Fondazione Dieta & Salute

La miglior prospettiva per la tua salute

La miglior prospettiva per la tua salute

La miglior prospettiva per la tua salute

La miglior prospettiva per la tua salute

Questa pagina è stata tradotta tramite Google Translator

L'enigma del sogno: la morte che ci aiuta a vivere

List Commenti Stampa

Capiremo perché il sonno, la morte che ci aiuta a vivere, è una fase importante, essenziale e molto produttiva. L'orologio interno

1. Prefazione alla redazione

In un testo attribuito a Omero (circa 850 a.C.), afferma che il sogno è il fratellino della morte. Buddha ( Gautama Buddha , circa 500 a.C.) considerava il sogno come una piccola morte e lo considerava quasi una reincarnazione . Nel Corano , il sogno è un tipo di morte: Allah prende le anime quando arriva la morte e porta via coloro che non sono ancora morti durante il sonno, quindi trattengono quelli di cui ha decretato la morte e restituiscono gli altri fino a quando non compiono un termine fisso . Dalla sura 39, versetto 42 (43), edizione del Corano di Reclam , n. 4206, 2008, pag. 446.

Oggi, tuttavia, se parliamo di poca morte ( la petite mort ), ci riferiamo all'orgasmo . Tuttavia, in alcune interpretazioni, il sogno è una piccola morte in cui l' inconscio viene a galla. Entrambi hanno a che fare con la perdita di controllo ed entrambi sono "produttivi". Al contrario, una persona può sentire una piccola morte quando viene interrotta una relazione romantica o una profonda amicizia.

CLICK FOR: Rainer Maria Rilke - Das Stundenbuch

Rainer Maria Rilke scrive in Das Stundenbuch :

Non posso credere che la piccola morte, sebbene la vediamo quotidianamente, rimanga una nostra cura, una brama. Non riesco a credere che ci molesti seriamente: vivo ancora, ho tempo per costruire; Il mio sangue è più lungo delle rose rosse.

I disturbi del sonno possono limitare notevolmente la vita di una persona. Distinguiamo tra disturbi del risveglio, disturbi della transizione sonno-veglia, parasonnie REM e altri tipi di parasonnie.

CLICK FOR: Disturbi del risveglio confuso, disturbi della transizione sonno-veglia, parasonnie

Disturbi del risveglio confuso sono, ad esempio, sonnolenza , sonnambulismo o tacchino notturno .

Tra i disturbi della transizione sonno-veglia abbiamo i tipici disturbi del movimento, spasmi mioclonici , sonniloqui, crampi o spasmi muscolari.

Tra le parasomnie REM troviamo incubi , paralisi del sonno ( narcolessia e cataplessia ) , malattie del pene che si verificano durante la notte, asistolia (arresto sinusale) e disturbi del sonno REM .

Altre parasonnie sono bruxismo , enuresi notturna, disturbi somatoformi, distonia notturna parossistica, morte improvvisa, apnea infantile, sindrome della morte improvvisa infantile , mioclono benigno infantile e così via.

L'articolo dei sogni su Wikipedia è molto rivelatore e dimostra l'importanza che ha per noi. La privazione del sonno è una tortura. Cosa fa dormire anche insetti e vermi? Finora sappiamo solo che i geni sono responsabili e abbiamo decifrato alcuni dei compiti che hanno, ma non il puzzle stesso.

Per lo stesso motivo, il lavoro presentato di seguito è affascinante. Ci mostra anche quanto sia importante il "sonno salutare".

Da qui vorremmo ringraziare il professor e il dott. Gottfried Schatz che, dopo l'apparizione del suo lavoro sul quotidiano svizzero NZZ , ce lo ha inviato e ci ha permesso di pubblicarlo.

2. L'enigma del sogno: la piccola morte che ci aiuta a vivere

Secondo Hermann Alexander Diels (1848-1922) in Die Fragmente der Vorsokratiker (I frammenti dei presocratici) (17. ed. 1974, p. 171) troviamo la seguente dichiarazione del filosofo greco Eraclito di Efeso : Per il risveglio il mondo è Uno e comune. Per coloro che dormono, è personale e ognuno ha il proprio. Per Eraclito, il sonno era uno stadio intermedio tra il risveglio e la morte.

Secondo Wikipedia , il dipinto è nel Detroit Institute of Arts come Nightmare, ma esiste un'altra versione leggermente diversa, conosciuta come Albtraum (entrambe le parole significano "incubo" in inglese e tedesco, rispettivamente), più piccola e 1802 nel Goethehaus da Francoforte

Johann Heinricc Füssli era un pittore svizzero che ha vissuto gran parte della sua vita come Herny Fuseli in Inghilterra.

Probabilmente, l'immagine proviene da un DVD dell'anno 2002 della Directmedia Publishing GmbH .

Olio su tela di Johann Heinrich Füssli (1741-1825) dell'anno 1781 il cui nome è Nachmahr . Questo termine significa un incubo (in tedesco Albtraum, Alptraum o Albdruck e in inglese Nightmare ) (link in inglese) e si riferisce a quel sogno che è accompagnato da emozioni negative come la paura e il panico .

Il sonno è uno dei comportamenti più importanti nell'uomo e negli animali, ma non sappiamo ancora perché dormiamo. Due millenni dopo Eraclito , il sogno rimane uno dei grandi enigmi irrisolti della biologia .

Il sonno riduce la risposta agli stimoli ambientali, produce segnali cerebrali caratteristici e, a differenza della sincope o del letargo , è facilmente interrotto. Se evitati, sia le persone che gli animali sviluppano un deficit del sonno (link all'articolo del quotidiano tedesco Der Spiegel ), che cercano di eliminare il più rapidamente possibile con un sonno lungo e riposante. Poiché persino scorpioni, mosche o scarafaggi obbediscono a questo impulso del sonno, è probabile che la necessità di dormire si sia sviluppata miliardi di anni fa.

Ma da dove si è evoluto? È probabilmente collegato all'orologio interno (giorno-notte) inerente a qualsiasi essere vivente, metabolismo e comportamenti derivati dalla rotazione della terra. Questo orologio interno è già in semplici batteri e risuona dentro di noi ogni volta che attraversiamo diverse fasce orarie: è quello che ci fa morire di sonno durante il giorno.

2.1 I due cicli

La pietra angolare del nostro orologio interno è un denso insieme di nervi che si trova in profondità nel nostro cervello e in cui i geni vengono attivati e disattivati in cicli di 24,4 ore, controllando il rilascio di ormoni del sonno ( melatonina , somatropina ) nel cervello. Questa "ora centrale" avanza un po 'più lentamente del ciclo giorno-notte, ma si regola esattamente a 24 ore grazie ai segnali luminosi che i nostri occhi ricevono quotidianamente. Pertanto, il nostro orologio interno è responsabile per dormire la notte ed essere attivo durante il giorno.

Il nostro bisogno di dormire stabilisce un secondo ciclo di cui sappiamo ancora molto poco. Questo è ciò che determina che un neonato può dormire fino a 17 ore al giorno, che un bambino di sei anni dorme tra le 9 e le 11 e un adulto, in media, tra le 7 e le 9 ore.

Con l'età, i bisogni di sonno non sono ridotti, ma il sonno è più leggero e i periodi di veglia spesso lo interrompono.

Poiché nella nostra società occidentale solo un adulto su due soddisfa le proprie ore di sonno, molte persone soffrono di deficit cronici del sonno.

Ciò influisce sulla capacità di comunicare, prendere decisioni e apprendere, ma anche sul metabolismo ormonale e sull'efficacia del sistema immunitario.

2.2 Privazione del sonno e geni del sonno

Nelle api, la mancanza di sonno provoca irregolarità nella "danza" che svolgono verso la fonte di cibo. Il sonno porta la forza vitale di cui gli animali e gli esseri umani hanno bisogno. La privazione del sonno per due o tre settimane è fatale per ratti e mosche, poiché gli animali sviluppano ulcere e non possono trarre vantaggio dal cibo. Tuttavia, non ho prove attendibili che una mancanza di sonno più lunga sia anche fatale per l'uomo.

CLICK FOR: Estratto dalla Wikipedia tedesca sul sonno

Il sonno è uno stato di assoluta tranquillità sia nell'uomo che negli animali . Ci sono molti segni vitali che lo differenziano dallo stato di coscienza . Le pulsazioni , la frequenza respiratoria e la pressione arteriosa diminuiscono nei primati e negli esseri viventi più sviluppati durante la fase NREM del sonno e l'attività cerebrale varia

Continua da Wikipedia in tedesco: il fatto di chiudere gli occhi , nonché l'aumento della tensione nei muscoli dell'orecchio medio durante la fase di sonno NREM, supportano questa funzione. Durante il sonno REM , noto anche come "sonno paradossale", stati simili a quelli dell'essere svegli, in particolare, aumento dell'attività cerebrale (i sogni di questa fase sono spesso ricordati più frequentemente), oltre ad un aumento delle frequenze cardiaco e respiratorio La muscolatura, che viene bloccata durante il sonno REM ( paralisi del sonno), è esclusa da questo stato.

Il sogno è un mistero: la piccola morte come soccorritore, i gattini addormentati.

La necessità di dormire differisce notevolmente da una persona all'altra e ciò può essere dovuto, in parte, ai geni, poiché i gemelli identici tendono ad avere abitudini del sonno simili, cosa che non si verifica nei gemelli.

Redaction comment

Vedi anche studi con gemelli e adulterazioni dello psicologo Cyril Lodowic Burt (1883-1971). Ma le critiche nei suoi confronti, iniziate nel 1974, sono controverse e non del tutto provate.

Solo il 5% circa degli esseri umani è in grado di dormire solo sei ore al giorno a lungo termine. Alcuni anni fa, i ricercatori hanno scoperto una famiglia in cui sia la madre che la figlia hanno dormito solo 6,5 ore, mentre il resto dei membri della famiglia ha dormito le solite otto ore.

Solo il 5% circa degli esseri umani è in grado di dormire solo sei ore al giorno a lungo termine.

Madre e figlia avevano un gene modificato che i ricercatori hanno soprannominato DEC2 (link a BHLHE41 in inglese). Se questa variante viene impiantata nei topi, la loro necessità di dormire è ridotta.

Un gene strettamente correlato a DEC2 è presente anche nei moscerini della frutta e fa parte del suo orologio interno. Per questo motivo, i ricercatori ritengono che i cicli della necessità di dormire si siano sviluppati dall'orologio interno. Può essere che per i nostri antenati biologici più distanti, essere in grado di sovvertire la grave dittatura dell'orologio interno fosse un vantaggio.

DEC2 non è l'unico gene che controlla i modelli di sonno nell'uomo e negli animali; Sicuramente ci sono dozzine o addirittura centinaia di geni che lo fanno. Due di questi influenzano la trasmissione di segnali elettrici nelle cellule nervose delle mosche. Se questi geni vengono modificati o distrutti, la necessità di dormire moscerini si riduce all'insonnia totale.

2.3 Il mistero deve ancora essere risolto

La scoperta di "geni del sogno" ha aperto una crepa alla porta del mistero del sonno, ma è probabile che ci vorrà ancora molto tempo per identificare tutti i geni coinvolti in questo e il suo modo di agire. Tuttavia, la scienza è paziente: una volta che mette il piede tra la porta e la porta, non si sposta più da lì fino a quando non l'ha spalancata e ha rivelato tutti i segreti dietro di lui.

I mammiferi marini e gli uccelli dormono con un solo lato del cervello, che si alternano. Mentre dormono, balene e delfini possono emergere per respirare e alcuni uccelli sono probabilmente in grado di dormire durante il volo. Pertanto, questi animali aprono solo l'occhio associato alla parte del cervello si risveglia. I delfini addormentati vengono introdotti nel gruppo, forse per evitare di essere lasciati indietro e di essere in pericolo.

Il letargo non deve essere confuso con il riposo invernale. La pausa invernale è fatto: l' orso bruno , il procione giapponese , i boreale procione , il tasso comuni , alcuni microchirotteri e scoiattoli .

A proposito dell'orologio interno o della cronobiologia , vedi i ritmi circadiani sul ciclo sonno-veglia . Apparteniamo anche a diversi cronotipi .

La maggior parte degli animali dorme con entrambi gli emisferi del cervello e, pertanto, sono più esposti alle minacce. Perché l'evoluzione non ha sradicato questo comportamento pericoloso? Potrebbe essere che il nostro cervello riempia le sue energie durante il sonno? È l'organo che consuma più energia: sebbene rappresenti solo il 2% del nostro peso corporeo, spende il 20% della nostra energia.

Tuttavia, questa opinione si scontra pienamente con il fatto che durante le fasi del sonno in cui normalmente sogniamo e i nostri occhi si muovono rapidamente sotto le palpebre, il nostro cervello non utilizza meno energia, ma piuttosto il contrario. Un altro motivo potrebbe essere che, quando dormiamo, il cervello elimina i metaboliti dannosi che si accumulano durante il tempo in cui siamo svegli.

Mentre dormiamo, aumenta la distanza tra le cellule nervose, che potrebbe consentire al liquido cerebrospinale in circolazione di pulire meglio il cervello.

CLICK FOR: esperimento

Quando a un topo viene insegnato a uscire da un labirinto, centinaia di cellule nervose nel suo cervello scambiano segnali elettrici a una certa velocità e raccolgono le informazioni apprese sulla strada. Se il ratto dorme più tardi, le cellule nervose ripetono ripetutamente lo stesso "dialogo" alla stessa velocità, a volte molto più velocemente di quando erano svegli.

La mattina dopo, l'animale ben riposato ricorda ciò che è stato appreso e attraversa il labirinto senza problemi.

Se ti svegli durante il processo di consolidamento, dimentichi il percorso.

Gli esperimenti sull'uomo sono meno conclusivi, ma supportano anche l'idea che il sonno consenta al nostro cervello di eliminare le conoscenze acquisite o conservarle a lungo termine.

2.4 Sogni, un altro enigma

Il fondatore della psicoanalisi, Sigmund Freud (1856-1939), vide nei sogni un tentativo di elaborare esperienze e desideri incompiuti.

Ma forse i sogni sono solo il risultato di segnali nervosi casuali che simulano eventi irrazionali e fantasiosi che il nostro cervello ( telencefalo ) cerca di mettere in relazione il meglio possibile nella forma della storia.

Il sogno è un rifugio che bramiamo spesso quando ciò che ci aspetta ci risveglia. E la terra di nessuno che esiste tra veglia e sonno è in grado di riflettere miracolosamente il mondo e rivelare connessioni inaspettate. La luce della scienza sarà in grado di illuminare questo rifugio oscuro nel prossimo futuro?

Il famoso ricercatore del sonno William Charles Dement lo interroga con le seguenti parole: Per quanto ne so, c'è solo una ragione sicura per cui dovremmo dormire: abbiamo sonno . Il regno dei sogni probabilmente mantiene la sua misteriosa oscurità ancora a lungo.

3. Scrivere

Questo articolo è stato pubblicato nel Neue Zürcher Zeitung ( NZZ ) il 24 agosto 2015 a pagina 27 del Feuilleton . Il titolo a quel tempo era Rätsel Schlaf (L'enigma del sogno), con il sottotitolo: Nicht der "Bruder des Todes", sondern ein Helfer des Lebens . (Non è un "fratello della morte", ma chi ci aiuta a vivere.

Il Dr. Gottfried Schatz (link in inglese) è nato nel 1936. È biochimico e professore emerito all'Università di Basilea.
Wikipedia in tedesco: Gottfried Schatz ha partecipato e guidato la rivoluzione della biogenesi mitocondriale ed è un co-scopritore del DNA mitocondriale . [4] La loro scoperta, che la codifica di questo DNA dipendeva solo da poche proteine , fu decisiva per ulteriori ricerche sull'ingresso delle proteine nei mitocondri e sulla degradazione delle proteine al loro interno.

Troverai maggiori informazioni sulle sue opere e sui libri alla fine dell'articolo « Il significato della vita, delle scienze naturali e della fede religiosa », nonché in « Epigenetica: influenziamo i nostri geni e quelli degli altri », entrambi disponibili nella dieta-salute .info.

Con grande dispiacere devo aggiungere che, poco dopo la pubblicazione di questa versione, ho appreso che Gottfried Schatz era morto il 1 ° ottobre 2015 dopo una grave malattia. Dopo avergli posto alcune domande su questo articolo, mi aveva detto che stava seguendo un trattamento che si aspettava di dargli ancora qualche mese di vita.

4. Studi scientifici sul sonno

La professoressa e dottoressa Chiara Cirelli , dell'Università del Wisconsin a Madison, ha studiato il sogno da un punto di vista neurologico e ha pubblicato il suo lavoro nel 2003. Insieme al suo partner di lunga data, il dott. Giulio Tononi , il dott. Cirelli ha sviluppato Un'ampia ipotesi sulla funzione del sonno.

Secondo esso, il sogno rinormalizza la forza sinaptica come contrappeso all'aumento netto della forza sinaptica dovuta alla plasticità neuronale durante lo stato di veglia.

Ha sviluppato una combinazione di tecniche molecolari e genetiche e ha trovato centinaia di geni la cui espressione quando dormiamo provoca cambiamenti nei neuroni e nelle cellule gliali. In un secondo approccio complementare, il Dr. Cirelli ha scoperto diversi fenotipi di drosofila con resistenza alla privazione del sonno attraverso uno studio su larga scala sulla mutagenesi. Vedi anche impronta genetica .

Con il suo team, ha studiato come le fasi del sonno e della veglia influenzano gli oligodendrociti nei topi. Questi linfociti coinvolgono neuroni con mielina , sia nel cervello sano che come risposta in caso di lesione. È uno strato isolante di grassi e proteine che consente una rapida trasmissione del segnale. Grazie alle cosiddette guaine mieliniche , gli impulsi elettrici sono in grado di "saltare" da una cella all'altra.

CLICK FOR: Indagare l'attività genetica di alcuni tipi di cellule (TRAP)

Cirelli e i suoi compagni sono stati in grado di studiare l'attività genetica di alcuni tipi di cellule determinate grazie al loro nuovo metodo TRAP. Prima di allora, si sapeva che oltre al ciclo sonno-veglia, le ore del giorno influivano anche sull'espressione genica delle cellule del cervello. Per questo motivo, il team ha anche utilizzato un gruppo di controllo con topi che si sono svegliati al solito orario di andare a letto. Per fare questo, è stato sufficiente posizionare una ruota all'interno della gabbia.

È diventato chiaro che gli oligodendrociti dei topi addormentati erano dedicati alla produzione di mielina. Questo ci fa pensare che le guaine mieliniche siano principalmente prodotte mentre dormiamo.

Al contrario, i geni attivi durante lo stato di veglia erano quelli che avevano a che fare con lo stress e la morte cellulare. Vedi morte cellulare programmata (link in inglese) e apoptosi .

Inoltre, si osserva anche che il doppio delle cellule progenitrici di oligodendrociti viene creato durante il sonno rispetto alla veglia. Le cellule che in seguito diventeranno oligodendrociti si riproducono principalmente durante la fase di sonno REM, che è quando di solito sogniamo. Alcune ore di sonno servono ad aumentare il numero di cellule precursori ( cellule progenitrici , link in inglese). Finora si era pensato che fosse un processo molto più lungo.

Era noto che l'attività dei neuroni è cambiata durante le fasi sonno-veglia. Ora è anche noto che il modo in cui funzionano i linfociti nel sistema nervoso varia nel corso di queste fasi.

Il dottor Cirelli ha anche scoperto che la privazione del sonno influenza anche la sclerosi multipla ( SM , chiamata anche sclerosi a placche) e può peggiorare la situazione. Nel caso della SM, il sistema immunitario stesso distrugge le guaine mieliniche dei neuroni nel cervello e nel midollo spinale. Questo produce diversi disturbi neurologici. Non è ancora noto con certezza se esiste una relazione tra il sonno e l'intensità della malattia nel caso di pazienti con SM.

Sarebbe interessante sapere se la promozione delle malattie (traffico di malattie ) toglie il sonno a qualcuno. In tal caso ci troveremmo di fronte a un circolo vizioso che, in ogni caso, toglierebbe ore di sonno.


Commenta (come ospite) oppure accedi
List Commenti Stampa
Tag Cloud
 che   sonno   del   della   una   Per   Non   nel   durante   con   anche   sono   Questo   più   morte   cervello   solo   dormire   cui   cellule   sogno   gli   ore   geni   disturbi   essere   tra   dei   quando   nei