Fondazione Dieta & Salute

La miglior prospettiva per la tua salute

La miglior prospettiva per la tua salute

La miglior prospettiva per la tua salute

La miglior prospettiva per la tua salute

Questa pagina è stata tradotta tramite Google Translator

Recensione del libro "¡Leche better no!" di Maria Rollinger

List Commenti Stampa

Il miglior libro sui prodotti lattiero-caseari con una base e riferimenti scientifici e conclusioni convincenti su ormoni, calcio e allergie.

conclusione

Ci sono studi scientifici che confermano le dichiarazioni fatte in questo libro. Un'opera che offre al lettore una visione completamente diversa del latte e dei prodotti lattiero-caseari. Si può dire che tutti gli alimenti presentano vantaggi e svantaggi; Tuttavia, gli svantaggi sono più evidenti quando aumentiamo la quantità di cibo che consumiamo.

Gli svantaggi del latte sono così numerosi e possono danneggiarci così tanto che alcuni scienziati si riferiscono al latte come al cibo più importante che dovremmo smettere di assumere. Forse è per questo che esiste un gran numero di libri che criticano il consumo di latte.

Milch Besser Nicht! (Meglio il latte!) È il libro più completo che ho trovato su latte e latticini.

Siamo così influenzati dall'industria, dalla politica ( gruppi di pressione o lobby ), dalla medicina e dai media, che penso che avrei dovuto scrivere le conclusioni alla fine della recensione e non all'inizio. In caso di domande sulle dichiarazioni riportate di seguito, consultare la raccolta di circa 50 articoli scientifici di Maria Rollinger .

Consiglio vivamente di leggere questo libro, perché nonostante la mia recensione lunga e dettagliata, nel mio articolo non ho incluso la documentazione di prova o giustificazione. In questa conclusione indico solo la relazione tra consumo e salute. Nell'analisi che segue la conclusione e il riassunto troverai informazioni su questo e altri argomenti di interesse legati al latte.

  1. L'alto contenuto di calcio nel latte non è benefico per il nostro corpo, quindi più prodotti lattiero-caseari consumiamo, maggiore è il rischio di soffrire di osteoporosi . Vedi anche l'immagine e il testo qui sotto.
  2. Secondo i dati dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) , il consumo di prodotti lattiero-caseari è strettamente correlato all'incidenza del cancro al seno . Questi dati sono stati dimostrati anche dopo aver confrontato la Germania occidentale con l'ex RDT. Ricerche della Harvard Medical School negli Stati Uniti e altri studi hanno dimostrato che i prodotti lattiero-caseari causano anche tumori ovarici ( carcinoma ovarico) e carcinoma prostatico negli uomini.
  3. I fattori responsabili di ciò sono probabilmente la grande quantità di ormoni della crescita contenuti nel latte e nei prodotti lattiero-caseari. Il latte neutralizza le funzioni degli acidi dello stomaco e non consente alle mucose presenti in esso di funzionare correttamente, in modo che gli ormoni della crescita alla fine raggiungano il sangue.
  4. L'alto contenuto di colesterolo dei prodotti lattiero-caseari provoca anche malattie cardiovascolari . La percentuale di colesterolo nel latte è, in alcuni casi, superiore a quella della carne.
  5. Gli studi condotti dall'Università di Harvard in merito alla malattia di Parkinson affermano che il consumo giornaliero di diversi prodotti caseari aumenta significativamente il numero di malattie tra gli uomini. Tuttavia, questo aumento non si verifica nel caso delle donne. Tra il 2002 e il 2007, lo scienziato cinese Junshi Chen ha ripetutamente confermato le affermazioni in questo studio.
  6. La maggior parte dei casi di autismo ha un malfunzionamento dell'intestino che porta alla trasmissione di particelle proteiche più grandi ( peptidi ) che raggiungono il sangue prima di essere digeriti completamente e innescare effetti indesiderati. Una dieta senza latticini e senza glutine ( dieta priva di glutine ) porterà significativi miglioramenti a questo tipo di pazienti.
  7. L'autore critica il trattamento attualmente utilizzato per l' acne e la dermatite atopica , che sottopone i pazienti all'uso di corticosteroidi per mesi o addirittura anni, senza grandi risultati. Quando i pazienti vengono pienamente informati, si rendono conto che, in generale, per ottenere un successo a lungo termine, è sufficiente evitare gli allergeni. La principale sostanza allergenica è generalmente il latte.
  8. A mio avviso, è utile seguire una dieta priva di glutine e caseina (nella dieta inglese GFCF ). Se la dieta viene seguita rigorosamente, i risultati saranno visibili in sole due settimane. Nel caso in cui le misure sopra indicate non fossero sufficienti, aiuterà a identificare gli allergeni un esame del sangue e i corrispondenti test dermatologici.
  9. I pazienti con malattie come l'artrite reumatoide hanno anche presentato istamina nell'infiammazione delle articolazioni colpite. Le persone che soffrono della malattia sviluppano anticorpi contro determinati alimenti che spesso includono proteine del latte.
  10. Anche il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) è correlato alla dieta. L'autore del libro racconta: Chiunque abbia osservato un bambino che gioca in silenzio e mezz'ora dopo, dopo aver preso una sola tavoletta di cioccolato diventa un piccolo malizioso impossibile da fermare, sa di cosa stiamo parlando . Scrive che non dovremmo essere sorpresi che i bambini sviluppino tali malattie, perché molti bambini si nutrono principalmente di pasta, pizza, pane, salsicce, bevande al latte e al cioccolato, creme e gelati . Alla fine, tutti sono alimenti che contengono latte e proteine del glutine. Successivamente, l'autore menziona alcuni libri consigliati su questo argomento.
  11. Le esorfine agiscono in modo simile ai frammenti di proteine di oppiacei e agiscono allo stesso modo: causano felicità e dipendenza, leniscono e alleviano il dolore . Le esorfine, in quanto agenti che generano felicità, si trovano principalmente nei cereali (glutine) e nel latte. La digestione converte la beta caseina α1 nell'oppioide più forte esistente: beta casomorfina 7. Le casomorfine entrano nel flusso sanguigno e nel cervello. Le cosiddette malattie della civiltà , come l'ADHD nei bambini, la depressione negli adulti, l'autismo, la schizofrenia , il diabete mellito di tipo 1 (quando il bambino riceve il latte di mucca troppo presto) e le malattie cardiache possono Sii le conseguenze del consumo di latte.
  12. Le proteine del latte sono composte per circa l'80% da caseina e per il 20% da proteine del siero di latte. Queste proteine del latte sono, insieme al bianco d'uovo, la causa più comune di allergie alimentari , specialmente nei bambini.

Mentre i punti di cui sopra sono applicabili a qualsiasi persona, il punto seguente riguarda solo le persone con inleranza al lattosio : lo zucchero del latte, chiamato anche lattosio , è un problema per le persone che soffrono di intolleranza, poiché il loro consumo Può causare loro gravi lesioni. Il libro tratta anche di altre malattie meno comuni di origine genetica, che possono anche derivare dal consumo di latte.

CLICK FOR: La menzogna del settore lattiero-caseario

Lo Schweizer Milchproduzenten (Società cooperativa dei produttori lattiero-caseari svizzeri o SMP) lo ha utilizzato e lo utilizza ancora nelle pubblicità del suo latte Swissmilk una mucca di nome Lovely (bellissima in inglese). La mucca pratica lo sci e il pattinaggio tra gli altri sport, cioè questa vacca da latte svizzera suggerisce che il latte rafforza le ossa. Infine, il BAG (Ufficio federale della sanità pubblica) è intervenuto nel 2001 e ha testimoniato prima del La Corte suprema svizzera quanto segue: in Svizzera è vietato usare slogan come: "Il latte rafforza le ossa" o "Il latte ti darà ossa forti" o trasmettere il messaggio che il calcio nel latte è buono per l'osteoporosi. Art. 19 Abs. 1 lit. c LMV, Art. 10 EMRK, Art.

La riproduzione del messaggio come immagine non era vietata, quindi la pubblicità continuava a esistere ma senza lo slogan ... Potremmo chiamarla pubblicità falsa al suo meglio, perché Swissmilk Sa che se una mucca cade nella stalla, un osso si romperà e dovrà essere macellato. Per molti anni mi sono preso cura di 75 mucche che hanno fornito letame per la coltivazione biologica di banane e latte che ho commercializzato da solo.

Questa immagine riflette la menzogna del settore lattiero-caseario. Quando ho fatto la richiesta telefonica per poter utilizzare l'immagine ho ricevuto una risposta negativa accompagnata da minacce di azioni legali contro di me, nel caso in cui l'ho pubblicata. Qui è come documentazione.

In passato, il glutine di frumento o la segale erano ridotti dalla fermentazione ; Tuttavia, oggi questi cereali sono coltivati con il massimo contenuto di glutine. Lo stesso vale per il latte e i suoi derivati.

Attualmente, a causa di un aumento incommensurabile del consumo di latte, stanno comparendo malattie che non esistevano quando il loro consumo era inferiore.

Nel caso del latte, la relazione tra le malattie e l'effetto che le proteine del latte e il lattosio hanno sulla nostra salute non è ovvia, poiché gli effetti richiedono tempo per apparire.

Secondo il libro " No Milk" (Milk No) del Dr. Daniel A. Twogood , i dolori cronici al collo , alla schiena o alla testa possono essere aggiunti all'elenco sopra menzionato. Ti assicuro che leggere la recensione del tuo libro , in cui l'autore menziona più di 3000 pazienti, non ti lascerà indifferente.

Maria Rollinger risale alle origini dell'umanità e quindi al momento in cui gli esseri umani hanno addomesticato il bestiame e quindi le mucche. Questo è successo circa 8000 anni fa.

CLICK FOR: Evoluzione della produzione di latte

All'inizio, l'uomo usava il bestiame come animali da tiro e per la produzione di carne. Circa 3.500 anni fa il suo latte iniziò ad essere usato per fare il burro. Molto più tardi l'uomo imparò a fare il formaggio e dal 1850 iniziò a produrre latte per il consumo nei circoli più selezionati della società.

Nel 1950 e negli anni successivi , la produzione e la trasformazione del latte traboccarono, determinando un'economia e un'industria lattiero-caseari; Sono stati creati i caseifici che hanno reso il latte e i prodotti lattiero-caseari l'elemento centrale della nostra dieta .

Il peso di una mucca è triplicato a causa dell'allevamento intensivo e della fornitura di antibiotici. Nel Medioevo la produzione di latte da una singola mucca poteva essere aumentata per far passare il burro da 300 a 600 litri all'anno (p. 27). Al giorno d'oggi, la produzione varia tra 8.000 e 18.000 litri all'anno. La mucca viene inseminata poche settimane dopo la nascita del vitello, in modo che, dopo un periodo di allattamento al seno di 310 giorni, la mucca genererà un altro bambino e potrà continuare a fornire latte.

Il trucco è nutrire gli animali con mangime concentrato anziché erba. Le mucche che i media ci mostrano sono mucche che possono pascolare liberamente e il cui obiettivo non è la fornitura di latte, ma di carne. C'è qualche eccezione che si può trovare nelle Alpi, soprattutto in estate.

Oggi il latte ha così tanti grassi che se fosse preso da un vitello, ti farebbe stare male - in ogni caso, gli viene dato un derivato del latte chiamato sostituto del latte . Il vitello non può nemmeno prendere qualcosa di così importante per lui come lo è il colostro della mammella di sua madre.

Questa transizione subita dai prodotti lattiero-caseari per diventare la base della nostra dieta è strettamente correlata all'enorme aumento delle cosiddette malattie della civiltà . L'autore evita di insistere sulla relazione tra questi due fatti, poiché vi sono altri fattori che si sono evoluti contemporaneamente.

Dopo la seconda guerra mondiale l'industrializzazione del settore lattiero-caseario iniziò a diffondersi. Quell'industrializzazione includeva diversi processi che Maria Rollinger spiega dettagliatamente e chiaramente nel suo libro. Questo sviluppo industriale si riflette anche nell'evoluzione del bestiame ; soprattutto nell'allevamento di mucche e vitelli, che ci dice anche l'autore.

CLICK FOR: Le cause di malattie che, in larga misura, sono il risultato di una dieta scorretta

Si concentra sull'evidenziazione delle cause delle malattie che, in larga misura, sono il risultato di una dieta scorretta. Mostra il processo di riassorbimento (assunzione di cibo e la sua assimilazione fino a raggiungere il sangue), la sua elaborazione da parte degli organi, i suoi effetti sulla zona interessata e i conseguenti problemi di salute.

Analizza anche quei paesi che non sono stati tradizionalmente consumatori di latte. Un esempio di questo è il Giappone, dove ci sono gli stessi livelli di stress che in Occidente; Tuttavia, la loro dieta non assomiglia affatto alla nostra. Le differenze? Ad esempio, non ci sono quasi casi di osteoporosi (fragilità delle ossa).

L'incidenza di questa malattia si verifica solo su larga scala in quei paesi con un elevato consumo di latte e prodotti lattiero-caseari.

Spiega anche i motivi per cui ciò accade e perché i giapponesi che vivono negli Stati Uniti sviluppano gli stessi problemi dei cittadini statunitensi quando adattano le loro abitudini allo stile di vita occidentale. Si riferisce anche ai passi che l'industria lattiero-casearia sta adottando per garantire che anche le persone con allergia al lattosio consumino latte.

Evidenzia i motivi per cui le persone con intolleranza al lattosio soffrono più delle persone del nord Europa. Quest'ultimo di solito tollera meglio l'assunzione di latte a causa di una vecchia mutazione . Tuttavia, ciò non significa che gli abitanti di queste regioni siano liberi di soffrire delle malattie sopra menzionate.

Il latte e i prodotti lattiero-caseari contengono sostanze molto diverse che agiscono in modo diverso su ogni persona - ed è qui che sta il problema. Sfortunatamente, ci sono diversi contesti e possibili conseguenze derivanti dal consumo di prodotti lattiero-caseari. Pertanto, alcune persone potrebbero avere difficoltà a comprendere questo libro e il suo contenuto.

I processi non sono stati l'unica causa della sventura attorno al latte.

Alcuni prodotti che in precedenza potevano essere salutari come kefir , yogurt , ricotta o formaggio non solo sono sottoposti a un processo di denaturazione, ma contengono anche additivi come latte scremato in polvere.

Lo scrittore afferma che non mettiamo più in relazione il latte bianco con l'animale da cui proviene, né lo riconosciamo come fluido corporeo di una specie che non è nostra.

È molto difficile rinunciare completamente al latte e ai latticini, ma ne vale la pena, sia che tu sia ancora sano o che tu abbia una malattia. Considera il gran numero di persone che soffrono di malattie della civiltà in età relativamente giovane.

Nelle recensioni dei libri "The China Study" e " Salt Sugar Fat ", troverai gli altri motivi per cui questo è come abbiamo indicato, e nel libro " MILK The Deadly Poison " troverai un ancora una volta, il problema del latte contemplato da un diverso punto di vista. I link ti indirizzeranno alle recensioni dei libri.

2. Recensione del libro

Nel prologo, il compagno di ricerca del libro Milch besser nicht! (Meglio il latte!) , Ulrike Martin-Plonka , sottolinea che l'industria lattiero-casearia cerca costantemente di aprire nuovi mercati di consumo in quei paesi che non hanno consumato tradizionalmente latte . Di solito, queste persone sono intolleranti al lattosio. Ciò accade con il pretesto di aiuti allo sviluppo ( cooperazione allo sviluppo ) che è sostenuto dai governi. Inoltre, questi consumatori in futuro avranno più problemi di salute anche di noi.

CLICK FOR: La formula più semplice per preparare una pappa

Nel prologo, Ulrike Martin-Plonka , chiarisce qual è la formula più semplice per preparare un alimento per neonati ( alimentazione infantile): prolungare il periodo massimo di allattamento . Ha aggiunto che le madri dovrebbero nutrire i propri figli senza nessun altro tipo di latte.

Ci fornisce inoltre le seguenti informazioni:

È sorprendente che le persone che mostrano critiche sul consumo di latte spesso non ricevano credibilità, se consideriamo la storia del latte, le statistiche, la conoscenza degli attuali metodi di produzione e, in definitiva, la ricerca su Scienziati famosi ci raccontano una storia diversa.

CLICK FOR: Messaggio e domanda

Quindi cito il messaggio e la domanda posta dalla scrittrice, in modo che conoscano il suo stile diretto e fluido:

Nonostante la propaganda trasmessa da alcune persone arrapate e nelle migliori condizioni fisiche, soffriamo sempre più di malattie. Ci dicono che la nostra aspettativa di vita è maggiore e così è. Tuttavia, a che serve la longevità statistica se ci sono casi di attacchi di cuore nelle persone di 53 anni di età o cancro al seno con solo 45 anni? Soffriamo di morbo di Parkinson, morbo di Alzheimer e demenza in età sempre più giovane; Senza dimenticare che, le malattie tumorali colpiscono in misura crescente persone di tutte le età.

Qual è la ragione del crescente aumento di diabete, attacchi di asma, infezioni dell'orecchio medio, eruzioni cutanee e grave deficit di attenzione nei bambini? Queste malattie sono all'ordine del giorno insieme a problemi intestinali, disturbi circolatori, osteoporosi nelle donne e negli uomini, eczema, allergie e intolleranze alimentari che colpiscono non solo i bambini, ma anche adulti e trasforma la vita di queste persone in un vero calvario.

Esiste la possibilità che il latte, il cibo moderno per antonomasia, possa avere a che fare con questa evoluzione della nostra salute e non essere sano come la pubblicità, suggeriscono l'industria alimentare e la scienza?

Nell'introduzione Maria Rollinger chiarisce l' importanza e l'uso del latte dai tempi biblici come spiegato nella Torà e nella Bibbia ( Esodo 3: 7-8 o Genesi 13: 14f), dove appare l'espressione di 3 anni fa 300 anni La terra promessa da cui provengono latte e miele , perché il latte non fu consumato come bevanda fino al XIX secolo, ma fu trasformato in burro e formaggio (p. 18).

CLICK FOR: La produzione di burro e le prestazioni di una mucca

Mentre il burro o il burro chiarificato sono facili da ottenere, le uniche persone in grado di produrre formaggi di qualità erano gli antichi greci e romani . Il grasso vegetale non può che essere trasformato in olio. Il grasso del latte è stato ottenuto senza la necessità di uccidere gli animali, tuttavia, il sego o lo strutto di manzo potevano essere raggiunti solo macellando tali animali. Il burro divenne quindi il grasso ideale per i nomadi (p. 19). Nota: olio di balena e grassi vegetali o oli hanno iniziato ad essere utilizzati molto più tardi.

A quel tempo, le prestazioni di una mucca erano comprese tra 0,3 e 0,9 litri al giorno e raramente fino a un massimo di 2 litri al giorno. Il periodo di lattazione era compreso tra 100 e 240 giorni. Ancora oggi, una mucca può dare latte solo durante il periodo dell'allattamento al seno necessario ai suoi piccoli, che di solito è di 305 giorni.

Per fare un chilo di burro, oggi abbiamo bisogno di 21 litri di latte; Tuttavia, in passato erano necessari due o addirittura tre litri di latte. L'allevamento dei vitelli è un'attività iniziata nel XX secolo grazie a una dieta a base di sostituti del latte . Nel Medioevo si potevano ottenere fino a 600 litri di latte da una sola mucca e circa 250 litri dovevano essere riservati al proprio vitello.

Redaction comment

Definizione del periodo di allattamento su Wikipedia: dal 1937 in poi, la somatotropina bovina (BST) derivata da carcasse di bovini viene iniziata con l'iniezione nei bovini allo scopo di aumentare la produzione di latte. Negli Stati Uniti dal 1994, se possibile, si ottiene una produzione maggiore perché viene iniettata la somatropina bovina ricombinante (rBST), commercializzata dalla società Mosanto con il marchio Polisac.

"Nell'agosto 2008 la Monsanto ha venduto Polisac e tutti i diritti associati a Elanco Animal Health, una consociata di Eli Lilly . Finora, l'uso del prodotto Posilac non è consentito in Canada o in Europa."

"Uno degli effetti collaterali che questo prodotto può causare nelle mucche è una mastite che, a sua volta, lascia residui di pus nel latte. La misura raccomandata per contrastare l'effetto della mastite è di aumentare la dose di antibiotici . risultato, parte di quegli ormoni , così come gli antibiotici finiscono nel latte ".

Per discutere del latte e della nostra mancanza di capacità di adattarci ad esso, è importante sapere che solo 12000 anni fa gli esseri umani hanno addomesticato capre e pecore e 8.000 anni hanno addomesticato il bestiame ( in realtà mucche ) in Medio Oriente . Più specificamente, il fatto che beviamo latte e non lo trasformiamo più in burro o formaggio è uno sviluppo iniziato durante la Rivoluzione industriale .

CLICK FOR: Prof. Dr. Norbert Benecke - Uomo e animali domestici

Le attuali mucche non provengono dalle specie estinte nel 1626 note come uro eurasiatico , come è ancora possibile leggere in alcune fonti. Il professor Norbert Benecke ha riconosciuto, attraverso il confronto delle sequenze geniche mitocondriali, che gli uro geni eurasiatici non si trovano nelle nostre mucche, ma che discendono dal bos.

Vedi anche il suo libro " Der Mensch und seine Haustiere" (Uomo e animali domestici) , nonché il seguente articolo dell'anno 2006 pubblicato sul giornale NZZ con menzione del Dr. Ruth Bollongino . In Europa abbiamo lasciato l' uro eurasiatico convivere con il nostro bestiame da corrida domestico per circa mille anni.

Solitamente selezionavano le femmine più domandose, cioè le mucche come animali da tiro , che tiravano gli aratri e in alcuni punti lo fanno ancora. Inoltre, tutti gli animali sopra menzionati sono stati utilizzati come fornitori di carne ( per la macellazione ).

Redaction comment

Signora Rollinger   Include anche il cane (p. 29). Il gatto si unì a noi circa mille anni prima del bestiame. Ma anche molto prima; Più di 30.000 anni fa, abbiamo addomesticato il cane e abbiamo iniziato ad allevarlo. 9.000 anni fa abbiamo domato il maiale . Gli animali sopra menzionati e molti altri li chiamiamo animali da fattoria o bestiame . Gli umani hanno iniziato a domare il cavallo almeno 7000 anni fa e l' asino circa 6.000 anni fa. Cammelli e dromedari accompagnano le persone probabilmente da 5.000 anni. Il latte di cammello veniva preso prima di quello della mucca.

È importante sapere che il lattosio è lo zucchero del latte; La lattasi è l'enzima che scompone il lattosio.

L'autore analizza i dati di epoche diverse e ci informa che abbiamo consumato eccessivamente prodotti lattiero-caseari bianchi solo dalla fine della seconda guerra mondiale . Abbiamo preso conclusioni totalmente errate dal punto di vista biblico di "latte e miele".

CLICK FOR: Una vita con un consumo giornaliero di prodotti lattiero-caseari non è un'usanza tradizionale

Come vedremo più avanti, una vita con un consumo giornaliero di prodotti lattiero-caseari come latte, burro, formaggio, ricotta, yogurt, cioccolato al latte, ecc. Non è un'usanza tradizionale e probabilmente non è molto salutare , poiché fino al XIX secolo il latte veniva usato quasi esclusivamente per produrre burro e formaggio.

Dopo l' industrializzazione , il latte ha iniziato a essere consumato regolarmente. Inizialmente è stato preso solo nei circoli più selezionati della società (vedi utopia ).

L'autore sottolinea l'importanza medica dell'intolleranza al lattosio attraverso le parole che sono usate raramente come alattasia, ipolattasia, malassorbimento o sindrome da deficit di lattasi e descrive anche l'importanza degli aspetti etnologici di queste condizioni. Quando la prole dei mammiferi smette di allattare, la carenza di lattasi (carenza di enzimi lattasi ) ritorna ai livelli normali, cosa che si verifica anche nell'uomo.

2.1. Storia, p. 23

Maria Rollinger chiarisce come abbiamo raggiunto il consumo e l'alimentazione attuali basati sul latte analizzando le origini dell'homo sapiens ( uomo ). Nel suo libro continua che le caratteristiche tipiche degli erbivori sono state scoperte nell'uomo, a causa dello sviluppo di dentiere che sono state trovate sotto forma di fossili dell'uomo primitivo , nonché di circostanze fisiologiche come la nostra incapacità di produrre vitamina C da soli corpo.

CLICK FOR: Sopravviviamo a molte migliaia di anni sulla base di alimenti vegetali

I carnivori ( predatori ), tuttavia, hanno tubi digestivi corti e lisci per prevenire la rottura di proteine dannose e segmentare il più rapidamente possibile proteine di origine animale (p. 23).

Un'altra chiara indicazione è anche il nostro intestino tenue allungato con i suoi villi intestinali . Nell'uomo è ancora più lungo e l' intestino crasso è più corto che in altri primati . Osservazione: il nostro intestino ha anche pieghe intestinali e microvilli che aumentano notevolmente la superficie.

Redaction comment

La biologia dello sviluppo o informalmente anche chiamata "evo-devo" o "eco-evo-devo" se sono inclusi anche studi ambientali, ci aiuta a capire l'ampio intervallo di tempo a cui un tratto digestivo deve abituarsi Nuovo modo di nutrirsi.

La "evo-devo" include anche i processi di epigenetica , che iniziò ad essere chiara solo negli anni 80. Il termine fu coniato dal ricercatore britannico Conrad Hal Waddington nel 1942 e ne discusse in profondità nel suo libro "L'epigenetica degli uccelli "(L'epigenetica degli uccelli) nel 1952. Fino a quel momento la teoria della barriera di Weismann era un principio che la contraddiceva. Dagli anni '90 abbiamo iniziato a renderci conto della sua importanza e del suo impatto.

Come si può vedere in altri primati, sopravviviamo a molte migliaia di anni A base di alimenti vegetali con contributi occasionali di alimenti di origine animale . Principalmente erano tuberi , radici , verdure (ortaggi a foglia , piante ) come canne e cipressi , semi , noci , frutta e bacche . Tra i nostri cibi più antichi c'erano anche coleotteri , lumache , insetti , molluschi e uova di varie specie di uccelli e occasionalmente pesce e carne di piccoli animali.

Abbiamo difficoltà a disintossicare l'ammoniaca ( ciclo dell'urea ) e il nostro corpo può tollerare solo fino al 30% di proteine nella dieta.

L'alimentazione da animali più grandi è aumentata durante il Paleolitico superiore parallelamente allo sviluppo globale della cultura di cacciatori e raccoglitori .

Tuttavia, l'autore chiarisce che anche in quei casi, la percentuale di alimenti vegetali era sempre del 70% circa.

CLICK FOR: Evoluzione umana

Immagine di dominio pubblico dall'articolo di Wikipedia Human Evolution (in tedesco):
Professor Friedemann Schrenk, Die Frühzeit des Menschen. Der Weg zu Homo sapiens, (I primi giorni dell'umanità. La strada per l'Homo sapiens). Editoriale CH Beck, 1997 e 2003, p. 122.

Il Paleolitico superiore iniziò circa 40.000 anni fa e durò circa fino al 9700 a.C. C. Contemporaneamente iniziò l'immigrazione dell'Homo sapiens in Europa, dove l'uomo di Neanderthal aveva vissuto per 130.000 anni. Entrambi provenivano da Homo (tra 2,5 e 1,5 milioni di anni fa). Vedi anche l' Homo rudolfensis , la cui esistenza è stata assicurata nel 2012 dopo diverse scoperte e che, secondo Wikipedia, era un uomo prevalentemente erbivoro .

Vi furono sviluppi diversi a seconda delle diverse epoche e aree: ad esempio durante l'ultima fase del paleolitico l'uomo seguì una dieta basata su grandi animali che egli stesso cacciava. Come risultato di questa alimentazione intere società erano vicine alla rovina (p. 24).

CLICK FOR: La rivoluzione neolitica, lo stile di vita sedentario, la specializzazione agricola e le eccedenze

Circa 12'000 anni fa l'uomo iniziò ad allevare bestiame e coltivare il campo ; Iniziò così la rivoluzione neolitica , lo stile di vita sedentario , la specializzazione agricola e le eccedenze, che furono la causa dello sviluppo di abitudini alimentari squilibrate. Le indagini archeologiche alludono a questi eventi. Osservazione: questo cambiamento ha avuto luogo nel corso di migliaia di anni in diverse aree e non è avvenuto contemporaneamente.

Nel corso della rivoluzione neolitica, l' uomo ha dovuto incorporare nella sua dieta tutti i tipi di nuovi alimenti come cereali e latticini. Oggi, tuttavia, hanno lo status di alimenti di base (p. 26).

Pertanto, non sorprende che molte persone soffrano principalmente di intolleranza al latte o ad alcuni cereali (vedi anche l'articolo sull'intolleranza alimentare ).

Redaction comment

I cereali con glutine , una miscela di proteine , possono causare sensibilità al glutine o persino alla celiachia . L'intolleranza al glutine può anche essere chiamata sensibilità al glutine, enteropatia sensibile al glutine, spruzzo celiaco, sprue non tropicale o malattia di Heubner-Hammond ed è una malattia cronica che soffre di mucosa dell'intestino tenue a causa di un'ipersensibilità a determinati componenti del glutine , in particolare alle proteine adesive presenti in alcune varietà di cereali .

Il latte rimane il nuovo alimento e l'adattamento ( adattamento ) non ha raggiunto lo stesso livello di sviluppo. Nella maggior parte delle persone, l'adattamento non è avvenuto poiché hanno sempre vissuto a parte i prodotti lattiero-caseari.

CLICK FOR: Il latte durante i suoi inizi. Il latte e il formaggio erano responsabili di molte malattie

Lo scrittore descrive il latte durante i suoi inizi e il consumo tardivo di latte vaccino. Questo tipo di consumo è iniziato grazie a capre e pecore. Vi sono tracce di lavorazione del latte per 6000 anni nelle aree del Sahara, dell'Egitto e della Mesopotamia e 4000 anni fa in India. Dall'anno 3500 a. C. la mucca e il toro iniziarono a essere considerati divinità. Maria Rollinger spiega nel suo libro i vari tipi di adorazione, come il culto della dea egiziana Hathor o i diversi miti dell'era glaciale del nord Europa.

Il burro era un oggetto di lusso che veniva usato principalmente come grasso per fare unguenti e balsami cosmetici per la guarigione delle malattie della pelle. Greci e Romani furono i primi a riconoscere l'esistenza di malattie la cui origine era il latte. Il medico greco Ippocrate (460-370 a.C.), considerato il fondatore della scienza medica, aveva già menzionato le reazioni di intolleranza al latte e al formaggio. Per i greci, il burro era considerato anche un prodotto dannoso per la salute. (p. 35)

Dopo l' era romana classica non ci sono più menzioni di latte, burro e formaggio. La storia più recente sul latte dalla fine dell'antichità è praticamente senza indagini . L'autore suggerisce che è probabile che questa storia non possa conciliarsi con l'attuale convinzione o credo sul "consumo di latte tradizionale" e sull'idea di "latte sano".

Inoltre, Galeno di Pergamo , meglio noto come Galeno (circa 129-199), il più importante medico dell'antichità, affermò che il latte e il formaggio erano responsabili di molte malattie. Ha praticato la medicina preventiva e ha ritenuto che per eseguire una pulizia interna dell'organismo solo il siero fosse benefico (p. 37).

Successivamente, altri medici hanno riferito del formaggio in particolare a problemi digestivi, mal di testa ed epilessia . Il grande amante del formaggio Pantaleone de Confienza (1417-1497 ca.) pubblicò il libro " Summa lacticiniorum " (1477); che divenne noto nel primo libro che parlava delle bonanze del latte e dei suoi derivati.

Sulla base delle sue osservazioni, ha anche consigliato di consumarlo con moderazione: Il formaggio è salutare se servito da una mano avara . Durante i suoi numerosi viaggi ha visto che alcune persone si sono ammalate direttamente e altre hanno mostrato maggiore tolleranza. Ha affermato che le persone anziane avevano maggiori probabilità di avere l' asma . Ha descritto correttamente come il latte coagula nello stomaco formando grumi che rendono difficile la digestione. Ha anche sottolineato che il latte e i latticini ingrassano.

Galeno scrisse che il latte d'asino, d'altra parte, non coagula ed è quindi il più sano; Come il latte materno, il latte d'asina contiene poca caseina.

La signora Rollinger ci informa nel suo libro che il medico e naturalista svizzero Conrad Gesner (1516-1565) nella sua pubblicazione del 1541 " Büchlein von der Milch und den Milchprodukten" (Taccuino di latte e prodotti lattiero-caseari) ha descritto gli stessi risultati che Galeno descrisse. Il suo lavoro presenta 13 punti in dettaglio e sintetizza le malattie che ha osservato che possono essere causate da un consumo di latte e formaggio:

Ostruzioni epatiche e malattie del fegato, calcoli renali, calcoli alla vescica, raffreddori (asma), gonfiore sotto il diaframma (che mette sotto pressione il cuore e provoca dolore al cuore), gonfiore dell'addome, gengive e ferite dei denti, eruzioni cutanee , malattie della milza, asfissia, alterazioni della vista, mal di testa, disturbi nervosi, vertigini ed epilessia (p. 42).

Il latte rimasto dalla trasformazione del burro era considerato uno spreco e veniva usato per nutrire i maiali. Fino al XIX secolo, il valore di una mucca veniva misurato in base alla sua produzione di chili di burro e non di latte.

Intorno al 1800, una mucca pesava circa 250 chilogrammi e produceva tra i 600 e gli 800 litri di latte all'anno. Oggi le mucche pesano più di 650 chili.

Il responsabile del caseificio era responsabile della trasformazione del latte e il suo reddito totale proveniva dal 77% del burro, dal 13% del formaggio e dal 10% della vendita del maiale esca.

In epoca romana, le capre venivano allevate nell'Europa meridionale, tuttavia nel resto del continente le pecore erano responsabili della produzione di lana e, in misura minore, di formaggio. (p. 44) Tra il VI e il XII secolo, d. C. anche la capra è stata allevata nel nord Europa per fornire cuoio, cuoio, carne e latte. Il latte di capra veniva usato per fare il formaggio perché il latte di capra non è adatto alla produzione di burro.

Le razze greche danno 100 litri di latte all'anno. Oggi, le prestazioni possono essere anche superiori a 300 litri. Intorno al 1800, la produzione in Germania era di circa 150 litri di latte per capra all'anno, mentre oggi raggiunge i 1000 litri.

2.2. Dall'economia di sussistenza alla produzione industriale (1870-1970), p. 49

All'interno della definizione di sussistenza, l'autore descrive la forte crescita della popolazione tedesca dalla riunificazione nel 1871 fino al 1914 e la conseguente formazione di città e l'emergere del commercio e del consumo di latte.

CLICK FOR: sussistenza

Inizialmente i contadini fondarono caseifici da cui le mungitrici distribuivano il latte attraverso le case. Più tardi alcune lattaie aprirono i loro caseifici, alcuni dei quali ci hanno lasciato storie e morale come quello nella storia della lattaia.

Queste operazioni commerciali erano limitate alle aree locali a causa della ridotta durata del latte fresco. Il latte, ad esempio, poteva essere trasportato solo circa 5 chilometri con un veicolo trainato da cavalli senza perderlo, un raggio che poteva aumentare a 30 chilometri se il mezzo di trasporto fosse ferroviario . (p. 50)

Immagine di pubblico dominio di Wikipedia: "La laitiere et le pot au lait" di Grandville - illustrazione delle favole di La Fontaine.   Puoi ingrandire quasi tutte le immagini facendo clic su di esse!
Redaction comment

L'origine della storia della lattaia non è chiara in Wikipedia (versione tedesca) come nel libro. In effetti, la spiegazione dell'autore è più plausibile, anche se oggi la storia della lattaia a volte può avere un carattere peggiorativo.

Maria Rollinger illustra attraverso una tavola dell'anno 1882 il programma settimanale di pasti di una sala da pranzo sociale . C'era solo brodo di carne o latticello un giorno alla settimana. È stato preparato un menu per quattro persone con mezzo chilo di orzo per la preparazione della zuppa e sei chili di patate. Le patate erano considerate l'alimento principale; Ha mangiato in media 700 g a persona.

Il commercio locale di latte esisteva fino all'introduzione delle macchine, quando il burro rappresentava ancora la maggior parte della produzione. L'introduzione di macchine per centrifuga del latte ha contribuito alla proliferazione delle aziende lattiero-casearie. Il margine di burro era molto più grande, tuttavia, una centrifuga era costosa. A quel punto gli uomini fondarono i cremerías e a poco a poco fu stabilita una divisione del lavoro tra le caseifici o i cremerías e le cooperative di marketing.

Carl Gustaf Patrik de Laval, un francese che visse in Svezia, convertì tra il 1876 e il 1878 la macchina per la separazione del latte inventata da Wilhelm Lefeldt o semplicemente Lehfeldt (1836-1913) in una centrifuga per il latte.
Redaction comment

Cito letteralmente il libro: "A nome dell'Imperatore Napoleone III, Méges-Mouriès sviluppò nel 1860 un burro sostitutivo per l'esercito derivato da una margarina di sego di manzo e latte scremato. Nel 1902 l' idrogenazione divenne possibile grazie a Wilhelm Normann, così che la margarina (per i più svantaggiati) potrebbe contenere anche oli vegetali ".

Nel 1870 apparvero i primi giornali e pubblicazioni relativi al latte. L'obiettivo della propaganda era che la popolazione impoverita familiarizzasse con latte e prodotti lattiero-caseari (p. 57), tuttavia, fino al 1914 questo segmento della popolazione continuò a mangiare principalmente patate, pane e grassi e a bere brodo da cicoria ( sostituto del caffè senza caffeina ).

È stato necessario creare leggi per regolare l'adulterazione del latte (miscelazione del latte con acqua o adulterante , vedere anche il controllo di qualità ). Grazie a Louis Pasteur iniziò il trattamento termico, inizialmente a 90 ° C. Robert Koch ha fornito l'analisi della tubercolosi (TB) e dell'infiammazione della mammella ( mastite ). Successivamente, sono emersi istituti e organizzazioni di ricerca per la promozione del settore lattiero-caseario.

CLICK FOR: Produzione alimentare artificiale e tubercolosi polmonare

La fioritura della produzione alimentare artificiale è iniziata allo stesso tempo. Tra loro c'era la margarina, che veniva venduta come burro, vino artificiale - la cui commercializzazione è stata nuovamente autorizzata nell'UE dal 2006 - miele artificiale , ghiaccio artificiale , dolcificanti ed estratto di carne . Inoltre ha iniziato glutammato usato come esaltatore di sapidità , ha cominciato ad essere fabbricata cibo in scatola , zuppe istantanee e alimenti per l'infanzia e con esperienza con conservanti .

L'autore descrive come nel 1880 solo lo 0,3% dei suini che attraversavano il macello di Berlino avesse la tubercolosi e nel 1905 questa cifra ammontava al 47,5%. Questo nonostante il fatto che nel corso degli anni 1890 il latte utilizzato per l'alimentazione animale doveva essere riscaldato a 90 ° C. La signora Rabinowitsch-Kempner ha dimostrato che l'agente patogeno della tubercolosi bovina potrebbe anche infettare le persone.

Nel 1877, circa il 37% dei decessi nell'Impero tedesco causò la tubercolosi polmonare e oltre il 10% di difterite . Nel 1913 le morti furono rispettivamente del 15% e 2%.

Oggi sarebbe impossibile immaginare le vecchie condizioni di vita urbana (civiltà , qualità e tenore di vita ) con scarsa igiene, elevata mortalità infantile, epidemie, orari di lavoro prolungati, mancanza di assicurazione, nonché una medicina incomparabile a quella di oggi in giorno. Il tasso di mortalità infantile era del 21,5% negli anni 1880.

Il cibo per neonati era una miscela di cereali con latte di mucca, a condizione che le famiglie potessero permetterselo. Igienisti e medici hanno chiarito che la mancanza di approvvigionamento di latte ai cittadini era responsabile dell'alta mortalità infantile . Nel 1892 ebbe luogo una grande epidemia di colera . (p. 61)

Una differenza da non sottovalutare è che molto tempo fa un bambino ha ricevuto latte da una singola mucca.

Tuttavia, oggi consumiamo latte da un gran numero di mucche; se a ciò si aggiungesse la mancanza di pastorizzazione, la conseguenza sarebbe una grande miscela di agenti patogeni .

In passato, il fattore che sovraccaricava il sistema immunitario umano era la scarsa qualità dell'acqua.

Dal 1879 fu istituita una legislazione alimentare in Germania con determinati requisiti di controllo ed etichettatura e dal 1930 una legislazione specifica sul latte (che in seguito fu chiamata la legge sul latte e sui grassi).

CLICK FOR: Una legislazione specifica sul latte

Secondo questa legge, il latte deve contenere tra il 2,8% e il 3% di grassi ( grassi del latte ). Oggi il latte può raggiungere un contenuto di grassi tra il 4% e il 6%.

L'autore spiega diversi motivi per cui la pastorizzazione in Germania non è stata introdotta fino all'entrata in vigore della legge del 1930. Poiché sembrava che fossero riusciti a combattere le malattie degli animali, nel 2006 l'UE ha abolito la legislazione che ha costretto la pastorizzazione del latte.

Abbiamo anche sperimentato come l'immagine negativa del latte fosse diventata un'immagine positiva e abbiamo iniziato a essere considerato un alimento "totalmente igienico". Nel 1928, il reddito derivante dal latte rappresentava un terzo del reddito agricolo totale.

I nazisti iniziarono a controllare l'intera produzione dallo stato, dalla lavorazione, al commercio, alle vendite e ai prezzi in tutti i settori agricoli .

Tutto ciò era previsto dalla legislazione per la regolamentazione del settore lattiero-caseario del 1930, che prevedeva già un'autorizzazione governativa da associare ai produttori di latte e ai trasformatori. È stata inoltre creata la legge tedesca per la regolamentazione del mercato della produzione alimentare denominata Reichsnährstand . Oggi l' UE è responsabile del bilanciamento del mercato con le normative.

L'industria lattiero-casearia come la conosciamo oggi è stata creata dopo la seconda guerra mondiale grazie alla "Milchindustrie-Verband" ( Associazione dell'industria lattiero-casearia ) . La legge sul latte e sui grassi del 1951, entrata in vigore nel 1952, mirava alla produzione di massa a basso costo per il consumo di massa ( società dei consumi , consumismo , cui seguirono la società dell'uso e dello smaltimento ) commercio internazionale (p. 67).

CLICK FOR: L'ascesa del settore lattiero-caseario

Dopo una fase di adattamento, il controllo dell'intero settore agricolo da parte dello stato durante il Terzo Reich era semplice e i politici di quel tempo consideravano inevitabile il raggiungimento dei loro obiettivi.

In poco più di due pagine, l'autore giustifica il modo in cui le società ideologicamente impegnate nella libera concorrenza hanno introdotto una legge di controllo integrale. Confronta anche il sistema con i Koljós e i Sovjós dell'ex Unione Sovietica con questa frase: ogni industria generalmente produce secondo le regole della logica della catena di montaggio e non secondo le regole della natura.

In questo modo, il potere che il produttore ha trasmesso agli impianti di trasformazione, all'industria e al commercio. Il risultato si materializza come crudeltà verso gli animali e abusi su larga scala:

Al solo scopo di aumentare i profitti, l'industria nutre erbivori o ruminanti con farina e ossa di carne, fornisce ormoni e antibiotici agli animali da carne in modo che raggiungano il loro peso più rapidamente e non muoiano prima a causa di malattie epidemiche, cibo sulla base di residui, non solo per gli animali ma anche per l'uomo (siero di latte, ormoni di scarto nello sciroppo di glucosio e simili), le feci vengono convertite in batteri in sostituzione della carne e infine animali geneticamente modificati.

La conversione dell'olio usato in mangime per polli, la nicotina nelle uova e la vendita di carne in cattive condizioni non ci sorprendono più.

Redaction comment

In linea con la citazione precedente, troverete ulteriori informazioni (in tedesco) sulla nicotina nelle uova nell'articolo pubblicato da Die Welt il 04/04/2006 : il Ministero dell'Agricoltura della regione della Bassa Sassonia ha temporaneamente sospeso l'attività di la società commerciale tedesca di uova Deutschen Frühstücksei GmbH. Tuttavia, la società è riuscita a dare la colpa ai subappaltatori e più di 128 aziende sassoni sono state colpite. La produzione giornaliera di queste fattorie era di tre milioni di uova ...

Tutti questi eventi hanno dimostrato che una grande quantità di potere era concentrata nelle mani di pochissime persone. Vi sono state diverse fasi durante le quali i produttori si sono concentrati in modo tale che le loro operazioni fossero in crescita, quindi l'industria è composta da alcuni giganti che hanno costretto le piccole imprese a uscire dal mercato. Tutto ciò ha avuto un sostegno politico.

Prima della seconda guerra mondiale, oltre il 30% delle fattorie utilizzava le mucche come animali da fattoria, tuttavia, dopo il 1958, questa cifra scese al 20%. Tuttavia, non era necessario che queste vacche dessero latte costantemente, né era essenziale che producessero così tanto.

Una mucca aveva un'aspettativa di vita tra 20 e 25 anni. Oggi la vita della madre si esaurisce dopo il parto tra cinque o sei vitelli, in modo che all'età di sei o otto anni l'animale venga macellato (p. 72).

CLICK FOR: Mucche ad alte prestazioni

La mucca che non riesce a produrre 7000 litri durante la sua prima fase di lattazione verrà immediatamente macellata (p. 96).

Grazie alle mucche ad alte prestazioni e agli ormoni della crescita artificiale ( somatropina ricombinante ) di Monsanto , negli Stati Uniti. UU. gli agricoltori ottengono una produzione compresa tra 18.000 e 20.000 litri di latte con due lattazioni e la mucca viene inviata al macello per essere macellata dopo quattro o cinque anni (p. 97).

Oggi, tuttavia, la tendenza è quella di prolungare il periodo di allattamento fornendo ormoni fino a 18 mesi o più e sacrificando la mucca all'età di tre anni e mezzo dopo che ha prodotto 18 tonnellate di latte. La carne è ancora adatta per produrre hamburger e salsicce (p. 98).

Fino a quando nel 1970 non furono approvate le leggi per la regolamentazione della produzione di latte, questo era un problema regionale. Il latte viene tagliato in un giorno o mezza giornata al massimo; Un tempo era usato per produrre latte acido , tuttavia oggi si rompe semplicemente. Grazie ai progressi tecnologici degli anni '60 per la refrigerazione, la lavorazione e il riempimento, la coagulazione del latte ( fermentazione lattica ) è stata ritardata di diversi giorni.

CLICK FOR: omogeneizzazione

Dato che c'erano ancora troppe riserve sulla pastorizzazione, la percentuale di latte fresco filtrato nel 1960 era del 60%. La risposta era offrire latte confezionato, che in Europa iniziò con Tetra Pak . Negozi e supermercati potrebbero quindi evitare di recarsi presso caseifici o distributori di latte e prodotti lattiero-caseari.

Il processo di omogeneizzazione , noto da diversi decenni, arrivò anche in Germania negli anni '60. Quindi smetto di preoccuparmi se il latte era fresco o no. Riducendo radicalmente i globuli di grasso, la crema ha smesso di apparire e il latte è diventato un alimento "visivamente fresco".

L'omogeneizzazione è un processo responsabile di alcuni effetti avversi sulla salute, come allergie e problemi intestinali; tuttavia, questo fatto è ancora negato o ignorato dalle opinioni dominanti nella scienza della nutrizione (p. 75).

Con latte UHT di lunga durata (ultrapastorizzato), dal 1963 l'industria lattiero-casearia ha reso il latte più duraturo. In questo modo il latte potrebbe durare fino a tre mesi, quindi l'industria ha ridotto il prezzo di questo latte e lo ha posto al di sotto del prezzo del latte fresco confezionato. Con questo, il latte UHT ha raggiunto una quota di mercato del 40% nel 1977.

Il processo industriale ha portato al valore nutrizionale del precipitare del latte, carenze che negli ultimi anni cercheranno di colmare con l'aiuto di additivi artificiali. Secondo Fink , p. 174:

Tra il 1960 e il 1974, le vendite di formaggi freschi e quark sono aumentate del 124%, il latte fermentato intorno all'1,020% e le vendite di formaggi stagionati del 60%. (p. 76).

Soprattutto grazie allo yogurt, l'industria ha aperto un mercato aggiuntivo. Dal 1965, l'industria lattiero-casearia comprende aziende con i maggiori benefici dell'industria alimentare.

2.3. Conseguenze della produzione e trasformazione industriale del latte p. 79

La regolamentazione del mercato da parte della CEE nel 1968 ha portato a una grande sovrapproduzione o eccedenza di latte che è stata chiamata "montagne del burro" ed è stata causata dall'intervento statale e dalla simultanea scomparsa delle piccole e medie imprese ( PMI ).

CLICK FOR: Sovrapproduzione e lavoro politico

Grazie alle migliori tecnologie di spin, l'industria potrebbe trasformare il latte intero in panna e latte scremato.

La crema del latte è stata trasformata in burro e latte scremato in latte scremato in polvere . Il lavoro politico di gruppi di pressione , interesse pubblico , relazioni del governo , gruppi di interesse , rappresentanti parlamentari, ecc. Ne è valsa la pena per i soggetti coinvolti, poiché lo stato ha dovuto acquisire entrambi i prodotti a un prezzo prestabilito.

Nel 1983, solo nella Germania occidentale, furono prodotti 26,1 milioni di tonnellate di latte. Nel 1984 l' UE ha introdotto un sistema di quote latte , che era in vigore fino al 31 marzo 2015 ed era un sistema per regolare la produzione di latte che ha contribuito a ridurre la produzione a 22 milioni di tonnellate.

Redaction comment

L'UE ha chiuso il sistema delle quote latte il 31 marzo 2015 e ha avviato sei programmi per la promozione del settore lattiero-caseario. Vedi la descrizione di queste misure in inglese, che sono accompagnate da altre 14, in particolare destinate alle esportazioni - con sussidi per 82 milioni di euro. Per ogni cittadino dell'Unione, questo importo non è eccessivo, tuttavia rappresenta in parte una calamità per gli altri paesi. A ciò dobbiamo aggiungere il business della carne, un settore a cui vengono utilizzati sussidi simili ( PAC ).

Un cittadino critico valuterà la pena leggere il link precedente sulla regolamentazione del latte. L'organizzazione responsabile è il Fondo europeo agricolo di orientamento e di garanzia (FEAOG). Dal mio punto di vista, il FEAOG funziona come la forma più chiara di conglomerato economico, specialmente quando è contemplato a livello internazionale - e il concetto contrario al capitalismo renano . Un punto importante è il " ritorno dall'esportazione verso paesi terzi" . Questi sussidi e quell'economia di opulenza contribuiscono a far emigrare un gran numero di persone dall'Africa all'Europa. Le esportazioni che ricevono sussidi rovinano i contadini di quei paesi, il che rende alcune persone estremiste e altre devono fuggire. Se analizziamo la situazione a lungo termine, stiamo scavando la nostra tomba.

L'autore spiega i cambiamenti per le aziende e la modifica dell'alimentazione delle mucche mediante il processo di insilato e alimenti concentrati derivati da diversi prodotti come la colza , il mais , il grano , l' orzo e fino al 2001 di proteine di origine animale.

CLICK FOR: Cambiamenti per aziende e mastiti nelle mucche

Viene utilizzato tutto ciò che è economico, compresi i rifiuti dell'industria alimentare come: farina di soia , farina di colza , rifiuti di produzione di olio di colza , rifiuti di soia, gusci di arachidi, gusci di cocco, rifiuti di la trasformazione del frutto e degli oli grassi che si sciolgono (p. 81).

Negli anni '90, l' UE ha introdotto nella sua politica agricola comune un nuovo aiuto per l'allevamento di mucche da latte per carne, ovvero razze di carne con piccole mammelle che pascolano liberamente sul campo. In questo modo, i cittadini possono vedere belle mucche al pascolo, alcune con i loro vitelli (steer) e pensare di essere mucche da latte (p. 84).

Con l'introduzione delle mungitrici negli anni del dopoguerra, iniziò il problema della mastite nelle mucche. Oggi, il 40% di tutte le mucche in Europa è affetto da mastite clinica e subclinica . La causa di ciò è, in gran parte, dovuta a una carenza nella cura, nell'alimentazione e nell'aumento della produzione di latte. La mastite è estremamente dolorosa e richiede l'uso di antibiotici. Nelle donne, la malattia è anche chiamata mastite.

Non c'è da stupirsi che si sospetti che i prodotti lattiero-caseari possano causare resistenza agli antibiotici nell'uomo. Questo latte ha una flora batterica alterata e una mancanza di batteri lattici. Tuttavia, contiene cellule somatiche , cioè cellule di pus corporeo. I batteri EHEC ( Escherichia coli enteroemorragico) sono talvolta la causa della mastite e causano anche gravi malattie intestinali.

CLICK FOR: I prodotti lattiero-caseari possono causare resistenza agli antibiotici nell'uomo

Negli Stati Uniti, i batteri dello stafilococco aureo sono responsabili del 30% dei casi di mastite grave. Parallelamente al suo aspetto nelle vacche, infezioni da MRSA, cioè Staphylococcus aureus resistente alla meticillina , anche aumentata in modo significativo negli ospedali in Germania (p. 85).

Esiste una legge secondo la quale il latte che viene munto da una mucca mentre viene trattato per gli antibiotici non può essere commercializzato per il consumo umano. Ci sono anche limiti specifici.

A causa della grande quantità di latte che proviene dalla produzione di diverse aziende agricole e finisce per mescolarsi, non può essere rilevato se qualcuno di loro ha infranto la legislazione. Questo è noto anche ai produttori di latte; sia il più onesto, sia quelli che non sono così tanto.

Redaction comment

Lo sviluppo della resistenza agli antibiotici è un problema crescente. Questa resistenza è spiegata in dettaglio qui . Sebbene ci si possa aspettare che la teixobattina realizzi miracoli, è ancora necessario attendere per verificarlo. Dovremmo iniziare con la cura del bestiame e del consumo! I germi della resistenza e dell'ospedale ci interessano solo quando colpiscono noi o i nostri cari. Le infezioni ospedaliere sono anche chiamate infezioni nosocomiali .

Maria Rollinger descrive i cambiamenti che il latte ha subito dalla seconda guerra mondiale. Questi cambiamenti hanno influenzato la flora batterica del latte, il suo contenuto di grassi e le sue proteine.

CLICK FOR: Batteri Lactobacillales, materia grassa e ingredienti nocivi

Il latte naturale contiene principalmente batteri lattobacillales ; Pertanto, il latte naturale viene acidificato dopo uno o due giorni e si trasforma in latte acido , che ha un pH acido, che a sua volta impedisce ai batteri della decomposizione di agire più a lungo. È una protezione naturale contro la putrefazione o il decadimento .

Sebbene oggi abbiamo condizioni igieniche molto più severe nei moderni sistemi di mungitura, esiste una percentuale maggiore di batteri di decomposizione nel latte. I batteri lattobacillali si sviluppano bene con il calore, quindi, perché oggi il latte si raffredda, il processo di fermentazione dell'acido lattico viene annullato e i batteri in decomposizione progrediscono tra due e tre giorni perché a loro piace il freddo.

Sebbene quasi tutti i batteri vengano eliminati attraverso la pastorizzazione o l'uperizzazione (UHT), gli enzimi che si sono formati in precedenza rimangono. Per questo motivo, il latte UHT viene rovinato anche senza l'apertura del contenitore. Il latte non può contenere grandi quantità di batteri lattici buoni o batteri di decomposizione, a causa della lunga durata del latte richiesta dall'industria lattiero-casearia.

La legislazione lo conferma indirettamente poiché consente al latte di bufala, pecora e capra di contenere fino a 1,5 milioni di microbi per millilitro di latte, mentre il latte crudo di vacca può contenere solo centomila . Gli altri latti che abbiamo menzionato vengono munti manualmente o vanno direttamente al processo di trasformazione.

Nella preistoria, il latte aveva un contenuto di grassi del 2% e un massimo del 3% cento anni fa. Oggi il latte contiene tra il 4% e il 6% di grassi.

Dal momento che l'industria estrae la maggior parte del grasso per produrre il burro, in realtà non dovrebbe importarci, tuttavia non è così, poiché questo grasso contiene grassi saturi dannosi ( lipidi ). Invece del foraggio ( erba ), le mucche ricevono il loro mangime sotto forma di mangime e insilato ricchi di proteine e poveri di fibre.

Attraverso l'allevamento selettivo, gli esseri umani hanno modificato le proteine del latte per ottenere più beta caseina e caseina kappa, proteine che favoriscono la produzione di formaggio e migliorano i benefici economici.

I produttori di formaggi richiedono sempre più latte di design da mucche di caseina kappa . Nessuno sembra prendere in considerazione l'effetto che la caseina ha sul nostro corpo.

Il latte contiene anche ingredienti dannosi come: metalli pesanti e PCB ( bifenili policlorurati ), disinfettanti (di solito sotto forma di cloroformio ), pesticidi ed erbicidi , residui di farmaci veterinari come antibiotici e ormoni . I mangimi per animali sono stati a lungo acquistati direttamente sul mercato mondiale, quindi dobbiamo presumere che le sostanze vietate vengano introdotte nei nostri paesi.

Sebbene gli ormoni della crescita artificiale siano vietati in Europa, esiste un uso improprio che raggiunge le nostre orecchie solo quando si verificano casi di scandali alimentari come quelli elencati nel seguente elenco di scandali alimentari .

Da pagina 91 Maria Rollinger si concentra sulla sofferenza degli animali. In questa sezione, cita la traduzione di cinque punti inclusi nel capitolo 3 del Rapporto sulla salute degli animali sull'uso della somatropina bovina.

CLICK FOR: La sofferenza degli animali

Successivamente parla dell'abuso di animali, in cui la fornitura di ormoni svolge un ruolo essenziale. Attraverso diverse misure, il periodo di lattazione viene raddoppiato, il che in una mucca dura naturalmente tra i cinque e i sei mesi.

La mucca sta producendo un nuovo vitello quasi continuamente in modo da poter dare latte mentre sviluppa un nuovo feto. Si stima che in Europa il 50% del latte provenga da mucche in gravidanza, mentre negli Stati Uniti. UU. la cifra raggiunge l'80%.

Tutto ciò ha un effetto sull'equilibrio ormonale degli animali e sembra che, finalmente, l'allarme abbia raggiunto anche la comunità scientifica di rispettate università in tutto il mondo, che non escludono il rapporto tra tumore ormono-dipendente e Consumo di latte Prima che le mucche smettessero di mungere durante la gravidanza e smettessero di dare latte.

L'autore descrive la vita tipica di una mucca fino a quando non viene sacrificata per smettere di essere redditizia. Per ottenere un litro di latte, 500 litri di sangue devono fluire attraverso la mammella. La tendenza è di ottenere due lattazioni che generano 20 tonnellate di produzione di latte. Negli Stati Uniti UU. L'obiettivo è ottenere un'unica inseminazione prolungata per ottenere 18 tonnellate di latte e sacrificare l'animale immediatamente dopo.

Ne sono testimoni i macellai dei macelli: le ossa di una mucca sono così porose da spezzarsi. L'attuale dibattito si concentra sulla clonazione delle mucche, tuttavia ad oggi ci sono solo diverse migliaia di animali clonati.

2.4. Consumo di latte nei tempi antichi, passato recente e oggi, p. 103

Negli ultimi mille anni siamo stati nutriti, in particolare di vari tipi di cereali, carne, pesce, tutti i tipi di legumi, noci, semi, verdure, olio e, in misura minore, frutta, uova, burro e formaggio. Il consumo di prodotti lattiero-caseari freschi era basso. A volte il consumo di carne predominava - come nel tardo Medioevo e durante il XV e il XVI secolo - e altre volte il consumo di cereali e legumi - specialmente durante il XVII e il XVIII secolo .

CLICK FOR: Negli ultimi 140 anni il consumo di latte si è moltiplicato per 24

Nel 1960 i miscelatori elettrici sostituirono i miscelatori manuali e così apparve la panna montata ; Per chiarire questa evoluzione, lo scrittore fornisce dati basati in parte su statistiche internazionali. Pertanto, negli ultimi 140 anni il consumo di latte si è moltiplicato per 24. Soprattutto dopo la seconda guerra mondiale e fino al 1990 la produzione di grassi e proteine ha registrato una crescita esponenziale .

Un altro fatto che colpisce è la grande differenza nel consumo di latte tra paesi come la Finlandia e la Svezia, dove il consumo è particolarmente elevato e altri paesi come la Francia e la Germania, dove il consumo di formaggio è più elevato, con lo stesso livello di consumo approssimativo di ingredienti lattiero-caseari, poiché un chilo di formaggio equivale a circa dieci litri di latte.

Tuttavia, il consumo di latte o di prodotti lattiero-caseari in Cina è stato di 12 litri a persona durante la stagione 2002/2003, seguito dal Sudafrica (con 30,4 litri) e dal Giappone (con 37,6 litri). I paesi con il più alto consumo sono Finlandia (196,8 litri), Irlanda (172,3 litri), Svezia (170,1 litri), Danimarca (163,8 litri), Paesi Bassi (150,7 litri), Spagna (141, 7 litri), Francia (131,6 litri), Portogallo (125,7 litri), dove il consumo era molto più basso, Gran Bretagna (125,9 litri), Germania (123,9 litri), Australia (112,8 litri), Nuova Zelanda (110,8 litri) e Svizzera (106,8 litri) che nel 1995 erano 119,3 litri.

L'autore conclude che, in base alla mancanza o alla carenza di dati statistici e di altre fonti, il consumo di latte non ha svolto un ruolo importante nell'alimentazione. Esistono dati statistici su quasi tutto, tranne il latte. Dal 1930 la situazione cambiò, almeno in Germania.

2.5. Latte, malattie della civiltà e intolleranza ai beni di consumo p. 115

Nel paragrafo Malattia e ambiente - polemiche scientifiche infinite (Krankheit und Umwelt - wissenschaftlicher Streit ohne Ende) l'autore fa riferimento alla triste situazione delle statistiche e ai risultati che offrono. Critica il fatto che l'attuale corrente scientifica nega ancora l'esistenza di legami tra specifici fattori ambientali e determinate malattie, a meno che non vengano riconosciute sostanze tossiche.

CLICK FOR: La triste situazione di statistiche e risultati

Nella migliore delle ipotesi ammettono che fattori ambientali come la dieta, in generale, svolgono un ruolo molto importante nella salute. Tuttavia, non appena viene identificata una particolare sostanza o fattore, la corrente scientifica nega l'esistenza di qualsiasi tipo di collegamento.

A quel tempo i media offrono risposte del tipo: la relazione causale non è stata scientificamente provata ”o“ Sono necessarie ulteriori ricerche. Pochissimi si avventurano a dare una valutazione, poiché lo studio che può provare l'affermazione opposta è stato a lungo concesso. Ogni scienziato ha il dubbio di non essere sicuro al cento per cento della propria affermazione. (p. 115).

Quando si verificano tali contraddizioni, sorge la domanda: in che misura la ricerca è controllata da interessi particolari? , si chiede come avvocato con la massima cautela a pagina 129.

Inevitabilmente, uno scienziato deve sviluppare studi epidemiologici su questi temi, confrontare statistiche, fare confronti tra paesi e condurre interviste con soggetti ( epidemiologia ). Soprattutto negli studi a lungo termine , in cui il personale non è lo stesso durante l'esperimento, ma gli scambi, è possibile raccogliere vari punti di vista e opinioni. Di solito ci sono altri fattori che si verificano in parallelo e possono influenzare il risultato.

Gli interessi e la lealtà dei combattenti dominano il gioco e il risultato è la perdita dell'orientamento generale. Le risposte di autorità, medici e pazienti in tutto il mondo sono quasi sempre insicure . L'autore ci ricorda lo scandalo alimentare dell'aprile 2002 sull'acrilamide , una sostanza cancerogena che contiene patatine e altri alimenti ricchi di carboidrati.

Malattie della civiltà come diabete mellito , malattie cardiovascolari , osteoporosi , cancro , malattie infiammatorie intestinali , sclerosi multipla (SM), morbo di Parkinson , allergie e asma in Giappone erano rare e rare come Latticini Le malattie hanno iniziato ad apparire solo quando abbiamo iniziato a considerare il latte e i cereali come alimenti essenziali .

CLICK FOR: Qual è la causa dell'aumento delle cosiddette malattie della civiltà?

La risposta alla domanda: qual è la causa dell'aumento delle cosiddette malattie della civiltà? Deve essere breve. La risposta più semplice e più usata è: stress, stile di vita sedentario e dieta a basso contenuto di fibre .

In Giappone e in Cina le persone hanno le stesse accuse, o anche di più, dal momento che lavorano molte più ore. Molti di loro, nonostante l'opinione generale, seguono una dieta a base di cibi a basso contenuto di fibre. Al contrario, il loro consumo di latte e prodotti lattiero-caseari differisce notevolmente dal nostro in quanto molto più basso (p. 117).

CLICK FOR: Cancro al latte e al seno

Cosa indica l'espressione "malattia della donna ricca"? In alcune aree questa è l'espressione colloquiale per chiamare il cancro al seno , poiché si verifica il cancro al seno, specialmente nelle persone che possono permettersi di consumare una grande quantità di proteine animali.

Secondo i dati dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) , il consumo di prodotti lattiero-caseari è strettamente correlato all'incidenza del cancro al seno ( correlazione ). Questi dati sono stati rivelati anche dopo aver confrontato la Germania occidentale e l'ex Repubblica democratica tedesca (Repubblica democratica tedesca). L'aumento del consumo di latte ha causato un aumento dei tassi di cancro al seno nella RDT, tuttavia, a causa del minor consumo di formaggio da parte della popolazione, i dati sul cancro erano molto indietro rispetto ai dati nella Germania occidentale.

Secondo Jane Plant , in Cina, il cancro al seno è popolarmente chiamato la malattia delle donne ricche (p.167). La pubblicazione " Atlas der Krebssterblichkeitsrate in der Volksrepublik China" (Atlante della mortalità per cancro nella Repubblica popolare cinese) e le statistiche dell'OMS su Cina, Giappone, Tailandia e paesi occidentali mostrano gli stessi dati, sia in caso di cancro del seno come nella prostata .

In questi paesi c'è stato anche un aumento dei due tipi di cancro nelle città con la maggiore influenza occidentale. Uno studio del 2003 rivela i cambiamenti più importanti avvenuti in Giappone dopo la seconda guerra mondiale, in particolare nelle città che adottarono le usanze della potenza vittoriosa (USA) come il consumo di latte, gelati , fanghiglia, cioccolato e prodotti caseari; cioè prodotti contenenti latte (p. 123).

Jane Plant lo esprime come segue: se il tessuto mammario viene continuamente immerso in un fluido con un alto contenuto di fattore di crescita, il che indica per natura che le persone nella pubertà sperimenteranno lo sviluppo del seno, o che contiene un ormone fondamentale per la produzione di latte nei mammiferi, non sembra un miracolo che le cellule non presentino guasti che portano al cancro? (p. 124)

CLICK FOR: Latte, diabete e sclerosi multipla

È chiaro che il consumo di latte vaccino durante l'allattamento e l'infanzia aumenta il rischio di soffrire di diabete giovanile di tipo 1 . Studi in Finlandia e in Canada lo dimostrano chiaramente, tuttavia, negli Stati Uniti e in Germania l'industria lattiero-casearia cerca di evitare questa affermazione con veemenza.

Una cosa è chiara: alcune proteine del siero di latte come l'albumina sierica o la beta-lattoglobulina, così come alcune caseine sono considerate sostanze che innescano risposte immunitarie e quindi aumentano il rischio di sviluppare il diabete di tipo 1. Ad esempio, l'albumina da Il siero bovino è simile a una proteina umana che si forma nel pancreas e svolge un ruolo importante nella produzione di insulina.

Nutrire il bambino con latte di mucca farà sì che sviluppi anticorpi contro le proteine esterne. Gli anticorpi sviluppati per combattere l'albumina sierica bovina combattono anche contro le proteine del proprio pancreas, poiché è probabile che gli anticorpi non possano differenziare i bovini dalle proteine umane (p. 119).

Due nuovi studi scandinavi hanno dimostrato che le proteine hanno effetti insulinotropici che causano il diabete mellito di tipo 2, chiamato anche diabete adulto. Lo studio rileva inoltre che latte, formaggio e in particolare il siero di latte aumentano la secrezione di insulina dopo il consumo in misura molto maggiore rispetto a carne, pesce, glutine di grano o pane bianco .

Studi canadesi dell'anno 2001, che finora non sono stati messi in discussione , mostrano che il diabete di tipo 1 e la sclerosi multipla (SM) sono malattie molto simili dal punto di vista immunologico e influenzano la capacità di risposta autoimmune al pancreas , così come il tessuto nervoso nel caso della SM. Maria Rollinger presenta un'interessante opera di Ashton F. Embry sulla SM che dimostra che gli alimenti dietetici come latte, proteine animali, lieviti e legumi ( legumi ) sono importanti per il loro sviluppo (p. 121 ).

Considerazioni epidemiologiche portano alla stessa conclusione raggiunta dall'autore confrontando Finlandia e Spagna. Alla fine degli anni '90, la Spagna era tra i paesi con il più basso consumo di latte nell'UE e nel 2000 ha raggiunto solo la metà del consumo della Finlandia. Pertanto, c'è anche una differenza nel numero di casi di diabete in entrambi i paesi.

CLICK FOR: Malattie cardiovascolari

Lo scrittore compie numerosi confronti epidemiologici, anche di malattie cardiovascolari, in cui la relazione è più evidente. Fai il confronto tra Finlandia e Grecia. Esiste il concetto Polymeal (Polymeal Diet , vedi Polypill ) per prevenire le malattie cardiovascolari; meglio noto come dieta cretese o dieta mediterranea. Anche se in realtà è un'idea di marketing commercializzare più olio d'oliva, vino e cioccolato.

Dopo tutto, è una dieta priva di latticini che include, secondo l'autore, pesce, cioccolato fondente, frutta, verdura, aglio, mandorle e un moderato consumo di vino.

Redaction comment

Tuttavia, la realtà in questi paesi è diversa e il tasso di mortalità non è inferiore ma la popolazione muore a causa di altre malattie. Le diete , sfortunatamente, dipendono dalla moda e dalla visione del mondo piuttosto che dal risultato comprovato della salute. Il ruolo principale in questa materia è svolto dai circoli di interesse. Ad esempio, l'olio di colza dovrebbe essere considerato un alimento più sano dell'olio d'oliva, tuttavia, c'è una lobby di pressione che gestisce con successo questo mercato da oltre duecento anni.

CLICK FOR: Latte, carcinoma ovarico e morbo di Parkinson

Sappiamo, tra l'altro, che il calcio nel latte non raggiunge le ossa a causa del suo pH e che satura il sangue in modo tale da ostacolare la formazione di vitamina D. La vitamina D è responsabile per aiutare a differenziare le cellule sane da la prostata e prevenire l'escrezione cellulare.

Diversi studi collegano la comparsa di tumori ovarici maligni ( carcinoma ovarico) con il consumo di latte (lattosio). Studi della Harvard Medical School negli Stati Uniti. UU. e l' Istituto Karolinska di Stoccolma (Svezia) lo ha infatti confermato nel 2004.

Gli studi condotti dall'Università di Harvard in merito alla malattia di Parkinson affermano che il consumo giornaliero di diversi prodotti caseari aumenta significativamente il numero di malattie tra gli uomini. Tuttavia, questo aumento non si verifica nel caso delle donne. Tra il 2002 e il 2007, lo scienziato cinese Junshi Chen ha ripetutamente confermato le affermazioni in questo studio.

CLICK FOR: Latte e autismo

Per quanto riguarda l' autismo , nella maggior parte dei casi, c'è un malfunzionamento dell'intestino che porta alla trasmissione di particelle proteiche più grandi (peptidi) che raggiungono il sangue prima di essere digerito completamente e scatenano effetti indesiderati come la sindrome del disturbo di permeabilità della membrana intestinale .

È noto che una dieta priva di latticini e grano raggiunge un significativo miglioramento dei sintomi. Nel momento in cui il paziente abbandona questa dieta, ricompaiono i sintomi della malattia (p. 125).

In questi studi, sono state analizzate le urine dei bambini con autismo e sono state trovate concentrazioni anormalmente elevate di peptidi oppioidi ( peptidi oppioidi ) di proteine del latte, caseina e proteine del glutine di frumento. Si chiamano casomorfine e gluteomorfine o gliadinomorfine.

L'autore raccomanda ai genitori di bambini con autismo diverse pagine web che trattano questo argomento e che li aiuteranno molto. Nomina anche i seguenti scienziati che concentrano i loro studi sulla ricerca sull'autismo: Robert Cade , USA. UU., Paul Shattock , Inghilterra, Kalle Reichelt , Norvegia. Vedi anche dieta senza glutine .

Redaction comment

Qual'è la differenza tra morfina o morfina e oppio? La morfina è il principale alcaloide dell'oppio , che si ottiene dal papavero da oppio. I termini morfina e morph si riferiscono allo stesso concetto; Tuttavia, la parola morfina viene utilizzata per riferirsi agli aspetti chimici e medicinali di questa sostanza.

CLICK FOR: Latte, acne, dermatite atopica e malattie allergiche

L'autore critica l'attuale trattamento dell'acne e della dermatite atopica, che sottopone i pazienti all'uso di corticosteroidi per mesi o anni, senza ottenere grandi risultati. Fino al momento in cui i pazienti sono pienamente informati, non conoscono la necessità di evitare gli allergeni. La maggior parte di loro ha quindi successo a lungo termine o addirittura guarisce completamente.

La principale sostanza allergenica è generalmente il latte (p. 126).

Almeno un cambiamento nella mentalità è in atto da quando l'Università di Harvard ha pubblicato nella sua rivista di dermatologia online Adebamowo il 30 maggio 2006, un articolo che stabilisce il rapporto tra consumo di latte e acne.

Sebbene l'aria nella RDT (Repubblica Democratica Tedesca) sembra essere molto più inquinata, c'erano molte meno malattie allergiche rispetto alla Germania occidentale. Poco dopo la riunificazione della Germania, l'inquinamento atmosferico iniziò a ridursi costantemente, le abitudini alimentari iniziarono a omogeneizzare e le allergie iniziarono ad aumentare come se fosse un'esplosione .

Sulla base di numerosi esempi provenienti da diversi paesi, apprendiamo che, secondo la teoria dell'igiene, l'ignoranza nella Germania orientale delle condizioni di vita e delle abitudini della Germania occidentale e di altri paesi mostra che oltre alla purezza dell'aria, il cibo esercita il impatto ambientale più forte e duraturo su di noi. Questa è l'ultima cosa che hanno voluto affermare ufficialmente dai circoli di politica, scienza ed economia (p. 129).

Questa teoria ci spinge anche ad assumere che i bambini che vivono nelle aree rurali subiranno meno allergie rispetto ai bambini che vivono nelle città. Tuttavia, è vero il contrario dall'altra parte del mondo : in Nuova Zelanda i bambini che vivono nelle fattorie spesso soffrono di più allergie rispetto a quelli residenti nelle città.

In questo caso è stata trovata una stretta relazione tra rinite allergica e consumo di yogurt. Lo stesso vale per la dermatite atopica e il consumo di latte. Quando si verificano tali contraddizioni, viene in mente la domanda: fino a che punto la ricerca è controllata da interessi particolari? , chiede l'autore.

CLICK FOR: Artrite reumatoide e del latte

Anche in malattie come l'artrite reumatoide , l' istamina è stata trovata anche nell'infiammazione delle articolazioni colpite. Le persone colpite sviluppano anticorpi contro determinati alimenti che spesso includono proteine del latte. La medicina popolare lo conosce da molto tempo.

Inoltre, dal 2006, la medicina accademica sa anche che una dieta priva di allergeni ha un effetto curativo. Questo è il risultato degli studi di Binstadt et al., Raccolti nella sua pubblicazione " Nature Immunology" , 2006, 7 (3), p. 284-292 ( PubMed ) e Hvatum in: 2006, settembre, 55 (9), p. 1240-1247 (collegamento a ncbi.nlm.nih.gov, inglese).

CLICK FOR: Disturbo da iperattività e deficit di attenzione e latte

L'ADHD o il disturbo da deficit di attenzione e l'ADHD, il disturbo da deficit di attenzione e iperattività, sono anche legati all'alimentazione. Lo scrittore racconta: Chiunque abbia osservato un bambino che gioca in silenzio e, mezz'ora dopo, dopo aver preso una sola tavoletta di cioccolato diventa un piccolo inarrestabile piccolo, impossibile da fermare, sa di cosa stiamo parlando .

Crede che non dovremmo essere sorpresi dal fatto che i bambini sviluppino questo tipo di malattia, perché molti bambini si nutrono principalmente di pasta, pizza, pane, salumi, bevande al latte e al cioccolato, crema pasticcera e gelato . In definitiva, si tratta di alimenti che contengono latte e proteine del glutine. Successivamente, l'autore menziona alcuni libri consigliati in quest'area.

È stato dimostrato che noi umani non ci siamo adattati ad alimenti come cereali e latte, che dal punto di vista storico sono recenti.

CLICK FOR: Alimenti contenenti glutine e celiachia

Affronta il problema dell'intolleranza ai prodotti alimentari di base, che non dovrebbe realmente esistere. In altre aree del pianeta, gli alimenti di base sono verdure senza glutine come mais, patate, miglio, patate dolci , manioca , banane e riso.

Tuttavia, sin dall'inizio dell'agricoltura mangiamo cibi che contengono glutine come il farro , che è un cereale legato al grano e al farro . Inoltre, meno di cento anni fa abbiamo sostituito alimenti senza glutine come miglio , avena , grano saraceno e tutti i tipi di verdure con altri alimenti ricchi di glutine. Oggi anche la farina d'avena contiene glutine a causa di residui pre-trasformati di grano, segale o altri cereali. Nel seguente link è possibile accedere all'articolo di Wikipedia che contiene la classificazione degli alimenti in base al loro contenuto di glutine .

Sì, coltiviamo persino specie con un contenuto di glutine particolarmente elevato, come il grano duro anziché il grano tenero, in modo che l'industria alimentare possa funzionare meglio. Il glutine è molto solubile in acqua, il che lo rende un buon additivo per yogurt, gelati, cioccolato e tutti i tipi di alimenti trasformati.

I cereali che contengono più glutine, come grano, segale e orzo, così come i prodotti lattiero-caseari, sono al centro della nostra dieta da diversi decenni e ora li abbiamo chiamati alimenti essenziali.

In passato, il glutine di frumento o la segale erano ridotti dalla fermentazione ; Tuttavia, oggi viene coltivato con il massimo contenuto di glutine. In questo momento, l'incapacità psicologica di molte persone di adattarsi ai cereali con un alto contenuto di glutine sta iniziando a materializzarsi nelle malattie. Le malattie intestinali sotto forma di celiachia si sviluppano senza attirare troppa attenzione per lunghi periodi di tempo.

La stessa cosa accade con il latte e i suoi derivati. Attualmente, a causa di un aumento incommensurabile del consumo di latte, stanno comparendo malattie che non esistevano quando il consumo di latte era inferiore . Nel caso del latte, la relazione tra le malattie e l'effetto che le proteine del latte e il lattosio hanno sulla nostra salute non è ovvia, poiché gli effetti richiedono tempo per apparire.

Di solito reagiamo rapidamente solo se c'è intolleranza. Grazie all'intensa lavorazione degli alimenti, si ottiene una migliore digestione, in modo che lo stomaco e l'intestino non ci inviino più segnali di pericolo.

L'autore conclude il capitolo con la seguente frase:

Oggi il latte è simile al glutine; sono fattori che, silenziosamente e nascosti ovunque, causano malattie mentre le persone colpite non possono liberarsene facilmente (p. 133).

2.6. Lattasi, p. 135

In questo capitolo, l'autore analizza il latte e lo divide in acqua, lattosio (carboidrati o carboidrati ), grassi, proteine, minerali e ormoni. Spiega come produciamo l'enzima lattasi ( beta galattosidasi ) nelle cellule della mucosa delle spazzole dell'epitelio dell'intestino tenue ( microvilli ).

CLICK FOR: Carenza di lattasi e lattasi

La lattasi è essenziale nel processo di divisione del lattosio - che è un doppio zucchero o disaccaride - nei due zuccheri semplici glucosio e galattosio .

Queste due sostanze energetiche possono entrare nel nostro flusso sanguigno solo se sono divise. Il glucosio è esso stesso una fonte di energia, mentre il galattosio deve passare attraverso il fegato dove diventerà glucosio.

Maria Rollinger spiega le tre forme esistenti di deficit di lattasi : deficit congenito di lattasi, deficit di lattasi secondaria e deficit di lattasi primaria, che è il più frequente. È una mancanza irreversibile a causa della predisposizione genetica. Malattie come enterite ( gastroenterite ), colite , morbo di Crohn e celiachia o colata , grave malnutrizione o sindrome da proliferazione batterica (come la proliferazione batterica dell'intestino tenue ) possono indurre deficit di lattasi secondaria.

CLICK FOR: Mutazioni genetiche

Esistono mutazioni genetiche di epoche precedenti che consentono alla maggior parte degli abitanti del nord Europa di eseguire questa divisione di zuccheri anche dopo il periodo dell'allattamento. Quando questa abilità speciale non esiste, e questo accade alla maggior parte della popolazione, il disaccaride di lattosio passa nell'intestino crasso, dove i batteri lo scompongono. Il processo si traduce in una fermentazione accompagnata da gonfiore ( flatulenza ).

A seconda di ogni persona e della quantità di latticini che mangi, può causare nausea, dolore addominale, diarrea, astrizione ( costipazione ) o altri problemi. Produce gas come anidride carbonica, metano e idrogeno. Questo processo può anche produrre acido butirrico , acido lattico, acido acetico , acidi grassi a catena corta ( alitosi ) ammoniaca e tossine metaboliche.

Dopo il passare degli anni o addirittura decenni questo può portare a gravi problemi di salute o carenze croniche di calcio. Inoltre, l'autore aggiunge problemi alla mucosa intestinale , ai calcoli renali e alle malattie cardiovascolari, senza dimenticare di menzionare le fonti di informazione.

Questa mutazione genetica colpisce gli abitanti che si trovano tra i monti Urali e il Volga, avvenuta tra il 4600 e il 2800 a. C. e colpisce soprattutto gli europei del nord e coloro che emigrarono. Questa mutazione viene trasmessa come gene dominante , mentre la carenza di lattasi è un fenotipo recessivo . L'ultimo studio paleogenetico con test del DNA su scheletri di abitanti dell'Europa centrale e settentrionale vissuti prima di 5500 a. C. dimostra di non essere ancora mutato . La pubblicazione del 6 marzo 2007 ha sorpreso persino gli esperti (p. 137).

Nell'Africa orientale sono note tre mutazioni. La sua evoluzione fu isolata tra 4800 e 700 a. C. in diversi segmenti genetici e le loro mutazioni erano molto diverse da quelle avvenute nell'Europa nord-orientale. I tre gruppi etnici che possono produrre lattasi sono: i Tutsi in Ruanda, i villaggi del Delta del Niger come i Fulani (anche chiamati Fula, Peul o Fulbe) e gli Hima .

Anche nella regione dell'India Panyab si stima che solo il 30% dei suoi abitanti abbia intolleranza al lattosio. Tra gli arabi, le camite registrano solo il 10% delle persone intolleranti al lattosio (vedi lingue camito-semitiche ). L'autore stima che in Germania ci siano circa 12 milioni di persone intolleranti al lattosio, di cui forse un quarto sono stranieri.

Pochi "occidentali" sembrano sapere che circa l'80% degli adulti in tutto il mondo sono intolleranti al lattosio.

CLICK FOR: Popoli asiatici, africani e indigeni

Il deficit congenito di lattasi, tuttavia, è l'incapacità innata di generare lattasi e di solito non si verifica. Se non trattato, questo tipo di ipolattasi può persino portare alla morte.

All'interno dell'intollerante al lattosio, inoltre, ci sono diversi livelli riguardanti la digestione della caseina. In Europa c'è il lato nord-sud e il lato est-ovest.

L'autore fa un confronto tra i popoli asiatici, africani e indigeni. Ad esempio, molte persone in India ricevono latte di bufala ( bufalo d'acqua ), lo prendono come integratore alimentare e non come al solito. Nota inoltre:   Lo yogurt e il burro fabbricati tradizionalmente contengono quantità molto piccole di lattosio, in modo che la popolazione con intolleranza possa consumare questi prodotti . (p. 140).

Gli indigeni, soprattutto, adottano le pratiche occidentali senza sapere di essere intolleranti al lattosio, ecco perché si fanno così male che la loro prestazione è ridotta al minimo e la frusta della disoccupazione è appena stata colpita. Le conseguenze per la tua salute sono il diabete e l'obesità. Tuttavia, in passato erano villaggi snelli e soprattutto produttivi.

La comunità scientifica sta cercando i geni che causano questi cambiamenti invece di dirigere i loro occhi verso l'intolleranza al lattosio. Ad esempio, gli indigeni Pima dell'Arizona citano, che tra il 1970 e il 1980 adottarono la nostra alimentazione come loro.

CLICK FOR: Buono da mangiare: enigmi alimentari e culturali

Maria Rollinger si riferisce al libro " Buono da mangiare: enigmi del cibo e della cultura" in cui, a pagina 138 e seguenti, Marvin Harris mostra che c'è stato un grande rifiuto diplomatico quando ha iniziato a distribuire latte in polvere nei paesi in cui la popolazione predominante Era intollerante al lattosio.

Quando gli aiuti umanitari furono inviati in Afghanistan il 7 ottobre 2001, il latte in polvere o i prodotti lattiero-caseari non furono inviati consapevolmente nonostante il latte in eccesso negli Stati Uniti. I leader politici dei paesi africani sono anche consapevoli del problema dell'intolleranza e quando ricevono il cioccolato lo scambiano con attrezzature di emergenza, anche se i critici etichettano queste pratiche come corrotte.

CLICK FOR: Non sappiamo se si tratti di politica o di calcolo, la cosa difficile è che è ignoranza

L'autore evidenzia il problema della popolazione più povera di origine ispanica e africana negli Stati Uniti. UU. I bambini in età scolare sono il segmento che soffre di più, soprattutto a causa del lattosio presente in molti alimenti preparati. L'industria fa pressione sulla globalizzazione del consumo di latte e nasconde semplicemente i problemi di salute. Non sappiamo se si tratti di politica o di calcolo, la cosa difficile è che è ignoranza.

In Cina, il consumo di latte nel 1970 era praticamente inesistente; nel 1980 ammontava a 1 kg pro capite all'anno, nel 1990 a 3 kg, nel 1995 a 5 kg, nel 2000 a 6 kg e nel 2005 a 18 kg. La cifra è ancora estremamente ridotta rispetto alla Germania, tuttavia è un paese in cui quasi tutti i suoi abitanti sono intolleranti al lattosio. Le dichiarazioni delle associazioni, i produttori di prodotti lattiero-caseari, macchinari e impianti industriali danno l'impressione di aver scoperto il nuovo El Dorado (p. 146). I costi della sofferenza e dell'assistenza sanitaria ci danno un'impressione abbastanza diversa.

I dati mostrano il numero di chili di latticini e latte che ogni abitante beve all'anno! I dati sono raccolti da Wikipedia e risalgono all'anno 2007. Paesi come India, Giappone e Cina non sono elencati, poiché il loro consumo è ancora molto più basso.

Lo scrittore spiega che i responsabili del sistema sanitario dichiarano eloquentemente che la spesa pubblica a causa di malattie di origine alimentare ammonta a 71.000 milioni di euro, tuttavia, a causa della mancanza di consapevolezza del problema o dell'impronta ideologica, non finiscono di affrontare le cause delle malattie alimentari e ambientali . Farlo sarebbe imbarazzante e impopolare (p. 153).

CLICK FOR: La lobby del latte

L'autore afferma che nemmeno i medici avvertono le persone intolleranti al lattosio del pericolo di consumare latte. Proprio perché molte persone ne sono colpite, l'industria lattiero-casearia esercita una pressione offensiva attraverso l'agenzia di marketing del latte chiamata Dairy Marketing Board (DMB) .

L'agenzia riceve finanziamenti da un fondo pubblico, così come l'organizzazione centrale di marketing delle industrie agricole tedesche Centrale Marketing-Gesellschaft der Deutschen Agrarwirtschaft (CMA). Il DMB ha molte risorse finanziarie e può essere autorizzato a finanziare enormi campagne pubblicitarie per la promozione di prodotti lattiero-caseari (p. 149).

Inoltre, l'industria conduce anche studi a breve termine che dimostrano che esistono diversi livelli di intolleranza al lattosio. Gli stessi studi, tuttavia, mettono a tacere gli studi a lungo termine che cercano di dimostrare esattamente il contrario. Lo scrittore ritiene inaccettabile che la disinformazione continui a prevalere e che sia finanziata con denaro pubblico. I consumatori non sanno abbastanza o non sanno completamente quali prodotti contengono latte in polvere.

Dopo aver analizzato il rapporto "White Lies" (White Lies) Pubblicato nel 2006 dal Dr. Justin Butler e dallo " Studio della Cina" del Professor T. Colin Campbell, l'autore scrive:

Le pubblicazioni mediche degli ultimi trenta anni sono piene di prove che spesso i sintomi della sindrome dell'intestino irritabile, enterite, allergie, asma e obesità, infezioni dell'orecchio nei bambini, oltre a malattie come l'arteriosclerosi, Diabete, sclerosi multipla, morbo di Crohn e diversi tipi di tumore sono correlati al nostro consumo esorbitante di latte e latticini (p. 152).

Con un tono un po 'cinico conclude:   Le persone affette subiscono un vero calvario per anni a causa di sintomi allergici, attacchi di asma, calcoli renali, malattie del colon, pelle, cuore, nonché malattie circolatorie o reumatiche che li costringono a visitare innumerevoli medici e ospedali In realtà, le persone che soffrono di queste condizioni raramente trovano un vero aiuto; Se sono fortunati, è possibile che alcuni medici o naturopati citino come consiglio di astenersi dal bere latte. Se si verifica un miglioramento, la medicina e l'industria farmaceutica avranno perso un paziente cronico .

Lo studio olandese di "European Journal of Gastroenterology and Hepatology" per oltre 11 anni, 2001, 13 agosto (8), pag. 941-944 (link in inglese) ha dimostrato che i pazienti che soffrono di sindrome dell'intestino irritabile (IBS) e hanno intolleranza al lattosio ridurrebbero le visite del medico di un quarto se seguissero una dieta priva di lattosio.

Tentano di attribuire qualsiasi tipo di causa all'intolleranza al lattosio negli adulti dal lato nord-sud, come la mancanza di produzione di vitamina D da parte della luce solare. Rollinger spiega in quali condizioni e come viene prodotta la vitamina D, che in realtà è un ormone umano responsabile del trasporto del calcio.

CLICK FOR: Intolleranza al lattosio e vitamina D

Un eccesso di vitamina D può essere mortale, tuttavia in piccole quantità è essenziale per la vita. Spiega il meccanismo di controllo della pigmentazione della pelle ( melanociti ) e il secondo percorso: il complesso lattasi-lattosio. Aggiunge che, sebbene alcuni studi dimostrino che il consumo di latte danneggia l'apporto di calcio all'organismo, è vero che "L'indagine sull'assorbimento del calcio sembra essere un problema delicato o addirittura indesiderato". Vedi anche alimenti tabù: latticini .

2.7. Latte, calcio e contraddizioni, p. 157

Il calcio svolge importanti compiti psicologici . Il 99% si trova nelle ossa e nei denti, tuttavia svolge funzioni molto importanti in altre parti del corpo. Il nostro corpo mantiene livelli specifici di pH che regolano i livelli di calcio. In questo contesto, l'autore elenca l'importante funzione del calcio insieme al magnesio per il corretto funzionamento del cuore, la regolazione degli stimoli elettrici tra le cellule nervose e la loro importanza per la coagulazione del sangue ( emostasi ).

L'autore spiega come i funzionari e le autorità sanitarie ripetono ripetutamente Latte in abbondanza = molto calcio per il corpo nonostante il fatto che ci siano statistiche disponibili in tutto il mondo che dimostrano il contrario. Questa affermazione è vera solo latte, con quantità di calcio tra 120 e 160 mg / dl contiene un sacco di calcio, così come vari tipi di verdure come erba cipollina 130 mg / 100 g, il finocchio , fagioli bianchi, la Cavolo o spinaci . Ma si trova in quantità maggiori nei semi di sesamo , che contengono 780 mg / 100 g, amaranto con 490 mg / 100 g, semi di lino con 260 mg / 100 go mandorle , con 250 mg / 100 g.

CLICK FOR: Perché il consumo di prodotti lattiero-caseari ha l'effetto opposto sul nostro corpo?

Il nostro corpo assimila tra il 30% e il 40% del calcio che mangiamo. A seconda del tipo di cibo che abbiamo preso, il contenuto di calcio andrà perso attraverso le urine. La causa principale della perdita di calcio è un'assunzione eccessiva di proteine sotto forma di latticini, carne e uova. A causa del loro alto contenuto di aminoacidi che a loro volta contengono zolfo ( metabolismo degli aminoacidi ) e sodio , questi causano grandi perdite di calcio.

Inoltre, la metionina presente nel formaggio, nella ricotta, nello yogurt e in altri prodotti caseari provoca anche la perdita di calcio. Lo scrittore ci mostra in un diagramma la relazione tra eccesso di proteine e perdita di calcio (p. 160). Il calcio agisce come un neutralizzatore di acidi. Quando il corpo non ha abbastanza calcio, le ossa funzionano come donatori!

Oggi quasi nessun formaggio, sia esso spalmato, affettato o stagionato, contiene calcio libero, ma è attaccato alle proteine. Pertanto, l'industria lattiero-casearia cerca di rendere il latte più digestivo per omogeneizzazione.

Il latte ha un bassissimo contenuto di magnesio , un elemento fondamentale per il trasporto e il riassorbimento del calcio da parte dell'organismo. Inoltre, è importante che i componenti siano bilanciati per le funzioni di muscoli, cuore e tessuto nervoso. Il magnesio si trova principalmente nelle verdure e ci fornisce anche la proporzione corretta di calcio e magnesio di cui il nostro corpo ha bisogno!

Nel prossimo punto apprendiamo: come antagonisti del calcio o assassini di questo sono alcuni sali come fosfati, ossalati, fitina, fibre, alcool e caffè . I fosfati che contengono altri alimenti di origine animale e alcuni cereali portano ad uno squilibrio nei livelli di calcio e fosfati (KPB) e quindi all'eliminazione di più calcio attraverso l'urina.

L'autore considera l'articolo intitolato " Was Sie über Osteoporose wissen sollten!" (Cosa dovresti sapere sull'osteoporosi!) Pubblicato da Orion Pharma GmbH è particolarmente offensivo: è particolarmente fastidioso che le pubblicazioni mediche e farmaceutiche affermino che lo scioglimento dei formaggi è ricco di calcio nonostante sia uno degli alimenti più ricchi nei fosfati esistenti (p. 162).

Spinaci, bietole, rabarbaro, barbabietole e tè verde e nero contengono acido ossalico . L'acido fitico si trova nella crusca di quasi tutti i cereali e si fonde completamente con il calcio esistente, diventando una miscela insolubile. Pertanto, la dieta a base di cereali integrali non è salutare se non equilibrata.

La carenza di lattasi inibisce l'assorbimento del calcio nelle persone intolleranti quando consumano prodotti lattiero-caseari, quindi ci sono più casi di osteoporosi in questo gruppo di pazienti.

Infine, MARIA ROLLINGER chiarisce perché il calcio è un dimagrimento problematico e mostra che sarebbe possibile migliorare la salute delle persone in tutto il mondo senza il calcio nel latte. Si riferisce alla denuncia che il   Comitato dei Medici per la Medicina Responsabile ( Comitato dei Medici per la Medicina Responsabile ) (PCRM).

Un recente studio della Harvard Medical School ha concluso che né il latte né un'elevata assunzione di calcio possono ridurre il rischio di fratture ossee nelle donne dopo la menopausa. Dopo l'assunzione di vitamina D è stata osservata solo una riduzione del rischio (p. 164).

È interessante e rivelante che l' OMS raccomanda un'assunzione di calcio compresa tra 400 e 500 mg / die nei paesi che non consumano latte e tra 900 e 1500 mg / die nei paesi che lo consumano regolarmente. La maggior parte degli abitanti della terra segue una dieta che non è ancora basata sul modello alimentare occidentale, cioè senza latticini o sostituti del calcio. Vivono anche praticamente senza osteoporosi e con un tasso inferiore di malattie della civiltà. Ma ... fino a quando?

2.8. Ingredienti del latte e loro problemi, p. 167

Oggi il latte contiene il 13% di sostanza secca e l'87% di acqua. La percentuale di sostanza secca è composta da 4,8% di zucchero (lattosio), 4% di grassi (lipidi), 3,5% di proteine e 0,7% di minerali, enzimi, ormoni, sostanze estranee e vitamine che si dissolvono parzialmente in acqua. L'effetto che hanno gli enzimi e gli ormoni non è stato studiato abbastanza.

CLICK FOR: lattosio

L'autore chiarisce che il lattosio, cioè i carboidrati del latte, che è anche chiamato zucchero del latte, è un disaccaride. Per le persone con intolleranza al lattosio, questa è una sostanza che causa molti problemi . Oggi, i prodotti lattiero-caseari contengono quantità più elevate di lattosio rispetto al passato. Il lattosio viene miscelato con altri prodotti.

Il latte e il siero di latte in polvere sono in realtà sottoprodotti che vengono scartati durante la lavorazione del latte. Contengono fino al 70% di lattosio. Poiché l'eliminazione degli sprechi nella produzione alimentare comporta costi molto elevati, si cerca di trarne vantaggio. Si nascondono facilmente in ricotta o quark, yogurt, formaggio o gelato. Il lattosio si dissolve molto bene in acqua e aumenta la sostanza secca del latte. Sfortunatamente, anche i latticini biologici sono arricchiti con latte in polvere, ad eccezione dei formaggi stagionati.

Non è abbastanza evidente perché il lattosio difficilmente si addolcisce. È anche un ingrediente in pillole e farmaci e viene aggiunto nel processo di produzione di salsicce. Anche il pane, i panini e i prodotti da forno sono influenzati dal lattosio. Questo si trova in alimenti vari come verdure surgelate e alimenti trasformati come salse, pesce in scatola e cibi precotti.

Il lattosio assorbe anche gli aromi , che possono essere utilizzati in miscele di spezie e polvere di caffè. McDonalds ha dovuto ammettere nel 2006 che le loro patatine contenevano aromi naturali derivati da grano e latticini (p. 168).

Lo zucchero del latte si nasconde dietro gli ingredienti con i seguenti termini: latticini essiccati, siero di latte in polvere, latte in polvere, proteine del latte, anche se questo tipo di chiarimento non è necessario quando si tratta di prodotti lattiero-caseari.

CLICK FOR: galattosio

Il latte contiene molto galattosio, cioè uno zucchero semplice che a malapena dolcifica e si trova solo in quantità significative nei legumi. Paragoniamo: il latte per consumo e il formaggio quark (ricotta) contengono circa 2.750 mg di galattosio per 100 grammi e altri alimenti come i latticini contengono un massimo del 10% di questa proporzione. I fagioli secchi contengono circa 153 mg e le lenticchie contengono circa 116 mg.

Da qui, la proporzione scende drasticamente a zero. I pomodori, che contengono 23 mg, sono considerati vegetali con molto galattosio e contengono meno dell'1% della quantità nel latte.

Il galattosio è uno zucchero importante per il corpo; Pertanto, viene prodotto nella quantità corretta. Questa è la prova che, nella nostra naturale evoluzione, gli umani assumono galattosio solo in quantità molto ridotte, come quando siamo bambini. Lo sviluppo del cervello potrebbe essere stato uno dei motivi per cui il latte materno umano è, tra tutti i mammiferi, che contiene la più alta percentuale di galattosio con 3.700 mg per 100 g.

I neonati dividono il lattosio nel latte e i prodotti lattiero-caseari nei due zuccheri semplici glucosio e galattosio , grazie all'enzima lattasi. Il corpo utilizza il glucosio come combustibile diretto. Il galattosio deve essere convertito in glucosio nel fegato attraverso vari enzimi. Se uno di questi enzimi viene prodotto in quantità troppo piccole, è possibile che una quantità eccessiva di galattosio libero circoli nel sangue e diventi veleno.

Il galattosio svolge un ruolo importante nel metabolismo cellulare e cerebrale, ma troppo può essere dannoso. L'autore definisce il galattosio come una delle cause della cataratta (opacità del cristallino) e infertilità . La cataratta si verifica a causa dell'accumulo di galaktitol ( dulcitol o zucchero alcolico di galattosio) nella lente dell'occhio.

Attraverso la valutazione del neonato, oggi possiamo riconoscere 1 su 40.000 casi di galattosemia congenita che di solito porta a morte prematura. La terapia consiste nel seguire una dieta senza lattosio e povera di galattosio. Il "latte senza lattosio" contiene galattosio ed è dannoso perché il lattosio è già diviso e appare come galattosio.

Il galattosio attacca le cellule germinali nelle ovaie. Pertanto, aumenta il rischio di carcinoma ovarico se si consuma molto lattosio.

Sembra che l'alto consumo di latte influisca sulla fertilità delle donne. Ricercatori americani e finlandesi hanno condotto un ampio studio in cui hanno valutato i dati sulla fertilità in 36 paesi, il consumo di latte pro capite e l'intolleranza al lattosio della popolazione femminile. Il risultato ha mostrato una stretta relazione tra consumo di latte e sterilità nelle donne (p. 172). Ci sono altri studi che lo dimostrano.

Una ricerca tedesca sul cancro ai testicoli nel 2006 ha mostrato che le gonadi o i testicoli maschili soffrono di galattosio.

L'eccesso di galattosio porta a disturbi del sistema nervoso, problemi motori fini e ritardo mentale. Soprattutto durante la vecchiaia, l'enzima galattochinasi riduce radicalmente la sua funzione. Nelle nostre origini, gli enzimi lattasi e galattochinasi erano fisiologicamente necessari solo per l'alimentazione dei neonati. Maria Rollinger calcola che dovremmo mangiare 82 chili di carote o 36 chili di pomodori per mangiare tanto galattosio quanto un grande yogurt contenente 250 grammi!

Il galattosio è quasi sempre legato a lattosio, raffinosio , stachyose , verbascosa, nonché ad addensanti e agenti gelificanti come agar , farina di carrube, gengive, sostanze pectiche, carragenine e alghe (p. 169) . Ogni frappè al cioccolato al latte, gelato, ecc. Contiene una percentuale relativamente alta di galattosio. Per motivi legati alla tecnologia di processo, l'industria del gelato aggiunge ancora galattosio (vedi anche intolleranza intestinale al fruttosio ).

CLICK FOR: colesterolo

Il burro contiene 240 mg / 100 g di colesterolo , formaggio gouda 115 mg / 100 g, cioè più della maggior parte delle carni, che contengono circa 70 mg / 100 g. Abbiamo sentito parlare così tanto del colesterolo, che sappiamo già di cosa si tratta, quindi non approfondiremo l'argomento.

CLICK FOR: Proteine del latte

Le proteine del latte sono composte per circa l'80% da caseina e per il 20% da proteine del siero di latte. Queste proteine del latte, oltre alle proteine dell'uovo ( allergia all'uovo) sono le cause più comuni delle vere allergie alimentari , in particolare durante l'infanzia.

L'autore mostra una tabella con le singole proteine del latte, tra cui otto caseine, tre proteine del siero di latte, quattro immunoglobuline (IG), enzimi e proteine minori che appaiono solo in forma di traccia ma hanno molto effetto.

Sottolinea che la caseina α1 è un forte allergene del latte, la beta caseina può essere il fattore che causa il diabete e la variante della caseina beta a1 la causa del diabete di tipo I. Per quanto riguarda la beta-lattoglobulina , cioè le proteine del siero di latte di vacca, afferma che il latte umano non lo contiene e che è il più forte allergene del latte esistente. Un fattore di rischio nello sviluppo del diabete di tipo 1 è anche l' albumina plasmatica del sangue (p. 176).

CLICK FOR: Casomorfine, esorfine, latte A1 e latte A2

Le esomorfine assomigliano ai componenti delle proteine oppioidi e funzionano allo stesso modo: ci rendono più felici, causano dipendenza, generano calma e alleviano il dolore . La digestione non li scompone nei loro composti aminoacidici, ma passa direttamente nel flusso sanguigno e nel cervello. Queste esorfine, in quanto agenti che generano felicità, si trovano principalmente nei cereali (glutine) e nel latte.

Le esorfine del latte sono prodotte durante la digestione delle caseine nell'intestino e sono quindi chiamate casomorfine o caseine bioattive. Nei mammiferi, queste caseine regolano il metabolismo completo, fissano il metabolismo totale, il piacere e le funzioni intestinali ( peristalsi ).

Sono correlati al disturbo da deficit di attenzione (ADD) nei bambini, depressione negli adulti e autismo. Casi di stitichezza intestinale possono verificarsi a causa dell'effetto calmante delle casomorfine.

Quasi 1000 anni fa, Hildegarda de Bingen bandì il formaggio di capra da persone con epilessia , poiché a quel tempo non c'era quasi nessun formaggio di mucca. La composizione delle proteine del latte di capra è la stessa di quella del latte vaccino.

L'autore spiega la controversia tra scienziati riguardo al cosiddetto latte A1 e latte A2. Motivo: la beta caseina a1 contenente il latte di vacche europee, americane, australiane e neozelandesi può essere trasformata nell'oppioide più forte esistente, la beta casomorfina 7. La beta caseina a2 delle razze vaccinali indiane e africane non lo fa Si trasforma.

Pertanto, il latte A1 contiene più morfina e causa più malattie della civiltà rispetto al latte A2 come autismo, schizofrenia, diabete di tipo 1 e malattie cardiache.

CLICK FOR: vitamine

A seconda del cibo e delle cure che gli animali ricevono, il latte contiene vitamine A, B 1 , B 2 , B 12 , E e K. La vitamina D viene prodotta solo con il tipico cibo estivo e la C solo in piccole importi. A causa del riscaldamento del latte, il contenuto di vitamina B è molto piccolo e quello di vitamina C è praticamente inesistente.

Tuttavia, l'autore ha torto quando fa la seguente dichiarazione sulla vitamina B 12 e sui vegani se sono in buona salute: gli unici che potrebbero avere un problema con questa vitamina sarebbero, a lungo termine, vegani severi . Anche i lattovegetari ( vegetarismo ) possono avere questo problema, così come le persone anziane che non ricevono abbastanza vitamina B 12 . Quest'ultimo, non perché non assumano quantità sufficienti di questa vitamina, ma perché il loro corpo non può assimilarla.

La propaganda sul latte è sbagliata quando promuove i latticini come fonte di vitamina B 12 . Il rapporto è solo il 10% della vitamina B12 contenenti carne e ancora molto più bassa rispetto alla quantità che contiene alcuni tipi di pesci come lo sgombro e l'aringa . Ma la vitamina B 12 è un problema separato.

CLICK FOR: Minerali e acidi

Latte, frutta, verdura e patate sono ricchi di potassio. Il latte contiene, ad esempio, 1.500 mg / kg di potassio, rispetto a 1.200 mg / kg di calcio e nessuno parla di potassio. Un eccesso di potassio può causare aritmie cardiache .

Nonostante il suo alto contenuto di calcio, il latte non è buono come fonte di calcio osseo per diversi motivi. Circa due terzi del calcio sono attaccati alle micelle della caseina e non sono disponibili per noi. Il corpo può assorbire solo una parte del calcio rimanente, poiché il magnesio ha bisogno di assorbimento. Il latte contiene una percentuale di magnesio di solo circa 100 mg / kg.

Il magnesio si decompone, insieme alla vitamina B 6 (piridossina), fosfato di calcio. Il fosforo, con un rapporto di 900 mg / kg, tuttavia, bilancia l'equilibrio tra calcio e fosfato. Se il corpo riceve alimenti ricchi di fosfati come la soda, il formaggio stagionato o diffuso, così come il formaggio da cucina tipo Cancoillotte, l'equilibrio tra calcio e fosfato è sbilanciato e il corpo non può assorbire il calcio.

Anche la pubblicità in relazione allo zinco (3,6-4 mg / kg) è fuorviante, poiché dovremmo bere 5 litri di latte al giorno per ottenere l'assunzione giornaliera raccomandata. Anche il calcio e lo zinco agiscono antagonisticamente e inibiscono l'assorbimento dello zinco. Né è vero che il latte fornisce ferro, poiché contiene solo piccole quantità di questo elemento.

Dalla fine degli anni '90 lo iodio è stato aggiunto ai mangimi - il che ha conseguenze disastrose per gli animali - e l'industria alimentare usa esclusivamente sale iodato, quindi gli esperti avvertono dei rischi di eccesso di iodio. Dopotutto, dal 2005 l' UE ha ridotto i livelli massimi di iodio negli alimenti per vacche da latte da 10 mg / kg a 5 mg / kg.

Tuttavia, questa limitazione è ancora dieci volte maggiore della quantità giornaliera di cui gli animali hanno bisogno e provoca loro stress costante. Gli animali vengono sacrificati in tenera età; Pertanto, le malattie che soffrono non si manifestano e non raggiungono la conoscenza dell'opinione pubblica.

Il fatto che il latte contenga 2.450 mg / kg di acido citrico (E330) è praticamente sconosciuto; Il doppio del suo contenuto di calcio. Ciò può innescare reazioni di intolleranza a questo acido nei neonati, il che ci fa domandare perché, se a quell'età i bambini non bevono limonata o pasti preparati con l'additivo E330. Troppo acido citrico aumenta il trasporto di alluminio nel cervello.

L' acido benzoico utilizzato nell'industria alimentare con i numeri di riferimento da E210 a E213 come conservanti è antibatterico e antimicotico. Questi acidi sono considerati allergeni . L'alimentazione animale non include questi ingredienti, poiché anche una quantità minima potrebbe essere mortale per un cane o un gatto. Troppo acido benzoico è anche dannoso per le persone. Il latte lo contiene in modo naturale e si concentra soprattutto sulla produzione di cagliata e cagliata (formaggio quark).

Se il prodotto include frutta con molto acido benzoico come mirtilli, ribes, prugne o noci, il contenuto di acido benzoico sarà molto elevato. 500 grammi di yogurt alla frutta possono contenere fino a 150 mg di acido benzoico. Rappresenta sei volte la quantità massima raccomandata nell'anno 1970 ed è inclusa quasi esclusivamente nel latte.

È interessante notare che quando i vitelli si nutrono direttamente della mammella della mucca, il latte che bevono non contiene acido benzoico. Questo componente viene creato dopo l'ossidazione dell'acido hipurico a contatto con l'aria e l'azione dei batteri lattici.

La metionina è un amminoacido essenziale che contiene zolfo e si trova principalmente nei latticini e in altri alimenti di origine animale. La metionina provoca spiacevoli cambiamenti nel gusto del latte quando è esposto alla luce ( aroma di latte). Questo sapore derivato dall'ossidazione può essere evitato con contenitori opachi. Il nostro corpo costruisce l' omocisteina (HC) in grandi quantità dalla metionina, che favorisce l' arteriosclerosi .

Il consumo di prodotti lattiero-caseari si è moltiplicato negli ultimi quarant'anni ed è per questo che stiamo cercando di trovare una spiegazione per i disturbi dell'omocisteina derivati dal cibo. È anche noto che i malati di Alzheimer hanno livelli molto elevati di omocisteina. Una tabella dettagliata mostra che la frutta e la verdura hanno di gran lunga i livelli più bassi di metionina. Il frutto ha l'1% di metionina rispetto al formaggio gruyer. Quindi vengono confrontati due diversi tipi di comportamenti alimentari.

Gli acidi linoleici coniugati (LAC) si trovano principalmente nella carne e nei latticini dei ruminanti . È stato dimostrato, solo in studi con topi, ratti e cellule di coltura, che avevano un effetto antitumorale. L'industria lattiero-casearia ha immediatamente considerato questi risultati come un aspetto positivo del latte.

Inoltre, vi è una maggiore concentrazione di LAC in noci , semi di girasole, cardi e soia . Anche altri alimenti lo contengono, sebbene in concentrazioni molto più basse; qualcosa che neanche l'industria lattiero-casearia vuole dirci.

Il latte che proviene da mucche stagnanti - che di solito è normale - contiene solo un terzo dei valori nutrizionali del latte delle mucche. L'effetto di riduzione del grasso corporeo è molto diverso a seconda della specie. Non ci sono studi significativi sull'uomo , gli studi non sono stati dimostrati. È stato studiato l'effetto di FTA isolati e non in combinazione con il latte, che può avere effetti inibitori.

CLICK FOR: ormoni

Il latte contiene molti ormoni e composti chimici simili agli ormoni. L'effetto di queste sostanze bioattive non è stato generalmente studiato nell'uomo ( biofisica ). Il latte comprende soprattutto molti ormoni della crescita come la somatropina e gli ormoni sessuali . Gli ormoni sessuali influenzano l' ipotalamo , il tratto gastrointestinale, cioè l'area dello stomaco e dell'intestino, la ghiandola tiroidea e le ghiandole paratiroidi.

L'autore menziona anche la situazione negli Stati Uniti. UU. a causa dell'autorizzazione di ormoni della crescita geneticamente modificati. (Vedi Il mondo secondo la Monsanto ).

La commercializzazione della somatotropina bovina ricombinante, Monsanto rBST è autorizzata negli Stati Uniti. UU. dal 1994 e il nome del prodotto commerciale è Posilac. Interessante: fino al 2006 l'RBST era prodotto esclusivamente in Austria (p. 199) e tutta la produzione veniva esportata negli Stati Uniti. UU. Un'ispezione della FDA nel 2003 ha rivelato che c'erano problemi di qualità e dal 2006 è iniziata una produzione parallela negli Stati Uniti (p. 209).

È necessario sapere che sia il BST che l'rBST del latte e dei prodotti lattiero-caseari aumentano i livelli della proteina IGF-1 nel sangue. L'IGF-1 ( fattori di crescita dell'insulina ) che secernono le mucche a causa del trattamento con l'ormone BST e l'rBST sono identici a quelli del corpo umano. In altri mammiferi, gli IGF-1 sono quasi sempre diversi. L'IGF-1 che assumiamo attraverso il latte e i prodotti lattiero-caseari sono sostanze chiave che innescano la crescita e la diffusione dei tumori quando circolano nel nostro sangue.

Naturalmente, gli IGF-1 sono attaccati alle nostre cellule e quindi possono svolgere le proprie funzioni. Durante la nostra fase di crescita abbiamo piccole quantità di IGF-1 nel sangue che diminuiscono con l'età. La libera circolazione di IGF-1 attraverso il nostro sangue aumenta, in particolare il rischio di tumore al seno e cancro alla prostata. Tuttavia, l'indagine non è ancora completa.

Maria Rollinger traduce una dichiarazione del rapporto dell'Unione europea sugli effetti del BST sul benessere degli animali (p. 28): a causa delle loro proprietà antiapoptotiche [che prevengono la morte cellulare programmata], IGF-1 può accelerare la crescita cellulare fino a causare tumori nelle mucche (p. 191).

Un ragionamento logico non manca alle conseguenze che ciò ha per noi, poiché le mucche vivono solo un paio d'anni e sfuggono allo sviluppo del tumore. Confronta il consumo di latte prima della seconda guerra mondiale con quello di oggi e le cifre per il cancro al seno e alla prostata da allora e oggi.

Negli Stati Uniti, il latte contiene più ormoni della crescita rispetto all'UE. Questo si traduce in una proporzione ancora maggiore di IGF-1 nel corpo. Considero sufficiente la spiegazione su questo argomento, poiché nella recensione del libro " Milk, The Deadly Poison" mi sono concentrato maggiormente sui dettagli. Si veda anche la recensione del libro "Senza latte" (latte).

La dott.ssa Bodo C. Melnik scrive: Il latte materno non è solo cibo per il bambino; regola un interruttore cellulare centrale: il complesso enzimatico mTORC1 o il bersaglio della rapamicina nelle cellule di mammifero (in inglese: mammifero bersaglio della rapamicina). Le preparazioni alimentari per bambini causano un'eccessiva attività di mTORC1 e rendono i bambini che lo assumeranno più probabilmente in futuro in sovrappeso, diabete, ipertensione, allergie o persino cancro . [dhz-online.de (Deutsche Hebammen Zeitschrift) in tedesco e Journal of Obesity in inglese, 2012]

In teoria, gli animali possono essere clonati in modo che la loro resa produttiva sia massima; Tuttavia, studi di ricerca sono stati condotti per più di 30 anni e non hanno ancora raggiunto tale efficienza. Per questo motivo, nel 2004 c'erano solo 3.000 mucche clonate. Nel 2010 questo importo era salito a 4.000 capi.

CLICK FOR: Latte di mucche clonate

In Europa la carne e il latte di animali clonati non possono raggiungere ufficialmente la nostra catena alimentare, tuttavia le autorità britanniche avvertono che ha raggiunto il nostro mercato. Motivo: negli Stati Uniti UU. questo è permesso ed è noto, secondo questo rapporto del quotidiano Hamburger Abendblatt , che almeno 100 capi di bestiame discendenti da una mucca clonata hanno raggiunto i nostri piatti.

Il latte di vacche turbocompresse clonate da trasferimento nucleare cellulare ha una composizione diversa. In particolare, l' albumina sierica bovina aumenta del 50%. L'albumina è stata collegata allo sviluppo del diabete mellito di tipo 1 da oltre 20 anni.

2.9. Latte, ormone della crescita geneticamente modificato rBST e IGF-1, p. 193

L'autore spiega come la Monsanto e le sue società di licenze chiedano costantemente permessi in tutto il mondo per l'uso dell'ormone della crescita geneticamente modificato rBST. Nel 2004, l' UE ha pubblicato una serie di decreti relativi all'introduzione sul mercato di organismi geneticamente modificati (OGM) e al trattamento ormonale degli animali da allevamento. Attualmente, i consumatori sono gli unici a decidere se consumare alimenti geneticamente modificati o meno.

CLICK FOR: Organismi geneticamente modificati

Nelle prossime 17 pagine, lo scrittore descrive l' inutile battaglia giudiziaria di Robert Cohen negli Stati Uniti. UU. evidenziare le azioni fraudolente di Monsanto per ottenere l'autorizzazione dell'rBST. È una storia eccitante che potrebbe aver impedito l'introduzione di questo ormone in Canada e in Europa.

Non c'è dubbio che la Monsanto abbia scoperto anche l'errore di trascrizione accidentale, tuttavia, la Monsanto ha affermato che la BST con 191 aminoacidi è totalmente identica all'ormone dell'ingegneria genetica rBST.

Il prodotto Prosilac ha un effetto due volte più forte. Per aumentare la produzione giornaliera di latte nelle mucche, è possibile effettuare due iniezioni settimanali di rBST o una alla fine del periodo di lattazione per prolungarlo per altri 100 giorni. Di solito, quelle mucche turbo ad alte prestazioni vengono macellate immediatamente dopo.

Spiega anche gli effetti dell'IGF-1 nel nostro corpo. Il libro ci insegna, ad esempio, che gli IGF-1 sono responsabili del controllo della pubertà delle ragazze e della stimolazione della divisione cellulare del tessuto mammario.

Al momento si può ritenere vero che IGF-1 svolga un ruolo decisivo nello sviluppo di tumori al seno e alla prostata , scrive Maria Rollinger (p. 203).

CLICK FOR: IGF-1

Il corpo della donna produce in tutta la sua vita, in media solo mezzo cucchiaio di estrogeni. L'IGF-1 agisce in un nanogramma per millilitro. Il latte contiene circa trenta nanogrammi di IGF-1 per millilitro, il formaggio contiene una concentrazione molto più elevata di IGF-1, ma Posilac è un'azienda multimilionaria.

Raccomanda anche il libro di geochimica britannica Jane Plant , che porta il titolo "La tua vita nelle tue mani" . Nel libro, Jane Plant illustra il problema in un modo impressionante e molto facile da capire. Racconta come ha respinto il tumore al seno a seguito di una dieta senza latte, latticini e carne.

Soprattutto, aggiunge che l'IGF-1 ingerito raggiunge per via orale i recettori della mucosa intestinale, cioè passa attraverso lo stomaco senza subire danni. Successivamente, l'IGF-1 raggiunge il plasma (plasma sanguigno ), che richiede uno speciale meccanismo di trasporto attraverso la mucosa ( tunica mucosa ).

Inoltre, le caseine aumentano sostanzialmente la biodisponibilità degli IGF-1, cosa necessaria per tutti i mammiferi della stessa specie, in modo che le sostanze agiscano correttamente.

La coagulazione delle proteine del latte nello stomaco era comune nella medicina medievale, ma oggi è una tecnica in disuso. IGF-1 colpisce il nostro sistema immunitario in molti modi. Gli IGF-1 si trovano solo nella carne e nel latte; e non sono presenti negli alimenti vegetali. La cottura e la torrefazione ad alte temperature provocano la neutralizzazione della maggior parte degli IGF-1; allo stesso modo, anche il tratto gastrointestinale è influenzato dall'IGF-1.

La relazione dell'Unione europea sugli effetti del BST sul benessere umano menziona gli studi sulla coltura cellulare nella sezione 2.4.1.2. Questi studi chiariscono che IGF-1 contribuisce alla divisione delle cellule in varie linee cellulari di tumori del colon ( tumore del colon), cioè aiutano a diffondere il cancro.

Attualmente sono noti circa 60 ormoni, ovvero sostanze che fungono da messaggeri che trasportano informazioni all'interno del corpo. Un miliardesimo di grammo può avere effetti biologici molto importanti.

2.10. Pastorizzazione, paratubercolosi, pastorizzazione a freddo, refrigerazione e sue conseguenze, p. 211

Fino al 2006 nell'UE era obbligatorio eseguire un trattamento termico o una pastorizzazione del latte allo scopo di eliminare i germi. Oggi il processo è lo stesso, perché in realtà, sebbene ci siano vantaggi dal punto di vista tecnologico, il processo non distrugge tutti i patogeni, come gli amilobatteri (batteri della fermentazione butirrica).

Secondo l'autore, gli esperti del latte scrivono: il trattamento termico del latte influenza inevitabilmente le proteine, i grassi, i carboidrati, le vitamine e gli enzimi che contiene .

Esistono prove del fatto che il latte pastorizzato provoca più allergie rispetto al latte crudo o al latte UHT poiché la pastorizzazione provoca determinate proteine che reagiscono in modo più aggressivo. Al di sopra di 80 ° C si formano connessioni complesse di lattosio e caseina che portano alla produzione di melanoidina , un processo chimico noto come reazione di Maillard . Alimenti come pollo arrosto, piatti a microonde o patatine fritte hanno una bella crosta marrone a causa dell'iniezione di un substrato di lattosio e caseina. L'industria ne approfitta.

CLICK FOR: Pastorizzazione, paratubercolosi e morbo di Crohn

Tra i diversi processi vi sono la pastorizzazione lenta o l'IVA, che consiste nel riscaldare il latte a 62-65 ° C tra 30 e 32 minuti, la pastorizzazione lampo o HTST, che consiste nel riscaldare il latte a 72-75 ° C per 15 -30 secondi e alta pastorizzazione, in cui il latte viene riscaldato a 85 ° C per almeno 4 secondi. La temperatura massima è di 127 ° C e il latte fresco non trattato è soggetto alle condizioni più severe.

Dopo il processo, le proteine del siero di latte rimangono solo nello stato denaturato. Inoltre, dopo 65 ° C, il processo destabilizza la struttura micellare della caseina. A partire da 75 ° C, gli amminoacidi contenenti zolfo, metionina e cisteina si ossidano e diventano disolfuri che emanano sapore di cibo cotto.

Lo scrittore affronta anche il problema dei grassi e degli enzimi e come il riscaldamento del latte a 74 ° C neutralizzi quasi completamente la funzione della lipasi e 85 ° C lo annulla completamente. Solo in questo modo il latte può essere omogeneizzato. Al fine di migliorare significativamente il gusto del burro, la legge obbliga anche la crema a riscaldarsi a 85 ° C. Anche la xantina ossidasi , un enzima presente nella membrana delle cellule grasse, viene disattivata a temperature uguali o superiori a 85 ° C.

Attraverso il processo di ultrapasteurization (UHT) e sterilizzazione, si perdono più vitamine rispetto alla pastorizzazione e per questo motivo l'industria aggiunge vitamine artificiali. Secondo Wikipedia per il processo UHT ( ultrapasteurization , uperization) è necessario esporre il latte a una temperatura compresa tra 130 ° C e 150 ° C per 2-4 secondi.

L'agente patogeno della paratubercolosi , un microbatterio chiamato Mycobacterium avium sottospecie paratubercolosi (MAP) è la causa della malattia di Johne ( paratubercolosi bovina ). La temperatura ideale per il suo sviluppo è di 37 ° C ( microbatteri ) e può resistere fino a 140 gradi. Poiché la malattia mortale per le mucche diventa visibile solo dopo il secondo o il terzo periodo di allattamento, l'agente patogeno è difficile da rilevare.

L'autore cita un testo dalla home page del sito web dell'Università di Monaco nel 2001:

La paratubercolosi appare se richiesta. Se non ci sono prove dell'esistenza della paratubercolosi, ciò è dovuto al fatto che, generalmente, mancano le indagini corrispondenti (p. 217).

La percentuale di infezioni è diversa in ciascun paese. Ad esempio, nei Paesi Bassi e in Danimarca, il tasso è compreso tra il 30% e il 55%, mentre in Germania è compreso tra il 10% e il 30%. La maggior parte dei vitelli è stata diffusa attraverso le loro madri prima della nascita. I microbatteri MAP possono essere trovati nelle feci e nel latte degli animali, anche nelle prime fasi della loro vita.

Poiché si sviluppa molto lentamente, sono necessari tre mesi per rilevarlo. Il microbatterio della paratubercolosi si trova in quelle persone che soffrono della malattia di Crohn, tuttavia non sono presenti nelle persone sane che sono controllate . Questa affermazione, tuttavia, non è stata riconosciuta come prova conclusiva.

Nelle persone, le infiammazioni intestinali e la colite associate alla malattia di Crohn non portano alla morte.

Redaction comment

Wikipedia: "Vi sono alcune indicazioni del fatto che la paratubercolosi di sottospecie di Mycobacterium avium (MAP), insieme a specifiche varianti del gene NOD2 CARD15, possa causare malattie infiammatorie croniche intestinali nelle persone, come la paratubercolosi negli animali. Bovini affetti da paratubercolosi e I pazienti con malattia di Crohn hanno una identica particolarità nel gene NOD2 CARD15 che, in entrambi i casi, influenza negativamente la produzione di defensine (antibiotici naturali). Il microbatterio MAP provoca infiammazioni intestinali nei bovini e in altri animali e cause reazioni infiammatorie nelle sezioni sterili dell'intestino e danni ai tessuti. Mycobacterium avium paratuberculosis induce anticorpi specifici nelle persone. Questi anticorpi si trovano nel sangue fino a due terzi di tutti i pazienti che soffrono della malattia di Crohn. "

"La ricerca è attualmente in corso per vedere se è possibile trattare con successo i pazienti con una combinazione di antibiotici. Una terapia con diversi tipi di antibiotici è stata la prima procedura che ha avuto successo negli Stati Uniti e in Australia. ha dimostrato che MAP è presente in diversi prodotti lattiero-caseari. Una percentuale sopravvive alle condizioni di pastorizzazione , un processo a cui sono sottoposti la maggior parte dei prodotti lattiero-caseari e del latte. "

La sezione "Malattia di Crohn" di Wikipedia (in tedesco): "È una malattia cronica con alti tassi di recidiva, cioè la malattia riappare. Nella maggior parte dei casi le complicanze richiedono una terapia un intervento chirurgico che non cura definitivamente la malattia ".

"Nei paesi industrializzati occidentali, il tasso annuale di nuovi casi di malattia di Crohn è di 7 o 8 per 100.000 abitanti e la prevalenza (il numero di pazienti) è di 150 per 100.000. Il numero di casi è aumentato di gli ultimi venti anni ".

CLICK FOR: La scadenza del latte crudo

La scadenza del latte crudo può essere prolungata dalla cosiddetta pastorizzazione a freddo. L'autore evidenzia procedure come il trattamento ad alta pressione idrostatica, la tecnologia del campo elettrico pulsato, gli ultrasuoni, la luce pulsante ad alta frequenza, i raggi ultravioletti e le radiazioni. Queste procedure influiscono notevolmente anche sugli ingredienti caseari.

Un altro metodo è quello di aggiungere al latte composti chimici antibatterici che sono già in esso. Sostanze chimiche come il perossido di idrogeno e il tiocianato consentono di prolungare la scadenza del latte crudo fino a sei giorni.

Sfortunatamente, il raffreddamento del latte ha anche effetti negativi su alcuni ingredienti che contiene, come micelle di caseina ( micelle ) e cellule del sangue grasso. Rilasciano singoli elementi nel plasma del latte. Il processo di raccolta del latte industriale, che inizia con il raffreddamento e attraversa diverse fasi, tra cui il riscaldamento e il raffreddamento rapido, modifica l'essenza del latte.

2.11. Omogeneizzazione, fattore XO, allergie e problemi gastrointestinali, ad es. 221

Per omogeneizzazione, la dimensione delle cellule adipose del latte viene ridotta a una dimensione uniforme o omogenea. Il latte passa ad alta pressione attraverso i fori degli omogeneizzatori, in modo che il grasso del latte non salga più in superficie e quindi non si formi crema. Il diametro dei globuli di grasso va dalla misurazione tra 0,5 e 10 micron a solo tra 0,2 e 1,5 micron.

CLICK FOR: Omogeneizzazione e modifiche subite dal latte omogeneizzato

Quasi tutti i prodotti lattiero-caseari sono realizzati con latte omogeneizzato, sebbene questo processo sia obbligatorio solo per il latte alimentare. L'omogeneizzazione ha vantaggi puramente cosmetici e il suo obiettivo è garantire una conservazione a lungo termine e un'elaborazione intensiva.

Senza giustificazione, l'industria afferma che migliora la digestione. L'allergia al lattosio dovuta all'omogeneizzazione è riconosciuta, tuttavia, tutti gli altri sono negati. È un dato di fatto che il latte crudo è difficile da digerire poiché le caseine formano catene nello stomaco, che diventano un coagulo compatto e solido. Questo è il motivo per cui il latte non è stato a lungo considerato un alimento ingrassante.

Quando beviamo latte crudo, gran parte delle grandi cellule grasse insieme alle sostanze nocive che includono passano non digerite nell'intestino tenue. Ciò si verifica perché le lipasi dal tratto digestivo umano non possono dividerle. I batteri dell'intestino crasso suddividono queste sostanze in acidi grassi liberi e acidi grassi idrossilati. È un processo lassativo e può causare diarrea, quindi molte persone hanno preferito evitare il latte prima. Oggi, grazie all'omogeneizzazione, il latte ha fatto un posto nella nostra dieta.

Nel libro, l'autore descrive tre modifiche a cui è sottoposto il latte omogeneizzato. Un argomento è che sostanze come gli enzimi sono in uno stato incapsulato e quindi riescono a raggiungere lo stomaco, tuttavia, altre sostanze finiscono nel plasma del latte, il che aumenta la loro attività biologica. Successivamente, spiega attraverso una tabella, le principali funzioni degli organi dell'apparato digerente: la bocca, lo stomaco, l'intestino tenue e l'intestino crasso.

Secondo una vecchia teoria, lo stomaco uccide tutti i batteri con valori di pH compresi tra 1 e 1,5 e denatura le proteine, in modo che perdano la loro funzione biologica; Questa è conosciuta come la barriera gastrica che ci protegge dalle sostanze nocive.

Secondo questa teoria, gli ormoni e gli enzimi alimentari non possono avere un effetto negativo sul metabolismo umano. Quindi, perché la pubblicità che l'industria lattiera produce su yogurt funzionali o probiotici che contengono batteri aggiunti che alterano la flora dell'intestino crasso?

Con l'affermazione Se la barriera dello stomaco funzionasse perfettamente non avremmo mai disallineamenti o infezioni gastrointestinali l'autore mostra chiaramente che la barriera gastrica semplifica notevolmente la situazione.

Il latte, con il suo pH di 6,7, sposta così tanto l'ambiente gastrico che le pepsine o gli enzimi dello stomaco sono gravemente danneggiati. Da un pH di 6, diventano inattivi. Le proteine particolarmente incapsulate possono raggiungere l'intestino tenue senza alcun danno, dove verranno ritrovate in un ambiente alcalino (p. 229).

L'industria sfrutta persino le proprietà adesive della caseina nella microincapsulazione in modo che le sostanze farmaceutiche siano protette dai succhi gastrici e raggiungano l'intestino tenue senza essere danneggiate.

I fattori di crescita problematici IGF-1 e IGF-2 sono, in ogni caso, peptidi resistenti agli acidi che possono resistere ai succhi gastrici anche se non sono incapsulati.

Redaction comment

Informazioni su peptidi e pepsina su Wikipedia (traduzione dal tedesco):
Alcune proteine che sono frequentemente presenti negli alimenti come glutine , caseina o proteine che contengono l' uovo o gli spinaci possono essere trasformate in quelli che vengono chiamati peptidi oppioidi attraverso processi digestivi. Questi peptidi agiscono nel nostro corpo in modo simile alla morfina . Le persone che non sono in grado di continuare a metabolizzare questi peptidi possono sviluppare sintomi di malattia fisica e mentale.

Il termine peptide fu coniato nel 1902 da Emil Fischer alla 74a riunione annuale di naturisti e dottori tedeschi a Karlsbad . La parola peptide derivato dalla parola peptone , che significa "digerito" in greco ed è il prodotto della degradazione delle proteine da parte della pepsina, e viene anche dalla fine della parola polisacár andato , perché l'analogia della struttura monomeri.

La pepsina (dal greco πεπτός, peptós, digerito) è un enzima digestivo chiamato peptidasi che si forma nelle cellule principali della parte posteriore dello stomaco dei vertebrati e quindi degli esseri umani. È responsabile della scomposizione delle proteine che mangiamo con il cibo .

La xantina ossidasi (articolo in inglese ), noto anche come XO, che è presente in grandi quantità nel latte di mucca, può passare nel tratto intestinale per incapsulamento a causa dell'omogeneizzazione. L'autore aggiunge: la xantina ossidasi si forma nel fegato, è presente in grandi quantità nella mucosa dell'intestino tenue, si trova anche nelle cellule nervose e svolge un ruolo molto importante nel metabolismo delle purine. L'eccessiva attività della xantina ossidasi può causare gotta (p. 231).

CLICK FOR: Xantina ossidasi

Spiega che la xantina ossidasi che circola liberamente nel sangue ossida i plasminogeni . L'organo più colpito da esso è il muscolo cardiaco; Inoltre, le aldeidi grasse ossidate falliscono, il che provoca danni alle arterie e al cuore perché il colesterolo si deposita in quei luoghi in cui mancano i plasminogeni. Cita il cardiologo Kurt Oster e il biochimico Donald Ross per le sue prime conclusioni nel 1973, che pubblicò anche il libro Il fattore XO nel 1983.

Sia i ricercatori che altri studi confermano: che le persone con sintomi clinici di arteriosclerosi hanno più anticorpi contro la xantina ossidina bovina nel sangue rispetto ad altri individui . L'industria lattiero-casearia e gli enti pubblici hanno contrattaccato senza continuare le indagini. Il problema è stato semplicemente nascosto senza avviare controlli scientifici sulla teoria dei fattori XO.

Sono state condotte diverse ricerche che dimostrano che topi e ratti di laboratorio soffrono di diverse malattie intestinali e allergie quando bevono latte omogeneizzato; qualcosa che non accade quando bevono latte che non ha subito il processo di omogeneizzazione. È sufficiente confrontare i dati statistici relativi al numero di casi di allergie e malattie intestinali negli ultimi 30 anni.

2.12. Latte fresco, latte senza lattosio, latte in polvere e salmonella, p. 237

In questo capitolo, l'autore descrive e critica la quantità di trattamenti termici a cui è sottoposto il latte, che viene separato, modificato e combinato a piacere . Il latte crudo o fresco viene lavorato in una specie di raffineria. Descrive i processi di refrigerazione, termizzazione, conservazione e centrifugazione, seguiti dai processi di separazione e ricombinazione che comportano carichi estremi per il latte.

Egli afferma che la produzione di latte per il consumo richiede tra 25 e 30 processi tecnici e numerosi trattamenti termici. Tuttavia, il nome "latte fresco" appare ancora sulla confezione.

Il plasma e la crema del latte possono essere elaborati molto meglio e successivamente possono essere nuovamente combinati.

CLICK FOR: Latte in polvere e salmonella

Egli afferma che la produzione di latte per il consumo richiede tra 25 e 30 processi tecnici e numerosi trattamenti termici. Tuttavia, il nome "latte fresco" appare ancora sulla confezione. L'autore ci chiede: ti piacerebbe il gusto di un cibo che è stato riscaldato e raffreddato più volte? Il latte fresco che beviamo ha tra 4 e 5 giorni quando lo acquistiamo.

Dal 2002 esiste un metodo breve per riscaldare il latte che gli consente di prolungare la sua scadenza di circa tre settimane senza che il prodotto debba essere classificato come latte UHT. Il nome specializzato assegnato è ESL ("shelf life estesa" in inglese) in quanto garantisce una shelf life più lunga. Nel latte senza lattosio lo zucchero è diviso, sebbene rimanga sempre una piccola quantità residua.

Il metodo tradizionale di essiccazione a tamburo per la produzione di latte in polvere è stato sostituito da spray o spray spray. L'aria fredda può favorire il trasporto della salmonella dall'ambiente circostante, ad esempio il tetto stesso, nel processo di produzione.

Dal libro " Leitfaden der Milchkunde und Milchhygiene" (Guida per il consumatore e igiene del latte) , scritto da Kielwein , l'autore cita quanto segue (p. 108 e p. 184): Dall'introduzione dell'essiccazione a spruzzo per la produzione del latte in polvere è più comune l'aspetto della salmonella nei prodotti finiti (p. 246).

Il rischio della malattia esiste se il latte è stato riscaldato per un certo tempo. I bambini soffrono soprattutto di infezioni intestinali e salmonella ( salmonellosi ).

2.13. Burro, margarina, panna e gelato, p. 249

In questo capitolo l'autore approfondisce l'importanza storica del latte. I Greci e i Romani lo usavano, in particolare, sotto forma di ricotta per preparare unguenti medicinali e cosmetici, e lo consideravano un alimento dannoso.

CLICK FOR: L'importanza storica del latte

Al contrario, i popoli nomadi del Nordest prendevano il burro come cibo; qualcosa che i Greci e i Romani consideravano un'usanza barbara. In Egitto e Palestina, tuttavia, il burro era un alimento molto richiesto a causa della sua assunzione di grassi.

Fino al Medioevo, in Germania il burro veniva usato più come balsamo che come grasso alimentare . Un esempio di questo è dato da Hildegarda de Bingen: alla fine del Medioevo, il burro che esisteva a causa del suo riscaldamento era burro chiarificato o grasso di burro, poiché è durato più a lungo senza rovinarsi. Altri modi per conservare il burro erano aggiungere sale, impacchettarlo senza ossigeno e senza luce o acidificare la crema naturalmente. In questo modo è stato possibile preservare il grasso del burro, anche se era un po ' stantio .

L'autore spiega come viene prodotto il burro oggi, le alte temperature a cui è necessario sottoporlo e spiega: da oggi la maggior parte delle vacche da latte rimangono nella stalla tutto l'anno e godono di una dieta controllata finalizzata a Per ottenere una resa elevata, i grassi contenuti nel burro sono prevalentemente grassi saturi (p. 253). È importante sapere che la margarina è un prodotto derivato dal latte scremato liquido o in polvere, poiché anche la "margarina vegetale pura" può contenere additivi del latte.

Il testo introduce anche i metodi utilizzati per la preparazione di panna, panna e gelato. Al fine di prolungare la durata di conservazione del gelato, viene utilizzata la gelatina ; Diverse omogeneizzazioni, riscaldamento, raffreddamento e frazionamento dei grassi assicurano che il gelato non si rovini anche se non è refrigerato, ottenendo una miscela cremosa e attraente che non guasta anche dopo essere stato congelato e scongelato più volte.

2.14. Intolleranza alla cagliata e al lattosio, p. 257

Sfortunatamente, la produzione di cagliata industriale non è paragonabile alla produzione di anni fa. Oltre agli ingredienti problematici come proteine, lattosio e galattosio, i latticini fermentati contengono sostanze come istamina, acido benzoico e una grande quantità di metionina.

CLICK FOR: Neanche la produzione di cagliata industriale

Anni fa, durante la lenta fermentazione del latte, si formò l'acido lattico, che ridusse il valore del pH, che denaturò caseine e proteine del siero di latte. Questo è ciò che chiamiamo fermentazione lattica. I batteri lattici producono l'enzima lattasi, che è responsabile della scomposizione del lattosio in glucosio e galattosio.

Il glucosio viene convertito in acido lattico e non appena il pH raggiunge un certo livello minimo, il processo smette di essere solo circa il 2% del lattosio. In questo processo, il galattosio non fermenta. Al contrario, la fermentazione del lievito, come nel caso del kefir, fermenta anche il galattosio.

Lo yogurt è la parola turca per chiamare il latte cagliato, tuttavia, usano batteri diversi da quelli che usiamo. A seconda del tipo di yogurt, come lo sfaldamento, l'ispessimento o lo smoothie yogurt ( bevanda allo yogurt ), i processi di produzione variano.

Lactobacillus bulgaricus è il nome del primo dei batteri che il microbiologo russo Ilya Ilyich Mechnikov , noto anche come Eli o Elías Metchnikoff (1845-1916), separato dal latte. Oggi, tra gli altri, vengono utilizzati anche streptococcus thermophilus , lactobacillus salivarius e quelli pubblicizzati come particolarmente sani: acidophilus e bifidus.

La produzione industriale di yogurt iniziò nel 1930, tuttavia, la produzione di massa con linee di produzione a catena non iniziò fino agli anni '70 (vedi Gesetz der Massenproduktion [ Legge sulla produzione di massa ]   di Karl Bücher ).

Fondamentalmente il processo consiste nel conservare il latte, purificarlo e centrifugarlo; aggiungere il contenuto di grassi desiderato, uccidere tutti i batteri naturali mediante trattamento termico e aggiungere nuovamente altri batteri specifici. Dal momento che il latte di oggi ha residui di antibiotici, l'industria ha sviluppato batteri meno sensibili ad essi al fine di eliminare gli inibitori.

Un altro passo è aumentare la sostanza secca non grassa del latte, aggiungendo latte e siero di latte in polvere o aumentando le proteine del latte ad un valore specifico. L'alternativa è l'evaporazione, quindi si lega più siero di latte liquido invece di staccarlo dalla massa solida e il risultato è una maggiore quantità di yogurt.

Successivamente, viene eseguita l'omogeneizzazione ad alta pressione in modo che non rimanga grasso. Infine, la procedura rapida raggiunge solo un tempo di fermentazione compreso tra due e quattro ore. Lo yogurt montato e lo yogurt da bere sono varianti economiche, poiché possono essere conservati in fusti di fermentazione di grandi dimensioni per due ore a una temperatura compresa tra 40 ° C e 45 ° C e quindi vengono aggiunti gli aromi.

Lo scrittore chiarisce i trucchi per aumentare il legame con l'acqua, che include un trattamento termico tra 95 ° C e 98 ° C per cinque minuti in modo che le proteine si rompano e possano assorbire tutto il siero. Lo yogurt frullato contiene agenti addensanti e lo yogurt da bere contiene stabilizzanti . Lo yogurt in fiocchi contiene gelatina animale o amidi modificati. Dove è rimasto lo yogurt naturale? , chiede l'autore.

Il cosiddetto "yogurt morbido" è prodotto con altri batteri come il bifido e l'acidofilo, che in precedenza erano considerati molto salutari per la flora intestinale, poiché contribuiscono alla formazione di acido L - (+) - lattico. In questo modo, è possibile raggiungere una shelf life di almeno quattro settimane senza che lo yogurt perda il suo sapore fresco.

La popolazione dell'Europa orientale, che presenta principalmente allergia al lattosio, si è sviluppata grazie al kefir, una produzione di latte derivata dalla fermentazione di acido lattico e lievito, un processo che non lascia residui di lattosio o galattosio, ma un po 'di alcol .

Il kefir tradizionale farebbe esplodere il contenitore perché continua a fermentare, quindi il kefir commerciale oggi condivide già solo il nome con il kefir tradizionale. Kefir, anche quello morbido, contiene lattosio! Soprattutto, la pastorizzazione è il processo che uccide la vita "microbica".

Il kefir tradizionale, a causa della fermentazione combinata di acido lattico e lievito, non contiene né lattosio né galattosio. Pertanto, esiste un abisso tra i prodotti derivati dal latte fermentato tradizionale e quelli prodotti dall'industria lattiero-casearia odierna - tuttavia, trae vantaggio dai vantaggi dei prodotti tradizionali.

Il kefir può essere prodotto con latte di capra, di pecora o di mucca e ha origine nei Balcani, nella regione del Caucaso. Ci sono cibi simili, come il latte di kumys della cavalla o il kvas in Russia e nelle ex repubbliche sovietiche, un tipo di yogurt fermentato chiamato villi in Finlandia, lebben nei paesi arabi e nell'Africa settentrionale e doogh in Iran: est Il tipo di bevande è prodotto dalla fermentazione degli acidi lattici e del lievito.

Questo risponde anche alla domanda sul perché le persone con allergia al lattosio tollerano i prodotti lattiero-caseari realizzati secondo la ricetta tradizionale. Altri prodotti caseari tradizionali fermentano per diversi giorni, il che implica che il lievito agisce e la fermentazione corrispondente ha luogo. Per questo motivo, gli yogurt prodotti secondo il metodo tradizionale contengono pochissimo lattosio.

L'autore spiega in diverse pagine i processi di digestione e confronta l'attuale e tradizionale processo di fabbricazione di diversi tipi di prodotti lattiero-caseari fermentati.

CLICK FOR: yogurt

Si riferisce alla tesi del veterinario Andrea Winchenbach , intitolata " Prüfung der Essentialität lebender Keime für die Förderung der intestinal. promozione dell'idrolisi del lattosio intestinale attraverso la β-galattosidasi microbica di prodotti lattiero-caseari fermentati a base di maiale gnotobiotico della nana Gottinga) , nel capitolo 2.4. Link al documento PDF .

Lo yogurt che acquistiamo nei supermercati ha tra il 3,5% e il 5,5% di lattosio, quasi sempre sotto forma di carboidrati. Lo yogurt biologico senza pastorizzazione, senza omogeneizzazione e senza aggiunta di latte in polvere non può essere trovato nemmeno nei negozi di alimenti biologici. Un contenitore da 500 g di yogurt contiene circa 41,5 g di lattosio (zucchero del latte).

Il test diagnostico che viene eseguito sotto controllo medico al fine di determinare un'intolleranza al lattosio ne contiene 50 g. Un test diagnostico non fa bene alla salute, ma è necessario chiarire quale sia la sua condizione. Lo yogurt provoca stress alle persone con allergia al lattosio.

Maria Rollinger sottolinea perché i nuovi yogurt probiotici non sono una soluzione, poiché il loro "contenuto di lattosio è estremamente elevato". È sorpresa di poter fare pubblicità ingannevole a uno yogurt particolarmente digestivo. Gli alimenti chiamati prebiotici (non probiotici , vedi anche cibi simbiotici ) contengono oligofruttosio e inulina , che causano la fermentazione degli alimenti nel colon.

"Il rapporto sull'alimentazione del 2000 (Ernährungsbericht 2000) ha concluso che la flora intestinale umana, secondo lo stato attuale dei progressi scientifici, non è influenzata da alimenti probiotici e prebiotici e che questi potrebbero anche avere conseguenze indesiderate in quelli il cui sistema immunitario è indebolito. Inoltre, il rapporto nutrizionale del 2004 parte da una base contraddittoria dello studio "(p. 271).

Mostra come aziende come Danone pubblicizzano prodotti come Actimel con false argomentazioni e lo offrono al doppio del prezzo con l'annuncio: aumentare l'audacia . Basta smettere di controllare gli ingredienti che contiene. La società Honsha va ancora oltre con il suo prodotto Yakult.

CLICK FOR: Come le aziende pubblicizzano prodotti con argomenti falsi

Gli ingredienti contenuti in questa bevanda sono principalmente acqua e latte scremato in polvere mescolato con sciroppo di glucosio, zucchero, aroma e Lactobacillus casei Shirota. Il suo prezzo è il doppio di quello di Actimel anche se è composto principalmente da resti come il latte scremato in polvere.

La storia del presunto acido destrogirico D - (-) - lattica e acido levógiro L - (+) - lattica ( attività ottica ) ha cessato di essere un argomento pubblicitario negli anni '90, poiché il corpo stesso produce l'acido L- (+) - lattica quando ne hai bisogno. Qualsiasi formazione di acido lattico nell'intestino - L (+) o D (-) porta a un'acidificazione indesiderata dell'ambiente.

Inoltre: qualsiasi fermentazione che include la fermentazione microbica genera istamina . ( Allergo , 1996, n. 6, pagg. 346-351, Medizin Verlag GmbH ). Pertanto, le persone con allergia al lattosio ricevono un sovraccarico di istamina quando consumano prodotti lattiero-caseari.

In particolare, i prodotti lattiero-caseari fermentati come yogurt e ricotta o formaggio di quark aumentano la quantità di metionina e acido benzoico nella nostra dieta . Il problema presentato da queste due sostanze è spiegato dall'autore nel capitolo 8 (p. 273).

2.15. Ricotta, lattosio e nuovi processi produttivi, p. 275

Con la ricotta o il quark, soprattutto a basso contenuto di grassi, l'immenso surplus di latte scremato lasciato dalla produzione di prodotti caseari diventa denaro per l'industria. Il formaggio quark è, infatti, latte fermentato a cui viene rimossa la soluzione acquosa (siero di latte) che contiene.

CLICK FOR: Quark

Oggi la precipitazione dell'acido lattico è combinata con la precipitazione enzimatica per ottenere il caglio e talvolta viene aggiunto un acceleratore della coagulazione. Negli anni '60 e '70, il metodo di drenaggio fu sostituito dalla separazione del formaggio quark.

Oggi l'industria raggiunge una percentuale significativamente più elevata di sostanza secca perché produce plasma da latte o latte scremato e siero di latte utilizzando separatori di ricotta e ultrafiltrazione standardizzando infine il materiale grasso attraverso un'assunzione finale di crema . Questo processo si traduce in un impasto cremoso, facile da vendere, con una lunga durata e un sapore costante .

Oggi, la ricotta o il quark è solo un prodotto simile alla ricotta con aggiunta di siero di latte e proteine del lattosio . Nella preparazione della ricotta tradizionale, la maggior parte delle proteine del siero di latte e del lattosio sono state drenate.

L'attuale formaggio di quark è composto soprattutto da caseine, proteine del siero di latte, lattosio e circa l'82% di acqua. L'autore spiega l'intero processo di fabbricazione, compresa l'ultrafiltrazione (UF) e la completa denaturazione delle proteine, nonché le loro connessioni con la caseina riscaldando a 95 ° C per 5 minuti. Il formaggio quark è considerato un alimento sano. Tuttavia, oggi, infatti, fa ammalare molte persone. (p. 278).

L'autore spiega anche l' estensione della data di scadenza da parte dei conservanti ed elenca le sostanze chimiche che vengono aggiunte per la conservazione: acido sorbico e suoi sali, come sorbato di potassio, acido benzoico e derivato benzoato di sodio, esteri acidi paraidrossibenzoico, nonché acido formico e suoi sali come formiato di sodio e potassio .

CLICK FOR: L'estensione della data di scadenza

In alternativa, viene anche utilizzata la conservazione termica, descritta anche nel libro. Nelle cosiddette raffinerie di latte, ovvero fabbriche ultramoderne, tutti i componenti del latte sono separati per filtrazione a membrana ( tecnologia a membrana).

Il libro ci insegna anche che anche i romani hanno fatto una malta mescolando le proteine del latte, che ha preso la consistenza di una pietra ed era persino più dura del nostro cemento attuale e che ancora oggi, ad esempio, vengono utilizzate caseine per produzione di cemento colla. Si riferisce anche alla sostanza nota come galatite (avorio artificiale) a base di caseina, che viene anche utilizzata come colla in vari settori industriali.

Ma il caseinato di sodio viene utilizzato anche nella produzione alimentare (ad esempio , sostituti del latte per il caffè ), nonché coprecipitati proteici e proteici del siero di latte. Vedi il libro " Trocknungstechnik in der Lebensmittelindustrie" (La tecnica di essiccazione nell'industria alimentare ), p. 462 del Dr. Dietrich Gehrmann e altri.

Redaction comment

Le proteine possono essere precipitate in vari modi nella loro forma nativa: la precipitazione può essere salina, isoelettrica (nel punto isoelettrico), precipitazione con solventi organici o coprecipitazione. Se una proteina perde la sua struttura durante la precipitazione, si verifica spesso una denaturazione irreversibile della proteina.

L'autore menziona la pizza surgelata , in cui il formaggio per il forno viene sostituito da caseina economica o schiume in creme, budini e creme, o emulsionanti e stabilizzanti in zuppe, condimenti , prodotti a base di carne, pasta e patè.

L'industria farmaceutica utilizza questo componente per microincapsulare sostanze e prodotti derivati dalla caseina che fungono da pesticidi per preservare le piantagioni di frutta e verdura e aiutare a prevenire i parassiti (p. 281).

L'autore sottolinea anche che in precedenza le proteine del latte e la caseina erano considerate uguali, tuttavia, negli anni '30 si scoprì che le caseine e le proteine del siero di latte erano due frazioni proteiche del latte molto diverse. Ci mostra le informazioni dubbi sull'imballaggio alimentare, in cui si possono leggere espressioni molto diverse.

I latticini in Germania possono contenere fino al 15% di lattosio e in altri paesi la percentuale è sostanzialmente più alta. Tuttavia, i sali di calcio sono ammessi, tuttavia, dal novembre 2005, il latte è protetto da un regolamento speciale per le sostanze allergeniche. Il latte è stato incluso nella cosiddetta lista degli allergeni .

Gli ingredienti lattiero-caseari contenenti quegli alimenti sfusi in forno e macelleria sono obbligatori. Sono anche liberi di fare questa affermazione quando componenti di origine casearia vengono aggiunti ad altri prodotti caseari.

2.16. Formaggio e intolleranze, p. 283

Il formaggio stagionato, infatti, è un formaggio fresco pressato. A seconda del tipo di coagulazione della proteina ( denaturazione ), è possibile ottenere latte acido o cagliato. Oggi , il formaggio al latte acido ha solo un piccolo mercato di nicchia. Anni fa veniva fatto con i resti della fabbricazione del burro.

CLICK FOR: Enzimi di accelerazione della coagulazione

Maria Rollinger spiega i diversi enzimi di accelerazione della coagulazione utilizzati; dal caglio dello stomaco di giovani mammiferi, ai fattori di accelerazione della coagulazione vegetale, e come il caglio negli anni '80 fosse un prodotto scarso. Ecco perché sono stati sviluppati sostituti del caglio con muffe , lieviti e batteri.

Questi cambiano il gusto del formaggio. Il caglio contiene chimosina e pepsina ; Oggi la chimosina viene prodotta geneticamente con colture batteriche con i corrispondenti geni di manzo. Tuttavia, non vi è alcun obbligo di etichettatura rispetto ai metodi utilizzati.

In diverse pagine l'autore spiega la produzione di latte con caglio e la produzione di formaggio meccanico attraverso un processo continuo con un contenuto di grassi normalizzato che si ottiene con l'aggiunta di panna o plasma di latte e chiarisce che anche il formaggio da latte È omogeneizzato spesso.

CLICK FOR: La produzione di latte con caglio e la fabbricazione di formaggi meccanici

Per garantire che il processo sia completamente o parzialmente automatico, la sostanza secca deve essere aumentata standardizzando le proteine nel processo di ultrafiltrazione o aggiungendo latte in polvere, caseina in polvere, concentrato di proteine del siero di latte. Puoi anche aggiungere una parte delle proteine del siero di latte filtrate il giorno prima al latte .

Al fine di stabilizzare l'equilibrio del sale del latte, vengono aggiunti nitrati e per evitare successivi gonfiori, vengono aggiunti cloruro di calcio, fosfato di calcio e citrato. Inoltre, la tintura viene aggiunta soprattutto ai formaggi stagionati e semi stagionati. La litolubina BK (E180) è consentita solo nella crosta del formaggio, poiché può avere un effetto dannoso sulla salute.

Quindi l'autore approfondisce le moderne tecniche di maturazione del formaggio. Una media di dieci e undici litri di latte è necessaria per produrre un chilo di formaggio stagionato o semi-stagionato. Mentre alcune specialità di formaggio hanno un periodo di maturazione di diversi anni, il formaggio a pasta molle richiede solo trenta giorni, la stagionatura tra tre e quattro mesi e la stagionatura fino a sei mesi.

CLICK FOR: problematica

Il lavaggio settimanale del formaggio con acqua salata per evitare la comparsa di muffa è troppo costoso, ecco perché il formaggio è confezionato in plastica sotto vuoto o un trattamento con antibiotici antifungini viene applicato sulla sua crosta. Nel caso della maturazione sottovuoto, i formaggi rettangolari sono spesso posizionati con meno necessità di spazio nelle scatole di maturazione.

Oggi puoi anche fare il formaggio emmental con latte pastorizzato. I cosiddetti formaggi a latte crudo possono essere riscaldati solo a 57 ° C e avviene anche la denaturazione, ma a temperature sostanzialmente inferiori.

Secondo le ultime normative europee, un formaggio può essere venduto come emmental dopo solo sei settimane di maturazione sotto vuoto - senza crosta . Secondo le norme specifiche sui formaggi, i tempi minimi di maturazione sarebbero più lunghi. Per questo, vengono aggiunti acceleratori di maturazione e esaltatori di sapidità sotto forma di aminoacidi ; altrimenti, il gusto del formaggio non piacerebbe a nessuno (p. 290).

Prima di parlare del problema del formaggio, l'autore si concentra sulla fusione del formaggio, la cui produzione non è iniziata fino all'inizio del XX secolo. Per la sua produzione è possibile utilizzare il formaggio di caglio, che non è stato venduto per nessun errore di fabbricazione.

Edgar Spreer scrive del formaggio da sciogliere nel suo libro "T echnologie der Milchverarbeitung" (Tecnologia della lavorazione del latte) , della casa editrice Behr's Verlag (p. 390 della settima edizione, 1995) e afferma che è formaggio con Elenco più grande di ingredienti. Oltre ai sali di fusione (citrati, fosfati, lattati) e acidi (tartarico, citrico), burro, burro, panna, lattosio, pasta di siero di latte, panna, polvere, proteine, stabilizzanti, coloranti e ingredienti visibili come spezie.

Maria Rollinger scrive quanto segue sul formaggio spalmato o affettato, molto economico e sempre più popolare, che tuttavia viene prodotto a temperature fino a 110 ° C: consiglio a padri e madri di ritardare la data nella che i tuoi figli provano, anche se la pubblicità del formaggio a pasta molle prova esattamente il contrario, poiché, se consumano regolarmente gli ingredienti di cui sopra, è sorprendente che non soffrano di allergie (p. 292).

Approfondire l'analisi di lattosio, proteine, acidi lattici, galattosio, istamina e tiramina nel formaggio. Dividere approssimativamente il formaggio in un terzo di proteine, un terzo di grasso e un terzo di acqua. Sebbene medici e nutrizionisti credano che le persone con intolleranza al lattosio possano tollerare il formaggio, afferma, è vero il contrario: le persone intolleranti al lattosio hanno reazioni allergiche che possono diventare molto forti quando consumano formaggio .

CLICK FOR: Le persone con intolleranza al lattosio

Anni fa il formaggio stesso poteva essere tollerato da persone intolleranti, tuttavia oggi la percentuale di sostanza secca viene aumentata durante il processo di produzione del formaggio aggiungendo proteine, latte in polvere e, soprattutto, lattosio. Inoltre, a causa del processo di maturazione ridotto, i batteri lattici possono dividere poco lattosio.

Più lungo è il tempo di maturazione, il contenuto di lattosio sarà inferiore, anche se anche il parmigiano contiene lattosio. Nell'attuale produzione di formaggio dobbiamo avere ingredienti come proteine del siero di latte, caseine e lattosio. L'allergia al lattosio è programmata. Il formaggio contiene galattosio e di solito molto acido lattico: tra 500 e 800 mg per 100 g di formaggio. Il formaggio stagionato, in particolare, contiene molta metionina, un amminoacido che, se assunto in eccesso, può essere dannoso , osserva lo scrittore con cautela.

Più a lungo il formaggio è nel negozio o nel frigorifero del consumatore, più si avvicina alla soglia del marciume, qualcosa che gli amanti del formaggio a pasta molle sanno. Pertanto, sorgono sempre più ammine biogeniche, in particolare istamina e tiramina , e in quantità minori la cadaverina e la putrescina . Le ammine biogeniche si formano nella fase finale della degradazione delle proteine.

CLICK FOR: Cadaverine e ammine biogeniche

Redaction comment

Cadaverina o pentametilendiammina sono nomi insignificanti per 1,5-diamminopentano, una diammina che si forma dalla scomposizione microbica della proteina lisina dell'amminoacido mediante decarbossilazione. La base della decomposizione è una parte dei tomain (chiamati anche ptomain ). Tuttavia, i tomain sono composti da un gran numero di sostanze e non sono la ragione dei temuti avvelenamenti dei pozzi. Il problema è la formazione di tossine (ad esempio proteine , botulina e tossina tetanica ) o un'infezione.

Secondo Wikipedia (versione tedesca), "la tiramina è formata dalla scomposizione delle proteine e spesso accompagna gli alimenti naturali prodotti dalla fermentazione , come molte varietà di formaggi , vini rossi o cioccolato . È un ingrediente che si trova anche nelle banane e nel vischio - nelle bacche di quest'ultimo, anche in concentrazioni che possono essere tossiche - ".

L'autore spiega l'effetto delle ammine biogeniche sul corpo e i problemi che possono insorgere se l'intestino è interessato o presenta una carenza di enzimi degradanti. Anche quantità minime di ammine biogeniche possono causare seri problemi poiché l'istamina si trova in grandi quantità nell'intestino tenue interessato . Tali reazioni immunitarie allergiche dirette possono causare emicrania, stomaco, intestino, condizioni di circolazione o persino causare shock anafilattico.

Si rammarica che la relazione tra reazioni gastrointestinali e allergiche sia appena riconosciuta, sebbene il cosiddetto effetto del formaggio sia molto comune. Molte persone con allergia al lattosio che assumono latticini sviluppano un'istaminosi cronica ( intolleranza all'istamina ). Poi parla anche di pane e calvizie durante il Medioevo.

2.17. Siero e lattosio: residui indesiderati, p. 297

Il siero di latte è un prodotto residuo ottenuto dalla fabbricazione di formaggio quark (meno) e formaggio stagionato ed è composto per il 94% di acqua; Il resto è lattosio (4,5%), proteine del siero di latte (1%), alcuni grassi e caseina . L'autore stima che oggi vi sia una produzione annuale di 150 milioni di tonnellate di questi rifiuti disprezzati. Siero di latte che viene versato in quanto le acque reflue contaminano e avvelenano pesci e microrganismi.

CLICK FOR: Siero di latte e nuovi prodotti

Il siero si rompe in poche ore e diventa un liquido che non può essere assunto dall'uomo o dagli animali. Nel 2005 sono stati prodotti 2,3 milioni di tonnellate di siero di latte in polvere. In termini di durata, la polvere è molto difficile da rovinare poiché viene riscaldata a temperature molto elevate e ridotta a polvere concentrata. Negli ultimi anni la produzione di formaggio è cresciuta notevolmente nei paesi che consumano latte e l'Europa genera più della metà dei rifiuti di siero di latte.

Con la ricerca, l'industria è riuscita a sviluppare nuovi prodotti. Con la produzione di bevande a base di siero di latte e altri prodotti derivati, l'industria ha raggiunto l'obiettivo di vendere questo residuo indesiderato sotto forma di prodotti. Il siero è stato in grado di entrare sul mercato grazie al gran numero di ingredienti aromatizzanti che sono stati aggiunti o convertiti in bevande alcoliche. Un'altra via d'uscita per il siero è trasformarlo in bioetanolo e biogas .

Gli ingredienti lattiero-caseari nascosti che vengono aggiunti ad altri alimenti rappresentano un grave problema. Qualche anno fa in Europa, questa pratica il cui obiettivo era commercializzare il siero di latte in polvere ha raggiunto il 50% del siero di latte totale venduto. Come è successo negli Stati Uniti. Negli Stati Uniti, l'obiettivo per la vendita di siero di latte in polvere ha raggiunto il 70% nel 2010. Oggi questo importo è stato senza dubbio raggiunto o superato. Tramite l'ultrafiltrazione delle proteine del siero di latte, aumenta la sostanza secca di formaggio e ricotta o formaggio di quark.

Inoltre, le proteine e il lattosio vengono separati e aggiunti separatamente ai prodotti lattiero-caseari e ad altri alimenti. Con le proteine del siero di latte microparticulate è possibile che i prodotti senza grassi abbiano una consistenza cremosa della bocca simile a quella dei prodotti lattiero-caseari con grassi. Inoltre, questa tecnologia sta conquistando normali prodotti lattiero-caseari come formaggi stagionati, semi-stagionati e spalmabili, formaggio fuso, formaggio fresco, yogurt, latticello, gelato e dessert (p. 299).

Redaction comment

Ci sono prodotti come la barretta energetica al siero di latte chiamata "Bleib gesund Molke-Riegel", che contiene il 24% di polvere di siero di latte dolce, il 7,4% di concentrato di proteine del siero di latte e sciroppo di glucosio - e, naturalmente, ingredienti più dolci. Per i critici il nome "Bleib gesund Molke-Riegel", che si riferisce a un alimento per rimanere in buona salute, è un'espressione davvero cinica.

Maria Rollinger affronta anche il tema delle presunte bevande salutistiche di siero, che hanno raggiunto uno spazio per promuoversi nelle linee degli erboristi e nelle sezioni dei prodotti per la salute dei supermercati. Anche i romani avevano questo problema con il siero; dopo aver mangiato in modo incontrollato, hanno praticato le pulizie intestinali raccomandate dai medici che consistevano nel prendere siero fresco come lassativo.

Oggi i prodotti a base di siero di latte sono la migliore offerta, perché la polvere di siero di latte ha un prezzo al consumo tra 13 e 16 euro e il suo costo è di soli 50 centesimi. Inoltre, il siero di latte fresco proveniente da mucche alimentate naturalmente non può essere paragonato al prodotto residuo dell'attuale industria lattiero-casearia. In precedenza i sacerdoti si svolgevano nelle immediate vicinanze dei caseifici, il che ha portato alla comparsa di spa.

Oggi l'industria spinge bevande a base di siero di latte e siero di latte in polvere di tutti i gusti In palestre e luoghi simili legati alla salute e nei supermercati economici come bevanda salutare e prodotto per il miglioramento dello stile di vita, quando nella realtà È solo un lassativo a causa del suo alto contenuto di lattosio.

Lasciare il lattosio fuori, tuttavia, è più difficile, motivo per cui l' UE ha promosso un progetto di ricerca nel 1999 per aumentare il valore del lattosio. Uno dei motivi era che: l'ostacolo più importante alla sua commercializzazione è l'intolleranza al lattosio che i consumatori soffrono sia all'interno che all'esterno dell'UE (Progetto CE FAIR-CT96-1048). Il progetto "Fair Flow Europe" (FFE) è già stato completato.

CLICK FOR: Progetto di ricerca per aumentare il valore del lattosio

Per l'ex istituto federale BAGKF , che oggi è il Bundesanstalt für Ernährung und Lebensmittel (Istituto federale per l'alimentazione e l'alimentazione) , Günter Brack scrisse quanto segue nel 2000 sul suo sito web con il titolo " Milchzucker für Backwaren - ein Beitrag zum Abbau von Agrarüberschüssen "(Lattosio nei prodotti da forno e loro contributo alla riduzione delle eccedenze agricole) :

Ai panettieri tradizionali è stato offerto un lattosio a buon prezzo in modo da poter moltiplicare la loro dose nella preparazione delle torte di lievito, perché ciò favorisce le prestazioni dell'impasto, riempie la borsa del fornaio e ha il vantaggio di non dover dichiararsi come additivo (p. 300).

È noto che le persone con intolleranza al lattosio soffrono quando assumono questi tipi di prodotti, ma questo viene semplicemente ignorato. Le grandi catene di prodotti da forno devono confessare che, in caso di dubbio, nessuno dei loro prodotti è privo di lattosio ... Chi può mettere in relazione i loro problemi intestinali con il delizioso pane che contiene solo farina, sale e acqua?

Il risultato è che le persone devono sempre più combattere contro più sintomi di malattie che non sanno a cosa sono dovute. L'infiammazione degli organi digestivi, i problemi intestinali, le allergie multiple e le malattie della pelle sono solo le prime conseguenze tangibili dell'aumento della percentuale di lattosio e proteine nella nostra dieta (p. 304).

2.18. Cosa ci sta fermando?, P. 305

In 13 pagine, l'autore riassume i seguenti argomenti: gusto, fallimenti, mito, eliminazione dei tabù, repressione in tempi di malattia della mucca pazza, ideologia e interessi. Il latte? Meglio di no!

CLICK FOR: Il successo del settore lattiero-caseario

I prodotti lattiero-caseari oggi sono diventati prodotti industriali appetitosi e di buon gusto. Poco dopo la seconda guerra mondiale iniziò il successo dell'industria casearia e oggi prendiamo tra il 30% e il 50% del nostro apporto calorico giornaliero di latte, cosa mai accaduta prima.

Quanto segue è significativo dal nostro tempo: invece di deliziarci di tanto in tanto con i veri sapori del cibo, oggi, grazie ai prodotti manipolati, preferiamo, possiamo e siamo obbligati a tagliare prodotti leggeri pastorizzati e omogeneizzati, zuccherato, stabilizzato con gelatina, prodotto per avere un sapore morbido, cremoso e delicato .

I bambini si abituano presto "al loro destino" per assumere latticini mescolati con cacao, fragole o vaniglia. Sul pane spalmiamo creme al cioccolato o formaggi ricchi di fosfati e con additivi come latte in polvere; Anche i cereali e il muesli sono preparati con latte.

L'autore elenca le tentazioni degli adulti quando prendono il pane del giorno (con molto glutine) con burro all'aglio o una pizza con formaggio, salsa di panna, brie , camembert , vecchio gouda , parmigiano e addolcire lo stomaco con un gelato o addirittura Un dolce con panna. Il cioccolato come premio contiene latte in polvere; In un pasto leggero puoi avere formaggio di quark primaverile e pane di semi, yogurt, formaggio a latte fermentato , formaggi tipici di qualsiasi regione europea (fatti a mano) e nell'insalata aggiungiamo un condimento allo yogurt.

CLICK FOR: Errori, miti e tabù

Maria Rollinger considera un errore, soprattutto, il fatto che il latte sia stato portato via dagli animali, la cui crudele educazione consiste nell'ottenere da essi il massimo rendimento in cattività prima della loro morte prematura. I latticini sono più dannosi della carne perché sono bombe proteiche o grasse e allo stesso tempo un cocktail ormonale. Questa è la lezione che viene appresa se il contenuto del libro è stato compreso.

Il latte è progettato per consentire ai vitelli o ai bambini di bere a temperatura corporea direttamente dalla mammella o dal seno. Lei scrive:

La radice di questo complesso problema è molto profonda e non può essere chiarita semplicemente con gli interessi politici di un gruppo di pressione economica e dei suoi corrispondenti circoli accademici (p. 307).

Con il titolo "Il mito", l'autore descrive come l'antica concezione dell'alimentazione materna svolge ancora il suo ruolo, sfrutta l'importanza storica della mucca e del latte e il pensiero nella terra dell'Antico Testamento, dove scorre il latte (per il burro ) e miele - in realtà manna -.

A proposito di tabù, spiega le ragioni della caccia alle streghe , il disgusto per il latte fresco come fluido corporeo di un'altra specie, l'attuale allontanamento dall'origine del latte attraverso un'intensa trasformazione industriale, la nostra repressione della malattia della mucca pazza attraverso la distanza tra l'animale e il prodotto, che non si può fare nel caso della carne.

Mostra come gli ovolactovegetari (il vegetarianismo ) ingeriscano più proteine, anche, delle persone che mangiano tutto ( onnivori ) e quindi spesso non ottengono benefici per la salute.

Nelle sezioni su ideologia e interessi, l'autore sottolinea che le mezze verità su latte, grassi, proteine e colesterolo continuano a essere mantenute, mentre le poche voci critiche ricevono poca attenzione dai media.

Oltre al potere di mercato che unisce l'industria alimentare, farmaceutica, dietetica e sportiva, anche il giornalismo senza capacità critica contribuisce a questa situazione. Per diversi motivi non è sorprendente che i lettori spesso si disconnettano e assumano nuovi consigli dietetici mentre scrollano le spalle. Molti di loro gettano via ogni teoria a riguardo quando trovano contraddizioni e decidono di vivere secondo i propri gusti (p. 313).

Inoltre approfondisce brevemente gli esaltatori di sapidità come il glutammato (in realtà acido glutammico , E620 E625) e riconosce che siamo esposti a una seduzione sensoriale costante .

L'immagine di prodotti lattiero-caseari bianchi e puliti, con tradizione, origini, naturali e salutari che hanno impiantato nella nostra mente non è altro che un miraggio.

È sempre un prodotto finito che proviene da una fabbrica di latte, che è stato raffreddato, immagazzinato in serbatoi, rimosso, separato, centrifugato, diretto attraverso scambiatori di calore, centinaia di metri di tubi, valvole, pompe e omogeneizzatori, divisi nelle fazioni e ricomposto .

Nessun altro alimento è stato influenzato in questo modo dalla logica della catena di montaggio (ad eccezione dei semi di soia).

CLICK FOR: Latte, politica e propaganda

Passa poi all'argomento "Latte, politica e propaganda" e mostra la forza esplosiva della politica nei paesi che consumano latte, che è la principale fonte di reddito del settore agricolo ed è soggetta a regolamenti sovranazionali rigoroso (p. 314). L'autore sottolinea la differenza e i problemi di integrazione che hanno i nuovi membri dell'UE , in cui un agricoltore non ha molti animali; sono previste importanti riforme strutturali.

Ciò che ha richiesto decenni nell'Europa occidentale ora si sta avvicinando molto rapidamente verso di noi e con esso molte persone soffrono di grandi sofferenze. Invece di migliorare le condizioni di vita dei segmenti più poveri della popolazione, è previsto il contrario. Lo scrittore riassume gli argomenti discussi.

Di seguito sono menzioni e brevi commenti su una serie di libri che mostrano i problemi del latte. Prende inoltre atto del fatto che l'industria lattiero-casearia nella sua conferenza mondiale nell'autunno del 2006 ha istituito il "Global Dairy Forum" per contare il peso dei movimenti in contrasto con il consumo di prodotti lattiero-caseari, allo stesso tempo che il gruppo di pressione rafforza il suo lavoro. L'ultima frase del libro dice: apprezzeremmo il latte se fosse rosso, marrone o addirittura nero? .

3. Informazioni sul libro

titolo LATTE meglio no!
subhead Un libro di lettura critico
autore Maria Rollinger
editoriale Jou-Verlag Erfurt
pubblicazione 2004, edizione aggiornata e rivista nel 2007, invariata nel 2013
pagine 350
ISBN 978-3-940236-00-5
osservazioni È il libro più completo, almeno in tedesco, che offre una lettura critica sul latte. Molto ben documentato

CLICK FOR: Il Prof. Dr. Marcel Hebbelinck, membro del Comitato consultivo scientifico del VEBU (Unione dei Vegetariani) ha scritto la seguente recensione:

A causa del gran numero di costose campagne pubblicitarie, i prodotti lattiero-caseari sono considerati dalla maggior parte dei consumatori alimenti nutrienti e sani. I produttori di prodotti lattiero-caseari hanno costruito con cura questa idea, che ha ricevuto il sostegno e la forza delle dichiarazioni che presumibilmente avevano una base scientifica.

Colpisce soprattutto il contenuto relativamente elevato di calcio. In rare occasioni, vengono poste domande critiche e la ricerca scientifica che indica possibili effetti negativi non viene messa in discussione. Le eccezioni sono il problema della carenza di lattasi in una parte della popolazione, nonché una possibile allergia alle proteine del latte.

Pertanto, un lavoro come questo è eccezionale; Non offre semplicemente una visione globale dei diversi aspetti del latte e di altri prodotti lattiero-caseari, ma ci mostra il suo aspetto culturale, etico, economico, statistico, ecologico, tecnologico, legale, medico e igienico.

L'autore di questo libro è un avvocato e ha iniziato a interessarsi part-time a questo argomento dal suo studio delle direttive europee relative al latte e ai prodotti lattiero-caseari. Ha scritto con l'aiuto specializzato di Ulrike Martin Plonka (nutrizionista specializzato nel trattamento delle allergie alimentari) »una valutazione versatile, completa e critica del latte e dei prodotti lattiero-caseari. Ha anche commentato che “molti aspetti interessanti, a volte inaspettati, sono stati esaminati con la lente d'ingrandimento.

Il fatto che molte persone si ammalino a causa del consumo di latte e latticini, è stata una nuova esperienza per l'autore, che, per questo motivo, ha iniziato il suo libro con uno studio approfondito sul latte. Nutrizionisti, prescrittori dell'opinione sanitaria e medici trovano molto interessanti gli argomenti che affermano la relazione causale del latte e dei prodotti lattiero-caseari con la comparsa di malattie gravi (come diabete, aterosclerosi, iperomocisteinemia, cataratta o cancro di al seno).

Ben note sono le differenze essenziali che esistono nella composizione chimica del latte materno e in quella di altri mammiferi.

Il libro affronterà alcune questioni come il fatto che è costretto a dare alla luce mucche da latte senza interruzione e quindi a separarle dai loro piccoli; le vacche da latte vengono munte con macchine per aumentare la produzione di latte; problemi con ormoni della crescita, antibiotici, legislazione europea in materia o questione irrisolta della possibile trasmissione della malattia della mucca pazza attraverso il latte.

Inoltre approfondirà in modo critico la relazione tra formazione ossea, calcio e latte e analizzerà in dettaglio la recente teoria secondo cui il latte può essere un alimento che aiuta a perdere peso.

L'autore spiega come, in breve tempo, l'uomo moderno sia passato dal consumo di latte in modo moderato, poiché si trattava di un prodotto naturale nella dieta dei contadini, per consumarlo in modo massiccio come alimento per la produzione industriale.

L'industria lattiero-casearia ha registrato una crescita esponenziale dalla fine della seconda guerra mondiale e ancora di più dopo il 1970, grazie allo sviluppo delle moderne tecnologie per la produzione di latte, che ha favorito l'enorme aumento del consumo di formaggi, yogurt, Crema e Gelato È anche impressionante scoprire che molti alimenti diversi contengono ingredienti caseari.

A volte può essere complicato, tuttavia, la lettura ha un approccio trasparente, affascinante e molto istruttivo. Un altro aspetto da evidenziare è l'enfasi posta sulle spiegazioni dei concetti scientifici relativi alla biochimica, alla salute e alle patologie alimentari. Un esempio di ciò sono il gran numero di casi interessanti e informazioni sullo zucchero del latte (lattosio) e sulle proteine del latte (in particolare la caseina). Troverai fatti concreti e fatti che normalmente non si trovano nei manuali nutrizionali tradizionali.

Maria Rollinger è stata documentata in profondità con la letteratura scientifica. In tutto il libro troverai note a piè di pagina con riferimenti a siti Web, riferimenti scientifici e spiegazioni aggiuntive. Nell'allegato troverai un glossario con parole straniere usate di frequente, riferimenti letterari, indirizzi Internet e un indice.
Chiunque sia interessato all'argomento del latte come alimento base apprezzerà questo magnifico libro, ne trarrà il massimo vantaggio e trarrà le proprie conclusioni.

CLICK FOR: Una risposta tipica da una donna il cui corpo rifiuta i latticini :

L'articolo mi ha convinto, vado a ordinare il libro adesso. Per 35 anni sono stato un consumatore convinto di prodotti lattiero-caseari; Tuttavia, dopo aver dato alla luce mio figlio, era allergico alle proteine del latte vaccino. Poiché stavo allattando da molto tempo, il mio medico mi ha raccomandato di rinunciare completamente a qualsiasi alimento che includesse qualsiasi elemento lattiero-caseario. Non è stato un compito facile, poiché, come ho potuto vedere, il latte si trova in molti degli alimenti che consumiamo. Ho deciso di privarmi anche dei latticini per il benessere di mio figlio e dopo un paio di settimane ho scoperto che avevo anche un'allergia al latte.

Quando ho smesso di prenderlo, la mia acne è scomparsa completamente e la mia rinite allergica accusata (che non era migliorata nemmeno con l'aiuto dell'immunoterapia da più di 4 anni). Da allora non riesco a trovare nulla di positivo nel latte. Trovo deplorevole che non mi prendano molto sul serio nei ristoranti, dove ti servono sempre del cibo a base di latticini - come la crema catalana - nonostante abbia avvertito che sono allergico al latte.

Agli occhi della maggior parte dei miei conoscenti, il latte è ancora molto salutare e io e mio figlio siamo due casi eccezionali per i quali alcune persone sono dispiaciute.

Il Dr. Ro ... ha risposto con la famosa frase: "Il latte di mucca fa bene ai vitelli" .

Lo scrittore è un avvocato, è nato nel 1954 e ha conosciuto le condizioni di vita in diversi paesi. Ulrike Martin Plonka (aiutato nella ricerca del libro) dirige il gruppo di auto-aiuto Intolleranza al lattosio e allergie alimentari nella città di Fürth. L'editore indica anche i siti Web del libro: www.milchlos.de e www.milchbessernicht.de dove è possibile ordinare il libro direttamente senza costi di spedizione (con pagamento anticipato) e con il diritto di restituzione prima che siano trascorsi 14 giorni!

CLICK FOR: Testo di presentazione

Vuoi sapere cosa c'è dietro la leggenda delle streghe del latte (Milchhexen)? Da quando consumiamo prodotti lattiero-caseari sfusi? Qual è l'aspettativa di vita di una vacca da latte a piena capacità? Cosa c'è dietro la clonazione delle mucche? E cosa pensano gli scienziati a nome dell'Unione europea delle condizioni delle mucche oggi? Perché il latte non taglia più, ma marcisce? In che modo uno yogurt moderno è diverso dagli yogurt tradizionali? Chi è intollerante al lattosio in questo mondo e perché? Quali malattie sono associate ai latticini e perché continuiamo ad avere carenza di calcio nonostante l'elevato consumo di latte? In questo libro troverai le risposte a queste e molte altre domande, nonché le fonti che ti permetteranno di espandere le informazioni fornite .

Un romanzo poliziesco sull'industria agroalimentare, emozionante dall'inizio alla fine.

La mia valutazione: il più convincente degli 11 libri che ho letto sui pericoli del latte.

CLICK FOR: Bibliografia e valutazione di Amazon

Bibliografia, p. 318. Ho contato 113 opere elencate.
L'autore cita numerosi studi scientifici ai piedi della pagina.
Indirizzi Internet, p. 329 (42 menzioni); abbreviazioni, p. 333; Glossario, p. 335; indice da pagina 345 a pagina 350.

Il libro ha suscitato molte aspettative, come mostrano i 44 voti dei lettori (ottobre 2014). In 38 occasioni ha ottenuto 5 stelle (seguito da 4x ****, 1x ***, 1x ** e nessuno *)!


Espressioni per i motori di ricerca

Affinché questo importante articolo - anche per le madri che allattano o che allattano - sia facilmente reperibile nei motori di ricerca, utilizzo la seguente terminologia : farmaci, accessori per l' allattamento come i tiralatte quando il bambino che allatta ha difficoltà a bere latte materna, latte materno e anche gravidanza (gravidanza, gravidanza), rimedio miracoloso o espulsione del latte e lattogenesi. Anche il riflesso di espulsione del latte. Se vuoi trovare informazioni sul latte materno, puoi raggiungere le sezioni in cui ne parli usando il comando CONTROL + F e digitando la parola desiderata. Evita le creme con cortisone o unguenti e prova a usare i farmaci consentiti, poiché parte del farmaco che prenderai sarà presente nel latte materno. Le ghiandole mammarie degli esseri umani sono seni femminili . L'ingorgo mammario può provocare un'infezione al petto; Per evitare ciò, è necessario continuare l'allattamento al seno e massaggiare la parte indurita. Vedi anche l'articolo sulle donne che allattano . E sulla pagina www.mamiweb.de: "Oggi ci sentiamo sopraffatti dalla seguente figura dell'anno 1780: dei 21.000 bambini nati e registrati a Parigi, 17.000 sono stati allevati da donne infermiere sul campo".


Commenta (come ospite) oppure accedi
List Commenti Stampa
Tag Cloud
 che   latte   del   Per   della   non   con   come   una   sono   anche   nel   più   gli   lattosio   prodotti   questo   proteine   formaggio   tra   delle   consumo   dei   essere   lautore   produzione   anni   alla   Tuttavia   persone