o spinaci.
      Lieviti, noci (mandorle), funghi e semi oleosi sono anche ricchi di riboflavina. Tuttavia, le donne in gravidanza e coloro che hanno problemi con l'alcol dovrebbero assicurarsi di consumare in media 1,5 mg di riboflavina al giorno. Questo può essere verificato con un test sul coefficiente di attivazione dell'eritrocita glutatione reduttasi (EGRAC). I livelli di riboflavina e FAD sono correlati allo stato nutrizionale. Questo succede anche con la (holo) glutatione reduttasi al di sopra del livello di glutatione reduttasi totale.
    • La niacina, nota anche come acido nicotico (ex vitamina B 3 ), si ottiene principalmente dalle arachidi (meglio se non sono arrostite e non hanno sale), crusca di frumento, datteri, funghi, lievito, legumi e albicocche secche. Tuttavia, il corpo è in grado di produrre niacina dal triptofano, un amminoacido e vegani che ne consumano una buona quantità.
    • L'acido pantotenico (vitamina B 5 ) si trova principalmente nei legumi (lenticchie), avocado, amaranto, cereali (riso integrale), cicoria, patate dolci e così via.
    • L'acido folico (acido folico) era precedentemente noto come vitamina B 9 , vitamina B 11 o vitamina M. I vegani che ricevono un minimo di orientamento consumano abbastanza lieviti, cereali integrali, legumi, verdure a foglia verde o semi diversi. Con tutto ciò ottengono abbastanza acido folico. La carenza di folati non è un problema per i vegani che consumano prodotti naturali, ma piuttosto per gli onnivori.

    Non è necessario essere una lince per rendersi conto che i legumi forniscono questi cinque nutrienti, in particolare fagioli, piselli, arachidi, ceci, lenticchie, soia o lupini.

    CLICK FOR: Gravi conseguenze in caso di carenza di folati

    La carenza di folati può avere conseguenze molto gravi. Nella malnutrizione dei nostri giorni a volte colpisce la gravidanza, causando malformazioni nel tubo neuronale. Questa malformazione si verifica durante le prime tre settimane di gravidanza, quando non ne sei ancora consapevole. Il nostro corpo ha bisogno di acido folico per replicare il DNA. Le donne che credono di poter essere in gravidanza dovrebbero prestare attenzione alla quantità di folati che consumano in modo che sia sufficiente.

    I livelli ematici di omocisteina aumentano quando non si assumono abbastanza vitamina B 12 , vitamina B 6 o acido folico. Ciò può causare danni ai vasi sanguigni. Aumenta anche il rischio di malattie cardiovascolari o aterosclerosi. Inoltre, è stato stabilito che questa mancanza è strettamente correlata alla comparsa di depressioni e demenze con l'età.

    Il rischio di malattia coronarica, cioè di patologie cardiovascolari, aumenta i valori dell'aminoacido omocisteina nel sangue. Queste malattie possono essere ipertensione, malattie coronariche, attacchi di cuore o qualsiasi condizione medica che colpisce le arterie. Il corpo è in grado di trasformare l'omocisteina in metionina con l'aiuto di acido folico e vitamina B 12 . 36

    Il corpo può anche convertire l'omocisteina in metionina con il conezima betaina. Per questo hai bisogno di abbastanza vitamina B 6 .

    La German Nutrition Society ( DGE ) raccomanda l'assunzione giornaliera di 300 µg di acido folico e 550 µg per le donne che vogliono rimanere incinta. La carenza di acido folico o altri nutrienti sopra menzionati può essere scoperta con un test sul livello di omocisteina nelle urine. Con uno stress test all'istidina, può anche essere diagnosticata una carenza di acido folico. Sfortunatamente, un eccesso di folati può nascondere una carenza di vitamina B 12 .

    Ferro: le donne dovrebbero tenerne conto in particolare

    Le persone vegane che seguono una dieta variata non devono preoccuparsi del ferro, poiché i loro livelli sono più alti dell'onnivoro medio. Il ferro può essere ottenuto da verdure a foglia verde, barbabietole, crescione, prodotti integrali, legumi e noci. Il ferro dagli alimenti vegetali viene assorbito meglio accompagnato dalla vitamina C, che può essere ottenuta da peperoni, cavolfiori, broccoli o un bicchiere di succo d'arancia. I vegani consumano vitamina C in grandi quantità, il che consente loro di trasformare il ferro trivalente in ferro bivalente. Gli onnivori ottengono ferro dal consumo di carne e uova.

    fonti

    1. Metz M, Hoffmann I. Effetti della nutrizione vegetariana - Una prospettiva ecologica nutrizionale. Sostanze nutritive. 2010; 2 (5): 496-504. ncbi.nlm.nih.gov / pmc / articoli / PMC3257660 /

    2. Roerecke M, Rehm J. Assunzione di alcol rivisitato: rischi e benefici. Curr Atheroscler Rep. 2012 dic; 14 (6): 556-62. ncbi.nlm.nih.gov / pubmed / 22864603

    3. Metz M, Hoffmann I. Effetti della nutrizione vegetariana - Una prospettiva ecologica nutrizionale. Sostanze nutritive. 2010; 2 (5): 496-504. doi: 10.3390 / nu2050496. ncbi.nlm.nih.gov / pmc / articoli / PMC3257660 /

    4. Piccoli GB, Clari R, Vigotti FN, Leone F, Attini R, Cabiddu G et all. Diete vegane-vegetariane in gravidanza: pericolo o panacea? Una revisione narrativa sistematica. BJOG. Aprile 2015; 122 (5): 623-33. ncbi.nlm.nih.gov / pubmed / 25600902

    5. Erb E. Schicksalsschläge, tödliche Krankheit, Gesundheit, Leben! diet-health.info/de/ 100001 / papers / 6156 /

    6. Ultime notizie su Haeske R.: Dr. Douglas Graham rimosso come moderatore nel forum di Vegsource. Stati Uniti, Oregon; 2014 rogerhaeske.com /? P = 2122

    7. Dipartimento della salute della Florida. Verifica della licenza appsmqa.doh.state.fl.us / MQASearchServices / HealthCareProviders

    8. Clarys P, Deliens T, Huybrechts I, Deriemaeker P, Vanaelst B, De Keyzer W, et al. Confronto della qualità nutrizionale della dieta vegana, vegetariana, semi-vegetariana, pesco-vegetariana e onnivora. Sostanze nutritive. 2014; 6 (3): 1318-1332. ncbi.nlm.nih.gov / pmc / articoli / PMC3967195 /

    9. Singh PN, Sabaté J, Fraser GE. Il basso consumo di carne aumenta l'aspettativa di vita nell'uomo? Am J Clin Nutr. Settembre 2003; 78 (3): 526-532. ajcn.nutrition.org / content / 78/3 /526S.long

    10. Bjerregaard P, Young TK, Hegele RA. Bassa incidenza di malattie cardiovascolari tra gli Inuit: quali sono le prove? L'aterosclerosi. 2003; 166: 351-7.

    11. Chateau-Degat ML, Dewailly E, Louchini R, Counil E, Noël M, Ferland A, et al. Onere cardiovascolare e relativi fattori di rischio tra gli Inuit di Nunavik (Quebec): approfondimenti dai risultati basali nello studio di coorte Circuit Inuit Health in Transition. Il Canadian Journal of Cardiology. 2010; 26 (6): e190-e196.

    12 Mazess RB, contenuto minerale di Mather W. Bone degli eschimesi dell'Alaska settentrionale. La rivista americana di nutrizione clinica 1974; 27: 916-25.

    13. Ballwieser D. Low-Carb erhöht Risiko für Herz-Kreislauf-Krankheiten. [Internet]. Germania; 2012 [citato il 24 ottobre 2017]. spiegel.de / gesundheit / ernaehrung /diaeten-low-carb-erhoeht-risiko-fuer-herzinfarkt-und-schlaganfall-a-841072.html.

    14. Lagiou P, Sandin S, Lof M, Trichopoulos D, Adami HO, Weiderpass E. Dieta proteica a basso contenuto di carboidrati e incidenza di malattie cardiovascolari nelle donne svedesi: studio prospettico di coorte. BMJ 2012; 344: e4026. bmj.com / content / 344 /bmj.e4026

    15. Gilsing AM, Crowe FL, Lloyd-Wright Z, Sanders TA, Appleby PN, Allen NE, ecc. Concentrazioni sieriche di vitamina B12 e folati negli onnivori maschi britannici, vegetariani e vegani: risultati di un'analisi trasversale dello studio di coorte EPIC-Oxford. Eur J Clin Nutr. Set 2010; 64 (9): 933-9. ncbi.nlm.nih.gov / pmc / articoli / PMC2933506 /

    16. Rühle, A. Das Kaninchen - Nahrung und Gesundheit. Norderstedt: CdA - Libri su richiesta; 2017. 312 p.

    17. Fritz J. Allometrie der Kotpartikelgröße von pflanzenfressenden Säugern, Reptilien und Vögeln. Inaugural-Dissertation zur Erlangung der tiermedizinischen Doktorwürde der Tierärztlichen Fakultät der Ludwig-Maximilians-Universität München. München; 2007. edoc.ub.uni-muenchen.de / 7554/1 / Fritz_Julia.pdf

    18. Mondo Jain. Jain Nahrungsmittel [Internet]. USA Alpharetta; 2016 [citato il 24 ottobre 2017]. jainworld.com / JWGerman / jainworld / educationg / level1 /lesson07.asp

    19. Busch-Stockfisch M. Lebensmittel-Lexikon. 4. Auflage. Deutschland: Behr's Verlag; Del 2005.

    20. Biesalski HK, Grimm, P: Taschenatlas der Ernährung. 6. Auflage. Stoccarda e New York: Georg Thieme Verlag. 2015.

    21. Feelisch M, Kolb-Bachofen V, Liu D, Lundberg JO, Revelo LP, Suschek CV, ecc. La luce del sole fa bene al nostro cuore? European Heart Journal 2010; 31 (9); 1041-1045. doi.org / 10.1093 / eurheartj / ehq069

    22. Stiftung Warentest. Jod in Gemüsealgen: Schock aus dem Meer. test.de / Jod-in-Gemuesealgen-Schock-aus-dem-Meer-1051651-1051653 /

    23. Elmadfa I, Leitzmann C. Ernährung des Menschen. 5. Auflage. Stoccarda: Verlag Eugen Ulmer. 2015.

    24. De Groot H, Farhadi J. Ernährungswissenschaft. 6. Auflage. Haan-Gruiten: Verlag Europa-Lehrmittel. 2015.

    25. Jump DB, Depner CM, Tripathy S. Integrazione di acidi grassi Omega-3 e malattie cardiovascolari: serie di revisioni tematiche: nuovi target per lipidi e lipoproteine per il trattamento delle malattie cardiometaboliche. Journal of Lipid Research. 2012; 53 (12): 2525-2545. ncbi.nlm.nih.gov / pmc / articoli / PMC3494243 /

    26. Abedi E, Sahari MA. Fonti di acidi grassi polinsaturi a catena lunga e valutazione delle loro proprietà nutrizionali e funzionali. Scienza dell'alimentazione e nutrizione 2014; 2 (5): 443-463. ncbi.nlm.nih.gov / pmc / articoli / PMC4237475 /#!po=21.8750

    27. Ehrlich SD. Acidi grassi Omega-3. umm.edu / salute / medicina / altmed / integratore / acidi grassi omega3

    28. Vieira SA, McClements DJ, Decker EA. Sfide dell'utilizzo di grassi sani negli alimenti. Progressi nella nutrizione. 2015; 6 (3): 309S-317S. ncbi.nlm.nih.gov / pmc / articoli / PMC4424769 /

    29. NHS Choices. Le pillole di calcio sono efficaci nel prevenire le fratture ossee? nhs.uk / news / 2015 / 09Settembre / Pages /are-calcium-pills-any-good-at-preventing-bone-fractures.aspx

    30. Bundesgerichtsurteil Art. 10 EMRK e Art. 27 BV; Art. 18 LMG; Art 19 Abs. 1 lit. c und d LMV.

    31 Tankeu AT, Ndip Agbor V, Noubiap JJ. Supplemento di calcio e rischio cardiovascolare: una preoccupazione crescente. J Clin Hypertens (Greenwich). 2017 Jun; 19 (6): 640-646. ncbi.nlm.nih.gov / pubmed / 28466573

    32. Rollinger M. Milch besser nicht!. Deutschland: JOU-Verlag eK; 2007. 350 p.

    33. Appleby P, Roddam A, Allen N, Key T. Rischio di frattura comparativo nei vegetariani e nei non vegetariani nell'EPIC-Oxford. Eur J Clin Nutr. 2007 dicembre; 61 (12): 1400-6. Epub 2007, 7 febbraio. Ncbi.nlm.nih.gov / pubmed / 17299475

    34. Willems W. Zwei Faktoren lassen Männer früher sterben. welt.de / gesundheit / articolo143639836

    35. Moss M. Salt Sugar Fat, Come ci hanno agganciato i giganti del cibo. Stati Uniti: Random House; 2013. 446 p. ( Abstrakt )

    36. Zimmer L. Zusammenhang von Ernährungsfaktoren und Alzheimer-Demenz. Deutschland: GRIN Publishing; 2011. 60 p.


    Commenta (come ospite) oppure accedi
    List Commenti Stampa
    Tag Cloud
     che   per   vitamina   non   sono   una   Con   del   anche   nel   della   Dieta   Come   calcio   essere   più   grassi   può   vegani   gli   tra   questo   acido   Diete   B12   µg   semi   solo   iodio   alghe