Fondazione Dieta & Salute

La miglior prospettiva per la tua salute

La miglior prospettiva per la tua salute

La miglior prospettiva per la tua salute

La miglior prospettiva per la tua salute

Questa pagina è stata tradotta tramite Google Translator

Il significato della vita, delle scienze naturali e della fe

List Commenti Stampa

Uno scienziato (biochimico e professore universitario emerito) ci offre la sua visione sull'essenza della vita e del mondo dopo il Big Bang.

© CC0, wjgomes, Pixabay La conoscenza delle scienze naturali può aiutarci in questa ricerca. La nostra vita ha un significato? Come trovarlo E le scienze naturali possono mostrarci la strada lungo la ricerca?

La ricerca del significato della nostra vita è la ricerca della nostra dignità.

1. Senso, fede e scienza

Duemila anni fa stavamo ancora cercando di spiegare l' esistenza di Dio attraverso la scienza e con essa il significato della vita umana. Quattro secoli e mezzo fa abbiamo considerato la Terra come il centro dell'universo . Duecento anni fa molte persone credevano che la natura , e con essa l' umanità , tendesse all'obiettivo della massima perfezione .

Tutto ciò era considerato la prova della mano creativa di Dio, che aveva scelto noi, esseri umani, come la corona della creazione (link in tedesco). Le radici della fede e della religione sono tuttavia ancora più profonde.

Oggi è rimasto poco di tutto ciò. Abbiamo riconosciuto che non saremo mai in grado di provare scientificamente l'esistenza di Dio, anche se alcune delle persone più intellettualmente privilegiate della storia ci hanno provato. Gli astronomi del Rinascimento hanno dimostrato che il nostro pianeta è solo un oggetto astronomico senza importanza tra gli altri miliardi.

Nel 1858 Charles Darwin affermò che l'evoluzione è un processo cieco, in cui nuove specie derivano da quelle esistenti attraverso una serie di variazioni che si verificano in modo casuale e sono selezionate in base alle condizioni ambientali ( evoluzione ).

Lo sviluppo della vita cessò di essere la prova dell'esistenza di un regno di Dio che garantiva scopo e significato all'evoluzione biologica.

Circa 80 anni fa, gli astronomi conclusero che il nostro universo emerse circa 14 miliardi di anni fa, dall'esplosione di un punto di energia infinitamente piccolo, quello che viene chiamato Big Bang , e che è in continua espansione. Questa scoperta ha definitivamente confermato la tesi secondo cui il destino del mondo è determinato dalle leggi inesorabili della fisica e della chimica . Vedi in questo senso i concetti di olismo e organicismo (link in inglese).

© Public Domain, Henry Courtney Selous, Wikipedia
Amleto con il teschio di Yorick, alla ricerca del significato della vita. Fonte: Wikipedia in "Il senso della vita", Henry Courtney Selous (1803-1890).

Questa nuova immagine del mondo (link in tedesco) ha degradato l'essere umano in un piccolo e instabile pezzo di materia in un universo chimico primitivo. Dava l'impressione che le scienze naturali avessero portato via la nostra dignità e i nostri sogni, e in cambio ci avevano lasciato solo i fatti .

Tuttavia, le scienze naturali ci hanno regalato nuovi sogni di straordinaria bellezza e drammaticità.

Nulla ha rivelato l' unicità e la dignità di ogni essere umano meglio della biologia moderna.

L'immagine del mondo del 21 ° secolo dal punto di vista delle scienze naturali ci mostra un universo pieno di incognite, in cui la materia con la vita rappresenta un'eccezione incredibile e preziosa. Vedi anche il concetto di scienze della vita .

La persona che cerca di provare o confutare l'esistenza di Dio attraverso argomenti scientifici lo fa con un pensiero tanto irrazionale quanto quello che rifiuta le scoperte scientifiche per motivi di fede religiosa. Gli esseri umani hanno bisogno sia di credenze che di pensiero razionale , ed è proprio qui che risiede il nostro genio .

Tuttavia, li mescoliamo molto spesso e questa è la nostra maledizione. Vedi anche lo sviluppo di sé (link in inglese) e psicologia dello sviluppo .

Il significato della vita che si sceglie personalmente, anche ciò che è ispirato da credenze religiose, non dovrebbe contraddire la conoscenza delle scienze naturali ( esistenza di Dio ). Chi si sente come l'unica corona della creazione (link in tedesco) e crede di poter agire a proprio piacimento con il resto degli esseri viventi non dà un significato alla sua vita ma un'assurdità. Come per quelli che adattano i loro pensieri e le loro azioni in base al loro oroscopo . Vedi a questo proposito l' effetto Forer .

2. L'universo, la Terra e la vita

Il nostro universo è emerso 14.000 milioni di anni fa da un'esplosione inconcepibilmente potente da un piccolo punto di energia. Fu un'esplosione di energia elettromagnetica, cioè di luce. L'universo iniziò la sua espansione e con esso una parte dell'energia della luce si condensò nella materia . La materia si è gradualmente raffreddata e ha provocato la formazione di atomi . Erano atomi di idrogeno , gli atomi più semplici e più piccoli. A causa della crescente conversione della luce in materia, l'universo si oscurò.

L'accumulo di gigantesche nuvole di idrogeno, sotto la pressione della propria forza gravitazionale , ha prodotto un riscaldamento così estremo che gli atomi di idrogeno hanno iniziato a fondersi come enormi bombe atomiche a idrogeno e rilasciare enormi volumi di energia. Il fuoco nucleare delle stelle che sono tornate per dare luce all'universo era appena stato acceso. I primi soli brillarono fino all'esaurimento dei loro combustibili nucleari. Vedi a questo proposito la formazione stellare e le galassie .

Dopo la sua estinzione, alcuni gettarono le loro ceneri nel cosmo, altri esplose e forgiarono atomi pesanti, come rame, oro e uranio , elementi che prima non esistevano. Le ceneri delle stelle si densificarono a loro volta e formarono nuvole che, nel loro processo di riscaldamento, causarono di nuovo un incendio nucleare.

Il nostro sole è una di quelle stelle di ultima generazione. Durante la sua formazione da una nuvola di gas, circa 4,5 miliardi di anni fa, perse i suoi strati esterni dando origine a pianeti , compresa la nostra Terra .

Nelle sue origini, la Terra era, come tutti i pianeti del nostro sistema solare, una sfera incandescente. Quando si è raffreddato abbastanza da poter formare una solida crosta sulla sua superficie, un'enorme meteora o un pianeta perduto, si è scontrato con la Terra, trasformandola in una palla di fuoco liquido e generando la Luna attuale all'impatto. .

Ci sono voluti circa 100 milioni di anni perché la calma tornasse su questo pianeta maltrattato e la vita emergesse.

© Public Domain, ESA/Hubble & NASA, Wikipedia
La galassia di Andromeda è la galassia a spirale più vicina alla Via Lattea.

Non sapremo mai con certezza come è nato. La vita terrestre potrebbe nascere, come in parte nel caso dell'acqua , da comete , asteroidi ( protopianeti ) e oggetti transnettuniani che contenevano grandi volumi d'acqua. È anche possibile che sia stato generato nell'interno caldo di crateri da impatto o vulcani che servivano da storte chimiche per la natura.

CLICK FOR: In queste storte si formarono molte delle molecole complesse caratteristiche delle cellule viventi

In queste repliche si sono formate molte delle molecole complesse caratteristiche delle cellule viventi (vedi essere vivi ): aminoacidi , che sono gli elementi costitutivi delle nostre proteine ; lipidi , con i quali si formano le membrane cellulari ; così come i quattro componenti di base del DNA , la nostra essenza genetica, a cui farò riferimento di seguito.

Le molecole formavano composti sempre più complessi fino a quando uno di loro riuscì a riprodurre, registrare la loro composizione e il funzionamento nei geni e svilupparsi in nuove forme di vita più avanzate. Una generazione spontanea di vita è qualcosa di infinitamente improbabile, ma poiché la natura aveva centinaia di milioni di anni per compiere infiniti tentativi, alla fine ha reso possibile la vita.

Per accendere la scintilla della vita era necessario solo un processo di successo tra migliaia e miliardi di esperimenti. Noi esseri umani rappresentiamo solo un piccolo e recente ramo di questo albero della vita miracoloso.

Questo indica l'insignificanza degli esseri umani? Assolutamente no!

La biologia moderna ci ha insegnato che noi esseri umani siamo la forma più complessa di materia tra tutte quelle che abbiamo scoperto fino ad oggi nell'universo.

La complessità di un oggetto definisce la misura del volume di informazioni necessario per descriverlo in modo completo.

Se dovessi descrivere la composizione di un minerale semplice da un punto di vista chimico, probabilmente una pagina sarebbe sufficiente. Se dovessi farlo come un essere umano - nel caso in cui ciò fosse possibile per me - avrei bisogno di uno spazio moltiplicato per milioni. L'enorme volume di informazioni necessarie per descrivere il corpo di un essere umano è scritto nel materiale genetico , nel cosiddetto DNA.

CLICK FOR: DNA e le nostre informazioni genetiche

Potresti sapere che il DNA è formato da macromolecole sotto forma di fili, in cui quattro composti chimici in un ordine in continua evoluzione sono infilati come perle in una collana. Questi quattro componenti, noti con le loro quattro iniziali, sono strutturati in un ordine che diventa una scrittura chimica. La scrittura indica quali proteine il nostro corpo dovrebbe sintetizzare e in quale momento, nonché dove dovrebbe essere depositato.

Le nostre informazioni genetiche contengono 6'400 milioni di queste quattro lettere chimiche che se stampate diventerebbero una fila di libri di oltre 100 metri di lunghezza.

Se potessimo unire tutti i filamenti di DNA di tutti i viventi in un unico filo, questo sarebbe venti volte più lungo della distanza tra la Terra e la Luna.

Noi esseri umani apparteniamo all'alta ed esclusiva aristocrazia della materia più complessa, che non solo percepisce e riflette su ciò che la circonda, ma è anche in grado di pensare a se stessa.

3. Genetica ed epigenetica

Ma fino a che punto siamo indipendenti nel nostro modo di pensare? Quanto è ampia la nostra autonomia ? Fino a poco tempo fa si pensava che ognuno di noi non fosse altro che macchine biochimiche rigorosamente dirette dai geni. Ciò implicherebbe che i geni ereditati dai nostri genitori (in effetti, dai nostri antenati ) determinano il modo in cui agiamo e pensiamo dalla nascita alla morte. È un'idea oppressiva che ci nega il libero arbitrio e la responsabilità etica.

D'altra parte, la nuova conoscenza dei biologi mostra che i nostri geni non sono libri pieni di norme implacabili, ma che possiamo modificare alcuni di questi geni durante il tempo della nostra vita: attraverso il nostro stile di vita , attraverso le nostre abitudini alimentari e attraverso la scelta delle persone con cui interagiamo .

I cambiamenti che si verificano nella nostra eredità genetica nel corso della vita sono chiamati cambiamenti " epigenetici ".

© Public Domain, NIH; USA
Meccanismo epigenetico Wikipedia in inglese in "Epigenetics", NIH, USA, dominio pubblico.

Vorrei spiegare la differenza tra una mutazione e una modifica epigenetica usando un esempio.

Le mutazioni classiche cambiano l'ordine delle quattro lettere dei filamenti di DNA; Tuttavia, le modifiche epigenetiche cambiano solo le lettere individualmente.

Se usiamo per le quattro lettere corrispondenti ai geni, le quattro lettere del nostro alfabeto A, B, C e H, e le combiniamo con il significato, otteniamo la parola "bach" (che in tedesco significa flusso). Una mutazione può metterli in un ordine insignificante come "bbch" o "aach". Una modifica epigenetica trasformerebbe la parola "bach" in "bäch", ovvero la lettera A non viene rimossa o spostata ma trasformata in un Ä (una vocale modificata usata nell'alfabeto tedesco).

Quando lo stesso accade con le informazioni ereditarie contenute in un ovulo o in uno sperma , le modificazioni epigenetiche possono essere trasmesse alle generazioni successive.

Il biologo francese Jean-Baptiste Lamarck ha formulato la teoria, più di 200 anni fa, che possiamo trasmettere ai nostri discendenti alcune delle caratteristiche che acquisiamo durante la nostra vita.

Il trionfo della teoria dell'evoluzione di Charles Darwin , che si basa sulla variazione accidentale e sulla selezione deterministica, relegò le idee di Lamarck a lungo sullo sfondo. Oggi sappiamo che entrambi gli scienziati avevano ragione. Ma la natura non si preoccupa affatto delle teorie dei saggi, ma sfrutta ciascuno dei modi possibili per far sì che gli esseri viventi si adattino al loro ambiente.

Un mouse a cui viene applicata una piccola scossa elettrica reagisce con un inizio. Se insieme al download, il mouse odora un certo aroma, inizia anche. Dopo una serie di ripetizioni, il topo reagirà semplicemente alla sostanza aromatica e trasmetterà la sua reazione di paura ai suoi discendenti che non hanno mai sentito l'odore di detto aroma o hanno subito scosse elettriche.

© CC-by-sa 2.0, neurollero, Wikipedia
Assoni e dendriti sono "ricercati e trovati" nel processo evolutivo. Il dettaglio non è memorizzato nel genoma. Corteccia di topo

Vedi in questo senso il comportamento di evitamento .

La reazione di paura è anche ereditata dalla prole delle madri portatrici o dalla prole ottenuta dalla fecondazione in vitro .

È una trasmissione epigenetica ereditaria che modifica i geni responsabili del riconoscimento degli odori.

Pertanto, la paura acquisita contro una certa sostanza aromatica è ereditaria ed è così efficace che non può essere una mutazione classica perché si verificano molto raramente. Tuttavia, il materiale genetico (DNA) partecipa a questo processo perché i geni che vengono modificati epigeneticamente e che trasmettono le reazioni della paura sono responsabili del riconoscimento degli odori.

Sebbene queste scoperte siano state dimostrate solo negli animali, è molto probabile che siano rilevanti anche per l'uomo. Ci sono molti indicatori che indicano che la malnutrizione ( fame ) e altri stati dannosi che colpiscono i genitori possono influenzare il comportamento e la salute fisica dei bambini e dei nipoti. Anche quando i discendenti non soffrono la fame o nessuno degli stati dannosi sostenuti dai loro genitori. Guarda gli effetti della carestia olandese del 1944 e questo articolo in tedesco.

Un buon assistente sociale sa che la tossicodipendenza , la depressione e la predisposizione alla violenza formano uno sfortunato circolo vizioso che si estende nei grandi ghetti di questo mondo e che tiene rinchiuse una generazione dopo l'altra.

4. Responsabilità e unicità

Che cosa hanno a che fare queste scoperte con la ricerca del significato della vita?

Molto, perché significano che ognuno di noi è in parte responsabile dei propri geni. E ancora di più, perché siamo anche parzialmente corresponsabili dei geni delle persone con cui interagiamo, in particolare quando dipendono da noi.

E se influenziamo l'eredità genetica di queste persone, potremmo anche modificare l'eredità dei loro figli e nipoti.

© Public Domain, LadyofHats, Wikipedia
Neuroni. Ultrastruttura. Parti di un neurone. Wikipedia LadyofHats e Josell7.

Niente ci mostra in modo più evidente quanto strettamente siamo collegati l'uno all'altro nella rete della vita e quanto possiamo contribuire, che contribuiscono a rendere quella rete più umana. Quando iniziamo a vivere, ciò che ci rende umani sono proprio le interazioni sociali con il nostro ambiente.

I nostri geni determinano i limiti di ciò che possiamo diventare, ma il nostro ambiente e noi stessi decidiamo cosa siamo veramente.

Per ogni persona giudiziosa, questa conoscenza biologica è un invito per noi a imparare a prenderci cura di noi stessi e ad impegnarci per il benessere delle persone che ci circondano. È una sfida che costituisce una parte importante del mio senso della vita .

Il nostro cervello ha circa 100.000 milioni di neuroni e ognuno di essi si collega con centinaia e persino migliaia di neuroni diversi. Ciò consente infinite combinazioni che si formano principalmente durante il nostro processo di maturazione prima di raggiungere l' età adulta .

Il numero di combinazioni supera di gran lunga il numero totale di tutti gli esseri umani che sono esistiti dall'inizio. Ecco perché possiamo dire che ogni persona è unica, sia nel modo di pensare che di sentire.

Questa individualità si applica anche nei casi di gemelli monozigoti, che possiedono essenzialmente gli stessi geni. L'unicità di ogni essere umano è ciò che assomiglia di più a ciò che chiamiamo anima , che comprende anche coscienza e autostima .

5. Perché moriamo?

La complessità del nostro corpo ci rende esseri effimeri. Il corpo consuma grandi quantità di energia per mantenere correttamente l'ordine della sua struttura. Tuttavia, finisce sempre per sconfiggere la legge fisica che afferma che il mondo è inevitabilmente diretto al caos.

I nostri geni non funzionano abbastanza precisamente per garantire il funzionamento della complessa interazione cellulare del nostro corpo nel corso di decenni.

Vedi in questo senso la biologia dello sviluppo . La conseguenza è l'invecchiamento e lo sviluppo di malattie man mano che invecchiamo, in particolare il cancro . A tutto ciò dobbiamo aggiungere che gli elementi costitutivi del nostro corpo non sono concepiti in modo ottimale per l'attuale atmosfera terrestre . La vita è nata dopo tutto in un momento in cui l'atmosfera non conteneva ossigeno ed è per questo che i primi esseri viventi hanno usato senza rischi alcuni composti sensibili a quel gas.

Quando alcuni di questi esseri in seguito iniziarono a nutrirsi attraverso la luce del sole, rilasciarono ossigeno dall'acqua dell'oceano come sottoprodotto. L'ossigeno è un gas altamente corrosivo che danneggia molti dei composti del nostro corpo attraverso l' ossidazione . Questo processo influenza fondamentalmente la retina degli occhi e del cervello, il che spiega perché questi tessuti del nostro corpo sono molto colpiti nella vecchiaia.

© CC-by-sa 4.0, Panos84, Wikipedia
Speranza di vita in anni secondo i paesi. Fonte: Wikipedia

Non sappiamo per quanti anni un essere umano possa vivere, ma presumiamo che il limite massimo dell'aspettativa di vita sia di circa 120 anni. Potrebbe essere il significato della nostra vita estendere la soglia massima dell'aspettativa di vita con tutti i mezzi alla nostra portata? In Svizzera, come in altri paesi, esistono associazioni per questo scopo e sostengono anche che la persona che vivrà diverse centinaia di anni è già nata.

Non riesco a capire che questo desiderio abbia un senso, vedo solo le tue assurdità .

  • In primo luogo, mi sembra che nello stato attuale della scienza sia impossibile fermarsi all'unisono ciascuno dei diversi orologi che regolano la vita nel nostro corpo.
  • In secondo luogo, il nostro obiettivo non dovrebbe essere quello di vivere il più a lungo possibile, ma di morire il più sano possibile.
  • E in terzo luogo, la vita è proprio così preziosa perché è finita. Chi non è in grado di accettarlo avrà difficoltà ad essere felice.

6. La grande domanda e l'umiltà

Ogni persona che cerca il significato della propria vita deve presumere che l'origine dell'universo rappresenti una grande domanda che sfugge alle possibilità degli studi scientifici. Chiunque capisca l'universo come una creazione di Dio ha già dato la propria risposta a quel problema. Come ho detto prima, queste credenze meritano tutto il mio rispetto .

Nel mio caso personale, mi basta sapere che nelle origini c'è solo una grande domanda. Mi ricorda che l'età del nostro cervello umano raggiunge solo circa 100.000 anni e che probabilmente non sono riuscito a capire la risposta a questa domanda.

Come biologo , sono consapevole che non possiamo nemmeno immaginare le principali domande su di noi e sul mondo.

E anche se fossimo in grado di rispondere a questa domanda, la scienza ci insegna che ogni risposta porta solo a una nuova domanda. Le scienze della natura ci insegnano l' umiltà . E l'umiltà è necessaria per garantire un significato dignitoso alle nostre stesse vite.

CLICK FOR: Prima del Big Bang abbiamo trovato un punto interrogativo a cui la scienza non può rispondere

Chiunque veda dopo questa domanda un creatore divino ha già la sua risposta personale. L'interrogatorio è abbastanza per me. Con ogni probabilità non sarei in grado di capire la risposta e, se la capissi, la scienza mi ha insegnato che dopo una domanda a cui si pone una nuova domanda sorge sempre. La scienza promuove l'umiltà. E anche questo fa parte del mio senso della vita.

La nostra posizione privilegiata come materia altamente ordinata in un universo prevalentemente primitivo, l'unicità di ogni essere umano, nonché il fatto che non siamo schiavi dei nostri geni, ma che possiamo influenzarli parzialmente, costituiscono una base utile per determinare la nostra ricerca di significato vitale.

La scienza si occupa principalmente dell'ignoto o, in altre parole, dei sogni. Nulla lo conferma meglio delle seguenti parole pronunciate dall'astronomo e pensatore russo George Gamow con cui descrive il posto privilegiato che gli esseri umani occupano nell'universo.

"L'universo ha impiegato meno di un'ora per formare gli atomi. Ci sono volute alcune centinaia di milioni di anni per creare stelle e pianeti. Ma ci sono voluti 14'000 milioni di anni per dare origine all'essere umano".

CLICK FOR: redazione

Il 20 dicembre 2014, questo articolo è stato pubblicato nella sua versione ridotta sul quotidiano Neue Zürcher Zeitung ( NZZ ; link in inglese) (nº 296, pagina 57) nella sezione " Letteratura e arte" , sotto il titolo " Big Bang, polvere di stelle e domande " (nell'originale in tedesco:" Urknall, Sternenasche und ein Fragezeichen ").

Wiley-VCH Verlag ha pubblicato i seguenti libri di Gottfried Schatz :

  • " Jenseits der Gene " ( Beyond geni ) - test sul nostro essere, sul nostro mondo e sui nostri sogni -,
  • " Zaubergarten Biologie " ( Il giardino magico della biologia ) - come le scoperte biologiche hanno segnato la nostra concezione dell'umanità -
  • e " Feuersucher " ( The Fire Seekers ) - a caccia del segreto dell'energia vitale.

Il dott. Gottfried Schatz , nato nel 1936, è biochimico e professore emerito all'Università di Basilea.

Su Wikipedia in tedesco possiamo leggere quanto segue: Gottfried Schatz ha partecipato alla testa di studi di ricerca sulla formazione mitocondriale ed è un co-scopritore del genoma mitocondriale . La sua scoperta ha dimostrato che questo DNA codifica solo poche proteine ed è stato essenziale per le sue successive ricerche sul trasporto di proteine nei mitocondri e il loro degrado all'interno.

Schatz ha scoperto un complesso sistema di trasporto che riconosce le proteine mitocondriali prodotte nel citoplasma da determinati segnali e le introduce nei mitocondri. Questo sistema contiene due complessi proteici, TOM e TIM, che si trovano rispettivamente nella membrana esterna e interna dei mitocondri. Le mutazioni in questi complessi possono compromettere il trasporto di proteine e causare malattie come la sindrome neurodegenerativa di Mohr-Tranebjaerg , che porta alla sordità .

Schatz ha inoltre dimostrato che la proteasi Lon controlla il volume di proteine nei mitocondri e mantiene il corretto funzionamento del genoma mitocondriale. Il biochimico Schatz è autore di oltre 200 pubblicazioni scientifiche, 3 volumi di saggi, un'autobiografia e un romanzo .

Circa 30 importanti distinzioni sono menzionate su Wikipedia , tra cui due dottorati onorari, assegnati a Gottfried Schatz (link in inglese).


Commenta (come ospite) oppure accedi
List Commenti Stampa
Tag Cloud
 che   della   vita   una   per   del   non   nostro   con   come   sono   Questo   delle   più   anche   nel   nostra   anni   cui   dei   geni   essere   gli   loro   esseri   significato   ciò   solo   noi   alla