Fondazione Dieta & Salute

La miglior prospettiva per la tua salute

La miglior prospettiva per la tua salute

La miglior prospettiva per la tua salute

La miglior prospettiva per la tua salute

Questa pagina è stata tradotta tramite Google Translator

Dieta e stile di vita possono prevenire il cancro al seno

List Commenti Stampa

Il cancro al seno è stato riconosciuto per molti anni. I cambiamenti nello stile di vita possono prevenire lo sviluppo del cancro al seno.

CONCLUSIONE

Possono passare molti anni da quando la prima cellula inizia a moltiplicarsi in modo irregolare e si forma un nodulo. Durante quel periodo, i cambiamenti nello stile di vita e una dieta sana possono impedire al cancro di svilupparsi ulteriormente.

Esistono diversi studi che hanno dimostrato che il fumo e il consumo di alcol e prodotti animali sono fattori di rischio per lo sviluppo del cancro al mana. 1 Nonostante sia un problema controverso, molti studi scientifici hanno confermato l'impatto negativo del latte e dei prodotti lattiero-caseari sullo sviluppo di questo tipo di cancro.

È stato anche dimostrato che una dieta vegana riduce significativamente il rischio di soffrirne. Gli scienziati raccomandano di consumare crocifissi , poiché questi non solo aiutano a prevenire lo sviluppo del cancro al seno, ma anche a qualsiasi tumore già diagnosticato. 2 È stato anche dimostrato che il consumo di semi di lino, fibre alimentari 3 e bacche ha effetti positivi nella prevenzione del cancro al seno.

Come appare il cancro al seno

Ogni anno, circa 230.000 donne vengono diagnosticate con carcinoma mammario negli Stati Uniti. 40.000 di loro muoiono. 4 Come molti altri tumori, il carcinoma mammario inizia con la divisione di una singola cellula. Con ogni divisione, un tumore può raddoppiare le sue dimensioni. 5 Questo processo può durare per giorni o addirittura anni.

Il cancro si sviluppa in tre fasi:

  • Iniziazione: agenti cancerogeni genotossici modificano il DNA. Si verifica una mutazione.
  • Promozione: i promotori (ad es. L' ormone della crescita ) stimolano la crescita delle cellule iniziali. Ulteriori informazioni sugli ormoni della crescita nel latte e sul perché i prodotti lattiero-caseari sono dannosi per la nostra salute in questo link .
  • Progressione: il tumore invasivo si diffonde attraverso i tessuti circostanti ( metastasi ) o si verificano metastasi a distanza. 5

Le ghiandole mammarie cambiano costantemente, dall'utero alla menopausa. Una modificazione epigenetica può verificarsi in qualsiasi fase della vita, ma si verifica principalmente nello sviluppo fetale, nella pubertà e nella gravidanza e nello stile di vita e nell'influenza della dieta. Tale mutazione può aumentare il rischio di sviluppare il cancro.

CLICK FOR: Che cos'è la modifica epigenetica?

L'epigenetica studia gli effetti genetici che non sono codificati nella sequenza del DNA dell'organismo, da cui il prefisso greco epi- (in greco: επί- on, outside, around). Tali effetti sui tratti fenotipici cellulari e fisiologici possono essere dovuti a fattori esterni o ambientali che attivano o disattivano i geni e influenzano il modo in cui le cellule li esprimono. Queste alterazioni possono essere ereditarie o meno, sebbene l'uso del termine "epigenetico" per descrivere i processi ereditari sia controverso.
Il termine si riferisce anche ai cambiamenti stessi: cambiamenti rilevanti per il livello funzionale del genoma che non comportano un cambiamento nella sequenza nucleotidica. Alcuni esempi di meccanismi che producono i cambiamenti appena menzionati sono la metilazione del DNA e la modifica dell'istone. Ognuno di essi modifica il modo in cui i geni vengono espressi senza alterare la sequenza di DNA sottostante. L'espressione genica può essere controllata attraverso l'azione delle proteine repressive che si legano alle aree in cui si verifica il silenziamento genico del DNA. Questi cambiamenti epigenetici possono essere mantenuti in tutte le divisioni cellulari e per tutta la vita della cellula e possono anche verificarsi per diverse generazioni, sebbene non comportino cambiamenti nella sequenza del DNA sottostante dell'organismo. Invece, i fattori non genetici fanno sì che i geni del corpo si comportino (o si esprimano) in modo diverso. 6

Per questo motivo, la dieta e il cibo che mangiamo possono influenzare continuamente le nostre possibilità di contrarre il cancro al seno anni o addirittura generazioni dopo. 7

Fattori che aumentano il rischio di cancro al seno

Il "Rapporto di Harvard sulla prevenzione del cancro" ha studiato l'impatto di vari fattori sullo sviluppo del cancro e ha determinato quali fossero le aree a maggior rischio. Il rapporto include la dieta e lo stile di vita (ad es. Abitudini alimentari, tabacco, mancanza di esercizio fisico, consumo di alcol e una dieta ricca di sale e additivi alimentari) come i principali fattori (69% *) nello sviluppo di cancro

Fattori di rischio e loro influenza sullo sviluppo del cancro (percentuali) secondo il Rapporto di Harvard sulla prevenzione del cancro, 1996

Come ci aspetteremmo, quando li studiamo individualmente, l'inizio e lo sviluppo di ogni tipo di cancro è determinato da una serie di cause e fattori di rischio specifici e ognuno ha una rilevanza diversa.

Per quanto riguarda il carcinoma mammario, i fattori di rischio comprendono le abitudini alimentari (consumo di carne, grassi saturi e prodotti lattiero-caseari rispetto a una dieta vegana), consumo di alcol e peso corporeo.

  • Uno studio condotto nel 2002 in un gruppo di 292 donne britanniche di età compresa tra 20 e 70 anni ha scoperto che “una dieta a base di alimenti vegetali (vegani) è associata a un livello inferiore di fattore di crescita simile all'insulina di tipo 1 (IGF-I) rispetto a una dieta onnivora o ovolactovegetarian ». 8
  • Un altro studio 9 ha concluso che una dieta vegana a basso contenuto di grassi può essere particolarmente utile per prevenire l'insorgenza del cancro al seno a causa della sua capacità di regolare la produzione di insulina e del suo alto contenuto fitochimico.
  • Lo studio, condotto per oltre 6,7 anni su 30 797 donne in postmenopausa di età compresa tra 50 e 76 anni, 10 ha analizzato la relazione tra le raccomandazioni dell'AICR (American Institute for Cancer Research) per prevenire i tumori più comune in tutto il mondo e l'incidenza del carcinoma mammario invasivo. Il rischio di carcinoma mammario è stato ridotto del 60% nelle donne che avevano soddisfatto almeno cinque delle raccomandazioni riguardanti il livello di grasso corporeo, l'adozione di una dieta a base vegetale o il consumo di alcol, rispetto a quelli che Non avevano incontrato nessuno di loro.

Se si tiene conto del fatto che molti tumori al seno sono determinati geneticamente ed epigeneticamente, è essenziale seguire una dieta che non solo impedisce la loro iniziazione, ma, ancor più importante, inibisce anche la fase di promozione (moltiplicazione cellulare erratica cancerose).

Il consumo di alcol, uno dei principali fattori di rischio per lo sviluppo del cancro al seno

Nel 2010, l'Organizzazione mondiale della sanità ha stabilito che il consumo di alcol presenta un evidente rischio di cancro 12 . Ciò è stato dimostrato in oltre 100 studi. Sebbene la maggior parte delle conclusioni si basasse sugli effetti del consumo di alcol moderato e elevato, recentemente è stato dimostrato che anche un consumo basso (una bevanda al giorno, al massimo), può potenzialmente aumentare il rischio di sviluppare il cancro. al seno.

Nel 2004, un totale di 5000 casi di carcinoma mammario sono stati attribuiti a un lieve consumo di alcol. 13

Questo è prodotto dal metabolismo dell'alcol. Durante il processo di degradazione dell'alcool si forma una sostanza molto tossica nota come acetaldeide, che si ritiene promuova diversi tipi di cancro.

CLICK FOR: Formazione di acetaldeide nel metabolismo dell'alcol

L'alcol viene metabolizzato da diversi processi e percorsi. La via più comune coinvolge due enzimi, l'alcool deidrogenasi (ADH) e l'aldeide deidrogenasi (ALDH), che facilitano la scomposizione della molecola dell'alcool e permettono all'organismo di eliminarlo. Tanto per cominciare, l'ADH metabolizza l'alcol in acetaldeide, un agente cancerogeno molto tossico. Quindi, in una seconda fase, l'acetaldeide continua a essere metabolizzata e diventa un altro sottoprodotto, l'acetato, che viene quindi scomposto in acqua e anidride carbonica per facilitarne l'eliminazione. (National Institute on Alcohol Abuse and Alcoholism, 2007)

Durante questo processo, possono verificarsi problemi in una qualsiasi di queste fasi (ad es. Metabolismo inefficiente delle sostanze, problemi di eliminazione o una quantità di alcol così elevata da non poter essere metabolizzata efficacemente) con conseguente eccesso di acetaldeide e livelli più alti di tossicità.

Inoltre, l'alcol aumenta i livelli di estrogeni e altri ormoni associati a determinati tipi di tumore al seno.

Con solo tre bevande alcoliche a settimana, aumentano le possibilità di sviluppare il cancro al seno. Per quelle donne a cui è già stata diagnosticata una fase iniziale, l'incidenza ricorrente è maggiore.

Il riscaldamento di un alimento favorisce il cancro al seno

Le ammine eterocicliche (AHC) sono sostanze chimiche che si formano quando gli alimenti di origine animale (ad es. Pesce, vitello, maiale o pollame) vengono sottoposti a processi di cottura ad alta temperatura (alla griglia, al forno, fritto). Più a lungo la carne viene riscaldata ad alte temperature, più si formano ammine eterocicliche.

CLICK FOR: Spiegazione sul PhlP

PhlP (2-ammino, 1- metil, 6- fenilimidazo [4,5-b] piridina) è una delle ammine eterocicliche più comuni (AHC) nelle carni cotte. Il PhlP appare ad alte temperature a causa della reazione che si verifica tra creatina o creatinina (presente nel muscolo della carne), aminoacidi e zuccheri. La formazione di PhlP aumenta con la temperatura e la durata della cottura e dipende dal tipo di cottura e dalla carne. Secondo il "Rapporto sugli agenti cancerogeni" (12a edizione, pagina 222 del 2011), il Dipartimento della salute e dei servizi umani ha ritenuto che il PhlP dovesse essere considerato un potenziale cancerogeno per l'uomo. L'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC, per il suo acronimo in inglese), che fa parte dell'OMS, ha già classificato nel 1997 il PhlP come cancerogeno nel gruppo 2B (possibilmente cancerogeno nell'uomo). Ci sono abbastanza indicazioni sul potenziale cancerogeno di PhlP, secondo gli esperimenti condotti su animali e modelli di invito. Cosa ne pensiamo? Non sono stati condotti esperimenti sull'uomo. Chi è interessato a continuare così? In questo modo, rimane in quello, in "possibilmente".

Il PhIP ( 2-ammino, 1- metil, 6- fenilimidazo [4,5-b] piridina ) (link in inglese) è uno degli AHC più frequenti nelle carni che vengono lavorate ad alte temperature. Simile agli estrogeni, si lega a recettori speciali nelle cellule del cancro al seno e ne stimola la crescita.

Due importanti studi supportano queste conclusioni:

  • Il progetto di studio sul cancro al seno di Long Island, pubblicato nel 2007, ha dimostrato che le donne che hanno mangiato carne alla griglia, alla brace o affumicate per tutta la vita potevano avere il 47% in più di probabilità di avere il cancro al seno. 13
  • Lo studio sulla salute delle donne dell'Iowa ha stabilito che le donne che preferivano la carne "troppo cotta" (oltre 90 ° C) avevano cinque volte più probabilità di sviluppare il cancro al seno rispetto alle donne rispetto alle donne. preferivano crudo o al punto (52–54 ° C). 14

L'eccesso di peso aumenta il rischio di cancro nelle donne in postmenopausa

In caso di sovrappeso, una dieta sana non deve significare una riduzione del rischio di cancro al seno. Uno studio del 2004 su circa 9.000 donne 17 ha indicato che quando un BMI è inferiore a 25 kg / m 2 , una dieta sana può ridurre il rischio di cancro al seno. Tuttavia, nessun impatto significativo è stato notato quando l'IMC ha superato i 25 kg / m 2 .

Le donne che perdono peso prima dei 45 anni hanno un rischio più basso di avere un carcinoma mammario in postmenopausa, mentre il rischio aumenta dell'8% per ogni cinque sterline guadagnate. 15

Alcuni studi epidemiologici hanno anche dimostrato che l'obesità durante la gravidanza favorisce quella stessa obesità nei bambini, che a sua volta può influenzare il rischio di cancro al seno della prossima generazione. 7

L'alto consumo di carboidrati raffinati è legato al rischio di cancro al seno

Un elevato consumo di carboidrati raffinati provoca alti livelli di insulina. Livelli di insulina cronicamente elevati possono a loro volta aumentare la formazione di IGF-1 (fattore di crescita dell'insulina di tipo 1), che stimola la crescita cellulare e la proliferazione. 16

Il consumo di carne, pesce, burro, grassi animali e margarina trasformati raddoppia il rischio

L'European Prospective Study on Cancer and Nutrition (EPIC), che ha registrato e analizzato le abitudini alimentari di 15.352 donne in sei anni, ha dimostrato che una dieta caratterizzata da un elevato consumo di La carne, il pesce, il burro, i grassi animali e la margarina trasformati erano responsabili di oltre il 42% dei grassi totali. Questo, a sua volta, era correlato ad un aumentato rischio di cancro al seno. 18

Il latte come possibile fattore di rischio per il cancro al seno

Esistono numerosi studi che mettono direttamente in relazione il consumo di latte con lo sviluppo del carcinoma mammario, ma è ancora una questione controversa e sono necessarie ulteriori ricerche scientifiche.

I motivi principali per cui il latte può avere un impatto così importante sullo sviluppo del cancro sono i seguenti:

  • Il latte e i latticini contengono alti livelli di metaboliti degli estrogeni, che il corpo assorbe e che causano squilibri ormonali. Allo stesso modo, gli estrogeni stimolano la crescita delle cellule del seno e, di conseguenza, anche la crescita dei recettori dell'ormone positivo nelle cellule del cancro al seno. Le vacche da latte geneticamente potenziate continuano ad allattare per quasi tutta la gravidanza. Pertanto, l'attuale latte industriale contiene grandi quantità di estrogeni e progesterone 19 . Si dovrà trovare maggiori informazioni qui su come geneticamente vinto "migliorata" e la produzione industriale di latte hanno modificato l'impatto del latte sulla salute umana
  • Il latte intero e i prodotti lattiero-caseari (ad es. Formaggio, burro o ricotta) contengono una percentuale relativamente elevata di acidi grassi insaturi che, insieme a quelli presenti nella carne, sono correlati e determinano aumento del rischio di cancro al seno 21
  • Il latte e i prodotti lattiero-caseari sono probabilmente contaminati da residui persistenti e pesticidi, che influenzano anche l'insorgenza del cancro al seno.
  • Inoltre, il latte contiene il fattore di crescita dell'insulina di tipo 1 (IGF-1), che favorisce la crescita. E 'ben noto che le donne con alti livelli di IGF-1 nel sangue possono essere più probabilità di sviluppare il cancro al seno 20, si ritiene anche che alti livelli di IGF-1 può causare tumori esistenti di diffondersi in tutto il corpo.

Come la nutrizione ci aiuta a prevenire il cancro al seno

Sulla base dei fattori di rischio menzionati in precedenza, alcuni ricercatori dell'American Institute for Cancer Research 1 hanno scritto un elenco di raccomandazioni per la prevenzione del cancro al seno. I quattro più importanti sono seguire una dieta vegana, non fumare (o masticare tabacco), fare attività fisica su base regolare e non bere alcolici.

I crocifissi combattono i tumori

Alcuni ricercatori hanno scoperto che i crocifissi, come i broccoli o i cavoletti di Bruxelles, non solo impediscono lo sviluppo del cancro al seno, ma aiutano anche a combattere i tumori già esistenti. I crocifissi sono ricchi di sulforaphane (link in inglese), una sostanza che attiva gli enzimi di disintossicazione del corpo trovati nel fegato. Questi aiutano a neutralizzare le ammine eterocicliche (AHC)

Uno studio condotto su persone che non hanno seguito una dieta vegana ha dimostrato che il livello di AHC nelle urine è inferiore quando tre tazze di broccoli o cavoletti di Bruxelles vengono consumate quotidianamente in aggiunta al normale pasto a base di carne. 2

Consumo di soia: controversa relazione con il cancro al seno

La maggior parte degli studi associa una maggiore assunzione di isoflavoni di soia a un minor rischio di cancro al seno. Tuttavia, altri studi affermano che ciò vale solo per la popolazione asiatica e che tra le donne occidentali un aumento del consumo di soia non ha alcun impatto sul rischio di cancro. 22

Inoltre, a causa del potenziale di attività estrogenica, è preoccupante che il consumo di soia possa aumentare il rischio di cancro al seno nelle donne in postmenopausa. Tuttavia, studi clinici condotti per periodi da uno a tre anni hanno dimostrato che la soia non influisce sulla densità del seno.

La fibra alimentare riduce il rischio

L'assunzione di fibre alimentari ha un impatto significativo sul carcinoma mammario negativo al recettore degli estrogeni.

In uno studio, alcuni ricercatori della Yale University hanno dimostrato che le donne in premenopausa che consumavano più di sei grammi di fibre al giorno (una tazza di fagioli neri) avevano un rischio inferiore del 62% di cancro al seno rispetto alle donne che consumavano solo quattro grammi.

Una dieta ricca di lignani potrebbe prevenire il cancro al seno e ridurne l'evoluzione

I lignani sono fitonutrienti (fitoestrogeni) con una struttura e un impatto simili agli estrogeni. Di conseguenza, aderiscono ai recettori degli estrogeni delle cellule. Ma, a differenza degli estrogeni più aggressivi, l'effetto dei lignani è più debole.

Poiché i lignani occupano già i recettori, l'estrogeno aggressivo che produce il cancro al seno non può iniziare i suoi effetti cancerogeni e il corpo finisce per degradarlo.

Gli alimenti più ricchi di lignani sono semi di lino, bacche, cereali, noci e broccoli.

Uno studio del National Cancer Institute ha dimostrato che due cucchiaini di semi di lino al giorno riducono significativamente il rischio di cancro al seno.

In questo studio, sono state analizzate 45 donne ad alto rischio di sviluppare il cancro al seno. È stato chiesto loro di consumare due cucchiai di semi di lino al giorno e sono state eseguite biopsie del tessuto mammario all'inizio dello studio e dopo un anno.

Alla fine dello studio e sulla base dei bassi livelli di Ki-67 registrati, l'80% di essi presentava un rischio inferiore di sviluppare il cancro. Ki-67 è un indicatore della proliferazione cellulare.

Pertanto, Erb Muesli è la colazione perfetta e un modo molto salutare per iniziare la transizione verso una dieta che ha la capacità di prevenire o invertire il cancro al seno, in particolare per la quantità di lignani che contiene.

La vitamina D è associata a un rischio inferiore

Il fegato converte sia la vitamina D che sintetizziamo con l'esposizione al sole che quella che consumiamo nella nostra dieta in 25-idrossivitamina D (250HD).

Il fegato converte sia la vitamina D che sintetizziamo con l'esposizione al sole che quella che consumiamo nella nostra dieta in 25-idrossivitamina D (250HD).

Tuttavia, il Nurses Health Study (NHS), che ha analizzato 90.000 individui ed è stato seguito per 14 anni, ha dimostrato che un maggiore apporto di vitamina D ha avuto solo un impatto rilevante sulle donne premenopausa, mentre il suo effetto era irrilevante nelle donne in postmenopausa.

Gli alimenti nutrienti hanno meno calorie. Gli alimenti calorici hanno meno nutrienti.

Una dieta a base di alimenti vegetali fornisce fibre preziose, nonché vitamine e minerali. Al contrario, gli alimenti di origine animale, come carne, pesce o uova, non forniscono praticamente nessuna fibra. Sebbene il consumo calorico sia generalmente più elevato quando una persona consuma prodotti di origine animale, il suo corpo può rapidamente diventare privo di molti nutrienti vitali presenti in piante, noci, semi e legumi.

Inoltre, gli alimenti integrali e le diete a base vegetale tendono a promuovere un indice di massa corporea sana, che a sua volta è associato a un minor rischio di cancro al seno.

Per ulteriori informazioni sull'impatto che gli alimenti crudi possono avere sul vostro corpo qui .

Raccomandazioni dietetiche quotidiane per prevenire il cancro al seno

Bodai e Tuso 24 hanno formulato una serie di raccomandazioni dietetiche quotidiane basate su una serie di studi completi condotti su persone che hanno superato il cancro. Lo scopo di queste raccomandazioni è di aiutare a migliorare la salute generale, prevenire lo sviluppo di diversi tipi di cancro e aumentare i tassi di sopravvivenza a lungo termine di coloro che sono già stati diagnosticati:

Riduci o elimina

aumentare

Carboidrati malsani

Carboidrati sani

  • cereali raffinati (pane bianco, crackers)
  • alimenti trasformati (torte, biscotti, patatine)
  • zuccheri aggiunti (bevande analcoliche, cereali)
  • verdure
  • verdure
  • frutta
  • cereali integrali
  • prodotti di soia naturale
Grassi malsani Grassi sani
  • grassi saturi
  • grasso trans
  • acidi grassi omega-3
  • seme di lino
  • noccioline
sale, carne, latticini e alcool

È importante riflettere prima di generalizzare sull'impatto della dieta sul cancro al seno. I risultati di molti studi hanno una correlazione diretta con un tipo specifico di carcinoma mammario , si applicano a gruppi specifici di donne e dipendono dallo stadio vitale del paziente (ad es. Premenopausa o postmenopausa).

Altri fattori, come la quantità di un particolare nutriente, i tempi, la sua relazione con altri nutrienti, la storia della vita o la dieta durante le prime fasi della vita possono anche modificare in modo significativo l'impatto della dieta sul cancro al seno. .

CLICK FOR: Fonti (inglese)

1. American Institute for Cancer Research [Internet]. Raccomandazioni per la prevenzione del cancro; 12 settembre 2014 [citato il 20 luglio 2016]. www.aicr.org / can-prevent /what-you-can-do/10-recommendations.html.

2. Murray S, Lake BG, Grey S, Edwards AJ, Springall J, Bowey EA, et al. Effetto del consumo di verdure crocifere sul metabolismo amminico aromatico eterociclico nell'uomo. Carcinogenesi. Settembre 2001; 22 (9): 1413-20.

3. Thompson LU, Chen JM, Li T, Strasser-Weippl K, Goss PE. I semi di lino dietetici alterano i marcatori biologici del tumore nel carcinoma mammario postmenopausale. Clin Cancer Res. 2005; 11 (10): 3828-35.

4. American Cancer Society [Internet]. Dati e cifre sul cancro al seno 2013-2014. [citato il 19 luglio 2016]. www.cancer.org / acs / groups / content / @ research / documents / document /acspc-042725.pdf.

5. Friberg S, Mattson S. Sui "tassi di crescita" dei tumori maligni umani: implicazioni per il processo decisionale medico. J Surg Oncol. 1997; 65 (4): 384-97.

6. Wikipedia [Internet]. L'epigenetica. [citato il 31 ottobre 2016]. https://en.wikipedia.org / wiki / Epigenetics

7. Teegarden D, Romieu I, Lelièvre SA. Ridefinire l'impatto della nutrizione sull'incidenza del cancro al seno: è coinvolta l'epigenetica? Recensioni di ricerca nutrizionale. 2012; 25 (1): 68-95.

8. Allen NE, Appleby PN, Davey GK, Kaaks R, Rinaldi S, Key TJ. Le associazioni di dieta con il siero "Insulinlike GrowthFactor I" e le sue principali proteine leganti in 292 donne mangiatori di carne, vegetariani e vegani. Cancer Epideminol Biomarkers Prec. 2002; 11 (11): 1441-8.

9. McCarty MF, le proteine vegane possono ridurre il rischio di cancro, obesità e malattie cardiovascolari promuovendo una maggiore attività del glucagone. Ipotesi Med 1999 dic; 53 (6): 459-85.

10. Hastert TA1, Beresford SA, Patterson RE, Kristal AR, White E. Adesione alle raccomandazioni sulla prevenzione del cancro WCRF / AICR e rischio di carcinoma mammario in postmenopausa. Cancer Epidemiol Biomarkers Prec.2013 Set; 22 (9): 1498-508.

11. Havard Center for Cancer Prevention. Rapporto di Harvard sulla prevenzione del cancro, cause del cancro umano. Cause e controllo del cancro. 1996; 7 (1): 3-59.

12. Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro. Lione, Francia 2010. Consumo di alcol e carbammato di etile. Monografie sulla valutazione dei rischi cancerogeni per gli esseri umani, vol 96.

13. Bagnardi V, Rota M, Botteri E, Tramacere I, Islami F, Fedirko V, et al. Bere alcolici e cancro: meta-analisi. Ann Oncol 2013; 24 (2): 301-8.

14. Zheng W, Gustafson DR, Sinha R, Cerhan JR, Moore D, Hong CP, et al. Assunzione di carne ben fatta e rischio di cancro al seno. J Natl Cancer Inst.1998; 90 (22): 1724-9.

15. Trentham-Dietz A, Newcomb PA, Egan KM, Titus-Ernstoff L, Baron JA, Storer BE, ecc. Variazione di peso e rischio di carcinoma mammario postmenopausale (Stati Uniti). Il cancro provoca il controllo. 2000 lug; 11 (6): 533-42.

16. Gallagher EJ, LeRoith D. Il ruolo proliferante di "insulina" e "fattori di crescita insulinici" nel cancro. Tendenze in endocrinologia e metabolismo: TEM. 2010; 21 (10): 610-618.

17. Sieri S, Krogh V, Pala V, Muti P, Micheli A, Evangelista A, et al. Modelli dietetici e rischio di carcinoma mammario nella coorte ORDET. Cancer Epidemiol Biomarkers Prec. 2004; 13: 567-572.

18. Schulz M, Hoffmann K, Weikert C, Nöthlings U, Schulze MB, Boeing H. Individuazione di un modello dietetico caratterizzato da scelte alimentari ad alto contenuto di grassi associate ad un aumentato rischio di cancro al seno: la European Prospective Investigation in Cancer and Nutrition (EPIC ) -Potsdam Study. British Journal of Nutrition 2008; 100 (5): 942-946.

19. Maruyama K, Oshima T, Ohyama K: esposizione agli estrogeni esogeni attraverso l'assunzione di latte commerciale prodotto da mucche in gravidanza. Pediatr Int 2010; 52: 33–8.

20. Boyd NF, Stone J, Vogt KN, Connelly BS, Martin LJ, Minkin S. Rischio di grasso alimentare e carcinoma mammario rivisitato: una meta-analisi della letteratura pubblicata. Br J Cancer. 2003; 89: 1672–85.

21. Yu H, Rohan T. Ruolo della famiglia "Insulinlike GrowthFactor" nello sviluppo e nella progressione del cancro. JNCI J Natl Cancer Inst.2000; 92 (18): 1472-1489. doi: 10.1093 / jnci / 92.18.1472

22. Dong JY, Qin LQ. Sono il consumo di isoflavoni e il rischio di incidenza o recidiva di carcinoma mammario: una meta-analisi di studi prospettici. Trattamento di ricerca sul cancro al seno. 2011; 125: 315–323.

23. Garland CF, Gorham ED, Mohr SB, Grant WB, Giovannucci EL, Lipkin M, et all. Vitamina D e prevenzione del carcinoma mammario: analisi aggregata. J Steroid Biochem Mol Biol.2007 Mar; 103 (3-5): 708-11.

24. Bodai BI, Tuso P. Sopravvivenza al cancro al seno: una revisione completa delle problematiche mediche a lungo termine e delle raccomandazioni sullo stile di vita. Il diario permanente. 2015; 19 (2): 48-79. doi: 10.7812 / TPP / 14-241.



Commenta (come ospite) oppure accedi
List Commenti Stampa
Tag Cloud
 cancro   che   del   seno   una   rischio   per   dieta   donne   consumo   della   Sono   non   mammario   più   carcinoma   hanno   con   Cancer   sviluppo   latte   carne   sul   fattori   possono   anche   nel   gli   dimostrato   può