Fondazione Dieta & Salute
La miglior prospettiva per la tua salute
La miglior prospettiva per la tua salute
La miglior prospettiva per la tua salute
La miglior prospettiva per la tua salute
Questa pagina è stata tradotta tramite Google Translator

Biscotto (non vegano)

Ci sono molte differenze tra biscotti vegani e non vegani. Questo articolo discute il biscotto "normale", che contiene uova e latticini. Vedi testo

I biscotti Provengono originariamente dalla regione storica della Prussia orientale. Poco dopo fu introdotto in Russia, da dove fu portato in Nord America durante la Rivoluzione Russa. Esistono attualmente molti tipi di biscotti e, a causa della sua digeribilità, è un alimento che è spesso raccomandato nei pazienti con problemi di stomaco. Il nome è dovuto al metodo di produzione ( biscotti in italiano significa letteralmente "cotto due volte").

Informazioni generali:

Dall'articolo di Wikipedia in spagnolo: «Il biscotto (dalla biscotta francese e questo dalla fetta biscottata italiana, plurale Fette biscottate, letteralmente 'cotto due volte') è un pane croccante, a volte dolcificato, che viene cotto due volte, tagliandolo a fette prima del secondo ».

produzione:

“L'attuale biscotto è quasi sempre prodotto industrialmente, quindi contiene ingredienti aggiunti che il suo antenato fatto a mano, i biscotti italiani, non ha bisogno.

La ricetta del biscotto più comune utilizza farina molto fine (è il suo ingrediente principale, assumendo fino al 97% del prodotto finale), acqua, zucchero, grasso vegetale, latte scremato, lievito e sale. Una volta miscelato, si ottiene un impasto che viene diviso in pezzi e lasciato riposare in una stanza di essiccazione. Vengono quindi impastati e modellati, introducendoli in uno stampo con coperchio, dove avviene una seconda fermentazione. Dopo la cottura, ottieni una specie di pane che viene lasciato riposare 24 ore. Ciò consente una distribuzione uniforme dell'umidità. Successivamente viene tagliato a fette, che viene cotto una seconda volta. I biscotti così ottenuti contengono pochissima acqua, il che li rende croccanti e conferisce loro una lunga conservabilità ».

Avviso relativo all'imballaggio:

“In generale, il biscotto ha una durata piuttosto lunga. Tuttavia, è incline ad assorbire l'umidità, causando la perdita del suo punto di scricchiolio e il suo deterioramento. Inoltre, c'è il rischio che il grasso del biscotto diventi rancido per via aerea e leggera. Pertanto, l'imballaggio deve essere impermeabile e opaco * » .

varianti:

  • “In Sudafrica e nel Regno Unito esiste un tipo di biscotto chiamato fette biscottate che a volte viene dato ai bambini durante la dentizione.
  • Nei Paesi Bassi ci sono biscotti chiamati beschuit che sono leggeri, rotondi e piuttosto fragili. Di solito vengono utilizzati per preparare Beschuit Met Muisjes e vengono anche portati a colazione.
  • In Svezia ci sono skorpor, che possono essere conditi con erbe, frutta secca, noci o spezie come anice o cardamomo. La panetteria svedese Pågen produce uno dei marchi più venduti, Krisprolls.
  • In Grecia si chiama paximadi (παξιμάδι) per diversi tipi di biscotti, di solito fatti con farina d'orzo o piselli, che vengono ammorbiditi con vino, acqua o olio prima di mangiarli. Il paximadi costituisce la base dell'antipasto dakos cretese (ντάκος) ».

Nota * = Traduzione dell'articolo di Wikipedia in tedesco.