Fondazione Dieta & Salute

La miglior prospettiva per la tua salute

La miglior prospettiva per la tua salute

La miglior prospettiva per la tua salute

La miglior prospettiva per la tua salute

Questa pagina è stata tradotta tramite Google Translator

Conservare la biodiversità biologica agricola Jose Corner

José Esquinas, che ha lavorato per 30 anni per la FAO, spiega cos'è la biodiversità biologica e quali problemi pone la sua scomparsa.
Commenti Stampa
2:03 spagnolo


Channel: Platform:YouTube
Published on:12 giugno 2017 Producer:José Esquinas
Number of views: 145 on 20 dicembre 2017
Rubric(s): Salute, Principi / Generale, Alimentazione, Natura, Ambiente, Etica
Topterms:Istruzione e insegnamento Tags:sano, locale, stagionale, Contaminazione alimentare, insalubre, salute, fame

José Esquinas-Alcázar è dottore di ricerca in ingegneria agraria presso il Politecnico di Madrid e dottorato di ricerca in genetica presso
Università della California Ha lavorato alla FAO per 30 anni su questioni relative alle risorse genetiche, alla biodiversità agricola, alla cooperazione internazionale e all'etica per l'agricoltura e l'alimentazione.

José Esquinas inizia a dettagliare le sue origini, il suo interesse per la cooperazione internazionale e il modo in cui ha finito per lavorare per la FAO per anni quasi per caso. Inoltre, sottolinea l'importanza degli esseri umani
Rendiamoci conto che "siamo un mondo" e che dobbiamo occuparci di tutto.

Per anni, José Esquinas ha lavorato per prevenire la scomparsa delle varietà tradizionali, un problema mondiale che a sua volta è strettamente legato a un buon numero di problemi socio-economici, politici, legali ed etici. Tra le altre cose, José Esquinas chiarisce in cosa consistono le banche del germoplasma, di cui egli stesso è stato un grande pilota, e il cui scopo è conservare le varietà locali quando si ritiene che andranno sicuramente perse.

La scomparsa di questa biodiversità rappresenta un grande pericolo per il cibo nel mondo.


Altri video


Commenta (come ospite) oppure accedi

Commenti Stampa