Fondazione Dieta & Salute
La miglior prospettiva per la tua salute
La miglior prospettiva per la tua salute
La miglior prospettiva per la tua salute
La miglior prospettiva per la tua salute
Le ricette si trovano anche nella nostra app.
Questa pagina è stata tradotta tramite Google Translator

Recensione: «Occhio! Non bere il tuo latte! »Di Frank A. Osk

Commenti

L'elenco dei medici che hanno riconosciuto i problemi del latte ne aggiunge un altro, che analizza una moltitudine di studi scientifici e fornisce citazioni da

© CC0, Stiftung Gesundheit und Ernahrung, Stiftung Gesundheit und Ernahrung conclusione

Devo ammettere che il libro " Milch besser nicht!", ( " Latte meglio non! " ) Di Maria Rollinger modella più concisamente le idee ed è più adatto per i lettori europei. Il link alla recensione si trova più avanti in questo articolo nel riquadro che ritrae l'immagine sulla copertina del libro. Tuttavia, la pubblicazione di cui trattiamo in questo articolo, dell'autore Frank Aram Oski (1932-1996) aggiunge altri aspetti importanti. Come pediatra ed ematologo, è stato direttore del servizio pediatrico presso la State University di New York e successivamente presso la Johns Hopkins University School of Medicine.

Dr. Oski, il suo lavoro e la sua esperienza, sono diventati referenti di malattie, alimentazione e igiene dei bambini negli Stati Uniti. Ma non solo: in seguito si occupò anche della dieta degli adulti. Ha pubblicato questo libro poco prima della sua morte prematura a causa del cancro alla prostata. La sua analisi del latte è arrivata troppo tardi per lui, tuttavia, la ricerca che ha condotto e condiviso con noi sorpreso dalla sua ricchezza. Li chiama fatti agghiaccianti sul cibo più sopravvalutato del mondo . In questo articolo forniamo collegamenti a tutti i lavori scientifici da lui diretti.

Il libro " ¡Ojo! Non bere latte! " Fornisce importanti argomenti e motivi per cui il latte di mucca è malsano, nonché i motivi per cui molte persone non lo conoscono. Qualsiasi latte diverso dal tuo è considerato malsano; Tuttavia, l'autore non menziona un problema importante: i numerosi ormoni della crescita contenuti nel latte.

Sebbene il latte sia originariamente un prodotto naturale, può diventare più dannoso di quanto pensiamo. I mammiferi producono un latte con una composizione chimica molto diversa dal latte materno umano.

La carenza di ferro nei bambini che consumano molto latte è stata, molto probabilmente, la prima indicazione dei problemi causati dal latte di mucca. A quel tempo, era ancora consumato come cibo complementare.

CLICK FOR: Confronto dei minerali contenuti nel latte umano e nel latte di vacca

Tuttavia, il contenuto di ferro nel latte vaccino, con un valore di 60 µg / dl, non è molto diverso da quello contenuto nel latte materno, che si attesta a 74 µg / dl.

Quando il latte di mucca veniva consumato solo come integratore alimentare, venivano invece presi alimenti di migliore qualità, come le verdure. Oggi conosciamo diete molto migliori che non includono il latte.

La verdura ha tra il doppio e fino a oltre trenta volte la quantità di ferro nel latte; Un buon esempio di questo sono spinaci e bietole . Inoltre, spesso forniscono anche più calcio, se si considera l'assorbimento netto.

Confronto dei minerali contenuti nel latte umano e nel latte di mucca (mg / dl)
elemento Humana mucca
Ca ( calcio ) 30 120
P ( fosforo ) 14 94
K ( potassio ) 51 150
Na ( sodio ) 15 45
Cl ( cloro ) 41 106
Mg ( magn. ) 4 12
S ( zolfo ) 14 33
Tavolo del libro "Milch und Milchprodukte in der Ernährung des Menschen", (" Latte e prodotti lattiero-caseari nell'alimentazione umana " ) , scritto dal professor Edmund Renner, terza edizione 1977, pagine 152 e 156.

La pagina seguente è disponibile sulla pagina Vegan.de (31/05/02): il Dr. Renner è considerato il guru del latte e ha condotto numerosi studi sulla presunta prevenzione dell'osteoporosi consumando latte di mucca .

Di seguito presentiamo i risultati tratti dall'International Dairy Journal 1991/1 / p. 77-82. Successivamente presentiamo una dura critica a come questo studio è stato condotto all'università Justus Liebig di Giessen . Ho convertito i dati mg / mg / dl in modo che possano essere confrontati con la consueta forma mg / 100 g e non causino confusione.

Secondo il professor Renner, il latte umano contiene 2 g / l di minerali, mentre il latte di mucca raggiunge 7,3 g / l, che è la quantità di cui un vitello ha bisogno. Tutte quelle sostanze che consumiamo in eccesso hanno un effetto negativo sul nostro organismo.

Il professor Oski ci informa, come scienziato di riferimento, perché il latte e i latticini sono diventati alimenti essenziali nella nostra dieta. Cita esempi che riflettono la grande influenza esercitata dall'industria lattiero-casearia e dai lobbisti e sottolinea le grandi imprese e la manipolazione politica senza dimenticare di fornire fatti e cifre. A poco a poco sta emergendo una postura critica, perché sono state scoperte malattie che indubbiamente derivano dal consumo di latte.

CLICK FOR: Intolleranza al lattosio

Comincia trattando il problema dell'intolleranza al lattosio, che colpisce la maggior parte della popolazione mondiale. Dopo aver analizzato diversi gruppi tribali in Nigeria, hanno scoperto che in due di essi, il 99% delle persone era intollerante al lattosio dopo tre anni. D'altra parte, ci sono molti meno casi di intolleranza al lattosio nell'Europa settentrionale e meridionale, così come in alcune regioni dell'Africa o dell'India. Tuttavia, le persone che non soffrono di intolleranza al lattosio e possono tollerare il consumo di latte, saranno influenzate anche dal resto dell'inconveniente del loro consumo.

CLICK FOR: Allergie al latte

Nella sezione successiva, il Dr. Oski approfondisce il tema delle allergie legate al latte diverse dall'intolleranza al lattosio come congestione nasale, attacchi di asma, infezioni respiratorie, eczema, vomito o diarrea . Queste reazioni possono essere sintomi dell'allergia al latte vaccino, purché non venga trovata altra spiegazione.

In tali casi, i prodotti lattiero-caseari devono essere sostituiti con prodotti a base di soia. È importante sapere che la soia può anche causare reazioni allergiche ad alcuni bambini. La maggior parte delle madri è convinta che il latte vaccino sia essenziale per il proprio bambino e questo potrebbe essere uno dei motivi per cui i medici non osano offrire un'alternativa.

Alimenti come latte, mais e zucchero di canna - in particolare - possono causare problemi gastrointestinali, malattie respiratorie, eruzioni cutanee, nonché affaticamento e disturbo da deficit di attenzione.

Prima di tutto è importante assicurarsi che i sintomi citati non abbiano altre cause. Senza dubbio, spesso soffriamo di allergie alimentari che non sono state diagnosticate e, pertanto, il latte dovrebbe essere considerato il primo allergene che causa questi sintomi.

Redaction comment

Alcune allergie alimentari-soprattutto nel caso di latte- non attivano la produzione di immunoglobuline E. glutine o celiachia appartiene al gruppo di intolleranze alimentari immunologici che non comportano immunoglobuline E. Gli anticorpi del sangue così In generale indicano solo che la persona allergica consuma detto cibo più frequentemente.

CLICK FOR: Malattie cardiovascolari

Nel capitolo "Il grasso può essere fatale?" Si dice che negli Stati Uniti. UU. Ogni anno un milione di persone muoiono per malattie cardiovascolari, che a loro volta rappresentano il 50% delle cause di morte negli Stati Uniti. UU.

I livelli di colesterolo nel sangue diminuiranno se si riduce il consumo di alimenti di origine animale come uova, latticini e carne.

Pertanto, al fine di ridurre il rischio di malattie come arteriosclerosi, ictus o infarti, è essenziale che l'assunzione di grassi sia di origine vegetale.

Il libro espone come la comunità scientifica non si rese conto fino agli anni '50 (dopo la guerra di Corea) che queste malattie iniziano a svilupparsi ( patogenesi ) durante l'infanzia, quando l'individuo segue una dieta occidentale.

Redaction comment

Prima che il problema del grasso fosse studiato a fondo, purtroppo era stato affermato che la percentuale di grasso nella dieta occidentale era troppo elevata e la comunità scientifica si è inserita nell'analisi di altri problemi di salute, come il diabete.

Fino a molto tempo dopo non si rendevano conto che la chiave non era ridurre il consumo di grassi, ma garantire la loro qualità biologica. Infine, hanno riconosciuto che il consumo di grassi e, soprattutto, di proteine vegetali ha contribuito a una vita più sana rispetto al consumo di proteine di origine animale.

In particolare, hanno riconosciuto l'importanza di alcuni acidi grassi. La recensione del libro "Elstudio de China " del professor Colin T. Campbell lo aiuterà a smettere di essere il giocattolo dell'industria alimentare. Michael Moss ci spiega perché abbiamo sviluppato questa dipendenza e l'abbiamo spiegato nella nostra recensione Sale, zucchero e grassi .

CLICK FOR: Cancro al colon, carcinoma mammario e carcinoma prostatico

Successivamente, il Dr. Frank A. Oski spiega la relazione tra l'alto consumo di latte e prodotti lattiero-caseari e lo sviluppo del cancro - in particolare il cancro del colon, del seno e della prostata - sulla base di numerosi studi scientifici, di cui fornisce la documentazione nell'appendice di ricerca. Cita anche libri e suggerisce letture alternative in relazione all'argomento.

CLICK FOR: Le conseguenze ha per i bambini di non bere esclusivamente latte materno o per un periodo di tempo ridotto

Come pediatra, scrivi sulle conseguenze che ha per i bambini di non bere esclusivamente latte materno o per un breve periodo di tempo. Chiarisce anche le possibili conseguenze che ciò può avere nel corso della vita di questi bambini.

I bambini che sono stati allattati al seno per almeno un anno saranno protetti principalmente dalle infezioni gastrointestinali e dalle malattie respiratorie. Durante il periodo dell'allattamento al seno, così come durante la gravidanza, si raccomanda alla madre di mettere da parte anche i latticini.

Il professor Edmund Renner , che spesso intercede a favore dell'industria alimentare, riconosce quanto segue nel suo lavoro di riferimento (vedi sopra) (p. 157):

Nei neonati prematuri, si osservano cambiamenti significativi nel latte, che mostrano principalmente alti livelli di rame, magnesio, silicio e alluminio (Unanyan 1967).

A pagina 162, afferma quanto segue per quanto riguarda l'alimentazione dei neonati: Il latte che nutre un neonato deve avere una percentuale ridotta di minerali, poiché l'elevata assunzione di sostanze minerali durante il primo mese di vita potrebbe sovraccarico di attività renale (Abe 1969, Droese e Stolley 1972, Kagan et al. 1956, Nichols and Danford 1966, Yamauchi e Tsugo 1970).

Il latte materno si adatta alle esigenze del bambino in ogni momento e non solo il colostro (primo latte) è essenziale per il sano sviluppo del bambino.

Ma quali alternative ha una madre che non può allattare il bambino?

Il Dr. Frank A. Oski afferma che i prodotti sostitutivi di oggi sono molto meglio di anni fa e raccomanda alle madri di rivolgersi al latte per infermiere. Successivamente, l'autore spiega come una madre dovrebbe procedere per quanto riguarda gli alimenti sostitutivi e affronta anche il problema dello svezzamento. Nella sezione successiva, questo autore e dottore approfondisce il modo in cui gli adulti e gli anziani dovrebbero comportarsi rispetto al latte e ai prodotti lattiero-caseari.

CLICK FOR: osteoporosi

Nel seguente titolo, il Dr. Oski spiega la questione del calcio. Il calcio ( calcio ) è importante per noi umani. L'industria lattiero-casearia afferma che dobbiamo soddisfare il nostro fabbisogno di calcio attraverso il latte e i suoi derivati. Tuttavia, abbiamo già ricevuto abbastanza calcio attraverso le verdure, che contengono un calcio più facile da assorbire.

Il corpo umano ha più capacità di assimilare il calcio da verdure, pesce o noci rispetto a quello contenuto nel latte.

Molte persone soffrono di osteoporosi a causa dell'elevato contenuto di calcio nel latte.

Gli americani ingeriscono 807 mg di calcio solo dai latticini, come il formaggio. Inoltre, le donne anziane soffrono spesso di osteoporosi, mentre a Taiwan, dove consumano solo 13 mg o in Ghana con 8 mg, ci sono molti meno casi di osteoporosi e le persone hanno dentiere migliori.

Redaction comment

Quando queste persone adottano la nostra dieta occidentale, iniziano a manifestare - a volte non si manifesta fino alla seconda generazione - la stessa suscettibilità all'osteoporosi di noi. L'autore elenca alcuni alimenti che contengono calcio come peperoni (229 mg / 100 g), cavolo (175 mg / 100 g), spinaci (150 mg / 100 g), mandorle (264 mg / 100 g) o pesce , che nel caso delle sardine raggiunge i 382 mg / 100 g.

Tuttavia, queste sono eccezioni e solo una migliore biodisponibilità e l'alto pH di frutta e verdura fanno la differenza.

CLICK FOR: acne

Il seguente testo tratta degli ingredienti indesiderati che contengono prodotti a base di latte di vacca. Inizia con batteri indesiderati come l'Escherichia coli (E. coli) o lo Staphylococcus aureus (Staphylococcus aureus), che non scompaiono e si riproducono anche dopo essere stati riscaldati ad alte temperature, causando persino la mastite . Affronta anche il problema dei pesticidi indesiderati e dell'ormone progesterone , presente nelle vacche in gravidanza.

Il progesterone nel latte può causare l'acne. Una volta cessato il consumo di latte, dopo un po 'le eruzioni cutanee scompaiono.

Lo steroide sessuale progesterone ha dimostrato di essere un progestinico che può causare l'acne. Questa affermazione sarà trovata più avanti nella pubblicazione. Se la persona interessata smette di bere latte, vedrà scomparire i sintomi dopo un breve periodo di tempo.

Oggi, la gestazione prematura delle mucche è causata per garantire che il latte continui a fluire. Per questo motivo, nei latticini si trova più progesterone.

I bambini possono anche presentare l'acne miliar, noto anche come acne neonatorum o più popolarmente come ingrasso o graniti di latte. A seconda del comportamento alimentare della madre, questi possono apparire anche nell'utero. Oggi nell'acne milliar appare nel 20% dei neonati.

Commenti