Fondazione Dieta & Salute

La miglior prospettiva per la tua salute

La miglior prospettiva per la tua salute

La miglior prospettiva per la tua salute

La miglior prospettiva per la tua salute

Questa pagina è stata tradotta tramite Google Translator

Recensione del libro "The China Study" di T. Colin Campbell

List Commenti Stampa

Lo "China Study" mostra sorprendentemente cosa possiamo migliorare nella dieta abituale per evitare le malattie della civiltà. Un libro importante.

conclusione

Dopo la "rivelazione", Saulo di Tarso divenne Paolo di Tarso e il suo pensiero e comportamento furono trasformati ... Le prove schiaccianti presentate da una serie di rinomati ricercatori concludono quanto segue: il consumo di meno proteine di origine animale è il passo più importante per evitare le malattie della civiltà conosciute. Fino a un certo punto, il cibo consente anche la guarigione.

Poiché le industrie alimentari e farmaceutiche hanno mezzi praticamente illimitati, e quindi disabilitano attivamente i cambiamenti verso un'alimentazione sana, queste affermazioni possono essere credute solo attraverso le prove fornite. L'interdipendenza tra economia, politica, media e salute è troppo elevata. Una buona storia può sempre essere raccontata, ma la verità richiede sensibilità e capacità intellettuale.

L'autore ci descrive in modo convincente come si fidasse di un bambino e di un giovane nelle proteine di origine animale. Anche la sua tesi di dottorato puntava in quella direzione. Voleva aiutare l'umanità a migliorare la propria salute sostenendo un maggiore consumo di carne, latte e uova. Con questa idea ha lavorato diversi anni nelle Filippine.

Per dieci anni, l'obiettivo principale del loro lavoro è stato quello di garantire, attraverso centri educativi di auto-aiuto, che i bambini ingerissero quante più proteine possibili di origine animale. Tuttavia, ha scoperto che i bambini le cui diete avevano la più alta quantità di proteine erano quelli che hanno maggiori probabilità di contrarre il cancro al fegato! .

Successivamente, ha appreso delle prove in India su gruppi di ratti che hanno mostrato risultati simili e non sono stati considerati credibili. Gli esperimenti della sua stessa squadra con topi transgenici hanno raggiunto gli stessi risultati: non sono i geni che determinano se una persona sarà vittima di uno dei dieci motivi principali che portano alla morte, ma ciò che mangia.

Questa è stata la sua esperienza chiave:

I risultati delle prove condotte con il suo team per 27 anni, finanziate dalle più rinomate istituzioni nazionali, sono stati verificati una seconda volta da una serie di prestigiose pubblicazioni scientifiche.

Per i ricercatori è stato scioccante vedere che una dieta a basso contenuto proteico inibiva lo sviluppo del cancro prodotto dall'aflatossina. Questa stessa dieta ha anche ridotto la crescita di un cancro esistente.

Non tutte le proteine hanno favorito l'insorgenza del cancro, ma la caseina , che rappresenta fino all'87% delle proteine del latte vaccino , ha incoraggiato tutte le fasi del processo cancerogeno. Le piante, invece, fornivano proteine non pericolose.

Quattro decenni di ricerca biomedica, inclusi i risultati di un programma di laboratorio a lungo termine, dimostrano attraverso risultati scioccanti che mangiare correttamente può salvarti la vita - scrive Campbell di conseguenza - ed elenca i seguenti benefici:

  • Il cambio di dieta può indurre i pazienti diabetici ad abbandonare i loro farmaci.
  • Le malattie coronariche possono essere invertite da semplici cambiamenti nella dieta.
  • Il cancro al seno è correlato ai livelli di ormoni femminili nel sangue, determinati dal cibo ingerito.
  • Il consumo di prodotti lattiero-caseari può aumentare il rischio di cancro alla prostata.
  • Gli antiossidanti presenti in frutta e verdura promuovono migliori prestazioni mentali in età avanzata.
  • I calcoli renali possono essere prevenuti con una dieta sana. Il diabete di tipo 1, una delle malattie più devastanti che un bambino può soffrire, è legato alle abitudini alimentari dei bambini.

Questo modo di pensare è nato dopo il completamento di uno studio globale con 6.500 abitanti di un gran numero di province nella Cina rurale. Questo è uno studio in cui due università americane e un cinese hanno partecipato sotto la direzione dell'autore di questo libro, China Study (The China Study Spanish. Il libro China non è un PDF).

Infine, Campbell menziona nella sua introduzione che i confini tra politica , governo , industria alimentare , aziende farmaceutiche , scienza e medicina si sono indeboliti nel tempo. I perdenti sono giustizia e salute . E poiché non è riconosciuto, è più pericoloso della corruzione .

Il risultato è un'enorme quantità di disinformazione per la quale il consumatore americano medio paga due volte. In primo luogo, contribuiscono alle indagini condotte per mezzo del loro gettito fiscale e, in secondo luogo, pagano l'assistenza sanitaria per far fronte alle malattie che avrebbero potuto essere prevenute.

CLICK FOR: Commenti, prefazione e prologo

Le immagini di questa recensione hanno la funzione di rendere la lettura più piacevole e di scrivere le mie osservazioni personali. Il libro contiene poche immagini, ma numerose grafiche. Le fotografie che ho incluso provengono da Wikipedia , sono personali o sono di dominio pubblico .

Dopo la prefazione e il prologo dell'edizione nordamericana (questo è lo stesso prologo per l'edizione spagnola, ma non per quello tedesco che include un prologo aggiuntivo di un altro autore), possiamo leggere l'introduzione di T. Colin Campbell (link in inglese) in cui spiega la sua carriera e la sua motivazione , e in cui aggiunge diversi dati rilevanti di interesse.

Successivamente, troviamo le quattro parti differenziate del libro: The Study of China ; Le malattie associate al benessere economico; La guida per una buona alimentazione; E perché non ne hai mai sentito parlare? . A partire da pagina 403, sono incluse tre appendici: Domande e risposte: effetti delle proteine negli studi sperimentali con ratti; Progetto sperimentale di The Study of China ; e La connessione della "vitamina" D. E, infine, le Note a pagina 425 e l' indice tematico da pagina 471.

Il libro inizia con la prefazione di Howard Lyman , autore di Mad Cowboy , che esprime il suo rispetto per Colin Campbell per il suo coraggio e integrità . Si riferisce al problema di andare contro il mainstream o il mainstream , nonostante il fatto che le prove scientifiche siano dalla loro parte.

Quando un gruppo di agricoltori ha deciso di fare causa a Oprah Winfrey dopo aver espresso la sua intenzione di smettere di mangiare carne, Lyman era anche un altro degli imputati.

Il prologo dell'edizione nordamericana e spagnola è scritto da John Robbins (link in inglese), autore di " Reclaiming Our Health " e " The Food Revolution ". Note di Robbins :

È più facile trovare un cioccolato Snickers, un Big Mac o una Coca-Cola che una mela. E i tuoi bambini mangiano nella mensa della scuola, dove l'idea che si ha delle verdure è il ketchup degli hamburger.

Successivamente, Robbins si riferisce alla colorata rivista intitolata " Medico di famiglia: la tua guida essenziale per la salute e il benessere " , che l' American Academy of Family Physicians invia gratuitamente ai medici di medicina generale negli Stati Uniti. È pieno di pubblicità a colori e a colori di McDonald's , Dr. Pepper , nonché di budino al cioccolato e biscotti Oreo . Qualcosa di simile si verifica in Europa, ma probabilmente in un modo più raffinato. Infatti, i produttori di piatti precotti finanziano la stesura di relazioni ( pubbliche relazioni , pubbliche relazioni) in cui i cosiddetti dietisti evidenziano i vantaggi delle zuppe di buste e dei cibi surgelati . I ricercatori più critici della Yale University lo definiscono l' ambiente alimentare tossico .

Robbins definisce The Study of China come un libro saggio e intelligente e descrive il suo autore come una persona di grande umiltà e profondamente umana. Come ci dice, rivela sempre come ha raggiunto le sue conclusioni . D'altra parte, Robbins menziona una serie di aspetti che considera importanti e di interesse.

Nell'edizione tedesca del libro, il prologo complementare è scritto dal Dr. Gunter R. Neeb di Idstein, che pratica la medicina tradizionale cinese e insegna come professore ospite.

Neeb sottolinea che i risultati di The China Study non sono facili da credere sulla base dei più importanti studi epidemiologici fino ad oggi sulla questione della nutrizione. Nemmeno tenendo conto delle prove delle centinaia di studi secondari citati nel libro, che sono molto convincenti e credibili. Il risultato è il risultato di ricerche condotte per oltre 20 anni e oltre 10.000 soggetti .

E aggiunge quanto segue: Viene citato come esempio che i derivati del latte, probabilmente attraverso la stimolazione cellulare dell'IGF-1 (somatomedina C), accelerano la divisione delle cellule tumorali e ai pazienti oncologici oggi è ancora raccomandato di combattere Perdita di peso grazie al consumo proteico aggiuntivo di prodotti lattiero-caseari concentrati, come formaggio o yogurt .

Redaction comment

IGF-1 è un fattore di crescita dell'insulina, chiamato anche somatomedina C (SM-C).

Wikipedia indica alcuni problemi relativi a IGF-1:
"È ampiamente riconosciuto che la segnalazione attraverso la via del recettore dell'insulina / IGF-1 contribuisce in modo significativo al processo di invecchiamento biologico in molti organismi. (...) Si ritiene che anche la riduzione della segnalazione dell'IGF-1 contribuisca sugli effetti "anti-invecchiamento" della restrizione calorica . (...) La via di segnalazione dell'IGF sembra svolgere un ruolo importante nel cancro. Numerosi studi hanno dimostrato che alti livelli di IGF aumentano il rischio di cancro. "" Pazienti con la sindrome di Laron hanno un rischio inferiore di sviluppare il cancro ", aggiunge Wikipedia nella sua versione inglese.

Neeb censura i "topi" relativi a questi dati dall'associazione alimentare tedesca, la Deutsche Gesellschaft für Ernährung eV , i cui membri includono anche rappresentanti del settore economico. Soprattutto perché gli studi dimostrano che non è stato rilevato solo il fattore di crescita dell'insulina IGF-1 delle mucche (IGF bovino) nel sangue umano, ma anche la produzione di IGF-1 umana dovuta alla caseina del latte è aumentata. . Vedere la seguente recensione relativa alle conseguenze dannose del latte.

Allo stesso modo, Neeb indica che le spiegazioni sulla differenza di effetti - a seconda che sia la forma attiva di vitamina D dalla luce solare o la vitamina D esterna che viene solitamente aggiunta ( colecalciferolo , link in inglese; e calcio ) - sul cancro al seno e l'osteoporosi non chiariscono nulla ai consumatori. Presuppone che la ragione risieda nel fatto che la luce solare è libera e, quindi, non è un business per il settore industriale.

Il Dr. Neeb ha cambiato il suo modo di mangiare dopo aver letto il libro " Lo studio della Cina" per una dieta quasi vegana (include una piccola quantità di pesce) e ora scommette sulla nutrizione "moderna".

Zeetz Jones Photography
Redaction comment

Il calcidiolo (25 (OH) vitamina D3) è un proormone che viene prodotto nel fegato in presenza della proteina DBP (inglese) e viene convertito nei reni a 1,25 - (OH) 2D3. Il modo migliore per conoscere le riserve a medio e lungo termine della vitamina D è determinare il livello ematico di 25 (OH) vitamina D3. Il calcidiolo nel sangue ha un'emivita di 19 giorni. Il livello di 25 (OH) vitamina D3 nel sangue evidenzia l'assorbimento degli ultimi 3-4 mesi. Al contrario, il livello di vitamina D3 mostra solo quello degli ultimi giorni e ore.

La luce solare è la migliore fonte per soddisfare i bisogni di vitamina D delle persone. Tuttavia, questo è insufficiente nei paesi nordici. In 100 g di cibo, l'aringa fresca fornisce 27 µg, salmone 16 µg, vitello 3,8 µg, avocado 3,43 µg e funghi 1,9 µg. Per la vitamina D3 corrisponde 1 UI ≙ 0,025 µg di vitamina D3 ≙ 65,0 p mol . L' interfaccia utente è l'unità internazionale (UI). Si tratta di una preparazione di riferimento di una determinata sostanza in cui il numero di UI che contiene è arbitrariamente impostato e basato sui suoi effetti, non sulla quantità. L' Organizzazione mondiale della sanità è responsabile della sua istituzione.

Osservazioni personali

Tutto ciò è così opposto alle informazioni che riceviamo dall'industria alimentare, dal governo, dalla medicina, ecc. che può essere accettato solo se era già stato identificato prima, o se il libro è davvero letto con le prove scioccanti degli studi condotti da così tanti famosi scienziati.

L'introduzione del libro copre 10 pagine ed è interessante per alcune delle sue dichiarazioni, come ad esempio: Lo scientifico è stato seppellito sotto molte informazioni irrilevanti e persino dannose - scienza spazzatura, diete e propaganda dell'industria alimentare .

CLICK FOR: Anche le conoscenze presentate sono molto ampie

Il prestigio di cui gode il principale autore non deriva dal suo libro o dalla ricerca condotta in Cina. Al contrario, Campbell fu incaricato di svolgere questo importante e importante studio grazie alla sua reputazione , alla sua integrità e alle sue capacità . Non è possibile confrontare questo libro con quello di un autore che ha guadagnato fama grazie a un'opinione particolare, perché Campbell è una persona che gode di alta credibilità professionale e umana. Il suo libro include 708 riferimenti da fonti bibliografiche ordinate in base ai diversi capitoli.

Per giungere a conclusioni definitive, sono necessarie prove adeguate e convincenti, motivo per cui ho scritto una recensione insolitamente lunga. Ma la conoscenza presentata è anche molto ampia.

Quando scrivo il cognome Campbell, intendo i due autori, padre T. Colin CAMPBELL (link in inglese) e suo figlio, il medico Thomas M. Campbell II . .

In Wikipedia in inglese troviamo una voce sul Progetto Cina-Cornell-Oxford che si riferisce alle istituzioni partecipanti allo studio.

Le recensioni dei libri " Sale, zucchero e grassi " di Michael Moss , in relazione agli Stati Uniti, e " M interias, lobby, food " , sulle condizioni nell'Unione europea, affrontano il problema dell'alto consumo di prodotti finiti, come piatti preparati e persino cibo spazzatura , tra i lettori più giovani.

Puoi anche consultare la recensione del libro " La menzogna del cibo " sugli additivi alimentari .

Tuttavia, la maggior parte delle persone mangia in modo malsano, e questo si traduce in un elevato numero di malattie della civiltà , che normalmente insorgono dopo diversi decenni, proprio come il fumo .

Questo libro, invece, è indirizzato al "normale consumatore occidentale", che probabilmente crede di essere nutrito in modo sano.

Il pericolo sta nel fatto che non percepiamo il deterioramento del nostro stato di salute perché si verifica lentamente per decine di anni. Inoltre, siamo orientati in base alle considerazioni del resto della società che determinano ciò che è adeguato e salutare. E quindi consideriamo le malattie della civiltà come normali.

2. Revisione

Campbell indica di aver fatto parte del sistema per quasi 50 anni al massimo livello (dopotutto) e descrive perché siamo nella situazione attuale. Elenca 14 punti importanti, tra cui:

  • Che i prodotti chimici di sintesi presenti nell'ambiente e negli alimenti non siano le principali cause di cancro.
  • Che i geni non siano decisivi nel determinare se morirai per una delle dieci malattie più frequenti.
  • Che speriamo in farmaci altamente efficaci (non sempre rimedi che curano ) e dimentichiamo soluzioni efficaci.
  • Che il controllo ossessivo dell'assunzione di nutrienti, p. Ad esempio, gli acidi omega 3 non portano a una buona salute.
  • Gli integratori vitaminici e nutritivi non offrono protezione a lungo termine contro le malattie.
  • I farmaci e gli interventi chirurgici non curano le malattie che uccidono la maggior parte degli americani.
  • Il tuo medico probabilmente non sa cosa dovresti fare per essere il più sano possibile. " (P. 2).

Quattro decenni di ricerca biomedica e i risultati dei programmi di laboratorio attuati nel corso di lunghi anni dimostrano con risultati sorprendenti che un cibo adeguato può salvarti la vita - Campbell scrive e continua:

Il cambiamento nella dieta può indurre i pazienti diabetici ad abbandonare i loro farmaci. Le malattie coronariche possono essere invertite da semplici cambiamenti nella dieta. Il cancro al seno è correlato ai livelli di ormoni femminili nel sangue, determinati dal cibo ingerito .

Il consumo di prodotti lattiero-caseari può aumentare il rischio di cancro alla prostata. Gli antiossidanti presenti in frutta e verdura promuovono migliori prestazioni mentali in età avanzata. I calcoli renali possono essere prevenuti con una dieta sana. Il diabete di tipo 1, una delle malattie più devastanti che un bambino può soffrire, è legato alle abitudini alimentari dei bambini . (P. 3).

CLICK FOR: Una buona dieta è l'arma più potente per combattere le malattie

Redaction comment

Sulla base delle mie esperienze con altre persone che hanno deciso di cambiare le loro abitudini alimentari, con mia moglie e me stesso, posso verificare la verità dei primi due e del quarto dei punti citati. Sarebbe "così semplice". "Troppo semplice" replicerebbe comunque la maggior parte dei dottori.

Dietro questa reazione non è generalmente nascosta l'idea che ciò non guadagni denaro ma l'ignoranza. Gli studi medici non forniscono conoscenze approfondite sulla nutrizione. D'altra parte, i medici di solito sono chiaramente influenzati dall'industria alimentare.

Un medico consapevole delle proprie responsabilità e che abbia letto " The China Study" o questa recensione, dovrebbe almeno spiegare ai propri pazienti cosa potrebbero fare da soli. Sarebbe un adiuvante nel trattamento. Se, nonostante tutto, i pazienti non desiderano agire di conseguenza, il medico avrà fatto tutto il possibile.

I risultati di centinaia di studi dimostrano che una buona dieta è l'arma più potente per combattere le malattie - afferma " The China Study" .

Campbell spiega perché le informazioni sbagliate, e persino la disinformazione , rimangono così insistenti. La metà degli americani soffre di problemi di salute che richiedono una prescrizione settimanale di farmaci e cento milioni di americani hanno livelli elevati di colesterolo.

Redaction comment

Secondo me, penso che anche in Europa ci troviamo di fronte a una situazione simile. Questo tipo di libro non raggiunge la maggioranza della popolazione. Anche le tue informazioni non raggiungono la maggior parte dei cittadini. E se arrivasse, sarebbe normale negarlo. Pertanto, l'informazione raggiunge solo una parte molto piccola della società. La cosa fondamentale è che il lettore sente il bisogno di leggere un libro di queste caratteristiche, sarebbe, facendo una similitudine con il diritto, di un "obbligo di consegna" invece di un " obbligo di dare ". In ogni caso, la mia intenzione è di contribuire alla sua diffusione.

CLICK FOR: Trasformazione personale

Campbell scrive a pagina 4: ho appena mangiato lo stesso di tutti gli altri: quello che mi hanno detto era buono. Mangiamo tutti ciò che pensiamo sia gustoso e pratico o ciò che i nostri genitori ci hanno insegnato a preferire .

È cresciuto in un caseificio e la produzione di latte faceva parte della sua vita. La sua tesi di dottorato alla Cornell University ha trattato i migliori metodi per ottenere una crescita più rapida di montoni e agnelli. Intendeva aiutare l'umanità a migliorare la propria salute incoraggiando il consumo di una maggiore quantità di carne, latte e uova.

Fu l'ultimo dottorando del professor Clive Maine McCay (1898-1967) (link in inglese). Clive McCay era famoso per i suoi saggi sui topi che ricevevano meno cibo del solito. Questi ratti hanno sviluppato una vita più attiva e di lunga durata rispetto ai ratti che potevano mangiare a volontà. Lo stesso si può vedere nelle prove condotte sui cani. McCay è morto vittima di una grave malattia.

Ha poi lavorato presso il Massachusetts Institute of Technology ( MIT ) indagando sulle cause della morte di milioni di polli - a causa di una sostanza chimica tossica sconosciuta presente nel loro cibo - e ha scoperto che la ragione era la diossina (policlorodibenzofurani e policlorodibenzodioxine), probabilmente La sostanza chimica più tossica.

Vedi anche la storia inquietante del disastro di Séveso e cosa è successo a questo proposito in Ucraina e con Víktor Yúschenko . È così ed è così che funziona l'essere "umano".

Dopo aver lasciato il MIT , si è dedicato a studiare la prevalenza insolitamente alta di cancro al fegato primario tra i bambini nelle Filippine. Per dieci anni, l'obiettivo principale di questo programma di cooperazione allo sviluppo è stato quello di istituire centri educativi di auto-aiuto per garantire l'ingestione di una maggiore quantità di proteine di origine animale nella popolazione infantile. Tuttavia, l'ha scoperto

I bambini le cui diete avevano la più alta quantità di proteine erano quelli che avevano maggiori probabilità di ammalarsi di cancro al fegato! (P. 6).

In questa situazione, venne a conoscenza dell'esistenza di una serie di prove con gruppi di topi in India. Hanno ricevuto una sostanza cancerogena, l' aflatossina . Uno dei gruppi ha ottenuto il 20% di proteine negli alimenti e l'altro solo il 5%, entrambi con la stessa quantità di aflatossina. Il gruppo di ratti con il 5% di proteine nella dieta non ha presentato alcun caso di cancro! Era l'informazione che contraddiceva tutto ciò che aveva imparato prima. Questa scoperta eretica divenne l'esperienza cruciale della sua vita.

I risultati dei loro successivi saggi per 27 anni, finanziati dalle maggiori istituzioni nordamericane, sono stati rivisti una seconda volta prima di apparire in alcune delle migliori pubblicazioni accademiche .

Ciò che ha scoperto è stato scioccante per la comunità scientifica : una dieta a basso contenuto proteico ha inibito lo sviluppo del cancro durante la somministrazione di aflatossina. Inoltre, una volta iniziata la malattia, è riuscita a bloccarne significativamente l'evoluzione.

Alcune proteine non promuovevano il cancro, ma la caseina , che rappresenta l'87% delle proteine del latte vaccino, favoriva tutte le fasi del processo cancerogeno. Le proteine sicure erano le verdure.

Redaction comment

Ancora una volta posso verificare queste scoperte dalla mia esperienza e quella di altre persone. Mi è stata prevista un'aspettativa di vita, nel 1978, di 2,6 anni. Per così poco tempo non volevo sottopormi a interventi chirurgici o alla chemioterapia, ma a provare una possibilità diversa attraverso un cambiamento totale nel mio stile di vita.

CLICK FOR: Giustizia e salute restano in difficoltà

Campbell conclude indicando che i confini tra politica , governo , industria alimentare , aziende farmaceutiche , scienza e medicina si sono offuscati nel tempo. Nel migliore dei casi, formano un mix di obiettivi che cercano di ottenere benefici economici e promuovere il benessere della società.

Giustizia e salute restano in difficoltà. E poiché i problemi sono molto più sottili della corruzione , sono anche molto più pericolosi.

Il risultato è un'enorme quantità di disinformazione per la quale il consumatore americano medio paga due volte. In primo luogo, contribuiscono alle indagini condotte per mezzo del loro gettito fiscale e, in secondo luogo, pagano l'assistenza sanitaria per far fronte alle malattie che avrebbero potuto essere prevenute. (P. 9).

Lo studio cinese

In realtà sono le 46 pagine del capitolo "Lezioni di Cina" che corrispondono a quello che è noto come " Lo studio della Cina" . Nelle pagine precedenti, otteniamo informazioni interessanti su come Campbell si è trasformato, facendo riferimento a una similitudine biblica, da Saul in Paul , un cambiamento così radicale che poche persone sono in grado di fare. Il resto di questa prima parte si concentra sulle scoperte di " Lo studio della Cina" e sui motivi per cui un cambiamento nelle abitudini non è stato ancora raggiunto nella pratica.

2.1. I problemi che affrontiamo, le soluzioni di cui abbiamo bisogno (p. 13)

Campbell illustra attraverso diversi grafici che un uomo ha una probabilità del 47% di sviluppare il cancro e una donna del 38%. Il tasso di mortalità per questo motivo è aumentato, invece di diminuire, tra il 1972 e il 1992, e vale la pena notare un aumento del numero di persone obese (BMI => 30), tra il 1976 e il 1999, di oltre il doppio. Solo il costo economico annuale del diabete è stimato a circa $ 100 miliardi. Osserva inoltre che recenti scoperte confermano che le malattie cardiache possono essere prevenute e persino invertite attraverso una dieta sana. (P. 17).

Parallelamente, i costi dell'assistenza sanitaria salgono. Negli Stati Uniti hanno raggiunto oltre un miliardo di dollari nel 1997, vale a dire 1'000'000 milioni di dollari o 3'912 $ pro capite. Questa cifra rappresentava più del doppio della spesa sanitaria del Giappone ($ 1.760 pro capite), il paese con la più alta aspettativa di vita , ad eccezione di piccoli paesi come Monaco. Nel caso della Germania, le spese ammontano a $ 2,364 a persona.

Rispetto ai dati OCSE del 2009, le spese sanitarie (link in tedesco) pro capite sono aumentate negli Stati Uniti. a $ 7.290, in Germania a $ 3.588, in Austria a $ 3.763 e in Svizzera a $ 4.417.

Anche i costi sono aumentati considerevolmente in relazione al prodotto nazionale lordo (PNL) e hanno raggiunto il 16%, nel 2009, negli Stati Uniti. È proprio in questo paese che si prevede che continueranno a crescere più rapidamente.

CLICK FOR: Attacco cardiaco e dieta Atkins

Campbell racconta brevemente la sua giovinezza nella fattoria, l'attacco cardiaco di suo padre all'età di 61 anni e la sua morte all'età di 70 anni a causa di un'otturazione dell'arteria coronaria.

Redaction comment

Per inciso, il Dr. Robert Atkins - il creatore della dieta Atkins basata sul consumo di carne - visse solo un anno in più rispetto al padre di Campbell. Morì nel 2003, a 70 anni, a causa di un ictus. Secondo Wikipedia, Atkins aveva una lunga storia di malattie, tra cui infarto del miocardio, insufficienza cardiaca e ipertensione. La tua professione: cardiologo!

CLICK FOR: La prima moda delle promesse per perdere peso negli anni '70

Campbell ci ricorda la prima moda di promesse per perdere peso degli anni '70, iniziata con i frullati di proteine. In poco tempo circa 60 donne sono morte a causa di questa dieta ( aspettativa di vita ). Successivamente sono emerse raccomandazioni simili, come la dieta del Dr. Atkins , il "Protein Power" (il potere delle proteine) o la dieta " South Beach ", ecc., Che ha portato a disturbi sanitari molto pericolosi. (P. 22).

L'autore cita, come ulteriori esempi di diete senza senso, che incidono sul consumatore preoccupato per una dieta migliore, la "dieta anti-zucchero" (Sugar Busters), la "dieta rivoluzionaria dell'area" (The Zone) o i "gruppi sangue e cibo "(Mangiare giusto per il tuo tipo). Si rammarica, d'altra parte, che i ricercatori tendano a concentrarsi sui dettagli - come componenti alimentari estremamente specifici - ignorando il contesto generale.

Le conseguenze sono contraddizioni ( falsificabilità ), diete di moda senza senso ( faddismo alimentare ; link in inglese) e confusione tra i consumatori.

A suo avviso, queste diete di tendenza e l'enfasi posta su alcuni componenti alimentari, p. Ad esempio, gli integratori di vitamina E o calcio rappresentano il peggio della medicina, della scienza e dei media popolari .

T. Colin Campbell sottolinea quanto segue: Per dimostrare che vale la pena seguire una dieta vegetariana, non ho fatto affidamento su idee filosofiche preconcette o su qualsiasi altro tipo di idee. Al contrario, ho iniziato dall'altra parte dello spettro: come individuo cresciuto in un caseificio che amava mangiare carne, nella mia vita personale, e come scienziato che ha lavorato per istituzioni ufficiali nella mia vita professionale. E quando insegnavo biochimica nutrizionale agli studenti che aspiravano a diventare medici, rimpiangevo le opinioni dei vegetariani . (P. 24).

Campbell spiega che le conclusioni di questi studi affrontano un'evidente opposizione. Dal momento che la maggior parte dei medici non ha abbastanza conoscenze in questo settore, trovano difficile o impossibile accettarli, anche se

Vi sono attualmente chiare prove che i problemi cardiaci, alcuni tipi di tumore relativamente avanzato, il diabete e alcune malattie degenerative possono essere invertiti attraverso la dieta.

Di solito ascolto ancora e ancora in bocca ai dottori o ai malati che una certa malattia è dovuta alla genetica. È chiaro che la predisposizione genetica gioca un ruolo decisivo, ma è anche vero che: ora sappiamo che possiamo evitare le malattie "genetiche" anche se ne abbiamo il gene (o i geni) responsabile. (P. 26).

CLICK FOR: Atleti di livello mondiale

Una forma adeguata di cibo non solo previene o previene le malattie, ma promuove anche la salute e il benessere fisico e mentale.

Campbell cita alcuni atleti di livello mondiale, come " Man of Steel " Dave Scott , gli atleti Carl Lewis (vegano dal 1990) ed Edwin Moses , la grande tennista Martina Navratilova , ecc. Cita anche il maratoneta 68enne Ruth Heidrich . Includo di seguito i collegamenti a Wikipedia in lingua inglese perché né in tedesco né in spagnolo si dice che entrambi gli atleti sono vegetariani: Edwin Moses , Martina Navratilova . Inoltre, Ruth Heidrich appare nell'elenco interessante di famosi vegani (anche in inglese).

Un secolo fa, il professor Russel Henry Chittenden (1856-1943) (link in inglese) indagò sugli esseri umani alla Yale University se una dieta esclusivamente vegetariana influiva sulle prestazioni fisiche. Ha ottenuto gli stessi risultati dell'autore nei suoi saggi sui topi.

Quest'ultimo conclude anche che un minor numero di persone sarebbe costretto a rimanere ricoverato in ospedale durante gli ultimi anni di vita, combattendo lunghe e costose battaglie contro le loro malattie croniche. La sua idea principale può essere riassunta come segue:

È tempo di (...) assumere la nostra salute. (P. 28).

2.2. Una casa proteica (p. 29)

Da quando, nel 1839, il chimico olandese Gerardus Johannes Mulder (link in inglese) scoprì che la proteina contiene azoto, ha preso il posto del più sacro dei nutrienti. La parola "proteios" significa anche "prominente". Nel diciannovesimo secolo, le proteine erano considerate sinonimo di carne o cibo di origine animale. Questo mito persiste ancora, anche tra i dottori.

Il fisiologo tedesco Carl von Voit (1831-1908) (link in inglese) scoprì che gli esseri umani avevano bisogno solo di 48,5 g di proteine al giorno, ma raccomandava un apporto di 118 g. Ho pensato che una buona cosa non potesse mai essere eccessiva. Che modo di negare all'ignoranza le leggi più elementari della natura!

CLICK FOR: Il mito proteico

Diversi studenti di Carl von Voit seguirono le sue raccomandazioni senza alcuna considerazione critica, tra cui WO Atwater (1844-1907), direttore del laboratorio USDA , che a sua volta raccomandò l'assunzione di 125 g al giorno. Attualmente, l'importo proposto è inferiore alla metà. Max Rubner (1854-1932) (link in inglese) credeva che il consumo di molta carne "fosse il diritto dell'uomo civilizzato".

Campbell sottolinea che le proteine sono necessarie per la vita e che una volta digerite ci forniscono gli aminoacidi essenziali, che non sono necessari solo per la formazione di nuove cellule. L'autore spiega che nell'euforia scatenata in passato dalla qualità della proteina, cioè da una composizione molto simile all'uomo, la logica conseguenza sarebbe stata quella di consumare carne umana. Naturalmente, poiché non possiamo comportarci come i cannibali , cerchiamo proteine negli animali.

I ricercatori hanno sottolineato per alcuni anni che le proteine di origine animale - considerate la migliore qualità di proteine ( valore biologico ) fino ad oggi - non è quella che porta a una migliore salute, al contrario.

Per oltre cento anni siamo stati intrappolati in questo linguaggio ingannevole .

Quindi l'autore menziona che esiste una montagna di ricerche molto convincenti che dimostrano che le proteine vegetali "di bassa qualità" - che sono quelle che producono una sintesi lenta ma costante di nuove proteine - costituiscono il tipo di proteina più salutare (...) .

Ora sappiamo che, attraverso sistemi metabolici molto complessi, il corpo umano può ottenere tutti gli aminoacidi essenziali della varietà naturale di proteine vegetali ingerite ogni giorno . (P. 34).

Logicamente, gli occidentali hanno cercato di aiutare le persone affamate nei cosiddetti paesi in via di sviluppo promuovendo il loro apporto proteico. L'autore ci racconta come il professor Charlie Engel ( 1912-2007 ; il suo vero nome era Ruben W. Engel ; entrambi i collegamenti in inglese), che era allora direttore del Dipartimento di Biochimica e Nutrizione della Virginia Tech , lo invitò a partecipare a 1967 in un programma che consisteva di "educare le madri" nelle Filippine.

CLICK FOR: Arachidi, aflatossina e cancro al fegato

Come convinta sostenitrice del consumo di carne, Campbell aspirava a fornire tale educazione alle madri di bambini malnutriti, come coordinatrice del campus nelle Filippine, e non si occupava di trascorrere lunghi periodi di tempo in quel paese per anni.

Le arachidi servivano come fonte di proteine. Tuttavia, è stato dimostrato che hanno prodotto il cancro al fegato a causa del contenuto di aflatossina presente nel burro di arachidi . Il frutto di qualità veniva venduto come una nocciolina e aveva livelli notevolmente più bassi di aflatossina, ma quelli che erano ammuffiti andarono nelle fabbriche per produrre burro di arachidi.

Mangiare burro di arachidi era considerato qualcosa di occidentale e solo le famiglie economicamente più favorevoli potevano permettersi quel "cibo particolarmente salutare" per i loro figli. Quei bambini sono stati quelli che hanno sofferto di più di cancro al fegato, una malattia che non appare nei nostri paesi prima dei 40 anni.

Allo stesso tempo, uno studio comparativo sui ratti è stato condotto in India per analizzare la relazione tra cancro del fegato e proteine ingerite. Un gruppo di ratti ha ottenuto il 5% di proteine e l'altro gruppo il 20% per la stessa quantità di aflatossina. Tutti i ratti che hanno ricevuto cibo con il 20% di proteine hanno sviluppato un tumore al fegato o una qualsiasi delle lesioni cellulari che hanno annunciato la malattia, tuttavia nessuno dei ratti dell'altro gruppo presentava sintomi. Nessuno sembrava accettare il rapporto dall'India .

L'autore si è incontrato durante un volo con un ex collega del MIT , il professor Paul Newberne , che si era dedicato allo studio del ruolo della nutrizione in relazione allo sviluppo del cancro. Respinse categoricamente i risultati di quel rapporto e dichiarò che l'opposto doveva essere vero.

Spiega di seguito che "l'evidenza scientifica" ha effetti diversi a seconda che si tratti di ricerca in fisica, medicina o salute (link in tedesco).

CLICK FOR: Prove scientifiche

Per la domanda "cadrà una palla quando lanciata in aria?" Abbiamo una risposta corretta al cento per cento. Per la domanda se un fumatore con un consumo giornaliero di quattro confezioni avrà il cancro ai polmoni, la risposta può essere solo "probabilmente". Le statistiche offrono percentuali, ma non stabiliscono una previsione sicura per una persona - determina Campbell .

Quindi si concentra sulle diverse strategie e possibilità di ricerca. Nella maggior parte dei casi, i ricercatori confermano o respingono le ipotesi attraverso confronti, misurazioni e osservazioni. Correlazione e causalità sono le questioni decisive. Lo studio cinese si basa sulla relazione causa-effetto, cioè sulla causalità. E lo fa da un punto di vista globale. Pertanto, l'obiettivo era verificare se esistessero modelli di associazione per le diverse caratteristiche della dieta, dello stile di vita e della malattia di 130 popolazioni e 6.500 adulti con le loro famiglie in 65 contee . (P. 43).

L'autore sottolinea l'importanza di trovare le ragioni causali. Ad esempio, nei paesi con più poli telefonici vi è una maggiore incidenza di malattie cardiache. È una correlazione positiva, ma non una causalità perché non c'è rilevanza . Pali del telefono non sono una condizione preliminare.

Redaction comment

Raramente conosciamo lo sfondo decisivo di questo tipo di studi o meta-studi. Soprattutto quando esiste una forte rappresentanza del settore, il risultato è problematico. Puoi essere quasi certo che ciò che è pubblicato nei tabloid, nelle riviste dei consumatori, ecc. Proviene da aree con interessi economici e possiamo vedere solo un lato della medaglia.

In " The China Study" ci sono più di 8.000 correlazioni statisticamente significative. Il significato statistico è di grande importanza. Quando un'indagine mostra con una probabilità del 95% che i risultati ottenuti non sono dovuti al caso, allora il risultato è statisticamente significativo. Con una probabilità del 99% è statisticamente molto significativo. Conoscere i meccanismi di azione rafforza le prove. In questo modo, i risultati di altre indagini possono aumentare o diminuire l'affidabilità di una scoperta. Le meta-analisi ottenute da studi multipli raggiungono un potenziale aumento della sicurezza.

2.3. Interrompere lo sviluppo del cancro (p. 47)

L'autore descrive attraverso il caso di Alar - un regolatore della crescita (link in tedesco) con cui le colture sono state precedentemente irrorate - la reazione di panico degli americani agli agenti cancerogeni . Elenca quindi altri agenti cancerogeni come DDT , nitriti o dolcificanti artificiali.

CLICK FOR: Come nascono questi tipi di pubblicazioni scientifiche

Spiega come nascono questi tipi di pubblicazioni scientifiche .

Un caso illustrativo è quello dei test di laboratorio su ratti con nitrosamina NSAR (N-nitrosarcosina). Il gruppo di ratti che ha ricevuto la dose "bassa" di NSAR ha ingerito una quantità simile a quella che otterresti mangiando 270.000 snack, preparati con mezzo chilo di bologna ciascuno, per 30 anni.

Tuttavia, quando i risultati dei test furono pubblicati, l'allarme fu così grande che l'attivista per i diritti dei consumatori Ralph Nader arrivò a dichiarare che gli hot dog erano tra i missili più letali negli Stati Uniti .

Campbell continua spiegando le tre fasi del cancro ( carcinogenesi ): insorgenza (anche nella perossidazione lipidica ), sviluppo e diffusione ( metastasi ). I quattro passaggi della fase iniziale del cancro ci mostrano attraverso un'illustrazione molto chiara. L'aflatossina viene introdotta nella cellula epatica. Questo è metabolizzato da un enzima che lo rende un prodotto pericoloso e attacca il DNA cellulare formando complessi cancerogeni-DNA. Nella maggior parte dei casi, gli addotti cancerogeni dell'acido desossiribonucleico (DNA) vengono riparati, ma se ciò non accade, le cellule mutate iniziano a moltiplicarsi.

L'obiettivo di uno dei suoi studi era studiare l'enzima MFO (link in inglese), ossidasi a funzione mista, un enzima molto complesso in grado di metabolizzare diverse sostanze chimiche come catalizzatore . Paradossalmente, aiuta sia a disintossicare che ad attivare l'aflatossina nei metaboliti dell'aflatossina. La semplice modifica della quantità di proteine ingerite trasforma considerevolmente l'attività enzimatica (attività del catalizzatore ).

CLICK FOR: Un apporto proteico inferiore ha ridotto significativamente la formazione iniziale di un tumore

Gli esperimenti di Rachel Preston hanno mostrato che con un consumo del 5% di proteine del latte (caseina) nella dieta totale, invece del 20%, gli addotti DNA-aflatossina sono diminuiti notevolmente. I risultati furono i seguenti: Una quantità minore di aflatossina penetrò nella cellula; le cellule si moltiplicarono più lentamente; nel complesso enzimatico vi furono molteplici cambiamenti che ne ridussero l'attività; la quantità di componenti essenziali degli enzimi rilevanti è stata ridotta; si formano meno addotti di DNA-aflatossina . Conclusione: un apporto proteico inferiore ha ridotto notevolmente la formazione iniziale di un tumore . (P. 59).

Questi risultati hanno confermato i risultati dello studio indiano che non sono stati presi sul serio. Scott Appleton e George Dunaif hanno condotto ricerche sui focolai cancerosi, cioè i piccoli gruppi microscopici di cellule considerati precursori di tumori. Hanno scoperto che, nonostante una dose di aflatossina parecchie volte superiore, con il 5% di proteine, i fuochi si sono sviluppati sostanzialmente meno che con il 20% di proteine e meno aflatossina.

Gli studi di Linda Youngman hanno dimostrato che il successivo sviluppo dei fuochi potrebbe essere modificato modificando la quantità di proteine consumate.

Un processo cancerogeno interrotto da un minore consumo di proteine può svilupparsi successivamente se tale consumo viene aumentato, senza la necessità di ingerire aflatossina.

I fuochi funzionano in questo senso come un ricordo. Con un contenuto dietetico superiore al 10% di proteine, lo sviluppo di focolai è aumentato drammaticamente all'aumentare della percentuale di proteine. Il professore giapponese che li visitò più tardi in laboratorio, Fumiyiki Horio , ottenne gli stessi risultati.

Una proteina del 10% è una cifra considerevolmente superiore alla quantità di cui un essere umano ha bisogno, ma questa percentuale copre anche tutte le eccezioni che possono verificarsi da un individuo all'altro. Oltre il 10%, gli effetti sono dannosi.

Tuttavia, gli americani consumano tra il 15 e il 16% di proteine. Ad esempio, una bistecca da 45 g "T-bone" o "Porterhouse" contiene circa 13 g di proteine.

Dopo questi risultati, Campbell ha commissionato a David Schulsinger di studiare se le proteine vegetali producessero gli stessi effetti. No: le proteine di origine vegetale non favoriscono il cancro, mentre le proteine nel latte di mucca lo fanno.

CLICK FOR: Prove sperimentali

Gli stessi risultati sono stati ottenuti con tumori già sviluppati. La crescita è stata ridotta tra il 35 e il 40% con dosi ridotte di proteine del latte. Se gli animali hanno ricevuto il 5% di proteine, sono sopravvissuti fino a un'età avanzata senza cancro, nonostante ricevessero elevate quantità di aflatossina, e ciò si è verificato nel 100% dei casi. Tutti coloro che hanno ricevuto il 20% di proteine del latte sono morti. Ovviamente, nel libro questi saggi sono descritti in modo molto più ampio e dettagliato.

Le persone con un'infezione cronica causata dal virus dell'epatite B (HBV) hanno un rischio tra il 30 e il 40 volte maggiore di sviluppare il cancro al fegato (nell'originale in inglese "tra 20 e 40 volte", p. 69).

Per studiare il meccanismo con cui questo virus provoca il cancro al fegato, i ricercatori hanno lavorato con topi transgenici il cui fegato conteneva quel virus. Campbell commissionò al suo studente Jifan Hu , a cui in seguito si unì il dott. Zhiqiang Cheng , lo studio di questo tumore nei topi. Entrambi hanno lavorato con due diverse "razze" di topi transgenici. La caseina ha prodotto gli stessi risultati. I dettagli di questi saggi sono disponibili a pagina 71 del libro, comprese le fotografie dei tessuti. Successivamente, l'autore spiega perché questi risultati sono particolarmente rilevanti per l'uomo.

Tom O'Connor e Youping Ha studiato gli effetti delle proteine di origine ittica, dei grassi alimentari e dei carotenoidi in relazione allo sviluppo del cancro del fegato e del pancreas e ha stabilito che l' alimentazione era molto più importante per controllare lo sviluppo del cancro rispetto alla dose iniziale dell'agente cancerogeno somministrato .

La grande domanda era se le prove sperimentali ottenute sugli animali potessero essere considerate generali e applicabili all'uomo. Mancava una grande indagine con le persone. Il Dr. Junshi Chen della Cina lo rese possibile nel 1980. Da lì emerse in seguito " Lo studio della Cina" .

La conclusione di questi studi è stata che i nutrienti inclusi negli alimenti di origine animale aumentavano lo sviluppo del tumore mentre i nutrienti di quelli di origine vegetale ne riducevano l'evoluzione . Altri team di scienziati hanno ottenuto risultati identici nelle loro ricerche sulla relazione tra carcinoma mammario e diversi agenti cancerogeni . (P. 74).

2.4. Lezioni dalla Cina (p. 76)

Nel 1973 al primo ministro cinese Zhou Enlai (1898-1976) fu diagnosticato un cancro. In questa situazione ha deciso di avviare uno studio nazionale sull'incidenza di 12 diversi tipi di cancro in oltre 2.400 contee cinesi e 880 milioni (96%) dei suoi abitanti. È stato il progetto biomedico più ambizioso mai intrapreso, al quale hanno partecipato 650.000 persone. Il risultato finale è stato un atlante che ha mostrato enormi differenze in relazione al cancro in base alle regioni e agli stili di vita. In alcune aree c'erano tassi di cancro 100 volte superiori a quelli di altre regioni. Negli Stati Uniti il rapporto è solo da 1 a 3 secondo gli stati. In totale, l'incidenza del cancro in Cina è stata notevolmente inferiore rispetto agli Stati Uniti.

CLICK FOR: Lo studio cinese ha segnato una pietra miliare

Campbell sottolinea l'eccezionale dimensione del team che ha partecipato a uno studio congiunto, ovvero " The China Study" : il dott. Junshi Chen , vicedirettore del miglior laboratorio statale di ricerca sulla salute e la dieta in tutta la Cina; Junyao Li , uno degli autori dello studio sull'atlante del cancro; Richard Peto dell'Università di Oxford (Regno Unito), considerato uno dei più prestigiosi epidemiologi al mondo; e T. Colin Campbell , come project manager.

Il team ha avuto accesso ai dati sulla mortalità per oltre quattro dozzine di malattie, come diversi tipi di cancro, malattie cardiache, malattie infettive, ecc. Sono stati eseguiti esami del sangue e delle urine su 6'500 adulti, nonché misurazioni dirette di tutto il cibo che le famiglie hanno consumato per tre giorni.

Il team ha anche analizzato campioni di alimenti dai mercati di tutto il paese. Le contee selezionate per lo studio si trovavano nelle aree rurali - al fine di studiare le persone che, in generale, avevano vissuto nella stessa regione e mantenuto le stesse abitudini alimentari - e questa decisione ha dato un valore eccezionale allo studio. Questo è riuscito a stabilire oltre 8.000 associazioni statisticamente significative tra stile di vita, dieta e variabili della malattia . (P. 80).

Le differenze nel modello alimentare erano anche molto elevate in Cina e in relazione alle medie delle diverse regioni. È stato un fattore rilevante per stabilire gli effetti della dieta e la correlazione con le malattie in modo significativo. Pertanto, ad esempio, le quantità di beta carotene nel sangue sono state moltiplicate per nove, i lipidi nel sangue ( lipoproteine ) per tre, l'assunzione di grassi per sei e il colesterolo nel sangue è quasi raddoppiato.

I media hanno ritenuto che lo studio cinese abbia segnato una pietra miliare. . I ricercatori hanno confrontato alcune diete più o meno basate su alimenti vegetali, ma tutte molto più ricche di verdure rispetto alle forme occidentali di cibo. Al contrario, gli studi occidentali hanno stabilito confronti solo tra diete occidentali, cioè con una percentuale maggiore o minore di proteine di origine animale, ma questa percentuale è sempre elevata.

Se in Occidente, la maggior parte delle nostre malattie derivano dalla ricchezza, in Cina provengono dalla povertà e sono molto diverse da cancro, diabete e malattie cardiache. Nel caso in cui non vengano curati, portano ad un'aspettativa di vita inferiore a quella degli occidentali.

Le differenze tra le abitudini alimentari in Cina e negli Stati Uniti sono enormi. La popolazione rurale cinese, che ha svolto più lavoro fisico, ha ingerito per un peso medio standard di 65 kg 2'641 kcal / giorno. Negli Stati Uniti la media era di 1.989 kcal / giorno. Per un peso americano medio di 77 kg ha raggiunto quindi 2.400 kcal / giorno e per un cinese di 77 kg circa 3.000 kcal / giorno.

Campbell scrive quanto segue:

Non ho mai avuto intenzione di stare in buona salute nella speranza di essere immortale. Avere una buona salute significa poter godere appieno del tempo che abbiamo. Significa godere del miglior stato possibile per tutta la vita ed evitare battaglie dolorose e prolungate con la malattia. (P. 83).

Quando si confrontano i motivi delle morti - facendo confronti standardizzati per età - tra paesi industrializzati e non industrializzati, si osserva che le malattie coronariche e il carcinoma mammario sono più frequenti in Occidente. Queste "malattie occidentali" sono ciò che l'autore chiama malattie derivate da stravaganza nutrizionale .

CLICK FOR: colesterolo

Esistono due categorie principali di colesterolo. Quello che viene prodotto dalla sua stessa sintesi, che copre i bisogni della persona, e quello che viene ingerito attraverso alimenti di origine animale. In generale, i tassi di colesterolo sono considerevolmente più bassi se non vi è assunzione di alimenti di origine animale. Il livello di colesterolo è un indicatore straordinario della futura malattia cardiaca.

Redaction comment

La biosintesi del colesterolo si verifica nel fegato, ma anche nell'intestino e nella pelle (attraverso gli eucarioti ) da sostanze semplici. Il libro "Taschenatlas der Ernährung" (Pocket Atlas of Nutrition) di Biesalski / Grimm menziona quanto segue:

"Quando si riduce l'assunzione di colesterolo, cosa che si verifica solo con un regime dietetico rigoroso, il contributo del colesterolo dal cibo in relazione al colesterolo totale è molto basso (...) e assume (...) solo 10-15 % della quantità giornaliera. Allo stesso tempo, i livelli di colesterolo plasmatico e recettori LDL (responsabili dell'assorbimento cellulare) rimangono stabili ". (Stato di equilibrio).

"Esiste effettivamente un sottogruppo della popolazione (circa il 20-25%) che reagisce" patologicamente "al colesterolo esogeno."

Il processo interno dell'omeostasi del colesterolo non è in grado di bilanciarlo.

Il livello medio di colesterolo nel sangue in Cina era di 127 mg / dl e negli Stati Uniti. ammontava a 215 mg / dl. In Cina c'erano aree con tassi elevati e altre con valori molto bassi. Una delle contee registrava un livello medio di 94 mg / dl e due gruppi di giovani donne avevano tassi di 80 mg / dl. Negli Stati Uniti c'era un mito secondo cui potevano sorgere problemi di salute con un colesterolo inferiore a 150 mg / dL!

I dati delle contee della Cina presentavano un'alta correlazione:

Poiché i livelli di colesterolo nel sangue sono scesi da 170 mg / dl (sic!) A 90 mg / dl, l'incidenza di cancro al fegato, al retto, al colon, ai polmoni, sia negli uomini che nelle donne, è diminuita. leucemia mammaria, infantile e adulta, cancro al cervello dell'infanzia e dell'adulto, stomaco ed esofago (gola).

Il tasso di mortalità per malattia coronarica era diciassette volte più alto tra gli uomini americani che tra gli uomini cinesi che vivono nelle aree rurali. (P. 87).

Alti livelli di colesterolo nel sangue hanno favorito l'insorgenza di malattie coronariche - questo era noto - ma spesso hanno causato lo sviluppo del cancro.

Tre rinomati medici e ricercatori di malattie cardiache, i medici Bill Castelli , Bill Roberts e Caldwell Esselstyn Jr. ( Col. in inglese) hanno confermato a Colin Campbell di non aver mai visto morire nessun paziente con livelli di colesterolo nel sangue inferiori a 150 mg / dl a causa di malattie cardiache.

Vedi a questo proposito la pubblicazione sul colesterolo su Wikipedia . Il Dr. Castelli è stato per lungo tempo il direttore del famoso Framingham Heart Study (link in inglese), del National Institute of Health; Il Dr. Esselstyn era un chirurgo di prestigio presso la Cleveland Clinic (link in inglese), autore di un notevole studio sulla remissione delle malattie cardiache (...); e il dottor Roberts era stato a lungo l'editore della cardiologia medica.

Castelli ha usato la tecnica degli studi di coorte . (P. 88).

Se i grassi saturi e il colesterolo ingeriti attraverso il cibo aumentano leggermente i livelli di colesterolo nel sangue, sono le proteine di origine animale che lo aumentano fortemente.

Al contrario, gli alimenti vegetali in vari modi aiutano a ridurre la quantità di colesterolo prodotta dall'organismo .

Nelle regioni rurali della Cina, l'assunzione di proteine animali (per lo stesso individuo) è in media di soli 7,1 gr / giorno, mentre negli Stati Uniti la media ammonta a non meno di 70 gr / giorno .

Ma anche in Cina, con un apporto proteico così ridotto, sono state rilevate le stesse differenze in aree con un consumo maggiore di alimenti di origine animale, sebbene sia vero che ben al di sotto degli standard occidentali.

CLICK FOR: Cancro al seno e menarca precoce

Campbell spiega nelle pagine seguenti l'influenza dei grassi sulla salute. Descrivi, da un punto di vista storico, i motivi per cui consumiamo troppi grassi "cattivi". La sua conclusione è la seguente: la correlazione tra assunzione di grassi e assunzione di proteine animali supera il 90% . (P. 92).

Una ricerca del professor Kenneth K. Carroll (1923-1998), dell'Università dell'Ontario occidentale in Canada (link in inglese), ha rivelato un'importante relazione tra grasso alimentare e cancro al seno .

Ken Carroll è anche noto per aver confrontato le sue scoperte con studi sulla migrazione per dimostrare che l'eredità genetica non era rilevante in questi risultati. Sir Richard Doll e Sir Richard Peto (entrambi collegamenti in inglese), dell'Università di Oxford (Regno Unito), hanno prodotto un rapporto che concludeva che “solo il 2-3% di tutti i tipi di cancro poteva essere attribuito ai geni ". (P. 94).

Redaction comment

Il JN, " The Journal of Nutrition " , un'istituzione alimentare americana, dedica il riconoscimento a Ken (aprile) o Kenneth K. Carrol.

Questo insegnante ha anche collaborato alla creazione di un metodo per imparare il cinese, il " ChinesePod ", un sistema di apprendimento per le persone indaffarate, " l'apprendimento cinese per le persone indaffarate ". (Tutti i collegamenti in questa sezione sono in inglese).

La percentuale di grassi nella dieta della popolazione cinese rappresentava il 14,5% delle calorie totali e variava per regione tra il 6 e il 24%, rispetto alla media statunitense che è salita al 36%.

Contrariamente a quanto accade negli Stati Uniti, l'industria cinese (ancora) non "si prende cura" dell'introduzione di grassi negli alimenti. La quantità di grassi nella dieta cinese proveniva quasi interamente da alimenti di origine animale.

Campbell sottolinea che il menarca tra le ragazze cinesi aveva tra i 15 e i 19 anni, cioè in media a 17 anni, mentre negli Stati Uniti. È apparso all'età di 11 anni!

Si concentra sulle conseguenze di un menarca precoce e conclude che le ragazze dovrebbero ricevere una dieta con bassi livelli di prodotti di origine animale, ovvero il minor consumo di latte e carne possibile. Il motivo è che un menarca precoce ha grandi problemi di salute, una serie di svantaggi che l'autore documenta nel suo libro.

Successivamente, Campbell sottolinea l'importanza della fibra alimentare . La fibra si trova esclusivamente negli alimenti a base vegetale ed è costituita da molecole di carboidrati complesse. Alcuni hanno la proprietà di estrarre l'acqua dal corpo e di raccogliere sostanze chimiche dannose come se fossero una carta adesiva. Riducono anche la densità calorica della nostra dieta e generano una sensazione di sazietà.

CLICK FOR: I vantaggi della fibra nella dieta

Denis Parsons Burkitt (link in inglese) del Trinity College di Dublino, uno specialista in medicina tropicale, era principalmente dedicato allo studio e alla pubblicazione dei vantaggi delle fibre nella dieta. Ha ricevuto, tra gli altri, il Bower Award (link in tedesco). Era già noto, da circa 200 anni, che una dieta povera di fibre porta ad un aumentato rischio di cancro, in particolare l'origine mammaria e intestinale.

La tesi controversa relativa alla diminuzione dell'assorbimento del ferro , prodotta dal consumo di fibre alimentari, si è rivelata errata durante lo studio condotto in Cina. L'assunzione di ferro in Cina è stata straordinariamente alta con 34 mg al giorno, fornita da grano e mais, ma non dal riso semigreggio. Negli Stati Uniti la media era di 18 mg al giorno.

Campbell continua a commentare il significato della vasta gamma di colori di frutta e verdura. Questi colori sono dovuti agli antiossidanti e sono di grande importanza per la nostra salute. L'autore presenta e spiega, in modo molto semplice, le relazioni e le cause delle piante che hanno un'elevata quantità di antiossidanti, nonché gli effetti che producono su di noi.

CLICK FOR: Consumo di frutta e "la crisi di Atkins"

In questo senso, cita come esempi i diversi carotenoidi - di cui ce ne sono centinaia -, p. ad es. beta-carotene di zucche, licopene di pomodori e criptoxantine e acido ascorbico (vitamina C) di arance. Elenca anche le malattie che compaiono nelle aree con il più alto consumo di prodotti di origine animale: cancro esofageo , leucemia , rinofaringeo, mammella, stomaco, fegato, retto, colon e cancro ai polmoni.

Menziona anche l'effetto dell'alto consumo di frutta sulla riduzione delle malattie cardiovascolari , delle malattie cardiache ipertensive e dell'ictus , grazie all'alto contenuto di vitamina C naturale dei frutti. (P. 104).

Con il titolo "The Atkins Crisis", Campbell lancia una critica molto discussa contro il Dr. Atkins . Chiarisce le sciocchezze della " dieta a basso contenuto di carboidrati " che è diventata così alla moda. Secondo un rapporto che sintetizza le statistiche alimentari del governo, gli americani hanno consumato, nel 1997, 5,90 chili in più di grassi e oli per persona rispetto al 1970, quindi il consumo è aumentato da 23,90 a 29 , 80 chili. A causa dell'enorme aumento della quantità totale di cibo consumato, la percentuale di partecipazione è leggermente diminuita. La causa dell'aumento di questa quantità è il consumo di "cibo spazzatura" più zuccherato.

L'autore descrive alcuni libri sulla nutrizione che sono diventati popolari come una grave ignoranza o come una bufala opportunistica . La sua popolarità è perché le persone perdono davvero peso a breve termine consumando così tanta carne. Qualcosa che non sorprende se ingeriscono solo 1.450 kcal al giorno invece dei soliti 2'250.

In uno studio sulla dieta finanziata da Atkins , il 68% delle persone ha sofferto di costipazione, il 63% ha problemi respiratori (nell'originale in inglese si riferisce a " alitosi "), il 51% di mal di testa, ecc. Inoltre, il 53% dei partecipanti ha registrato un notevole aumento della quantità di calcio escreto nelle urine, che può rappresentare un grave danno alla salute delle ossa.

Altrettanto folle è l'elevata perdita iniziale di fluido. Un gruppo di ricercatori australiani ha concluso quanto segue: Esistono diverse complicazioni che possono essere collegate a un consumo limitato di carboidrati a lungo termine, tra cui aritmie cardiache, compromissione della funzione contrattile del cuore, morte improvvisa, osteoporosi, disfunzione. renale, un aumentato rischio di cancro, deterioramento dell'attività fisica e alcune irregolarità legate ai lipidi . (P. 108).

Nel caso della dieta Atkins , afferma che molti dei suoi pazienti assumono più di trenta pillole vitaminiche al giorno.

Campbell risolve il problema di Atkins dicendo: Qui vediamo il potere del marketing moderno: un uomo obeso, affetto da malattie cardiache e con ipertensione arteriosa diventa uno dei trucchi più ricchi che vendono una dieta che promette di aiutarti a perdere peso, a rimanere in salute il tuo cuore e normalizza la tua pressione sanguigna .

Ovviamente, la questione dei carboidrati dovrebbe essere differenziata tra quelle che provengono da frutta, verdura e cereali non raffinati, ingeriti nel loro stato naturale, e carboidrati semplici altamente raffinati, che sono dannosi. Nei paesi industrializzati, le persone consumano principalmente carboidrati raffinati, che è il problema principale. A cui si aggiunge la popolarità della lattuga, una delle verdure più consumate e meno nutrienti.

L'autore menziona, come i grandi peccati del cibo occidentale, cibo spazzatura con molto fruttosio , pasta fatta con farina raffinata, patatine fritte , bibite , cereali zuccherati e barrette a basso contenuto di grassi.

Successivamente, Campbell si concentra su alcune differenze tra Cina e Stati Uniti, come ad esempio l'apporto calorico medio, per chilogrammo di peso corporeo, era del 30% più alto tra i cinesi meno attivi rispetto agli americani medi. Tuttavia, il peso corporeo era inferiore del 20% .

Descrivere il motivo per cui non è necessario cercare la spiegazione, p. ad esempio, un "metabolismo accelerato", ma nella diversa composizione della dieta e in una maggiore attività fisica. Si riferisce, ad esempio, al fatto che molti cinesi usano la bicicletta per andare al lavoro. Si rammarica che, nonostante i risultati di The China Study , il governo del paese raccomanda una dieta ricca di proteine di origine animale in modo che i suoi cittadini siano più alti e più pesanti. La Cina sostiene l'industria lattiero-casearia e ripete gli stessi errori dell'Occidente. (P. 114).

Il problema nello studio del volume corporeo è anche l'esistenza di malnutrizione estrema , varietà alimentare insufficiente, mancanza di qualità del cibo, malattie parassitarie , malattie infantili e tubercolosi . Tutto ciò si verifica quando le condizioni del sistema sanitario di un paese sono scarse.

Nello studio cinese è stata osservata un'infezione da virus dell'epatite B cronica (VBH). In alcune regioni, metà della popolazione era affetta da questo virus, rispetto allo 0,2-0,3% della popolazione nordamericana. Anche i tassi di cancro al fegato erano molto alti. Questo è successo nelle regioni con il più alto consumo di caseina o carne, come nei test sugli animali!

La conclusione è la seguente: la caseina e molto probabilmente tutte le proteine animali possono essere le sostanze cancerogene più importanti che consumiamo . (P. 116).

CLICK FOR: Dichiarazione importante

Campbell doveva spesso affrontare la vecchia teoria secondo cui la ricerca dovrebbe concentrarsi su sostanze isolate come gli effetti del selenio sul cancro al seno. Secondo lui,

Tutti i nutrienti alimentari lavorano insieme per creare salute o malattia. Più pensiamo che una singola sostanza chimica caratterizzi un alimento nella sua interezza, più deviamo nell'idiozia. (P. 118).

Inoltre, è importante la seguente dichiarazione: Sfortunatamente, è anche 'normale' avere una condizione cardiaca negli Stati Uniti. Nel corso degli anni, sono state stabilite norme che coincidono con ciò che vediamo in Occidente. Dato che tendiamo a credere che l'esperienza americana sia corretta, tendiamo a considerare che i suoi valori sono "normali". (P. 120).

L'autore nota, alla fine di questo capitolo, che ha smesso di mangiare carne 15 anni fa e che in seguito ha abbandonato quasi tutti i cibi di origine animale. I suoi livelli di colesterolo nel sangue sono stati ridotti, nonostante sia più vecchio, ed è in forma migliore rispetto a quando aveva 25 anni. Ora pesa 20 chili in meno rispetto a quando aveva 30 anni e il suo peso è ideale per la sua altezza. Tutto questo dopo essere stato un bambino che beveva due litri di latte al giorno e un giovane professionista che si prendeva gioco dei vegetariani, ci confessa.

Malattie associate al benessere economico

In questa seconda parte del libro scopriamo dati specifici su alcune delle diverse malattie della civiltà , chiamate anche malattie dello stile di vita o di progresso. Si riferiscono a malattie scatenate nei paesi industrializzati a causa di stili di vita , comportamenti e fattori ambientali . Le conquiste della civiltà , ovvero il miglioramento dell'igiene , i progressi della medicina nella prevenzione delle malattie (ad es. Vaccinazioni ) e nelle terapie (ad es. Trattamenti antibiotici ), nonché l'accesso Alimenti sicuri, sono l'aspetto positivo dell'attuale civiltà in relazione alla salute.

2.5. Broken Hearts (p. 127)

Campbell ci ricorda che ogni giorno 3'000 americani soffrono di un attacco di cuore, quasi lo stesso numero di persone che sono morte negli attacchi terroristici dell'11 settembre 2001 al World Trade Center , WTC, (p. 127).

CLICK FOR: Malattie cardiache

A pagina 141 aggiunge che 2.000 persone muoiono ogni giorno negli Stati Uniti a causa di patologie cardiache. Questi sono i dati del National Heart, Lung, and Blood Institute in " Morbidità e mortalità: libro delle carte del 2002 sulle malattie cardiovascolari, polmonari e ematiche ".

Nel 1953, alla fine della guerra di Corea, fu pubblicato uno studio condotto da ricercatori medici che avevano esaminato i cuori di 300 soldati morti. Questi avevano un'età media di 22 anni e nel 77,3% dei casi presentavano chiare prove di malattie cardiache. Non erano mai stati diagnosticati o avevano sofferto di problemi cardiaci.

L'autore spiega quindi le relazioni tra la placca arteriosa ( arteriosclerosi ) e i rami collaterali che il corpo forma per mantenere il flusso sanguigno il più possibile. Circa 15 cuori di questi soldati avevano una placca così accumulata che aveva ostruito il 90% di almeno una delle loro arterie. Tuttavia, non è frequente che un accumulo così elevato produca un attacco cardiaco, più pericolosi sono quelli che occludono meno del 50% dell'arteria. In questi casi, la capsula della placca può rompersi e produrre trombi. (P. 129).

Successivamente, Campbell presenta i dati dell'importante " Framingham Heart Study" . I ricercatori hanno osservato che negli uomini con livelli di colesterolo superiori a 244 mg / dl l'incidenza della malattia coronarica era più di tre volte superiore rispetto ai casi con livelli inferiori a 210 mg / dl.

CLICK FOR: Colesterolo e malattie cardiache

Redaction comment

I valori sono ottenuti da un profilo lipidico ( lipidi ). I risultati sono espressi in mmol / L. Il colesterolo (CT) dovrebbe essere <5.0, i trigliceridi (TG) <2.0 e il colesterolo-HDL (HDL-C)> 1.0. HDL si riferisce a "Lipoproteine ad alta densità" ( lipoproteine ad alta densità ).

Per il colesterolo totale, LDL o HDL, 100 mg / dl corrispondono a 2,6 mmol / l, o viceversa, 1 mmol / 39 mg / dl. Per i trigliceridi, il calcolo è 100 mg / dl corrisponde a 1,1 mmol / lo 1 mmol / l corrisponde a 88 mg / dl.

È noto da tempo che, ad esempio, gli uomini di origine giapponese residenti nelle Hawaii o in California hanno livelli di colesterolo nel sangue molto più alti rispetto a quelli che vivono in Giappone. Nel 1946, il medico Lester Morrison di Los Angeles condusse uno studio su oltre 100 persone sopravvissute a un infarto.

Il medico ha detto a metà di loro di mantenere la loro dieta abituale e ha chiesto all'altra metà di ridurre significativamente il consumo di carne. Dopo otto anni, c'era ancora il 24% del primo gruppo e il 56% del secondo. Dopo dodici anni, tutto il primo gruppo era morto, mentre l'altro è sopravvissuto al 38%.

Un altro team di ricercatori nella California del Nord ha condotto uno studio simile con un numero maggiore di persone che soffrono di malattie cardiovascolari avanzate. È stata somministrata una dieta povera di grassi e colesterolo. Il tasso di mortalità di quei pazienti che hanno seguito la dieta era quattro volte inferiore a quelli che hanno deciso di non adottarla.

Il risultato di diversi studi riflette che il consumo di proteine vegetali è ancora più efficace nel ridurre i livelli di colesterolo che nel ridurre l'assunzione di cibi ricchi di grassi o colesterolo .

Continua la battaglia tra i difensori dello status quo e i difensori della prevenzione attraverso una maggiore conoscenza degli effetti del cibo. Chirurgia e farmaci sono ancora usati. Ovviamente sono necessari, ma per quanto riguarda la prevenzione? Per decenni, lo stabilimento non solo ha applicato le nuove scoperte nel campo della nutrizione, ma le ha anche negate.

CLICK FOR: Nuove scoperte nel campo della nutrizione

E ciò si verifica nonostante studi rilevanti quanto quelli del Dr. Caldwell B. Esselstyn Jr. presso il Cleveland Heart Disease Medical Center. Nel 1985, il medico iniziò uno studio con 18 pazienti che, tra tutti, avevano subito 49 eventi coronarici , come angina pectoris , baipasi , infarto miocardico acuto , ictus e angioplastica . All'inizio dell'indagine, il livello medio di colesterolo era di 246 mg / dl. Esselstyn si incontrava con i suoi pazienti ogni 14 giorni per fare esami del sangue e altri esami, nonché per parlare con loro del processo. Presto il livello medio di colesterolo è stato ridotto a 132 mg / dl. E, soprattutto, i livelli di colesterolo LDL sono diminuiti drasticamente.

Durante i successivi undici anni, si è verificato solo 1 evento coronarico tra i 18 pazienti che hanno seguito la dieta. Questo singolo evento è accaduto a un paziente che ha abbandonato la dieta per due anni. Dopo aver cambiato la sua dieta, ha provato dolore al torace (angina) e ha deciso di riprendere una sana dieta vegetariana . Da allora non ha subito più episodi.

Il 70% dei pazienti di Esselstyn aveva subito un'operazione per aprire le arterie che si erano ostruite. Campbell include un'immagine ( angiografia ) dell'arteria coronarica con stenosi (restringimento) di un paziente, prima e dopo l'adozione del programma di alimentazione vegetariana. L'immagine mostra differenze molto evidenti. (P. 147).

Dei 18 pazienti che hanno partecipato al suddetto studio per 17 anni, tutti tranne uno hanno vissuto nel 2003 e stavano per compiere settantottanta anni.

Il dottor Dean Ornish (link in inglese), laureato alla Harvard Medical School , ha ottenuto risultati simili nelle sue ricerche. Nel suo studio sullo stile di vita " Lifestyle Heart Trial " ha sottoposto 28 pazienti a un cambiamento di dieta che ha escluso il consumo di alimenti di origine animale, ad eccezione di un albume e una tazza di latte o yogurt scremati quotidianamente. Allo stesso tempo, hanno dovuto praticare un'ora settimanale di metodi per controllare lo stress e tre ore a settimana di esercizio fisico.

Dopo un anno, l'indice di colesterolo è diminuito dai 227 mg / dl iniziali a 172 mg / dl e colesterolo LDL da 152 mg / dl a 95 mg / dl. La frequenza, la durata e la gravità dei dolori al petto ( angina pectoris ) erano notevolmente ridotte. Non tutti i partecipanti hanno seguito il programma in modo così rigoroso, ma coloro che lo hanno fatto sono stati in grado di verificare che gli ostacoli nelle loro arterie fossero diminuiti di oltre il 4%. Il gruppo di controllo che ha ricevuto cure convenzionali è stato in grado di osservare un aumento dell'8% dei blocchi arteriosi.

Nel gruppo sperimentale la frequenza del dolore toracico è diminuita del 91% e nel gruppo di controllo è peggiorata del 165%. (P. 149).

Dal 1998, quasi 200 persone hanno partecipato al progetto Lifestyle e i risultati sono stati spettacolari. Dopo un anno di trattamento, il 65% dei pazienti si è sbarazzato del dolore toracico. E, inoltre, l'effetto è stato duraturo. Dopo tre anni, il sintomo non si è manifestato in oltre il 60% di essi.

Campbell osserva che il 35% degli attacchi di cuore si verifica negli Stati Uniti nelle persone con livelli di colesterolo tra 150 e 200 mg / dl. Ciò significa, d'altra parte, che il 65% dei pazienti ha valori superiori a 200 mg / dl, cioè supera i 5,2 mmol / l. Un livello di colesterolo veramente sicuro sarebbe inferiore a 150 mg / dl o 3,9 mmol / l. I grassi non dovrebbero inoltre rappresentare oltre il 10% dell'apporto calorico totale.

2.6. Obesità (p. 154)

Il prossimo problema con la nostra forma di cibo occidentale è l'aumento di peso. Per un BMI superiore a 25 si parla di sovrappeso e di oltre 30 di obesità . Negli Stati Uniti, circa il 15% dei bambini e dei giovani di età compresa tra 6 e 19 anni è in sovrappeso e un altro 15% è a rischio di soffrire di questo problema .

Campbell descrive le conseguenze tra gli adulti. Indica anche che il costo dei trattamenti è stato di $ 70.000 milioni nel 1999 e $ 2.000.000 nel 2000. Questi importi non includono i 30.000-40.000 milioni di dollari per la prevenzione.

CLICK FOR: Vegetariani e vegani pesavano in media tra 3 e 14 chili in meno

Sottolinea che, negli studi effettuati, i vegetariani e i vegani pesavano in media tra i 3 ei 14 chili in meno. In uno studio di intervento indipendente, ai partecipanti è stato raccomandato di consumare la quantità di alimenti a base vegetale che desideravano, purché fossero a basso contenuto di grassi. In tre settimane avevano perso una media di 7,7 chili. Al Pritkin Center , i 4.500 pazienti hanno ottenuto risultati simili. Hanno perso il 5,5% del loro peso corporeo dopo tre settimane. (P. 158).

Un altro studio di intervento mostra un risultato di 11 chili di perdita di peso in un anno. Tuttavia, non è possibile perdere peso con queste diete quando sono inclusi troppi dolci, pasta, ecc.

L'autore afferma quanto segue: Alcuni diventano vegetariani, ma sostituiscono la carne con prodotti lattiero-caseari, oli aggiunti e carboidrati raffinati, inclusa la pasta fatta con cereali raffinati, caramelle e torte. Chiamo queste persone "vegetariani spazzatura", perché la loro dieta non è nutriente o equilibrata . (P. 159).

In questo contesto menziona anche una regolare attività fisica. Inoltre, in relazione alla termogenesi , cioè alla produzione di calore corporeo, si evidenzia che il metabolismo dei vegetariani brucia più calorie a riposo. Invece, non dice nulla sul consumo di energia durante la digestione di coloro che praticano una dieta vegetariana in modo naturale.

2.7. Diabete (p. 165)

Un grafico di HP Himsworth illustra le differenze tra diverse diete e decessi dovuti al diabete in diversi paesi e nel 1925, quando i media attuali non esistevano ancora. È chiaramente dimostrato che maggiore è l'assunzione di carboidrati, minore è il consumo di grassi e il numero di morti per diabete precipita da un valore compreso tra 20,4 e 2,9 per 100.000 persone .

CLICK FOR: Diabete di tipo 1 e diabete di tipo 2

L'autore spiega la differenza tra il diabete di tipo 1 , in cui il corpo non produce la giusta quantità di insulina, e il diabete di tipo 2, in cui viene prodotta l'insulina ma le cellule non la usano correttamente. L'espressione usata in questo contesto è l'insulino-resistenza. L'omaggio economico del diabete (malattia di zucchero nel sangue) è un costo di $ 130.000 milioni all'anno negli Stati Uniti.

Successivamente, Campbell continua descrivendo le complicanze del diabete, come il rischio di morte per malattie cardiovascolari e ictus - che è da due a quattro volte superiore - ipertensione, cecità, malattie renali e del sistema nervoso, la maggiore vulnerabilità ad altre malattie, ecc. Il 70% dei diabetici soffre di ipertensione.

Campbell menziona diversi studi che puntano nella stessa direzione:

Con un consumo inferiore di alimenti di origine animale vi è una minore incidenza di diabete.

È una conseguenza difficile da ammettere. La ricerca in Inghilterra e Galles, durante gli anni della guerra e subito dopo, cioè dal 1940 al 1950, mostrò lo stesso schema: una radicale riduzione del consumo di prodotti di origine animale e una parallela riduzione dell'incidenza di il diabete.

CLICK FOR: Indagini interventistiche

James Anderson ha condotto una serie di indagini interventistiche in cui ha applicato solo misure che incidevano sul cibo. Ha analizzato 25 pazienti con diabete di tipo 1 e altri 25 affetti da tipo 2 della malattia. Hanno iniettato tutti insulina. Dopo tre settimane esatte, i pazienti diabetici di tipo 1 sono stati in grado di ridurre i loro farmaci insulinici in media del 40%! . Inoltre, i livelli di colesterolo sono diminuiti del 30%. (P. 173).

Nel caso dei 25 diabetici di tipo 2, che hanno ingerito la dieta ricca di fibre e povera di grassi, 24 sono stati in grado di rinunciare ai loro farmaci e hanno mantenuto valori normali!

Tra loro c'era un uomo che soffriva della malattia da 21 anni e che aveva bisogno di 35 unità di insulina al giorno.

Risultati simili sono stati ottenuti anche presso il Centro Pritkin . Dei 40 pazienti che sono stati curati all'inizio del programma, 30 sono stati in grado di abbandonare il trattamento dopo soli 26 giorni senza superare gli indici considerati normali (nell'originale in inglese si riferisce a "34" pazienti e non a "30").

Un'indagine successiva ha studiato tre gruppi di persone che avevano livelli elevati di zucchero nel sangue ed erano a rischio di diabete. Uno dei gruppi ha ricevuto metformina e informazioni nutrizionali standard. In un altro gruppo c'è stato un intenso intervento nel loro stile di vita, che includeva anche un programma di esercizi fisici.

Dopo tre anni, il gruppo metformina ha registrato il 31% in meno di casi di diabete rispetto al gruppo controllo, che aveva ricevuto solo un placebo e informazioni nutrizionali standard.

Il gruppo in cui lo stile di vita era stato modificato aveva un'incidenza del diabete inferiore del 58%. Inoltre, i pazienti di questo gruppo sono stati in grado di risolvere anche altri problemi di salute.

2.8. I tipi più comuni di cancro: carcinoma mammario, prostatico e dell'intestino crasso (colon e retto) (p. 177)

Campbell si concentra principalmente sul cancro al seno e menziona i fattori di rischio genetici BRCA-1 e BRCA-2 , nonché la maggiore influenza dei fattori legati allo stile di vita. Sottolinea che la diagnosi precoce della malattia può portare ad un aumento dell'aspettativa di vita solo perché il cancro è stato scoperto prima.

Indica l'esistenza di alcuni studi che sostengono che l'applicazione del farmaco anti-estrogeno "TAM" può ridurre l'insorgenza del cancro al seno. Al contrario, la ricerca europea ha respinto che "la TAM può presentare benefici statisticamente significativi e, al contrario, menzionare anche i rischi di ictus, cancro uterino , cataratta , trombosi e tromboembolia polmonare .

CLICK FOR: Problemi relativi al rischio di cancro al seno

Un cambiamento anche moderato nel modo di mangiare può produrre grandi benefici: L'uso della dieta come trattamento efficace per una malattia che è già stata diagnosticata è perfettamente documentato negli studi condotti con persone che soffrono di malattie cardiache avanzate, diabete di tipo 2 clinicamente provato, un melanoma avanzato (un tumore della pelle che è mortale), così come, negli studi con animali da laboratorio, un tumore al fegato .

Alcune sostanze chimiche dannose per l'ambiente, come gli idrocarburi policiclici aromatici (IPA), possono essere metabolizzate ed escrete dal nostro corpo, ma questo è molto meglio regolato attraverso il cibo che mangiamo . Un'adeguata composizione della nostra dieta impedisce agli IPA di legarsi al DNA e di essere dannosi. (P. 187).

L'autore descrive diversi problemi relativi al rischio di cancro al seno e menziona anche il tema della terapia ormonale sostitutiva (TSH). A suo avviso, che sostiene cinque ragioni fondamentali, tale terapia è più dannosa che benefica.

D'altra parte, è noto da tempo che l'incidenza del cancro del colon-retto , che comprende il cancro del colon e del retto , varia considerevolmente da paese a paese. Prima, le ragioni erano considerate differenze genetiche. Ora, la scienza riconosce che lo stile di vita è cruciale. " Lo studio cinese" lo dimostra chiaramente.

CLICK FOR: La grande relazione tra cancro del colon-retto e consumo di carne

Un grande studio è stato condotto 30 anni fa in 32 paesi ( Ferlay J. , Bray F. , Pisani P. e altri) che ha determinato la grande relazione tra cancro del colon-retto e consumo di carne. Denis Parsons Burkitt (link in inglese) ritiene inoltre che l'assunzione di un'adeguata quantità di fibra alimentare sia essenziale per il tratto digestivo. La fibra si trova solo negli alimenti di origine vegetale (p. 193) e più raramente nei prodotti a base di tali verdure.

L'autore menziona i risultati di diverse indagini, tra cui lo studio EPIC , European Prospective Investigation in Cancer and Nutrition (link in inglese), condotto con dati di 519'000 persone in tutta Europa, nonché lo studio condotto su bianchi sudafricani. Mangiare foglie e frutta e verdura è molto benefico, la parte di radice è meno benefica e gli alimenti per animali sono in gran parte dannosi.

Redaction comment

È sorprendente per Wikipedia in tedesco:

“I partecipanti con un indice di massa corporea elevato, rispetto a quelli con un indice di massa corporea medio, sono morti più frequentemente a causa di cancro o malattie cardiovascolari. I partecipanti agli studi con un BMI ridotto sono morti più frequentemente a causa di malattie respiratorie. " (...)

“Rohrman e altri hanno pubblicato a marzo 2013 un'analisi dei dati EPIC che indagano sul rapporto tra consumo di carne rossa, preparazioni di carne e pollame e il rischio di morte prematura. I ricercatori hanno valutato i dati di un totale di 448.568 uomini e donne che, all'inizio dello studio, non soffrivano di cancro o avevano avuto un ictus o un infarto del miocardio . Per tutti i partecipanti conoscevano i loro modi di mangiare, la loro attività fisica, che fossero o meno fumatori e il loro indice di massa corporea . All'inizio dello studio, tutti i partecipanti avevano un'età compresa tra 35 e 69 anni. Erano originari di 10 diversi paesi in Europa e sono stati analizzati per una media di 12,7 anni. In questo periodo morirono 26'344 partecipanti. Le analisi hanno dimostrato che un elevato consumo di preparati a base di carne (ad esempio salsicce ) ha mostrato una correlazione statisticamente rilevante con tassi di mortalità più elevati : i partecipanti che hanno ingerito più di 160 grammi di preparati a base di carne ogni giorno avevano un rischio del 44% più alto di morire durante la durata dello studio che i partecipanti hanno consumato solo circa 20 grammi al giorno ”. (...)

"La raccomandazione che è diventata popolare qualche anno fa sul consumo di" 5 frutta e verdura al giorno "(link in inglese) si basa su ipotesi di politica sanitaria auspicabili, ma mancano di una base scientifica". Il professor Dr. Campbell , a condizione che il consumo di carne continui a coprire oltre il 10% dell'apporto proteico.

Sono stati anche studiati altri fattori di rischio. Si afferma che il calcio inibisce lo sviluppo di cellule pericolose nel colon e che si lega agli acidi biliari nell'intestino.

È un'affermazione che il settore lattiero - caseario usa volentieri per difendere il consumo di latte come qualcosa di necessario.

La realtà è la seguente: I più alti tassi di cancro del colon-retto si osservano nelle regioni del mondo in cui viene consumato più calcio, ovvero Europa e Nord America . Inoltre, l'esercizio fisico offre ulteriore protezione. (P. 198).

L'autore raccomanda di avere colonscopie dai 50 anni di età e in pazienti a rischio dai 40 anni di età, con una frequenza di colonscopia ogni cinque o dieci anni. La predisposizione genetica alla sofferenza del carcinoma del colon-retto è dell'1-3%, tuttavia tende a manifestarsi più in alcune famiglie che in altre, che è anche il luogo in cui si verificano abitudini alimentari simili.

In relazione al carcinoma prostatico , l'autore spiega che circa la metà degli uomini oltre i 70 anni soffre di latenza. Tuttavia, solo il 7% dei pazienti con diagnosi di cancro muore entro cinque anni.

CLICK FOR: Gli uomini con livelli più alti di consumo di prodotti lattiero-caseari avevano un rischio quadruplo di metastasi o cancro alla prostata

Considera che il cibo svolge un ruolo importante nello sviluppo o nella non insorgenza del cancro alla prostata. La cosa sorprendente è che uno dei legami più concordanti tra dieta e cancro alla prostata è il consumo di prodotti lattiero-caseari. Una revisione della ricerca condotta ad Harvard nel 2001 non potrebbe essere più conclusiva . (P. 201).

Gli uomini con livelli più alti di consumo di prodotti lattiero-caseari avevano un rischio quadruplo di metastasi o cancro alla prostata con conseguenze fatali, rispetto a quelli che consumavano pochi prodotti lattiero-caseari. L'assunzione di prodotti lattiero-caseari è uno degli indicatori nutrizionali più concordanti per il cancro alla prostata in tutta la letteratura scientifica pubblicata .

Campbell indica che la causa risiede principalmente nell'ormone della crescita IGF-1. In condizioni malsane, aumenta direttamente la formazione e la crescita di nuove cellule. In questo senso, si riferisce a sette studi effettuati.

Un alto livello di IGF-1 e un basso livello nel sangue di una proteina associata a questo ormone causano un rischio maggiore di 9,5 di soffrire la malattia in uno stato avanzato. Secondo diversi studi, il nostro corpo produce più IGF-1 quando mangiamo più alimenti di origine animale, come carne e latticini.

Le proteine animali bloccano anche la produzione di vitamina D nel nostro corpo, così come il calcio nel latte.

L'autore conclude citando quanto segue: L'enorme numero di professionisti della nutrizione, ricercatori e medici esistenti non è venuto a conoscenza di queste prove o si rifiuta di condividerle. A causa di questi fallimenti ... le persone sono private di informazioni che potrebbero salvare la vita .

2.9. Malattie autoimmuni (p. 207)

Nelle malattie autoimmuni è il corpo stesso ad attaccarsi sistematicamente. Sono malattie difficili da curare e che comportano una progressiva perdita di funzioni fisiche e mentali. Elenca 17 malattie autoimmuni, tra cui sclerosi multipla (SM), diabete di tipo 1 , artrite reumatoide , malattie della tiroide (come la malattia di Graves-Basedow ), vitiligine (depigmentazione cutanea), anemia pernicioso a causa di gastrite di tipo A , ecc.

L'autore confronta il nostro sistema immunitario con una rete militare, non con un organo del corpo, e spiega quali sono le diverse cellule che agiscono e come funzionano. Nel midollo osseo vengono rilasciate cellule staminali che rilasciano globuli bianchi ( leucociti ), chiamati linfociti B (ossa, ossa). Altre cellule immature si spostano nella ghiandola del timo dove diventano cellule specializzate secondo necessità. Questi sono chiamati linfociti T. Gli invasori stranieri sono molecole proteiche chiamate antigeni, ad es. ad es. virus o batteri . Il corpo crea una "immagine speculare" in grado di adattarsi perfettamente all'antigene e distruggerlo. Questa immagine o modello è un recettore cellulare .

Durante il processo di digestione, ad esempio, alcune proteine passano dall'intestino al flusso sanguigno senza essere state completamente scomposte nelle loro frazioni di aminoacidi. " (…) “Il latte di mucca è uno degli alimenti che contengono molte delle strane proteine che assomigliano alle nostre stesse proteine . (P. 211).

CLICK FOR: Diabete di tipo 1

In relazione al diabete di tipo 1, Campbell indica che la maggior parte delle persone ignora che ci sono molte prove scientifiche che rendono possibile affermare che questa malattia è associata alla dieta e più specificamente ai prodotti lattiero-caseari. La capacità della proteina presente nel latte di vacca di innescare il diabete di tipo 1 è ben documentata . E cita come riferimento tre studi condotti su questo pernicioso effetto del latte.

L'autore spiega in otto passaggi cosa può accadere a un bambino che non ha ricevuto il latte materno per abbastanza tempo e viene nutrito con le proteine ottenute dal latte di mucca. In questo senso, una delle indagini cita quanto segue: Il latte di mucca può essere la causa di una delle malattie più devastanti che un bambino può soffrire . (P. 212).

Uno studio del 1992 ha dimostrato che una proteina del latte vaccino chiamata BSA, albumina sierica bovina, che non era stata completamente digerita, ha aumentato i livelli di anticorpi al di sopra di 3,55 nel caso di bambini con diabete di tipo 1 Il resto dei bambini aveva livelli più bassi. D'altra parte, in Wikipedia , in inglese e in spagnolo, si fa riferimento al termine BSA , ma non in tedesco: è l'influenza del settore lattiero-caseario?

Campbell sottolinea che i geni non agiscono in modo isolato, ma hanno bisogno di un trigger per poter sviluppare i loro effetti. Ciò è stato dimostrato in diverse indagini condotte su gemelli monozigoti.

L'assunzione di latte di vacca tra i bambini da zero a sedici anni in dodici paesi rivela una correlazione quasi perfetta con il diabete di tipo 1. Maggiore è il consumo di latte di vacca, maggiore è l'incidenza del diabete di tipo 1. Finlandia, dove vengono ingerite enormi quantità di latte vaccino, maggiore è l'incidenza del diabete di tipo 1 . (P. 215).

Lo dimostrano anche due noti studi condotti in Finlandia, rispettivamente alla fine degli anni '80 e alla metà degli anni '90. Il primo studio scientifico conclude che il consumo di latte vaccino aumenta il rischio di soffrire di diabete di tipo 1 da cinque a sei volte . Nel secondo studio è stato osservato che il latte di mucca aumenta lo sviluppo di almeno tre anticorpi aggiuntivi, oltre a quelli già presentati in precedenza nel libro. (P. 217).

L'autore include numerosi test ed esempi che dimostrano in modo molto chiaro e significativo la relazione tra il consumo di latte e prodotti lattiero-caseari e le diverse malattie. Riconosce, tuttavia, che l'industria non consentirà a tali conoscenze di avere effetti pratici sulle consultazioni dei medici. Ciò genererebbe un problema esistenziale per il settore industriale e i giganteschi budget per le pubbliche relazioni, il marketing e le influenze dirette lo rendono impossibile. E, in queste circostanze, l'incidenza del diabete di tipo 1 aumenta del 3% all'anno. (P. 216).

Redaction comment

A proposito, proprio come un'industria potente è riuscita a mettere a tacere, attraverso controversie e per decenni, gli effetti dannosi del tabacco, oggi è l'industria alimentare e lattiera che agisce allo stesso modo e con successo.

Ha imparato dalla guerra come nascondere o come camuffare completamente le fonti di pericolo. Gli studi presentati sono moltiplicati in un modo che sembra riflettere il contrario di ciò che dicono veramente.

Con il potere delle tecniche di marketing, è facile per i media estendere questi risultati, mentre studi seri sono noti in campi scientifici ma raramente raggiungono la politica o i consumatori. Come hanno potuto farlo?

CLICK FOR: Sclerosi multipla

Successivamente possiamo leggere la sclerosi multipla (SM; in inglese MS). L'autore spiega i suoi effetti, così come è una malattia che colpisce 100 volte di più nei paesi del Nord che in Ecuador. Roy Swank è stato il primo ricercatore noto che ha analizzato l'influenza del cibo sull'esordio della SM, iniziando i suoi studi in Norvegia e al Montreal Neurological Institute .

Swank ha condotto i suoi studi con 144 pazienti e ha seguito per 34 anni. Nel 1990 ha pubblicato i seguenti risultati: Nel sottogruppo di pazienti che avevano ridotto l'assunzione di grassi saturi durante le prime fasi della malattia, circa il 95% (...) ha continuato a soffrire di sintomi lievi di SM per circa 30 anni e la percentuale di decessi era solo del 5% . Al contrario, l'80% dei pazienti che soffrono di sclerosi multipla in una fase precoce e ha consumato una dieta "negativa" (con un più alto contenuto di grassi saturi) è morto a causa della malattia .

Redaction comment

Wikipedia fa eco alle esperienze con pazienti che hanno consumato piccole quantità di proteine di origine animale (nella sua versione spagnola, menziona la dieta come un trattamento alternativo, ma aggiunge che non è stata studiata scientificamente). Tuttavia, i risultati della dieta sono migliori di quelli ottenuti con i farmaci, ma poiché è qualcosa che non costa denaro non ci sono lobby.

Più recentemente, numerosi studi hanno confermato le osservazioni di Swank . Se fosse una medicina, ci sarebbe già una società che guadagna miliardi - dice Campbell . Si riferisce anche al Dr. James Anderson , già menzionato in un capitolo precedente, che ha ottenuto risultati eccellenti attraverso l'applicazione della terapia nutrizionale.

È stato inoltre riscontrato che la prevalenza della SM era più bassa nelle zone costiere del Nord, luoghi in cui viene consumato molto pesce, il che ha portato allo studio dell'effetto dei grassi omega 3. È interessante notare che non si dice quasi mai che il consumo di prodotti Anche i prodotti lattiero-caseari sono molto più piccoli in tali aree.

Le pagine web relative all'aiuto per la SM non menzionano che i prodotti lattiero-caseari sono i maggiori problemi dei pazienti con SM ...

"Normali" sono per noi le nostre abitudini alimentari e le nostre solite malattie della civiltà, non l'adozione di comportamenti sani. Questo è considerato come qualcosa di fuori posto e solo l'attività fisica è accettata come qualcosa di salutare.

2.10. Effetti ad ampio raggio: malattie ossee, renali, oculari e cerebrali (p. 229)

Campbell cerca di farci riflettere sugli effetti della dieta citando l'impressionante varietà e quantità di studi che mostrano da un lato la significativa correlazione tra cibo e salute vegetariani e, dall'altro, tra prodotti animali e malattie della civiltà.

È vero che con un solo studio praticamente ogni opinione può essere difesa, ma quando migliaia di ricerche scientifiche sostengono ampiamente l'idea che il cibo vegetariano porti a una salute migliore, allora dovremmo prestare attenzione.

Nel caso dell'osteoporosi , mostra che nelle aree in cui le persone consumano quantità più elevate di latte vaccino e prodotti lattiero-caseari vi è una maggiore incidenza della malattia e viceversa. Ad esempio, le donne americane con più di 50 anni hanno il più alto tasso di fratture dell'anca nel mondo. Alcuni paesi in Europa, Australia e Nuova Zelanda superano questi livelli e il consumo di latte!

CLICK FOR: Il ruolo predominante del settore lattiero-caseario

Nella pubblicazione tedesca di Wikipedia sull'osteoporosi di febbraio 2014, possiamo intuire il ruolo predominante del settore lattiero-caseario:

Per la prevenzione dell'osteoporosi è determinante un'adeguata assunzione di calcio di circa 1 g / die (terapia di base della Federazione tedesca di osteologia centrale, DVO ; collegamento tedesco). Un litro di latte o 100 grammi di formaggio a pasta dura contengono un grammo di calcio. Oltre ai latticini (in particolare latte e yogurt), anche le verdure a foglia verde come cavoli o broccoli sono buoni fornitori di calcio. Gli individui che non consumano latte o formaggio devono assumere 800 mg di calcio in compresse .

Redaction comment

E 'molto comune nella Wikipedia tedesca! Nella lingua inglese Wikipedia non vengono fatte raccomandazioni di questo tipo, né in quella spagnola, e le compresse di calcio non sono consigliate.

In quest'ultimo possiamo leggere quanto segue: Il ruolo del calcio nella prevenzione e nel trattamento dell'osteoporosi non è chiaro - alcune popolazioni con assunzioni di calcio estremamente basse hanno bassi tassi di fratture ossee, altre con un elevato apporto di calcio attraverso il latte e dei loro derivati hanno molte ossa rotte. Altri fattori, come l'assunzione di proteine, il sale, la vitamina D, l'esercizio fisico, l'esposizione al sole, influenzano anche la mineralizzazione ossea, rendendo l'assunzione di calcio un fattore tra i molti nello sviluppo dell'osteoporosi. Alcuni studi dimostrano che una grande assunzione di vitamina D riduce il numero di fratture, tuttavia altre ricerche non hanno confermato queste conclusioni, quindi questo aspetto del trattamento è oggetto di dibattito . (...)

Il Dr. Thomas Colin Campbell , nel suo libro "Lo studio della Cina", consiglia di consumare vari tipi di cibi vegetariani e integrali ed evitare quelli di origine animale, compresi i prodotti lattiero-caseari.

Nel 1880 fu suggerito che le proteine animali producevano un eccesso di acido metabolico. Questo è stato documentato nell'anno 1920. Il corpo cerca di mantenere costante il pH del sangue e combatte l'eccesso di acidità usando il calcio per neutralizzare. Questo calcio lo estrae dalle riserve presenti nelle ossa e le indebolisce notevolmente.

CLICK FOR: studio

Questo processo aumenta anche la quantità di calcio persa nelle urine.

L'autore afferma che, negli anni 1974, 1981 e 1990, sono stati pubblicati riassunti di questi studi che dimostrano che un aumento del consumo di proteine da 35 a 78 g / giorno provoca un aumento allarmante del 50% di calcio nelle urine.

Anche lo studio finanziato dal Centro Atkins ha trovato queste cifre.

A pagina 234, Campbell include un grafico illustrativo sulla relazione tra il consumo di proteine di origine animale, rispetto a quelli di origine vegetale e le fratture dell'anca che si verificano in diversi paesi. L'incidenza di queste fratture, in 100.000 persone / anno, aumenta praticamente da zero a 200 casi. Vedi a questo proposito le informazioni sulla dieta alcalina .

L'autore in seguito commenta gli studi del professore di Harvard Mark Hegsted e spiega i meccanismi regolatori (processo di regolazione) tra calcio e vitamina D3 doppiamente idrossilata (1,25 (OH) ₂D₃). Indica come un'assunzione eccessiva e continua di calcio può alterare il funzionamento di questi meccanismi. Perdere questa capacità è una garanzia di osteoporosi e nonostante ciò i nostri medici continuano a raccomandare un elevato consumo di latte. A tutto ciò dobbiamo aggiungere i danni derivati dall'elevata quantità di fosforo.

Campbell sottolinea che in questo grande circo della ricerca sull'osteoporosi, ci sono alcuni dettagli diabolicamente contraddittori che promuovono la confusione e citano sei di queste affermazioni. Ma conclude facendo riferimento al fatto che gli studi hanno dimostrato che un modo per prevedere l'osteoporosi è la proporzione tra proteine animali e vegetali nella nostra dieta .

Ci offre, infine, una serie di consigli sull'esercizio fisico e l'alimentazione e non si riferisce solo alle proteine di origine animale. Possiamo ingerire calcio attraverso un'ampia varietà di alimenti a base vegetale . E aggiungi quanto segue: Se fai a meno di carboidrati raffinati, come cereali zuccherati, pane bianco, pasta fatta con farina bianca e prelibatezze, non dovresti avere problemi con la carenza di calcio .

Con queste indicazioni si riferisce a persone che seguono una dieta esclusivamente vegana o quasi vegana. Cita anche tra i suoi consigli che un consumo esagerato di sale può anche essere un problema. (P. 238).

CLICK FOR: I prodotti di origine animale rappresentano inoltre un onere aggiuntivo per i reni

Successivamente, Campbell sottolinea che anche i prodotti di origine animale rappresentano un ulteriore onere per i reni. Ciò può essere perfettamente verificato nei grafici preparati dal professor WG Robertson del Medical Research Council di Leeds, uno dei più prestigiosi esperti, a capo di un gruppo di ricerca sulla dieta e il suo rapporto con i calcoli renali . La grafica più sorprendente è quella che appare a pagina 240.

I due grafici rimanenti mostrano l'effetto dell'assunzione di proteine animali sul calcio e sull'ossalato presenti nelle urine.

Redaction comment

A proposito di ossalati su Wikipedia:

"Sono tossici perché in presenza di ioni calcio formano ossalato di calcio, un sale scarsamente solubile. In questo modo, da un lato il calcio viene eliminato come elemento essenziale dell'organismo, e dall'altro si cristallizza formando una pietra che può ostacolare i dotti renali. "(...)

"Si raccomanda ai pazienti affetti da rene una dieta povera di ossalato (poco tè, pochi spinaci o rabarbaro)."

Altri alimenti con ossalati sono cioccolato, noci e cacao in polvere.

Il prossimo problema a cui Campbell si riferisce è quello delle malattie degli occhi. La composizione dei nostri pasti influenza in particolare la cataratta e la degenerazione maculare . Queste sono due malattie che colpiscono milioni di americani più anziani.

Gli antiossidanti presenti nella frutta e nella verdura riducono notevolmente il rischio di soffrire di questa malattia. L'autore spiega la relazione tra dieta e malattia e fa riferimento a due studi conclusivi. I risultati dei due studi hanno suggerito che se fosse stato consumato cibo adeguato, il 70-88% della cecità causata dalla degenerazione cellulare poteva essere prevenuta .

CLICK FOR: Spinaci e cavoli - offrivano la massima protezione

La chirurgia della cataratta è diventata comune tra noi dall'età di 70 anni. Oggi non è qualcosa di particolarmente grave, tuttavia, la degenerazione maculare non ha cura, si evolve e conduce lentamente alla cecità irreversibile. L'inizio della malattia inizia con una macula giallastra al centro della retina, l'area che fornisce acuità visiva e una progressiva perdita delle sue funzioni.

In uno degli studi, hanno collaborato cinque centri oftalmologici e 356 persone sono state utilizzate come gruppo di test, di età compresa tra 55 e 80 anni, a cui era stata diagnosticata una degenerazione maculare avanzata.

I ricercatori hanno scoperto che, tra gli alimenti studiati - broccoli, carote, spinaci, cavoli, zucche e patate dolci - erano gli spinaci e il cavolo a offrire la massima protezione.

Nei partecipanti allo studio che hanno ingerito maggiori quantità di carotenoidi, è stata osservata un'incidenza in meno del 43% della malattia rispetto a coloro che hanno consumato poche verdure.

La presenza della malattia era inferiore dell'88% nelle persone che consumavano queste verdure verdi cinque volte a settimana o più, rispetto a quelle che le assumevano meno di una volta al mese.

Le verdure con meno colore erano quelle che mostravano meno effetti, cioè la famiglia dei cavoli, come cavoli, cavolfiori e cavoletti di Bruxelles.

Nelle analisi condotte sul consumo di cinque carotenoidi attraverso il cibo, è stato dimostrato che le verdure a foglia verde molto scure erano quelle che avevano i più importanti effetti protettivi. Al contrario, gli integratori di alcune vitamine, tra cui il retinolo ("vitamina A preformata") e le vitamine C ed E, non hanno rivelato un effetto favorevole . (P. 244).

Un secondo studio ha confrontato un totale di 421 pazienti affetti da degenerazione maculare con 615 persone non malate. Sono stati misurati gli antiossidanti presenti nel sangue anziché quelli consumati. I risultati sono stati simili. La riduzione dell'incidenza è stata del 65-70%. E sono stati dimostrati gli effetti significativi dei carotenoidi, non del selenio o di alcune vitamine.

In relazione alla cataratta, è stato anche possibile dimostrare che gli individui che consumavano le verdure a foglia verde più scure avevano un'incidenza della malattia inferiore del 40%. Le indagini sono state condotte con 1.300 persone tra il 1988 e il 1998.

Anche la luteina sembra svolgere un ruolo importante, il che sembra logico quando sappiamo che la sostanza chimica è parte integrante del tessuto delle lenti. Altrettanto decisivo è la zeaxantina carotenoide.

L'incapacità di ricordare e pensare con la stessa precisione di prima è un disturbo che arriva lentamente con l'età. Tuttavia, alcune persone sviluppano disfunzione mentale sotto forma di demenza che può persino essere pericolosa per la vita. Tra queste disfunzioni vi sono la demenza vascolare , che si verifica principalmente a seguito di piccoli ictus multipli e l' Alzheimer . La malattia di Alzheimer è quattro volte più frequente della demenza vascolare. Nell'Alzheimer, la sostanza proteica beta-amiloide si accumula sotto forma di placca nelle regioni essenziali del cervello.

CLICK FOR: Alzheimer

Redaction comment

Accanto alla predisposizione genetica, la Wikipedia tedesca sottolinea quanto segue: “Esistono anche fattori di rischio legati al cibo, come i livelli di colesterolo : con una mancanza di colesterolo, non si osserva una formazione in vitro di peptidi beta-amiloidi. È probabilmente correlato al fatto che la produzione di peptidi Aβ viene effettuata esclusivamente nelle zattere lipidiche delle membrane cellulari e che questi sono composti principalmente da colesterolo. ”

"Apparentemente ci sono ulteriori fattori di rischio. Numerose sostanze farmacologiche aumentano la produzione di Aβ42 a livelli pericolosi in vitro e nei test sui topi. Inibitori specifici delle prostaglandine-endoperossido sintasi 2 e alcuni isoprenoidi sono dubbi. "

Campbell continua dicendo: la malattia di Alzheimer è straordinariamente comune. Si afferma che l'1% delle persone di sessantacinque anni mostra segni di sofferenza, una cifra che raddoppia ogni cinque anni da quell'età .

Gli individui con disfunzione cognitiva hanno un rischio dieci volte maggiore di morbo di Alzheimer, ma sviluppano anche più malattie cardiovascolari, ictus e diabete di tipo 2. I fattori di rischio sono ipertensione (alta pressione sanguigna) e colesterolo alto nel sangue

Entrambi sono influenzati dal cibo, come nel terzo fattore di rischio: i radicali liberi.

I prodotti di origine animale mancano di scudi antiossidanti e tendono ad attivare la produzione di radicali liberi e il deterioramento cellulare; al contrario, i cibi vegetariani ricchi di antiossidanti tendono a prevenirlo . (P. 248).

Nei diversi studi condotti su bambini di persone provenienti, ad esempio, dall'Africa o dal Giappone, che hanno lasciato i loro paesi e adottato il nostro stile di vita, è stato dimostrato che le condizioni di queste abitudini sono più influenti della predisposizione genetica.

In pratica, di solito vengono condotti studi continui su alcuni componenti nutrizionali in isolamento, come la vitamina E o i beta-caroteni.

Si dimentica che la natura funziona come una grande orchestra in cui un singolo strumento non può agire da solo.

In alcuni casi non può essere evitato, ma in altre circostanze mi sembra che non sia molto intelligente e che abbia scarso impatto a livello pratico.

Lo studio Framingham menziona, ad esempio, che per ogni tre porzioni aggiuntive di frutta e verdura consumate quotidianamente, il rischio di ictus è ridotto del 22% . L'autore conclude che con un cambiamento radicale nella dieta il rischio potrebbe essere ridotto di quasi il 100%. (P. 250).

Campbell si riferisce anche a numerosi studi in cui è stato dimostrato, tra gli altri effetti, che un basso livello di omocisteina e un alto livello di acido folico sono stati utili nel ridurre il rischio di Alzheimer.

L'autore termina commentando che spesso incontrava conoscenti che lo definivano un fan della salute e gli dicevano che preferivano mangiare carne, fumare e fare ciò che desideravano quando lo desideravano. Alcuni di loro sono già morti e altri hanno dovuto visitarli in seguito in una casa di cura, come per lui, che è già un ottantenne (nato nel 1934), gode ancora dei vantaggi di una buona salute e autonomia fisica.

La guida per una buona alimentazione

Campbell menziona anche due frasi classiche che sono diventate molto popolari: agli americani piace la bazofia , cioè a loro piace tutto ciò che può essere considerato una sciocchezza, e agli americani piace parlare bene delle loro cattive abitudini . Se agli americani piace elogiare le loro cattive abitudini, sembra che ci stia succedendo le stesse cose in Europa.

Solo una piccola parte delle informazioni nutrizionali che raggiungono la consapevolezza del pubblico si basa sulla scienza e per questo paghiamo un prezzo elevato.

Un giorno si afferma che l'olio d'oliva è molto dannoso per la salute, il giorno dopo si scopre che fa bene al cuore. Un giorno si dice che le uova alla fine ostruiranno le arterie, e quindi saranno una buona fonte di proteine. Un giorno senti che patate e riso sono meravigliosi e un altro che rappresentano la più grande minaccia al tuo peso corporeo . (P. 254).

CLICK FOR: Dieta Atkins e dieta South Beach

L'autore sottolinea gli effetti dannosi della dieta a basso contenuto di carboidrati Atkins o della nuova dieta di South Beach (link in inglese) del Dr. Arthur Agatston . Ci racconta come è stato sorpreso di scoprire nel menu di un ristorante, nell'opzione “low carb”, un piatto di “ pasta primaverile ” (link in inglese), ovvero un'enorme porzione di pasta con verdure, che praticamente contiene solo carboidrati del "cattivo" e alcuni dei "buoni" che provengono dalla verdura.

Ciò dimostra quanto sia grande la confusione, anche quando gli chef non riescono a distinguere tra diversi nutrienti. La dieta di South Beach è, in effetti, la solita dieta degli americani, che viene venduta con successo come dieta sicura, ma che ci rende grassi e malati di cuore, distrugge i nostri reni, ci provoca la cecità e ci porta all'Alzheimer, Cancro e molti altri problemi medici . Tutto ciò gli ricorda che la popolazione sta annegando in una terribile marea di informazioni nutrizionali . (P. 254).

2.11. Mangia bene: otto principi di cibo e salute (p. 257)

Colin Campbell inizia questo capitolo con 20 argomenti a favore di uno stile di vita sano. Quale persona con più di 50 anni non vuole apparire e sentirsi più giovane, avere più energia ed evitare l'impotenza il più a lungo possibile? Ma con uno stile di vita migliore otterremo sicuramente molto di più.

I sottotitoli dei suoi otto principi di base sono i seguenti:

CLICK FOR: 1. Il tutto è più della somma delle parti.

La nutrizione rappresenta le attività combinate di innumerevoli sostanze alimentari.

Spiega il modo in cui il corpo ingerisce cibo, un processo che inizia dal momento in cui introduciamo un cibo in bocca . D'altra parte, include a titolo di esempio una tabella sui nutrienti presenti negli spinaci , tra questi, nove vitamine , otto acidi grassi e diciotto aminoacidi , nonché numerosi tipi di fitosteroli o steroli vegetali.

CLICK FOR: 2. Gli integratori vitaminici non sono una panacea per una buona salute

Poiché la nutrizione opera come un sistema biochimico infinitamente complesso, in cui sono coinvolte migliaia di sostanze chimiche e vengono prodotti migliaia di effetti sulla salute, ha poco senso pensare che i nutrienti consumati separatamente sotto forma di integratori possano sostituire cibi integrali Gli integratori alimentari non contribuiranno a una buona salute duratura e, d'altra parte, potrebbero avere effetti collaterali imprevisti . (P. 260).

Tuttavia, l'interesse suscitato dagli integratori alimentari negli ultimi decenni è diventato un business gigantesco che offre opportunità redditizie per la disinformazione . Cita, ad esempio, un'indagine su larga scala, condotta nel 1994-1996, che ha dimostrato che gli integratori di beta carotene non diminuivano, come previsto, il cancro del polmone , ma piuttosto lo aumentavano quando tali integratori venivano ingeriti durante un periodo di 4-8 anni.

CLICK FOR: 3. In pratica, non esistono sostanze nutritive negli alimenti di origine animale che le piante non possono fornire in modo più sano

L'autore presenta una tabella comparativa della composizione nutritiva degli alimenti di origine vegetale e animale. In questa tabella, il lettore può verificare la superiorità degli alimenti vegetali, con circa un decimo di grassi e la stessa quantità di proteine e valori fino a dieci volte migliori. La carne, ad esempio, non contiene fibre . D'altra parte, l'autore menziona il problema della vitamina B12 ( cobalamina ). Il libro indica che le persone che seguono una dieta vegana possono incorporare questa vitamina sotto forma di compresse o attraverso l'assunzione di cibi fortificati. A seconda della zona geografica o del modo di vivere, ciò si applicherebbe anche alla vitamina D.

In questo senso, è disponibile come riferimento bibliografico articolo Mozafar A. "L'arricchimento di alcune vitamine del gruppo B in impianti con l'applicazione di fertilizzanti organici", in pianta e suolo 167 (1994), p. 305-311.

Redaction comment

In ogni caso, secondo me l'autore ha torto quando ha fatto la seguente dichiarazione: “La ricerca scientifica ha dimostrato in modo convincente che le piante che crescono in terreni di buona qualità, con un'adeguata concentrazione di vitamina B12, assorbono facilmente e rapidamente questo nutrienti. Tuttavia, le piante piantate in campi "inerti" (terreno inorganico) possono essere carenti di vitamina B12 ".

A quel tempo non c'era separazione tra analoghi strutturali (link in inglese). Leggiamo su Wikipedia quanto segue: “Le verdure conservate dalla fermentazione lattica , alcuni tipi di alghe e legumi , come piselli , fagioli e lupini , zingiberali , come lo zenzero , contengono coenzimi B12, sebbene in piccole quantità. Inoltre, alcuni funghi commestibili , in particolare i funghi comuni , conterrebbero una quantità ridotta di vitamina B12 ".

Wikipedia tedesca continua a dire, nella voce sulla cobalamina , che la spirulina , con 57 µg, fornisce approssimativamente la stessa quantità del fegato di vitello. Quindi 10 g di spirulina al giorno sarebbero sufficienti per garantire i bisogni. Tuttavia, sono le informazioni errate sugli analoghi strutturali che potrebbero persino ridurre l'assorbimento della vitamina B12. Nelle alghe Nori troviamo 15 µg. La mia ricerca su questo argomento non è ancora terminata.

CLICK FOR: 4. I geni, da soli, non determinano la malattia

Funzionano solo quando attivati o espressi e l'alimentazione svolge un ruolo essenziale nel determinare quali geni sono espressi, favorevoli o sfavorevoli.

Campbell sottolinea ancora una volta che i geni non attivati non hanno alcun effetto sulla nostra salute. L'ambiente, e in particolare la dieta, li attiva o disattiva.

Redaction comment

EE: Cosa porta dalla regolazione genica all'epigenetica con trasmissione ai discendenti.

CLICK FOR: 5. La nutrizione può controllare sostanzialmente gli effetti negativi dei composti chimici tossici

Si riferisce, ad esempio, all'allarme che si è verificato intorno al 2002 intorno all'acrilamide , un composto trovato nelle patate trasformate dal calore e che hanno un effetto cancerogeno.

Tuttavia, queste patate lavorate ad alte temperature producono, secondo Maillard , circa 450 reazioni di Maillard che, a loro volta, generano infiammazioni cellulari.

Include anche un testo interessante sull'espressione genica . Non vogliamo sentire che i nostri cibi preferiti sono un problema dovuto esclusivamente al loro contenuto nutrizionale . (P. 269).

CLICK FOR: 6. La stessa alimentazione che previene la malattia nelle sue fasi iniziali (prima della diagnosi) può anche arrestarla o invertirla nelle fasi più avanzate (dopo la diagnosi)

Alcuni risultati della ricerca mostrano che, attraverso una dieta vegetariana e cibi integrali, è possibile contrarre una malattia cardiaca avanzata, che le persone obese perdono peso e che i diabetici possono fare a meno dei loro farmaci e tornare a una vita più lunga normale, come quello che avevano prima di contrarre il disturbo.

La ricerca ha anche dimostrato che il melanoma avanzato - il cancro della pelle che può causare la morte - può essere attenuato o invertito modificando lo stile di vita .

Redaction comment

Nel 1978, ho avuto l'opportunità di incontrare la moglie di un vegano crudo. Volevo sapere perché il cuoco della clinica Bircher-Benner (link in inglese), accettando la mia richiesta, era felice di essere in grado di preparare un pasto vegano crudo, anche se ciò significava più lavoro. Non ho preso la cosiddetta dieta del cancro quando è stata cotta.

Mi ha invitato a casa sua e mi ha fatto conoscere la sua famiglia. Il cambiamento nel loro modo di nutrirsi si era verificato cinque anni prima, quando hanno scoperto quello che era allora il loro amico un melanoma maligno con numerose metastasi. Ho calcolato che la sua età sarebbe stata di circa 25 anni. Normalmente, quando viene raggiunto questo stadio della malattia, muore in pochi mesi. Tuttavia, è riuscita a recuperare la sua salute grazie a un cambiamento radicale e permanente della dieta adottando una dieta totalmente cruda-vegana. Più tardi, ho incontrato un austriaco di 35 anni che potrebbe anche essere curato con un cambiamento di dieta. Almeno, non hanno trovato alcun segno della loro malattia nel sangue. Ma, non appena la sua salute è stata ripristinata, il giovane è tornato alle sue vecchie abitudini alimentari ed è morto, come temevo, dopo poco più di un anno. Lo stesso cancro era tornato.

La donna, d'altra parte, ha sicuramente mantenuto la sua salute, proprio come è successo a me dopo aver superato il linfoma a cellule del mantello di fase 3 che mi era stato diagnosticato. A quel tempo era una malattia incurabile, oggi c'è una ridotta possibilità di cura mediante trapianto di midollo osseo.

CLICK FOR: 7. Una nutrizione benefica per una malattia cronica promuoverà una buona salute generale

L'autore sottolinea nuovamente che una dieta sana è benefica per tutti i tipi di malattie poiché i suoi effetti non sono selettivi. In realtà è qualcosa di logico.

Tuttavia, l'editore di un editore con cui Campbell l'ha contattata ha raccomandato di includere un piano dietetico differenziato per ciascuna delle malattie, che renderebbe il libro più venduto o addirittura commercializzato.

CLICK FOR: 8. Una buona alimentazione promuove la salute in tutte le aree della nostra esistenza

Tutte le parti sono interconnesse.

Il processo del mangiare è forse l'incontro più intimo che abbiamo con il mondo; È un processo in cui ciò che mangiamo diventa parte del nostro corpo. (...) Le persone hanno più energia quando vengono alimentate correttamente. Questa sinergia tra alimentazione e attività fisica è veramente significativa e costituisce la prova che queste due parti della vita non sono isolate. (...) Sappiamo anche che l'attività fisica ha un effetto sul benessere emotivo e mentale . (P. 273).

2.12. Come mangiare (p. 276)

L'autore è contrario alle privazioni nel cibo e ai complessi regimi per perdere peso, che comunque causano solo un effetto yo-yo . Il mio consiglio è di provare a eliminare tutti i prodotti animali dalla dieta, ma senza ossessionarti , ci raccomanda. Ad ogni modo, è preferibile apportare un cambiamento radicale al modo di intendere il cibo perché farlo a metà strada richiede molta più energia. Ritiene che sia più efficace provare un cambiamento completo con l'obiettivo di eseguire un test per un mese: provare un mese. Hai mangiato cheeseburger per tutta la vita; Non morirai se non li mangi per un mese . (P. 280).

Redaction comment

Secondo me, ci vogliono tre mesi - senza eccezioni - per cambiare il senso del gusto. Maggiori informazioni su ciò che accade con il sale nella recensione del libro " Sale, zucchero e grassi " di Michael Moss, o direttamente nel libro. L'autore raccomanda di eseguire un esame del sangue prima e dopo.

Campbell sottolinea che i numerosi alimenti vegetali e le erbe aromatiche e culinarie rendono possibile una dieta varia e gustosa senza utilizzare altri ingredienti, come la pasta, ecc.

CLICK FOR: Suggerimenti per facilitare il cambio di potere

L' apparato digerente , soprattutto se vengono consumati molti cibi crudi, dovrebbe iniziare adattandosi alla nuova dieta. Né dovrebbe esserci troppo sostegno da parte della famiglia o di altre persone, poiché molti si sentono minacciati da coloro che hanno deciso di vivere in modo vegetariano o vegano.

Inoltre, l'autore include una serie di suggerimenti per facilitare il cambio di dieta, come l'acquisto di ricettari con menu appetitosi e semplici da preparare. E menziona una ricetta di uno stufato di arachidi dell'Africa occidentale come idea.

Redaction comment

Le insalate al ristorante di solito non sono eccessivamente appetitose e ricche di nutrienti. I piatti che vengono consumati all'aperto sono generalmente troppo salati, a meno che non vengano fornite istruzioni precise ai cuochi, almeno secondo le mie esperienze quando mangio piatti cotti.

Ci sono dozzine di piante culinarie che possono essere utilizzate per cucinare o preparare cibi.

Di conseguenza, i piatti vegani possono essere davvero gustosi.

In questi link di Wikipedia in inglese e tedesco troverai un ampio elenco e circa 30 fotografie di piante aromatiche e culinarie.

Perché non ne hai mai sentito parlare?

Le persone che affrontano questi problemi per la prima volta sono spesso sorprese perché ciò che hanno potuto sentire in generale è esattamente l'opposto, cioè latte e carne sono praticamente i cibi migliori. L'autore spiega le ragioni e inizia con questo argomento: Come vedrai, gran parte del soggetto è governato dalla regola d'oro: chi ha l'oro impone le regole. Ci sono industrie potenti, influenti e molto ricche che inizieranno a perdere enormi somme di denaro se gli americani pensano di adottare una dieta vegetariana .

Pensa anche che le aziende non finanzino gli scienziati per falsificare dati e azioni simili: la situazione è molto peggiore di così. L'intero sistema - governo, scienza, medicina, industria e media - è più interessato ai benefici che alla salute, mette al primo posto la tecnologia alimentare e preferisce la confusione alla chiarezza .

2.13. Il lato oscuro della scienza (p. 287)

L'autore menziona la situazione di disperazione delle persone che soffrono di cancro avanzato e come gli americani hanno speso, negli anni '70, un miliardo di dollari all'anno in diverse "pozioni magiche".

CLICK FOR: "Storia" che rimane

Ci racconta, come esempio di una "storia" che rimane, la storia della tonsillina, che è ancora raccomandata oggi come vitamina B17, solo per motivi economici e senza alcuna base scientifica.

Redaction comment

Maggiori dettagli possono essere ottenuti nel link precedente sulla tonsillina. Per decenni e ancora oggi, i libri sensazionalisti sono stati scritti come "La rivoluzione della medicina contro il cancro" in relazione a una sostanza che ha dimostrato di non funzionare.

Colin Campbell rivede brevemente la sua fase di lavoro nelle agenzie intermedie degli Stati Uniti. L'autore spiega nelle pagine seguenti come i suoi anni lavoravano lì e come funziona quel mondo.

CLICK FOR: Come funziona quel mondo

Un esempio di questi è la Federation of American Societies for Experimental Biology ( FASEB ; link in inglese). Attualmente conta 26 organizzazioni membri e all'epoca ha riunito più di 20.000 scienziati.

Ha anche lavorato per due di queste società in un comitato per le questioni nutrizionali e farmacologiche . Particolarmente attiva è stata la sua attività alla fine del 1970 presso l'American Institute of Nutrition (American Institute of Nutrition, che ora si chiama American Society of Nutritional Sciences, ASN, collegamento in lingua inglese).

Il mio compito principale era quello di presiedere un comitato di scienziati che indagasse sui principali pericoli dell'uso di integratori nutrizionali ed era stato assunto dalla Food and Drug Administration .

Furono gli anni in cui i disaccordi regnarono sulla "corretta alimentazione". L'industria voleva smentire il rapporto McGovern del 1977 (il senatore George McGovern , un oppositore della guerra del Vietnam , presiedette un comitato incaricato di stabilire un programma di alimentazione salutare per il paese.

La National Academy of Sciences ( NAS ) è stata fortemente influenzata dalle industrie della carne, dei latticini e delle uova . (P. 291).

Campbell era, tra i 18 membri del comitato , l'unico a non intrattenere relazioni con il mondo delle aziende alimentari e farmaceutiche e con le loro alleanze commerciali.

Inoltre, alcuni dei loro colleghi hanno beneficiato di splendidi vantaggi, tra cui biglietti aerei di prima classe e buoni compensi per i loro servizi di consulenza pagati da aziende produttrici di animali . (P. 293).

L'autore confronta la situazione con il problema del tabacco e della salute, quando migliaia di professionisti della salute sono usciti vigorosamente in difesa e hanno sostenuto il loro consumo incondizionatamente.

Negli Stati Uniti ci sono numerose organizzazioni che hanno, in parte, enormi budget per fornire informazioni sul cibo. È questo il motivo che spiega il modo scadente di nutrirsi di americani rispetto ad altri paesi?

Campbell termina con le seguenti conclusioni:

Solo qualcuno che abbia familiarità con i meccanismi interni del sistema può distinguere posizioni sincere, fondate nella scienza, da false opinioni basate su interessi personali. (...) Denaro, potere, ego e protezione degli interessi personali sono spesso privilegiati rispetto al bene comune. E per raggiungere questi scopi devi solo compiere alcune azioni illegali, o potrebbero non essere nemmeno necessarie .

Possiamo capire quest'ultima affermazione di Campbell solo dopo aver letto le 20 pagine di questo capitolo. Sono sorpreso della sua capacità di narrarlo in modo neutro e calmo, come se fosse un'altra notizia, quando ciò che scopriamo è una situazione drammatica per gli Stati Uniti. Vedi a questo proposito la recensione del libro " Bugie, lobby, cibo" che analizza condizioni abbastanza simili in Europa.

2.14. Riduzionismo scientifico (p. 307)

L'autore ci spiega come semplificare il contenuto di un report in modo che possa essere comprensibile nelle aree più diverse.

Cita anche che, nonostante abbia sottolineato che le raccomandazioni dovrebbero essere applicate solo agli alimenti, come fonti di nutrienti naturali, p. ad es. vitamine, ecc., iniziarono immediatamente a essere venduti integratori alimentari di diversi nutrienti sotto forma di compresse . Si riferisce a un prodotto chiamato Healthy Greens, un integratore vitaminico che conteneva vitamine A, C ed E, beta-caroteni, selenio e un piccolo mezzo grammo di verdure disidratate . (P. 307).

CLICK FOR: impegno

Questo prodotto ha portato a una battaglia legale di un anno tra la Federal Trade Commission ( FTP ) e il gruppo di società commerciali del metano. Campbell ha collaborato come esperto alla suddetta commissione federale.

Tuttavia, nonostante la chiarezza del caso, il gruppo aziendale GNC è riuscito a raggiungere un compromesso che ha comportato il pagamento di un'ammenda di importo ridicolo in relazione ai benefici ottenuti.

Il rapporto scritto dal comitato nazionale nel 1982, con il contributo di Campbell , fu pubblicato solo nella sua forma meno inquietante.

Ad esempio, in relazione alla percentuale di grassi nella dieta, il direttore del USDA Nutrition Laboratory ( Dipartimento dell'agricoltura degli Stati Uniti ) ha spiegato che:

Se intendessimo ridurre i grassi al di sotto del 30%, i consumatori sarebbero costretti a ridurre l'assunzione di alimenti di origine animale e questo equivarrebbe a firmare il certificato di morte del nostro rapporto. (P. 309).

Successivamente, l'autore descrive l'assurdità di un rapporto che, nel 1976, raccolse i dati ottenuti tra 120.000 infermieri con l'obiettivo di indagare il rapporto tra varie malattie e contraccettivi orali, ormoni postmenopausali, tabacco e altri fattori, come le tinture per capelli. All'inizio degli anni '80, il professor Willett ha aggiunto un questionario dietetico allo studio e, quattro anni dopo, ha esteso questo questionario includendo più prodotti alimentari .

CLICK FOR: Studio sulla salute degli infermieri

La raccolta di informazioni è stata ripetuta nel 1986 e nel 1990. Il risultato è stato la raccolta di dati per oltre due decenni ad un costo compreso tra 4 e 5 milioni di dollari all'anno.

Questo studio prospettico di coorte era molto importante. Frank E. Speizer e Walter C. Willett (link in inglese) sono considerati i promotori del Nurses 'Health Study (link in inglese). Willett ha anche scritto il libro " Mangia, bevi e sii sano " .

Campbell critica questo studio con grande severità e lo argomenta adeguatamente. Ad esempio, il programma nazionale di pasti scolastici dell'USDA considera le patatine come un prodotto vegetale .

La dieta delle infermiere era molto ricca di cibi animali e generalmente superava quella dell'americano medio. La sua assunzione media di proteine ha raddoppiato la quantità giornaliera raccomandata, che oscilla tra il 9 e il 10%. Inoltre, tra il 78 e l'86% delle proteine proveniva da prodotti animali. D'altra parte, le infermiere consumavano pochissimi cibi integrali e vegetariani. Il significato di tutti questi dati li illustra con un grafico Carroll del 1975.

I gruppi di infermiere partecipanti allo studio non erano affatto omogenei. Nel gruppo con il più alto consumo di grassi, il 50-55% delle calorie proveniva da loro. Gli infermieri che consumavano basse percentuali di grasso lo facevano semplicemente mangiando carne magra, ad es. ad es. pollame e pesce, nonché cracker “leggeri” e cibo spazzatura a basso contenuto di grassi, come patatine fritte e biscotti .

Per questi motivi, le differenze di salute erano molto piccole, sebbene le differenze nelle percentuali di grasso fossero piuttosto elevate.

Logicamente, questo porta a conclusioni errate. Gli studi condotti intorno a una singola sostanza non rivelano la verità. D'altra parte, in The Study of China i risultati presentano una realtà generalizzata.

L'autore dimostra una serie di false conclusioni raggiunte da questo tipo di studi che critica così tanto. Solo un esempio: non abbiamo trovato alcuna associazione significativa tra l'assunzione di carne e latticini e il rischio di ammalarsi di cancro al seno . Questa è un'affermazione logica in uno studio come questo, che, d'altra parte, è costato più di 100 milioni di dollari.

Campbell descrive la sua battaglia contro i mulini a vento e pubblica uno scambio di corrispondenza con Willett e il dottor Hu . In una conversazione personale con Willett , rispose: Forse hai ragione, Colin, ma non è quello che vuole il pubblico in generale . (P. 328).

2.15. La "scienza" dell'industria (p. 331)

L'autore si riferisce al potere del settore economico che indica una serie di cifre sui loro volumi di affari che non ripeterò, dal momento che nella mia recensione del libro " Sale, zucchero e grassi" ho un ampio impatto su questo problema, così come le cifre.

Indica anche un gran numero di gruppi industriali che lavorano per aumentare la domanda complessiva per i propri prodotti. (...) i più potenti hanno budget annuali di centinaia di milioni di dollari .

CLICK FOR: Campagne pubblicitarie

Un gruppo di scienziati, sotto la direzione dei professori EM Foster e Michael Pariza , riuniti in un comitato finanziato dall'industria della carne e dei prodotti lattiero-caseari, è stato incaricato di monitorare le persone e le istituzioni con progetti potenzialmente "dannosi" per il loro settore .

Il gruppo lattiero- caseario Dairy Management Inc. ha dedicato un budget di marketing annuale di oltre 165 milioni di dollari per aumentare la domanda di prodotti lattiero-caseari. Il suo pubblico di riferimento era principalmente madri e bambini piccoli. Campbell descrive alcune delle sue campagne pubblicitarie .

Il pubblico e la stampa amano brevi slogan come prevenire il cancro bevendo latte di mucca . È attraente, nonostante non abbia fondamenta. Campbell illustra i "ganci" usati dai professori Bauman e Pariza con la storia del CLA (acido linoleico coniugato ).

Nel 1995, poco dopo la scoperta di un nuovo carotenoide - il licopene - è stato riferito che un consumo maggiore di pomodori o alimenti che li contengono, come i sughi per la pasta, ha ridotto il rischio di ammalarsi di cancro alla prostata. Ciò ha portato immediatamente a un'offerta e alla domanda di nuovi integratori alimentari.

D'altra parte, le organizzazioni che promuovono gli agrumi lodano con successo il suo contenuto di vitamina C. Al contrario, per altri alimenti naturali che contengono ancora più vitamina C non ci sono lobby. Per questo motivo, sei sicuro che gli agrumi siano i migliori fornitori di vitamina C. (P. 347).

Redaction comment

In questo senso, Campbell presenta alcuni esempi. La papaia conterrebbe, con 80 mg / 100 g, quattro volte più vitamina C rispetto alle arance ; qualcosa che non è del tutto vero, dal momento che arance e limoni contengono circa 50 mg / 100 g, cioè molto meno ma non quattro volte meno.

Per il peperone (peperoncino, peperoncino), con una percentuale in peso dello 0,1 - 0,4 percento, è corretto. Ma abbiamo anche cavoletti di Bruxelles con 112 mg di crudo, cavolo nero con 105-120 mg, finocchio con 93 mg, cavolfiore con 69 mg, cavolo rapa con 65 mg o spinaci con 40-150 mg, che hanno Contenuto di vitamina C superiore a quello delle arance. Tra i frutti c'è l' acerola (o sesamo), almeno il suo succo, quello che contiene più vitamina C, tra 1.400 e 4'500 mg! I cinorrodi sono meglio conosciuti con 1.250 mg, cioè 25 volte più degli agrumi , seguiti dall'olivello spinoso con 450 mg e ribes con 177 mg.

Tornando al libro "Lo studio della Cina": è vero che le fragole e le fragole , con i loro 64 mg, e i broccoli (115 mg crudi, cotti 90 mg) contengono più vitamina C delle arance, ma i piselli con i loro 41 mg invece di 50 mg di agrumi. Capisci ora cosa intendo per lobby? O lo sapeva già?

2.16. Il governo è a favore dei cittadini? (p. 350)

Lo hanno detto i gruppi di esperti governativi, nonché chirurghi generali e scienziati accademici. Ci sono più morti causate da una dieta inadeguata che da tabacco, incidenti o qualsiasi altro fattore ambientale o legato allo stile di vita.

L'autore spiega il modo in cui il governo agisce in pratica. Le sciocchezze che prevalgono si riflettono in diversi esempi ottenuti dal rapporto pubblicato nel 2002: per soddisfare le esigenze energetiche e nutrizionali quotidiane del corpo e, allo stesso tempo, ridurre il rischio di malattie croniche, gli adulti dovrebbero ottenere tra 45 e Il 65% delle calorie da carboidrati, tra il 20 e il 35% di grassi e tra il 10% e il 35% di proteine .

(...) gli zuccheri aggiunti non devono superare il 25% delle calorie totali consumate (...) gli zuccheri aggiunti vengono incorporati negli alimenti e nelle bevande durante il processo di produzione .

CLICK FOR: Esempi aggiuntivi

Campbell menziona " Lo studio della Cina" e in relazione al rapporto sopra citato quanto segue: afferma che possiamo consumare una dieta che contiene al massimo il 35% delle calorie sotto forma di grassi. Questo supera il limite del 30% raccomandato nei rapporti precedenti. Ci consiglia inoltre di consumare fino al 35% di calorie sotto forma di proteine, una percentuale molto più elevata di quella suggerita da altre autorità del settore. L'ultima raccomandazione è la ciliegina sulla torta, per così dire .

Sulla base dei risultati di The China Study , non si può smettere di essere scandalizzati quando si vede come funzionano le cose. Successivamente, l'autore spiega le ragioni e conclude affermando che le raccomandazioni contenute nel rapporto presumibilmente aiutano a ridurre il rischio di malattie croniche .

Secondo queste raccomandazioni, il seguente menu corrisponderebbe alle tue indicazioni:

  • Per colazione: una tazza di " Froot Loops " (link in inglese) - alcuni cereali per la colazione colorati e fortemente zuccherati - una tazza di latte scremato e un pacchetto di palline di cioccolato al latte di M&M .
  • Per pranzo: un cheeseburger alla griglia con formaggio cheddar.
  • Per la cena: tre porzioni di pizza ai peperoni (nell'edizione spagnola "pizza con peperoni"), una soda da 5 dl e una porzione di biscotti Archway (link in inglese).

Questo menu contiene solo 1.800 calorie, ma non è affatto salutare.

Redaction comment

Anche se nell'edizione spagnola del libro ci viene raccontata la pizza con i peperoni, in realtà è una pizza ai peperoni.

Secondo Wikipedia: “I peperoni sono un tipo di salsiccia simile al salame . Non è un ingrediente comune nei pasti in stile italiano perché è stato tradotto male. Peperoni in italiano è il plurale di peperone che è il pepe in spagnolo. Il nome corretto sarebbe salsiccia piccante a causa del suo sapore forte e speziato che si aggiunge ai diversi piatti in cui viene utilizzato, come la pizza ”.

Quale sarebbe giusto? Il corpo ha bisogno di un apporto minimo di proteine tra il 5 e il 6% delle calorie totali. Tuttavia, gli scienziati responsabili raccomandano tra il 9 e il 10% di garantire un margine di sicurezza anche in caso di composizione inadeguata.

Più o meno nello stesso periodo, l' Organizzazione mondiale della sanità ( OMS ), con il portavoce del professor Phillip James , stava per determinare che il limite superiore sicuro per lo zucchero aggiunto era del 10%.

Secondo il quotidiano " Guardian " di Londra, l'industria dello zucchero statunitense stava minacciando di "portare l'OMS sull'orlo del disastro" a meno che non abbandonasse le indicazioni relative agli zuccheri aggiunti . Nonostante tutto, sono state stabilite una serie di raccomandazioni differenziate. (P. 356).

L'autore include ulteriori esempi su questi tipi di impegni, nonché sui loro effetti e conseguenze, che ci hanno ritardato di anni .

Per concludere questa sezione, descrive un esempio positivo, quello della dott.ssa Antonia Demas , con i suoi 300 pasti scolastici e programmi di terapia comportamentale, sotto il nome di "Food is Elementary". Un programma alimentare che contrasta con le esigenze del governo affinché le scuole includano il latte di vacca, nonché un uso maggioritario di alimenti di origine animale. (P. 365).

2.17. La salute di ciò che le persone proteggono dalla grande medicina? (p. 367)

L'autore pone la seguente domanda: Perché il sistema medico non affronta seriamente il problema della nutrizione? Quattro parole: denaro, ego, potere e controllo . Non si riferisce ai medici in particolare, ma al sistema in cui lavorano e che dovrebbero assumersi la responsabilità di promuovere la salute delle persone.

Successivamente, descrive la storia di un importante chirurgo, il dottor Esselstyn . Dopo aver letto il libro " The McDougall Plan " (Il programma McDougall) del Dr. John McDougall , si rese conto che i pazienti che stava assumendo consumavano grandi quantità di carne, grassi e cibi raffinati.

CLICK FOR: La formazione dei medici quando si tratta di nutrizione è praticamente inesistente

Quando un paziente suggerì al suo cardiologo, difensore della dottrina medica ufficiale, che desiderava partecipare al programma di salute di Esselstyn , rispose: Ascolta ciò che sto per dirti: non c'è modo di invertire questa malattia .

Esselstyn ritiene che il problema risieda nell'insegnamento e nella formazione continua. Nessuna grande azienda può essere interessata al cibo naturale. Questa situazione è pericolosa. E non perché la formazione dei medici per quanto riguarda l'alimentazione è inappropriata, ma perché è praticamente inesistente . (...)

E le cose continuano a peggiorare! Quando viene insegnata l'alimentazione in relazione a problemi di salute pubblica, indovina chi è il fornitore del materiale educativo! Il Dannon Institute, il Egg Nutrition Board, la Beef Cattleman's Association, il National Dairy Products Council, il Nestlé Clinical Nutrition, i laboratori Wyeth-Ayerst, la società Bristol-Myers Squibb, la società Baxter Healthcare e altre società e Organizzazioni che hanno unito le forze per sviluppare un programma di nutrizione medica e un'iniziativa per includere la nutrizione nei programmi di studio medico . (P. 375).

Redaction comment

Il Dannon Institute è stato creato e "nutrito" dal colosso lattiero-caseario Danone . La multinazionale genera un fatturato di oltre 15.000 milioni di euro e ha circa 81.000 dipendenti.

L'industria produttrice di uova sa come sfruttare a proprio vantaggio Wikipedia, che può essere verificato nelle sue pubblicazioni in spagnolo , inglese e tedesco .

Così come l' NCBA (industria della carne; link in inglese) o Dairy Management Inc. (link in inglese) nel settore lattiero-caseario.

Wyeth è una società farmaceutica con un fatturato di 22.000 milioni di dollari, acquisita da Pfizer (60.000 milioni di dollari di fatturato) con un profitto di 15.000 milioni di dollari.

Bristol-Myers Squibb , dello stesso settore, ha generato un fatturato di 18'800 milioni di dollari nel 2009 con un utile netto di 10'600 milioni.

Baxter International (link in inglese) si occupa dei problemi renali delle persone.

Comprendiamo quindi perché i medici raccomandano di bere latte quando soffrono di osteoporosi. L'ignoranza dei medici nell'area della nutrizione è sorprendentemente dannosa per la salute .

Campbell menziona anche alcune eccezioni, ad esempio la traiettoria del Dr. John A. McDougall (link in inglese), che ha avuto un ictus all'età di 18 anni e che dopo il recupero ha iniziato a valutare la vita in modo diverso. Particolarmente interessante è la sua esperienza come medico residente di fronte allo "stabilimento" che stava per costargli la carriera medica. (P. 379; EE: Quindi si è praticamente nutrito in modo vegano, Wikipedia ).

Successivamente, descrive, nella sezione "Tossicodipendenti", come le società farmaceutiche assumono società di pubbliche relazioni e comunicazione per scrivere articoli scientifici e trovare ricercatori disposti a comparire come autori di tali studi. (P. 381).

Il 20% di tutti i farmaci recenti ha gravi effetti collaterali sconosciuti e più di 100.000 americani muoiono ogni anno a causa dell'assunzione appropriata dei farmaci prescritti dal proprio medico. (P. 384).

Nelle pagine seguenti, l'autore racconta i destini di entrambi i medici, i medici McDougall (vedi il suo sito web in inglese www.drmcdougall.com ) e Esselstyn , che hanno seguito percorsi di successo, ma con trattamenti non esattamente conformi alla medicina convenzionale. Tuttavia, Dopo che il successo della cura dei pazienti con un approccio basato sulla nutrizione ha fatto grandi titoli, sia a Esselstyn che a McDougall è stato proibito di entrare a far parte della medicina ufficiale .

In alcuni paragrafi precedenti, Campbell menziona quanto segue: Ora si sta verificando una situazione interessante: come è successo con il Dr. McDougall, molti dei "pesi massimi" della clinica affetti da malattie cardiache sono venuti a Esselstyn per raccomandare il trattamento Dovrebbero seguirli e consigliarli sui cambiamenti che dovrebbero introdurre nel loro stile di vita. Sanno che il loro metodo funziona e cercano volontariamente il tuo aiuto . (P. 390).

2.18. Storie che si ripetono (p. 392)

Nel 1985, mentre Campbell stava godendo un anno sabbatico, ha avuto l'opportunità di scoprire i libri interessanti della Bodleian Library (Bodleian Library) di Oxford e nelle librerie di Londra del Royal College of Surgeons ( Royal College of Surgeons , RCS ; link in inglese) e l' Imperial Cancer Research Fund (ora chiamato Cancer Research UK ; link in inglese).

Uno degli autori di questi libri è George Macilwain (1797-1882), un chirurgo di spicco dei primi dell'Ottocento. A quarant'anni decise di adottare una dieta vegetariana dopo aver scoperto che "grassi, oli e alcool" erano le principali cause del cancro . (EE: vedi l'età avanzata che ha raggiunto per quel tempo).

Questo chirurgo ha descritto il concetto della natura costituzionale della malattia e ha sostenuto che le malattie non erano il risultato del deterioramento di un determinato organo o di una determinata cellula, ma erano causate dal deterioramento di più sistemi organici .

2.500 anni fa, Platone e Socrate lo sapevano già. Campbell menziona il dialogo tra Socrate e Glaucón , in cui gli argomenti di Glaucón sono particolarmente significativi. Ma Federico Ludwig Hoffman (link in inglese), fondamentale figura nella fondazione della American Cancer Society (American Cancer Society) ha difeso il cibo come mezzo principale per prevenire e curare le malattie.

Infine, Campbell riassume molto brevemente i suoi numerosi argomenti e dimostra che la maggior parte della popolazione degli Stati Uniti è "malata". Per fare questo, aggiungi 15 cifre sullo stato di salute degli americani che sono impressionanti. E in Europa stiamo andando allo stesso modo ...

3. Informazioni sul libro

titolo Lo studio cinese
subhead Effetti sorprendenti su dieta, perdita di peso e salute a lungo termine
Autore / i

Dr. T. Colin Campbell; Dr. Thomas M. Campbell II

editoriale BenBella Books, Inc., Dallas, Texas, USA
pubblicazione 2012
pagine 481, taglia media
ISBN 978-1-935618-78-2
commento Titolo originale, 2005: The China Study. Lo studio più completo sulla nutrizione mai condotto e le sorprendenti implicazioni per la dieta, la perdita di peso e la salute a lungo termine
Tradotto da Editoriale Sirio

Per il lettore, il modo in cui l'autore presenta i suoi numerosi studi e menziona le sue straordinarie distinzioni può essere in qualche modo presuntuoso. Tuttavia, nel campo della nutrizione si accumulano così tanti "specialisti" e ciarlatani che tali menzioni sono essenziali. In quale altro modo potrei ponderare correttamente sul lettore queste affermazioni insolite e sorprendenti?

Comunque, gli mancava di includere questa spiegazione. Nonostante tutto, stiamo leggendo il lavoro di un noto scienziato di alto livello, le cui scoperte si basano su studi di enorme ampiezza. Questi furono realizzati congiuntamente con due università americane e con un gran numero di professori. Come autore o collaboratore ha scritto 350 rapporti scientifici che includono studi approfonditi su esseri umani e animali. La collaborazione in Cina per la realizzazione di " The Study of China" è iniziata nei primi anni '80.

CLICK FOR: Riepilogo della descrizione su Amazon

La Wikipedia tedesca include una voce sul libro nel link The China Study che, come descritto in un'altra sezione, è fortemente influenzato dall'industria alimentare.

Invece, Wikipedia in inglese ( The China Study ) presenta il lavoro in un modo molto più completo e da un diverso punto di vista. Sembra che in questa lingua non sia stata sentita l'opinione dell'industria alimentare, perché le controversie sulla questione sorgono in modo neutrale.

Il tedesco Amazon.de descrive il libro con le parole che traduciamo di seguito:

Resta in salute e lascia vivere gli animali!

Anche piccole quantità di prodotti animali possono avere effetti dannosi sulla nostra salute. In questo libro troverai una risposta scientifica e documentata a tale domanda. Se tutti noi sapessimo cosa la scienza ha da tempo dimostrato ... che esiste una relazione diretta tra l'alimentazione e lo sviluppo di malattie croniche!

Il famoso ricercatore su problemi di alimentazione T. Colin Campbell ha condotto il cosiddetto "Studio della Cina", lo studio più completo su nutrizione, stile di vita e malattie nella storia della ricerca biomedica. Due università occidentali hanno partecipato alla ricerca, così come l'Accademia cinese di medicina preventiva .

Questo studio dimostra le evidenti relazioni tra una dieta ricca di proteine di origine animale e l'insorgenza di malattie croniche. Per comprovare i benefici della dieta vegana, gli autori hanno analizzato centinaia di ulteriori studi condotti da altri nutrizionisti. I loro risultati sono raccolti in questo libro in modo comprensibile e illustrativo .

Il nostro comportamento alimentare influenza la nostra salute, così come la comparsa di tumori, malattie coronariche, diabete, obesità e malattie autoimmuni come l'arteriosclerosi multipla e la riunione. Gli autori offrono consigli concreti per combattere con successo i danni alla salute e le malattie croniche attraverso una dieta vegana.


Commenta (come ospite) oppure accedi
List Commenti Stampa
Tag Cloud
 che   del   una   per   con   della   non   sono   più   come   nel   hanno   dieta   tra   Gli   dei   Campbell   Anche   cancro   malattie   questo   proteine   anni   delle   studio   salute   loro   essere   cui   inglese