Fondazione Dieta & Salute

La miglior prospettiva per la tua salute

La miglior prospettiva per la tua salute

La miglior prospettiva per la tua salute

La miglior prospettiva per la tua salute

Questa pagina è stata tradotta tramite Google Translator

Come prevenire il cancro del colon-retto

List Commenti Stampa

Tra il 66% e il 75% dei casi di carcinoma del colon-retto può essere prevenuto con una dieta e uno stile di vita sani.

conclusioni

Tra i diversi tipi di cancro, il tumore del colon-retto è uno dei più influenzati dalla dieta e dallo stile di vita. 1

I principali fattori che causano il cancro del colon-retto sono il consumo di carne (specialmente se è stata cotta e conservata usando sostanze chimiche), il consumo di acidi grassi saturi, acidi grassi trans , zucchero raffinato, farina bianca, esposizione all'acqua per lungo tempo Bere clorurato, non fare abbastanza esercizio fisico e soffrire di obesità. È possibile che anche il consumo di cereali e latticini sia dannoso per le malattie del colon-retto, ma sono necessari studi più specifici per confermarlo.

Una dieta vegetariana può prevenire e persino invertire il cancro del colon-retto grazie al suo alto contenuto di fitonutrienti e sostanze che inibiscono la crescita e la proliferazione delle cellule tumorali.

Gli alimenti ricchi di sostanze antitumorali sono, tra gli altri, curcuma, aglio, anguria, albicocche, guava rosa, pompelmo, rosa canina, pomodori, uva, arachidi, bacche, cipolle, mele , frutta secca di cardo mariano , cavolo, broccoli, cavoletti di Bruxelles, cavolfiore, daikon o ravanello cinese , carciofi e fieno greco.

Le vitamine D ed E, l'acido folico e il calcio hanno effetti protettivi specifici contro il cancro del colon-retto.

Il cancro del colon-retto è un problema genetico o di stile di vita?

Circa 1 235 108 persone vengono diagnosticate con carcinoma del colon-retto all'anno e 609 051 muoiono per questa malattia. L'Organizzazione mondiale della sanità stima che il numero di nuove diagnosi di cancro del colon-retto sia aumentato del 77% e stima un aumento dell'80% del numero di decessi entro il 2030. 2

CLICK FOR: Fatti importanti sul cancro del colon-retto

  • È il terzo tumore più comune negli uomini e il secondo più comune nelle donne (il primo è il cancro al seno).
  • La maggior parte dei casi di carcinoma del colon-retto si verificano nei paesi sviluppati.
  • La Corea è il paese con la più alta incidenza di tumore del colon-retto, seguita da Slovacchia, Ungheria, Danimarca e Paesi Bassi. 3
  • In Europa, il tumore del colon-retto è il terzo tumore più comune e una delle principali cause di morte per cancro. Si stima che l'incidenza del cancro del colon-retto nei paesi europei aumenti dello 0,5% all'anno. 2

Carcinoma del colon-retto, carcinoma del colon o del retto? Qual è la differenza?

Molto spesso, i termini "cancro del colon-retto" e "cancro del colon" sono usati in modo intercambiabile perché, anatomicamente, il retto rappresenta gli ultimi 12 cm del colon.

Le principali differenze tra carcinoma del colon e del retto si basano sull'anatomia dell'organo, sia esso genetico o meno, l'invasione dei tessuti circostanti e l'approccio chirurgico al trattamento.

Tuttavia, i fattori di rischio, le possibili cause e l'impatto della dieta in entrambi i casi sono relativamente simili. 27

Nei suoi studi, Craig Venter , un pioniere nella ricerca sul genoma , spiega la complessità della biologia umana e come, contrariamente a quanto si pensi comunemente, i geni non abbiano lo stesso impatto sulle condizioni di vita. I geni possono fornire informazioni utili sui rischi di soffrire di una malattia, ma, nella maggior parte dei casi, non definiscono la vera causa della malattia, né la sua incidenza. Le condizioni di vita sono determinate da fattori ambientali e dalla completa interazione tra tutte le cellule del corpo umano. 4

"I geni non segnano il nostro destino" ( Craig Venter , 2007) .

Studi con gemelli identici hanno avuto risultati simili e mostrano che l'origine della maggior parte delle malattie croniche è nell'ambiente e non nei nostri geni. 5

Influenza dei geni rispetto alle influenze ambientali nello sviluppo del cancro.

Willett (2000) ha studiato la correlazione tra decessi per cancro e dieta e ha stabilito che il tumore del colon-retto è tra i tipi di tumore maggiormente colpiti dall'alimentazione. 6

Secondo Willett , il 75% dei decessi per cancro alla prostata avrebbe potuto essere evitato con un cambiamento nella dieta. Lo stesso vale per il 70% delle morti per carcinoma del colon-retto e per il 50% delle morti per carcinoma del pancreas, della cistifellea, dell'endometrio e della mammella.

L'influenza della dieta su vari tipi di cancro come grafico a barre orizzontale.

Si ritiene che un'eccessiva assunzione di energia sia uno dei motivi principali per cui la dieta ha un impatto così grande sulla maggior parte dei tumori.

Alcuni studi sugli animali hanno dimostrato che "l'impatto della restrizione energetica può essere considerevole (ad esempio, una riduzione del 30% dell'assunzione ha ridotto i tumori al seno del 90%)". 6 Sebbene siano necessari studi con l'uomo, questo Potrebbe essere un buon punto di partenza per comprendere l'impatto della dieta sul cancro in generale e sullo sviluppo del cancro del colon-retto in particolare.

Le nostre abitudini alimentari sono l'origine della maggior parte delle sostanze cancerogene

L'incidenza del cancro è aumentata parallelamente allo sviluppo economico.

La maggior parte dei casi di cancro del colon-retto si verificano nei paesi industrializzati , sebbene i tassi di incidenza stiano crescendo rapidamente nei paesi meno sviluppati, poiché adottano lo stile di vita occidentale. 7

La maggior parte delle sostanze che consumiamo e sono in grado di produrre il cancro provengono da alimenti, additivi e alimenti da cucina:

  • Quando cuciniamo carne, si formano sostanze cancerogene ( ammine eterocicliche ).
  • Quando si cucina carne con carbone, quando viene stagionata o affumicata, vengono prodotti composti di carbonio tossici, che sono cancerogeni.
  • Nitriti e nitrati usati per conservare la carne sono agenti cancerogeni. 7
  • Acidi grassi saturi, acidi grassi trans, zucchero raffinato e farina bianca sono presenti in molti alimenti e sono anche correlati ai tumori della digestione.
  • L'esposizione a lungo termine all'acqua potabile clorata è stata collegata ad un aumentato rischio di cancro. I nitrati presenti nell'acqua potabile e alcuni alimenti possono essere trasformati in composti N-nitrosi (agenti mutageni) (link in inglese), che aumentano il rischio di linfomi, leucemia, carcinoma del colon-retto e carcinoma della vescica. 9

Il consumo di carne rossa aumenta il rischio di cancro del colon-retto

Lo studio EPIC (European Prospective Investigation in Cancer and Nutrition), condotto con un gruppo di 478.040 persone provenienti da dieci paesi europei, ha dimostrato che il cancro del colon-retto è strettamente correlato al consumo di carne rossa e carne trasformata.

Dopo un periodo di 4,8 anni, 1329 dei 478 040 partecipanti allo studio hanno sviluppato il cancro del colon-retto.

Dopo aver preso in considerazione alcuni fattori, come l'età, il sesso, le fonti energetiche, l'altezza, il peso, l'attività fisica, sia che fumassero o meno, il consumo di fibre alimentari, acido folico e alcool, i ricercatori sono arrivati alla conclusione che consumare più di 20 grammi di carne rossa o trasformata al giorno comporta un rischio maggiore di soffrire di cancro del colon-retto e questa correlazione aumenta se si consumano più di 160 grammi di carne rossa o trasformata ogni giorno.

L'obesità ha un impatto diretto sul cancro del colon-retto

Il cancro del colon-retto è uno dei tipi di cancro che sono direttamente correlati all'obesità e al sovrappeso.

Dopo 16 anni di follow-up, in uno studio 10 condotto con 900.000 americani che non avevano il cancro, sono stati registrati 57 145 decessi per cancro. Utilizzando modelli di ricerca che controllavano altri fattori di rischio, lo studio ha mostrato che l' indice di massa corporea era strettamente correlato a tassi più elevati di decessi per cancro del colon-retto.

Ciò è dovuto all'attività di NF-κB , un complesso proteico che partecipa alla trascrizione del DNA, alla sopravvivenza cellulare e alle risposte cellulari agli stimoli esterni. L'iperglicemia e alcune sostanze prodotte dalle cellule adipose alterano la funzione di NF-κB, che può causare il cancro e altre malattie immunitarie.

La sindrome metabolica è un fattore di rischio per lo sviluppo del cancro del colon-retto.

La sindrome metabolica rappresenta l'espressione di almeno tre delle seguenti condizioni mediche: eccesso di grasso intorno alla vita, ipertensione, iperglicemia, alti livelli sierici di trigliceridi e bassi livelli di lipoproteine ad alta densità (HDL).

La sindrome metabolica stessa o insieme alla steatoepatite non alcolica presenta un rischio significativo di sviluppare il cancro del colon-retto. 11

Il latte e i latticini possono essere dannosi per le persone con malattie del colon-retto

Non è stata ancora stabilita una correlazione tra il consumo di latte e il rischio di sviluppare il cancro del colon-retto. Oggi le informazioni al riguardo rimangono contraddittorie, il che rende difficile sviluppare raccomandazioni sulla salute pubblica.

Il miglior argomento a favore del consumo di latticini per prevenire lo sviluppo del cancro del colon-retto è che il latte è ricco di calcio. D'altra parte, in alcuni studi più esaustivi di cui parliamo qui e qui , è dimostrato che il corpo umano assorbe pochissimo calcio contenuto nel latte.

Inoltre, il consumo di latticini può aumentare la perdita di calcio nelle ossa ed è probabile che la capacità del calcio nel latte di prevenire il cancro del colon-retto sia annullata dalla grande quantità di grasso presente nei latticini.

Sebbene lo studio EPIC (link in inglese), uno dei più importanti studi che indagano la relazione tra dieta, stile di vita e vari tipi di tumore, ha concluso che i latticini possono avere una funzione protettiva quando si tratta di del cancro del colon-retto, altri studi prospettici (link in inglese) hanno dimostrato che, nonostante siano ricchi di calcio, il latte e i latticini sono dannosi per le persone con malattie del colon-retto.

  • In Gran Bretagna, tra 5000 bambini che seguono una dieta ricca di prodotti lattiero-caseari, l'incidenza di casi di cancro del colon-retto dopo un follow-up di 65 anni è stata tre volte superiore rispetto ai bambini di famiglie il cui consumo di latte era basso. 12

La mancanza di esercizio fisico e uno stile di vita sedentario sono correlati al cancro del colon-retto

La mancanza di attività fisica è correlata alla maggior parte delle malattie croniche ed è stato dimostrato che condurre uno stile di vita sedentario ha un impatto significativo nel caso del cancro del colon-retto. 11

È stata osservata una riduzione di quasi il 50% nell'incidenza dei casi di cancro del colon-retto tra quelli con livelli più alti di attività fisica. 13

I motivi principali per cui la mancanza di attività fisica facilita lo sviluppo del cancro del colon-retto sono i seguenti:

  • Lo stile di vita sedentario peggiora il transito intestinale, il che significa che il nostro corpo è in contatto con possibili agenti cancerogeni per un periodo più lungo.
  • Lo stile di vita sedentario aumenta i livelli di circolazione dell'insulina nel corpo, favorendo la moltiplicazione delle cellule epiteliali nel colon.
  • La mancanza di attività altera i livelli di prostaglandine . Le prostaglandine sono simili agli ormoni e regolano l'infiammazione e la crescita cellulare.
  • Uno stile di vita sedentario deprime le funzioni immunitarie del corpo e lo spoglia della sua capacità di combattere la proliferazione del cancro.

Come una dieta a base di frutta, verdura e spezie previene il cancro del colon-retto

Dal 1970 numerosi studi scientifici hanno dimostrato che mangiare regolarmente frutta e verdura può avere un effetto protettivo contro il cancro.

È stato dimostrato che oltre 25.000 diverse sostanze vegetali (sostanze fitochimiche) possono influenzare vari tumori. Il vantaggio di questi fitochimici è che sono sicuri e di solito influenzano contemporaneamente diverse funzioni cellulari.

I fitochimici che hanno un impatto significativo sul cancro del colon-retto sono i seguenti:

fitochimica

azione

Abbiamo trovato importi significativi in:

Disolfuro di diallile (link in inglese)

Inibisce la crescita e la proliferazione delle cellule tumorali nel colon (studi sull'uomo e sui ratti

aglio

Carotenoidi (specialmente licopene

Proprietà anticancro dimostrate nei tumori in vitro e in vivo, nonché nell'uomo

Aiutano nel processo di disintossicazione

Interferiscono con la proliferazione cellulare

Facilitano la comunicazione cellulare

Impediscono la moltiplicazione delle cellule tumorali

Anguria, albicocche, guava rosa, pompelmo, rosa canina e pomodori

resveratrolo

Previene la crescita dei tumori

Attualmente, sostanze con una struttura chimica simile a quella del resveratrolo sono prodotte come "possibili agenti terapeutici e chemiopreventivi contro il cancro". 13

Uva, noccioline, via
Quercetina a

Proprietà antiossidanti e antinfiammatorie

Interrompe la moltiplicazione cellulare

Regola la morte di cellule vecchie e malate

Ritarda l'attivazione di NF-κB

Cipolle e mele
silimarina

Proprietà antiossidanti e antinfiammatorie

Protegge il fegato

Può invertire, sopprimere o prevenire l'evoluzione del cancro (studi sui roditori)

Frutto secco di cardo mariano (Silybum marinum)

Indole-3-carbinol (link in inglese) e sulforaphane (SFN) (link in inglese)

Metabolizza ed elimina la tossicità degli agenti cancerogeni, inclusi gli estrogeni

Cavolo, broccoli, cavoletti di Bruxelles, cavolfiore, ravanello daikon e carciofi

diosgenin

Previene la proliferazione cellulare

Causa la morte controllata delle cellule tumorali

Elimina l'infiammazione intestinale

fieno greco

La curcumina, il componente vegetale più efficace contro il cancro del colon-retto

La curcumina è il principale composto di curcuma (ingrediente nella polvere di curry) ed è presente anche, in quantità minori, nello zenzero .

Sono stati pubblicati oltre 3.000 studi che dimostrano l'effetto della curcumina contro il cancro in generale, ma ce ne sono anche molti altri che hanno esaminato i suoi effetti contro il cancro del colon-retto, in particolare. La curcumina elimina l'infiammazione, interagisce con un'ampia varietà di proteine e modifica la sua attività e ha un effetto diretto sulla sopravvivenza, proliferazione e invasione cellulare, nonché sull'angiogenesi (formazione di nuovi vasi sanguigni).

Due dei principali studi che indagano su questo argomento evidenziano gli effetti della curcumina contro il cancro del colon-retto.

  • In uno studio su pazienti con poliposi adenomatosa familiare (tumore dell'intestino crasso e del retto), il numero di polipi è diminuito e le loro dimensioni sono diminuite dopo il trattamento con curcumina e quercetina per circa sei mesi. 7
  • In uno studio con pazienti con carcinoma del colon-retto avanzato, una dose giornaliera di 3,6 g di curcumina ha comportato una riduzione del 62% nella produzione di prostaglandina inducibile E2 (sostanze nel sangue che indicano il grado di infiammazione) il giorno 1 e una riduzione del 57% il giorno 29.

La fibra alimentare ha un effetto diretto contro il cancro del colon-retto

La fibra alimentare è un componente vegetale che troviamo nei cereali integrali, nei legumi e piselli essiccati e nelle verdure. Il corpo umano non può digerirlo o assorbirlo, quindi passa attraverso lo stomaco, l'intestino tenue e il colon quasi intatto.

Alcuni studi hanno dimostrato che la fibra può influenzare lo sviluppo del cancro perché:

  • diluisce i possibili agenti cancerogeni e accelera il loro transito attraverso i due punti,
  • si lega agli agenti cancerogeni, 6
  • alterare la flora intestinale , 6
  • ridurre il pH, 6 e
  • Produce acidi grassi a catena corta (fermentando la fibra), che sono importanti per prevenire la formazione di tumori. 15

Sebbene sia stato dimostrato l'effetto benefico della fibra contro il cancro del colon-retto, la fonte della fibra rimane un problema controverso.

Grazie a fibre, macronutrienti, vitamine e minerali che contengono, i cereali integrali sono considerati efficaci nel prevenire il cancro del colon-retto.

I cereali integrali contengono antiossidanti chemiopreventivi, come vitamina E, tocotrienoli, acidi fenolici, lignani e acido fitico. I cereali integrali contengono meno antiossidanti di alcune bacche, ma più della maggior parte di frutta e verdura. 16

Inoltre, è stato dimostrato che i cereali integrali aiutano a mantenere un livello stabile di glucosio nel sangue, cosa molto importante, poiché l'iperglicemia è un fattore di rischio significativo per il cancro del colon. 17

Tuttavia, dopo aver preso in considerazione l'azione combinata degli altri fattori di rischio, alcuni studi 6 hanno dimostrato che il consumo di cereali integrali non riduce il rischio di sviluppare il cancro del colon.

La fibra di cereali integrali non è generalmente correlata a un rischio inferiore di cancro al colon; È la fibra di frutta e verdura che può proteggerci da questo cancro. 18

Inoltre, ci sono anche studi che difendono l'idea che i cereali potrebbero essere correlati a un rischio maggiore di sviluppare il cancro al colon. 6

Vitamine e minerali con funzione chemiopreventiva

Numerosi studi sui fattori nutrizionali e ambientali che hanno un effetto importante contro il cancro del colon sottolineano l'importanza di alcune vitamine e minerali per prevenire e curare questa malattia.

Vitamina D

Tra tutti i tipi di tumore, il tumore del colon-retto è il più colpito dai livelli di vitamina D nel sangue. Maggiore è l'assunzione di vitamina D, minore è il rischio di sviluppare il cancro del colon-retto.

  • Lo studio EPIC (European Prospective Investigation in Cancer and Nutrition) ha misurato i livelli di vitamina D nel sangue di 1248 soggetti a cui era stato diagnosticato un tumore del colon-retto e li ha confrontati con i livelli di un gruppo di pazienti con caratteristiche simili ( sesso, età e altre variabili rilevanti), ma che non avevano il cancro. La concentrazione di vitamina D era inversamente proporzionale al rischio di cancro del colon-retto, sia negli uomini che nelle donne.
  • In uno studio di follow-up che ha esaminato la sopravvivenza dei pazienti dopo aver ricevuto una diagnosi di tumore del colon-retto, i soggetti con livelli più alti di vitamina D nel sangue all'inizio dello studio avevano tassi di sopravvivenza più elevati. 7
Vitamina E

In diversi studi individuali, gli integratori di vitamina E sono correlati a un ridotto rischio di cancro al colon. 19

selenio

La capacità del selenio di ridurre il rischio di sviluppare diversi tipi di tumore è stata dimostrata, principalmente, in studi su animali. 20 studi osservazionali condotti con diverse popolazioni hanno mostrato una relazione inversa tra selenio e tumore del colon, 21 e studi sperimentali hanno mostrato una riduzione rapida e significativa dell'incidenza dei casi di cancro del colon tra i soggetti che hanno ricevuto integratori di selenio. 6

calcio

La prima volta che è stato dimostrato che gli effetti benefici del calcio riducono il rischio di sviluppare il cancro del colon negli studi sugli animali.

Sebbene alcuni ricercatori affermino che "un impatto debole o moderato è stato registrato in studi clinici con esseri umani", 22 in alcuni studi significativi cambiamenti nel tessuto del colon e un rischio significativamente ridotto di sviluppare il cancro del colon-retto in uomini e donne che hanno assunto 2 g di calcio su base giornaliera e / o 800 UI (20 µg) di vitamina D per un periodo di sei mesi. 23

Acido folico

Numerosi studi hanno associato un minor consumo di acido folico a un rischio più elevato di sviluppare il cancro del colon e in alcuni rapporti è stato dimostrato che l'uso di integratori multivitaminici contenenti acido folico può ridurre il rischio di cancro al colon. 23

Tuttavia, sulla base dei dati raccolti dallo Nurses 'Health Study (NHS) , i ricercatori hanno dimostrato che, sebbene i risultati della supplementazione di acido folico non siano significativi nel primo 15 anni, l'effetto è notevole da quel momento (il rischio è inferiore del 75%). 24

Come prevenire il cancro del colon-retto: punti chiave

Mantenere il peso entro i limiti raccomandati (BMI 19–25 kg / m 2 ).

Esegui l'attività fisica (moderatamente o intensamente) per un minimo di 30 minuti, almeno 5 giorni a settimana.

Segui una dieta a base di frutta e verdura.

Sostituisci carne e latticini con pesce, noci e legumi.

Mangia grassi insaturi.

Limitare il consumo di alcol.

Smetti di fumare

Assicurati che i tuoi livelli di acido folico e vitamine D ed E siano normali.

Mangia cereali integrali.

Non consumare prodotti trasformati o raffinati.

Mangia frutta, verdura e spezie con effetti digestivi.

Che dire della predisposizione genetica per il cancro del colon-retto?

In alcune situazioni, il cancro del colon-retto può essere ereditato. La componente genetica di questa malattia è considerata rilevante quando:

  • c'è una lunga storia familiare di polipi o addirittura di cancro del colon-retto (la presenza di due o più parenti di primo grado affetti da cancro del colon-retto rappresenta oltre il 20% di tutti i casi 25 ),
  • i familiari hanno già malattie o sindromi che sono considerati un fattore di rischio per lo sviluppo del cancro del colon-retto (ad esempio, carcinoma endometriale, sindrome di Lynch o poliposi adenomatosa familiare),
  • il cancro del colon-retto si sviluppa in tenera età o
  • Antenati ebrei ashkenaziti (a causa di un difetto genetico più comune in questo gruppo). 26

Inoltre, ci sono altre malattie e situazioni che possono anche aumentare il rischio di sviluppare il cancro del colon-retto: presenza di polipi benigni nell'intestino, colite ulcerosa, morbo di Crohn, diabete, acromegalia, calcoli biliari, Helicobacter pylori e infezioni da papillomavirus umano ed esposizione alle radiazioni. 25

I test di screening sono necessari su base regolare, poiché la diagnosi genetica può identificare solo una piccola parte di tutte le mutazioni genetiche che possono causare il cancro del colon-retto.

Le persone che non presentano fattori di rischio per il carcinoma del colon-retto devono iniziare i test di screening dopo i 50 anni e ripeterli ogni dieci anni. Coloro che hanno un rischio maggiore a causa di anamnesi familiare, malattie infiammatorie intestinali o qualsiasi altra malattia ereditaria dovrebbero iniziare i test prima dei 50 anni e ripeterli più frequentemente.

CLICK FOR: fonti

1. Giovannucci E. Fattori di rischio modificabili per il cancro del colon. Gastroenterol Clin North Am. 2002 Dec; 31 (4): 925-43.

2. Binefa G, Rodríguez-Moranta F, Teule À, Medina-Hayas M. Carcinoma del colon-retto: dalla prevenzione alla medicina personalizzata. World Journal of Gastroenterology: WJG. 2014; 20 (22): 6786-6808.

3. Ferlay J, Soerjomataram I, Ervik M, Dikshit R, Eser S, Mathers C, et al. GLOBOCAN 2012 v1.1, Incidenza e mortalità per cancro in tutto il mondo: IARC CancerBase n. 11 [Internet]. Lione, Francia: Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro; Il 2014.

4. Institute for Science, Engineering and Public Policy [Internet]. Portland Oregon: ISEPP, 2007. Decoding Life: The Next Phase of Discovery [citato il 15 ottobre 2016]. Disponibile da: http://www.isepp.org/Pages/07-08%20Pages/Venter.html.

5. Hamilton AS, Mack TM. Pubertà e suscettibilità genetica al carcinoma mammario in uno studio caso-controllo sui gemelli. N. Engl. J. Med.2005 Jun 5; 348 (23): 2313-22.

6. Willett WC. Dieta e cancro Oncologo. 2000; 5 (5): 393-404.

7. MP curati, Edwards B, Shin HR, Storm H, Ferlay J, Heanue M, et al. Pubblicazioni scientifiche IARC n. 160. Vol. IX. Lione: IARC; 2007. Incidenza del cancro in cinque continenti.

8. Divisi D, Di Tommaso S, Salvemini S, Garramone M, Crisci R. Dieta e cancro. Legge Biomed. Agosto 2006; 77 (2): 118-23.

9. Belpomme D, Irigaray P, Hardell L, Clapp R, Montagnier L, Epstein S, Sasco AJ. La moltitudine e la diversità di agenti cancerogeni ambientali. Environ. Ris. 2007 Nov; 105 (3): 414-29. Epub 2007 9 agosto.

10. EE Street, Rodriguez C, Walker-Thurmond K, Thun MJ. Sovrappeso, obesità e mortalità per tumore in una coorte prospetticamente studiata di adulti statunitensi. N Engl J Med. 2003 Apr 24; 348 (17): 1625-38.

11. Stand W, Chakravarthy MV, Gordon SE, Spangenburg USA Fare la guerra contro l'inattività fisica: usare moderne munizioni molecolari contro un nemico antico. J. Appl. Physiol. Luglio 2002; 93 (1): 3-30.

12. Van der Pols JC, Bain C, Gunnell D, Smith GD, Frobisher C, Martin RM. Assunzione di latticini nell'infanzia e rischio di cancro negli adulti: follow-up a 65 anni della coorte Boyd Orr. Am J Clin Nutr. 86 dicembre 2007 (6): 1722-9.

13. Colditz GA, Cannuscio CC, Frazier AL. Attività fisica e ridotto rischio di cancro al colon: implicazioni per la prevenzione. Il cancro provoca il controllo. 1997 lug; 8 (4): 649-67.

14. Harikumar KB, Aggarwal BB. Resveratrolo: un agente multitargeting per malattie croniche associate all'età. Ciclo cellulare 15 aprile 2008; 7 (8): 1020-35. Epub 2008, 15 febbraio.

15. McIntyre A, Gibson PR, Young GP. Produzione di butirrato da fibra alimentare e protezione contro il cancro dell'intestino crasso in un modello di ratto. Gut. 1993 marzo; 34 (3): 386–391.

16. Miller HE, Rigelhof F, Marquart L, Prakash A, Kanter M. Contenuto antiossidante di cereali per la colazione integrali, frutta e verdura. J. Am. Coll. Nutr. 2000 Jun; 19 (3 Suppl): 312S-319S.

17. Slavin JL, Jacobs D, Marquart L, Wiemer K. Il ruolo dei cereali integrali nella prevenzione delle malattie. J. Am. Diet Assoc. 2001 lug; 101 (7): 780-5.

18. Willett W. La ricerca delle cause del cancro al seno e al colon. Nature 1989 Mar 30; 338 (6214): 389-94.

19. Bostick RM, Potter JD, McKenzie DR et al. Riduzione del rischio di cancro al colon con elevata assunzione di vitamina E - lo studio sulla salute delle donne dell'Iowa. Cancer Res. 1993 15 settembre; 53 (18): 4230-7.

20. Ip C. Il ruolo chemiopreventivo del selenio nella carcinogenesi. J Am Coll Toxicol. 1986; 206: 431-47.

21. Clark LC. L'epidemiologia del selenio e del cancro. Fed Proc. 1985 Jun; 44 (9): 2584-9.

22. Hyman J, Baron JA, Dain BJ et al. Calcio dietetico e supplementare e recidiva di adenomi colorettali. Cancro Epidemiolo. 7 aprile 1998; (4): 291-5.

23. Bostick RM. Effetti della vitamina D supplementare e del calcio sul tessuto normale del colon e sui biomarcatori circolanti del rischio di neoplasie del colon-retto. Il diario di biochimica steroidea e biologia molecolare. 2015; 148: 86-95. doi: 10.1016 / j.jsbmb.2015.01.010.

24. Giovannucci E, Stampfer MJ, Colditz GA et al. Uso multivitaminico, acido folico e tumore del colon nelle donne nello studio sulla salute degli infermieri. Ann Intern Med.1991 ottobre; 129 (7): 517-24.

25. Valle L. Predisposizione genetica al carcinoma del colon-retto: dove siamo e prospettive future. World Journal of Gastroenterology: WJG. 2014; 20 (29): 9828-9849.

26. Cancer Reasearch UK [Internet]. Gruppi ad alto rischio per il cancro intestinale [citato il 15 novembre 2016]. Disponibile da http://www.cancerresearchuk.org/about-cancer/type/bowel-cancer/about/risks/high-risk-groups-for-bowel-cancer#cbWXBjDUMv7hAFzQ.99

27. Hong, T, Clark, J, Haigis K. Tumori del colon e del retto: gemelli identici o fraterni? Scoperta del cancro 2012. 2 (2): 117-21


Commenta (come ospite) oppure accedi
List Commenti Stampa
Tag Cloud
 del   cancro   colonretto   che   per   rischio   sono   con   colon   studi   più   della   una   hanno   dei   tumore   delle   non   carcinoma   nel   dimostrato   studio   consumo   contro   Dieta   tra   può   uno   cereali   vitamina