Fondazione Dieta & Salute
Fondazione
Dieta & Salute
Svizzera
La miglior prospettiva per la tua salute

Recensione del libro "¡Leche better no!" di Maria Rollinger

Il miglior libro sui prodotti lattiero-caseari con una base e riferimenti scientifici e conclusioni convincenti su ormoni, calcio e allergie.

© Catalina Sparleanu for diet-health

conclusione

Ci sono studi scientifici che confermano le dichiarazioni fatte in questo libro. Un'opera che offre al lettore una visione completamente diversa del latte e dei prodotti lattiero-caseari. Si può dire che tutti gli alimenti presentano vantaggi e svantaggi; Tuttavia, gli svantaggi sono più evidenti quando aumentiamo la quantità di cibo che consumiamo.

Gli svantaggi del latte sono così numerosi e possono danneggiarci così tanto che alcuni scienziati si riferiscono al latte come al cibo più importante che dovremmo smettere di assumere. Forse è per questo che esiste un gran numero di libri che criticano il consumo di latte.

Milch Besser Nicht! (Meglio il latte!) È il libro più completo che ho trovato su latte e latticini.

Siamo così influenzati dall'industria, dalla politica ( gruppi di pressione o lobby ), dalla medicina e dai media, che penso che avrei dovuto scrivere le conclusioni alla fine della recensione e non all'inizio. In caso di domande sulle dichiarazioni riportate di seguito, consultare la raccolta di circa 50 articoli scientifici di Maria Rollinger (link in tedesco).

Consiglio vivamente di leggere questo libro, perché nonostante la mia recensione lunga e dettagliata, nel mio articolo non ho incluso la documentazione di prova o giustificazione. In questa conclusione indico solo la relazione tra consumo e salute. Nell'analisi che segue la conclusione e il riassunto troverai informazioni su questo e altri argomenti di interesse legati al latte.

  1. L'alto contenuto di calcio nel latte non è benefico per il nostro corpo, quindi più prodotti lattiero-caseari consumiamo, maggiore è il rischio di soffrire di osteoporosi . Vedi anche l'immagine e il testo qui sotto.
  2. Secondo i dati dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) , il consumo di prodotti lattiero-caseari è strettamente correlato all'incidenza del cancro al seno. Questi dati sono stati dimostrati anche dopo aver confrontato la Germania occidentale con l'ex RDT. Ricerche della Harvard Medical School negli Stati Uniti e altri studi hanno dimostrato che i prodotti lattiero-caseari causano anche tumori ovarici ( carcinoma ovarico) e carcinoma prostatico negli uomini.
  3. I fattori responsabili di ciò sono probabilmente la grande quantità di ormoni della crescita contenuti nel latte e nei prodotti lattiero-caseari. Il latte neutralizza le funzioni degli acidi dello stomaco e non consente alle mucose presenti in esso di funzionare correttamente, in modo che gli ormoni della crescita alla fine raggiungano il sangue.
  4. L'alto contenuto di colesterolo dei prodotti lattiero-caseari provoca anche malattie cardiovascolari. La percentuale di colesterolo nel latte è, in alcuni casi, superiore a quella della carne.
  5. Gli studi condotti dall'Università di Harvard in merito alla malattia di Parkinson affermano che il consumo giornaliero di diversi prodotti caseari aumenta significativamente il numero di malattie tra gli uomini. Tuttavia, questo aumento non si verifica nel caso delle donne. Tra il 2002 e il 2007, lo scienziato cinese Junshi Chen ha ripetutamente confermato le affermazioni in questo studio.
  6. La maggior parte dei casi di autismo ha un malfunzionamento dell'intestino che porta alla trasmissione di particelle proteiche più grandi ( peptidi ) che raggiungono il sangue prima di essere digeriti completamente e innescare effetti indesiderati. Una dieta senza latticini e senza glutine ( dieta priva di glutine ) porterà significativi miglioramenti a questo tipo di pazienti.
  7. L'autore critica il trattamento attualmente utilizzato per l' acne e la dermatite atopica, che sottopone i pazienti all'uso di corticosteroidi per mesi o addirittura anni, senza grandi risultati. Quando i pazienti vengono pienamente informati, si rendono conto che, in generale, per ottenere un successo a lungo termine, è sufficiente evitare gli allergeni. La principale sostanza allergenica è generalmente il latte.
  8. A mio avviso, è utile seguire una dieta priva di glutine e caseina (nella dieta inglese GFCF ). Se la dieta viene seguita rigorosamente, i risultati saranno visibili in sole due settimane. Nel caso in cui le misure sopra indicate non fossero sufficienti, aiuterà a identificare gli allergeni un esame del sangue e i corrispondenti test dermatologici.
  9. I pazienti con malattie come l'artrite reumatoide hanno anche presentato istamina nell'infiammazione delle articolazioni colpite. Le persone che soffrono della malattia sviluppano anticorpi contro determinati alimenti che spesso includono proteine del latte.
  10. Anche il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) è correlato alla dieta. L'autore del libro racconta: Chiunque abbia osservato un bambino che gioca in silenzio e mezz'ora dopo, dopo aver preso una sola tavoletta di cioccolato diventa un piccolo malizioso impossibile da fermare, sa di cosa stiamo parlando . Scrive che non dovremmo essere sorpresi che i bambini sviluppino tali malattie, perché molti bambini si nutrono principalmente di pasta, pizza, pane, salsicce, bevande al latte e al cioccolato, creme e gelati . Alla fine, tutti sono alimenti che contengono latte e proteine del glutine. Successivamente, l'autore menziona alcuni libri consigliati su questo argomento.
  11. Le esorfine agiscono in modo simile ai frammenti di proteine di oppiacei e agiscono allo stesso modo: causano felicità e dipendenza, leniscono e alleviano il dolore . Le esorfine, in quanto agenti che generano felicità, si trovano principalmente nei cereali (glutine) e nel latte. La digestione converte la beta caseina α1 nell'oppioide più forte esistente: beta casomorfina 7. Le casomorfine entrano nel flusso sanguigno e nel cervello. Le cosiddette malattie della civiltà , come l'ADHD nei bambini, la depressione negli adulti, l'autismo, la schizofrenia , il diabete mellito di tipo 1 (quando il bambino riceve il latte di mucca troppo presto) e le malattie cardiache possono Sii le conseguenze del consumo di latte.
  12. Le proteine del latte sono composte per circa l'80% da caseina e per il 20% da proteine del siero di latte. Queste proteine del latte sono, insieme al bianco d'uovo, la causa più comune di allergie alimentari , specialmente nei bambini.

Mentre i punti di cui sopra sono applicabili a qualsiasi persona, il punto seguente riguarda solo le persone con inleranza al lattosio : lo zucchero del latte, chiamato anche lattosio, è un problema per le persone che soffrono di intolleranza, poiché il loro consumo Può causare loro gravi lesioni. Il libro tratta anche di altre malattie meno comuni di origine genetica, che possono anche derivare dal consumo di latte.

La menzogna del settore lattiero-caseario

© CC-by 2.0, Swiss Milk

Lo Schweizer Milchproduzenten (Società cooperativa dei produttori lattiero-caseari svizzeri o SMP) lo ha utilizzato e lo utilizza ancora nelle pubblicità del suo latte Swissmilk una mucca di nome Lovely (bellissima in inglese). La mucca pratica lo sci e il pattinaggio tra gli altri sport, cioè questa vacca da latte svizzera suggerisce che il latte rafforza le ossa. Infine, il BAG (Ufficio federale della sanità pubblica) è intervenuto nel 2001 e ha testimoniato prima del La Corte suprema svizzera quanto segue: in Svizzera è vietato usare slogan come: "Il latte rafforza le ossa" o "Il latte ti darà ossa forti" o trasmettere il messaggio che il calcio nel latte è buono per l'osteoporosi. Art. 19 Abs. 1 lit. c LMV, Art. 10 EMRK, Art.

La riproduzione del messaggio come immagine non era vietata, quindi la pubblicità continuava a esistere ma senza lo slogan ... Potremmo chiamarla pubblicità falsa al suo meglio, perché Swissmilk Sa che se una mucca cade nella stalla, un osso si romperà e dovrà essere macellato. Per molti anni mi sono preso cura di 75 mucche che hanno fornito letame per la coltivazione biologica di banane e latte che ho commercializzato da solo.

Questa immagine riflette la menzogna del settore lattiero-caseario. Quando ho fatto la richiesta telefonica per poter utilizzare l'immagine ho ricevuto una risposta negativa accompagnata da minacce di azioni legali contro di me, nel caso in cui l'ho pubblicata. Qui è come documentazione.

In passato, il glutine di frumento o la segale erano ridotti dalla fermentazione ; Tuttavia, oggi questi cereali sono coltivati con il massimo contenuto di glutine. Lo stesso vale per il latte e i suoi derivati.

Attualmente, a causa di un aumento incommensurabile del consumo di latte, stanno comparendo malattie che non esistevano quando il loro consumo era inferiore.

Nel caso del latte, la relazione tra le malattie e l'effetto che le proteine del latte e il lattosio hanno sulla nostra salute non è ovvia, poiché gli effetti richiedono tempo per apparire.

Secondo il libro " No Milk" (Milk No) del Dr. Daniel A. Twogood , i dolori cronici al collo , alla schiena o alla testa possono essere aggiunti all'elenco sopra menzionato. Ti assicuro che leggere la recensione del tuo libro , in cui l'autore menziona più di 3000 pazienti, non ti lascerà indifferente.

Maria Rollinger risale alle origini dell'umanità e quindi al momento in cui gli esseri umani hanno addomesticato il bestiame e quindi le mucche. Questo è successo circa 8000 anni fa.

Evoluzione della produzione di latte

All'inizio, l'uomo usava il bestiame come animali da tiro e per la produzione di carne. Circa 3.500 anni fa il suo latte iniziò ad essere usato per fare il burro. Molto più tardi l'uomo imparò a fare il formaggio e dal 1850 iniziò a produrre latte per il consumo nei circoli più selezionati della società.

Nel 1950 e negli anni successivi, la produzione e la trasformazione del latte traboccarono, determinando un'economia e un'industria lattiero-caseari; Sono stati creati i caseifici che hanno reso il latte e i prodotti lattiero-caseari l'elemento centrale della nostra dieta .

Il peso di una mucca è triplicato a causa dell'allevamento intensivo e della fornitura di antibiotici. Nel Medioevo la produzione di latte da una singola mucca poteva essere aumentata per far passare il burro da 300 a 600 litri all'anno (p. 27). Al giorno d'oggi, la produzione varia tra 8.000 e 18.000 litri all'anno. La mucca viene inseminata poche settimane dopo la nascita del vitello, in modo che, dopo un periodo di allattamento al seno di 310 giorni, la mucca genererà un altro bambino e potrà continuare a fornire latte.

Il trucco è nutrire gli animali con mangime concentrato anziché erba. Le mucche che i media ci mostrano sono mucche che possono pascolare liberamente e il cui obiettivo non è la fornitura di latte, ma di carne. C'è qualche eccezione che si può trovare nelle Alpi, soprattutto in estate.

Oggi il latte ha così tanti grassi che se fosse preso da un vitello, ti farebbe stare male - in ogni caso, gli viene dato un derivato del latte chiamato sostituto del latte . Il vitello non può nemmeno prendere qualcosa di così importante per lui come lo è il colostro della mammella di sua madre.

Questa transizione subita dai prodotti lattiero-caseari per diventare la base della nostra dieta è strettamente correlata all'enorme aumento delle cosiddette malattie della civiltà . L'autore evita di insistere sulla relazione tra questi due fatti, poiché vi sono altri fattori che si sono evoluti contemporaneamente.

Dopo la seconda guerra mondiale l'industrializzazione del settore lattiero-caseario iniziò a diffondersi. Quell'industrializzazione includeva diversi processi che Maria Rollinger spiega dettagliatamente e chiaramente nel suo libro. Questo sviluppo industriale si riflette anche nell'evoluzione del bestiame; soprattutto nell'allevamento di mucche e vitelli, che ci dice anche l'autore.

Le cause di malattie che, in larga misura, sono il risultato di una dieta scorretta

Si concentra sull'evidenziazione delle cause delle malattie che, in larga misura, sono il risultato di una dieta scorretta. Mostra il processo di riassorbimento (assunzione di cibo e la sua assimilazione fino a raggiungere il sangue), la sua elaborazione da parte degli organi, i suoi effetti sulla zona interessata e i conseguenti problemi di salute.

Analizza anche quei paesi che non sono stati tradizionalmente consumatori di latte. Un esempio di questo è il Giappone, dove ci sono gli stessi livelli di stress che in Occidente; Tuttavia, la loro dieta non assomiglia affatto alla nostra. Le differenze? Ad esempio, non ci sono quasi casi di osteoporosi (fragilità delle ossa).

L'incidenza di questa malattia si verifica solo su larga scala in quei paesi con un elevato consumo di latte e prodotti lattiero-caseari.

Spiega anche i motivi per cui ciò accade e perché i giapponesi che vivono negli Stati Uniti sviluppano gli stessi problemi dei cittadini statunitensi quando adattano le loro abitudini allo stile di vita occidentale. Si riferisce anche ai passi che l'industria lattiero-casearia sta adottando per garantire che anche le persone con allergia al lattosio consumino latte.

Evidenzia i motivi per cui le persone con intolleranza al lattosio soffrono più delle persone del nord Europa. Quest'ultimo di solito tollera meglio l'assunzione di latte a causa di una vecchia mutazione. Tuttavia, ciò non significa che gli abitanti di queste regioni siano liberi di soffrire delle malattie sopra menzionate.

Il latte e i prodotti lattiero-caseari contengono sostanze molto diverse che agiscono in modo diverso su ogni persona - ed è qui che sta il problema. Sfortunatamente, ci sono diversi contesti e possibili conseguenze derivanti dal consumo di prodotti lattiero-caseari. Pertanto, alcune persone potrebbero avere difficoltà a comprendere questo libro e il suo contenuto.

I processi non sono stati l'unica causa della sventura attorno al latte.

Alcuni prodotti che in precedenza potevano essere salutari come kefir , yogurt , ricotta o formaggio non solo sono sottoposti a un processo di denaturazione, ma contengono anche additivi come latte scremato in polvere.

Lo scrittore afferma che non mettiamo più in relazione il latte bianco con l'animale da cui proviene, né lo riconosciamo come fluido corporeo di una specie che non è nostra.

È molto difficile rinunciare completamente al latte e ai latticini, ma ne vale la pena, sia che tu sia ancora sano o che tu abbia una malattia. Considera il gran numero di persone che soffrono di malattie della civiltà in età relativamente giovane.

Nelle recensioni dei libri "The China Study" e " Salt Sugar Fat ", troverai gli altri motivi per cui questo è come abbiamo indicato, e nel libro " MILK The Deadly Poison " troverai un ancora una volta, il problema del latte contemplato da un diverso punto di vista. I link ti indirizzeranno alle recensioni dei libri.

2. Recensione del libro

Nel prologo, il compagno di ricerca del libro Milch besser nicht! (Meglio il latte!) , Ulrike Martin-Plonka , sottolinea che l'industria lattiero-casearia cerca costantemente di aprire nuovi mercati di consumo in quei paesi che non hanno consumato tradizionalmente latte . Di solito, queste persone sono intolleranti al lattosio. Ciò accade con il pretesto di aiuti allo sviluppo (cooperazione allo sviluppo) che è sostenuto dai governi. Inoltre, questi consumatori in futuro avranno più problemi di salute anche di noi.

La formula più semplice per preparare una pappa

Nel prologo, Ulrike Martin-Plonka , chiarisce qual è la formula più semplice per preparare un alimento per neonati (alimentazione infantile): prolungare il periodo massimo di allattamento . Ha aggiunto che le madri dovrebbero nutrire i propri figli senza nessun altro tipo di latte.

Ci fornisce inoltre le seguenti informazioni:

È sorprendente che le persone che mostrano critiche sul consumo di latte spesso non ricevano credibilità, se consideriamo la storia del latte, le statistiche, la conoscenza degli attuali metodi di produzione e, in definitiva, la ricerca su Scienziati famosi ci raccontano una storia diversa.

Messaggio e domanda

Quindi cito il messaggio e la domanda posta dalla scrittrice, in modo che conoscano il suo stile diretto e fluido:

Nonostante la propaganda trasmessa da alcune persone arrapate e nelle migliori condizioni fisiche, soffriamo sempre più di malattie. Ci dicono che la nostra aspettativa di vita è maggiore e così è. Tuttavia, a che serve la longevità statistica se ci sono casi di attacchi di cuore nelle persone di 53 anni di età o cancro al seno con solo 45 anni? Soffriamo di morbo di Parkinson, morbo di Alzheimer e demenza in età sempre più giovane; Senza dimenticare che, le malattie tumorali colpiscono in misura crescente persone di tutte le età.

Qual è la ragione del crescente aumento di diabete, attacchi di asma, infezioni dell'orecchio medio, eruzioni cutanee e grave deficit di attenzione nei bambini? Queste malattie sono all'ordine del giorno insieme a problemi intestinali, disturbi circolatori, osteoporosi nelle donne e negli uomini, eczema, allergie e intolleranze alimentari che colpiscono non solo i bambini, ma anche adulti e trasforma la vita di queste persone in un vero calvario.

Esiste la possibilità che il latte, il cibo moderno per antonomasia, possa avere a che fare con questa evoluzione della nostra salute e non essere sano come la pubblicità, suggeriscono l'industria alimentare e la scienza?

Nell'introduzione Maria Rollinger chiarisce l' importanza e l'uso del latte dai tempi biblici come spiegato nella Torà e nella Bibbia ( Esodo 3: 7-8 o Genesi 13: 14f), dove appare l'espressione di 3 anni fa 300 anni La terra promessa da cui provengono latte e miele , perché il latte non fu consumato come bevanda fino al XIX secolo, ma fu trasformato in burro e formaggio (p. 18).

La produzione di burro e le prestazioni di una mucca

Mentre il burro o il burro chiarificato sono facili da ottenere, le uniche persone in grado di produrre formaggi di qualità erano gli antichi greci e romani . Il grasso vegetale non può che essere trasformato in olio. Il grasso del latte è stato ottenuto senza la necessità di uccidere gli animali, tuttavia, il sego o lo strutto di manzo potevano essere raggiunti solo macellando tali animali. Il burro divenne quindi il grasso ideale per i nomadi (p. 19). Nota: olio di balena e grassi vegetali o oli hanno iniziato ad essere utilizzati molto più tardi.

A quel tempo, le prestazioni di una mucca erano comprese tra 0,3 e 0,9 litri al giorno e raramente fino a un massimo di 2 litri al giorno. Il periodo di lattazione era compreso tra 100 e 240 giorni. Ancora oggi, una mucca può dare latte solo durante il periodo dell'allattamento al seno necessario ai suoi piccoli, che di solito è di 305 giorni.

Per fare un chilo di burro, oggi abbiamo bisogno di 21 litri di latte; Tuttavia, in passato erano necessari due o addirittura tre litri di latte. L'allevamento dei vitelli è un'attività iniziata nel XX secolo grazie a una dieta a base di sostituti del latte . Nel Medioevo si potevano ottenere fino a 600 litri di latte da una sola mucca e circa 250 litri dovevano essere riservati al proprio vitello.

Redaction comment

Definizione del periodo di allattamento su Wikipedia: dal 1937 in poi, la somatotropina bovina (BST) derivata da carcasse di bovini viene iniziata con l'iniezione nei bovini allo scopo di aumentare la produzione di latte. Negli Stati Uniti dal 1994, se possibile, si ottiene una produzione maggiore perché viene iniettata la somatropina bovina ricombinante (rBST), commercializzata dalla società Mosanto con il marchio Polisac.

"Nell'agosto 2008 la Monsanto ha venduto Polisac e tutti i diritti associati a Elanco Animal Health, una consociata di Eli Lilly . Finora, l'uso del prodotto Posilac non è consentito in Canada o in Europa."

"Uno degli effetti collaterali che questo prodotto può causare nelle mucche è una mastite che, a sua volta, lascia residui di pus nel latte. La misura raccomandata per contrastare l'effetto della mastite è di aumentare la dose di antibiotici . risultato, parte di quegli ormoni , così come gli antibiotici finiscono nel latte ".

Per discutere del latte e della nostra mancanza di capacità di adattarci ad esso, è importante sapere che solo 12000 anni fa gli esseri umani hanno addomesticato capre e pecore e 8.000 anni hanno addomesticato il bestiame ( in realtà mucche ) in Medio Oriente . Più specificamente, il fatto che beviamo latte e non lo trasformiamo più in burro o formaggio è uno sviluppo iniziato durante la Rivoluzione industriale.

Prof. Dr. Norbert Benecke - Uomo e animali domestici

Le attuali mucche non provengono dalle specie estinte nel 1626 note come uro eurasiatico , come è ancora possibile leggere in alcune fonti. Il professor Norbert Benecke ha riconosciuto, attraverso il confronto delle sequenze geniche mitocondriali, che gli uro geni eurasiatici non si trovano nelle nostre mucche, ma che discendono dal bos.

Vedi anche il suo libro " Der Mensch und seine Haustiere" (Uomo e animali domestici) , nonché il seguente articolo dell'anno 2006 pubblicato sul giornale NZZ con menzione del Dr. Ruth Bollongino . In Europa abbiamo lasciato l' uro eurasiatico convivere con il nostro bestiame da corrida domestico per circa mille anni.

Solitamente selezionavano le femmine più domandose, cioè le mucche come animali da tiro , che tiravano gli aratri e in alcuni punti lo fanno ancora. Inoltre, tutti gli animali sopra menzionati sono stati utilizzati come fornitori di carne ( per la macellazione ).

Redaction comment

Signora Rollinger Include anche il cane (p. 29). Il gatto si unì a noi circa mille anni prima del bestiame. Ma anche molto prima; Più di 30.000 anni fa, abbiamo addomesticato il cane e abbiamo iniziato ad allevarlo. 9.000 anni fa abbiamo domato il maiale . Gli animali sopra menzionati e molti altri li chiamiamo animali da fattoria o bestiame . Gli umani hanno iniziato a domare il cavallo almeno 7000 anni fa e l' asino circa 6.000 anni fa. Cammelli e dromedari accompagnano le persone probabilmente da 5.000 anni. Il latte di cammello veniva preso prima di quello della mucca.

È importante sapere che il lattosio è lo zucchero del latte; La lattasi è l'enzima che scompone il lattosio.

L'autore analizza i dati di epoche diverse e ci informa che abbiamo consumato eccessivamente prodotti lattiero-caseari bianchi solo dalla fine della seconda guerra mondiale. Abbiamo preso conclusioni totalmente errate dal punto di vista biblico di "latte e miele".

Una vita con un consumo giornaliero di prodotti lattiero-caseari non è un'usanza tradizionale

Come vedremo più avanti, una vita con un consumo giornaliero di prodotti lattiero-caseari come latte, burro, formaggio, ricotta, yogurt, cioccolato al latte, ecc. Non è un'usanza tradizionale e probabilmente non è molto salutare , poiché fino al XIX secolo il latte veniva usato quasi esclusivamente per produrre burro e formaggio.

Dopo l' industrializzazione , il latte ha iniziato a essere consumato regolarmente. Inizialmente è stato preso solo nei circoli più selezionati della società (vedi utopia ).

L'autore sottolinea l'importanza medica dell'intolleranza al lattosio attraverso le parole che sono usate raramente come alattasia, ipolattasia, malassorbimento o sindrome da deficit di lattasi e descrive anche l'importanza degli aspetti etnologici di queste condizioni. Quando la prole dei mammiferi smette di allattare, la carenza di lattasi (carenza di enzimi lattasi ) ritorna ai livelli normali, cosa che si verifica anche nell'uomo.

2.1. Storia, p. 23

Maria Rollinger chiarisce come abbiamo raggiunto il consumo e l'alimentazione attuali basati sul latte analizzando le origini dell'homo sapiens ( uomo ). Nel suo libro continua che le caratteristiche tipiche degli erbivori sono state scoperte nell'uomo, a causa dello sviluppo di dentiere che sono state trovate sotto forma di fossili dell'uomo primitivo , nonché di circostanze fisiologiche come la nostra incapacità di produrre vitamina C da soli corpo.

Sopravviviamo a molte migliaia di anni sulla base di alimenti vegetali

I carnivori ( predatori ), tuttavia, hanno tubi digestivi corti e lisci per prevenire la rottura di proteine dannose e segmentare il più rapidamente possibile proteine di origine animale (p. 23).

Un'altra chiara indicazione è anche il nostro intestino tenue allungato con i suoi villi intestinali . Nell'uomo è ancora più lungo e l' intestino crasso è più corto che in altri primati . Osservazione: il nostro intestino ha anche pieghe intestinali e microvilli che aumentano notevolmente la superficie.

Redaction comment

La biologia dello sviluppo o informalmente anche chiamata "evo-devo" o "eco-evo-devo" se sono inclusi anche studi ambientali, ci aiuta a capire l'ampio intervallo di tempo a cui un tratto digestivo deve abituarsi Nuovo modo di nutrirsi.

La "evo-devo" include anche i processi di epigenetica , che iniziò ad essere chiara solo negli anni 80. Il termine fu coniato dal ricercatore britannico Conrad Hal Waddington nel 1942 e ne discusse in profondità nel suo libro "L'epigenetica degli uccelli "(L'epigenetica degli uccelli) nel 1952. Fino a quel momento la teoria della barriera di Weismann era un principio che la contraddiceva. Dagli anni '90 abbiamo iniziato a renderci conto della sua importanza e del suo impatto.

Come si può vedere in altri primati, sopravviviamo a molte migliaia di anni A base di alimenti vegetali con contributi occasionali di alimenti di origine animale . Principalmente erano tuberi , radici , verdure (ortaggi a foglia , piante ) come canne e cipressi , semi , noci , frutta e bacche . Tra i nostri cibi più antichi c'erano anche coleotteri , lumache , insetti , molluschi e uova di varie specie di uccelli e occasionalmente pesce e carne di piccoli animali.

Abbiamo difficoltà a disintossicare l'ammoniaca ( ciclo dell'urea ) e il nostro corpo può tollerare solo fino al 30% di proteine nella dieta.

L'alimentazione da animali più grandi è aumentata durante il Paleolitico superiore parallelamente allo sviluppo globale della cultura di cacciatori e raccoglitori .

Tuttavia, l'autore chiarisce che anche in quei casi, la percentuale di alimenti vegetali era sempre del 70% circa.

Evoluzione umana

© Public Domain, Bwd, Wikipedia
Immagine di dominio pubblico dall'articolo di Wikipedia Human Evolution :
Professor Friedemann Schrenk, Die Frühzeit des Menschen. Der Weg zu Homo sapiens, (I primi giorni dell'umanità. La strada per l'Homo sapiens). Editoriale CH Beck, 1997 e 2003, p. 122.

Il Paleolitico superiore iniziò circa 40.000 anni fa e durò circa fino al 9700 a.C. C. Contemporaneamente iniziò l'immigrazione dell'Homo sapiens in Europa, dove l'uomo di Neanderthal aveva vissuto per 130.000 anni. Entrambi provenivano da Homo (tra 2,5 e 1,5 milioni di anni fa). Vedi anche l' Homo rudolfensis , la cui esistenza è stata assicurata nel 2012 dopo diverse scoperte e che, secondo Wikipedia, era un uomo prevalentemente erbivoro .

Vi furono sviluppi diversi a seconda delle diverse epoche e aree: ad esempio durante l'ultima fase del paleolitico l'uomo seguì una dieta basata su grandi animali che egli stesso cacciava. Come risultato di questa alimentazione intere società erano vicine alla rovina (p. 24).

La rivoluzione neolitica, lo stile di vita sedentario, la specializzazione agricola e le eccedenze

Circa 12'000 anni fa l'uomo iniziò ad allevare bestiame e coltivare il campo ; Iniziò così la rivoluzione neolitica , lo stile di vita sedentario , la specializzazione agricola e le eccedenze, che furono la causa dello sviluppo di abitudini alimentari squilibrate. Le indagini archeologiche alludono a questi eventi. Osservazione: questo cambiamento ha avuto luogo nel corso di migliaia di anni in diverse aree e non è avvenuto contemporaneamente.

Nel corso della rivoluzione neolitica, l' uomo ha dovuto incorporare nella sua dieta tutti i tipi di nuovi alimenti come cereali e latticini. Oggi, tuttavia, hanno lo status di alimenti di base (p. 26).

Pertanto, non sorprende che molte persone soffrano principalmente di intolleranza al latte o ad alcuni cereali (vedi anche l'articolo sull'intolleranza alimentare ).

Redaction comment

I cereali con glutine , una miscela di proteine , possono causare sensibilità al glutine o persino alla celiachia . L'intolleranza al glutine può anche essere chiamata sensibilità al glutine, enteropatia sensibile al glutine, spruzzo celiaco, sprue non tropicale o malattia di Heubner-Hammond ed è una malattia cronica che soffre di mucosa dell'intestino tenue a causa di un'ipersensibilità a determinati componenti del glutine , in particolare alle proteine adesive presenti in alcune varietà di cereali .

Il latte rimane il nuovo alimento e l'adattamento ( adattamento ) non ha raggiunto lo stesso livello di sviluppo. Nella maggior parte delle persone, l'adattamento non è avvenuto poiché hanno sempre vissuto a parte i prodotti lattiero-caseari.

Il latte durante i suoi inizi. Il latte e il formaggio erano responsabili di molte malattie

Lo scrittore descrive il latte durante i suoi inizi e il consumo tardivo di latte vaccino. Questo tipo di consumo è iniziato grazie a capre e pecore. Vi sono tracce di lavorazione del latte per 6000 anni nelle aree del Sahara, dell'Egitto e della Mesopotamia e 4000 anni fa in India. Dall'anno 3500 a. C. la mucca e il toro iniziarono a essere considerati divinità. Maria Rollinger spiega nel suo libro i vari tipi di adorazione, come il culto della dea egiziana Hathor o i diversi miti dell'era glaciale del nord Europa.

Il burro era un oggetto di lusso che veniva usato principalmente come grasso per fare unguenti e balsami cosmetici per la guarigione delle malattie della pelle. Greci e Romani furono i primi a riconoscere l'esistenza di malattie la cui origine era il latte. Il medico greco Ippocrate (460-370 a.C.), considerato il fondatore della scienza medica, aveva già menzionato le reazioni di intolleranza al latte e al formaggio. Per i greci, il burro era considerato anche un prodotto dannoso per la salute. (p. 35)

Dopo l' era romana classica non ci sono più menzioni di latte, burro e formaggio. La storia più recente sul latte dalla fine dell'antichità è praticamente senza indagini . L'autore suggerisce che è probabile che questa storia non possa conciliarsi con l'attuale convinzione o credo sul "consumo di latte tradizionale" e sull'idea di "latte sano".

Inoltre, Galeno di Pergamo , meglio noto come Galeno (circa 129-199), il più importante medico dell'antichità, affermò che il latte e il formaggio erano responsabili di molte malattie. Ha praticato la medicina preventiva e ha ritenuto che per eseguire una pulizia interna dell'organismo solo il siero fosse benefico (p. 37).

Successivamente, altri medici hanno riferito del formaggio in particolare a problemi digestivi, mal di testa ed epilessia . Il grande amante del formaggio Pantaleone de Confienza (1417-1497 ca.) pubblicò il libro " Summa lacticiniorum " (1477); che divenne noto nel primo libro che parlava delle bonanze del latte e dei suoi derivati.

Sulla base delle sue osservazioni, ha anche consigliato di consumarlo con moderazione: Il formaggio è salutare se servito da una mano avara . Durante i suoi numerosi viaggi ha visto che alcune persone si sono ammalate direttamente e altre hanno mostrato maggiore tolleranza. Ha affermato che le persone anziane avevano maggiori probabilità di avere l' asma. Ha descritto correttamente come il latte coagula nello stomaco formando grumi che rendono difficile la digestione. Ha anche sottolineato che il latte e i latticini ingrassano.

Galeno scrisse che il latte d'asino, d'altra parte, non coagula ed è quindi il più sano; Come il latte materno, il latte d'asina contiene poca caseina.

La signora Rollinger ci informa nel suo libro che il medico e naturalista svizzero Conrad Gesner (1516-1565) nella sua pubblicazione del 1541 " Büchlein von der Milch und den Milchprodukten" (Taccuino di latte e prodotti lattiero-caseari) ha descritto gli stessi risultati che Galeno descrisse. Il suo lavoro presenta 13 punti in dettaglio e sintetizza le malattie che ha osservato che possono essere causate da un consumo di latte e formaggio:

Ostruzioni epatiche e malattie del fegato, calcoli renali, calcoli alla vescica, raffreddori (asma), gonfiore sotto il diaframma (che mette sotto pressione il cuore e provoca dolore al cuore), gonfiore dell'addome, gengive e ferite dei denti, eruzioni cutanee, malattie della milza, asfissia, alterazioni della vista, mal di testa, disturbi nervosi, vertigini ed epilessia (p. 42).

Il latte rimasto dalla trasformazione del burro era considerato uno spreco e veniva usato per nutrire i maiali. Fino al XIX secolo, il valore di una mucca veniva misurato in base alla sua produzione di chili di burro e non di latte.

Intorno al 1800, una mucca pesava circa 250 chilogrammi e produceva tra i 600 e gli 800 litri di latte all'anno. Oggi le mucche pesano più di 650 chili.

Il responsabile del caseificio era responsabile della trasformazione del latte e il suo reddito totale proveniva dal 77% del burro, dal 13% del formaggio e dal 10% della vendita del maiale esca.

In epoca romana, le capre venivano allevate nell'Europa meridionale, tuttavia nel resto del continente le pecore erano responsabili della produzione di lana e, in misura minore, di formaggio. (p. 44) Tra il VI e il XII secolo, d. C. anche la capra è stata allevata nel nord Europa per fornire cuoio, cuoio, carne e latte. Il latte di capra veniva usato per fare il formaggio perché il latte di capra non è adatto alla produzione di burro.

Le razze greche danno 100 litri di latte all'anno. Oggi, le prestazioni possono essere anche superiori a 300 litri. Intorno al 1800, la produzione in Germania era di circa 150 litri di latte per capra all'anno, mentre oggi raggiunge i 1000 litri.

2.2. Dall'economia di sussistenza alla produzione industriale (1870-1970), p. 49

All'interno della definizione di sussistenza, l'autore descrive la forte crescita della popolazione tedesca dalla riunificazione nel 1871 fino al 1914 e la conseguente formazione di città e l'emergere del commercio e del consumo di latte.

sussistenza

Inizialmente i contadini fondarono caseifici da cui le mungitrici distribuivano il latte attraverso le case. Più tardi alcune lattaie aprirono i loro caseifici, alcuni dei quali ci hanno lasciato storie e morale come quello nella storia della lattaia.

Queste operazioni commerciali erano limitate alle aree locali a causa della ridotta durata del latte fresco. Il latte, ad esempio, poteva essere trasportato solo circa 5 chilometri con un veicolo trainato da cavalli senza perderlo, un raggio che poteva aumentare a 30 chilometri se il mezzo di trasporto fosse ferroviario . (p. 50)

© Public Domain, Grandville, Wikipedia
Immagine di pubblico dominio di Wikipedia: "La laitiere et le pot au lait" di Grandville - illustrazione delle favole di La Fontaine. Puoi ingrandire quasi tutte le immagini facendo clic su di esse!
Redaction comment

L'origine della storia della lattaia non è chiara in Wikipedia (versione tedesca) come nel libro. In effetti, la spiegazione dell'autore è più plausibile, anche se oggi la storia della lattaia a volte può avere un carattere peggiorativo.

Maria Rollinger illustra attraverso una tavola dell'anno 1882 il programma settimanale di pasti di una sala da pranzo sociale . C'era solo brodo di carne o latticello un giorno alla settimana. È stato preparato un menu per quattro persone con mezzo chilo di orzo per la preparazione della zuppa e sei chili di patate. Le patate erano considerate l'alimento principale; Ha mangiato in media 700 g a persona.

Il commercio locale di latte esisteva fino all'introduzione delle macchine, quando il burro rappresentava ancora la maggior parte della produzione. L'introduzione di macchine per centrifuga del latte ha contribuito alla proliferazione delle aziende lattiero-casearie. Il margine di burro era molto più grande, tuttavia, una centrifuga era costosa. A quel punto gli uomini fondarono i cremerías e a poco a poco fu stabilita una divisione del lavoro tra le caseifici o i cremerías e le cooperative di marketing.

© CC-by 2.0, Flominator, Freilichtmuseum Neuhausen, OK Walter Knittel
Carl Gustaf Patrik de Laval, un francese che visse in Svezia, convertì tra il 1876 e il 1878 la macchina per la separazione del latte inventata da Wilhelm Lefeldt o semplicemente Lehfeldt (1836-1913) in una centrifuga per il latte.
Redaction comment

Cito letteralmente il libro: "A nome dell'Imperatore Napoleone III, Méges-Mouriès sviluppò nel 1860 un burro sostitutivo per l'esercito derivato da una margarina di sego di manzo e latte scremato. Nel 1902 l' idrogenazione divenne possibile grazie a Wilhelm Normann, così che la margarina (per i più svantaggiati) potrebbe contenere anche oli vegetali".

Nel 1870 apparvero i primi giornali e pubblicazioni relativi al latte. L'obiettivo della propaganda era che la popolazione impoverita familiarizzasse con latte e prodotti lattiero-caseari (p. 57), tuttavia, fino al 1914 questo segmento della popolazione continuò a mangiare principalmente patate, pane e grassi e a bere brodo da cicoria ( sostituto del caffè senza caffeina ).

Commenti

Tag Cloud
 che   latte   del   Per   della   non   con   come   una   sono   anche   nel   più   gli   lattosio   prodotti   proteine   questo   formaggio   tra   delle   consumo   dei   essere   lautore   produzione   alla   anni   Tuttavia   malattie