Fondazione Dieta & Salute

La miglior prospettiva per la tua salute

La miglior prospettiva per la tua salute

La miglior prospettiva per la tua salute

La miglior prospettiva per la tua salute

Questa pagina è stata tradotta tramite Google Translator

Recensione del libro "Lies lobbies Alimentos" di I. Reinecke

List Commenti Stampa

Bugie, lobby, cibo ritraggono la situazione nell'UE. Il libro è pieno di fatti ed esempi critici che mostrano l'entità della miseria.

conclusione

Questo libro tascabile del 1998 affronta l'enorme problema di un'industria alimentare estremamente forte. I profitti milionari consentono alle aziende che operano a livello internazionale non solo di controllare il comportamento dei consumatori, ma anche di decisioni politiche secondo la propria agenda. È stato pubblicato pochi anni prima dell'opera più profonda Salt Sugar Fat di Michael Moss , che fino ad ora esiste solo in lingua inglese.

"Lügen Lobbies Lebensmittel" (Bugie, lobby, cibo) si concentra principalmente sulla descrizione della situazione nell'Unione europea. Il testo, giustificato da fatti, è molto critico. Numerosi esempi sono la prova delle dimensioni della situazione. Il messaggio è chiaro e ben giustificato:

Non è un appello o un'imposizione da parte degli autori. Presentano semplicemente i fatti; Il nostro compito è trarre conclusioni.

Nel capitolo Was tun? (Cosa fare?) Ci danno idee e consigli per un'azione individuale. Innanzi tutto, viene presentato il grave danno causato dalla politica dell'Unione europea e, alla fine del capitolo, troviamo sei idee per un'azione politica e individuale. Gli autori, Ingrid Reinecke e Petra Thorbrietz , descrivono situazioni che oggi, 15 anni dopo, non sono cambiate molto.

Testo della presentazione: coloro che non si difendono si nutrono nel modo sbagliato. Con questo motto, il libro offre informazioni sul rapporto tra cibo e politica e su cosa possiamo fare per rispondere alle bugie dei vecchi lobbisti. Ciò che mangiamo, come mangiamo e che tipo di cibo finisce nei nostri piatti non dipende tanto dai nostri gusti, ma da interessi politici o economici. Il cibo dei cittadini tedeschi, austriaci, francesi, italiani o spagnoli non è più determinato dalle loro autorità nazionali, ma dall'Unione europea, che a sua volta deve conformarsi alle leggi del mercato globale. Nell'era della globalizzazione e della concentrazione degli affari, ciò significa che alla fine un piccolo numero di grandi aziende decide cosa indossano i nostri tavoli .

CLICK FOR: commenti

Le immagini che ho incomporate hanno lo scopo di decomprimere la lettura e consentire l'inserimento dei miei commenti. Il libro non contiene immagini. Queste sono immagini di Wikipedia , prese da me o di dominio pubblico.

Indice e commenti

Sacrificio di agricoltori e allevatori - La scomparsa dell'economia agricola
Moralità europea - Tutti a loro piacimento
Argomenti falsi : dal campo alla discarica
Una questione di gusti - Dalle zuppe disidratate ai piatti preparati
Il potere della politica - La dittatura dello standard
la frode Etichettatura - cochinada Internazionale
Reazioni a catena - Commercio e suoi consumatori
Batteri nella catena di produzione - Se non ti fa male, è fresco
Il codice alimentare - La legge sulla protezione dei consumatori come barriera all'azione
Cosa fare - Il potere del consumatore
Parte informativa

Il titolo di ogni capitolo è accompagnato da una sorta di sottotitolo che inizia sempre con la parola "o". A sua volta, ogni capitolo è diviso in diversi temi.

Redaction comment

Ho collegato numerosi termini con Wikipedia (corsivo), aggiornato a ottobre 2013. Le voci di Wikipedia di solito non sono oggettive. Ci sono persone che scrivono per conto di parti interessate e molte volte non è possibile trovare un punto di vista diverso. Mancano anche commenti critici, ad esempio un testo sulla somatotropina bovina ricombinante (rBST) o lo scandalo dell'ormone. Manca un'iscrizione all'Anbauverband der Arbeitsgemeinschaft Ökologischer Landbau (associazione di aziende di agricoltura biologica o AGÖL) , ma il suo successore (dal 2002), il Bund Ökologische Lebensmittelwirtschaft o BÖLW (associazione delle industrie alimentari biologiche) Appare brevemente. Altre voci sono influenzate dallo " stabilimento " o dal gruppo dominante descritto nel libro. Nella parte inglese appare una sorta di prospettiva generale . I collegamenti che non sono in corsivo aprono le proprie voci o funzionano come ancore.

Amazon non include una recensione, ma nella pagina Vegetarismus.ch/heft/99-2/lobbies.htm troviamo quanto segue: Dopo aver letto questo libro capirai perché l'UE concede sovvenzioni per il trasporto di animali vivi in tutta Europa, perché I cetrioli non sono più storti (in conformità con la legislazione di qualità CEE-ONU FFV-07) o perché gli asparagi greci costano solo la metà. Ciò che "dobbiamo" mangiare è una questione legata a interessi politici o economici. Il libro mostra le strutture di potere e la mancanza di meccanismi di controllo nell'UE e mostra che l'attuale struttura dell'UE non è in grado di garantire la sicurezza dei suoi cittadini (molto meno di quella degli animali).

CLICK FOR: Breve recensione del libro (non mio)

Lobbisti e commissioni opache determinano il percorso. Ad esempio, quando si è verificato il problema della mucca pazza (BSE), la stampa trapelò una nota di un membro della Commissione che includeva le seguenti dichiarazioni: "Dobbiamo smettere di informare le persone per minimizzare questo problema!

Ironia della sorte, questo funzionario dell'UE era anche responsabile della protezione dei consumatori ...

Oltre alla produzione idroponica senza terra e all'irradiazione del cibo, dobbiamo anche occuparci di "mari di latte" e "montagne di carne". Sulle uova, afferma, tra l'altro, quanto segue: nell'UE vengono venduti 300 milioni di uova all'anno, tuttavia ne vengono prodotti solo 50 milioni. Effettuando una stima generosa, si può dire che almeno un terzo non è dichiarato correttamente.

Un libro che vale la pena leggere, che include un allegato con importanti indirizzi di contatto e consigli più utili per i consumatori.

Vuoi maggiori informazioni su questo argomento? Nella rivista Greenpeace troverai una breve presentazione. Inoltre, alla fine di questa recensione troverete altri titoli di pubblicazioni sull'industria alimentare.

CLICK FOR: A proposito degli scrittori

Pagina 255: il dottore in scienze economiche e sociali Petra Thorbrietz è nato nel 1957, ha studiato giornalismo e ha conseguito un dottorato in pensiero integrato. Ha collaborato alla stesura delle riviste tedesche natur , Wochenpost e Die Woche e ha lavorato come sceneggiatore radiotelevisivo. Ha ricevuto il premio nazionale per il giornalismo scientifico concesso in Austria e il premio del Darmstädter Schader-Stiftung (Fondazione Schader di Darmstadt) per l'applicazione pratica dei risultati scientifici sulla società . Petra Thorbrietz e i suoi premi si trovano anche su Wikipedia .

Ingrid Reinecke è nato nel 1954 e ha lavorato come fotografo, segretario e attivista per Greenpeace. Ha realizzato la mostra itinerante "Il cibo del laboratorio genetico" ed è editore del quotidiano tedesco Süd-Nord-Report . Nel seguente link Anstiftung-Ertomis.de/die-stiftung/team troverai la tua immagine e le informazioni di contatto.

Ingrid Reinecke era un'attivista di Greenpeace e ora collabora con una fondazione. Petra Thorbrietz ha vinto il premio austriaco per il giornalismo scientifico e il premio Schader Foundation dalla città di Darmstad.

2. Recensione del libro

I due scrittori tedeschi informano senza mezzi termini il lettore sul lato oscuro della politica agricola imposta dall'UE . Spiegano perché il cibo finisce nel nostro piatto, non tanto per i nostri gusti, ma per una questione di interessi economici e politici (p. 10).

Ci sono sempre meno aziende che determinano ciò che viene servito al tavolo di circa 370 milioni di cittadini dell'UE. In quasi nessun altro settore, sia i processi che il settore alimentare sono concentrati.

Questo libro, così come la pubblicazione Salt Sugar, è grassa sulla situazione negli Stati Uniti. UU., Descrive anche in dettaglio la gestione effettuata da società di risorse multinazionali che includono dalle materie prime alla vendita di prodotti finiti. Queste aziende decidono anche i pesticidi , i semi e, se possibile, anche l' ingegneria genetica da utilizzare. Invece di qualità e salute, la massima importanza è data ai prodotti finiti raffinati come cibi preparati , alimenti funzionali o nuovi alimenti .

Un'importante dichiarazione dell'anno 1998 (pagina 12): in Germania, solo il quattro percento dei prodotti agricoli arriva sul mercato allo stato naturale; il resto scompare nelle macchine alimentari industriali. Secondo gli esperti alimentari, il futuro del cibo non sarà legato alla natura. Il cibo viene strappato da terra per formare una massa irregolare di materie prime composta da proteine, grassi e carboidrati con un design variabile .

2.1. Sacrificio di agricoltori e allevatori

È interessante vedere fino a che punto i prodotti vengono venduti attraverso la pubblicità ingannevole . Il numero di tali crimini è elevato, ma quali sono i dati reali? È qualcosa di molto peggio della semplice immagine bucolica di una fattoria stampata su un cartone di uova di galline a batteria. Almeno, quest'ultimo può essere sfidato oggi.

CLICK FOR: Falsa pubblicità

Tuttavia, Martin Wille , direttore generale del Behördliche Lebensmittelüberwachung (Agenzia tedesca per l'informazione e il controllo degli alimenti) nel Nord Reno-Westfalia, nel 1994 ha ricevuto una notifica relativa alla pubblicità ingannevole: rivelati i test condotti negli stabilimenti e nei mercati di Düsseldorf che 24 dei 26 grossisti in esame hanno dichiarato più della metà della loro merce nel modo sbagliato (p. 17).

Gli autori affrontano anche i problemi causati dai paesi industrializzati nei paesi in via di sviluppo . Un esempio di ciò è come l'UE e gli Stati Uniti. UU. distruggere lo stile di vita dei piccoli agricoltori inviando merci sovvenzionate.

CLICK FOR: Il paradiso dei sussidi

Con il titolo "Das subventionierte Schlaraffenland" (Il paradiso dei sussidi) ci raccontano come, grazie ai sussidi, l' UE possa ottenere grandi aziende, soprattutto, per produrre alimenti indipendentemente dalla domanda esistente. Nel 1957 l'allora CEE decise di aumentare il reddito pro capite degli agricoltori e allo stesso tempo ottenere cibo più economico. A quel tempo, i rappresentanti di Germania, Francia, Italia e Paesi del Benelux hanno concordato una politica agricola comune (PAC).

Gli esempi pratici servono a capire perché la PAC abbia comportato grandi aumenti delle quantità di produzione legate a prezzi più bassi. Allo stesso tempo, gli scrittori ci spiegano gli effetti inutili e dannosi, che negli ultimi anni sono persino aumentati e che sono in parte dovuti a assurdi errori politici. Il libro sottolinea gli effetti sulla salute umana e sull'ambiente.

Nel 1950, 18 milioni di agricoltori erano attivi nei sei paesi fondatori dell'UE, mentre nel 1994 la cifra era di soli 4 milioni.
40 anni fa un pollo deponeva 140 uova all'anno, tuttavia oggi un pollo depone circa 300 uova nei suoi 15 mesi di vita.

Grandi eccedenze che entrano nel mercato mondiale sono state prodotte e continuano a essere prodotte grazie ai sussidi . La conseguenza è che in altri paesi molte aziende agricole e zootecniche finiscono per diventare povere o addirittura scomparire.

A pagina 24 possiamo leggere quanto segue:

In Africa, ad esempio, è stata lanciata nel mercato carne di manzo surgelata che aveva ricevuto numerosi sussidi, il che ha messo sotto pressione l'industria zootecnica regionale, che allo stesso tempo riceveva aiuti allo sviluppo dall'Europa. Nel 1991, la CE ha ancora versato quasi 2 miliardi di marchi tedeschi in aiuti all'esportazione per vendere carne in Africa occidentale per un valore di soli 50 milioni di marchi.

Pausa per capire il significato di questa affermazione.

Anche in Europa, l'80% dei sussidi ha raggiunto solo il 20% delle aziende agricole.

L'UE ha inondato il mercato russo dei prodotti agricoli scaricando , cioè offrendo prodotti a un prezzo inferiore rispetto al proprio costo di produzione .

Nel 1996, grazie ai sussidi dell'UE, l'Europa ha esportato 42'500 di carne così economica, causando gravi sofferenze all'intera regione sudafricana, con un calo dei macelli di bestiame di quasi il 40%. Allo stesso tempo, l'UE aveva promosso la commercializzazione della carne bovina come programma di sviluppo. Con queste misure, l'UE ha ottimizzato il turnover della carne europea d'intervento mentre annichilava gran parte della produzione locale in Africa. Tuttavia, ciò non è avvenuto solo nel continente africano, ma anche altri paesi con economie indebolite sono stati colpiti da queste misure.

CLICK FOR: Cooperazione allo sviluppo

La cooperazione allo sviluppo è una questione importante. L'economista Hans Wolfgang Singer ha dimostrato il deterioramento dei saldi commerciali nei paesi periferici. Chiarisce che la politica di sussidio degli Stati Uniti. UU. e l' UE ha distrutto le aziende nei paesi in via di sviluppo e quando gli africani hanno cercato di entrare in Europa con tutti i mezzi, la questione si è spostata dalla parte.

La fuga verso l'Europa è avvenuta perché, con la politica dei sussidi, li abbiamo privati dei loro mezzi di sussistenza. La politica e le grandi aziende (sfruttatori ed esportatori) abusano del loro potere. D'altra parte, come controparte, la nostra società accumula aiuti allo sviluppo.
I critici delle situazioni che abbiamo causato in Africa di solito menzionano il saccheggio delle materie prime.

Redaction comment

Espansione di orizzonti:
È interessante leggere ancora una volta come il cibo nel mondo sia pieno di tabù alimentari . In altre parole, mostrano quanto siamo influenzati dalla famiglia, dalla religione e dall'ambiente. Ciò che vediamo intorno a noi sembra naturale e consideriamo folle qualsiasi comportamento diverso.

Il prossimo argomento si chiama "Grossbauern gegen Kleinbauern" ( Grandi agricoltori contro piccoli agricoltori) , in cui si riferiscono al piano del Commissario per l'Agricoltura Mansholt , il cui obiettivo era liquidare fattorie non produttive.

Un allevamento di uova con 10'000 galline ovaiole era considerato troppo piccolo e quindi non redditizio.

Si potrebbe dire che le istituzioni politiche hanno finalmente respinto il tentativo di riforma radicale incluso nel Piano Mansholt ... ma solo ufficialmente. Mentre l'organizzazione politica ha promosso solo quelle grandi aziende di dimensioni specifiche, il ministro dell'Agricoltura Josef Ertl ha espresso il seguente motto: crescere o aprire la porta . Tuttavia, la politica ha infine bloccato il programma del Ministro Ertl .

CLICK FOR: Eccedenze di produzione

Ciononostante, l'UE si è moltiplicata per cinque autorizzazioni per l'uso di fertilizzanti fino a 128 kg per ettaro, che in seguito ha ridotto a 100 kg. Ma nuove varietà, come i mangimi, richiedevano un uso crescente di fungicidi e altri prodotti chimici.

Reinecke e Thorbrietz illustrano con esempi in che modo i falsi incentivi hanno portato a grandi eccedenze di produzione in Europa. Alcuni anni prima, lo stesso comportamento aveva risultati negativi simili negli Stati Uniti. UU. Tuttavia, per anni, si è formato un sistema a zig zag tra protezionismo e libero scambio ... I costi delle politiche agricole comunitarie si sono moltiplicati per sei tra il 1970 e il 1986 (p. 31).

I negoziati GATT (Accordo generale sulle tariffe doganali e sul commercio) sono entrati in vigore nel 1995 e l'organizzazione successiva, l' Organizzazione mondiale del commercio ( OMC ) , non è stata in grado o non ha voluto impedire, ad esempio, a Nelson Mandela di esportare vino nell'UE.

2.2. Moralità europea

Questo capitolo tratta della falsificazione della documentazione di origine. A metà degli anni '90 Bernhard Friedmann , presidente della Corte dei conti europea , stima che oltre il 10% del bilancio dell'UE finisca ogni anno nelle mani dei truffatori. Le frodi di sussidio sono molto popolari, poiché il 90% del bilancio dell'UE è destinato a sussidi, di cui circa la metà circola nel settore agricolo (p. 39).

CLICK FOR: Circuiti fraudolenti transnazionali

Furono rubati e falsificati i sigilli doganali, i documenti di spedizione e le fatture furono maltrattati, furono presentati certificati falsi sulla salute degli animali, i funzionari furono corrotti e la merce fu dichiarata in modo errato o spedita di notte. Mentre i meridionali sceglievano di spostare vino, olio d'oliva e frutta, i settentrionali preferivano commerciare illegalmente con animali (p. 39).

Sappiamo che l'Unione versa otto miliardi di euro all'anno in sussidi per la commercializzazione degli alimenti prodotti grazie ai finanziamenti. Una dichiarazione interessante:

Il presidente della Corte dei conti europea, Bernhard Friedmann, ha riferito che in un'occasione 1.000 camion con carne dalla Polonia hanno viaggiato in Africa. Per settimane, un ufficio doganale nel sud della Spagna ha confermato che i trasporti avevano lasciato correttamente l'UE, fino a quando non è stato scoperto che l'ufficio doganale non esisteva da anni (p. 42).

Né sarebbe sorprendente che una simile spedizione fosse tornata in Polonia con falsi certificati di origine per riscuotere i sussidi. Sebbene la versione più interessante di questo tipo di frode non richieda il trasporto, ma solo la documentazione adeguata. L'esempio seguente mostra la storia di una spedizione irlandese:

Secondo la versione ufficiale, 10'000 tonnellate di carni bovine provenienti dall'UE - con sussidi particolarmente elevati - dovrebbero essere inviate in Italia per essere trasformate e successivamente spedite nei paesi dell'ex Unione Sovietica. Tuttavia, sul mercato britannico sono comparse almeno 200 tonnellate di carne (grezza) (p. 43).

La mancanza di frontiere interne ha portato alla formazione di nuovi "circuiti di frode transnazionali". Non esiste una legislazione penale comune di ampia portata; qualcosa che le reti criminali organizzate sfruttano con abilità.

Le pagine 46 e 47 rivelano come i paesi si ingannano a vicenda con l'estorsione. Solo nel 1994, sono state rilevate in totale 1.597 irregolarità.

CLICK FOR: Bovini vivi dell'Europa orientale

Il numero di casi con irregolarità è tratto dalla sezione "Schlupflöcher und Datennetze" (Lagune e reti di dati). In tale contesto, l' UE crea l' UCLAF (Unità di coordinamento antifrode) , il sistema IRENE e PRE-IRENE (che comprende tutti i casi di frode segnalati dagli Stati membri) e le cassette postali anonime (cfr. EUR-Lex ) combattere la frode nell'UE. Il suo obiettivo è sanzionare non solo gli individui, ma anche le società che violano.

A pagina 54 c'è un esempio particolarmente interessante di bovini vivi dell'Europa orientale. Una società ha esportato questi animali in Italia per essere macellati lì e ha rispedito la carne ad est facendo scalo a Malta. Tuttavia, ciò che stava realmente accadendo era qualcosa di molto diverso: vendeva carne di bassa qualità e non dichiarata, che aveva ricevuto sussidi all'esportazione in Gabon. Le sovvenzioni all'esportazione non autorizzate in relazione al Gabon ammontavano a 24 milioni di euro, tuttavia ciò che non era chiaro è dove finiva la carne vera.

2.3. Argomenti fallaci

La sezione "Überschuss im Überfluss" (Eccedenze in abbondanza) evidenzia, tra le altre cose, casi di censura di informazioni critiche riguardanti l'industria chimica.

Il film " Vergiftet oder arbeitslos" (avvelenato o disoccupato) del regista e studente di scienze dell'informazione Bernward Wember doveva rimanere due anni negli archivi della catena fino a quando nel 1982 il film doveva essere emesso (p. 56).

Milioni di tonnellate di frutta e verdura sono sepolte come eccedenze impossibili da vendere che, a causa del loro massiccio processo di decomposizione e componenti chimici, inquinano il suolo e le acque sotterranee. Questi sono alimenti intatti.

Nel 1995 la Corte dei conti europea ha sviluppato un bilancio economico dei rifiuti: nell'anno 1992/1993, un totale di 4,3 milioni di tonnellate di frutta e verdura sono state ritirate dal mercato. Il 2% è andato in beneficenza negli ospedali e nelle scuole, il 14% è stato trasformato in alimenti per animali, il 24% è finito come un fermento per la produzione di alcol industriale e il 60% è stato scartato.

Distruggere sembra essere più economico che organizzare la distribuzione del cibo; Inoltre, dà origine a un paio di milioni di euro che possono ancora essere ottenuti. Con il titolo "Matschtomaten und Dosenkohl" (pomodori schiacciati e cavoli in scatola) apprendiamo, tra le altre cose, come le materie prime sovvenzionate dall'UE escano dalla porta sul retro di una fabbrica di succhi non trasformati per il giorno successivo alla banchina di carico, ricevi di nuovo la benedizione europea (p. 63).

2.4. Questione di gusti

Questo capitolo spiega le conseguenze negative per la nostra salute dell'allontanamento dalle nostre stufe .

È chiaro che mancano dati statistici sull'effetto del passaggio ai prodotti finiti. Solo coloro che approfondiscono criticamente l'evoluzione del settore sanitario possono valutare le conseguenze di questa transizione.

Ci piace sottolineare che l'aspettativa di vita oggi è maggiore, tuttavia, ciò è dovuto solo ai grandi progressi della medicina. Ha compensato sempre di più le cattive e peggiori abitudini riguardanti la nostra dieta, l'esercizio fisico o lo stress.

CLICK FOR: Siamo a una svolta

In questo momento siamo a una svolta. Negli Stati Uniti Negli Stati Uniti, la generazione più giovane ha già un'aspettativa di vita inferiore rispetto alla generazione precedente.

Il commento della persona che ha caricato l'immagine mostra fino a che punto raggiunge il livello di soddisfazione:

Magnus Manske:

Anni fa smisi di mangiare al fast food Pinks Hot Dogs e decisi che dovevo tornare. Naturalmente, Megz e io abbiamo ordinato due hot dog "super speciali". Tutto quello che posso dire è che erano così bravi che è probabile che il mio cuore non mi perdonerà mai; Inoltre, è una sfida mangiarli senza macchiare. Penso ancora che i migliori hot dog di Los Angeles siano quelli dei venditori ambulanti, che vendono un tipo di hot dog avvolto nella pancetta. Apparentemente, il consiglio comunale sta diventando duro con quei venditori ...
Sostengono che potrebbe essere dovuto a problemi di salute, permessi o qualche stupidità simile ... dai, non smetterei di chiederne uno se mi imbattessi in un venditore

Alimenti in scatola, cibi surgelati o zuppe da banco sono un problema, non solo perché riducono le vitamine e i nutrienti organici, ma principalmente a causa degli additivi che contengono.

Gli elementi chimici delle materie prime alimentari vengono separati in alambicchi e quindi passati a una linea di produzione dove verranno combinati per creare nuovi fantastici prodotti. In questo processo, il cibo non solo perde il suo naturale valore nutrizionale, ma incorpora anche molti additivi la cui funzione è quella di facilitare la trasformazione: «addensanti, fermenti, anticoagulanti, antiossidanti, enzimi, aromi, conservanti, alcali, acidi, sali e coloranti (p . 73).

Osservazione: forse l'espressione è ancora sbagliata o molto semplicistica, ma nel complesso l'affermazione è vera.

Successivamente spiegano il problema dei sapori ( aromi ) e affermano che ci sono fino a 12.000 aromi artificiali nel mercato europeo. Questi e altri "agenti tecnici", come le resine ( materie plastiche ), non devono essere dichiarati nell'etichettatura europea.

Osservazione: la plastica danneggia in modo massiccio gli esseri viventi in natura.

CLICK FOR: Perché cucinare Cibo con servizio integrato

Le descrizioni offerte da Reinecke e Thorbrietz su alcuni processi produttivi sono chiare e comprensibili. Il titolo "Wozu kochen?" (Perché cucinare?) Rivela che anche gli chef dei migliori ristoranti e catene alberghiere in parte optano anche per cibi precotti e confezionati per preparare un raffinato "Piatto di Pesce".

Sembra che un elegante ristorante sulle rive del fiume Alster ad Amburgo offra il menu Coda di rospo alla griglia e gamberi su salsa di pomodoro leggera con salvia fresca , cucinato con ingredienti offerti da Eugen Block , fondatore di una catena di ristoranti alla griglia Carne in Germania

L'unico compito dello chef è di riscaldare e decorare il piatto. L'industria chiama questa pratica: cibo con servizio integrato (p. 77).

L'industria alimentare cerca sistematicamente nuove tendenze o le crea, ad esempio, introducendo "cibo etnico" o "cibo per mettersi in forma". Certo, cerca anche di sfruttare il termine "cibo sano" in parallelo con il termine "alimenti funzionali", già naturalizzato. Con alimenti preparati per malati, neonati, bambini piccoli e atleti, riesce a controllare segmenti oggettivi molto interessanti.

CLICK FOR: Alimenti nutraceutici

Gli additivi economici come vitamine, minerali, aromi o conservanti sono un problema, così come la grande quantità di vitamina E che è malsana e che la popolazione ha in proporzioni più che sufficienti . Dicono anche che, ad esempio, l'assunzione di troppo calcio blocca l'assorbimento del ferro e l'assunzione di troppo ferro blocca l'assorbimento dello zinco (p. 83).

Redaction comment

Nota: questo ci ricorda che la qualità è più importante della quantità, poiché anche cibi buoni o importanti possono danneggiarci se li assumiamo in quantità eccessive.

Nella sola Germania, l'industria alimentare stanzia 2 miliardi di euro all'anno per alimenti nutraceutici , che sono supportati da prodotti farmaceutici o medicinali .

L'Istituto Federale di Berlino per la protezione della salute dei consumatori e la medicina veterinaria (BgVV per il suo acronimo in tedesco) osserva anche una tattica speciale: i produttori stanno sempre più cercando di introdurre i loro farmaci attivi sul mercato come integratori alimentari al fine di evitare la richiesta di noiose autorizzazioni farmacologiche (p. 84).

Redaction comment

Osservazione: nel 2002 il governo ha sciolto la BgVV . La maggior parte dei compiti della BgVV è stata assunta dall'Istituto federale per la valutazione dei rischi (BfR) e, in misura minore, dall'Ufficio federale per la protezione dei consumatori e la sicurezza alimentare (BVL).

Il titolo "Rot und rund" (rosso e tondo) mostra l'attuale discussione sul progresso dell'agricoltura. L'UE non richiede alcuna indicazione sull'origine e sulla forma della produzione alimentare indicata sull'etichettatura degli alimenti. Almeno oggi è necessario indicare alcuni dati, come dimostrato dalle informazioni presentate dall'UE nel seguente link su salute e consumatori.

CLICK FOR: Oggi, circa il 40% di tutti gli alimenti contiene enzimi, amidi, vitamine e additivi geneticamente modificati

Il biofisico ed esperto di alimenti Fritz A. Popp ha dimostrato misurando i biofotoni , che il contenuto energetico delle piante si trasforma quando sono cresciute in serra.

Inoltre, secondo una dichiarazione del politico Günter Rexrodt nel 1997 e che gli autori includono nel libro "Oggi, circa il 40% di tutti gli alimenti sul mercato contiene enzimi, amidi, vitamine e additivi geneticamente modificati" .

Citano anche additivi come aminoacidi , vitamine , dolcificanti , enzimi e sostituti dello zucchero come sciroppo di glucosio o fruttosio , che si trovano anche in caramelle, liquirizia, marmellate o creme in polvere (p. 95).

Redaction comment

In questo contesto, va notato che, ad esempio, lo xilitolo o lo zucchero di betulla funzionano molto bene contro la carie . Lo xilitolo o lo zucchero di betulla sono i nomi comuni di uno stereoisomero ( isomerismo ) del pentapentpentolo, un alcool di zucchero , che si trova anche come sostituto dello zucchero o E 967.

Lo xilitolo ha un gusto e una dolcezza simili al saccarosio . Nel 1890, il premio Nobel (1902) Hermann Emil Fischer (1852-1919) scoprì il xilitolo come dolcificante. Lo xilitolo è un sostituto dello zucchero un po 'più costoso di questo, ma ha un effetto anticario e previene anche l'accumulo di batteri nella placca dentale .

Per alcune specie, come cani, mucche, capre o conigli, lo xilitolo è velenoso alla dose di 0,1 grammi per kg di massa corporea, che può essere fatale se la dose è compresa tra 3 e 4 grammi

Lo zucchero di betulla o xilitolo, insieme al sorbitolo , appare come zucchero dell'alcool naturale in vari tipi di verdure (come il cavolfiore ) e frutta (come prugne , fragole o lamponi ), ma generalmente con un rapporto di sostanza secca inferiore all'1%.

Vedi anche valutazioni positive di dolcificanti per stevia .

La pianta di soia geneticamente modificata esiste dal novembre 1996 e i suoi cereali sono inclusi in oltre 30.000 alimenti. I governi hanno creato leggi per la regolamentazione di nuovi alimenti geneticamente modificati al fine di raggiungere un maggiore potenziale economico.

L'etichettatura è obbligatoria solo da un importo minimo e non implica alcun obbligo quando si tratta di additivi come aromi ed enzimi.

Solo tra il 5% e il 10% degli alimenti prodotti grazie all'ingegneria genetica sono soggetti a regolamentazione in virtù della quale sono tenuti ad avere una documentazione specifica (p. 100).

Con il titolo "Laborrezepte" (ricette di laboratorio) troviamo informazioni sui surimi , che in linea di principio chiamavano un sostituto della polpa di granchio a base di pesce tritato, cotto con zucchero e trasformato in gelatina. L'impasto è mimetizzato con aromi, esaltatori di sapidità e altri additivi.

CLICK FOR: Un prodotto ricco di proteine dalle feci che, a causa della sua consistenza, odore e sapore, nemmeno un macellaio potrebbe differenziarsi dalla carne bovina

La materia prima per la sua elaborazione comprende diversi tipi di pesce, che vengono trasformati in farina, olio e questa imitazione del granchio in enormi navi industriali .

Tuttavia, nel 70% dei casi, il surimi è prodotto da imitazioni anziché da pesci, secondo un campionamento casuale condotto nel 1994.

Mangiamo questa miscela anche quando compriamo costosi gamberi, calamari, gamberi o polpa di granchio.

Questa massa proteica stabilizzata dal congelamento è molto resistente e serve, se aggiunto, aromi, additivi e aromi, per preparare salsicce, formaggio, pizza, zuppe, pappe, patatine o alimenti per animali domestici (p. 102 ).

Esiste una materia prima simile derivata da un fungo , che si chiama Quorn .

Quello che spieghiamo in seguito non ha nulla a che fare con il Quorn: diversi chimici giapponesi hanno sviluppato - soprattutto per dimostrare che era possibile - un prodotto ricco di proteine dalle feci (cioè escrementi) che a causa della sua consistenza, olfatto e sapore nemmeno un macellaio potrebbe fare la differenza dal manzo.

Redaction comment

Nota: un grossista svizzero distribuisce Quorn con il nome Cornatur per avere esclusività nel prodotto.

2.5. Il potere della politica

In questo capitolo leggiamo come l'industria tragga vantaggio dal fatto che la maggior parte delle persone che vivono nei paesi occidentali sono saziate o addirittura sature.

Non abbiamo mangiato per nutrirci a lungo, ma per soddisfare i nostri desideri. Il ruolo dei sensi è molto più importante di quello del contenuto. C'è una competizione per ottenere clienti; per questo, l'industria cerca di introdurre le creazioni più interessanti sul mercato.

Dietro la maggior parte dei marchi sul mercato, solo una manciata di gruppi di imprese nasconde, cioè oligopoli .

Nel 1997, dieci marchi sono riusciti a fatturare in un anno tra 3 e 9,3 miliardi dei vecchi telai tedeschi e da allora il processo di concentrazione industriale è continuato (p. 107).

CLICK FOR: Distribuzione alimentare

Immagine di Wikipedia: area commerciale di un supermercato Aldi

Wikipedia: nell'articolo tedesco sulla distribuzione alimentare troviamo, tra le altre cose, i dati sulla produttività e sulla struttura delle dieci più importanti catene alimentari, il cui fatturato ammonta a 140 miliardi di euro, di cui:

  • Il gruppo EDEKA è stato il più forte con un fatturato di 40 miliardi di euro nel 2010 e 42,7 miliardi nel 2011
  • Nel 2008 Aldi , il più importante supermercato con sconti, ha venduto prodotti alimentari per un valore di 24,5 miliardi di euro.
  • I secondi nella lista sono il gruppo Rewe con 25 miliardi di euro e Lidl (gruppo Schwarz ), le cui vendite sono ammontate a 14,7 miliardi di euro.

Reinecke e Thorbrietz menzionano che le persone nell'Europa meridionale mangiano più frutta e verdura che nell'Europa settentrionale e centrale. Nel nord Europa, prodotti come carne, burro, cioccolato, biscotti e bevande zuccherate sono più richiesti. Ciò è accompagnato dal grande valore aggiunto fornito dall'industria alimentare, che consente di realizzare perfettamente le campagne di marketing .

CLICK FOR: Marketing e fiaba

Redaction comment

Osservazione: con la fiaba della cucina mediterranea , alcune aziende si rivolgono persino a fatti ovvi. Smetti di confrontare e controllare l' aspettativa di vita di ogni paese! In Svizzera, ad esempio, è significativamente superiore a quello dei paesi mediterranei dell'Europa meridionale, per non parlare della costa del Mediterraneo africano.

Descrivono il principio del Cassis de Dijon , in cui la catena alimentare REWE ha combattuto nei tribunali europei per il loro diritto di vendere questa crema di ribes nero.

La Crème de Cassis è un liquore che non raggiunge la gradazione alcolica minima del 32%. Il governo tedesco ha intentato causa per evitare le importazioni. Secondo la sentenza, ci sarà il "principio del reciproco riconoscimento" dei beni quando detto prodotto è destinato alla vendita in un paese dell'UE. Ciò significa che le diverse disposizioni dei paesi convergevano in una normalizzazione.

C'erano solo 13.000 diverse disposizioni legali per gli additivi che dovevano essere armonizzate (p.113).

Pertanto, anche la birra olandese può contenere l' agente addensante e gelificante chiamato alginato di glicole propilenico ( acido alginico , E 405).

Citano numerosi esempi relativi a questo tipo di problema. Uno di questi è legato alla bevanda energetica Red Bull prodotta in Austria, la cui vendita è autorizzata. Tuttavia, altre bevande simili prodotte in Germania non dispongono dell'autorizzazione alla vendita. Fondamentalmente, dovrebbero avere cura di analizzare se ingredienti come la taurina (acido 2-aminoetansolfonico), il glucuronolattone , la niacina ( acido nicotinico ) sono utili o meno per la salute (p. 116).

Redaction comment

Nota: è importante ricordare che il vino, ad esempio, contiene circa 20 mg / l di glucuronolattone , tuttavia le bevande energetiche possono includere solo un massimo di 2,4 mg / l.

Da questo libro estraiamo che in molti casi il consumatore è colui che deve decidere quali rischi vuole prendere. Impariamo anche che la magistratura in Germania protegge il comportamento del cosiddetto consumatore sporadico che è caratterizzato dalla sua superficialità, scarsa intelligenza, incapacità e riluttanza ad essere informato. La Corte di giustizia dell'Unione europea ritiene che tali consumatori meritino protezione solo se diventano responsabili, consapevoli e soprattutto cittadini, mostrano capacità e interesse per le informazioni dalle fonti offerte loro, come l'etichettatura di un prodotto (...), se presti attenzione e (...) prendi la tua decisione di acquisto . Questo è ancora valido oggi (p. 117).

Numerosi esempi ci ricordano che alcune sostanze sono considerate cancerogene in un paese, mentre in altri paesi sono consentite per qualsiasi motivo. Il principio del reciproco riconoscimento nel 1993 ha causato, ad esempio, che nettarine e pesche provenienti dalla Francia potrebbero contenere 150 volte più residui della sostanza iprodione di quanto consentito in Germania! Dopotutto, è una sostanza fungicida e nematicida (p. 118).

Reinecke e Thorbrietz, ci presentano, sotto il titolo "Lobbies und Lügen" (gruppi di pressione e bugie), alcuni argomenti come lobby o gruppi di interesse , che raggiungono i loro interessi particolari senza considerare il bene comune . Infine, spiegano gli eventi riguardanti l'encefalopatia spongiforme bovina o la malattia della mucca pazza (BSE) sotto il titolo "Wahnsinn Europäisch: BSE" (follia europea: BSE).

CLICK FOR: Il corso completo della BSE nel corso degli anni

È impressionante il modo in cui gli autori descrivono l'intero corso della BSE nel corso degli anni. La questione è afflitta da errori di calcolo dei funzionari, false promesse e trucchi degli attori.

Il microbiologo Richard Lacey della città inglese di Leeds ha avvertito nel 1990 della mortale malattia cerebrale e ha sollecitato l'uccisione urgente di tutte le mucche nel Regno Unito. L'unico successo: i critici lo hanno definito un pazzo, un apostolo della distruzione e un attivista di estrema sinistra.

Molto più tardi o forse troppo tardi, il governo ha implementato le misure da lui suggerite. Le conseguenze per alcune persone furono fatali. Lacey apparteneva all'attuale scienziato Colin Blakemore , professore di neurofisiologia, che accusava il governo inglese di esperti di consulenza, le cui risposte erano "ciò che volevano sentire". L'esperto di nutrizione Tim Lang della Thames Valley University ha parlato di errori fatali in relazione alla BSE (p. 132).

2.6. Contrassegnare la frode

Non possiamo nemmeno immaginare le entrate generate dalla frode dell'etichettatura in esportazioni, movimenti, trasformazioni e importazioni. Ciò accade anche perché è più economico spostare animali vivi in Italia per macellarli o disossarli che inviarli al macello più vicino (p. 141).

CLICK FOR: Denominazione di origine protetta. Indicazione geografica protetta. Specialità tradizionale garantita

Redaction comment

Nota: nella citazione precedente, la congiunzione "o" deve essere sostituita da "y". Dopotutto, per disossare, gli animali non possono essere vivi.

Apprendiamo le differenze tra "denominazione di origine protetta" (DOP) - protezione a livello regionale - "indicazione geografica protetta" (IGP) - è sufficiente indicare lo stato di produzione - e "specialità tradizionale garantita" - per caratteristiche speciale— nonché lo sfondo di ciascuna delle denominazioni. Di seguito sono riportati esempi come il formaggio Gouda .

Il formaggio feta greco, prodotto in Danimarca con latte proveniente da mucche locali e agente sbiancante E 131 e la cui produzione è molto economica, arriva anche in Grecia. Il prodotto dalla Danimarca distrugge l'economia locale del formaggio feta autentico. Il vero formaggio feta è prodotto con latte di pecora ed è stagionato in salamoia.

Redaction comment

Nota: la sostanza E 131 è anche chiamata blu brevettata V.

Inizialmente, i Greci non ricevettero alcuna protezione ... tuttavia, in seguito, le denominazioni di prosciutto di Parma , formaggio feta e parmigiano ricevettero protezione, mentre il formaggio Emmental , il gouda e il formaggio Tilsit ricevettero solo denominazioni generali non protetti. Vedi articolo Denominazione di origine (p. 146).

Ancora una volta, la carne entra in gioco: nel 1998 il consumo di carne bovina per persona in Germania era di 15,8 kg all'anno. Nel 1995 la tendenza è diminuita, quindi i consumi sono scesi a 7,9 kg all'anno. Pertanto, quello stesso anno le forze politiche ed economiche progettarono di sviluppare prodotti finiti con contenuto di carne e svilupparono un nuovo regolamento per la carne: per la prima volta c'era anche una legge che regolava il trasporto di bestiame. Nonostante la nuova legislazione, sono entrate sul mercato migliaia di tonnellate di carne contaminate con l'ingrediente cancerogeno attivo chiamato cloramfenicolo . È un antibiotico ad ampio spettro .

È conclusivo che, per vari motivi, è quasi impossibile effettuare controlli efficaci. Esempio: un produttore di salsicce non acquisisce animali a metà, ma piuttosto carne a dadini .

Infine, affrontano il problema dei cibi biologici. L'industria continua a mantenere la sua posizione in questo senso grazie alla produzione integrata (IP) (p. 156).

Osservazione: Reinecke e Thorbrietz lo chiamano "agricoltura integrata". L'IP non rinuncia ai prodotti chimici per l'agricoltura, ma li applica in modo più economico. La confusione è stata utile da un punto di vista economico. D'altra parte, la politica ha anche stimolato l' agricoltura biologica poiché solo il 70% dei componenti deve essere biologico affinché un prodotto sia considerato biologico.

CLICK FOR: Organizzazioni di agricoltura biologica

Le organizzazioni di agricoltura biologica hanno infine introdotto le proprie misure e garanzie di qualità soggette a standard di qualità più rigorosi. L'associazione delle aziende di agricoltura biologica (in tedesco Anbauverband der Arbeitsgemeinschaft Ökologischer Landbau o AGÖL) , che comprendeva anche Demeter, Bioland, Naturland e ECO VIN, era ben nota .

Redaction comment

Ho cercato di cercare su Wikipedia l'associazione di aziende di agricoltura biologica (in tedesco Anbauverband der Arbeitsgemeinschaft Ökologischer Landbau o AGÖL) senza successo; tuttavia, l'organizzazione successiva; L'associazione delle industrie alimentari biologiche (Bund Ökologische Lebensmittelwirtschaft o BÖLW) ha una breve descrizione.

La "produzione integrata" è descritta molto abilmente come: " un'agricoltura che rispetta la natura e gli animali " .

Dopotutto, nella sezione critica appare quanto segue:
"Tuttavia, l'associazione per la protezione della natura NABU rileva che la produzione integrata, ad esempio, non ha un approccio sostenibile all'ambiente quando si tratta di produzione di frutta. Nonostante la crescente proliferazione di etichette di PI dall'uso di prodotti fitosanitari in molte aree frutticole ".

Immagine di un articolo IP

La larva della crisopa comune (Chrysoperla carnea) si nutre di organismi nocivi o parassiti (in particolare gli omotteri) come gli afidi e le larve degli acari. Alcuni parassiti sono conosciuti con il loro nome comune come il ragno rosso o la mosca bianca. Questo insetto viene utilizzato in IP per il controllo naturale dei parassiti, tuttavia, l'insetto è tipico dell'agricoltura biologica e non tanto dell'IP, che di solito utilizza trattamenti chimici ma a dosi più piccole.

Sfortunatamente, alcune catene di supermercati come Spar , Tengelmann o EDEKA hanno sviluppato i propri marchi di prodotti biologici come "Öko", che non soddisfano le linee guida della legislazione sugli alimenti biologici. Citano anche la catena svizzera Migros , con marchi come "M-Bio" e "M-Sano". Quest'ultimo, tuttavia, corrisponde alla produzione integrata di alimenti (IP).

A pagina 159 troviamo una tabella con il confronto di terreni e fattorie in 15 paesi diversi tra il 1989 e il 1995.

2.7. Reazioni a catena

In questo capitolo presentiamo le concentrazioni di potere nel settore del commercio al dettaglio. Le grandi catene di supermercati rappresentano un pericolo per le multinazionali internazionali, poiché producono i loro marchi più economici e sostituiscono i prodotti a marchio multinazionale. Citano, ad esempio, catene come Metro , Edeka / AV, REWE , Aldi e Tengelmann .

CLICK FOR: La politica di lineare

Redaction comment

Osservazione: paradossalmente, i fornitori che offrono i prezzi più aggressivi sono quelli che ottengono i profitti più elevati.

Descrivono l'intero processo di distribuzione, oltre alla politica lineare. Le due virgolette sottostanti lo sottolineano:

L'industria alimentare si sente spinta dal potere della domanda nel commercio. Mentre Unilever e Nestlé , i due maggiori produttori, ciascuno fattura quasi sette miliardi di marchi tedeschi in Germania, le catene di distribuzione superano i trenta miliardi. Questi usano la loro forza per negoziare condizioni favorevoli e quindi ottenere più quote di un mercato stagnante ...

È molto costoso trovare un buon posto nel lineare di una grande area commerciale. Il gruppo CPC Germany che commercializza prodotti con il marchio Pfanni , Knorr e Maizena , tra gli altri, ha pagato, secondo i rapporti della stampa di un gruppo commerciale, dieci milioni di marchi tedeschi in modo che la sua maionese fosse inclusa nell'elenco dei prodotti in vendita .

Gli autori sottolineano anche il pericolo della posizione dominante chiamata oligopolio . Peter Trautmann , presidente del Bundesverbandes der Ernährungsindustrie (Associazione federale delle industrie alimentari) avverte quanto segue: a medio termine il consumatore percepirà le conseguenze negative come la riduzione della varietà di offerta, l'aumento dei prezzi e l'eliminazione lavori (p. 166).

CLICK FOR: Il consumatore ha una "doppia personalità" e si comporta in modo irrazionale

Descrivono anche il conflitto tra giovani e meno giovani nelle strade della Francia. Nel novembre 1995 ci furono 30 feriti, due case in fiamme e diverse auto distrutte.

Il ricercatore nel tempo libero Horst W. Opaschowski ha osservato che il consumatore ha una "doppia personalità" e si comporta in modo irrazionale. Percorri miglia per evitare di passare qualsiasi offerta speciale , tuttavia, quando si tratta di nuove versioni, sei disposto a pagare per loro molto più del loro valore reale senza alcun problema. Parliamo di nuovi prodotti come il cappuccino al profumo di vaniglia, il cui prezzo è cinque volte quello del caffè sempre tostato (p. 168).

Con il titolo "Ei, Ei, Ei" (uovo, uovo, uovo), Reinecke e Thorbrietz presentano i trucchi che questo settore utilizza. Uno di questi è quello di decorare i cartoni delle uova che saranno in vendita con la paglia, con l'obiettivo di risvegliare l'illusione dei consumatori. La stragrande maggioranza dei 44 milioni di galline ovaiole tedesche che nei loro scarsi 15 mesi di vita devono deporre 300 uova, soffrono in gabbie molto strette.

CLICK FOR: Cosa è redditizio la frode nell'etichettatura

L'allevamento di pollame in pieno campo è inferiore all'1%. Negli allevamenti a terra, il 4,5% scava in recinti sopra i propri escrementi e il loro spazio vitale non supera le dimensioni di una pagina DIN A4.

Redaction comment

Osservazione: gli autori hanno torto nel calcolare 1.430 centimetri quadrati. Una pagina DIN A4 ha 623,7 centimetri quadrati. Pertanto, il confronto si riferisce alle gabbie, che sono comprese tra 450 e 550 centimetri quadrati.

Il resto dei confronti è corretto e impressionante, come i prodotti venduti con l'immagine di una fattoria ecologica nel cartone. A causa delle denunce giudiziarie ricevute, questo stratagemma ha finito per essere bandito. La lotta dei consumatori vale la pena se sono ben organizzati. Tuttavia: vengono acquistati circa 300 milioni di uova "biologiche" all'anno, mentre ne vengono prodotti solo 50 milioni (p. 172).

Reinecke e Thorbrietz dimostrano in che misura la frode nell'etichettatura è redditizia e danno l'esempio al magnate del pollame Anton Pohlmann , che ha dovuto abbandonare la sua attività a causa di numerosi scandali.

Citano i problemi derivati dal disinfettante utilizzato, nonché il trucco del pigmento beta-carotene sintetico come cibo per gli uccelli, che conferisce al tuorlo un colore più attraente. A ciò dobbiamo aggiungere i residui lasciati da medicinali e antiparassitari, nonché il processo di concentrazione degli animali, con compagnie di oltre 200.000 uccelli (p. 175).

Quindi, e con il titolo "Die Kilometerfresser" (The Killer of Kilometers), ci viene presentato il tema delle lunghe tratte "trentransporte". Si riferiscono ai gas utilizzati per la conservazione di carne come argon, elio, anidride carbonica, azoto e ossigeno. L'UE ha proibito loro di essere dichiarati come gas di imballaggio sulle etichette e ha invece suggerito il termine "gas di protezione"; tuttavia, l'espressione "imballato in un'atmosfera protettiva" è stata consolidata.

CLICK FOR: Trasporto di bestiame

Il libro fornisce informazioni sul modo nauseabondo di trasportare animali (trasporto di bestiame).

Esempio: in un trasporto di 27 tori dal Meclemburgo a Trieste arrivano quattro animali morti e altri tre devono essere macellati.

L'economia delle sovvenzioni insignificanti permette che ciò accada. Circa il 10% degli animali muore durante il trasporto, in particolare i suini . Sebbene i sedativi o i beta-bloccanti siano spesso forniti agli animali, nella carne degli animali macellati vengono rilevate quantità straordinarie di ormoni dello stress . Dietro tutto ciò si trova una potente lobby formata da allevatori, allevatori, esportatori e proprietari di macelli. Sebbene sia consentito trasportare gli animali per 28 ore senza interruzione (con ventilatori e pozze d'acqua), esistono numerose prove che le condizioni di benessere degli animali non sono soddisfatte (p. 181).

2.8. I batteri nella linea di produzione

Il capitolo spiega come possono verificarsi epidemie devastanti. Un esempio di ciò è l'epidemia di E. coli che si è verificata in Giappone nell'estate del 1996. Una grande quantità di cibo è contaminata durante la produzione industriale. Negli Stati Uniti, ogni anno si verificano 20.000 casi di avvelenamento da batteri E. coli; 200 e 500 dei quali terminano con la morte (p. 187).

CLICK FOR: I patogeni più pericolosi

I patogeni del genere campylobacter e yersinia non si concentrano solo sulla carne macinata utilizzata nei fast food . Da parte sua, la salmonella si trova anche in cioccolatini, germogli di soia o patatine piccanti. Per quanto riguarda i batteri Escherichia coli, gli autori sottolineano che si trova principalmente nel burro con erbe aromatiche e nel salame.

Redaction comment

Osservazioni: questo è solo in parte vero, dal momento che gli scienziati hanno scoperto batteri E. coli, in particolare carne di manzo tritata, latte crudo, panini refrigerati, involtini di cavolo ripieni, carni arrostite e hamburger, tra altri.

Circa la metà dei casi di salmonella registrati nel 1992 provenivano da cucine industriali. Tuttavia, in Germania, l'Istituto federale per la protezione della salute dei consumatori (BgVV) ha affermato che questi casi erano dovuti alla mancanza di igiene in casa.

Più tardi, appare una foglia con i cinque agenti patogeni più pericolosi e i prodotti in cui appaiono maggiormente. Questo elenco è guidato da pollame, uova, carne macinata di manzo (hamburger), latte crudo e formaggio. Vengono visualizzati solo prodotti di origine animale (p. 189).

2.9. Codice feed

In questo capitolo riconosciamo la nostra dipendenza dalla Commissione del Codex Alimentarius . In questa commissione che è stata fondata dall'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) e dall'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), siedono rappresentanti del governo di 152 paesi, che sviluppano standard internazionali per l'alimentazione . Queste direttive servono come base per la risoluzione delle controversie commerciali dinanzi all'Organizzazione mondiale del commercio (OMC), una sorta di tribunale arbitrale internazionale .

CLICK FOR: Barriera commerciale

Successivamente, affrontano argomenti come gli scandali legati agli ormoni in Europa e la successiva "guerra delle tagliatelle". I regolamenti relativi alle norme di protezione ambientale e ai consumatori sono bilanciati con un minimo comune denominatore. Anche le normative ambientali sono considerate una barriera commerciale secondo i dettami del commercio internazionale.

Il libro presenta esempi concreti come segno della mancanza di coerenza tra l'industria e le associazioni dei consumatori . Le organizzazioni dei consumatori parlano di una situazione insopportabile: la commissione non dovrebbe essere un "organismo di standardizzazione scientifica".

La Commissione del Codex Alimentarius è la confezione che nasconde una chiara rappresentazione degli interessi del settore. Abbiamo anche appreso dell'esistenza del voto segreto, per consentire alcuni ormoni per l'ingrasso degli animali , in parte senza restrizioni quantitative (p. 205).

I membri della Commissione del Codex Alimentarius dichiarano semplicemente che questi ormoni non sono dannosi per la salute se il consumo di carne è moderato e che questa affermazione è "scientificamente provata".

CLICK FOR: Ingegneria genetica correlata a rBST e contenuto di prodotti fitosanitari negli alimenti per bambini

Di seguito troviamo un esempio dagli Stati Uniti sull'ingegneria genetica correlata al rBST (somatotropina bovina ricombinante).

A causa delle massicce critiche dei consumatori, alcuni produttori di latte e catene di supermercati volevano etichettare i loro prodotti come "privi di rBST". Tuttavia, il produttore Monsanto ha immediatamente ottenuto un divieto giudiziario di tali identificazioni sostenendo che questa identificazione suggerirebbe che i prodotti che non lo portano sono peggiori (p. 208).

Successivamente analizzeremo un esempio del contenuto di prodotti fitosanitari negli alimenti per bambini : la Germania consente solo 0,01 mg / kg e la Spagna 0,4 mg / kg; Tuttavia, nonostante ciò, la Spagna può esportare questi alimenti per bambini in Germania. Spiegano il problema presentato da regolamenti con funzioni legislative ed esecutive che, in primo luogo, non derivano da un discorso scientifico, ma dal consenso di una commissione formata dalla maggioranza dei rappresentanti del settore.

In secondo luogo, l'obiettivo del codice è subordinare il solito fattore di sicurezza a una "valutazione del rapporto tra costi e benefici"! (p. 210).

Reinecke e Thorbrietz spiegano attraverso esempi che soprattutto le associazioni dei consumatori mancano di fondi sufficienti per dimostrare e rappresentare le proprie preoccupazioni. Inoltre,

Dove lo stato si ritira, l'industria entra e crea una nuova generazione di avvocati di consumo, come l'associazione Consumers for Health Choice. Questa concentrazione di aziende nel settore della salute composta da rappresentanti della salute ambientale, naturopati, produttori di prodotti alimentari e celebrità è stata fondata nel 1995 ed è attiva in cinque paesi europei, ma non in Germania. Il suo obiettivo è promuovere il commercio di integratori alimentari come vitamine, micronutrienti o ingredienti attivi come l'ormone melatonina all'interno dell'UE e difendersi dalle restrizioni (p. 212).

2.10. Cosa fare

Nell'ultimo capitolo Reinecke e Thorbrietz mostrano che i consumatori sono davvero quelli che hanno l'ultima parola, sensibilizzando gli altri consumatori e rinunciando a determinati acquisti. Un'altra alternativa è limitare il consumo di carne. Questo è esattamente ciò che è accaduto in Germania negli anni '90, poiché è stato raggiunto solo il 40% dell'importo delle vendite del 1988. Il peso per l'economia e la politica era enorme. Ecco perché hanno iniziato a produrre hamburger a base di cereali e verdure, poiché più della metà dei clienti intervistati preferiva un hamburger senza carne .

CLICK FOR: Consumo di carne

Immagine del Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (dominio pubblico).

Sul sito web Fleischhandwerk.de troverete il documento PDF "Fleischverzehr" (consumo di carne) seguito dalla seguente introduzione:

La produzione di carne in Germania supera ogni anno il record della precedente. Con 7.508 milioni di tonnellate di carne di tutti i tipi, espressi in peso carcassa, nel 2007 il livello più alto è stato raggiunto dopo la riunificazione tedesca. Il record dell'anno precedente è stato superato di altre 292.000 tonnellate o, ciò che è lo stesso, di oltre il 4% .

Gli autori sottolineano quanto segue a pagina 216: Un consumo così elevato di carne bovina non verrà mai più raggiunto: l'industria della carne, le associazioni zootecniche e i politici ne sono consapevoli .

Il consumo di carne di maiale è stato quello che è aumentato di più. Il pollame, che ha perso credibilità a causa dell'influenza aviaria o aviaria , ha nuovamente acquisito un forte slancio. L'importazione e l'esportazione erano equilibrate. La Germania produceva più carne di quanta ne consumasse. Nel 2007 il consumo è aumentato di 2,1 kg pro capite a 61,6 kg rispetto al 2006: 40,1 kg erano di maiale e 8,5 kg di carne bovina. Quest'ultimo, in teoria, sarebbe più sano del maiale. Il consumo di carne nel 2007 in Europa, pari a 27, ha raggiunto una media di 65,4 kg pro capite.

Confronto: il consumo di pesce in Germania ha raggiunto i 16,4 kg e aumentato di oltre 900 grammi. Guarda il contrasto con la cucina giapponese .

Redaction comment

Osservazione: nel corso degli anni, le statistiche mostrano, tuttavia, che le dichiarazioni nel libro, ad oggi, sono vere.

La carne bovina ha seguito la seguente evoluzione: 9,0 kg nel 1950, 15,3 kg nel 1975, 15,1 kg nel 1985 (picco del 1988), 11,4 kg nel 1995, 9,6 kg nel 2000, 8, 2 kg nel 2006 e 8,5 kg nel 2007. L'associazione del giornale FleiFood (vedi fleifood.de) spiega che ciò è dovuto alla differenza di prezzo ... e non ai nuovi modelli di consumo per vari motivi.

Nel 2011 il peso delle carni macellate nelle carcasse in Germania ammontava a 8,2 milioni di tonnellate, vale a dire, più che nel 2007, tuttavia, nel 2012, il peso delle carni macellate nelle carcasse è nuovamente sceso a 8 milioni di tonnellate

Gli autori sviluppano "Sei idee per un'azione politica". Forniscono inoltre giustificazioni, note ed esempi. Successivamente, forniscono "Sei suggerimenti per l'azione individuale".

Sei idee per un'azione politica Sei consigli per un'azione individuale

Un accordo internazionale per la protezione dei consumatori

L'UE come sostenitrice dei consumatori

Miglioramento del diritto della concorrenza

Democratizzazione dell'UE

Riduzione dei sussidi

Rafforzare l'informazione dei consumatori

Fidati del tuo gusto!

Compra cibi freschi ogni volta che puoi e riduci l'acquisto di cibi preparati!

Non lasciarti ingannare!

Scopri cibi vitali!

Acquista prodotti che garantiscono il benessere degli animali!

Usa il tuo potere come consumatore critico!

Gli autori descrivono anche l'allarmante aumento del numero di malattie, che è chiaramente attribuito a una dieta inadeguata.

Nella parte di "Info-Teil" (Informazioni), da pagina 225 troviamo i punti più importanti in relazione alla perdita di vitamine e nutrienti essenziali dagli alimenti irradiati.

Le radiazioni consentono inoltre all'industria di reintrodurre alimenti che si sono già guastati nei canali di vendita.

L'irradiazione uccide i microrganismi e modifica gli acidi grassi e le proteine anche a basse dosi. I rischi per la salute sono controversi.

Le tabelle mostrano la data di autorizzazione della radiazione. La prima voce risale al 1969 ed è stata applicata per eliminare le epidemie di patate in Spagna. Più avanti, la tabella contiene informazioni sugli additivi alimentari e "Alimenti con permessi speciali" seguiti da "Cronache della BSE" (p. 238).

I sigilli e i codici a barre "eco" sono spiegati e illustrati. Alla fine, gli autori elaborano un "calendario stagionale di frutta e verdura" e forniscono informazioni e vari indirizzi di istituzioni, principalmente politiche, nonché di associazioni alle quali possiamo rivolgerci.

CLICK FOR: Altri libri che trattano questo argomento

Eric Schlosser : " Fast Food Gesellschaft. Die dunkle Seite von McFood & Co." (La società del fast food: il lato oscuro di Mcfood & Co). Redazione Riemann, 2002, 447 pagine, 23,90 euro:

Lo straordinario rapporto del giornalista americano Eric Schlosser chiarisce le condizioni della produzione di fast food .

Marc Lappe, Britt Bailey : " Machtkampf Biotechnologie. Wem gehören unsere Lebensmittel?" (Lotta per il potere della biotecnologia. Chi possiede il nostro cibo?). Editoriale Gerling Akademie, 2000, 206 pagine, 25 euro:

Le aziende chimiche multinazionali progettano un futuro, per rifornire la crescente popolazione mondiale basata su soia, mais e cotone geneticamente modificati. 'Machtkampf Biotechnologie' smaschera questi scenari come propaganda aziendale.

Ilse Mara Berzins : " Biokost oder Hightech-Food? Moderne Lebensmittel und gesunde Ernährung." (Alimenti ecologici o tecnologici? Alimenti moderni e alimentazione sana). Die Verbraucherzentrale, 2000, 125 pagine, 7,16 euro:

Offre dati accurati, comprensibili e ben strutturati su fatti relativi ad alimenti funzionali progettati con enzimi, aromi e coloranti .

Ingrid Reinecke e Petra Thorbrietz : " Lügen, Lobbies, Lebensmittel. Il migliore, era Sie essen müssen." (Bugie, gruppi di pressione e cibo. Chi determina cosa devi mangiare). Rowohlt, 1998, 254 pagine, 8,50 euro:

Il libro spiega chiaramente e con competenza il rapporto tra cibo e politica .

Volker Angres, Claus-Peter Hutter e Lutz Ribbe : " Futter fürs Volk. Was die Lebensmittelindustrie uns auftischt." (Cibo per la popolazione. Ciò che l'industria alimentare ci presenta). Droemer 2001, 397 pagine, 8.90 euro:

Rapporto brutale su industria alimentare, politica agricola e agricoltura intensiva .

Udo Pollmer, Cornelia Hoicke e Hans-Ulrich Grimm : "Vorsicht Geschmack. Era il drin a Lebensmitteln?" (Attenzione al gusto. Cosa contengono gli alimenti?)
rororo, 2001, 344 pagine, 10,50 euro:

L'esperto alimentare spiega in modo comprensibile e chiaro il caos degli ingredienti presentato nella confezione del prodotto. Un ampio glossario chiarisce in dettaglio l'uso, l'origine e la tollerabilità degli additivi alimentari .

Ci sono anche esempi che mostrano l'opposto sotto la voce Cambiamento agricolo:

Renate Künast : " Klasse statt Masse. Die Erde schätzen, den Verbraucher schützen." (Qualità anziché quantità. Apprezzare la terra, proteggere il consumatore). Editoriale Econ, 2002, 254 pagine, 20 euro:

Il ministro ritrae in modo interessante, personale e aneddotico gli eventi accaduti dopo la sua nomina e il percorso spinoso verso il cambiamento agricolo .

Franz Alt : " Agrarwende jetzt. Gesunde Lebensmittel für alle." (Il cambiamento agricolo oggi. Cibo salutare per tutti). Goldmann Publishing, 2001, 186 pagine, 8 euro:

Il noto presentatore televisivo Franz Alt sostiene che l'agricoltura sarà orientata in futuro verso l'agricoltura biologica. Secondo Alt, è particolarmente necessario che i consumatori siano maggiormente coinvolti .

Karl Ludwig Schweisfurth : " Wenn's um die Wurst geht. Gedanken über die Würde von Mensch und Tier." (Questione di salsicce. Riflessioni sulla dignità degli esseri umani e degli animali). Goldmann Publishing, 2001, 313 pagine, 9 euro:

Dall'industria della carne di Herta agli agricoltori biologici convinti: l'autobiografia di Karl Ludwig Schweisfurths descrive le ragioni del suo cambio di mentalità. È un libro di istruzioni che vale la pena leggere .

Hans-Ulrich Grimm : " Alles bio oder was? Der schöne Traum vom natürlichen Essen." (Prendi tutto biologico? Il bellissimo sogno di cibi naturali). Editoriale Hirzel, 2002, 200 pagine, 22 euro:

La meticolosa ricerca di Hans-Ulrich Grimm sull'agricoltura e l'industria rivela le pratiche ingannevoli delle persone coinvolte in quelle aziende che vogliono beneficiare del boom del cibo biologico. Mostra anche quali sigilli ci si può fidare .

José Lutzenberger e Franz-Theo Gottwald (Hg.): " Wege aus der Ernährungskrise. (Modi per uscire dalla crisi alimentare)." Campus editoriale , 1999, 258 pagine, 19,90 euro:

Pensiero globale, cibo globale »è il motto di questo rapporto che sostiene la produzione alimentare sostenibile. Nel libro, gli autori chiariscono come la produzione alimentare locale può alleviare l'ambiente e combattere la fame .

3. Informazioni sul libro

titolo Bugie, lobby, cibo
subhead Come sempre, era Sie essen müssen (che decide cosa dovresti mangiare)
Autore / i Ingrid Reinecke, Petra Thorbrietz
editoriale Rowohlt Taschenbuchverlag GmbH als rororo Sachbuch 60596, Reinbeck
pubblicazione 1998
pagine 254 (edizione tascabile)
ISBN 3-499-60596-1
osservazioni Titolo originale: Lügen Lobbies Lebensmittel

Commenta (come ospite) oppure accedi
List Commenti Stampa
Tag Cloud
 che   per   Nel   del   della   con   Non   Come   dei   sono   una   Più   anche   gli   carne   prodotti   alimenti   questo   solo   degli   delle   cibo   Alla   tuttavia   consumatori   produzione   Ciò   animali   essere   politica