Fondazione Dieta & Salute

La miglior prospettiva per la tua salute

La miglior prospettiva per la tua salute

La miglior prospettiva per la tua salute

La miglior prospettiva per la tua salute

Questa pagina è stata tradotta tramite Google Translator

Recensione di "The Giessen Study on Raw Food"

List Commenti Stampa

Tesi degli anni '90 rivolta al professionista, non al consumatore. Rivela gli errori che possono essere commessi con questo tipo di alimentazione. La sua vision

© Catalina Sparleanu for diet-health conclusione

Questa tesi rivela la situazione dei crudisti in Germania negli anni '90, con i pregiudizi e / o l'inesperienza degli esponenti dell'Università Justus-Liebig di Giessen . Il numero impressionante e interessante di dati raccolti è notevole.

Lo studio ci illustra gli errori che si commettono con il cibo e che sorgono anche con il crudismo. I dati possono essere significativi in relazione alle persone che si definiscono crude (almeno il 70% di cibi crudi), ma non in termini di cibi crudi considerati "corretti".

Il punto di vista dei contributori è percepito come negativo e poiché la funzione di questi tipi di rapporti non è quella di fornire consigli ai critici ai lettori, non dovremmo aspettarci di trovarli.

Siamo di fronte a un libro altamente raccomandato a coloro che sono interessati ai dettagli sull'argomento del cibo. Tuttavia, il pubblico target non è il consumatore. Di conseguenza, leggere la seguente recensione bibliografica sarà altrettanto impegnativo.

L' Università Justus-Liebig di Giessen ha condotto uno studio sull'alimentazione cruda sotto la direzione del professore e dottore in ingegneria E. Schlich . Nel 1998, CAROLA STRASSNER fece una valutazione di questo studio come tesi di dottorato , che fu successivamente pubblicata come libro.

CLICK FOR: Indice, testo di copertina e avvertenze personali

L'indice occupa cinque pagine, seguite da sei pagine di riferimenti su illustrazioni, tabelle e abbreviazioni. I capitoli sarebbero in realtà i seguenti:

  • Abbastanza assorbimento proteico attraverso l'alimentazione cruda? Un approccio bibliografico.
  • Il progetto dello studio di Giessen sul cibo crudo (p. 61)
  • Strumenti e metodologia (p. 66)
  • Risultati descrittivi e dibattito (p. 81)
  • Risultati e dibattito sulla situazione energetica e proteica (p. 100)
  • Riflessione finale (p. 163)
  • Riepilogo (p. 163)
  • Conclusione (p. 166)
  • Indice bibliografico (p. 168-194)

Di seguito sono inclusi come allegati una definizione di greggio, un elenco di tesi sulla questione del cibo crudo (p. 197), nonché una serie di allegati e tabelle aggiuntive. A partire da pagina 210, lo studio mostra riproduzioni dei questionari. E da pagina 238, un elenco di 17 pubblicazioni realizzate sulla base dello studio di Giessen sul cibo crudo , oltre ai ringraziamenti e all'impressionante curriculum dell'autore.

Testo di copertina

Nella giungla delle dottrine sui modi di nutrire anche gli esperti spesso perdono il loro orientamento. È adeguato o inappropriato mangiare cibi prevalentemente crudi? Da quale percentuale di alimenti crudi possono sorgere problemi con l'apporto di nutrienti?

Queste e molte altre questioni sono oggetto di dibattito nello studio completo sul crudismo condotto dalla nutrizionista Carola Strassner.

La selezione del cibo e lo stato di salute dei critici sono aspetti che vengono analizzati in dettaglio da un punto di vista statistico.

L'autore affronta anche in modo approfondito il problema della malnutrizione - soprattutto per quanto riguarda l'apporto proteico - compresi i dati sui paesi in via di sviluppo, i pazienti con anoressia e i pazienti cronici. Con un approccio libero alle considerazioni dogmatiche, Strassner descrive la situazione attuale delle conoscenze esistenti in relazione a questi importanti problemi.

Durante la mia recensione includerò spesso citazioni dirette del libro che ritengo significative. L'obiettivo è mostrare che alcuni paragrafi non provengono dalla mia penna o che provo a comunicare un diverso punto di vista. Queste citazioni le distingueranno sempre per il loro stile corsivo e le virgolette.

Altri paragrafi nella mia recensione sono riassunti parziali del contenuto del libro, non interpretazioni personali. Nel tuo caso, indicherò chiaramente che si tratta di commenti particolari (ad es. Nella sezione "Riepilogo dello studio" o "La mia riflessione finale").

La revisione risale al 2001. Quando l'ho rivista, nel febbraio 2014, ho potuto vedere che le dichiarazioni dello studio e i miei commenti non sembravano sufficientemente delimitati. Per rendere la lettura più piacevole e includere le mie osservazioni personali separatamente, ho aggiunto immagini in tutto il testo, come in altre recensioni, p. ad es. in " Sale, zucchero e grassi " o " Bugie, lobby, cibo " .

Lo studio può essere acquistato in formato libro (disponibile solo in tedesco) con il titolo originale " Ernähren sich Rohköstler gesünder?" e sottotitolo " Die Giessener Rohkost-Studie" , a cura di Verlag für Medizin und Gesundheit , 1998, ISBN 3-932977-04-1.

Avvertenze personali precedenti

La tesi di dottorato si conclude con la seguente frase: in base ai dati presentati, una dieta completamente grezza non è raccomandata, specialmente in gruppi a rischio come donne in gravidanza, neonati, bambini e anziani . [217-164].

Questa conclusione non sorprende quando percepiamo che, con ogni probabilità, l'obiettivo e la ragione dello studio di cui sopra era di rifiutare l' alimentazione rigorosamente cruda .

Lo studio avrebbe potuto servire per offrire una serie di dati che formavano punti di supporto per il lettore.

Come risulta dalle statistiche presentate, è chiaro che le raccomandazioni sono necessarie per tutti i tipi di cibi cotti, come lo sono per i cibi crudi. Questo è precisamente uno dei motivi per cui è stato creato il sito Web diet-health.info.

Ci si può sempre chiedere se l'imparzialità di una tesi è garantita da chi sono il suo direttore e valutatore, in questo caso professori e dottori C. Leitzmann e H. Laube .

Posso immaginare che Strassner non si sentisse perfettamente libero dalle influenze in termini di risultati finali attesi dal suo studio, sia dagli altri che dalle sue stesse aspettative. Per questo motivo, non dovrei squalificare i partecipanti alla conduzione dello studio, qualcosa di rilevante nel caso di altri libri sul crudismo.

CLICK FOR: La scienza deve quasi sempre fare molta strada fino a quando non si possono imporre conoscenze nuove o contrarie

Sfortunatamente, non dovremmo nemmeno aspettarci un processo diverso. La scienza deve quasi sempre fare molta strada fino a quando non si possono imporre conoscenze nuove o contrarie .

Un esempio illustrativo, sebbene drammatico, si trova all'inizio dell'idea di igiene tra i medici. Pertanto, dal 1847 e nel campo dell'influenza tedesca, Ignác Semmelweis ha cercato di diffonderlo tra i suoi colleghi. Semmelweis divenne una beffa per più di 20 anni e non visse abbastanza a lungo per vedere come la sua idea fu finalmente accettata. Il professore e medico Semmelweis (link in inglese) fu ricoverato in un ospedale neurologico e morì all'età di 47 anni, ucciso da uno dei guardiani. Oggi, Semmelweis (link in inglese) è un riflesso della reazione dell'opposizione a nuove idee che contraddicono quelle generalmente accettate.

L'introduzione dell'igiene tra i medici è dovuta a Joseph Lister che, grazie alla conoscenza dei batteri sviluppati da Louis Pasteur (così come Casimir Davaine , 1863, link in inglese), iniziò a praticarlo nel 1867 e riuscì a generalizzarlo tra i suoi colleghi.

Ovviamente, il numero di teorie nuove o diverse che vengono rivelate erronee è molto più elevato della conoscenza effettivamente incorporata nella scienza. Tuttavia, sono sorpreso da affermazioni come le seguenti: Una dieta cruda moderata che si completa con pane integrale o altri prodotti integrali e comprende anche alimenti di origine animale, come i latticini, POTREBBE essere adatto per adulti sani con conoscenze sulla nutrizione . [217-161]. Vedi in relazione agli effetti dannosi del latte questa recensione .

La precedente affermazione suggerisce naturalmente questa domanda:

"Perché una persona che mangia esattamente ciò che segna l'attuale" tendenza scientifica "- vale a dire" più cibi crudi possibili "oltre ai cereali integrali e ai prodotti animali - dovrebbe avere" sufficienti conoscenze nutrizionali "? vivere "probabilmente" sano? "

Il cinismo è l'uso di mezzi falsi per ottenere un risultato positivo. La precedente domanda cinica ha lo scopo di dimostrare che lo studio è stato condotto da una prospettiva unilaterale.

Lo studio non voleva essere un lavoro "pro-crudismo". Inoltre non aiuta i critici, anche se è vero che questo non era il loro scopo.

© CC-by-sa 2.0, Lisa Mar
Probabilmente il mio primo ricettario crudo.

Nel 1978, i medici mi hanno diagnosticato un "linfoma centrocitico" (attualmente chiamato linfoma a cellule del mantello). La stadiazione successiva ha determinato che la malattia era nella fase 3a.

Hanno confermato un'aspettativa di vita di circa tre anni. Per così poco tempo ho deciso di non sottopormi a cure mediche, ma di cambiare radicalmente il mio stile di vita .

Una persona che, come nel mio caso, è stata nutrita per sette anni ininterrottamente in modo crudo-vegano al 100% - praticamente con zero eccezioni - e che ha accumulato esperienze così positive dovrebbe fare attenzione a non reagire cinicamente.

Tuttavia, un lettore interessato al cibo può trarre vantaggio da questo lavoro se si concentra sui dettagli. Dopo tutto, la " formula di Giessen per l'alimentazione integrale" raccomanda una percentuale del 50% di greggio [Koerber et al., 1994, p. 22]. Il 100% sarebbe sicuramente contrario agli interessi dell'industria alimentare.

2. Revisione

Una descrizione del contenuto del libro deve essere inclusa prima.

2.1. Riepilogo contenuto

Le prime 60 pagine corrispondono alla descrizione delle diverse opzioni grezze del passato e del presente. Successivamente, l'autore definisce le condizioni dello studio, gli strumenti e la metodologia. A partire da pagina 75, il lettore può trovare i dati sui gruppi in esame, nonché sul loro consumo di cibo. I risultati e il dibattito sulla situazione energetica e proteica sono inclusi da pagina 100 e da 158 c'è un riflesso finale di quasi otto foglie.

Il questionario utilizzato in tutto lo studio occupa 28 delle pagine del libro che, oltre alle tabelle e alle tabelle, offre un elenco bibliografico di altre 27 pagine. L'autore cita anche, a partire da pagina 197, 21 tesi sul tema del cibo crudo. Queste opere corrispondono agli anni 1994-1998. Come si può dedurre dai nomi dei ricercatori, solo cinque sono uomini. L'interesse degli uomini per la questione del greggio è davvero inferiore in quella proporzione?

2.2. Progettazione dello studio

Lo studio è stato probabilmente un lavoro difficile e Carola Strassner non ha esitato a dedicare tutti i suoi sforzi.

Definizione del concetto di crudismo per la ricerca: il gruppo di lavoro sul crudismo ha stabilito nel 1995 la seguente definizione di ricerca:

Il cibo crudo è un tipo di cibo che contiene alimenti di base o solo di origine vegetale (in alcuni casi anche di origine animale) che non sono stati riscaldati. Sono inclusi anche alcuni alimenti che nel loro processo sono esposti a temperature più elevate (ad es. Miele centrifugato a freddo o oli spremuti a freddo), nonché alimenti sottoposti a un certo processo di riscaldamento (ad es. frutta secca, carne e pesce essiccati e alcuni tipi di noci). Puoi anche comprendere l'assunzione di prodotti affumicati a freddo (ad es. Carne e pesce) e verdure trattate con acido acetico o lattico. [217-14].

CLICK FOR: Cerca partecipanti

Il team ha commissionato una serie di annunci durante i mesi di dicembre 1992 e gennaio 1993 per reclutare partecipanti allo studio. Gli annunci sono stati inseriti in nove pubblicazioni sovraregionali come " Neuform Kurier" (con il 38,7% delle risposte e una diffusione di 1.100.000 copie), " Lebenskunde / Fit fürs Leben" (12,4% e 20.000), " Schrot und Korn " (11,6% e 197.000) e" Reform Rundschau " (290.000).

Annunci in "altre pubblicazioni" · hanno contribuito al 9,9% delle risposte: " Der Naturarzt" (70.000), " Der Vegetarier" (4.000), " Modernes Leben: Natürliches Heilen" (7.200), " Natur und Heilen" ( 22.500) e " Öko-Test" (13.500). Opuscoli, pubblicità passaparola, ecc. sono riusciti ad attirare il restante 27,4% di un totale di 1.328 persone che hanno successivamente ricevuto un precedente questionario da compilare.

Il ritorno dei questionari ha raggiunto l'81,7% [217-64], che secondo i miei calcoli ammonta a 1.085 persone.

CLICK FOR: selezione

Tra i possibili partecipanti allo studio sul crudismo, 24 persone che provenivano dall'ambiente Guy-Claude Burger furono scartate. Non ho trovato una spiegazione per questo, tuttavia una delle tesi affronta questo problema [Weiss, 1998].

Non sorprende che durante la selezione le risposte del tipo siano state ottenute come porzione giornaliera di insalata, io sono un crudista [217-195] o che per l'8% dei partecipanti la principale caratteristica del greggio era il parametro non modificato meccanicamente , quando trattato di persone che avevano finalmente risposto a un annuncio. Logicamente non sono stati ammessi.

I partecipanti che hanno calcolato che la loro assunzione di petrolio greggio alla fine di aprile 1993 - data stabilita per l'osservazione - ammontava ad almeno il 70% della loro dieta per almeno quattro mesi sono stati invitati a compilare un questionario più ampio. Il numero totale è stato di 865 persone.

Carola Strassner , o il team di ricercatori, ha lasciato le persone di età inferiore ai 16 anni ragionevolmente escluse dallo studio, ma hanno accettato quelli il cui cibo crudo era solo il 70%. La seguente domanda è pertinente: “Riguarda davvero i crudisti?

Tuttavia, al fine di ottenere dati con criteri più rigorosi, è stata effettuata una divisione in tre gruppi, vale a dire gruppi con una percentuale di alimentazione grezza dal 70 all'80%, dall'80 al 90% e maggiore del 90%. Il tasso di risposta dell'87,6% dovrebbe ammontare a 758 questionari.

Non mi è chiaro il metodo di eliminazione del resto dei partecipanti poiché solo 572 persone hanno ottenuto il questionario psicologico [Koebnick, 1994] con un numero di risposte pari a 435 (76,1%).

© Catalina Sparleanu for diet-health

CLICK FOR: Esami del sangue e misurazioni

In relazione al secondo degli obiettivi dello studio, ovvero l'esame della situazione nutrizionale basato su un aumento dell'approvvigionamento di nutrienti, nonché la determinazione di determinati parametri negli esami del sangue, i ricercatori hanno convocato 343 dei partecipanti di età compresa tra 25 e 64 anni. Fino alla data della raccolta del sangue, l'alimentazione di queste persone era almeno dell'85% basata su crudo e per un minimo di 14 mesi. Per sottoporsi all'esame del sangue, sono stati presentati 236 partecipanti (che rappresentano in breve il 68,8%).

Dopo aver realizzato un protocollo di valutazione di sette giorni con 236 prodotti alimentari precedentemente stabiliti [Bergmann, 1994], il numero di partecipanti è stato ridotto a 201 persone. Tutti non fumatori e non avevano subito operazioni intestinali.

CLICK FOR: Gruppo di controllo e analisi dettagliata degli esami dentistici

Il vero gruppo di critici , cioè il gruppo con una dieta cruda superiore al 90%, rappresentava il 73,1% del totale e il gruppo successivo il 19,9%. Lo studio ha un approccio simile a " Giessener Vollwert-Ernährungs-Studie " (studio di Giessen sull'alimentazione integrale) e comprende pubblicazioni di [Groeneveld, 1994], [Hoffmann, 1994] e [Aalderink et al., 1994], (questi ultimo sulla salute come motivo). [217-66].

Inoltre, le donne con alimentazione mista che avevano partecipato a questo ultimo studio sono state utilizzate come gruppo di controllo. Le abitudini alimentari derivate dal protocollo alimentare hanno condotto a uno studio indipendente [Szyperski, 1996]. L'apporto di nutrienti è stato determinato in base al codice alimentare tedesco (BLS) nella sua versione II. Questo codice includeva in quegli anni oltre 11.000 alimenti. Le informazioni sugli ingredienti sono state ampliate sulla base di studi americani, inglesi, svedesi, danesi e olandesi per raggiungere 176 sostanze e ingredienti nutrizionali. Solo per un numero limitato di cibi esotici, come il pera nashi o il cachi, si dovevano fornire informazioni approssimative [Kroke, 1992]. [88].

I calcoli effettuati erano molto dettagliati. Per effettuare il controllo, lo studio ha confrontato il protocollo di valutazione con altri 72 partecipanti e un protocollo di misurazione del peso [Theurer, 1996]. L'IMC (indice di massa corporea) è stato determinato con grande accuratezza e mediante analisi dell'impedenza bioelettrica, la percentuale di massa magra (divisa a sua volta in massa di cellule corporee o BCM e massa extracellulare o ECM) e massa grassa [ Stroh, 1995].

Redaction comment

I valori perimetrali addominali, che sono più significativi per una misurazione differenziata, non sono stati ancora utilizzati.

Secondo me, il perimetro addominale dovrebbe essere misurato una prima volta con uno stomaco dilatato e polmoni pieni d'aria e una seconda volta nello stesso posto ma stringendo lo stomaco e con i polmoni vuoti. Il motivo è che il grasso non può essere compresso facilmente come accade, ad esempio, con gas, contenuto intestinale, ecc. I parametri da considerare sarebbero la prima misurazione e la differenza tra i due.

Il team di ricerca ha anche pubblicato analisi dettagliate degli esami dentistici eseguiti su 129 partecipanti la cui dieta era, in proporzione molto elevata, fondamentalmente cruda. Hanno quindi consumato una grande quantità di frutta e si sospettava che gli acidi della frutta potessero attaccare lo smalto dei denti. I risultati sono stati pubblicati in uno studio indipendente [Schlechtriemen, 1998].

Un ulteriore lavoro separato è emerso dai questionari psicologici sviluppati congiuntamente dal Professor e Dr. J. Diehl e dal Professor M.-L. Moeller (psichiatra presso l'Università di Francoforte) e sono stati inviati a 572 partecipanti. Il tasso di risposta è stato del 76,1%. I risultati possono essere trovati in [Cicogna, 1994], [Wilbert, 1995], [Bettinger, 1995], [Lehmann, 1995] e [Kröner, 1995].

L'obiettivo di questo studio era il seguente: rilevare possibili peculiarità nel profilo psicologico o nei disturbi di salute dei partecipanti . Per eseguire lo studio, è stato utilizzato un gruppo di controllo di circa lo stesso numero di persone la cui dieta non presentava alcuna particolarità.

2.3. Osservazioni fatte nello studio

Dei 201 partecipanti, il 53% erano donne e il 47% uomini. Inizialmente, la percentuale di donne era del 60% con un tipo di dieta grezza che spesso non era inclusa tra le forme "più rigorose". È interessante notare che nelle fasce di età dai 25 ai 34 anni e dai 35 ai 44 anni, il numero di uomini era del 23% superiore a quello delle donne. Per i restanti due gruppi di età più avanzata il numero di donne era più elevato.

L'allenamento dei partecipanti si distingue per essere particolarmente elevato nel suo insieme, gli uomini sono superiori alle donne .

Il 42,8% dei partecipanti è stato classificato nella sezione "con istruzione superiore", solo il 3,5% in "disoccupati" e il 4% in "pensionati". Il reddito mensile pro capite dei partecipanti si distingue perché corrispondono principalmente a quelli delle classi meglio pagate .

Il 78,4% aveva adottato un tipo di dieta grezza da meno di cinque anni. Solo cinque dei partecipanti (2,5%) hanno mantenuto questa forma di alimentazione per 15 anni o più. La media nello studio era di 3,5 anni e la durata massima era di 38 anni [217-75 e seguenti]. Ciò significa che, in realtà, la maggior parte dei partecipanti stava solo facendo i primi passi nel crudismo o sperimentando con esso.

2.3.1. Proteine nella dieta

L'apporto proteico è uno dei problemi principali, considerando che questi - o meglio la composizione dei loro aminoacidi - sono gli indicatori più rilevanti nel determinare la situazione nutrizionale.

Dopo aver fatto un breve riassunto dei tipi di alimentazione grezza sviluppati da Ehret , Bircher-Benner , Waerland , Gerson , Sommer , Kollath , Evers , Bruker e Schnitzer , fino a raggiungere quelli di Wandmaker e Burger , e altri autori sul crudismo tedesco e straniero , al lettore vengono offerte molte informazioni, ma anche molte informazioni errate, sulle conoscenze attuali in relazione alle proteine.

Alcuni di questi semi forniscono una grande quantità di proteine e altri sono, ad esempio, eccellenti fornitori di acidi grassi omega 3 (semi di lino).

© CC-by 4.0, Stiftung Gesundheit und Ernährung, Stiftung Gesundheit und Ernährung

La realtà è che la scienza sa ancora troppo poco delle proteine. Queste macromolecole sintetizzate dalla condensazione di aminoacidi, con oltre il 50% di massa disidratata, sono essenziali per la formazione di tessuti e altre sostanze attive (enzimi, ormoni).

La maggior parte dei 20 aminoacidi (degli oltre 100 esistenti in natura) di cui una persona ha bisogno per la formazione di proteine viene sintetizzata o formata dall'organismo stesso. Alcuni aminoacidi sono chiamati essenziali.

CLICK FOR: La scienza non mantiene un criterio unico per quanto riguarda la fornitura di aminoacidi davvero essenziali

La scienza non mantiene un criterio unico per quanto riguarda la fornitura di aminoacidi davvero essenziali. Gli studi più recenti mostrano che anche i batteri intestinali contribuiscono parzialmente a questi processi. In relazione agli aminoacidi considerati essenziali oggi e purché i valori calorici della dieta siano sostanzialmente adeguati, i vegetariani dovrebbero prestare attenzione solo alla leucina, alla lisina e alla treonina. I vegani dovrebbero anche monitorare l'apporto di metionina / cisteina e i bambini hanno bisogno di un supplemento aggiuntivo di arginina.

Il cereale è il principale fornitore mondiale di proteine della popolazione [Young and Pellett, 1985]. Nei cosiddetti paesi in via di sviluppo, gli alimenti vegetali sono le fonti primarie e spesso le uniche fonti di proteine dagli alimenti [Bodwell, 1979] .

Oltre ai nostri alimenti per animali che sono così ricchi di proteine, ci sono altre fonti, come alghe (clorella, spirulina, ecc.) O lieviti e altri organismi monocellulari [Belitz, 1993b].

Il contenuto di azoto - che è il criterio per la valutazione delle proteine - è, ad esempio, nel caso del 17% di latte, ma del 19% per le noci.

Un trattamento a base di calore produce una denaturazione delle proteine che comporta una perdita parziale o completa delle loro attività enzimatiche o la modifica del loro comportamento funzionale [217-18].

Anche lo scottamento di frutta o verdura, prima del congelamento, inattiva gli enzimi come lipasi , lipossigenasi , proteasi ( peptidasi ), polifenolossidasi e glicoidrolasi per non alterare il gusto, il colore o la consistenza.

Inoltre: una serie di enzimi presenti negli alimenti sono tossici o possono generare sostanze tossiche se rimangono attivi . [Andrews, 1993].

Proprio un importante aminoacido come la lisina perde le sue proprietà durante la reazione di Maillard sui carboidrati ( carboidrati ).

CLICK FOR: La reazione di Maillard

L'autore si riferisce alla reazione di Maillard con il seguente commento: produce una perdita di zucchero e aminoacidi, una formazione di sostanze nocive che non sono nutrienti o tossiche, nonché aromi che suscitano appetito . E aggiunge: I latticini, ricchi di lattosio e proteine termolabili, sono particolarmente sensibili , segnalando anche la mutagenesi ( mutageno ) delle molecole di Maillard. [217-20].

E continua dicendo: le proteine del cibo possono sviluppare resistenza alla digestione se sono soggette ad alte temperature (...). Durante il processo di cottura di alimenti ricchi di proteine, sono state rilevate ammine eterocicliche che producono mutazioni in vitro e carcinomi negli animali (...). Uno studio ha dimostrato che 11 dei 59 alimenti nel gruppo di frutta e verdura analizzati avevano sostanze significativamente attive nell'inibizione dei prodotti della pirolisi mutagena negli aminoacidi . [Morita et al., 1979].

Le seguenti dichiarazioni sono di interesse per i critici e per questo motivo le ho ulteriormente commentate in un altro articolo:

Vi sono ancora ampie lacune nelle conoscenze sulla relazione tra la salute umana e molti dei composti presenti negli alimenti naturali, cotti o trasformati [Gray e Morfton, 1981]. Spesso non si presta attenzione alle migliaia di sostanze mutagene naturalmente presenti nelle verdure, alla frutta, alle spezie, ecc., Nonché alle sostanze cancerogene o che inibiscono il cancro. [Jallut, 1989].

Secondo [Mauron, 1985] è consigliabile ridurre questi prodotti negli alimenti . Mauron si riferisce solo agli alimenti i cui effetti sono per lo più dannosi. [217-21].

2.3.2. I bisogni umani di proteine ed energia

Negli ultimi decenni, gli scienziati hanno continuamente modificato le loro opinioni sui fabbisogni proteici ed energetici degli esseri umani. Ciò si è verificato soprattutto perché prima si riteneva che la "buona proteina" potesse essere ottenuta solo da prodotti di origine animale.

CLICK FOR: Il fatto che l'essere umano possa vivere senza consumare cibo di origine animale non viene preso in considerazione.

Per questo motivo trascrivo di seguito una lunga citazione in cui il fatto che l'essere umano possa vivere senza consumare cibo di origine animale non viene preso in considerazione. [217-22].

Sebbene la DGE (Associazione alimentare tedesca), come il Comitato scientifico dell'alimentazione umana ( SCF ), si basi sui valori FAO / OMS / UNU di 0,75 g / kg / giorno, Ritiene inoltre opportuno aumentare questo valore di 0,05 g / kg / giorno poiché la digeribilità della proteina di riferimento è compresa tra il 90 e il 95% [secondo il Committee for Food Needs of the DGE , 1995a, 1995b; UNU sta per Università delle Nazioni Unite ] .

Nella sola Europa, le raccomandazioni sull'apporto proteico sono molto diverse: per un uomo adulto in Francia, si consigliano 81 g / g, nei Paesi Bassi 70 g / d e in Spagna 54 g / g [Bender, 1993a] .

Il comitato scientifico SCF della Commissione delle Comunità europee [ CCE , 1993, p. 1 e seguenti] Distingue tra tre raccomandazioni. "Lowest Treshold Intake" (LTI), al di sotto del quale la maggior parte delle persone non sarebbe probabilmente in grado di mantenere la propria integrità metabolica e ammontare a 0,45 g di proteine per kg di peso corporeo .

Il "requisito medio della popolazione media" (AR), che è la media di una distribuzione normale della quantità raccomandata di proteine ed è di 0,60 g di proteine per kg di peso corporeo. E infine, la raccomandazione per i gruppi che coprirebbe le esigenze praticamente di tutti i suoi individui sani, chiamata "Presa di riferimento della popolazione" (PRI), e che ammonta a 0,75 g di proteine per kg di peso corporeo .

Queste raccomandazioni sono valide quando sono soddisfatte anche le esigenze energetiche e di altri nutrienti .

In effetti, per molti anni ormai, diversi studi hanno dimostrato che le persone possono vivere con una dieta completamente vegetale. Ciò è stato dimostrato in casi di intere popolazioni che sono state alimentate in modo rigorosamente vegetariano per molte generazioni. Pensa solo al giainismo , una religione che esiste da più di 2.500 anni.

Tuttavia, gli scienziati hanno iniziato ad accettare questa conoscenza solo dal 1996 circa e c'è ancora una grande maggioranza di non credenti. Quindi è comprensibile che pochi studiosi riesaminino le loro opinioni e cambino le loro idee! In questi casi, la difesa è senza dubbio l'attacco migliore.

CLICK FOR: L'apporto di proteine è soggetto a forti controversie

È possibile coprire il fabbisogno proteico attraverso una dieta che proviene solo da fonti vegetali . [Menden, 1990, p. 14 e seguenti; ADA, 1980; Barness, 1977].

La fornitura di proteine è oggetto di forti controversie: le decisioni sulla qualità delle proteine che contraddicono i valori definiti nel rapporto del 1985 in merito ai fabbisogni di aminoacidi sono state prese nel rapporto della FAO del 1991 [ FAO / WHO / UNU , 1985]. Questi valori sono stati determinati in base agli esperimenti di [Rose e altri] e si basavano su una serie di errori metodologici riconosciuti, quindi attualmente non sono accettati o considerati irrilevanti in termini nutrizionali .

Provvisoriamente, i valori definiti dal MIT vengono riutilizzati . Young e Scrimshaw sono responsabili dell'esecuzione di una meta-analisi con tutti i dati disponibili secondo IDECG , [Clugston et al., 1996].

È importante ricordare la tesi scientifica che sostiene che, con poche eccezioni, quasi tutte le proteine alimentari contengono una miscela di 20 aminoacidi sebbene in proporzioni diverse [Bender, 1993b]. È anche importante sapere che le cifre relative al fabbisogno proteico, determinate in base alla biochimica e alla sperimentazione, sono più supposte che fondate!

Allo stesso modo, la combinazione altamente elogiata che consiste nel consumare un uovo e un chilo di patate non è più valida: nello svolgimento di uno studio, le proteine di cereali o glutine erano limitate a 0,2 g per kg di peso corporeo. Apparentemente, le proteine consumate potrebbero essere sfruttate appieno indipendentemente dalla sua qualità. Il valore biologico delle proteine è stato stimato con un indice di 100 o superiore . [217-30]!

Sembra che l'ordine in cui gli amminoacidi essenziali diventano limitatori dipende in parte dalla fornitura totale di azoto . [Scrimshaw and Young, 1978].

Un dessert a base di materie prime, ricco di vitamine e proteine.

© CC-by-sa 2.0, Edmond Fong / Nomi Shannon
Dessert crudo del libro "The Raw Gourmet" di Nomi Shannon (p. 189). Fotografia: Edmond Fong

Questo tipo di prelibatezze dovrebbe essere consumato in modo eccezionale, ma raccomando il consumo dei suoi ingredienti non trattati, come noci, mandorle, ecc.

Sono alimenti con cui possiamo controllare il nostro peso. Inoltre, le mandorle, per il loro contenuto di ferro e le vitamine del gruppo B, costituiscono un importante integratore alimentare.

L'ingrediente principale di questo dessert chiamato "Very Carrot Cake" è la polpa di carota che si ottiene dopo aver preparato un succo con questa verdura.

I prossimi tre sottotitoli sono miei e il loro scopo è quello di mostrare gli effetti di errate conoscenze scientifiche mantenute per decenni. Il contenuto di queste tre sezioni deriva dal lavoro esaminato e include le mie osservazioni personali.

2.3.3. Miti sulle proteine vegetali

Quando spieghi cosa mangia un severo crudista - anche un vegano - sorgono sempre dubbi sul fatto che si tratti di qualcosa che "funziona" davvero, e con queste parole mi riferisco anche ai dottori.

Ma affrontiamo anche rischi che dovremmo cercare di evitare, come ho indicato in un altro capitolo del testo. I "miti" sull'assunzione insufficiente quando "solo" mangiamo proteine vegetali si sono rivelati falsi, come mostrano Young e Pellett . [Young and Pellett, 1994].

mito Attualmente è considerato valido quanto segue
Le proteine vegetali non sono complete / perfette perché mancano di alcuni aminoacidi. Le solite composizioni di proteine alimentari sono complete; Alcune proteine alimentari possono contenere quantità ridotte di alcuni aminoacidi .
Le proteine vegetali non sono "buone" come le proteine animali. La qualità dipende dalla fonte e dalla composizione nutrizionale delle proteine vegetali; questi possono avere lo stesso valore delle proteine di origine animale di qualità superiore .
Le proteine dei diversi alimenti vegetali devono essere ingerite in combinazione durante un pasto per raggiungere un alto valore nutrizionale. Le proteine non devono essere prese insieme; È più importante distribuirli uniformemente durante il giorno .

Non è mia intenzione citare qui tutte le idee sbagliate esistenti. Vorrei solo ricordare che anche il mito che si riferisce alla peggiore digeribilità delle proteine vegetali è superato, così come quello che difende che le sole proteine vegetali non sono sufficienti. Il mio commento su questo sarebbe: Quindi i vegani sono di nuovo in grado di sopravvivere ... (P. 31).

CLICK FOR: Bilancio dell'azoto

Secondo [Crim and Munro, 1994], quando le quantità fornite sono ridotte, il miglioramento del bilancio dell'azoto è proporzionale alla quantità di proteine aggiuntive. Quando l'offerta è maggiore, l'efficacia del suo utilizzo è inferiore.

Circa un'ora o un'ora e mezza dopo il rilascio orale delle proteine marcate, queste possono essere rilevate come aminoacidi nel siero .

Il fragile pool di proteine non viene mantenuto per più di un giorno; Per quanto riguarda le proteine disponibili, queste vengono conservate per 6-8 settimane prima di perdere il tessuto funzionale [Gassmann e Kübler, 1994].

I test hanno indicato che l'organismo di un adulto sintetizza quotidianamente tra 250 e 300 g di proteine. Il lume intestinale secerne circa 70 g di proteine al giorno. " C'è anche un alto riciclo di aminoacidi durante il metabolismo delle proteine .

Anche con un apporto energetico inferiore a 30 kcal / kg e azoto inferiore a 50 mg / kg, entrambi sono sufficientemente efficaci per migliorare il bilancio dell'azoto . [217-40].

Una realtà che pochi sanno è che un terzo dell'urea prodotta normalmente raggiunge l'intestino e che è idrolizzata grazie ai batteri intestinali. In questo processo, l'azoto viene rilasciato dall'urea, rendendolo disponibile per le interazioni metaboliche. Tuttavia, la necessità di composti di carbonio può essere un fattore limitante . Ancora non è stato definitivamente dimostrato tesi indica che i batteri intestinali sono in grado di fissare l'azoto [Koishi, 1990; Tanaka et al., 1980].

Secondo [Düro e Schnur, 1989], 5 g di azoto al giorno sono adeguati per mantenere un equilibrio equilibrato di azoto in un adulto; Inoltre, l'utilizzo delle proteine migliora con l'apporto di carboidrati. Se la fornitura di cibo è ridotta, il corpo diminuisce la secrezione di urea.

Secondo [Acosta, 1988], le forme di dieta che portano a un elevato apporto di fibre sono più efficaci per ridurre il peso corporeo negli uomini obesi rispetto a una dieta ipocalorica.

2.3.4. Un eccesso di proteine animali

Chiunque creda che la dieta cruda sia solo vegana o vegetariana commette un errore.

Tutti gli alimenti che possono essere consumati crudi fanno parte della materia prima. Il fatto che la sua elaborazione sia nulla, ridotta o intensiva è una questione separata.

© CC-by-sa 3.0, Suguri_F, Wikipedia

Nel mio caso personale, ho deciso di non consumare carne nel 1978. Di tanto in tanto, comunque, come sashimi.

È un piatto giapponese a base di pesce e verdure, entrambi crudi. Per me e mia moglie è un modo eccezionale di variare il nostro cibo e siamo sempre felici.

D'altra parte, il nostro desiderio è di fare a meno del cibo di origine animale al massimo perché siamo consapevoli della necessità di preservare l'ambiente.

Nei paesi occidentali, il normale apporto proteico è di 90 g / giorno, una cifra molto più elevata di quella raccomandata. Ciò comporta un aumento della produzione di urea e un'attività renale più elevata del normale. La conseguenza è un maggior peso dei reni e un peggioramento dello stesso. [Menden, 1983].

CLICK FOR: Osteoporosi, malattie cardiovascolari, gotta, alcuni tipi di cancro e ictus

Un'ulteriore conseguenza è la maggiore eliminazione del calcio attraverso l'urina, che favorisce l'osteoporosi [Anon, 1981]. L'assunzione simultanea di un'elevata quantità di fosforo riduce questo effetto. Una percentuale significativa di proteine di origine animale favorisce lo sviluppo di malattie cardiovascolari [Leitzmann and Hahn, 1996a, p. 103] e ipertensione , nonché i loro effetti corrispondenti.

Lo studio di [Gelfand e Sherwin, 1986] indica che il fruttosio non ha praticamente alcun effetto sulla secrezione di insulina, sebbene contribuisca in modo significativo al risparmio di proteine. È noto il rischio di gotta quando si consumano elevate quantità di proteine animali. Meno grave è che lo sviluppo di alcuni tipi di cancro - come il carcinoma dell'intestino crasso e della mammella, probabilmente anche il carcinoma del pancreas e della prostata - ha una forte correlazione con questo fattore [Consiglio Nazionale delle Ricerche, 1990, p. 259 e seguenti]. [217-46].

È indiscutibile che un elevato consumo di proteine di origine animale aumenta il rischio di subire un ictus nel tempo. D'altra parte, i sintomi dell'uremia diminuiscono quando l'assunzione di proteine è ridotta secondo [Flanigan et al., 1995] o adottando una dieta vegana secondo [Barsotti et al., 1991a, 1991b, 1990].

2.3.5. E il contrario?

Per quanto riguarda la malnutrizione: come è stato dimostrato negli studi con individui normali, la malnutrizione prolungata in combinazione con la perdita di peso porta ad un aumento della stanchezza, debolezza muscolare e ridotta attività motoria . Al contrario, i pazienti con anoressia nervosa mostrano una tendenza all'attività e persino all'eccessiva attività, nonostante un ridotto apporto energetico.

La malnutrizione con deficit proteico-energetico (PEM), come kwashiorkor o marasmus , spesso porta a infezioni e deficit di vitamine, minerali e / o oligoelementi. In questi casi viene rilevato un deficit di potassio, magnesio e vitamina A con alti valori di sodio che causano un indebolimento del sistema immunitario. [217-48].

CLICK FOR: Deficit proteinoenergetico (PEM) e deficit energetico cronico

La caratteristica più significativa di kwashiorkor (probabilmente dovuta a carenza di potassio [Golden et al., 1982a]) è l'edema. Marasmus si distingue per atrofia muscolare e perdita di tessuto sottocutaneo.

CED sta per "deficienza energetica cronica" ed è la forma più diffusa di malnutrizione . La ricerca condotta per oltre trent'anni sugli effetti del CED sullo sviluppo comportamentale non ha raggiunto conclusioni definitive [Pollit]. Durante il periodo di sviluppo del bambino, la medicina distingue due tipi di effetti della malnutrizione:

  • I nutrienti di tipo I - minerali e vitamine - che sono responsabili di alcune funzioni e che producono carenze specifiche. La sua diagnosi è inequivocabile.
  • Nutrienti di tipo II - elettroliti, altri minerali (potassio, sodio, magnesio, zinco, fosforo), nonché proteine ed energia - il cui deficit non produce alcun segnale o sintomo caratteristico.

    2.4. Assunzione di cibo

    La percentuale di persone vegane crude che hanno rinunciato al cibo di origine animale - tranne il miele - era del 27,3%. I crudisti vegetariani (compresi gli ovo-latto-vegetariani, i latto-vegetariani e gli ovo-vegetariani) ammontavano al 44,8% e i crudisti onnivori, cioè quelli che consumavano anche carne e pesce, a 27 , 9%. Anche in questi casi, quasi tutto il consumo di pesce e altri animali marini viene effettuato crudo; Le donne nel loro insieme lo consumano sempre crudo . [217-83].

    CLICK FOR: Varianti e percentuali di cibi crudi considerati nel loro insieme hanno mostrato differenze ancora maggiori

    In ogni caso, la percentuale di partecipanti con una dieta quasi completamente cruda (almeno il 90%) è stata del 73,1%. Un altro gruppo, corrispondente al 19,9%, consumerebbe l'80% di cibi crudi. Nel primo gruppo (tra il 90 e il 99,9% di greggio), la percentuale di uomini era dell'81,9% e quella delle donne solo del 65,4%.

    È sorprendente che il 35,1% degli uomini e il 20,6% delle donne fossero rigorosamente vegani. Ma anche che la percentuale di onnivori ("tutto") era del 30,9% per gli uomini e inferiore per le donne con il 25,2%. Le varianti e le percentuali di cibi crudi considerati nel loro insieme hanno mostrato differenze ancora maggiori. [217-77 e seguenti].

    In relazione alla situazione lavorativa, ci sono più donne con un lavoro a tempo pieno che tra i vegetariani o coloro che scelgono una dieta mista .

    Contrariamente a quanto accaduto alle donne con una dieta completa ("VWK") o mista ("MK"), i crudisti avevano abbandonato la pratica dello sport, dando percentuali piuttosto basse (circa un terzo) nella classifica " sport medio ", ma più che raddoppiato in" molto sport ". Per quanto riguarda gli uomini, il 20,9% lo praticava raramente o mai, ma il 52,3% praticava" molto sport ".

    Uno dei punti deboli dei crudisti è sicuramente l'elevato numero di persone che non praticano alcun tipo di sport!

    D'altra parte, solo il 6,5% delle donne sessiste ha ingerito ormoni sessuali, mentre i vegetariani lo hanno fatto nel 16,9% e le donne con alimentazione mista nel 38,3% dei casi. [217-81].

    Secondo i principali questionari, il 68,7% dei critici e non avrebbe ingerito alcun tipo di farmaco o integratore.

    CLICK FOR: Perché la medicina convenzionale e il settore industriale ci fanno credere che una dieta speciale sia carente

    Redaction comment

    Il mio commento personale a questo proposito è che è un peccato che i farmaci e gli integratori vengano analizzati come una singola variabile perché il loro uso è motivato da due ragioni totalmente diverse.

    Poiché la medicina convenzionale e il settore industriale ci fanno credere che una dieta speciale sia carente, è molto probabile che molti critici scelgano di consumare questo tipo di integratori per "motivi di sicurezza". E questo succede anche se le vitamine più pubblicizzate, come p. Ad esempio, la vitamina C viene ingerita attraverso l'alimentazione cruda in misura maggiore rispetto alle diete normali o miste.

    L'antica dottrina ritiene ancora che il greggio sia una causa dell'anemia ...

    Il consumo di alcol tra i partecipanti è stato molto basso. Più della metà (58,2%) non ha bevuto bevande alcoliche, il 38,3% ha bevuto fino a un massimo di 15 g di alcol al giorno e solo il 3,5% ha bevuto una quantità maggiore. Al contrario, le persone con una dieta mista consumavano l'85% dei casi una certa quantità di alcol al giorno.

    È anche interessante notare che i fumatori di fumo rappresentano una percentuale estremamente bassa. D'altra parte, il consumo medio dei partecipanti allo studio era di 2.050 g di alimenti vegetali e 50 g di alimenti di origine animale.

    CLICK FOR: Alimenti di origine animale, latte, cereali, liquidi e frutta

    Nel gruppo di onnivori, la percentuale di alimenti di origine animale ammontava al 4%, cioè 80 g al giorno. Tra i vegani era dello 0%. Nel complesso, il consumo di alimenti di origine animale è stato ripartito come segue: 55% (28 g) di latte e prodotti lattiero-caseari, 20% di carne e prodotti a base di carne, 18% di pesce e animali marini, un 6% di uova (circa mezzo uovo a settimana, preferibilmente crudo) e solo circa l'1% di miele.

    Il latte - circa 5,5 g al giorno - era preferito del tipo chiamato latte crudo. I partecipanti analizzati hanno mangiato in media 1.423 g di frutta, 489 g di verdure e 48 g di noci e semi, ovvero un totale di 1.960 g. A cui sono stati aggiunti 7,6 g di oli e grassi alimentari e 15 g di patate (3,2 g crudi).

    Per quanto riguarda il cibo preparato secondo le ricette incluse nei libri sul greggio, p. ad es. quelli di Ann Wigmore , rappresentano solo 6,4 g del consumo giornaliero medio totale. I cereali e i "prodotti alimentari a base di cereali" ammontano in media a 29 g; pane e prodotti da forno 19 g. [217-87]. I prodotti di soia (anche sotto riscaldamento) rappresentano 3 ge zuccheri e caramelle 6,7 g. Il resto, fino a raggiungere i 2.050 g, ovvero il 3,3%, è classificato come “diverso”.

    I crudisti vegetariani e vegani rispettavano il cibo crudo fino al 98%. Il crudiveganos ha anche mostrato il più basso consumo di alcol con soli 13 ml. Il fatto che i crudisti vegetariani abbiano consumato (con 40 g) meno noci e semi degli "onnivori" è sorprendente e non dice molto sulla loro conoscenza delle esigenze nutrizionali del corpo.

    Le donne hanno bevuto 1.065 ml al giorno di liquido e gli uomini solo 834 ml. Queste cifre dimostrano che le raccomandazioni del DGE , che consigliano un apporto totale di liquidi di 2,1 l, sono soddisfatte in modo più che soddisfacente, tenendo conto dei 200 ml di acqua dall'ossidazione (dalla combustione dei principali nutrienti) e l'acqua contenuta negli alimenti solidi. La cifra totale ammontava a 2.536 ml con una media di 1.615 ml forniti da alimenti solidi.

    Nel complesso, sembra che, grazie all'elevato consumo di cibo con una grande quantità di acqua, si raggiunga la quantità totale raccomandata, senza avere l'acqua dall'ossidazione , afferma lo studio. [217-87]. E per prima cosa possiamo leggere: questo non sembra essere un problema per i partecipanti allo studio sul crudismo poiché mangiano principalmente cibi con un alto contenuto di acqua .

    È stato automaticamente dimostrato il fatto che gli agricoltori consumano nove volte meno pane e prodotti da forno, nonché latte e prodotti lattiero-caseari e cibi chiaramente meno dolci rispetto alle persone che seguono una dieta intera o normale.

    D'altra parte, il consumo di carne e pesce rappresentava solo il 10% rispetto a quello delle persone a dieta normale! Circa la metà dei partecipanti ha rinunciato completamente ai cereali. Il frutto era l'alimento più consumato e per questo motivo è stato logicamente suddiviso in sei gruppi: bacche (63 g), frutti con osso (14 g), frutti con semi (331 g), frutti selvatici (0,1 g), agrumi (341 g) e frutti tropicali (587 g, esclusi gli agrumi).

    Questi dati mostrano che i frutti selvatici non avevano praticamente importanza in questo studio sul cibo, con il più alto consumo corrispondente ai frutti tropicali, seguiti da agrumi e frutti con semi. In termini individuali, non sorprende che le mele (267 g), le arance (263 g) e le banane (228 g) fossero i frutti più consumati.

    Poi c'erano avocado (90 g), pere (63 g), ananas (54 g) e uva (50 g). Le noci rappresentavano solo 88 g nonostante la data in cui lo studio è stato condotto. Di questi, 76 g corrispondevano a frutti tropicali disidratati. La data di consumo delle date come frutta secca (49 g) è stata analizzata separatamente.

    Si notano anche altri singoli frutti il cui consumo era maggiore di 45 g al giorno: crema pasticcera mela, pompelmo, melone, cachi, kiwi, mandarino, mango e papaia. Cachi, melone e fichi secchi rappresentavano più di 10 g. Tuttavia, è probabile che queste cifre sarebbero state diverse rispetto alla più grande ed economica offerta locale di frutta prodotta in estate. I mesi da febbraio ad aprile durante i quali è stato condotto lo studio sono mesi caratterizzati da una minore disponibilità di frutta.

    Questo è probabilmente il mio secondo ricettario dell'anno 1978.

    © CC-by-sa 2.0, Foto Ernst Erb, Foundation Diet Health Quando mi sono trasferito a Tenerife nel 1980, ho iniziato a consumare frutta e verdura dal mio orto. Tutto il lavoro di preparazione del cibo è stato riassunto per lavarli rapidamente e talvolta per tagliarli, senza ulteriori elaborazioni in cucina, tranne quello che ho fatto con il miele dei miei alveari.

    È possibile acquistare libri a prezzi molto convenienti nelle librerie antiche e antiche, ecc. Molte volte un singolo euro è sufficiente per acquistare questo tipo di libri che sono ancora molto attuali oggi.

    2.4.1. Assunzione di nutrienti

    Conclusione: in relazione alle credenze esagerate del DGE , gli unici valori non raggiunti, in particolare dal vegano crudo con un'alta percentuale di cibi crudi, sono quelli corrispondenti alle vitamine D, B2 e B12, nonché ai minerali di calcio , zinco e iodio.

    CLICK FOR: Fornitura giornaliera

    Nel complesso, i dati sull'offerta giornaliera sono i seguenti: 287 g di carboidrati negli uomini e 238 g nelle donne; 67 g di grassi negli uomini e 59 g nelle donne; 46 g di proteine negli uomini e 39 g nelle donne.

    65 g di fibra negli uomini e 55 g nelle donne; 24 mg di colesterolo negli uomini e 29 mg nelle donne; 16 g di acido linoleico negli uomini e 14 g nelle donne; 11 g di acidi grassi saturi; 28 g di acidi grassi insaturi negli uomini e 24 g nelle donne; 17 g di acidi grassi polinsaturi negli uomini e 14 g nelle donne; 200 g di purine negli uomini e 191 g nelle donne.

    Vitamina A 2,4 mg RE / d (100.000 UI = 30 mg RE; RE = equivalente retinolo); retinolo 32 µg negli uomini e 50 µg nelle donne (entrambi zero); beta carotene 14 mg (11 mg); Vitamina D 3,2 µg; vitamina E 19 mg; vitamina K 637 µg (540 µg); vitamina B1 1,7 mg; vitamina B2 1,5 mg; Vitamina B6 3,5 negli uomini e 2,7 mg nelle donne; e vitamina B12 0,3 µg (fino a zero).

    La fornitura totale di acido folico (477 µg e 458 µg nel caso dei vegani) ammonta a 514 µg per gli uomini e 449 µg per le donne. Quella della niacina a 477 mg, quella della biotina a 62 µg (58 µg, ma 68 µg quando la dieta cruda è del 90%!) E quella della vitamina C è maggiore di 430 mg.

    Sodio 729 mg (401 mg); potassio 5.953 mg; Magnesio 596 mg (645 mg negli uomini contro 562 mg nelle donne); calcio 841 mg contro 686 mg; fosforo 1,408 mg (1,231 mg); 20 mg di ferro contro 18 mg (18 mg); zinco 8,8 mg (8,1 mg) e iodio 113 µg (94 µg).

    Redaction comment

    Per il rigoroso gruppo vegano crudo, ho aggiunto le cifre tra parentesi solo quando sono significativamente al di sotto della media; i valori corrispondenti per i restanti gruppi sono, in questi casi, più alti.

    La dottrina classica considera queste sostanze critiche in relazione alla fornitura di nutrienti, fatta eccezione per la questione molto discussa sulle proteine. Non dovrebbe essere un problema per la persona vegana cruda che segue una dieta variata e presta attenzione al bilanciamento dell'apporto calorico. Inoltre, il peso corporeo tenderà a essere mantenuto, nella migliore delle ipotesi, nel "peso biologico ideale", che è inferiore del 10% rispetto al peso considerato normale. Questa situazione può essere controllata anche mangiando noci e semi.

    Di seguito includerò diversi esempi per la realizzazione di un rapporto più costruttivo, nonché alcune osservazioni personali.

    CLICK FOR: Vitamina D

    Vitamina D (necessaria solo in caso di esposizione al sole ridotta, riserve elevate)

    Le persone con sufficiente esposizione al sole producono anche quantità sufficienti della propria vitamina D che viene mantenuta per 20 giorni. In questi casi non è problematico non ingerire vitamina D. In altre condizioni, il DGE raccomanda l'assorbimento di ulteriori 5 µg.

    Tuttavia, lo studio confronta i dati della critica con i risultati ottenuti negli studi sui bambini con una dieta macrobiotica e con un'assunzione simile e ridotta di vitamina D. Inoltre, in questi bambini è stata rilevata una prevalenza di rachitismo nell'inverno di 55. %. D'altra parte, a partire dal 2013, non abbiamo trovato un parere scientifico unanime riguardo alla vitamina D. Pertanto, nella Wikipedia in lingua inglese, possiamo leggere quanto segue:

    Una revisione del 2013 non ha riscontrato alcun effetto dall'integrazione dei tassi di malattia, se non una riduzione provvisoria della mortalità nel vecchio. (...) Bassi livelli di vitamina D possono derivare dalla malattia piuttosto che causarla. (...) Vitamina D 2 , alfacalcidol e "calcitri .." non sembrano avere effetti benefici per quanto riguarda il rischio di morte. Tuttavia, sia un eccesso che una carenza di vitamina D sembrano causare un funzionamento anomalo e un invecchiamento precoce.

    In un altro dei nostri articoli spieghiamo come risolvere questa domanda senza modificare la dieta cruda. Il nostro programma di ricette e ingredienti include questa vitamina, qualcosa che le tabelle informative più comuni di solito non tengono conto.

    I funghi, ad esempio, forniscono tra 2 e 3 µg per 100 g, ma sotto forma di ergosterolo, un componente che il corpo trasforma solo attraverso la luce solare. Per questo motivo, i funghi che hanno ricevuto una breve radiazione dai raggi ultravioletti e che possono essere consumati crudi con un contributo di 11 µg per 100 g possono essere acquistati, almeno negli Stati Uniti. L'erba medica è un'altra fonte vitaminica di origine vegetale.

    Wikipedia , sia in tedesco che in spagnolo, descrive "ergocalcifer .." come un supplemento farmacologico! E in inglese, nell'articolo sull'erba medica, il suo contenuto vitaminico è dettagliato, così come quello dei licheni dimenticati.

    D'altra parte, l'aringa cruda contiene 31 µg / 100 g. Tuttavia, altri pesci, come il rombo o il tonno, raggiungono solo 5 µg.

    CLICK FOR: Vitamina B2, riboflavina

    Vitamina B2, riboflavina (DGE 1,7 mg)

    Con il consumo di un paio di mandorle in più al giorno, il gruppo a rischio può soddisfare le esigenze di vitamina B2 stabilite dal DGE . Le mandorle forniscono da 0,6 a 0,92 µg / 100 g. È anche utile consumare un paio di grammi di lievito di birra o altro lievito secco (4,5 g / 100 g), senza dimenticare, ad esempio, broccoli con 0,2 mg, rispetto a 0,04 mg di latte materno Inoltre, i funghi crudi forniscono 0,45 mg.

    CLICK FOR: Vitamina B12

    Vitamina B12 (DGE 3,0 µg, ma 1,0 µg secondo FAO / OMS)

    Il DGE consiglia un'assunzione di 3,0 µg sebbene le raccomandazioni FAO / OMS indichino 2,0 µg (in questo caso si tiene conto anche di un riassorbimento del 50% (link in inglese)). Il corpo è in grado di conservare questa vitamina per il consumo per diversi anni e adatta il suo assorbimento e l'uso in base alle sue riserve. Data la sua complessità, spiegherò questo processo in un altro articolo!

    In alcuni luoghi si afferma che con un paio di grammi di lievito al giorno possiamo soddisfare le nostre esigenze di vitamina B12. Alcune persone consumano il lievito di birra secco come ingrediente in un'insalata o come complemento di un avocado. Tuttavia, si dovrebbe tener conto del fatto che, nonostante quanto detto in precedenza, gli anziani, i vegetariani e i vegani possono sviluppare un deficit di vitamina B12 che viene gradualmente generato nel corso degli anni.

    Al contrario, le persone che hanno subito determinate operazioni chirurgiche ( dell'ileo ) o soffrono di alcuni difetti ( fattore gastrico intrinseco , "fattore intrinseco IF", ridotto o assente), ecc. sviluppano problemi di salute relativamente rapidamente ma non sono sempre osservati direttamente. Questo problema è trattato separatamente in un altro testo.

    CLICK FOR: calcio

    Calcio (DGE 850 mg)

    Tutto il calcio consigliato dal DGE , così come l' FNB ( Food and Nutrition Board ) negli Stati Uniti, è necessario solo quando l'individuo ingerisce molte proteine. Anche il problema derivante dal consumo di latte svolge un ruolo chiave in questo contesto e ne discuterò in un altro articolo.

    In ogni caso, va notato che le mandorle forniscono 252 mg per 100 g, fichi secchi 190 mg, nocciole 225 mg, datteri secchi 61 mg, broccoli 113 mg, indivia 68 mg, finocchio 109 mg e cavolo anche 230 mg. Con tale raccomandazione questo libro aiuterebbe molto di più il consumatore!

    CLICK FOR: zinco

    Zinco (DGE 12 mg)

    Con una dieta variata non ci sono problemi con l'apporto di zinco. I pinoli forniscono 14 mg, mandorle 3,1 mg, nocciole 2,4 mg, noci del Brasile 4,2 mg, noci pecan 4,5 mg e noci 3,0 mg, ma anche broccoli 0 , 9 mg, piselli 1,6 mg e carote 0,52 mg.

    CLICK FOR: iodio

    Iodio (DGE 190 µg, FNB da 50 a 100 µg)

    La stessa Carola Strassner indica che comunque i dati relativi allo iodio alimentare non sono molto chiari . Il DGE stabilisce quindi un'elevata sicurezza per le regioni montuose con bassi livelli di apporto di iodio al fine di sensibilizzare il consumatore.

    D'altra parte, secondo [FNB, 73], un'assunzione di soli 50-100 µg al giorno garantisce di non gozzo. Altre fonti indicano quantità da 44 a 162 µg o da 100 a 200 µg.

    Il contenuto di iodio varia in base alla composizione chimica del suolo (erosione glaciale). I canoni contengono 62 µg, broccoli e carote 15 µg ciascuno e ananas 10 µg, ma 200 µg di pollock e olio di fegato di merluzzo da 510 a 870 µg / 100 g! Com'è facile raggiungere il “valore sicuro” raccomandato anche con una dieta vegana cruda al 100%!

    © CC-by-sa 2.0, Foto Ernst Erb, Foundation Diet Health

    Soprattutto negli Stati Uniti, paese di grandi contrasti, esiste una vasta gamma di libri di ricette con cibi crudi.

    È anche possibile trovare molti ristoranti crudi al cento per cento, alcuni dei quali completamente vegani, situati anche in piccole città come Durango (Colorado).

    I ristoranti grezzi a New York e in altre grandi città offrono anche menu a base di cibi genuini crudi e gourmet. Li sto ancora cercando in Europa e vorrei poter fare un elenco di tutti. Se ne conosci qualcuno, ti preghiamo di informarci utilizzando la casella inclusa alla fine di questo articolo.

    2.5. Bilancio energetico e peso corporeo, ecc.

    Lo studio ha dimostrato che il contributo energetico era di 1.976 kcal (8,3 MJ) al giorno, in particolare 9,0 MJ per gli uomini e 7,4 MJ per le donne. I partecipanti vegani crudi hanno appena raggiunto una media di 7,9 MJ. Ciò significa che il 57% dei partecipanti non ha soddisfatto i valori raccomandati dal DGE che ammontano rispettivamente a 10 MJ e 9 MJ.

    Tuttavia, possiamo anche leggere quanto segue: Un gruppo di cinque pazienti reumatici che hanno adottato questa dieta vegana per tre mesi mentre una dieta specifica ha aumentato l'apporto energetico giornaliero a 8,0 MJ +/- 1,7 MJ, ovvero un contributo significativamente più alto (p> 0,001) rispetto alla dieta abituale .

    (...) Altri gruppi di partecipanti che hanno seguito la dieta "Living Food Diet" per una settimana o un mese in media hanno registrato contributi energetici alimentari più elevati (8,0 MJ / g) rispetto al gruppo di controllo (7,7 MJ / d) con il loro solito cibo occidentale misto . [Hänninen et al., 1992; Peltonen et al., 1992].

    CLICK FOR: I critici vegetariani o vegani non raggiungono sempre i valori raccomandati

    Studi in numerosi paesi, compresi quelli degli avventisti del settimo giorno in Canada e negli Stati Uniti, hanno dimostrato che i critici vegetariani o vegani non sempre raggiungono i valori raccomandati. Un esempio sono i suddetti avventisti, le cui donne hanno consumato 1.600 kcal e uomini, con lavori che richiedono elevati sforzi fisici, 2.400 kcal.

    Redaction comment

    Lo studio confronta questi dati con quelli ottenuti nei cosiddetti paesi in via di sviluppo come la Sierra Leone o l'Ecuador. [Young & Pellett, 1990]. Un equilibrio equilibrato si verifica quando un individuo non aumenta di peso o perde peso. D'altra parte, non troviamo alcuna indicazione del metabolismo basale (ad es. Del cervello, del cuore o della digestione) che indichi che le prestazioni del cuore o del processo digestivo diminuiscono considerevolmente con una dieta vegana cruda, né che il l'organismo tende a raggiungere il peso biologico ideale entro un periodo di circa sei mesi. Solo un'ipotesi al riguardo è inclusa a pagina 163.

    Questo peso è stabilito, secondo le statistiche [29-129], al 10% in meno del peso ideale dell'indice di Broca o al 20% in meno del peso normale secondo questo stesso indice (vedi sopra).

    La diminuzione del metabolismo basale del cuore e della digestione è dovuta a quanto segue: i crudivegani mantengono una pressione sanguigna molto bassa e le pulsazioni del cuore a riposo sono comprese tra 38 e 50 al minuto. D'altra parte, la digestione viene eseguita entro circa 24 ore invece di allungarsi per diversi giorni.

    Il cuore è in grado di produrre un numero finito di pulsazioni. Calcola quanto può essere utile una bassa frequenza cardiaca con il polso a riposo - senza dover soffrire di bradicardia o sindrome del cuore dell'atleta (link in inglese) - oltre a ridurre la pressione sanguigna con prestazioni fisiche ottimali. Gli scienziati non hanno ancora riconosciuto che ciò è possibile, non solo con uno sport sano, ma anche attraverso una dieta vegana cruda.

    Uno studio di [Shimazono, 1990] mostra gli effetti del cibo occidentale in Giappone:

    Prima e poco dopo la seconda guerra mondiale, il rapporto tra le fonti alimentari di origine animale e vegetale era di 1:20, con pesci e crostacei come alimenti animali principali. Ciò significa che solo il 5% del cibo in Giappone proviene da animali. Il consumo di latte e latticini era praticamente inesistente.

    Allo stato attuale, il rapporto è 1: 1 [217-110] e le malattie della civiltà, così come l'obesità, iniziano a manifestarsi tra i giapponesi.

    Infine, l'autore elenca e confronta sostanzialmente diverse forme di cibo (ad esempio lo "Studio del cuore sullo stile di vita", ecc.) Concludendo quanto segue:

    È interessante notare che, tra tutti i tipi di alimenti (alternativi), la dieta cruda è quella che consente di ottenere le quantità più raccomandate di nutrienti. [217-112].

    CLICK FOR: peso

    I partecipanti maschi allo studio hanno pesato in media 68 kg +/- 9 kg e le donne 56 kg +/- 8 kg. Il peso del crudiveganos era in media di 60 kg +/- 10 kg. Gli uomini si assottigliarono in media circa 13 kg e le donne circa 10 kg. I dati si riferiscono al peso massimo e minimo registrato nelle statistiche.

    L'87% degli uomini e il 71% delle donne erano soddisfatti del loro peso. È interessante notare che, nei casi in cui la soddisfazione non era completa, le donne volevano perdere più peso e gli uomini aumentano di peso.

    Redaction comment

    Nota personale: l'indice di massa corporea (BMI) è attualmente utilizzato più dell'indice di Broca. L'IMC stabilisce confronti tenendo conto dei chili e dell'altezza da un metro ed è caratterizzato da una stretta correlazione con la percentuale di grasso corporeo. Fornisce inoltre dati molto più affidabili per individui di dimensioni particolarmente grandi e piccole.

    Il peso normale in chili secondo l'indice di Broca è l'altezza in centimetri meno 100 e il 5% deve essere sottratto nel caso di una donna. Il peso ideale sarebbe inferiore del 10% e per ottenere il "peso biologico ideale" dovrebbe essere sottratto un ulteriore 10% [29].

    Il BMI viene calcolato dividendo il peso in chili per il quadrato dell'altezza in metri. Pertanto, ad esempio, per un'altezza di 1,77 m avremmo 1,77 x 1,77 = 3,1329 che con un peso di 63,3 kg sarebbe equivalente a un indice di 20,2. I valori fino a 18,5 sono classificati come "sottopeso".

    D'altra parte, il "peso biologico ideale" secondo la formula di [29] Broca sarebbe per questo stesso esempio: 77 - (10% x 77) = 69.3 e sottraendo un altro 10% otterremmo un peso di 63,3 kg che , come possiamo vedere, corrisponde a un BMI di 20.2. Pertanto, i limiti inferiori del "peso normale" dell'IMC sarebbero equivalenti al peso biologico ideale di Broca.

    Un peso normale secondo l'IMC è quello che varia da 18,5 a 25, sovrappeso da 25 a 30 e obesità oltre 30.

    Gli studi con ipertonico (pressione sanguigna essenziale) hanno mostrato una perdita di peso significativa e significativa. Le forme di dieta con un alto contenuto di fibre sono più efficaci per ridurre il peso corporeo negli uomini obesi rispetto a una dieta ipocalorica . [Acosta, 1988].

    Allo stesso modo, un altro fatto importante potrebbe essere verificato: nessuno dei gruppi con alimentazione grezza ha mostrato pesi corporei del solito tipo in pazienti con anoressia nervosa .

    CLICK FOR: obesità

    L'IMC corrispondente all'obesità non è stato registrato durante lo studio in nessuno degli uomini e solo nello 0,9% delle donne. Nel caso di donne con una dieta completa, il tasso di obesità è stato raggiunto all'1,2% e in coloro che hanno seguito una dieta mista normale all'11,5%.

    Con ogni probabilità, questa unica donna con obesità nello studio non si è nutrita di petrolio greggio per molto tempo poiché era anche nel gruppo dei critici più severi. Lo studio classifica il 19,1% degli uomini e l'8,4% delle donne nel gruppo in sovrappeso. Le donne con dieta integrale e sovrappeso erano il 18,2% e con dieta mista e sovrappeso il 37,9%. I dati indicano che, almeno nel caso degli uomini, i partecipanti hanno iniziato una dieta grezza per combattere l'eccesso di peso.

    Nel gruppo di persone con il cosiddetto "peso ridotto" c'erano il 10,6% di uomini e donne e il 25,2% di donne donne. Con alimentazione integrale e peso ridotto, il 14% è stato registrato e con il 5,7% misto di donne. Questo tipo di peso ridotto è registrato più frequentemente tra i crudivegani che tra gli onnivori.

    Un gruppo di donne che si nutrivano da 0,7 a 14 anni secondo la dieta vegana "Living Food Diet" aveva un BMI medio di 21 +/- 3 kg / m2 . [Rauma et al., 1995b].

    Redaction comment

    Va notato che questi dati sono praticamente gli stessi di quelli corrispondenti al peso biologico ideale, sebbene il peso corporeo fosse, come previsto, molto più basso che nel caso del gruppo di controllo. In questo senso, Hermann Mohler include a pagina 129 del suo lavoro " Die Cholesterin-Neurose " (La nevrosi del colesterolo) una curva che mostra l'aspettativa di vita. La maggiore aspettativa di vita è registrata per le persone con un peso inferiore del 10% rispetto al peso normale. Il peso normale è, secondo questi dati, solo il peso meno dannoso.

    Un gruppo di donne che si nutrivano da 0,7 a 14 anni secondo la dieta vegana "Living Food Diet" aveva un BMI medio di 21 +/- 3 kg / m2 . [Rauma et al., 1995b].

    In relazione alla composizione corporea, cioè alla relazione tra massa extracellulare (ECM) e massa cellulare (BCM) senza massa grassa, la massa magra è relativamente alta. Pertanto, nel 44,9% degli individui, il rapporto ECM / BCM era inferiore a 1,0.

    CLICK FOR: Contenuto totale di acqua corporea e metabolismo basale

    Il contenuto totale di acqua corporea era per gli agricoltori più vicino al limite superiore corrispondente alla distribuzione normale e nel 31,8% dei casi era persino più elevato. Allo stesso modo, anche la percentuale di massa magra era più elevata (77% nel complesso, con una distribuzione normale dal 70 al 78%). L'84,8% dell'intero gruppo era nella zona normale rispetto all'angolo di fase.

    L'angolo di fase, che per il totale del gruppo analizzato coincide principalmente con la distribuzione normale, indica un'integrità preservata delle membrane. Questa tendenza dovrebbe essere considerata significativa perché il corpo compensa una diminuzione del BCM (se ciò si verifica) in un modo molto più lento rispetto, ad esempio, a una riduzione del grasso corporeo. Le fasi iniziali della malnutrizione sono caratterizzate da una diminuzione del BCM che si verifica contemporaneamente ad un aumento dello spazio extracellulare . [217-122].

    La maggior parte dei partecipanti, ovvero il 66,2%, era nella distribuzione normale dell'obiettivo dell'indice e solo il 3,5% era inferiore.

    Per quanto riguarda l'indice Kappa, anche la maggioranza rientrava nella distribuzione normale e solo una minoranza del 9,1% aveva valori più elevati. Contrariamente a quanto accade all'individuo analizzato, il cui contenuto di grasso corporeo (BF = grasso corporeo) rientra nella distribuzione normale, un BF del 6,1% è stato registrato nei lavoratori dell'India e 14 , 3% in un gruppo di controllo .

    Tuttavia, l'aumento dell'indice ECM / BCM indica (in anticipo) uno stato nutrizionale in peggioramento. (…) L'LBM del gruppo grezzo è situato a valori relativamente alti (p. 124). LBM significa "massa corporea magra", ovvero massa magra. Vedi a questo proposito l' analisi dell'impedenza bioelettrica (più informativo è l'articolo in inglese sul " BIA ").

    Anche il metabolismo basale era più basso, specialmente tra i vegani crudi, che nei casi di altre persone. Lo studio giunge alla seguente conclusione: probabilmente un metabolismo basale inferiore per chilo di peso corporeo in soggetti con malnutrizione cronica può essere attribuito a cambiamenti nella composizione corporea, più precisamente a una riduzione della massa muscolare e ad un aumento della parte non muscolare [Shetty e altri, 1996].

    Lo stesso non si esclude che ciò accada anche con i crudisti. Poiché i fabbisogni energetici dipendono, tra le altre variabili, dal peso corporeo, è possibile che un minore assorbimento di energia sia coerente con i bisogni reali . [217-127].

    In relazione al metabolismo proteico, il gruppo di partecipanti ha mostrato un'assunzione media di 41 g (46 g negli uomini e 39 g nelle donne). Solo il 27% dei critici vegetariani e vegani ha raggiunto le raccomandazioni eccessivamente elevate del DGE , che sono inequivocabili e avvantaggiano l'industria del settore. Controlla a questo proposito le nuove pubblicazioni come The Study of China (maggiori informazioni su questo libro in questa recensione ). D'altra parte, la densità nutrizionale della proteina era di 5,4 g / MJ per l'intero gruppo.

    Tuttavia, tutti i gruppi hanno raggiunto l'AR ("fabbisogno medio medio di popolazione") raccomandato dalla Commissione della Comunità Europea, Bruxelles ( CCE ), di 0,60 g di proteine per kg di peso corporeo (!).

    CLICK FOR: Assunzione giornaliera di proteine

    Se le quantità sono correlate al peso corporeo, sia i vegetariani che i vegani possono raggiungere i valori raccomandati . [Calson et al., 1985; Abdulla et al., 1984].

    In uno studio di [Agarwal et al., 1984] è stato stabilito che l'assunzione giornaliera di 0,53 g / kg di proteine vegetali (cereali, legumi, verdure) è sufficiente per una donna attiva in buona salute. Non è stata presa in considerazione la misura in cui un adattamento del metabolismo potrebbe svolgere un ruolo significativo per queste donne indiane .

    Come dato comparativo: in Giappone, poco prima della seconda guerra mondiale, l'assunzione di proteine era di 53 g. Nel 1945, era stato ridotto a 36 g / g e attualmente un giapponese medio ingerisce 78,9 g / g (anno di riferimento 1986) . E negli Stati Uniti arriva già a 100 g! I partecipanti allo studio hanno coperto quasi il 50% dell'apporto proteico attraverso il consumo di frutta e verdura.

    Nel caso specifico del vegano crudo, il 39,4% proveniva dalla frutta, il 21,4% dalla verdura, il 12,4% dalle noci, il 16,1% dalle sementi, il 5,6% di cereali, 2,3% di bevande e 2,8% di "altri".

    © CC-by-sa 2.0, Foto Ernst Erb, Foundation Diet Health

    Dal mio soggiorno a Tenerife ho consultato questo libro di cucina. Non è un libro per preparare cibi crudi ma include ricette per piatti crudi.

    In altre parole, il titolo del libro è fuorviante (anche se non è questa l'intenzione).

    Gradirei ricevere brevi recensioni su libri grezzi. L'offerta di libri di seconda mano sul greggio è eccezionale. Qui siamo particolarmente interessati a coloro che non raccomandano alcuna particolare forma di cibo.

    Sono quelli che io chiamo "libri neutrali sul crudismo", cioè libri senza influenze settarie o addirittura esoteriche. Questi ultimi inducono fortemente ad adottare una certa forma di crudismo molto unilaterale.

    CLICK FOR: Aminoacidi essenziali

    In relazione agli aminoacidi essenziali, lo studio presenta i seguenti risultati:
    Ad eccezione di istidina e metionina + cisteina, le assunzioni medie di tutto il gruppo sono più del doppio di quelle raccomandate dall'OMS . In confronto alle raccomandazioni del MIT / Young e altri (tabella 6.20, p. 138), il totale del gruppo grezzo e degli uomini che sono in media è un po 'al di sotto in termini di lisina. I bisogni del resto degli aminoacidi sono coperti . [217-135].

    (…) Per quanto riguarda isoleucina, leucina, valina, lisina, treonina, triptofano e fenilalanina + tirosina, le quantità di aminoacidi essenziali di tutti i partecipanti sono superiori ai valori raccomandati dall'OMS .

    Applicando anche la conversione in mg / kg, il risultato mostra che almeno il 90% dei partecipanti ha raggiunto i valori raccomandati per tutti gli aminoacidi essenziali. In relazione ad alcuni di questi, la percentuale è salita al 95% e per altri ha addirittura raddoppiato l'assunzione consigliata dall'OMS .

    Tuttavia, durante le discussioni [217-141] si afferma quanto segue:
    In due studi condotti in Svezia con vegetariani e vegani [Abdulla et al., 1984; Abdulla et al., 1981] il contenuto di aminoacidi essenziali presenti in ciascuna delle forme di alimentazione è stato determinato analiticamente.

    È difficile confrontare i diversi dati registrati; Tuttavia, si può affermare che la dieta cruda ha un contenuto inferiore di tre aminoacidi essenziali (leucina, lisina e treonina) rispetto ai vegetariani e metionina + cisteina rispetto ai vegani .

    Cosa ci dice tutto ciò? I vegani crudi si trovano in una situazione di partenza peggiore rispetto ai vegani che mangiano prodotti cotti? Per quanto riguarda la situazione proteica, il valore medio di albumina sierica era di 42 g / l.

    Di conseguenza, anche questo valore rientrava nei limiti normali compresi tra 25 e 50 g / l. La transferrina del gruppo totale ha raggiunto una media di 2,89 g / l, con una distribuzione normale compresa tra 2 e 4 g / l. Allo stesso modo, la proteina totale nel plasma sanguigno dei partecipanti era di 72 g / l, cioè era anche entro i limiti di riferimento da 65 a 82 g / l.

    CLICK FOR: Livello di acido urico

    Allo stesso modo, il livello di acido urico del 90,5% dei partecipanti grezzi era compreso tra i limiti di riferimento compresi tra 3,4 e 7,0 mg / dl.

    La disintossicazione dell'ammoniaca generata durante la metabolizzazione delle proteine viene effettuata per mezzo dell'urea, un composto finale di grande importanza. L'87,1% degli agricoltori ha registrato un livello di urea entro i limiti di riferimento compresi tra 10 e 50 mg / dl. I livelli del resto dei partecipanti erano praticamente senza eccezioni al di sotto della soglia inferiore . E questa è naturalmente una buona notizia!

    Non sono stati stabiliti livelli di glucosio ridotti tra i critici. Nell'89% dei casi sono compresi tra i limiti di riferimento compresi tra 60 e 100 mg / dl. Nessuno dei partecipanti ha presentato un valore inferiore alla soglia inferiore. Un requisito per combattere la perdita di temperatura è la disponibilità di ormoni tiroidei in quantità sufficienti.

    Durante il digiuno, T₃ diminuisce e si verifica indirettamente un effetto termoregolatorio. Il fastidio più menzionato nei questionari psicologici compilati dai crudisti era avere mani e piedi freddi .

    Redaction comment

    La tiroxina T₄ viene convertita nell'ormone tiroideo attivo triiodotironina T₃. Una riduzione provoca una diminuzione del metabolismo basale , che a sua volta produce risparmi energetici. Vedi a questo proposito il libro " Ernährung und Fasten als Therapie " (Cibo e digiuno come terapia) di Rainer Stange e Claus Leitzmann (Springer, 2010, 317 pagine).

    Sebbene i valori registrati siano per lo più adeguati, lo studio ipotizza, sulla base dei risultati degli esami del sangue, un'esistenza di anemia nel 43% degli uomini e nel 15% delle donne partecipanti [ Kwanbunjan et al., 1996; Kwanbunjan, 1996, pag. 124]. L'autore confronta, ad esempio, i bassi valori sierici di trigliceridi con la malnutrizione proteina-energia (PEM) e conclude la presenza di questa forma di malnutrizione ( marasmus ).

    Tuttavia, questi valori erano 65 mg / dl ed erano entro i limiti di riferimento compresi tra 60 e 200 mg / dl. Inoltre, nel caso dei crudivegani, alcuni dei valori più significativi presentavano una tendenza inversa a quella osservata con la PEM, p. ad es. elettroliti, vitamine A, C e B2 o il sistema immunitario. [217-53 e seguenti].

    Lo studio continua dicendo:
    Poiché l'indice di creatinina sierica si trova per tutti i partecipanti nei limiti di riferimento da 0,7 a 1,3 mg / dl per gli uomini e da 0,6 a 1,2 mg / dl per le donne, Si può considerare che le funzioni renali non sono interessate .

    La presenza di aflatossine è stata discussa come un fattore etologico di kwashiorkor e PEM , poiché questi si trovano in quantità elevate nelle noci. Allo stesso modo, possiamo leggere in un modo che non è chiaramente espresso che a volte c'è una minoranza tra le donne con le mestruazioni, sebbene questo disturbo sia osservato più frequentemente in caso di digiuno e anoressia nervosa. [217-156]. La seguente riflessione indica quanto segue:

    Lo studio di Giessen sul cibo crudo è uno studio trasversale che non tiene conto né di prevalenze né di incidenti. Per questo motivo, è difficile dimostrare o interpretare una relazione tra alimentazione grezza (esposizione) e stati di carenza (esito).

    Queste parole dicono praticamente tutto ...

    © CC-by-sa 2.0, Photo Ernst Erb, Foundation Diet Health

    Questo libro dell'ex chef dell'alta gastronomia Urs Hochstrasser , della "Scuola di vita" di Flüeli-Ranft, Svizzera, offre consigli per cibi crudi. Organizza anche corsi.

    Per motivi religiosi, lo chef rifiuta categoricamente il consumo di carne. Si riferisce anche alle immagini di Kirlian e sviluppa numerose ricette che includono germogli e germogli.

    2.6. La mia riflessione finale

    Questo studio è un lavoro molto completo, svolto con grande sforzo e con l'aiuto di numerosi collaboratori. La sua pubblicazione è destinata a scopi scientifici e non è destinata a lettori laici sul campo. Ciò spiega che lo studio è composto in gran parte da una successione di dati, figure di altri lavori, valori di riferimento e confronti. Proprio per questo motivo sarebbe stato abbastanza pratico includere un indice di parole chiave.

    È stata una buona decisione pubblicizzare i risultati di uno studio, senza dubbio prezioso, pubblicando un libro che in una certa misura è più accessibile al pubblico. Tuttavia, questo sarebbe stato anche il momento giusto per contrastare l'eccellente analisi eseguita attraverso una sintesi.

    Il lavoro affronta e discute in modo molto completo e dettagliato una serie di parametri individuali in relazione al metabolismo alimentare e umano. Purtroppo cita un numero enorme di articoli scientifici senza fare riferimento a loro più che con brevi parole.

    CLICK FOR: esempio

    Pertanto, lo studio confronta, ad esempio, l'assunzione giornaliera media di sostanze nutritive nella dieta dei partecipanti - per oltre 30 parametri - con le raccomandazioni del DGE . [217-206 e seguenti]. D'altra parte, il lavoro non è interessato a come le persone sono da un punto di vista soggettivo e oggettivo.

    Un esempio illustrativo si trova anche a pagina 71: BCM è la somma delle cellule che consumano ossigeno, ricca di potassio e gluco-ossidanti. Il BCM comprende cellule della muscolatura, organi interni, tratto gastrointestinale, sangue, ghiandole e sistema nervoso.

    Il BCM è considerato il parametro principale quando si valuta lo stato nutrizionale dei partecipanti perché tutti i processi metabolici dell'organismo vengono effettuati nelle cellule BCM. La parte della massa magra al di fuori delle cellule si chiama ECM.

    (...) La cattiva alimentazione e la malnutrizione associate ai cambiamenti nella TBW possono essere diagnosticate dai cambiamenti nei compartimenti BCM ed ECM . [Kuhn et al., 1989]. TBW significa "acqua total body" (acqua corporea totale, fluidi corporei ), BCM "massa cellulare" (massa corpo cellulare) ed ECM "massa extracellulare" (massa extracellulare).

    È così che il lettore viene informato della valutazione che, sullo stato nutrizionale, esegue la scienza. La situazione dei crudisti viene confrontata con la situazione di coloro che seguono una dieta mista, senza considerare che l'organismo dei crudisti reagisce "in un modo molto diverso" a causa della minore varietà nutrizionale, in particolare delle proteine di origine animale.

    Da un lato, l'assorbimento delle "molecole mancanti" è piuttosto maggiore e dall'altro il "consumo" è piuttosto minore.

    In effetti, i dati ufficiali si basano su un assorbimento e su un uso anormalmente ridotti da parte di coloro che seguono una dieta mista e includono anche un elevato contributo di sicurezza aggiuntivo.

    Pertanto, quando si confrontano determinati parametri tra i due gruppi, è completamente indifferente se l'individuo conduce una vita più sana, piena, dinamica e lunga o come si sente e come agisce effettivamente.

    D'altra parte, a causa del sottile aspetto dei crudiveganos e delle parziali somiglianze della loro struttura interna, i confronti vengono effettuati in diverse occasioni con gli abitanti della Sierra Leone o dell'Ecuador che sono abbastanza superficiali. [217-105]. Questo mi ricorda situazioni come quelle nella zona del Sahel .

    CLICK FOR: Per un crudista, queste affermazioni costituiscono più un'offesa che un aiuto

    Questi confronti potrebbero essere formulati meglio se si facessero riferimenti reali che includessero anche dati sulla salute e / o sulla capacità di prestazione degli individui e prendessero in considerazione anche le possibilità di igiene e assistenza medica di entrambi i gruppi.

    Inoltre, possiamo leggere a pagina 148 quanto segue: In uno studio in cui 23 partecipanti hanno seguito la dieta "Living Food Diet" per una settimana e un gruppo di controllo composto da 15 persone ha ingerito lo stesso cibo (sic!) Cucinato durante due minuti nel microonde, è possibile verificare una differenza nello stato proteico totale . [Hänninen et al., 1992].

    Allo stesso modo, si afferma, ad esempio, che alcuni parametri dei critici esaminati concordano con quelli di un PEM [217-164] o che, sulla base delle informazioni raccolte, SEMBRA che alcuni dei parametri dei critici esaminati coincidano con quelli di un PEM o anoressia nervosa .

    E anche: si può dire con certezza che il gruppo nel suo insieme non mostra segni di una situazione di carenza pronunciata, tuttavia la tendenza è preoccupante . [217-159].

    Per un crudista - che generalmente proviene da una classe sociale superiore alla media (formazione, reddito) - queste affermazioni costituiscono più un'offesa che un aiuto.

    Lo studio nega quindi a un considerevole gruppo di cittadini tedeschi appositamente formati e finanziariamente indipendenti la capacità di valutare il proprio stato di salute. Forse la decisione di vivere volontariamente in modo più libero e consapevole dovrebbe essere incolpata della sua confusione. Non è un po 'irrispettoso?

    Stop! Il lettore trova anche alcuni commenti positivi come: Un alto numero di persone indica esperienze positive con l'alimentazione grezza. Non è sorprendente nei casi di individui che in precedenza si nutrivano in modo piuttosto convenzionale [217-160]. La risposta è immediata

    Bene, perché non è "sorprendente"? Ciò che dovrebbe sorprenderci è che lo studio mette a confronto queste persone con quelle colpite da una PEM o anoressia nervosa, o con gli abitanti della Sierra Leone; sebbene in seguito includa una frase che afferma quanto segue:

    Un'alta percentuale di alimenti non riscaldati PU CAN produrre effetti benefici. I cibi freschi offrono molti vantaggi dal punto di vista nutrizionale e fisiologico. Tra questi si può menzionare l'alta densità di nutrienti essenziali, in particolare i metaboliti secondari delle piante, sostanze parzialmente volatili, termolabili e sensibili all'ossidazione.

    La frase precedente è un esempio di un'altra delle affermazioni positive dello studio, oltre a quanto segue: L'effetto di una corretta masticazione e salivazione delle gengive e della digestione dovrebbe essere valutato positivamente. Un ulteriore vantaggio di questo tipo di cibo è la minore perdita di aminoacidi essenziali e non essenziali a causa degli effetti dannosi del processo di riscaldamento, della reazione di Maillard, ecc.

    Tuttavia, lo svantaggio risiede nella presenza di inibitori della proteasi che possono anche danneggiare le proteine endogene, ecc. e che sono inattivati per riscaldamento o lavorazione . [217-161].

    © CC-by-sa 2.0, Photo Ernst Erb, Foundation Diet Health

    Ann Wigmore (1909-1994) fu la più nota sostenitrice del rigoroso cibo vegano crudo. Era una donna molto attiva, morta a 85 anni vittima di avvelenamento da fumo durante un incendio in un edificio.

    Ha sviluppato prodotti alimentari come bevande a base di grano o orzo, e oggi conosciamo come frullati verdi.

    D'altra parte, noi "consumatori", tendiamo a dimenticare ancora e ancora che uno studio può essere condotto da un punto di vista parziale e informare di conseguenza, invece di aiutare coloro che lo pagano, che siamo noi stessi come consumatori e contribuenti

    Sarebbe stato di grande interesse se lo studio offrisse anche alcuni consigli per il "gruppo a rischio". È facile escludere in modo sicuro ciò che è una dieta povera occasionale, anche tra i crudiveganos.

    Sfortunatamente, ho scoperto che proprio nel crudismo ci sono numerosi punti di vista oscuri che portano alla malnutrizione .

    Ciò accade perché ci sono sempre persone - e questo vale per tutte le forme di cibo - che soffrono di disturbi fisici o psicologici che impediscono loro di assumere abbastanza della propria dieta, così come altre persone - e questo si verifica più frequentemente - chi adottano forme di cibo davvero assurde e questo diventerà naturalmente parte delle statistiche! Vedi a questo proposito i tipi di cibo alternativi (link in tedesco).

    CLICK FOR: Sarebbe stato un argomento di discussione interessante in un libro di queste caratteristiche

    Il questionario fornito ai partecipanti - altrimenti molto completo e particolarmente ben progettato - avrebbe potuto permetterci di trarre alcune conclusioni al riguardo, in particolare al punto 2.8 (tipo di cibo) o al punto 2.12 chiedendo: pensi di continuare con Il tuo tipo di feed attuale? e ha offerto cinque motivi per selezionare.

    Allo stesso modo, la domanda del punto 2.14 , quale delle seguenti ragioni spiega meglio la tua preferenza per una dieta cruda piuttosto che per altre forme di cibo? Con le sue otto possibilità di risposta sarebbe stato un argomento di discussione interessante in un libro di queste caratteristiche.

    Allo stesso modo, il punto 5.4 ha chiesto le ragioni del passaggio a una dieta cruda e il punto 5.8 avrebbe fornito molte informazioni sui disturbi causati o scomparsi. Inoltre, i punti 5.9 (cancro), 5.10 (allergie), 5.11 (malattie) e 5.12 (movimenti intestinali) avrebbero potuto essere facilmente valutati.

    A volte si può leggere - fortunatamente non è questo il caso in questo studio - che, ad esempio, la biodisponibilità di alcune sostanze è molto limitata in una dieta vegana rigorosa, senza fare riferimento contemporaneamente al contenuto di queste sostanze nei corrispondenti alimenti è anche molto più alto.

    CLICK FOR: Elevata fornitura in eccesso di beta-caroteni

    Lo studio stabilisce a titolo esemplificativo l'esistenza di un elevato surplus di approvvigionamento di beta-caroteni, sebbene lo corregga dicendo che , tuttavia, l'offerta proviene principalmente da alimenti crudi la cui biodisponibilità è inferiore rispetto al caso di prodotti accuratamente preparati . [217-96]. Stiamo affrontando uno sfortunato processo generale.

    Le persone con una dieta mista che non preparano con cura il loro cibo, ma che lo hanno cotto troppo, affrontano il problema di un deficit. Ovviamente, lo scopo dello studio non è quello di presentare gli svantaggi dell'alimentazione mista, questo è chiaro e così deve essere.

    Carola Strassner non ha commesso l'errore, come molti altri, di confondere l'elevato apporto di beta-caroteni (una provitamina A) con il pericoloso surplus di apporto di vitamina A.

    Per una persona che segue una dieta cruda e pensa come un crudista, è sempre sorprendente notare che anche le nuove generazioni di medici sono "accecate" dai luoghi comuni e che le loro percezioni continuano a essere selettive. Non tengono conto del fatto che il motivo che spiega un cambiamento nella dieta è spesso la comparsa di una malattia.

    Non sono in grado di riconoscere che la natura stessa può creare, attraverso una forma di cibo così diversa da quella dei cliché, alcuni esseri umani che attirano l'attenzione, non a causa del loro sovrappeso, ma a causa delle loro prestazioni nello sport e in altre attività.

    Esistono numerosi esempi di persone vegetariane come:

    • Paavo Nurmi (atleta di prova a media e lunga distanza, 20 record mondiali. Nurmi sorprendentemente presto adottò la dieta vegetariana, era ancora quasi un bambino , leggiamo in questo link in tedesco),
    • Edwin Moses (atleta di breve distanza e campione olimpico, possiamo consultare un elenco di atleti vegetariani in questo link in inglese),
    • Thomas Hellriegel (campione del test di triathlon "Ironman" nel 1997),
    • Andreas Cahling (culturista di livello internazionale),
    • Ivan Lendl e Martina Navratilova (tennisti).

    Tutti vegetariani. Puoi anche controllare questo link in tedesco per un lungo elenco di famosi vegani.

    Alcune persone sembrano non voler capire che l'essere umano "è cresciuto" secondo la propria dieta per milioni di anni - proprio come qualsiasi altro essere vivente - e si dedicano a dissezionare e credere ciecamente in "statistiche che non si sono falsificate. "Invece di fare affidamento sulla natura stessa.

    Lo so Un compito di questo ambito richiede una speciale misura di diligenza (link in inglese), accuratezza e dedizione, e nello studio tutti questi requisiti sono stati applicati eccezionalmente bene in molti modi. Tuttavia, come libro (che può essere acquistato su amazon.de), il lavoro avrebbe dovuto includere il resto degli aspetti fondamentali, specialmente quando i questionari stessi gli chiedevano. Ma è chiaro che ciò non corrispondeva agli obiettivi prefissati .

    CLICK FOR: Lo studio contiene numerosi riferimenti che lasciano il lettore inesperto assolutamente "perso"

    Sebbene a pagina 157 sia letteralmente stabilito che le raccomandazioni relative all'assunzione di nutrienti non devono essere confuse con le esigenze nutrizionali dell'individuo perché le prime includono normalmente un approvvigionamento di alta sicurezza (2DS) al fine di coprire le variazioni individuali , lo studio contiene numerosi riferimenti che lasciano il lettore inesperto assolutamente "perso". La fornitura di sicurezza (in realtà + 2DS) significa aumentare le cifre del 25% al fine di compensare la varianza ( varianza del campione ), cioè le differenze individuali ( disparità ). Vedi in questo senso l' analisi della varianza .

    Lo studio pubblicato come libro aveva le qualità necessarie per offrire raccomandazioni efficaci, ma sicuramente mancava qualche esperienza.

    Sebbene sia menzionato all'inizio del libro, mi manca che il sistema di reazione altamente flessibile dell'essere umano non sia stato trattato nel valutare questo tipo di cibo.

    Pertanto, il libro descrive perfettamente che l'organismo ha una serie di eccellenti regolatori, come le modifiche che si verificano nell'assorbimento, il lento adattamento dell'organismo e la rapida regolazione dei meccanismi omeostatici.

    Per questo motivo, la verifica dei valori effettivi osservati in un vero crudista viene effettuata, in molte circostanze, in modo diverso da quello valido per un gruppo di controllo con una dieta convenzionale.

    Ovviamente, la domanda che ci poniamo è la seguente: perché sembra esserci una discrepanza così grande tra i valori determinati per i crudisti e per coloro che seguono una dieta mista da un lato e dall'altro che i critici meno secondo ciò che sono stato in grado di osservare - generalmente godi di una migliore salute e di un maggiore benessere? Tutto questo con un BMI che corrisponde al peso biologico ideale determinato dagli scienziati e che qui si qualifica ancora come "malnutrizione".

    Come descritto nello studio, la maggior parte dei partecipanti ha indicato di aver adottato una dieta cruda per motivi di salute! Inoltre, all'interno delle proprie mura, presso la stessa Università di Giessen , era stato condotto uno studio su diversi volumi dal titolo " Ernährungslehre und Diätetik " (Nutrizione e dietetica) [31] in cui venivano esaminati anche questi tipi di relazioni, sebbene il lavoro è in qualche modo obsoleto sotto molti aspetti

    Pertanto, lo studio viene dal "posto giusto". Offre molte informazioni per i nutrizionisti ed è utile anche per i laici sul campo. All'inizio fornisce dati oggettivi, equilibrati e attuali sull'argomento del cibo. Tuttavia, alla fine raggiunge conclusioni parziali sui processi e sulle conseguenze e trascura la tendenza precedente:

    Il verdetto finale è moderato ma in "bianco o nero", invece di essere differenziato ed equanime.

    Il lettore ha la sensazione che gran parte dei dati positivi osservati durante lo studio non abbiano avuto posto in questo libro o che sia stato deciso di non farlo.

    3. Informazioni sul libro

    titolo I critici si nutrono in modo più sano?
    subhead The Giessen Study on Raw Food (Titolo originale: Die Giessener Rohkost-Studie)
    Autore / i Carola Strassner
    editoriale Verlag für Medizin und Gesundheit
    pubblicazione 1998
    pagine 243, taglia media
    ISBN 3-932977-04-1
    osservazioni Carola Strassner è attualmente professore e dottore in Ecotrofologia e MBA. Lavora alla Higher Technical School di Münster. [217- ??] = int. Buch no.

    Commenta (come ospite) oppure accedi
    List Commenti Stampa
    Tag Cloud
     che   per   una   con   del   non   sono   studio   Come   più   dei   anche   questo   dieta   proteine   nel   della   delle   peso   donne   partecipanti   era   cibo   stato   tra   gli   essere   hanno   Solo   uomini